Basalioma

Melanoma

Il carcinoma a cellule basali della pelle o carcinoma a cellule basali è una neoplasia dell'epitelio cutaneo caratterizzata da una macchia rosa a fiocchi che si verifica principalmente sul viso.

Un tumore è un singolo nodulo rossastro che sale sopra la superficie della pelle. Il gruppo a rischio comprende persone anziane con pelle chiara e persone che si espongono regolarmente alle radiazioni solari. Tra i bambini e gli adolescenti, la probabilità di carcinoma a cellule basali è quasi eliminata..

Il carcinoma a cellule basali è il più favorevole in termini di cura e successiva sopravvivenza di un tumore della pelle. Una caratteristica distintiva di questa neoplasia maligna è che il tumore non metastatizza, quindi è relativamente ben curato.

Cos'è?

Il carcinoma a cellule basali (carcinoma a cellule basali) è un tumore maligno della pelle che si sviluppa dalle cellule epidermiche..

Ha preso il nome dalla somiglianza delle cellule tumorali con le cellule dello strato basale della pelle. Il carcinoma a cellule basali ha i principali segni di una neoplasia maligna: cresce nei tessuti vicini e li distrugge, si ripresenta anche dopo il trattamento corretto.

A differenza di altri tumori maligni, il carcinoma a cellule basali praticamente non produce metastasi. In relazione al carcinoma a cellule basali, sono possibili trattamenti chirurgici, criodistruzione, rimozione laser e radioterapia. Le tattiche terapeutiche sono selezionate individualmente, a seconda delle caratteristiche della malattia..

Ragioni per lo sviluppo

Nonostante molti anni di studio del carcinoma a cellule basali, le cause dell'evento non sono state definite con precisione. La comparsa di questi tumori è spesso associata a malattie della pelle, la maggior parte delle quali si riscontra più spesso negli anziani (dopo 50 anni). Nell'infanzia e nell'adolescenza sono molto rari e nel caso di una diagnosi di carcinoma a cellule basali nei bambini, questo è solitamente associato ad anomalie congenite, ad esempio la sindrome di Gorlin-Goltz.

I fattori che possono contribuire allo sviluppo di carcinomi a cellule basali includono:

  • radiazioni ultraviolette;
  • Radiazione ionizzante;
  • esposizione prolungata alla luce solare;
  • esposizione a sostanze cancerogene e tossiche;
  • lesioni alla pelle (ustioni, tagli, ecc.);
  • compromissione del funzionamento del sistema immunitario;
  • lesioni da infezioni virali;
  • predisposizione genetica;
  • eredità.

È dimostrato che un'esposizione frequente e prolungata al sole causa spesso la maggior parte delle malattie della pelle e aumenta anche il rischio di sviluppare un carcinoma a cellule basali. Non ignorare il tumore, anche se non causa disagio al paziente, il carcinoma a cellule basali è pericoloso perché nel processo di sviluppo del tumore cresce in strati profondi, distruggendo in tal modo i tessuti molli, della cartilagine e delle ossa.

Classificazione

Questo tipo di carcinoma a cellule basali della pelle può influenzare i tessuti della pelle in varie forme, che hanno il loro stadio di sviluppo..

  1. Forma nodulare. Un tumore canceroso appare sulla pelle sotto forma di un nodulo, la cui dimensione raggiunge i 3-4 cm. Si presenta di colore perlato e forma un'erosione sulla superficie della pelle con una crosta, che può sanguinare quando viene rimosso.
  2. Pigmentato. Il tumore appare sotto forma di un'ulcera con bordi rialzati. Di solito la sua crescita periferica può raggiungere 0,7 cm.
  3. Ulcerosa. Un'ulcera grigio scuro si forma al centro del tumore, lentamente aumentando e approfondendo. Distrugge il tessuto cutaneo sano nelle vicinanze.
  4. Cicatriziale. Questa solida neoplasia maligna ha una tonalità rosa scuro, a differenza di altri tumori, il carcinoma a cellule basali cicatriziali non appare sulla superficie della pelle. Durante lo sviluppo, questo tipo di tumore della pelle è caratterizzato dalla comparsa di erosioni, che sono sfregiate e distruggono molto rapidamente i tessuti, causando dolore insopportabile per il paziente.
  5. Sclerodermia-like. Per il suo aspetto, ricorda una cicatrice atrofica di colore bianco. La formazione maligna è spesso localizzata in varie parti del viso (naso, guance e fronte).
  6. Superficiale. Ha diverse sfumature e cresce sulla superficie della pelle di oltre 10 cm di diametro, coperto da una sottile crosta erosiva. Questo tipo di tumore della pelle è piuttosto difficile da diagnosticare, poiché spesso viene scambiato per eczema o psoriasi..
  7. Metatipico. Questo tumore appare sotto forma di nodo solitario, che si diffonde rapidamente. Questa è l'unica forma di carcinoma a cellule basali che ha la capacità di metastatizzare agli organi interni e ai linfonodi..

Sintomi

I sintomi del carcinoma a cellule basali della pelle (vedi foto) nella fase iniziale compaiono immediatamente dopo l'inizio della crescita della neoplasia.

Luoghi comuni per la comparsa del carcinoma a cellule basali: viso e collo. Piccoli noduli rosa chiaro o color carne sembrano acne, sono indolori e crescono lentamente. Nel corso del tempo, nel mezzo di una piaga così poco appariscente, si forma una crosta grigio chiaro. Il basalioma è circondato da una formazione densa sotto forma di un rullo a struttura granulare.

Se la malattia non viene diagnosticata nella fase iniziale, il processo è ulteriormente aggravato. La comparsa di nuovi noduli e la successiva fusione porta all'espansione patologica dei vasi sanguigni e alla comparsa di "asterischi vascolari" sulla superficie della pelle. Spesso al posto delle ulcere che si formano nella parte centrale del tumore, si formano cicatrici. Man mano che la cellula basale cresce, cresce nei tessuti vicini, inclusi osso e cartilagine, che si manifesta con dolore.

  1. La variante nodulare è considerata la varietà più comune di carcinoma a cellule basali, manifestata dall'apparizione di un piccolo nodulo rosato indolore sulla superficie della pelle. Man mano che il nodulo cresce, è soggetto a ulcerazione, quindi sulla superficie appare un incavo coperto da una crosta. La neoplasia sta lentamente aumentando di dimensioni, è anche possibile la comparsa di nuove strutture simili, che riflette il tipo di superficie multicentrica della crescita tumorale. Nel tempo, i noduli si fondono insieme, formando un denso infiltrato, penetrando più in profondità nel tessuto sottostante, coinvolgendo non solo lo strato sottocutaneo, ma anche cartilagine, legamenti, ossa. La forma nodulare si sviluppa più spesso sulla pelle del viso, della palpebra, nel triangolo nasolabiale.
  2. La forma nodulare si manifesta anche con la crescita di neoplasia sotto forma di un singolo nodo, ma, a differenza della versione precedente, il tumore non è incline a germinare i tessuti sottostanti e il nodo è orientato verso l'esterno.
  3. L'opzione di crescita superficiale è caratteristica delle forme dense a forma di placca del tumore, quando la lesione si estende per 1-3 cm di larghezza, ha un colore bruno-rossastro ed è dotata di molti piccoli vasi dilatati. La superficie della placca è coperta di croste, può essere erosa, ma il decorso di questa forma di carcinoma a cellule basali è favorevole..
  4. Il carcinoma a cellule basali verrucoso (papillare) è caratterizzato da una crescita superficiale, non provoca degradazione dei tessuti sottostanti e sembra un cavolfiore.
  5. La versione pigmentata del carcinoma a cellule basali contiene melanina, che le conferisce un colore scuro e ricorda un altro tumore molto maligno: il melanoma.
  6. Il carcinoma a cellule basali atrofiche cicatriziali (simile a sclerodermia) ricorda una cicatrice esternamente densa situata sotto il livello della pelle. Questo tipo di cancro procede alternando cicatrici ed erosione, quindi il paziente può vedere cicatrici tumorali già formate e fresche erosioni coperte di croste. Mentre l'ulcerazione della parte centrale, il tumore si espande, interessando nuove aree della pelle alla periferia, mentre al centro si formano cicatrici.
  7. La forma ulcerosa del carcinoma a cellule basali è piuttosto pericolosa, poiché tende a distruggere rapidamente il tessuto tumorale sottostante e circostante. Il centro dell'ulcera affonda, coperto da una crosta grigio-nera, i bordi sono sollevati, rosati-perlati, con un'abbondanza di vasi dilatati.

