Metastasi cutanee

Teratoma

In ulteriori articoli sul sito, vengono considerate le manifestazioni metastatiche della pelle del melanoma. Le metastasi cutanee sono una lesione cutanea di un tumore maligno a seguito dell'introduzione delle sue cellule dal focus primario, che può essere localizzato sulla pelle e sulle mucose, nonché in alcuni organi interni. È importante conoscere i sintomi delle metastasi cutanee del melanoma, che possono essere rilevate prima della diagnosi di un tumore maligno primario degli organi interni. Le metastasi cutanee possono essere i primi segni clinici di una malattia a cui un medico presta attenzione..

Di grande importanza è la conoscenza dei segni istologici della lesione cutanea metastatica del melanoma. Le metastasi cutanee nel melanoma hanno un tipico quadro clinico e istologico, che consente una diagnosi inconfondibile. Attualmente, per la diagnosi finale delle lesioni cutanee metastatiche utilizzando il metodo di ricerca immunoistochimica. Trattamento palliativo delle metastasi cutanee del melanoma.

La terapia consiste nel rimuovere radicalmente il tumore primario, se non è stato fatto prima, e nel sopprimerne la crescita. L'obiettivo del trattamento è fornire al paziente una qualità di vita accettabile. A volte, per motivi igienici, alcune formazioni tumorali grandi e ulcerate possono essere rimosse chirurgicamente. Con metastasi superficiali, vengono eseguite radiazioni o chemioterapia. La scelta del regime di trattamento dipende dalla prevalenza del tumore primario e delle metastasi. Tuttavia, in ogni caso, in presenza di metastasi cutanee, la prognosi è scarsa.

Definizione Tumori della pelle maligni che si verificano quando le cellule tumorali dal melanoma primario entrano nella pelle.

Frequenza. Nelle donne, tra tutti i tumori della pelle metastatici, le metastasi cutanee di melanoma si verificano nel 5% dei casi e occupano il terzo posto in frequenza dopo il cancro al seno (69%) e il colon (9%). Negli uomini, le metastasi si verificano nel 13% dei casi, occupando anche il terzo posto dopo il cancro ai polmoni (24%) e il colon (19%). Nel NKGG intitolato a N.N. Burdenko in un periodo di follow-up di 10 anni ha determinato che le lesioni cutanee più spesso metastatiche sono state osservate con tre neoplasie maligne: carcinoma mammario (42,2%), melanoma (30,9%), carcinoma polmonare (10,8%).

Con i melanomi, vengono rilevate lesioni cutanee metastatiche nell'11,9-15,3% dei casi. Quando si verificano metastasi cutanee, il tumore primario viene determinato sulla pelle (85,4-91,3%), nell'occhio (1,4-5,3%), in altre aree e organi (1,6%) e in 7,2 - 9,5% dei casi, la fonte primaria di melanoma non viene rilevata. Le metastasi cutanee di solito compaiono nei primi 2 anni dopo il trattamento del melanoma (81,1% dei casi). A volte si verificano in termini insolitamente tardi - tra 5 e 14 anni.

a - Metastasi di melanoma e linfonodi ascellari allargati nella regione ascellare di un paziente di 57 anni.
b - Metastasi del melanoma nella regione pubica a destra nello stesso paziente.
c - Metastasi di melanoma nella regione dei glutei nello stesso paziente.
g - Metastasi del melanoma nella regione temporale nello stesso paziente.

Le metastasi cutanee sono osservate più spesso con localizzazione tumorale primaria negli arti inferiori e nel tronco.

Vie di diffusione delle metastasi cutanee. Le metastasi cutanee si verificano attraverso le vie linfatiche ed ematogene. Se il tumore primario si trova nella pelle, metastatizza, di regola, per via linfogena. Le metastasi cutanee di solito compaiono da un tumore maligno primario nelle vicinanze. Le metastasi regionali si diffondono in modo linfatico, distanti - ematogene.

La comparsa di metastasi senza danni al sistema linfatico è piuttosto rara (8-10%). Con metastasi ematogene, i polmoni sono colpiti nel 20,2% dei pazienti, la pelle nel 12,55% e il cervello nell'1,5%. Un esempio di una combinazione di diverse vie di diffusione del melanoma con danno a varie regioni e organi anatomici (incluso il cervello) è la seguente osservazione clinica.

All'età di 54 anni, si è verificato il melanoma della pelle sulla spalla sinistra. Un anno dopo, è stato rimosso, stadio IIA, pT3a, N0, M. Trattamento - dacarbazina 400 mg iv al giorno per 5 giorni, 4 settimane di riposo (3 portate in totale); inoltre, reaferon di 9 milioni di ME s / c al giorno per 5 giorni (di seguito gli a-interferoni non sono stati utilizzati a causa della scarsa tolleranza del paziente). Un anno dopo la rimozione del melanoma, è stato diagnosticato il cancro alla tiroide, un trattamento chirurgico e, dopo altri 6 mesi, metastasi del melanoma nella pelle della regione ascellare sinistra. L'escissione non è stata eseguita, poiché c'era una patologia concomitante grave (diabete insulino-dipendente, ecc.).

Abbiamo eseguito 3 cicli di dacarbazina nella dose precedente. Dopo 3 anni, il tumore e i linfonodi ascellari ingrossati in quest'area sono stati eliminati, poiché un tale conglomerato era grande e interferiva con il funzionamento dell'arto sinistro. Allo stesso tempo, sono stati trovati tumori pigmentati nell'area pubica a destra, glutei a sinistra, tempia a sinistra e guancia destra. Inoltre, sono stati osservati un gran numero di tumori sottocutanei e un aumento dei linfonodi periferici (sopraclaveari, inguinali, ecc.). Dopo 2 mesi, è stato ricoverato in ospedale nel dipartimento neurologico con una diagnosi di ictus, sono state rilevate metastasi cerebrali, attualmente utilizza costantemente desametasone 8 mg IM una volta al giorno.

La formazione di metastasi comporta diversi stadi: invasione di un tumore nella parete di un vaso sanguigno o linfatico, separazione delle cellule tumorali dal tumore primario, loro penetrazione nel lume della nave, trasferimento con flusso sanguigno o linfatico, attaccamento delle cellule tumorali alla parete del vaso, uscita dalla nave, impianto e proliferazione in un nuovo posto. Allo stesso tempo, fattori come un aumento della temperatura corporea del paziente, lesioni meccaniche o lesioni cutanee con herpes, esposizione alle radiazioni sulla pelle, possono svolgere un ruolo ausiliario nello sviluppo di metastasi.

a - Metastasi di melanoma nella regione delle guance dello stesso paziente, 57 anni.
b - Lesione metastatica dei linfonodi sopraclaveari sottocutanei nello stesso paziente, 57 anni.

Età e sesso. L'età media per la comparsa di metastasi cutanee nei melanomi è di 58,7 anni.

Elementi di un'eruzione cutanea. Le metastasi cutanee possono essere singole o multiple, situate vicino al fuoco primario o lontano da esso, possono essere disperse o talvolta quasi confluenti. Il loro colore, dimensione e consistenza sono diversi a seconda della forma e del percorso di distribuzione.

Localizzazione. Le metastasi cutanee si trovano in varie parti della pelle. La localizzazione preferita è il tronco (57,0%), meno spesso gli arti inferiori (21,5%), la testa (8,9%), il collo (6,3%) e gli arti superiori (5,1%). Nell'1,3% dei casi, ci sono lesioni cutanee metastatiche comuni in varie parti della pelle.

Istologia. Il quadro istologico delle metastasi cutanee differisce dal melanoma primario in assenza di attività nell'area della connessione dell'epidermide con il derma. Non mostrano mai infiltrati infiammatori. È possibile un'errata valutazione morfologica delle metastasi cutanee da un obiettivo primario non rilevato come metastasi di un tumore neuroendocrino o di un carcinoma a cellule chiare. Successivamente si sono rivelati rappresentanti del melanoma non rilevato..

Il corso e le previsioni. Le metastasi cutanee vengono diagnosticate in varie fasi del processo tumorale. Con il melanoma in stadio iniziale I, le metastasi sono rilevate nel processo di progressione della malattia nel 18,8-22,8% dei pazienti, dall'II - nel 20,9-23,2%, dall'III - nel 36,2-36,7%, con IV 19,6-21,7%. Un processo metastatico della pelle si sviluppa, di regola, gradualmente. Il maggior numero di pazienti muore nei primi 2 anni dopo la comparsa di metastasi nella pelle, a volte i pazienti (3,6% dei casi) vivono più di 5 anni. I pazienti con metastasi ematogene di solito muoiono rapidamente..

Il periodo diagnostico (in mesi) dal momento della verifica del melanoma alla comparsa di metastasi nella pelle è: nella fase iniziale I - 53,6 ± 31,7 mesi, a II - 18,5 + 9,7, a III - 15,1 + 10 3, in IV-11.1 + 8.6. L'aspettativa di vita media nei pazienti con metastasi cutanee è di 14,0 + 8,7 mesi dall'apparizione delle metastasi nella pelle e 27,4 ± 17,1 mesi dal momento della diagnosi. 10-12 mesi dopo la comparsa di metastasi cutanee nei pazienti, si nota un tasso di mortalità del 25%. Nel 12,4–56,5% dei casi, i pazienti con metastasi cutanee rischiano di vivere 5 anni dal momento della diagnosi..

L'aspettativa di vita media nei pazienti senza metastasi cutanee dal momento della diagnosi è di 46,9 + 23,9 mesi (19,5 mesi in più rispetto alle metastasi sulla pelle). In questo gruppo senza metastasi cutanee, sono stati selezionati casi simili per genere, età e stadio della malattia.

a - Forma satellite di metastasi del melanoma in un paziente di 82 anni (piccole macchie e noduli di colore rosato o nero).
b - Melanoma cutaneo con satelliti intorno sotto forma di macchie e noduli.

Il trattamento è chirurgico palliativo, radiazioni. Con la forma satellite di metastasi cutanee, distruzione crio e laser, vengono utilizzate le PDT. La seguente osservazione clinica è un esempio dell'occorrenza e del trattamento..