I principali sintomi del carcinoma a cellule basali sono la presenza sulla pelle delle strutture sopra descritte che non danno fastidio per lungo tempo, ma un aumento delle loro dimensioni, anche per diversi anni, che coinvolge i tessuti molli circostanti, i vasi sanguigni, i nervi, le ossa e la cartilagine nel processo patologico è molto pericoloso. Nella fase avanzata del tumore, i pazienti avvertono dolore, compromissione della funzione della parte interessata del corpo, sanguinamento, suppurazione nel sito di crescita della neoplasia, la formazione di fistole negli organi vicini è possibile. Di grande pericolo sono i tumori che distruggono i tessuti dell'occhio, dell'orecchio, penetrano nella cavità del cranio e fanno germogliare le membrane del cervello. La prognosi in questi casi è sfavorevole.

Come appare la cellula basale nelle fasi iniziale e avanzata nella foto:

complicazioni

Un lungo processo tumorale provoca la germinazione nelle profondità del corpo, danneggiando e distruggendo i tessuti molli, la struttura delle ossa e della cartilagine. Il carcinoma a cellule basali è caratterizzato dalla sua crescita cellulare lungo il corso naturale dei rami nervosi, tra gli strati di tessuto e la superficie del periostio..

Non rimosso durante la formazione, successivamente non si limitano solo alla distruzione dei tessuti. Il carcinoma a cellule basali è in grado di deformare e deturpare orecchie e naso, distruggendo la struttura ossea e la cartilagine e aggravando la situazione con un processo purulento, qualsiasi infezione unita è in grado.

  • colpire la mucosa nella cavità nasale;
  • andare nella cavità orale;
  • colpire e distruggere le ossa del cranio;
  • sistemarsi nell'orbita degli occhi;
  • portare alla cecità e alla perdita dell'udito.

Di particolare pericolo è l'impianto intracranico (intracranico) del tumore avanzando attraverso aperture e cavità naturali.

In questo caso, il danno cerebrale e la morte sono inevitabili. Contrariamente al fatto che il carcinoma a cellule basali è indicato come tumore non metastatico, sono noti e descritti più di duecento casi di carcinoma a cellule basali con metastasi..

Diagnostica

Come accennato in precedenza, il carcinoma a cellule basali ha diverse forme, ognuna delle quali può essere simile ad altre malattie. Il riconoscimento corretto e tempestivo di questo tumore è la chiave per una cura efficace..

Di solito, concentrandosi sui suddetti segni clinici di una forma nodulare, è sufficiente sospettare un carcinoma a cellule basali. Tuttavia, nelle fasi iniziali della crescita, quando le dimensioni del tumore non superano i 3-5 mm, è facile confonderlo con una normale talpa (soprattutto se il tumore è pigmentato), mollusco contagioso o iperplasia seborroica senile. I capelli possono crescere da una talpa, cosa che non accade con il carcinoma a cellule basali.

Una caratteristica distintiva del mollusco contagioso e dell'iperplasia seborroica senile è una piccola isoletta di cheratina nella parte centrale. Se il tumore ha croste, può essere confuso con una verruca, cheratoacantoma, carcinoma a cellule squamose della pelle e mollusco contagioso. In questo caso, la buccia deve essere accuratamente esfoliata. Con il carcinoma a cellule basali, questo è più semplice. Dopo che il fondo della ferita è stato esposto, per maggiore sicurezza e conferma scientifica, è necessario fare un'impronta di striscio dal fondo dell'ulcera e determinarne la composizione cellulare.

I carcinomi a cellule basali altamente pigmentati sono facilmente confusi con melanomi maligni. Per evitare ciò, è necessario sapere che i bordi elevati del carcinoma a cellule basali non contengono quasi mai melanina. Inoltre, la colorazione del carcinoma a cellule basali è spesso marrone e il melanoma ha una tinta grigio scuro. La forma piatta del carcinoma a cellule basali può essere confusa con l'eczema, le placche psoriasiche e la malattia di Bowen, ma quando si raschia le squame dal bordo del tumore, viene rivelato il vero quadro della malattia.

Questi segni clinici hanno lo scopo di orientare il medico verso la diagnosi corretta e la sua conferma deve essere effettuata solo dopo una biopsia, citologia o esame morfologico del tumore.

Alla nomina di questi specialisti, al paziente possono essere poste le seguenti domande:

  1. Da quanto tempo appare l'educazione?
  2. Come si è manifestato, sia che fosse presente dolore o prurito?
  3. Esistono tali formazioni in qualsiasi altra parte del corpo? Se è così, dove?
  4. Sia per la prima volta che il paziente lo incontra o hanno già avuto formazioni simili?
  5. Qual è il tipo di attività e le condizioni in cui il paziente lavora?
  6. Quanto tempo trascorre in media il paziente all'aria aperta?
  7. Applica le misure di protezione necessarie in relazione alla radiazione solare?
  8. Il paziente è stato esposto a radiazioni eccessive? In tal caso, dove e approssimativamente qual era la dose totale?
  9. Il paziente ha parenti con il cancro??

Se ci sono squame, vengono delicatamente rimosse su un vetrino, immerse in una soluzione speciale ed esaminate al microscopio. Quando la superficie dell'ulcera viene esposta, viene applicato un vetrino, coperto con un vetrino e anche esaminato al microscopio. Se la pelle sopra il tumore è intatta, l'unico modo per stabilire una diagnosi accurata è una biopsia con la raccolta di materiale tumorale per l'analisi.

Come trattare il carcinoma a cellule basali della pelle?

Il principale metodo di trattamento del carcinoma a cellule basali nella fase iniziale sul naso e in altre parti del corpo era e rimane la rimozione del tumore mediante un intervento chirurgico, dopo di che il tessuto rimosso viene inviato per un ulteriore esame. Lo specialista non solo rimuove il carcinoma a cellule basali, ma anche il tessuto intatto e sano circostante. Dopo l'intervento chirurgico, il paziente ha bisogno dell'osservazione di un dermatologo specializzato per il rilevamento tempestivo e la rimozione della ricaduta.

Le persone in età (che hanno un carcinoma a cellule basali nell'orecchio o nel naso) possono ricevere la chemioterapia topica (usando un unguento al fluorouracile). Durante la terapia, il verificarsi di arrossamenti gravi non è escluso. È necessario utilizzare l'unguento fino al momento in cui l'area trattata non raggiunge lo stadio di rigenerazione. Può anche essere usato un unguento immunomodulatore, grazie al quale le cellule immunitarie diventano più attive, proteggendo così la pelle più dal tumore.

In caso di rifiuto dell'intervento chirurgico o con una crescita molto attiva della neoplasia, gli specialisti possono consigliare la radioterapia.

Nella fase iniziale della malattia, il trattamento con azoto liquido (crioterapia, criodistruzione del carcinoma a cellule basali) mostra una grande efficacia. Innanzitutto, il tessuto malato viene congelato, quindi la parte caduta viene inviata per l'esame istologico.

Di recente, la popolarità di approcci più moderni sta crescendo: il trattamento secondo il metodo Mohs. Di solito vi ricorrono durante lo sviluppo localizzato sul viso. Durante la terapia, il carcinoma a cellule basali viene rimosso a strati al microscopio. In questo caso, i tessuti intatti non sono interessati, di conseguenza, viene minimizzata la possibilità di ricevere vari difetti cosmetici postoperatori..

Dopo la rimozione del carcinoma a cellule basali (recidiva)

Il carcinoma a cellule basali è un tumore soggetto a recidiva. Ciò significa che dopo la rimozione del tumore, il rischio di carcinoma a cellule basali nella stessa area della pelle dopo un certo periodo di tempo è piuttosto elevato. Inoltre, c'è un alto rischio che si formi su un'altra parte della pelle.

Secondo i risultati di studi e osservazioni moderni su persone che hanno rimosso varie forme di carcinoma a cellule basali, la probabilità di ricaduta entro cinque anni è almeno del 50%. Ciò significa che entro 5 anni dalla rimozione, il tumore si forma di nuovo nella metà delle persone.

Le ricadute sono molto probabilmente se la cellula basale distante è localizzata su palpebre, naso, labbra o orecchio. Inoltre, la probabilità di ricaduta è maggiore quando il tumore era grande.

Prevenzione

Per prevenire lo sviluppo del carcinoma a cellule basali, si raccomandano le seguenti misure profilattiche:

  • utilizzare una speciale protezione solare prima di ogni esposizione al sole;
  • nei giorni di sole, indossa un cappello e occhiali da sole;
  • Non visitare il solarium;
  • evitare l'esposizione al sole nella stagione calda a 12-16 ore;
  • prima di andare in spiaggia non usare profumi e deodoranti;
  • esami preventivi da parte di un dermatologo.

previsione

La prognosi per la vita e la salute con carcinoma a cellule basali nella fase iniziale è favorevole, poiché il tumore non fornisce metastasi. Entro 10 anni dalla rimozione del tumore, sopravvive un totale del 90% delle persone. E tra quelli i cui tumori non sono stati rimossi in uno stato trascurato, il tasso di sopravvivenza a dieci anni si avvicina quasi al 100%.

Un tumore è considerato lanciato se ha un diametro superiore a 20 mm o è germogliato in grasso sottocutaneo. Cioè, se il carcinoma a cellule basali al momento della rimozione era inferiore a 2 cm e non cresceva in grasso sottocutaneo, il tasso di sopravvivenza a 10 anni è quasi del 98%. Ciò significa che questa forma di cancro può essere completamente curata..

Carcinoma delle cellule basali

Informazione Generale

Il carcinoma a cellule basali (sinonimi di carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule basali) è uno dei tumori più comuni nella popolazione umana, che rappresenta fino al 75% delle neoplasie epiteliali della pelle non melanoma. Secondo la definizione dell'OMS, si tratta di un tumore localmente distruttivo da parte delle cellule dello strato basale dell'epidermide / follicoli piliferi con crescita lenta e metastasi rare (Fig. Sotto).

La localizzazione più frequente sono le aree esposte della pelle che sono direttamente esposte alla luce solare. Il carcinoma cutaneo a cellule basali (BCC) si sviluppa spesso sulla pelle del viso (82-97% dei casi) principalmente nel naso e nelle palpebre, nelle regioni temporali, nelle guance e nella fronte, nelle pieghe nasolabiali e nel labbro superiore. Allo stesso tempo, il carcinoma a cellule basali si sviluppa spesso sotto forma di tumori multipli. La seconda localizzazione più frequente è la pelle del collo, del tronco, del cuoio capelluto e dei padiglioni auricolari (nel 7,2% dei casi). Significativamente meno spesso, il carcinoma a cellule basali si sviluppa sulla pelle della schiena e degli arti (nel 3,7% dei casi).

Carcinoma cutaneo a cellule basali (foto)

Gli studi epidemiologici indicano un aumento costante dell'incidenza di BCC nel mondo in media del 3-10% all'anno. Il codice per MKB-10 è C44. Questo tipo di tumore è una malattia dell'età anziana / senile predominante, che rappresenta il 72-78% dei casi, meno comune in età relativamente giovane. L'età media dei pazienti è di 64,4 anni. Si verifica più spesso negli uomini, a causa della grande esposizione alle radiazioni ultraviolette a causa delle specifiche delle loro attività professionali. Nonostante la crescita lenta, rari casi di metastasi (0,051-0,15% dei casi) e decessi, il cancro della pelle delle cellule basali può causare una pronunciata ed estesa distruzione locale dei tessuti molli, della cartilagine e del tessuto osseo, causando deturpazione di aree cosmeticamente significative del corpo. La metastasi si verifica attraverso la via linfogena / ematogena, di solito ai polmoni, al fegato, alla pleura, all'esofago, alla milza, al cuore, al peritoneo, ai reni, alle ghiandole surrenali, alla dura madre.

Il tumore si verifica principalmente in quegli individui che sono spesso / intensamente esposti alle radiazioni solari. Inoltre, per lo sviluppo del tumore, il fattore più importante non è l'intensità della radiazione, ma la natura cronica dell'effetto ultravioletto. Di conseguenza, carcinoma a cellule basali del viso e in particolare carcinoma a cellule basali della pelle nasale.

Foto. Carcinoma delle cellule basali

Nonostante l'elevata incidenza di carcinoma a cellule basali, il suo tasso di rilevazione rimane estremamente basso, pari solo al 6–8%, il che ne ritarda significativamente il trattamento..

patogenesi

Il ruolo principale nella patogenesi della CDBC appartiene alla cosiddetta via di segnalazione SHH (via di segnalazione di Hedgehog). Hedgehog-signaling monitora l'attività dei geni coinvolti nella morfogenesi ed è proprio il suo danno che viene rilevato nella BCC. Il complesso Hedgehog (HSC) include direttamente la proteina transmembrana Smo, il fattore di trascrizione Ci e le chinasi proteiche.

Le mutazioni del gene PTCH situato sul cromosoma 9q, codificato dal recettore SHH, svolgono un ruolo primario. Anche le mutazioni specifiche causate dalle radiazioni ultraviolette in vari oncogeni del gene p53 soppressore del tumore, che si trovano in quasi il 50% dei casi, sono di certa importanza. Altre mutazioni (loci e geni CDKN2A (H-Ras, K-Ras e N-Ras) sono rilevate in un numero significativamente inferiore di casi sporadici di BCC (Fig. Sotto).

In assenza di ligandi (ioni / molecole neutri) negli endosomi, il recettore trans transmembrana blocca la proteina transmembrana SMO. Nei processi di proteolisi parziale e fosforilazione del fattore di trascrizione, le chinasi proteiche con microtubuli del complesso Hh sono attivamente coinvolte. Di conseguenza, una forma divisa delle forme del fattore GliR, che, penetrando nel nucleo, blocca la trascrizione dei geni bersaglio. In presenza di un ligando Hh, cessa l'azione bloccante del recettore Path, SMO lascia gli endosomi, causando la dissociazione del complesso proteico Hh, la perdita della sua connessione con i microtubuli e la formazione di una forma non divisa (completa) del fattore di trascrizione Gli-act, che penetra nel nucleo e attiva il processo trascrizione di geni target. Il meccanismo di attivazione della via di segnalazione SHH è mostrato nelle Figure a e b seguenti..

In generale, i meccanismi di attivazione della via di segnalazione sono presentati nella figura seguente, dove A è il meccanismo di mutazione; B - autocrino; C e D - meccanismo paracrino.