All'età di 77 anni, un nodulo di colore marrone-nero apparve sulla superficie anteriore della parte inferiore della gamba. Dopo 3 anni, l'educazione è aumentata, con diagnosi di melanoma. L'escissione, dopo 10 mesi, è comparsa una forma satellite di metastasi sopra e intorno alla sutura chirurgica. L'escissione e la distruzione laser dei fuochi, dopo 2 mesi, ricadono di nuovo. PDT eseguita, nessuna ricaduta entro 2 mesi.

A seconda del quadro clinico delle metastasi cutanee e delle loro metastasi, si distinguono diverse forme: satellite, erisipela, tromboflebico e nodulare.

Metastasi del cancro

Cosa sono le metastasi?

Le metastasi tumorali sono focolai secondari che compaiono a una certa distanza dal tumore primario. Per ogni tipo di cancro, ci sono organi "preferiti" per la metastasi. Nella maggior parte dei casi, il fegato, i polmoni, il peritoneo, le ossa, le ghiandole surrenali sono interessati.

I concetti moderni dello sviluppo delle metastasi si basano sul fatto che le metastasi si sviluppano quasi immediatamente non appena appare il tumore maligno stesso. Le cellule separate che si sono staccate da esso penetrano dapprima nel lume di un vaso sanguigno (via di diffusione ematogena) o linfatica (via di diffusione linfatica), quindi vengono trasferite con un flusso sanguigno o linfatico, si fermano in un nuovo posto, escono dal vaso e crescono, formando metastasi. Inizialmente, questo processo è lento e impercettibile, poiché le cellule tumorali dal focus materno sopprimono l'attività dei fuochi secondari.

Dal momento in cui si verificano focolai secondari, il cancro si chiama metastatico. La diffusione delle cellule tumorali si chiama metastasi..

La capacità di metastatizzare è uno dei segni chiave dei tumori maligni, che li distingue dalle neoplasie benigne.

Cosa causa le metastasi?

Le singole cellule si separeranno dal tumore materno e formeranno metastasi? Le cellule tumorali si staccano e si staccano sempre. I fattori locali del sistema immunitario per molto tempo proteggono il corpo dalla rapida crescita delle cellule tumorali. L'unica domanda è la probabilità delle metastasi e dipende dal tipo di tumore, dal suo tasso di crescita, dal grado di differenziazione delle cellule (quanto differiscono dalla normale), dallo stadio in cui è stato diagnosticato il tumore e da altri fattori.

Una volta diffuse, le cellule tumorali possono rimanere inattive per lungo tempo, per un certo numero di anni o crescere molto lentamente. Non sono stati studiati gli esatti meccanismi per innescare la rapida crescita delle metastasi nel corpo..

Un altro fatto è importante: all'aumentare del numero di cellule nelle metastasi, iniziano a secernere sostanze speciali - fattori di crescita. Questi fattori di crescita stimolano la formazione della rete capillare, che fornisce alle cellule tumorali tutti i nutrienti a danno di altri tessuti del corpo..

Esistono diverse fasi della diffusione del cancro in tutto il corpo:

  1. Penetrazione delle cellule tumorali nel vaso sanguigno o linfatico più vicino;
  2. Diffondere con flusso sanguigno o linfatico in varie parti del corpo;
  3. Quindi la cellula cancerosa si ferma in uno dei piccoli vasi e penetra attraverso il suo muro nel tessuto;
  4. Per qualche tempo è inattivo o si moltiplica, ma molto lentamente;
  5. Crescita rapida, espansione della rete capillare.

Molte cellule tumorali muoiono in una di queste fasi. Coloro che sono riusciti a sopravvivere danno origine a metastasi.

Con quale probabilità si verificano metastasi??

Cosa determina il tasso di diffusione delle metastasi nel corpo?

Il tempo richiesto per la manifestazione clinica delle prime metastasi è in gran parte determinato dal tipo di tumore e dal grado di differenziazione dei suoi tessuti.

  • I tumori altamente differenziati, di norma, metastatizzano molto meno spesso e più tardi rispetto ai tumori a bassa differenziazione.
  • Nei tumori di basso grado, le cellule quasi perdono le loro normali caratteristiche tissutali. Questo tumore è più aggressivo.

A volte le metastasi compaiono molto rapidamente, dopo la comparsa del nodo tumorale primario. In molti pazienti, le metastasi vengono rilevate dopo 1-2 anni. A volte si trovano metastasi latenti o dormienti molti anni dopo la rimozione chirurgica del tumore.

La probabilità di metastasi può essere ridotta utilizzando vari metodi di trattamento:

  • Chemioterapia. Ad esempio, la chemioterapia adiuvante viene eseguita dopo l'intervento chirurgico e aiuta a distruggere le cellule tumorali che potrebbero essere rimaste nel corpo..
  • Radioterapia.

Possono verificarsi metastasi perché il medico ha "danneggiato" il tumore durante un intervento chirurgico o una biopsia?

C'è un tale malinteso che sorgono metastasi a causa della procedura. Tuttavia, la rimozione di una parte del tumore o della sua biopsia (prendendo il tessuto tumorale per esame) non aumenta l'incidenza delle metastasi.

Come metastatizzano vari tipi di cancro?

Molto spesso, le metastasi si trovano nei linfonodi, nel fegato, nei polmoni, molto meno spesso - nel muscolo del cuore, nei muscoli scheletrici, nella pelle, nella milza, nel pancreas. Il sistema nervoso centrale, il sistema osseo, i reni, le ghiandole surrenali occupano un posto intermedio nella frequenza di rilevazione delle metastasi in vari tipi di cancro.

Alcuni tumori hanno siti preferiti per metastasi. Tali metastasi hanno i loro "nomi" - termini speciali:

  • Metastasi di Kruckenberg: nelle ovaie;
  • Metastasi della sorella di Maria Giuseppe - all'ombelico;
  • Metastasi di Virchow - ai linfonodi sopra la clavicola sinistra.

Tipi comuni di cancro e siti tipici di metastasi

  • Cancro al seno: polmoni, fegato, ossa.
  • Carcinoma ovarico: peritoneo, fegato, polmoni.
  • Cancro gastrico: fegato, peritoneo, polmoni.
  • Cancro intestinale (colon): fegato, peritoneo, polmoni.
  • Cancro colorettale: fegato, polmoni, ghiandole surrenali.
  • Cancro alla prostata: ossa, polmoni, fegato.
  • Cancro uterino: fegato, polmoni, peritoneo.
  • Carcinoma renale: polmoni, fegato, ossa.
  • Carcinoma polmonare: ghiandole surrenali, fegato, secondo polmone.
  • Melanoma: polmoni, tessuto cutaneo / muscolare, fegato.
  • Cancro al pancreas: fegato, polmoni, peritoneo.
  • Cancro alla tiroide: polmoni, fegato, ossa.

Le metastasi sono sempre indicate come tumori primari. Ad esempio, se il carcinoma polmonare si è diffuso alla ghiandola surrenale, un tumore nella ghiandola surrenale viene chiamato "carcinoma polmonare metastatico". Tuttavia, a livello genetico molecolare, le metastasi possono differire dal tumore materno. Questo fenomeno si chiama eterogeneità..

Qual è il pericolo di metastasi?

La metastasi, di regola, si verifica nei casi in cui le riserve del corpo nella lotta contro il tumore sono esaurite. Le metastasi interrompono significativamente il funzionamento di tutti gli organi e sistemi vitali. La stragrande maggioranza della morte dei malati di cancro è causata proprio dalle metastasi..

Inoltre, le metastasi peggiorano significativamente le condizioni generali, spesso accompagnate da dolori intollerabili che richiedono un'anestesia costante.

Come si manifestano le metastasi??

Il quadro clinico del carcinoma metastatico è determinato dalla posizione delle metastasi:

  • Il danno al peritoneo (carcinomatosi peritoneale) porta all'ascite, che richiede laparocentesi;
  • La sconfitta della pleura (carcinomatosi pleurica) provoca lo sviluppo della pleurite essudativa, che richiede la toracocentesi;
  • Il danno alle ossa e alla colonna vertebrale provoca dolore in diverse parti del corpo, fratture;
  • Il danno ai polmoni si manifesta sotto forma di mancanza di respiro;
  • Le metastasi cerebrali portano a mal di testa, vertigini, convulsioni, coscienza alterata;
  • Il danno al fegato porta a ittero ostruttivo.

Inoltre, le tossine rilasciate durante la morte costante delle cellule tumorali causano intossicazione da cancro..

Come vengono diagnosticate le metastasi??

Radiografia, ultrasuoni, radioisotopi, tomografia computerizzata, risonanza magnetica, tomografia ad emissione di positroni: tutte queste tecniche sono essenziali per il riconoscimento delle metastasi. Questi metodi consentono di chiarire le dimensioni, la prevalenza e la natura della crescita delle metastasi, il loro decadimento, suppurazione e germinazione negli organi e nei tessuti vicini. Inoltre, queste stesse tecniche diagnostiche consentono di controllare l'efficacia del trattamento in base al grado di regressione delle metastasi.

Convenzionalmente, ci sono due fasi della diagnosi delle metastasi:

  • Esame iniziale, quando viene diagnosticato solo il tumore principale;
  • Osservazione di un oncologo dopo il trattamento. Se inizialmente le metastasi non sono state rilevate e il trattamento ha avuto successo, in futuro dovrai ancora sottoporsi periodicamente a esami - c'è il rischio di ricaduta.

Le metastasi possono essere curate e cosa danno?

L'obiettivo principale della chemioterapia attiva e della radioterapia è prevenire il più presto possibile l'insorgenza di metastasi tumorali. Il trattamento si basa su principi generali per il trattamento dei tumori, tra cui la chemioterapia, la radioterapia, il trattamento chirurgico (con singole metastasi).

Il trattamento delle metastasi tumorali presenta alcune difficoltà. Pertanto, in alcuni casi, trattiamo le metastasi per alleviare i sintomi e prolungare la vita. Usiamo la terapia sistemica (chemioterapia, terapia ormonale, terapia mirata) e trattamenti locali (chirurgia, radioterapia). Il trattamento inibisce la crescita del tumore, ne riduce le dimensioni, rallenta il processo di metastasi. Questo aiuta a dare al paziente mesi extra e talvolta anni..

Parallelamente, viene eseguita una terapia di supporto, che aiuta a far fronte ai sintomi e agli effetti collaterali della chemioterapia. Per il dolore, vengono prescritti forti antidolorifici.

All'estero, con focolai metastatici nel fegato, viene spesso utilizzata l'ablazione percutanea a radiofrequenza transepatica. Questa tecnica è disponibile per i nostri pazienti nella clinica europea..

Come accennato in precedenza, il trattamento in tali casi è un mezzo per alleviare le condizioni del paziente. La probabilità di ottenere la remissione è molto bassa..

Noi della Clinica Europea utilizziamo anche una tecnica come l'embolizzazione delle arterie che alimentano grandi metastasi in vari organi.

Scopri i moderni metodi di trattamento delle metastasi da cancro al fegato che vengono utilizzati dai medici della Clinica europea, nonché i risultati del trattamento - anamnesi dei pazienti della Clinica europea.

Dove è meglio curare il cancro con metastasi - a Mosca, in Israele o in Germania?

Per ricevere il trattamento più moderno ed efficace per il cancro con metastasi, il paziente russo non deve recarsi all'estero. La clinica europea utilizza gli stessi farmaci e le stesse tecnologie dei principali centri oncologici del mondo.

Anche se la probabilità di remissione è bassa, il trattamento deve essere continuato. Gli oncologi della clinica europea sanno come alleviare la sofferenza del paziente, prolungare la vita. Per questo usiamo i metodi e le droghe più moderni. Se si è sottoposti a trattamento in un'altra clinica, possiamo sempre ottenere un secondo parere medico: a volte gli approcci di diversi medici al trattamento del cancro metastatico sono molto diversi.

Scegli un medico e fissa un appuntamento:

Capo medico della clinica europea, oncologo, MD.

Metastasi tumorali nella pelle

  • Sezione: Termini su M
  • | Email |
  • | Stampa

Le metastasi tumorali nella pelle sono tumori secondari della pelle che penetrano lì a seguito dell'introduzione linfogena, ematogena o dell'impianto (direttamente attraverso la pelle) di cellule maligne dal focus primario, che possono essere localizzate sulla pelle o in alcuni organi interni. Le metastasi cutanee si verificano in circa il 2-10% dei pazienti con neoplasie maligne degli organi interni. Le metastasi cutanee, che producono il 3-5% dei tumori metastatici, possono essere la prima manifestazione di una ricaduta della malattia con un obiettivo primario già identificato di trasformazione maligna o diventare le manifestazioni cliniche iniziali della malattia quando non vi è ancora alcun sospetto di un tumore. Questo ha un importante valore diagnostico, che consente nei casi in cui la metastasi ha una struttura istologica del tumore primario (cancro dello stomaco, reni, bronchi), determina la posizione di quest'ultimo. L'aspettativa di vita media dei pazienti con metastasi cutanee di solito non supera i 3 mesi.

La metastasi avviene secondo tre schemi: meccanicamente (drenando i vasi linfatici in prossimità anatomica del tumore), specifico per organo (deposizione selettiva delle cellule tumorali in un particolare organo) e in modo casuale (indipendentemente da fattori meccanici e specificità dell'organo). Viene anche discussa la possibilità di metastasi mediante diffusione diretta di cellule maligne nella pelle da un tumore profondo attraverso i canali linfatici. Le fasi della metastasi includono: invasione del tumore nella parete del vaso sanguigno o linfatico, separazione delle cellule tumorali dal tumore primario, loro penetrazione nel lume della nave, trasferimento con flusso sanguigno o linfatico, attacco delle cellule tumorali alla parete del vaso, uscita dalla nave, impianto e proliferazione su una nuova Posizione. Le metastasi cutanee sono spesso secondarie alle metastasi polmonari ed epatiche..

I tumori che metastatizzano alla pelle includono: melanoma (inclusi occhi, cervice, mucosa orale), tumore al seno, polmoni, stomaco, utero, retto, rene (elencati in ordine decrescente di frequenza). In generale, la probabilità di metastasi cutanee è maggiore con tumori anaplastici e di lunga durata..

In alcuni casi, il tumore primario viene stabilito in base alla localizzazione delle metastasi cutanee. In particolare, la parete addominale anteriore negli uomini è più spesso colpita da metastasi di cancro ai polmoni, allo stomaco, ai reni e nelle donne - carcinoma ovarico; la pelle del torace nelle donne è affetta da carcinoma mammario, negli uomini - nel carcinoma polmonare; cuoio capelluto - per cancro ai polmoni, ai reni e al seno; area posteriore - con cancro ai polmoni e al seno; arti, viso e collo - con tumori orofaringei e renali; il melanoma spesso metastasi sulla pelle degli arti, ecc. La frequenza, la localizzazione, le caratteristiche cliniche delle metastasi cutanee possono anche dipendere dal genere, dalla posizione e dalle caratteristiche morfologiche del tumore primario. Quindi, nelle donne, le metastasi più frequenti (71%) nella pelle del carcinoma mammario, che (in ordine decrescente) si trovano su schiena, cuoio capelluto, arti superiori, addome, collo, spalla; e negli uomini, le metastasi da carcinoma polmonare sono più comuni (22,4%) (torace, addome, cuoio capelluto, collo); colon e retto (17,7%); melanomi (17,5%) (torace, arti inferiori e superiori, collo, cuoio capelluto, stomaco).

Clinicamente, le metastasi sono di solito nodi densi (duri) o placche fibrose che sporgono sopra il livello della pelle, di solito sono più vascolarizzate rispetto alla pelle normale, il loro colore varia dal rosa al viola-viola, con melanoma - blu, grigio o nero. Possono essere solitari, pochi o multipli; inizialmente asintomatici, e quindi vengono prestati attenzione quando le loro dimensioni superano i 5 mm. Il tasso di crescita delle metastasi è diverso. Nelle fasi successive, a volte ulcerano e cheratinizzano.

Si distinguono anche forme cliniche speciali di metastasi cutanee:

carcinoma del carapace (carcinoma en cuirassi) - inizia con l'eritema, contro il quale compaiono le papule lenticolari, fondendosi in un denso infiltrato, trasformandosi in un focus simile a sclerodermia. Situato sopra lo sterno, ricorda una corazza metallica di armatura cavalleresca. Oltre al carcinoma mammario, si verifica un carcinoma a forma di conchiglia nel tumore dei polmoni, del tratto gastrointestinale, dei reni;

il cancro erisipatoso (carcinoma erispelatoide) inizialmente è un eritema infiammatorio rosso vivo che ricorda l'erisipela, che, a differenza di quest'ultimo, non progredisce così rapidamente e non è accompagnato da un aumento della temperatura corporea; dopo alcune settimane, il fuoco diventa giallastro, si ispessisce e si indurisce. Sulla sua superficie possono esserci teleangectasie, papule e placche dense, nodi. Il tumore primario si trova più spesso nella ghiandola mammaria, meno spesso - nel pancreas, nella ghiandola salivare parotide, nelle tonsille, nel colon, nello stomaco, nel retto, nell'ovaia, nel corpo uterino, nella prostata, nei polmoni;

il carcinoma telangiectatico (carcinoma teleangiectoide) si manifesta con più papulovesicole lilla che ricordano un linfocitoma limitato non uniforme, nonché placche telangiectatiche dense e piatte; le teleangectasie con esso raggiungono le dimensioni di una spilla. Si verifica nel carcinoma mammario;

le metastasi nell'ombelico (metastasi dell'infermiera Marie Joseph) si manifestano con un denso nodo rossastro, che può non essere evidente durante l'esame e viene rilevato solo dalla palpazione; provengono da un tumore situato nella cavità addominale (stomaco, colon, ovaio, pancreas), a volte nella ghiandola mammaria;

l'alopecia metastatica è accompagnata da metastasi al cuoio capelluto, che ricordano un cilindro, possono essere con cancro alla prostata;

metastasi clinicamente simili ai granulomi piogeni possono verificarsi con ipernofroma;

le metastasi nel cuoio capelluto, clinicamente simili ai focolai di sclerodermia, accompagnate da infiltrazioni e alopecia, si verificano con lo scirr dello stomaco;

espansione dei vasi linfatici con emorragie nella pelle, simile a un quadro di linfangioma;

la linfostasi e l'edema cutaneo, dando alla ghiandola mammaria un aspetto di scorza di agrumi (un sintomo di scorza di limone), si verificano con metastasi del carcinoma mammario;

con metastasi del cancro al seno al cuoio capelluto, più nodi sottocutanei alla palpazione assomigliano a una borsa con palline di vetro;

nella leucemia mieloide acuta nel perineo, nelle ascelle o sulla lingua, compaiono le leucemidi, che sono infiltrati da cellule leucemiche, che, a causa della caratteristica tinta verdastra, sono chiamate "cloroma".

L'esame istologico delle metastasi mostra un'invasione diffusa da parte delle cellule tumorali dell'intera pelle, l'espansione dei vasi linfatici del derma, il loro blocco da parte delle masse di cellule tumorali (dotto linfatico miocardico). Il quadro istologico dei tumori primari e delle loro metastasi nella pelle è generalmente lo stesso, ma questi ultimi sono meno differenziati. Ecco perché, sulla base dei dati dell'esame istologico, spesso non è possibile stabilire. origine di metastasi a distanza. Gli adenocarcinomi metastatici della pelle di solito provengono dall'intestino crasso, dalla ghiandola mammaria o dai polmoni, mentre i tumori metastatici delle cellule squamose provengono dalla bocca, dai polmoni o dall'esofago; metastasi indifferenziate - dal seno o dai polmoni.

La diagnosi viene stabilita sulla base del quadro clinico (le metastasi sulla pelle sono più facilmente rilevabili al tatto rispetto all'esame visivo della pelle), anamnesi (presenza di neoplasie maligne degli organi interni), risultati citologici (particolarmente importanti per la leucemia per determinare il loro tipo) ed esame istologico.