Classificazione

La classificazione si basa su varie caratteristiche. Secondo la prevalenza del basiloma, si distinguono diverse fasi:

  • stadio iniziale (carcinoma preinvasivo) - nonostante la presenza di cellule tumorali, il tumore non si è formato ed è estremamente difficile determinarlo;
  • Stadio 1: il diametro del tumore raggiunge i 2 cm, la neoplasia è limitata dal derma e non passa sui tessuti adiacenti;
  • Stadio 2: il diametro della cellula basale raggiunge i 5 cm, germina l'intero spessore della pelle, non si estende al tessuto sottocutaneo;
  • Fase 3: il diametro supera i 5 cm, le ulcerazioni superficiali, si approfondiscono nella pelle, distruggendo il tessuto adiposo sottocutaneo, i tendini e i muscoli;
  • Stadio 4: un tumore di diametro raggiunge i 10 o più centimetri, danneggia la cartilagine, le ossa e gli organi adiacenti.

In base alle caratteristiche morfologiche e all'aspetto del tumore, si distinguono le forme superficiali, nodulari (nodulari), nodulari-ulcerative, ulcerative, simili a sclerodermia, cicatrici atrofiche, verruche, pigmentate di carcinoma a cellule basali e altre varianti miste.

In conformità con la classificazione internazionale, si distinguono diversi tipi di crescita del basiloma: superficiale, sclerodermia e fibroepiteliale.

Secondo la manifestazione clinica, si distingue la fase iniziale, sviluppata e terminale. Di norma, il carcinoma a cellule basali dello stadio iniziale sembra un piccolo nodulo con un diametro fino a 2 cm, senza ulcerazione. Carcinoma a cellule basali foto dello stadio iniziale sottostante.

Stadio espanso - un tumore fino a 5 cm con lesioni dei tessuti molli e ulcerazioni primarie (foto sotto).

Lo stadio terminale - il tumore raggiunge i 10 o più centimetri, gli ulcerati, crescono nel tessuto sottostante. Le foto della pelle delle cellule basali nella fase terminale sono reperibili su forum specializzati.

Le cause

La base dello sviluppo del basiloma cutaneo, come già notato, sono i disturbi genetici. E i più importanti fattori eziologici per lo sviluppo di BCC sono:

  • Esposizione cronica ultravioletta intensiva e in particolare alle onde dello spettro delle onde corte (290-320 nm). Inoltre, il periodo di latenza tra il danno primario alla pelle causato dai raggi ultravioletti e la manifestazione clinica del tumore può variare entro ampi limiti, raggiungendo i 20-50 anni.
  • Una storia familiare sfavorevole (la presenza di sindromi ereditarie nel genere, come Bazex, sindrome di Gorlin-Goltz, nevo delle cellule basali, rombo, tipi 1 e 2 di pelle) in cui si nota uno sviluppo frequente di basiloma.
  • Immunodeficienza acquisita / congenita, compreso l'uso di immunosoppressori, citostatici.
  • Patologie della pelle (ulcere / ferite non cicatrizzanti a lungo termine, dermatite cronica, cicatrici da ustioni, processi infiammatori e distrofici, albinismo, xeroderma pigmentosa, ecc.).
  • Esposizione a sostanze tossiche / cancerogene (arsenico, idrocarburi, fuliggine).
  • Raggi X / radiazioni radioattive ed elettromagnetiche.
  • Età (dopo 60 anni) e sesso (maschio).

Sintomi

Il basiloma è caratterizzato da una crescita lenta, si sviluppa più spesso per un numero di mesi e persino anni. La crescita tumorale più attiva si osserva lungo la periferia del fuoco con fenomeni pronunciati di apoptosi cellulare. Pertanto, nel trattamento del basiloma, è importante una chiara definizione dei confini della lesione e un pieno effetto sulle zone di crescita periferica.

Il quadro clinico della malattia e il comportamento biologico del tumore sono determinati dal suo tipo morfologico e istologico. Di seguito sono riportate le foto della pelle delle cellule basali di varie forme..

Forma della superficie. È caratterizzato dalla formazione di una singola macchia rosa con bordi rialzati e una superficie lucida, simile a focolai di micosi, eczema, psoriasi (Fig. Sotto).

Le sue varietà includono BCRC pigmentato, in cui il colore di messa a fuoco è marrone. Corso benigno caratteristico. Una macchia può esistere a lungo senza un aumento delle dimensioni o con un lento e leggero aumento della sua area. La frequenza di questa forma è di circa il 10% di tutti i carcinomi a cellule basali..

La forma nodulare (grande-nodulare) è la forma più comune di carcinoma a cellule basali. Rappresenta circa il 75% di tutti i casi. È una formazione tondeggiante esofitica, a crescita lenta, di colore rosa. Con la variante ulcera-nodale, la parte centrale del nodo è spesso ulcerata e rapidamente coperta da una crosta. Meno comunemente, l'ulcerazione aumenta di dimensioni e assume la forma di un imbuto con la formazione di un denso infiltrato infiammatorio fino a 1 cm di larghezza alla periferia.Il BCC infiltrativo ulcerativo può distruggere i tessuti, specialmente quando è localizzato vicino ad aperture naturali (padiglioni auricolari, naso, occhi). - Provare BKKK (Fig. Sotto).

Spesso, le forme nodali contengono melanina, che dà la formazione di un colore marrone o nero (pigmento BCC). La localizzazione più frequente (oltre il 90%) è la pelle del collo e della testa.

Forma sclerodermica (piatta). È caratterizzato da una formazione simile a una placca con bordi a forma di rotolo, color carne e con una lucentezza perlacea. Scleroderma ricorda una cicatrice. Questo modulo costituisce circa il 6% di tutto il BCRC. Nella maggior parte dei casi, i casi sono localizzati sulla pelle del collo e della testa (Fig. Sotto).

Questa forma è caratterizzata da un decorso aggressivo, una rapida crescita invasiva nei tessuti sottostanti (tessuto adiposo e muscoli). Nelle fasi successive dello sviluppo, è possibile l'ulcerazione.

Forma ulcerosa. Un'ulcera si diffonde non solo sulla superficie, ma distrugge anche attivamente tutti i tessuti sottostanti, comprese le ossa, ed è accompagnata da un forte dolore. L'ulcera può essere croccante e presenta bordi lisci, densi e piatti (foto sotto).

Forma infiltrativa (spesso causata dalla progressione della variante piatta e nodulare di BKKR - foto sotto).

È caratterizzato da una componente infiltrativa pronunciata, una tendenza alla ricaduta e una prognosi sfavorevole.
Esistono molte varianti diverse di forme miste, quando, mentre il tumore si sviluppa, una forma passa in un'altra.

Test e diagnostica

La diagnosi del basiloma si basa sulla rilevazione di neoplasie caratteristiche sulla pelle e sulla verifica morfologica del processo mediante esame istologico del materiale bioptico o esame citologico del raschiamento. Per escludere la presenza di metastasi negli organi interni / linfonodi, se necessario, vengono eseguiti ulteriori studi: ultrasuoni, radiografia, tomografia computerizzata.

Trattamento del carcinoma a cellule basali della pelle

Il trattamento del carcinoma basocellulare della pelle del viso prevede la completa rimozione del tumore minimizzando al contempo un difetto estetico e massimizzando la conservazione della funzione. I metodi di trattamento dipendono principalmente dal potenziale rischio di recidiva dell'una o dell'altra forma del tumore, che a sua volta dipende dall'aggressività del decorso clinico e dai segni istologici. Un fattore altrettanto importante nella scelta del metodo è la posizione del tumore, poiché il mantenimento della funzione e la riduzione al minimo del difetto estetico per l'operazione sono fondamentali, soprattutto quando si trova in aree aperte della pelle, come il viso.

Il trattamento farmacologico può essere utilizzato per forme di BCC con un basso rischio di recidiva. Nonostante la bassa efficienza, i vantaggi del trattamento farmacologico locale sono la conservazione dei tessuti circostanti e l'effetto cosmetico, la possibilità di un trattamento a casa. Per fare questo, usa localmente Imiquimod 5% crema, Kuraderm, Ingentol mebulat, 5-fluorouracile (5-FU), Fluoroafurovu e Prospidin unguento, che vengono applicati in uno strato sottile sulla zona interessata della pelle per 24 ore con una cattura di 5-7 mm di pelle clinicamente invariata sotto una medicazione occlusiva per 2-3 settimane.