La diagnosi differenziale viene eseguita con più cilindri, cisti di capelli, sarcoma di Kaposi, granuloma telangiectatico, calvizie nasale, linfangioma, sclerodermia a placche.

La prognosi per le metastasi è sempre scarsa. Come indicato, la durata media della vita è di circa 3 mesi; solo con metastasi sulla pelle del carcinoma mammario il processo può durare per anni.

Data la prognosi sfavorevole nei pazienti con metastasi, il trattamento deve essere diretto, se possibile, per creare una qualità di vita accettabile per il paziente. Le tattiche del medico dipendono dal tipo di tumore primario. Le metastasi isolate nella pelle possono essere rimosse. Per le metastasi che si infiltrano nella pelle e non hanno confini chiari, viene prescritta la citostatica o la radioterapia. Le metastasi superficiali (carcinoma del carapace, ecc.) Sono trattate con radioterapia (betatron).

Foto e quanto vivono con metastasi cutanee?

La diffusione delle cellule maligne dalla formazione primaria alla pelle è identificata come metastasi sulla pelle. Di norma, una tale complicazione si verifica nello 0,7 - 9% di tutti i pazienti con cancro. Pertanto, rispetto ad altri organi, il danno alla pelle è una rarità. A volte viene erroneamente diagnosticato un cancro della pelle per la prima volta.

Al microscopio, le cellule metastatiche sembrano le stesse della malattia iniziale, ma con diversi gradi di differenziazione. Pertanto, gli esperti distinguono chiaramente tra oncologia primaria della pelle e cancro metastatico che si è diffuso da altri tessuti del corpo. Ha necessariamente caratteristiche molecolari comuni con il tumore primario: la presenza di specifici cambiamenti cromosomici e determinate proteine.

Perché compaiono le metastasi cutanee?

Il cancro si è diffuso ai tessuti superficiali in uno dei seguenti modi:

  • invasione diretta da strutture di base;
  • circolazione delle cellule tumorali durante la circolazione sanguigna;
  • espansione attraverso il sistema linfatico;
  • impianto accidentale durante l'asportazione chirurgica;
  • come riflesso del danno interno, in particolare la risposta del corpo alla chemioterapia sistemica.

La maggior parte dei tumori oncologici è in grado di metastatizzare sulla pelle, ma principalmente questo deriva da:

  • melanomi: 45% dello sviluppo di metastasi, ma la probabilità complessiva è di circa il 7-10%;
  • carcinoma mammario - 30%;
  • carcinoma polmonare - 20%;
  • cancro al colon - 25%;
  • cancro del seno - 18%;
  • tumori laringei - 16%;
  • cancro orale - 12%;
  • carcinoma renale - 10%;
  • oncologia ovarica - 8%.

Solo il 3-10% dei malati di cancro può avere un tumore cutaneo secondario.

Sintomi di insorgenza

Nella maggior parte dei casi, la metastasi si verifica vicino alla formazione primaria a seguito della crescita diretta nella pelle. Pertanto, è associato con i tessuti istologici della prima lesione. I sospetti dovrebbero causare:

  • qualsiasi nodulo, massa o punto arrotondato, spesso duro al tatto. Sono localizzati sia nell'epidermide esterna che sotto di essa;
  • neoplasie che si verificano in più numeri e crescono rapidamente;
  • a volte c'è infiammazione aspecifica, ulcerazione e gonfiore;
  • colore del corpo, ma può essere rosso, blu, viola o nero.

Tipi specifici di metastasi cutanee presentano i seguenti sintomi:

  1. Carcinoma erisipeloide: una macchia rossa nettamente delimitata che blocca i vasi linfatici.
  2. Carcinoma sclerodermoide: cicatrici fibrose dense composte da cellule tumorali che si presentano nelle strutture di collagene.
  3. Formazione del cancro con numerosi vasi sanguigni o linfatici.

Sintomi, a seconda della malattia primaria

Il processo oncologico, trasmesso da diversi organi, ha le sue caratteristiche distintive:

  1. Torace: una forte cicatrice nella parte superiore del busto. L'alopecia è possibile sul cuoio capelluto.
  2. Polmone: noduli rossastri compaiono improvvisamente sul petto o sull'addome.
  3. Il cancro del colon e dello stomaco di solito si espande nell'addome e nel bacino.
  4. I noduli vicino all'ombelico indicano una neoplasia colorettale generale, nonché tumori delle ovaie e dei reni.

Che aspetto hanno le metastasi della pelle??

Alcuni tumori penetrati sul corpo imitano le condizioni dermatologiche, come granulomi purulenti, cisti, emangiomi, eruzioni papulari, herpes zoster, erisipela, ecc..

L'aspetto delle formazioni tumorali metastatiche dipende dalla localizzazione iniziale:

L'avanzato processo maligno dei polmoni si manifesta con diversi tipi di sigilli oncologici, che colpiscono sia la pelle stessa che i linfonodi con ulcerazione esterna.

La diffusione diretta dal sistema bronco-polmonare è un'estesa formazione della pelle sulla schiena, costituita da piccole macchie leggermente convesse.

La progressione del carcinoma mammario è generalmente caratterizzata da lesioni multiple dell'epidermide e del derma, con conseguenti escrescenze piene di liquido.

La calvizie dovuta a un tumore secondario del seno mostra un'invasione distante, che viene stabilita solo dopo studi di laboratorio su un campione di tessuto per una struttura patologica.

Il ri-sviluppo locale del melanoma precedentemente rimosso forma escrescenze chiare, rotonde e indolori di colore brillante saturo..

Metastasi sotto la pelle: caratteristica

Le neoplasie secondarie sottocutanee di solito non influenzano il derma, ma altri organi del corpo umano. Possono essere strettamente intasati, aperti verso l'esterno con un'ulcera superficiale chiara o piatta. Appaiono nel campo di:

  1. Il sistema linfatico, che si fa sentire dall'aspetto di noduli stretti, fissi o mobili. Sono localizzati nell'area dei linfonodi (sotto il braccio, all'inguine, sul collo). Possono portare a conseguenze piuttosto gravi: gonfiore dei dotti e degli arti, nonché ristagno di liquidi.
  2. Ossa, formando, di regola, un sigillo duro, che si verifica sulle articolazioni degli arti superiori e inferiori, collo, testa. È difficile da diagnosticare ed è confuso con la formazione di tumore osseo. Pertanto, richiede una ricerca futile, tenendo conto della precedente storia medica.
  3. Tessuto vascolare che assomiglia a una "maglia varicosa".

Trattamento del paziente

La terapia prevede l'eliminazione della causa delle metastasi. Ma nella maggior parte dei casi, la malattia è in una fase incurabile, quindi i segni della sua progressione spesso richiedono misure palliative.

I metodi terapeutici si basano su:

  • l'uso della crema Imiquimod, che è in grado di causare una regressione delle metastasi cutanee aumentando la risposta immunitaria antitumorale del corpo, producendo citochine, proprietà antiangiogeniche e anche stimolando l'apoptosi interna (morte delle unità tumorali);
  • rimozione con azoto liquido (crioterapia);
  • terapia fotodinamica - l'uso di combinazioni di ossigeno e luce per causare reazioni protettive del corpo e distruggere i tessuti maligni;
  • elettrochemioterapia: un nuovo metodo di trattamento che utilizza impulsi elettrici per aumentare l'efficacia dell'introduzione di farmaci immunostimolanti;
  • chemioterapia delicata e immunoterapia tenendo conto dei mezzi del gruppo citochinico (include Interleuchina-2, Interferone alfa-2, ecc.).

Quanti pazienti vivono?

La prognosi per un processo maligno avanzato è sfavorevole. La sopravvivenza mediana è stata di 6,5 mesi. Ma alcuni pazienti a cui è stata diagnosticata la metastasi cutanea vivono più di un anno. Di conseguenza, al tipo di lesione sottostante, viene presentata l'aspettativa di vita dopo la diagnosi:

  • tumore alla testa e al collo: 8,8 mesi;
  • carcinoma a cellule squamose: 6,5;
  • esofago: 4.7;
  • colon e retto: 4.4;
  • pancreas: 3.3;
  • stomaco: 1,2;
  • fegato e vescica: circa un mese.

Le metastasi cutanee indicano la diffusione di una malattia tumorale. Servono da marker per la selezione di ulteriori misure terapeutiche. Ma allo stesso tempo sono un brutto segno prognostico.

Sintomi e trattamento delle metastasi cutanee

La pelle è uno dei luoghi più inaccessibili per la diffusione di neoplasie maligne..

Tuttavia, non è così raro diagnosticare metastasi cutanee.

La ragione di ciò è il recente aumento dell'incidenza complessiva delle patologie tumorali..

Cause di lesioni cutanee metastatiche

La rara metastasi del cancro sulla pelle è dovuta al fatto che le cellule maligne, di regola, si diffondono attraverso i vasi venosi e la pelle non è un luogo per l'accumulo di sangue venoso..

Tuttavia, in circa l'1-2 percento dei casi, è qui che le stesse cellule maligne vengono introdotte con il flusso di liquido, che sono la causa della crescita di un nuovo tumore.

Se consideriamo le statistiche di questa lesione, quindi con le metastasi cutanee, il più delle volte, il ruolo del tumore primario è:

  • Processi maligni della ghiandola mammaria nelle donne.
  • Lesioni tumorali del colon.
  • Il melanoma è la neoplasia più maligna della pelle, che dà le cosiddette metastasi solitarie, che assomigliano a piccoli nodi sottocutanei in aree vicine al tumore.
  • Processi tumorali nelle ovaie.
  • Tumore ai polmoni.
  • Danno oncologico alla mucosa orale.

Oltre a uno specifico sistema circolatorio, la pelle ha una barriera naturale abbastanza potente che la protegge da varie influenze patologiche, tra cui le metastasi.

Manifestazioni cliniche

È impossibile rispondere in modo inequivocabile all'aspetto delle metastasi sulla pelle, poiché hanno manifestazioni diverse in ogni singolo caso. Il numero di tali formazioni non viene ripetuto: se una persona può rivelare grandi nodi solitari, un'altra può avere circa un centinaio di punti piccoli e quasi impercettibili.