La terapia farmacologica sistemica viene eseguita con una variante metastatica di basiloma o con una variante non operabile distribuita localmente del tumore. A volte è prescritto prima dell'asportazione chirurgica del tumore, chemioterapia sistemica, criodistruzione. A tal fine, al farmaco viene prescritto un inibitore del riccio che segnala Wismodeglib, che ha un meccanismo selettivo di azione e bassa tossicità. Sonidegib si riferisce anche a farmaci con un effetto simile..

Il trattamento del carcinoma a cellule basali comprende anche l'immunoterapia, che consiste nell'uso sistemico / locale di farmaci immunomodulanti, in particolare interferoni ricombinanti - Viferon (supposte), alfa-2b-reaferonomy, Intron. Reaferon e Intron sono stati usati per scheggiare un tumore per 2-3 cicli. I farmaci sono abbastanza efficaci, poiché si nota una marcata riduzione delle dimensioni dei tumori e alcuni di essi sono stati risolti dall'atrofia cicatriziale..

Bazalioma - rimedi popolari

Esistono vari metodi popolari per il trattamento del carcinoma a cellule basali (succo di celidonia, decotto di radice di bardana, foglie di piantaggine, prodotti dell'apicoltura, ecc.) Tuttavia, quasi tutti i rimedi popolari non hanno alcuna base di evidenza e non è consigliabile utilizzarli come metodo di trattamento principale..

I principali metodi di trattamento del basiloma sono:

  • chirurgia;
  • radioterapia (utilizzata nelle fasi iniziali della malattia, una dose carcinocida di almeno 70 gr.);
  • elettrocoagulazione;
  • terapia fotodinamica (la distruzione del tumore avviene attraverso l'implementazione di una reazione fotodinamica);
  • criodistruzione (rimozione di un tumore mediante azoto liquido).

Carcinoma a cellule basali: che cos'è, sintomi, tipi e trattamento del carcinoma a cellule basali

Una delle formazioni cutanee maligne più comuni è il carcinoma a cellule basali o carcinoma a cellule basali. Gli oncologi tumorali designano i tumori da cellule epiteliali maligne..

Il carcinoma della pelle delle cellule basali ha origine dalle cellule basali dell'epidermide - epitelio squamoso stratificato.

Pelle: ha uno spesso strato di tessuto connettivo, rivestito sulla parte superiore dell'epidermide. Per tutta la vita, l'epitelio cutaneo viene costantemente aggiornato. Le cellule giovani crescono dallo strato basale - cheratociti.

Nel corso del loro sviluppo, si spostano verso gli strati superiori, cheratinizzano e desquamano. Il prossimo strato protettivo sta crescendo al loro posto. Il basalioma è formato da cellule basali o come viene anche chiamato strato germinale.

Normalmente, lo strato germinale della pelle è chiaramente delimitato dai tessuti sottostanti. Le sue cellule si trovano allo stesso livello sulla cosiddetta membrana basale. In caso di crescita maligna delle cellule, penetrano attraverso la membrana del tessuto connettivo e penetrano nei tessuti sottostanti.

Localizzazione

Più spesso, il basalioma è localizzato nelle parti aperte del corpo, che rappresentano circa l'80% di tutti i casi. Di solito è la pelle del viso, meno spesso il cuoio capelluto. Secondo la localizzazione della cellula basale, il viso colpisce le seguenti aree:

  • regione frontale (7%);
  • palpebre (14%);
  • angoli delle palpebre (9%);
  • piega nasolabiale (9%);
  • area dell'ala del naso (10%);
  • regione parotide (10%);
  • padiglione auricolare (10%);
  • regione temporale (11%).

Altra localizzazione del tumore è il collo, il tronco e gli arti superiori e inferiori..

Carcinoma a cellule basali nei bambini

Nell'infanzia, il carcinoma a cellule basali è raro. I fattori che contribuiscono allo sviluppo del tumore, a quanto pare, dovrebbero avere un effetto cancerogeno sulla pelle esposta per molti anni. Allo stesso tempo, secondo le statistiche, di tutti i tumori della pelle nei bambini, il carcinoma a cellule basali viene diagnosticato molto più spesso rispetto ad altre forme.

Di particolare nota è una malattia geneticamente determinata: la sindrome di Gorlin-Holtz. Questa patologia ereditaria è accompagnata da una combinazione di anomalie del sistema scheletrico, del sistema riproduttivo, dei cambiamenti cistici nella mascella inferiore. Anche con questa sindrome, si osserva anche il carcinoma a cellule basali multiple. È caratteristico che la pelle delle cellule basali in questo caso non sia singola, ma multipla. I nodi tumorali sono localizzati in aree aperte e numerano in decine e centinaia.

Le cause

Secondo le statistiche, il carcinoma a cellule basali viene diagnosticato più spesso negli adulti dopo 50 anni..

I fattori di rischio per l'insorgenza di questa patologia sono:

  • eccessiva insolazione solare;
  • esposizione prolungata ai raggi ultravioletti nel solarium;
  • la presenza di precedenti lesioni meccaniche;
  • ustioni precedenti;
  • Radiazione ionizzante;
  • soppressione del sistema immunitario.

Tipi di tumore

Si distinguono i seguenti tipi di carcinoma a cellule basali:

Ulcera nodulare

Questo tipo di tumore sembra un nodo leggermente elevato, a volte ulcerato. La dimensione di una tale cellula basale non supera i 2‒3 cm Il tumore ha una consistenza più densa. È saldato ai tessuti circostanti.

Su una superficie rosata, sono spesso visibili vasi sanguigni dilatati, o come sono anche chiamati "vene del ragno". Dalla pelle sana circostante, il nodo è delimitato da una cintura rosata.

Molto spesso, il carcinoma a cellule basali di questo tipo si trova nella regione della piega rinofaringea..

Maglia grossa (nodulare, solida)

Il basalioma nodulare cresce verso l'esterno. Questa è la sua differenza dall'ulcera nodulare. Ha l'aspetto di un emisfero di colore giallastro o rosato. Questo tumore è spesso localizzato nelle palpebre e nell'angolo dell'occhio. La localizzazione sul bordo interno della palpebra può portare a gravi complicazioni della circolazione cerebrale.

penetrante

La pelle delle cellule basali di questo tipo cresce con danni all'integrità della pelle.

Questo basalioma è localizzato in aree soggette a lesioni..

Se lo stadio iniziale procede sotto forma di forme nodulari-ulcerative e nodulari, allora la cellula basale perforante, molto probabilmente, è una conseguenza di un'ulteriore crescita del tumore.

La maggior parte della superficie della formazione è coperta da una crosta. Solo dai bordi rimane una piccola area di tessuto rosato intatto.

Warty (papillare)

Questo tipo di carcinoma a cellule basali assomiglia ad una semplice verruca virale in apparenza. La superficie del tumore aumenta in modo significativo sopra la pelle circostante. Il nodo ha piccole sporgenze, simili a una verruca, dello stesso colore grigiastro. Tale carcinoma a cellule basali non ha vasi dilatati e ulcerazioni sulla sua superficie..

Pigmentato (cicatrice piatta)

La pelle delle cellule basali pigmentata ricorda il nevo pigmentato. La sua superficie è piatta, pigmentata, si alza leggermente sopra la pelle circostante.

Lungo la periferia, una tale cellula basale è circondata da piccoli ispessimenti tumorali, situati come una collana.

Se non trattato, il tumore cresce lentamente. Con un decorso così lento del carcinoma a cellule basali, la parte centrale del nodo ulcera e successivamente guarisce con la formazione di una cicatrice.