La pelle stessa sopra la metastasi, di regola, non cambia, ma a causa della pressione su di esso del nodo fibroso, può verificarsi una tinta bluastra o rosa.

Stranamente, ma è proprio il cambiamento nel colore del corpo che è la lamentela più comune con cui i pazienti vengono dal medico. E così, cercando di eliminare il problema estetico, rivelano una malattia mortale.

Le metastasi della pelle sono inclini a una rapida crescita. Molto spesso, aumentano per diversi giorni, in casi più rari, un punto focale o una piccola ulcera appare sulla superficie del nodo, che si espande gradualmente.

E se fino a questo momento nessun dolore del paziente era inquietante, quindi con la distruzione della pelle si sviluppa una sindrome del dolore persistente.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle metastasi nel cuoio capelluto, che hanno un tipo specifico di cisti sebacea. Questo è il motivo della diagnosi errata di questo tipo di processi maligni.

Molto spesso, a tali pazienti viene semplicemente rimossa la loro istruzione e rimangono inesplorati. È necessario conoscere la semplice differenza: che con una lesione cancerosa si verifica anche la calvizie locale, che non è il caso di un tumore benigno.

Diagnostica

Il volume dell'intervento chirurgico per le metastasi cutanee e, ad esempio, la sua lesione benigna è molto diverso, quindi, prima del trattamento, ogni paziente con sospetto di tale malattia dovrebbe sottoporsi a una diagnosi approfondita.

Di norma, per identificare la natura dell'educazione, è necessario prendere una piccola particella per la ricerca. Se c'è già una ferita sulla superficie del nodo, puoi semplicemente attaccare un bicchiere ad esso, sul quale ci saranno tracce di cellule maligne.

Altrimenti, dovrai eseguire una puntura di metastasi e utilizzare tali immagini per prelevare un campione del suo tessuto per l'esame.

Tattiche di trattamento

Indubbiamente, la metastasi è un processo secondario, la cui causa immediata risiede nel tumore primario, che si trova in uno degli organi interni.

Pertanto, il primo elemento nel trattamento del processo metastatico dovrebbe essere la rimozione del tumore primario. Ma succede spesso che i nodi sulla superficie del corpo compaiano dopo che l'area cancerosa è stata rimossa.

In questa situazione, viene principalmente utilizzato il metodo chirurgico di trattamento..

Il più largo possibile, all'interno dei confini dei tessuti sani, viene asportato un nodo. Questo viene fatto al fine di rimuovere i siti di metastasi adiacenti che potrebbero non essere ancora visibili al momento dell'intervento.

La dimensione dell'asportazione della pelle è determinata in modo che vi sia una quantità sufficiente di tessuto molle per eseguire la sostituzione plastica del difetto.

Dopo l'intervento chirurgico, il punto obbligatorio è la nomina di radiazioni e chemioterapia. Sono necessari per ridurre la possibilità di recidiva e per inibire quelle piccole aree di cellule maligne nella pelle che sono ancora invisibili all'occhio..

Inoltre, questi trattamenti possono essere eseguiti prima dell'intervento chirurgico per ridurre le dimensioni delle principali metastasi..

previsione

Sfortunatamente, la prognosi di una tale patologia lascia molto a desiderare. La ragione del basso tasso di sopravvivenza è che i processi metastatici superficiali sono, di regola, integrati dalla diffusione interna del cancro, che è già molte volte più difficile da notare e trattare..

È proprio per questo, e anche a causa della crescita e della progressione del tumore primario, la sopravvivenza a cinque anni di pazienti con tali diagnosi non è raggiunta in nessuna delle cliniche moderne.

Le metastasi della pelle sembrano

Metastasi cutanee

Le metastasi cutanee sono un segno atipico di una malattia maligna che spesso passa inosservata..

anamnesi

Le metastasi cutanee si verificano nello 0,7-9,0% di tutti i pazienti con neoplasie maligne.

Il rilevamento di tali metastasi può portare a un cambiamento nello stadio della malattia e nel suo trattamento..

Le metastasi cutanee, che sono il primo segno di malignità latente sottostante, sono atipiche e si verificano più spesso nei tumori dei polmoni, dei reni e delle ovaie..

Più spesso, le metastasi cutanee sono un segno di lesioni extra-nodulari in pazienti con una neoplasia maligna nota. Le metastasi cutanee possono indicare una ricaduta in un paziente con una storia di malattia maligna.

Ad eccezione dei linfomi, la posizione dei tumori primari che metastasi la pelle riflette le differenze nei tumori primari per genere.

Comune per uomini e donne, i posti dei tumori primari che danno metastasi alla pelle sono mostrati nella tabella.

Le metastasi cutanee si diffondono per via linfatica o ematogena..

Quadro clinico

Circa il 75% delle metastasi negli uomini si verificano sulla testa e sul collo, sulla parte anteriore del torace e sull'addome..

Circa il 75% delle metastasi nelle donne si trova sulla parte anteriore del torace o dell'addome..

■ Parete addominale: la localizzazione più frequente dei tumori, manifestata da metastasi.

Le metastasi sul cuoio capelluto negli uomini sono una conseguenza del cancro ai polmoni o ai reni e si verificano nel corso precoce della malattia.

Le metastasi sul cuoio capelluto nelle donne sono una conseguenza del cancro al seno e compaiono nella fase avanzata della malattia.

Le metastasi facciali sono dovute a carcinoma a cellule squamose della cavità orale, adenocarcinoma renale, carcinoma polmonare e mammario.

Le metastasi delle palpebre sono una conseguenza del carcinoma mammario o del melanoma..

Le metastasi al collo sono spesso una distribuzione diretta di nodi profondi nei polmoni, carcinoma a cellule squamose della cavità orale o carcinoma mammario. La maggior parte delle metastasi cutanee non ha un quadro clinico caratteristico. La maggior parte delle metastasi si manifestano come un gruppo di nodi singoli, solidi e dolorosi.

Carcinoma mammario

Circa il 70% di tutte le metastasi cutanee nelle donne è associato a carcinoma mammario.

■ Le lesioni cutanee si verificano nel 24% dei tumori al seno.

La manifestazione più comune di metastasi cutanee nel carcinoma mammario è l'accumulo di singoli nodi di colore della pelle non dolorosi che compaiono improvvisamente, crescono rapidamente, raggiungono una certa dimensione (spesso 2 cm) e rimangono stabili.

Esistono altre caratteristiche caratteristiche cliniche delle metastasi nel carcinoma mammario..

Il carcinoma infiammatorio metastatico assomiglia a un'erisipela sulla superficie anteriore del torace, ma senza febbre e dolore. Il rossore è causato dalla stagnazione dei capillari; nessun infiltrato infiammatorio.

Il carcinoma metastatico "ep cuirasse" è un rassodamento cutaneo scleriforme diffuso ("medicazione a conchiglia"), che inizia sotto forma di densi nodi papule fusi biconvessi sparsi. Possibile diffusione linfogena locale.

■ Con carcinoma telangiectatico metastatico, le papulovesicole viola assomigliano a un linfangioma limitato; c'è distribuzione linfogena locale. Le lesioni possono essere pruriginose e assomigliare alla vasculite..

■ Con carcinoma nodulare metastatico, papule o noduli densi multipli compaiono sulla superficie anteriore del torace. Possono ulcerare e suggerire melanoma o carcinoma a cellule basali pigmentato..

■ L'alopecia neoplastica è aree di alopecia asintomatiche, non infiammatorie, a forma di anello. C'è una diffusione ematogena remota.

■ Con il tumore del capezzolo di Paget, vi è una placca eritema bruscamente limitata e desquamazione sulla ghiandola mammaria, che suggerisce eczema, ma l'eruzione cutanea persiste. In genere, il focus è unilaterale, ma può essere bilaterale. In questo caso, c'è una diffusione diretta dal carcinoma mammario sottostante.

Cancro colorettale

■ Il carcinoma colorettale è la seconda fonte più comune di metastasi cutanee in entrambi i sessi..

■ Le metastasi cutanee di solito si verificano in uno stadio avanzato della malattia..

■ Le posizioni più comuni sono l'addome e il perineo..

■ Le metastasi possono manifestarsi come carcinoma infiammatorio metastatico delle pieghe inguinali o come fistola cutanea cronica.

Melanoma

■ Il melanoma è la terza causa più comune di metastasi cutanee..

■ Il melanoma in genere invade il fegato, i polmoni e il cervello, ma può verificarsi anche in aree distanti della pelle..

■ Pelle: la localizzazione più tipica del melanoma primario, seguita da occhi e mucose.

■ Esistono casi di melanoma sistemico o metastatico senza melanoma cutaneo primario.

Cancro ai polmoni

■ Storicamente, il cancro ai polmoni è più comune negli uomini che nelle donne.

■ Esiste un gruppo localizzato di nodi cutanei non specifici, molto spesso nella parte anteriore del torace o dell'addome.

Adenocarcinoma renale

■ L'adenocarcinoma renale rappresenta il 6,8% di tutte le metastasi cutanee.

■ Molto spesso compaiono sulla testa e sul collo.

■ Un nodo bluastro chiaramente definito appare con vasi pronunciati.

Carcinoma a cellule squamose del cavo orale

■ Il carcinoma a cellule squamose del cavo orale di solito si verifica negli uomini con un tumore primario noto.

■ Manifestato come più nodi sulla testa e sul collo.

■ Può essere difficile distinguere la malattia metastatica dal carcinoma cutaneo squamoso primario.

Neuroblastoma

■ Il neuroblastoma è il tumore neonatale più comune.

■ Circa il 30% dei pazienti con neuroblastoma congenito presenta metastasi sottocutanee e cutanee.

■ Appare sulla pelle sotto forma di più nodi blu sottocutanei densi e mobili, che si imbiancano se si trascina un dito sulla loro superficie e possono apparire come "pancake ai mirtilli".

■ Il tumore metastatizza anche a fegato, linfonodi e midollo osseo..

linfomi

■ Le metastasi cutanee si verificano nel 6,6% di tutti i pazienti con linfoma..

■ La lesione cutanea è una manifestazione di linfoma nel 5% dei pazienti e il primo segno di malattia nel 7,6% dei pazienti.

■ I fuochi sono densi nodi levigati sollevati e placche rosso-viola che possono ulcerare.

■ Può essere difficile distinguere tra linfoma primario che si verifica nella pelle e malattia metastatica..

Leucemia cutanea

■ Leucemia cutanea si manifesta con macchie, papule, ecchimosi, porpora palpabile o ulcere.

468 Spesso precede o si sviluppa contemporaneamente alla leucemia sistemica..

■ Le foche sono osservate nel 25-30% dei bambini con leucemia congenita e possono essere 4 mesi avanti rispetto ad altre manifestazioni di leucemia.

■ Nella leucemia mielocitica acuta possono verificarsi mieloblastomi. Una tonalità verdastra di cloro è causata dalla mieloperossidasi nei fuochi.

■ I danni alla pelle e alle mucose sono più tipici per la leucemia monocitica, con una gamma di lesioni che vanno dalle papule ai nodi color prugna e alle infiltrazioni gengivali. La leucemia a cellule T dell'adulto colpisce la pelle nel 75% dei pazienti.

Altri sintomi

■ La localizzazione del tumore primario e possibili altre metastasi non cutanee vengono generalmente rilevate mediante tecniche di imaging..

Diagnostica di laboratorio

■ La biopsia cutanea conferma la presenza di cellule maligne originate dal tumore primario.

■ Studi immunoistochimici specifici sui tessuti aiutano nei casi in cui la localizzazione del tumore primario non è ovvia.

■ Per immunoistochimica specializzata e studi molecolari, il materiale bioptico fresco non fissato è ottimale.

Il corso e le previsioni

■ La prognosi dipende dal tipo di tumore, dalla prevalenza della malattia e dalle opzioni di trattamento disponibili per il tumore primario.

■ Complessivamente, la malattia metastatica ha una prognosi sfavorevole.

Discussione

■ In alcuni casi, l'asportazione di metastasi sintomatiche o deturpanti può migliorare significativamente la qualità della vita del paziente.

Trattamento

■ Il trattamento dipende dalla malattia maligna sottostante..

nuances

■ Una biopsia di qualsiasi nuovo nodo nella vecchia cicatrice o di qualsiasi nuovo nodo nella nuova cicatrice dovrebbe essere eseguita se la causa dell'escissione era una malattia maligna.

■ Oltre ai singoli nodi e placche, la seconda metastasi cutanea più comune è l'infiammazione con eritema, edema, pelle calda e indolenzimento.

La manifestazione più tipica delle metastasi cutanee è l'accumulo di singoli, solidi e non dolorosi nodi di colore della pelle che compaiono improvvisamente, crescono rapidamente, raggiungono una certa dimensione (spesso 2 cm) e rimangono stabili.

La seconda immagine più comune delle metastasi cutanee è l'infiammazione con eritema, edema, pelle calda e indolenzimento.

Una biopsia di questo nodo solido ha rivelato un adenocarcinoma metastatico.

Che aspetto hanno le metastasi tumorali: foto con una descrizione dettagliata

L'oncologia è popolarmente chiamata la regina della malattia. Ogni anno, prende milioni di vite di cittadini ancora abbastanza abili ed è uno dei tre "leader" mondiali in termini di numero di morti sul pianeta..

Questo può spiegare la paura patologica di una persona con una diagnosi di cancro e il termine metastasi..

  • 1 Che cos'è?
  • 2 tipi
  • 3 Descrizione

Cos'è?

Le metastasi sono focolai secondari di natura maligna e sono considerati la manifestazione più grave di recidiva del cancro. Possono diffondersi in tutto il corpo del paziente dal luogo di localizzazione del tumore attraverso il flusso sanguigno, il sistema linfatico, nonché aumentare di dimensioni e crescere in organi e sistemi funzionanti vicini.

Come si verifica la metastasi, puoi imparare da questo video:

Il processo è caratterizzato da una pluralità di opzioni, fondamentalmente diverse l'una dall'altra, dalla natura dell'origine e dal metodo di distribuzione attraverso il corpo umano. Inoltre, le sue varie manifestazioni con frequenze diverse penetrano in alcune parti del corpo, mentre spesso il loro sviluppo non è accompagnato da sintomi gravi.

Virkhovsky

La patologia di Virchow si forma nella regione superiore della clavicola sul collo, un tumore maligno dello stomaco è considerato un fattore provocante.

La posizione della lesione è dovuta al flusso del fluido linfatico dal peritoneo.

Frammenti delle strutture colpite dal cancro si spostano lungo le cellule linfatiche, scorrendo nel ganglio cervicale. A causa del fatto che il loro ulteriore percorso è bloccato, le cellule malate iniziano a formare in questo luogo una nuova formazione con la stessa natura.

Il motivo principale per la comparsa di questo tipo di metastasi è che i medici considerano un tumore del sistema addominale, pancreas o cirrosi.

Sembra un grosso sigillo, regolare, di forma arrotondata, i contorni delineati, la palpazione del sito di infiammazione del dolore non causa dolore.

Kruckenberg

È caratterizzato dalla natura linfogena della formazione e si trova nelle ovaie. Compone circa il 40% delle neoplasie patologiche del tipo secondario della quantità totale di metastasi in questo organo.

Si verifica con diagnosi di cancro:

  • lo stomaco;
  • Seno
  • dipartimenti intestinali;
  • dotti biliari;
  • anomalie della vescica e della cervice.

È spesso isolato e questo non è un indicatore della negligenza della sua messa in scena. Fondamentalmente, entrambe le parti dell'organo sono interessate. Si distinguono per le loro dimensioni ridotte, la superficie liscia e la completa assenza di disagio quando si preme sulla formazione.

Se viene rilevata una ricaduta, viene indicata l'amputazione urgente delle ovaie..

Schnitzler

I processi di Schnitslerovsky sono chiamati lo sviluppo di tumori focali nei tessuti cellulari nella regione del retto e dei linfonodi pararettali.

Si sentono quando vengono premuti con le dita, non c'è sindrome del dolore visibile. Questo tipo di metastasi provoca l'oncologia dello stomaco. Dal punto di vista della scienza, è interessante in quanto è localizzato in segmenti remoti del corpo.

È un sigillo che ricorda la forma di un uovo ed è caratterizzato da contorni uniformi e lisci. Il movimento delle cellule atipiche avviene attraverso il sistema linfatico attraverso le seguenti vie gastriche:

  • dalla parte destra dell'organo;
  • dal deflusso che si estende oltre la cavità;
  • da percorsi che terminano nella linfa peritoneale.

osteoblastica

Questo tipo si sviluppa nei tessuti ossei e attiva l'attività degli osteoblasti, la cui attività eccessiva provoca un aumento dei depositi di calcio nei tessuti duri, causando così la loro rapida crescita.

Questo processo è patologico e provoca mutazioni cellulari irreversibili nelle ossa..

Cause di focolai tumorali:

  • tumore al seno
  • oncologia prostatica;
  • lesioni tiroidee;
  • sarcoma.

La metastasi osteoblastica differisce da altri tipi di formazioni tumorali secondarie in una prognosi estremamente sfavorevole dell'efficacia del trattamento e una bassa percentuale di sopravvivenza del paziente.

Solitario

Tipo solitario - singole formazioni di natura maligna situate nei polmoni o nei tessuti cerebrali. Molto raramente - in altri organi. Il valore è superiore a 3 cm, diagnosticato con l'esame radiografico. Se è nel polmone, è avvolto dal parenchima dell'organo ed è una manifestazione attiva di carcinoma non a piccole cellule.

Il suo aspetto ha una pronunciata connessione con il fumo: il 90% dei pazienti con metastasi solitarie ha una dipendenza da nicotina a lungo termine. La capacità di aderenza dei punti focali della lesione agli organi è rapida e praticamente impossibile da correggere.

osteolitica

La patologia secondaria, come quella sopra descritta, è concentrata nel tessuto osseo, tuttavia la specificità del suo effetto negativo sui tessuti ha una sua peculiarità. Distruggendo sistematicamente la componente strutturale delle ossa e provocando una forte attività degli osteoclasti, provoca una mutazione e un cambiamento qualitativo nella composizione dei tessuti a livello molecolare.

Molto spesso soffrono le costole, le ossa del bacino e degli arti inferiori. A volte un'anomalia cattura il cervello, limitando parzialmente la sua attività. Una caratteristica distintiva delle patologie analogiche non è la proliferazione dei tessuti dovuta alla comparsa di tumori ossei, ma piuttosto la loro distruzione persistente.

Descrizione

I processi di metastasi vengono lanciati attivamente in oltre l'80% dei reparti cancerosi di uno o più reparti diagnosticati nelle fasi avanzate della malattia.

Tale screening singolo o multiplo di frammenti cellulari di un tumore maligno è un fenomeno potenzialmente letale. Considera come queste lesioni maligne appaiono in vari organi e sistemi del funzionamento del corpo umano.

Nei polmoni

Oncologia polmonare - un leader tra le diagnosi con metastasi precoci e aggressive.

Le formazioni sono multiple, regolari, arrotondate. Hanno una struttura più densa dell'organo stesso e una tinta più delicata e rosata.

Simile alle ombre mobili sferiche, sono in grado di catturare quasi l'intera superficie di un organo in un breve periodo di tempo.

La loro caratteristica distintiva è un chiaro modello polmonare che mantiene la sua forma naturale anche in quei luoghi in cui circonda la formazione.

Le più grandi lesioni maligne, di circa 6 cm di dimensione, la più piccola - entro 1 cm.

Nel fegato

Le metastasi di questo organo differiscono dalle altre in quanto possono avere strutture sia semplici che complesse, quindi esternamente possono apparire completamente diverse.

Nel primo caso, si tratta di focolai omogenei nel contenuto strutturale, caratterizzati da contorni uniformi e regolari e con diversa ecogenicità. A volte sono circondati da un bordo scuro e assomigliano all'occhio di un pesce.

Con la loro struttura complessa, la composizione dei tessuti è diversa: la formazione all'interno è più densa e la trama è eterogenea, che è chiaramente visibile nella foto.

Fondamentalmente, sono caratterizzati da una molteplicità di processi e sono facilmente diagnosticati dagli ultrasuoni.