Nel tempo, il carcinoma a cellule basali acquisisce una forma specifica di un punto scuro e denso con una cicatrice nella parte centrale.

Sclerodermia-like

Questo tipo di carcinoma a cellule basali assomiglia a un nodo nella malattia cronica della pelle: la sclerodermia. In apparenza, è un nodulo piccolo, denso e leggero, leggermente in aumento sopra i tessuti circostanti. Questa cellulosa basale non si ulcererà mai..

Il tumore non forma elevazioni, cicatrici o pigmentazione. Con la crescita, il nodo cresce di dimensioni, la pelle su di esso diventa più sottile, i vasi dilatati traslucidi diventano evidenti.

Superficiale (pagetoide)

La pelle delle cellule basali pagetoide sembra una placca piatta rosata o rossastra. Questa varietà nel corso lento del processo patologico ricorda il cancro di Paget (tumore superficiale del capezzolo del seno).

La superficie piatta rossastra del nodo tumorale è circondata da piccoli noduli situati nella periferia.

Un tale carcinoma a cellule basali progredisce molto lentamente. Il carcinoma a cellule basali di tipo pagetoide può crescere per decenni e non disturbare il paziente.

Cilindroma (tumore di Spiegler)

Questa malattia della pelle ricorda solo il cancro delle cellule basali. Il tumore è sempre localizzato solo nel cuoio capelluto. È rappresentato da più nodi torreggianti adiacenti che ricordano gli emisferi.

A causa della sua natura multipla e localizzazione, la malattia di Spiegler è anche chiamata "tumore del turbante".

La superficie dei nodi tumorali è liscia, rosata con piccoli vasi dilatati. Per la prima volta questa patologia viene diagnosticata durante l'infanzia.

Molto raramente, questa malattia viene rilevata dopo 10 anni. Nella sua struttura cellulare, appartiene al gruppo dal cilindro - tumori delle ghiandole sudoripare e non è canceroso.

L'esame microscopico del carcinoma cutaneo a cellule basali è suddiviso nelle seguenti forme:

  • multicentrico superficiale;
  • adenoidi;
  • tipo di morfea con ialinosi;
  • tipo fibroepiteliale.

Il carcinoma superficiale multicentrico a cellule basali è un accumulo di cellule basali, che sotto forma di cordoncini corti crescono in profondità nel tessuto sottocutaneo. Le corde tumorali sono spesso parallele alla superficie..

La forma adenoide nella sua struttura cellulare ricorda il tessuto ghiandolare. La crescita delle cellule tumorali forma nidi e piccole cellule ghiandolari.

Un tipo di morfea con ialinosi è più spesso un carcinoma a cellule basali del viso. La formazione di un nodo tumorale procede con la compattazione dei tessuti circostanti a causa della ialinosi (degenerazione simile alla cartilagine).

Il carcinoma a cellule basali fibroepiteliali è una crescita di molti cavi tumorali nel tessuto cutaneo. Queste formazioni sono successivamente circondate da cellule cicatriziali e diventano più dense. È questo stadio che viene descritto dai medici come un tipo di tumore simile alla sclerodermia.

Sintomi del carcinoma cutaneo a cellule basali

Una caratteristica del carcinoma a cellule basali è un cuscino denso rossastro che circonda il tumore. Allungando la pelle, questo rullo mantiene la sua forma.

Carcinoma a cellule basali con sintomi minimi.

Inizialmente, più spesso su parti aperte del corpo, appare un piccolo nodulo che ricorda un brufolo comune (vedi foto sopra).

A volte ci sono molti di questi noduli situati nelle vicinanze. Successivamente, si uniscono in un nodo grande.

Il carcinoma a cellule basali non provoca dolore.

Dei sintomi, i pazienti riportano solo un lieve prurito nell'area del tumore.

Fasi del carcinoma a cellule basali

Le fasi del carcinoma a cellule basali sono determinate dalle dimensioni del nodo tumorale. I medici distinguono tra cinque fasi dello sviluppo del tumore, incluso lo zero.

Lo stadio iniziale della malattia è caratterizzato da cambiamenti minimi. La pelle sopra il tumore che inizia a crescere non viene modificata. La diagnosi di uno stadio zero viene fatta per caso durante un esame microscopico di materiale chirurgico prelevato per altri motivi..

1. Alla prima gradazione, la cellula basale è già un nodo ben definito con un diametro fino a 2 cm. A questo punto, il tumore si trova ancora negli strati superiori della pelle. Non germina nei tessuti sottostanti, le metastasi sono assenti.

2. Il secondo stadio è caratterizzato dal fatto che il nodo tumorale raggiunge un diametro superiore a 2 cm, ma inferiore a 5 cm. Il carcinoma cutaneo a cellule basali di questa specie sta già iniziando a invadere gli strati fibrosi sottostanti, ma non è ancora penetrato nel grasso sottocutaneo. Anche le metastasi sono assenti.

3. Il terzo stadio è caratterizzato da una dimensione di formazione di oltre 5 cm di diametro. Allo stesso tempo, le corde tumorali non invadono il tessuto sottocutaneo. Nessuna metastasi.

4. Il carcinoma cutaneo a cellule basali del quarto stadio è il più aggressivo. Il tumore penetra in profondità nel tessuto sottostante. In questo caso, possono essere colpite sia la cartilagine che le ossa. Tale crescita, ad esempio, può produrre carcinoma a cellule basali. Sono stati descritti casi isolati quando il carcinoma a cellule basali metastatizza ai linfonodi e al tessuto osseo vicini..

Diagnostica

La diagnosi del carcinoma cutaneo a cellule basali è attendibilmente possibile solo con un esame microscopico del tumore. La localizzazione superficiale del nodo lo rende accessibile a tutti i tipi di ricerca.

Vengono utilizzati 2 metodi principali di diagnosi microscopica: citologica e istologica.

Durante un esame citologico, la raschiatura dei tessuti viene eseguita dalla superficie del tumore, che può essere un carcinoma basocellulare. In alternativa, un piccolo pezzo di tessuto viene prelevato e premuto saldamente contro il vetrino da microscopio.

Allo stesso tempo, gli accumuli di cellule rimangono sulla superficie del vetro, che sono colorati con una tecnica speciale..

Al microscopio, l'esame citologico distingue chiaramente le cellule cancerose dell'epitelio basale.

Il metodo istologico è un esame di un pezzo di tessuto tumorale in un blocco di paraffina. Tale frammento di tumore viene trattato in modo speciale e da esso viene preparato un blocco di paraffina. Dal blocco vengono ricavate fette di spessore inferiore a un micron. Sono colorati con coloranti speciali..

Nel metodo istologico di indagine, il carcinoma a cellule basali è una parte dello strato basale alterato della pelle che penetra in profondità nella forma di corde e nidi separati. Questi sono i gruppi di cellule tumorali che crescono nel tessuto sano circostante..

La diagnostica strumentale distingue il carcinoma a cellule basali da lichen planus, lupus eritematoso, sclerodermia e molte altre malattie della pelle.

Come trattare il cancro della pelle delle cellule basali

I metodi di trattamento del carcinoma a cellule basali sono selezionati in base allo stadio di formazione. Il trattamento del carcinoma a cellule basali dipende dalle dimensioni del tumore, dal grado della sua invasione nel tessuto circostante. Il numero di nodi e la loro localizzazione sono importanti.

Quando si sceglie un metodo, è importante considerare lo stato di salute del paziente. Ciò è dovuto al fatto che spesso la malattia viene rilevata già nella vecchiaia..