Nelle ossa

Le aree irreversibili interessate dei tessuti duri nella foto sono di colore più scuro. Il contorno del corpo nella zona di sviluppo dell'anomalia è deformato e il fuoco stesso ha una tinta rossa e una forma un po 'tridimensionale, sporgente 1-2 mm sopra la superficie ossea. La consistenza è più morbida e sciolta rispetto al luogo in cui si trovano. Appaiono multipli, il valore varia da 0,5 mm a 4 - 5 cm.

Sulla pelle

Situato sulla superficie della pelle e assomiglia a piccole macchie o noduli regolari di forma arrotondata. Alla palpazione, la loro struttura più densa viene palpata rispetto all'epitelio cutaneo allo stato normale..

La natura della diffusione è multipla, aggressiva, le anomalie possono aumentare rapidamente di dimensioni.

Colore: principalmente beige, simile a un tono naturale della pelle, che, con la crescita dell'oncologia, diventa più scuro - rosso, con una tonalità bluastra, viola o persino nera.

Spesso l'alone che li avvolge sembra infiammato, mentre le ferite possono gonfiarsi e emanare un odore sgradevole, liquido sanguinante.

È caratterizzato da cicatrici abbastanza dure e fibrose di varie dimensioni..

Nei linfonodi

I processi di metastasi sono estesi e si manifestano sotto forma di foche nodulari piuttosto grandi, che non sono solo palpabili, ma anche chiaramente visibili ad occhio nudo.

Numerose foche tuberose sporgono in alto sopra la superficie del collo; quando vengono palpate, sono mobili. Si distinguono per un alone di pelle cremisi che circonda i siti di manifestazione delle articolazioni nodali.

Nella colonna vertebrale

Hanno una consistenza di media densità, un'ombra delicata, con relativa fragilità esterna, distruggono rapidamente il tessuto osseo e vanno sulla superficie dei dipartimenti intervertebrali dell'organo. Nella foto, si vede che le aree ossee colpite cambiano leggermente la loro forma e dimensione. Di solito si trovano nel compartimento centrale della colonna vertebrale.

Nella testa

Infatti, le metastasi situate nella regione della testa sono caratterizzate da un colore più chiaro, ma il pigmento colorante viene introdotto al paziente per la sua diagnosi, a seguito del quale, nell'immagine fotografica, le anomalie, al contrario, sono più scure.

Quindi è più conveniente visualizzarli. Possono essere singoli o multipli, di dimensioni variabili. I più piccoli sono focolai, meno di 0,5 cm di diametro, grandi - più di 7 - 8 cm. La struttura del tumore è eterogenea, tuberosa, la formazione è più densa e più scura più vicina alla parte centrale.

Nell'intestino

Nell'intestino, le metastasi sono più grandi, differiscono nel colore scuro saturo, a volte nero,. In apparenza, assomigliano a un dado, ma hanno una consistenza morbida e un po 'elastica. Formatisi nella parte interna dell'intestino, dopo breve tempo sfondano l'organo e arrivano in superficie, spremendo i tessuti e interferendo con i processi digestivi.

Nella cavità addominale

Si diffonde focale, fissandosi all'interno di un organo con una struttura a membrana. Riparare una volta, quindi diventare immobile. Fuochi abbastanza grandi hanno una forma leggermente allungata e si concentrano principalmente nella parte inferiore del peritoneo, dove la quantità di membrana lubrificante, il fluido, è limitata.

, seleziona un pezzo di testo e premi Ctrl + Invio.

Foto e quanto vivono con metastasi cutanee?

La diffusione delle cellule maligne dalla formazione primaria alla pelle è identificata come metastasi sulla pelle. Di norma, una tale complicazione si verifica nello 0,7 - 9% di tutti i pazienti con cancro. Pertanto, rispetto ad altri organi, il danno alla pelle è una rarità. A volte viene erroneamente diagnosticato un cancro della pelle per la prima volta.

Al microscopio, le cellule metastatiche sembrano le stesse della malattia originale, ma con diversi gradi di differenziazione.

Pertanto, gli esperti distinguono chiaramente tra oncologia primaria della pelle e cancro metastatico che si è diffuso da altri tessuti del corpo.

Ha necessariamente caratteristiche molecolari comuni con il tumore primario: la presenza di specifici cambiamenti cromosomici e determinate proteine.

Perché compaiono le metastasi cutanee?

Il cancro si è diffuso ai tessuti superficiali in uno dei seguenti modi:

  • invasione diretta da strutture di base;
  • circolazione delle cellule tumorali durante la circolazione sanguigna;
  • espansione attraverso il sistema linfatico;
  • impianto accidentale durante l'asportazione chirurgica;
  • come riflesso del danno interno, in particolare la risposta del corpo alla chemioterapia sistemica.

La maggior parte dei tumori oncologici è in grado di metastatizzare sulla pelle, ma principalmente questo deriva da:

  • melanomi: 45% dello sviluppo di metastasi, ma la probabilità complessiva è di circa il 7-10%;
  • carcinoma mammario - 30%;
  • carcinoma polmonare - 20%;
  • cancro al colon - 25%;
  • cancro del seno - 18%;
  • tumori laringei - 16%;
  • cancro orale - 12%;
  • carcinoma renale - 10%;
  • oncologia ovarica - 8%.

Solo il 3-10% dei malati di cancro può avere un tumore cutaneo secondario.

Sintomi di insorgenza

Nella maggior parte dei casi, la metastasi si verifica vicino alla formazione primaria a seguito della crescita diretta nella pelle. Pertanto, è associato con i tessuti istologici della prima lesione. I sospetti dovrebbero causare:

  • qualsiasi nodulo, massa o punto arrotondato, spesso duro al tatto. Sono localizzati sia nell'epidermide esterna che sotto di essa;
  • neoplasie che si verificano in più numeri e crescono rapidamente;
  • a volte c'è infiammazione aspecifica, ulcerazione e gonfiore;
  • colore del corpo, ma può essere rosso, blu, viola o nero.

Tipi specifici di metastasi cutanee presentano i seguenti sintomi:

  1. Carcinoma erisipeloide: una macchia rossa nettamente delimitata che blocca i vasi linfatici.
  2. Carcinoma sclerodermoide: cicatrici fibrose dense composte da cellule tumorali che si presentano nelle strutture di collagene.
  3. Formazione del cancro con numerosi vasi sanguigni o linfatici.

Sintomi, a seconda della malattia primaria

Il processo oncologico, trasmesso da diversi organi, ha le sue caratteristiche distintive:

  1. Torace: una forte cicatrice nella parte superiore del busto. L'alopecia è possibile sul cuoio capelluto.
  2. Polmone: noduli rossastri compaiono improvvisamente sul petto o sull'addome.
  3. Il cancro del colon e dello stomaco di solito si espande nell'addome e nel bacino.
  4. I noduli vicino all'ombelico indicano una neoplasia colorettale generale, nonché tumori delle ovaie e dei reni.

Che aspetto hanno le metastasi della pelle??

Alcuni tumori penetrati sul corpo imitano le condizioni dermatologiche, come granulomi purulenti, cisti, emangiomi, eruzioni papulari, herpes zoster, erisipela, ecc..

L'aspetto delle formazioni tumorali metastatiche dipende dalla localizzazione iniziale:

L'avanzato processo maligno dei polmoni si manifesta con diversi tipi di sigilli oncologici, che colpiscono sia la pelle stessa che i linfonodi con ulcerazione esterna.

La diffusione diretta dal sistema bronco-polmonare è un'estesa formazione della pelle sulla schiena, costituita da piccole macchie leggermente convesse.

La progressione del carcinoma mammario è generalmente caratterizzata da lesioni multiple dell'epidermide e del derma, con conseguenti escrescenze piene di liquido.

La calvizie dovuta a un tumore secondario del seno mostra un'invasione distante, che viene stabilita solo dopo studi di laboratorio su un campione di tessuto per una struttura patologica.

Il ri-sviluppo locale del melanoma precedentemente rimosso forma escrescenze chiare, rotonde e indolori di colore brillante saturo..

Metastasi sotto la pelle: caratteristica

Le neoplasie secondarie sottocutanee di solito non influenzano il derma, ma altri organi del corpo umano. Possono essere strettamente intasati, aperti verso l'esterno con un'ulcera superficiale chiara o piatta. Appaiono nel campo di:

  1. Il sistema linfatico, che si fa sentire dall'aspetto di noduli stretti, fissi o mobili. Sono localizzati nell'area dei linfonodi (sotto il braccio, all'inguine, sul collo). Possono portare a conseguenze piuttosto gravi: gonfiore dei dotti e degli arti, nonché ristagno di liquidi.
  2. Ossa, formando, di regola, un sigillo duro, che si verifica sulle articolazioni degli arti superiori e inferiori, collo, testa. È difficile da diagnosticare ed è confuso con la formazione di tumore osseo. Pertanto, richiede una ricerca futile, tenendo conto della precedente storia medica.
  3. Tessuto vascolare che assomiglia a una "maglia varicosa".

Trattamento del paziente

La terapia prevede l'eliminazione della causa delle metastasi. Ma nella maggior parte dei casi, la malattia è in una fase incurabile, quindi i segni della sua progressione spesso richiedono misure palliative.

I metodi terapeutici si basano su:

  • l'uso della crema Imiquimod, che è in grado di causare una regressione delle metastasi cutanee aumentando la risposta immunitaria antitumorale del corpo, producendo citochine, proprietà antiangiogeniche e anche stimolando l'apoptosi interna (morte delle unità tumorali);
  • rimozione con azoto liquido (crioterapia);
  • terapia fotodinamica - l'uso di combinazioni di ossigeno e luce per causare reazioni protettive del corpo e distruggere i tessuti maligni;
  • elettrochemioterapia: un nuovo metodo di trattamento che utilizza impulsi elettrici per aumentare l'efficacia dell'introduzione di farmaci immunostimolanti;
  • chemioterapia delicata e immunoterapia tenendo conto dei mezzi del gruppo citochinico (include Interleuchina-2, Interferone alfa-2, ecc.).

Quanti pazienti vivono?

La prognosi per un processo maligno avanzato è sfavorevole. La sopravvivenza mediana è stata di 6,5 mesi. Ma alcuni pazienti a cui è stata diagnosticata la metastasi cutanea vivono più di un anno. Di conseguenza, al tipo di lesione sottostante, viene presentata l'aspettativa di vita dopo la diagnosi:

  • tumore alla testa e al collo: 8,8 mesi;
  • carcinoma a cellule squamose: 6,5;
  • esofago: 4.7;
  • colon e retto: 4.4;
  • pancreas: 3.3;
  • stomaco: 1,2;
  • fegato e vescica: circa un mese.

Le metastasi cutanee indicano la diffusione di una malattia tumorale. Servono da marker per la selezione di ulteriori misure terapeutiche. Ma allo stesso tempo sono un brutto segno prognostico.

Metastasi cutanee: quanto vivono? Foto

La diffusione delle cellule maligne dalla formazione primaria alla pelle è identificata come metastasi sulla pelle. Di norma, una tale complicazione si verifica nello 0,7 - 9% di tutti i pazienti con cancro. Pertanto, rispetto ad altri organi, il danno alla pelle è una rarità. A volte viene erroneamente diagnosticato un cancro della pelle per la prima volta.

Al microscopio, le cellule metastatiche sembrano le stesse della malattia originale, ma con diversi gradi di differenziazione.

Pertanto, gli esperti distinguono chiaramente tra oncologia primaria della pelle e cancro metastatico che si è diffuso da altri tessuti del corpo.

Ha necessariamente caratteristiche molecolari comuni con il tumore primario: la presenza di specifici cambiamenti cromosomici e determinate proteine.

Che aspetto hanno le metastasi tumorali: foto con una descrizione dettagliata

L'oncologia è popolarmente chiamata la regina della malattia. Ogni anno, prende milioni di vite di cittadini ancora abbastanza abili ed è uno dei tre "leader" mondiali in termini di numero di morti sul pianeta..

Questo può spiegare la paura patologica di una persona con una diagnosi di cancro e il termine metastasi..

Le metastasi sono focolai secondari di natura maligna e sono considerati la manifestazione più grave di recidiva del cancro. Possono diffondersi in tutto il corpo del paziente dal luogo di localizzazione del tumore attraverso il flusso sanguigno, il sistema linfatico, nonché aumentare di dimensioni e crescere in organi e sistemi funzionanti vicini.

Come si verifica la metastasi, puoi imparare da questo video:

Il processo è caratterizzato da una pluralità di opzioni, fondamentalmente diverse l'una dall'altra, dalla natura dell'origine e dal metodo di distribuzione attraverso il corpo umano. Inoltre, le sue varie manifestazioni con frequenze diverse penetrano in alcune parti del corpo, mentre spesso il loro sviluppo non è accompagnato da sintomi gravi.

Metastasi cutanee: aspetto, sintomi, cause, terapia fotodinamica, sopravvivenza

Le metastasi sulla pelle sono neoplasie secondarie che si verificano a seguito della diffusione di cellule maligne di tumori primari.

Questo tipo di complicanza viene diagnosticato raramente e costituisce circa lo 0,7-9 percento dei casi..

L'esame microscopico delle metastasi cutanee ha lo stesso aspetto della patologia iniziale, ha solo un diverso grado di differenziazione.

Che cosa

Le metastasi cutanee sono una lesione secondaria di natura maligna, che appare a seguito di metastasi delle cellule tumorali dalla formazione primaria. Poiché questo tipo di complicazione viene raramente rilevato, rappresenta circa il 9 percento di tutti i casi.

A volte le metastasi vengono scambiate per cancro della pelle di tipo primario. Le strutture cellulari delle metastasi hanno una comune somiglianza con i tumori primari. Tuttavia, per differenziare la lesione secondaria, viene utilizzato il livello di differenziazione, a seguito del quale, con la differenza tra cancro primario e cancro metastatico, gli specialisti non hanno difficoltà.

Quali tipi di cancro si verificano

Le metastasi si verificano a seguito di lesioni primarie di seni, ghiandole mammarie, polmoni, colon, cavità orale e laringe. In rari casi, si verificano metastasi del carcinoma renale (in circa il 10 percento dei casi) e dell'ovaio (nell'8%).

Sintomi

I segni secondari di cancro compaiono nelle fasi 3-4 del suo sviluppo, quando si nota una manifestazione più pronunciata del quadro clinico e la prognosi del trattamento è significativamente peggiorata. Se parliamo di metastasi sulla pelle, è necessario tenere conto della loro posizione, che dipende dalla posizione della lesione primaria.

Tra i sintomi comuni delle manifestazioni del cancro della pelle, gli esperti distinguono:

  • debolezza;
  • sonnolenza aumentata;
  • riduzione delle prestazioni;
  • riduzione di peso;
  • aumento della temperatura;
  • stati depressivi;
  • indebolimento delle difese del corpo.

Se parliamo della manifestazione di una lesione metastatica, allora si manifesterà, di regola, sotto forma di noduli di varie dimensioni e quantità.

In questo caso, la pelle potrebbe rimanere invariata. Con una stretta vicinanza di metastasi al derma, appare la cianosi della pelle o acquisisce un colore rosato.

I principali sintomi delle metastasi includono la formazione di formazioni nodulari aventi una struttura densa e una rapida diffusione. Inoltre, tali sigilli tendono ad ulcerare e disintegrarsi..

È stata rilevata l'assenza di sintomi specifici della pelle. Tuttavia, con metastasi di un tumore dalla ghiandola mammaria, si osserva spesso l'aspetto sulla superficie della pelle della manifestazione, che ha una certa somiglianza con lo scleroderma o l'erisipela.

Inoltre, a seconda dei segni clinici delle metastasi dipenderà dalla posizione della neoplasia maligna primaria.

Quindi, con il cancro al seno, si nota metastasi nel cuoio capelluto o sulla superficie del seno di fronte. Esternamente, le metastasi sembrano focolai locali con una tinta rossastra e una struttura densa.

Di dimensioni, raggiungono da pochi millimetri a centimetri. In assenza di un trattamento adeguato, iniziano a germinare all'interno della pelle. Questo forma ulcere sanguinanti.

Con danni agli organi del tratto gastrointestinale, le metastasi si manifestano più spesso nella zona ombelicale. Il sigillo non provoca dolore e si gonfia leggermente sulla pelle.

Con il melanoma, qualsiasi parte del corpo può essere coinvolta nel processo di metastasi. Le lesioni di diametro possono avere dimensioni diverse. Di norma, la posizione di tali metastasi è lo spessore del derma. Inoltre, non sono inclini a formazioni ulcerative..

Diagnostica

Per identificare la vera causa della formazione secondaria, viene eseguita una biopsia, durante la quale viene prelevato un campione di biomateriale per il suo ulteriore esame istologico.

Nel caso in cui un'ulcera si sia già formata sulla superficie del sigillo nodulare, viene applicato un vetrino, su cui ci sarà un'impronta di cellule atipiche.

Inoltre, con lesione metastatica, viene effettuato uno studio molecolare e immunoistochimico, necessario in quelle situazioni in cui non è stato possibile ottenere informazioni sulla posizione del tumore primario.

Trattamento

La metastasi è un processo secondario, la cui causa principale è la lesione primaria. Ecco perché, prima di tutto, quando conducono misure terapeutiche, gli specialisti danno la preferenza all'intervento chirurgico, durante il quale viene rimossa la formazione iniziale del tumore.

Ci sono anche situazioni in cui i nodi si formano dopo l'escissione dell'area cancerosa. In questo caso, viene eseguita anche un'operazione..

Il nodo deve essere rimosso il più largo possibile al bordo del tessuto non interessato. Ciò è necessario per eliminare i focolai adiacenti di metastasi, che al momento dell'intervento non erano ancora comparsi.

A causa del fatto che la diffusione delle metastasi è spesso in una fase incurabile, la terapia è più mirata a ridurre la manifestazione dei segni clinici e ad alleviare le condizioni generali del paziente.

Per questo, gli esperti raccomandano di usare la crema Imiquimod. La sua azione è finalizzata al raggiungimento di una regressione delle metastasi cutanee dovuta all'aumento della risposta protettiva antitumorale del corpo. Le sostanze anti-angiogeniche e le citochine iniziano a essere prodotte a un ritmo maggiore.

Inoltre, non meno popolare nel trattamento delle metastasi è il metodo di criodistruzione. La sua essenza sta nel fatto che le neoplasie nodulari vengono rimosse dall'esposizione all'azoto liquido..

Nella terapia fotodinamica delle metastasi cutanee vengono utilizzati luce e ossigeno. Questo aiuta a rafforzare le forze immunitarie e distruggere i tessuti anormali..

Un'altra opzione di trattamento è l'elettrochemioterapia. Questa è una nuova tecnica in cui vengono utilizzati gli impulsi elettrici, che contribuiscono ad aumentare l'efficacia dei farmaci immunostimolanti, che sono anche prescritti ai pazienti.

Le radiazioni e la chemioterapia delicata sono obbligatorie.

Sopravvivenza

La prognosi per la metastasi delle neoplasie sulla pelle è sfavorevole. In media, secondo le statistiche, la sopravvivenza non supera i 6,5 mesi. Tuttavia, ci sono stati casi in cui i pazienti con metastasi cutanee sono riusciti a vivere più di un anno.

Pertanto, con alcuni tipi di tumore primario con metastasi sulla pelle, gli specialisti stabiliscono la seguente durata della vita:

  • testa e collo - fino a 8,8 mesi;
  • cancro del tipo squamoso - sei mesi;
  • retto e colon - 4,4 mesi;
  • stomaco - 1,2 mesi.

La prognosi della sopravvivenza è influenzata da molti criteri, dal tipo di tumore primario alle condizioni del malato di cancro al momento del rilevamento della malattia.

Le metastasi cutanee non sono solo un difetto estetico, ma anche prognosi sfavorevole per il paziente. In tali situazioni, è importante iniziare a condurre misure terapeutiche nel tempo, che ridurranno la gravità della manifestazione del quadro clinico e prolungheranno la vita della persona malata.