Rimozione del tumore

Uno qualsiasi dei metodi di guarigione ha lo scopo di rimuovere o distruggere il tessuto tumorale. Vengono utilizzati i seguenti trattamenti per il carcinoma a cellule basali:

  • chirurgico;
  • rimozione laser;
  • Criodistruzione;
  • radioterapia;
  • rimozione mediante elettrocoagulazione;
  • fototerapia;
  • chemioterapia locale;
  • metodo combinato.

Metodo operativo

Questo tipo di trattamento per il carcinoma a cellule basali viene spesso utilizzato. La tattica è dovuta al fatto che il tumore si trova di solito in aree del corpo accessibili all'intervento (ad esempio, con carcinoma a cellule basali facciali). Con il metodo dell'incisione, il nodo tumorale viene asportato all'interno dei tessuti sani..

La localizzazione dell'istruzione è presa in considerazione. Quindi, con la localizzazione nell'angolo interno dell'occhio, il chirurgo dovrebbe prestare particolare attenzione. È in questa zona che le navi comunicanti con il passaggio della cavità cranica.

In caso di basalomi ricorrenti simili a sclerodermia, nonché in altre recidive del tumore, la chirurgia viene eseguita utilizzando speciali tecniche microscopiche. La tecnica di rimozione chirurgica è indicata anche per l'inefficacia della precedente radioterapia.

Rimozione laser

Il trattamento laser del carcinoma a cellule basali viene eseguito più spesso in caso di localizzazione del processo tumorale sul viso. Tale intervento dà l'effetto cosmetico più benefico. Prima dell'operazione, l'anestesia locale della pelle viene eseguita con una pasta speciale o utilizzando l'anestesia locale per la scheggiatura.

Il tessuto tumorale viene bruciato da un raggio laser. In questo caso, le ricadute della crescita tumorale sono rare. Il periodo di riabilitazione con un tale intervento è più breve rispetto al metodo incisionale. Il metodo di rimozione laser non lascia cicatrici. Il difetto che si forma nel sito del tumore viene sostituito da una pelle sana che cresce dalla periferia.

Criodistruzione

Questo metodo di rimozione del carcinoma a cellule basali si basa sull'esposizione a temperature estremamente basse. Non importa dove è localizzata la cellula basale. Vengono utilizzati due metodi di criodistruzione: aerosol e applicazione.

Nel primo metodo, il refrigerante viene applicato sulla superficie del tumore sotto forma di aerosol. Sotto l'azione della bassa temperatura, le cellule maligne muoiono a causa della formazione di cristalli di ghiaccio nel loro citoplasma. Questo metodo è più indicato quando lo stadio della malattia non è accompagnato da germinazione..

Durante l'applicazione (applicazione), vengono utilizzate sonde e tamponi speciali. L'azione del freddo in questo caso è più lunga. Il metodo è efficace anche in forme invasive, inclusa l'impossibilità di rimuovere chirurgicamente il carcinoma a cellule basali. L'azoto liquido con una temperatura di -197 ° C viene utilizzato per il raffreddamento..

Irradiazione

Un modo per trattare il carcinoma a cellule basali è la radiazione. Il metodo si basa sull'effetto distruttivo delle radiazioni ionizzanti. Le cellule tumorali a causa dell'immaturità sono più suscettibili a fattori dannosi..

Per proteggere gli organi e i tessuti sottostanti dalle radiazioni, vengono utilizzate la radioterapia a fuoco ravvicinato o la radiazione beta. Entrambi questi tipi di esposizione sono superficiali..

Il trattamento a raggi X è più economico rispetto alla beta a causa della disponibilità di attrezzature.

Il numero di sedute radiografiche viene calcolato in base alla dimensione del tumore. In questo caso, il radiologo calcola l'intensità del tubo a raggi X e il numero di sessioni, a seconda della dose totale necessaria per l'effetto.

Il trattamento del carcinoma a cellule basali con raggi beta (fasci di elettroni accelerati) viene effettuato su attrezzature speciali. A seconda dello stadio del tumore, il medico regola la densità del flusso di particelle..

Questo metodo consente di calcolare più accuratamente la dose di radiazioni ionizzanti. Gli elettroni accelerati non penetrano in profondità nei tessuti molli e non danneggiano le aree sottostanti.

elettrocoagulazione

Il metodo di elettrocoagulazione si basa sull'effetto sulla formazione maligna di correnti ad alta frequenza. Sotto l'azione della HDTV, le cellule tumorali vengono distrutte e bruciate dal riscaldamento..

Il carcinoma a cellule basali facciali di solito non viene trattato con questo metodo a causa della formazione di tessuto cicatriziale grezzo nel sito di intervento.

Inoltre, il metodo è considerato abbastanza affidabile. A causa degli intensi effetti termici, ci vuole più tempo per guarire la ferita chirurgica..

Chemioterapia locale

Con questo metodo, il trattamento del carcinoma a cellule basali viene effettuato applicando speciali farmaci citotossici sulla superficie della pelle interessata. Per il trattamento vengono utilizzate creme, gel e unguenti. Il principio attivo che distrugge il tessuto tumorale, con unguento penetra nelle sue cellule. Il dosaggio viene calcolato in modo da non danneggiare la pelle sana circostante.

Uno dei vantaggi di questa tecnica è che il trattamento può essere fatto a casa. I preparati sotto forma di unguenti sono ben tollerati anche dai pazienti debilitati. Per l'uso, le localizzazioni aperte sono più adatte, ad esempio, con lo stesso carcinoma basocellulare della pelle del viso.

fototerapia

L'effetto sul tumore è effettuato da un'intensa radiazione luminosa. Per questo metodo, al paziente viene iniettata una speciale sostanza fotosensibile che si accumula nelle cellule tumorali. Non importa dove è localizzata la cellula basale. Sotto l'influenza delle onde luminose dirette, si verificano il riscaldamento delle cellule tumorali e la trombosi delle navi circostanti. Di conseguenza, il tumore si rompe..

Trattamento combinato

Questo metodo include una combinazione di diverse tecniche per la distruzione del tessuto tumorale. In ogni singolo caso, il medico decide la combinazione, la sequenza e l'intensità dell'effetto sulla neoplasia. In questo caso, lo stato di salute generale del paziente viene necessariamente preso in considerazione..

Ricaduta dopo la rimozione

Nessuno dei trattamenti per il carcinoma a cellule basali fornisce una garanzia completa di cura. Il carcinoma a cellule basali può ripresentarsi. La ragione potrebbe essere:

  • escissione incompleta associata a inaccessibilità;
  • germinazione del tumore negli strati profondi;
  • deriva delle cellule tumorali con corrente linfatica;
  • la presenza di focolai tumorali non rilevati;
  • errori di trattamento.

Attenzione! Il segno più affidabile di recidiva è l'apparizione nel sito del carcinoma a cellule basali rimosso di piccoli noduli tumorali situati come una collana.

Altri sintomi includono una sensazione di prurito e una leggera sensazione di bruciore nel sito del tumore rimosso. In luoghi di distruzione di piccoli noduli, si verifica il peeling della pelle.

In caso di recidiva dopo l'intervento chirurgico, il trattamento viene continuato con radioterapia o chemioterapia. Per il riconoscimento tempestivo della ricaduta entro pochi anni dall'intervento, è necessario consultare un oncologo ogni 3 mesi.

Previsioni e prevenzione

La prognosi del cancro della pelle come il carcinoma a cellule basali è favorevole. Questo tipo di tumore maligno ha una crescita molto lenta. Alcuni tipi di carcinomi a cellule basali non cambiano la loro dimensione nel corso degli anni. Le metastasi ad altri organi e tessuti sono estremamente rare. Ad oggi, tali esempi di metastasi sono descritti da unità dell'intera storia mondiale della medicina..

Per prevenire la formazione di un tumore, evitare un'eccessiva esposizione al sole, specialmente durante il suo periodo di attività. Un ruolo importante è svolto dal trattamento tempestivo delle lesioni cutanee. Anche i fattori cancerogeni, come l'esposizione a radiazioni ionizzanti e sostanze chimiche aggressive, devono essere evitati..

Carcinoma a cellule basali (carcinoma a cellule basali)

Articoli di esperti medici

Il carcinoma a cellule basali (sinonimo: carcinoma a cellule basali, epitelioma a cellule basali, ulcus rodens, epitelioma basocellulare) è un tumore della pelle che si verifica frequentemente con una crescita distruttiva pronunciata, una tendenza a ricadere, di regola, non metastatizza, e quindi è più accettato nella letteratura russa termine "carcinoma a cellule basali".

Codice ICD-10

Cause del carcinoma a cellule basali

La questione dell'istogenesi non è stata risolta; la maggior parte dei ricercatori aderisce a una teoria disontogenetica dell'origine, secondo la quale il carcinoma a cellule basali si sviluppa da cellule epiteliali pluripotenti. Possono differenziarsi in diverse direzioni. Nello sviluppo del cancro, l'importanza è attribuita a fattori genetici, disturbi immunitari, influenze esterne avverse (intensa insolazione, contatto con agenti cancerogeni). Può svilupparsi sulla pelle clinicamente invariata, nonché sullo sfondo di una varietà di patologie cutanee (cheratosi senile, radiodermite, lupus tubercolosi, nevi, psoriasi, ecc.).

Il carcinoma a cellule basali è un carcinoma a cellule basali a crescita lenta e raramente metastatico che si verifica nell'epidermide o nei follicoli piliferi, le cui cellule sono simili alle cellule basali dell'epidermide. Non è considerato un tumore o una neoplasia benigna, ma come un tipo speciale di tumore con crescita distruttiva locale. A volte, sotto l'influenza di agenti cancerogeni forti, principalmente raggi X, un carcinoma a cellule basali si trasforma in carcinoma a cellule basali. La questione dell'istogenesi non è stata ancora risolta. Alcuni credono che i carcinomi a cellule basali si sviluppino dall'anlage epiteliale primario, altri da tutte le strutture epiteliali della pelle, tra cui la primordia embrionale e le malformazioni.

Fattori di rischio

I fattori che provocano sono insolazione, raggi UV, raggi X, ustioni, assunzione di arsenico. Pertanto, il carcinoma a cellule basali si trova spesso in soggetti con pelle di tipo I e di tipo II e albini, che sono esposti a intensa insolazione per lungo tempo. È stato scoperto che un'eccessiva insolazione nell'infanzia può portare allo sviluppo di un tumore in molti anni.

patogenesi

L'epidermide è leggermente atrofica, a volte ulcerata, si nota la proliferazione delle cellule tumorali basofile, simile alle cellule dello strato basale. L'anaplasia non è pronunciata, ci sono poche mitosi. Il carcinoma a cellule basali raramente metastatizza, poiché le cellule tumorali che entrano nel flusso sanguigno non sono in grado di proliferare a causa della mancanza del fattore di crescita prodotto dallo stroma del tumore.

Patomorfologia della pelle delle cellule basali

Istologicamente, il carcinoma a cellule basali è diviso in indifferenziato e differenziato. Il gruppo indifferenziato comprende carcinomi a cellule basali solide, pigmentate, simili a morfoidi e superficiali, quello differenziato - cheratotico (con differenziazione piloide), cistico e adenoide (con differenziazione ghiandolare) e con differenziazione sebacea.

Nella classificazione internazionale dell'OMS (1996), si distinguono le seguenti varianti morfologiche del carcinoma a cellule basali: multicentrico superficiale, codulare (solido, adenocistico), infiltrante, non sclerosante, sclerosante (desmoplastico, simile al morfo), fibroepiteliale; con differenziazione dell'appendice: follicolare, eccrina, metatypical (basosquamous), cheratotica. Tuttavia, il confine morfologico di tutte le varietà è sfocato. Quindi, in un tumore immaturo ci possono essere strutture adenoidi e, al contrario, con la sua struttura organoide, si trovano spesso focolai di cellule immature. Inoltre, non esiste una corrispondenza completa tra i quadri clinici e istologici. Di solito c'è conformità solo con forme come superficiale, fibroepiteliale, simile a sclerodermia e pigmentata.

Per tutti i tipi di carcinomi a cellule basali, il principale criterio istologico è la presenza di complessi tipici di cellule epiteliali con nuclei ovali di colore scuro nella parte centrale e situati a forma di palizzata lungo la periferia dei complessi. In apparenza, queste cellule assomigliano a cellule epiteliali basali, ma differiscono da quest'ultima in assenza di ponti intercellulari. I loro nuclei sono generalmente monomorfi e non sensibili all'anaplasia. Lo stroma del tessuto connettivo prolifera insieme al componente cellulare del tumore, situato sotto forma di fasci tra i filamenti cellulari, dividendoli in lobuli. Lo stroma è ricco di glicosaminoglicani, colorati con blu di toluidina metacromatica. Contiene molti basofili tissutali. Tra il parenchima e lo stroma, vengono spesso rilevate lacune di retrazione, che molti autori considerano un artefatto di fissazione, sebbene la probabilità di esposizione a un'eccessiva secrezione di ialuronidasi non sia negata.

Carcinoma a cellule basali solide tra le forme indifferenziate è più comune. Istologicamente, è costituito da varie forme e dimensioni di corde e cellule di cellule basaloidi localizzate in modo compatto con bordi sfocati che ricordano il sincizio. Complessi simili di cellule epiteliali basali alla periferia sono circondati da elementi allungati che formano una caratteristica "palizzata". Le cellule al centro dei complessi possono subire alterazioni distrofiche con la formazione di cavità cistiche. Pertanto, insieme alle strutture solide, può esistere la cistica, formando una variante cistica solida. A volte le masse distruttive sotto forma di detriti cellulari sono intarsiate con sali di calcio.

Carcinoma a cellule basali pigmentato istologicamente caratterizzato da pigmentazione diffusa e dovuto alla presenza di melanina nelle sue cellule. Nello stroma del tumore vi è un gran numero di melanofagi con un alto contenuto di granuli di melanina.

Una maggiore quantità di pigmento viene solitamente rilevata con una variante cistica, meno spesso con un multicentrico solido e superficiale. I bazaliomi con grave pigmentazione contengono molta melanina nelle cellule epiteliali sopra il tumore, in tutto il suo spessore fino allo strato corneo.

Carcinoma superficiale a cellule basali spesso multipli. Istologicamente, è costituito da piccoli complessi multipli solidi associati all'epidermide, come se "sospesi" da esso, occupando solo la parte superiore del derma allo strato reticolare. Nello stroma si trovano spesso infiltrati linfoistiocitici. La molteplicità dei fuochi indica la genesi multicentrica di questo tumore. Il carcinoma superficiale a cellule basali si ripresenta spesso dopo il trattamento attorno alla periferia della cicatrice.

Carcinoma basocellulare simile alla sclerodermia, o il tipo "morfea", si distingue per lo sviluppo abbondante del tessuto connettivo delle specie simili a sclerodermia, in cui sono "murate" le pareti strette di cellule epiteliali basali, che si estendono in profondità nel derma fino al tessuto sottocutaneo. Le strutture simili a polisad possono essere viste solo in grandi fili e celle. L'infiltrazione reattiva attorno ai complessi tumorali localizzati nel massiccio stroma del tessuto connettivo è di solito scarsa e più pronunciata nella zona di crescita attiva alla periferia. Un'ulteriore progressione di cambiamenti distruttivi porta alla formazione di cavità cistiche piccole (cribrosoform) e più grandi. A volte le masse distruttive sotto forma di detriti cellulari sono intarsiate con sali di calcio.

Carcinoma ghiandolare basocellulare, o un tipo adenoide, caratterizzato dalla presenza, oltre ai siti solidi, di strette corde epiteliali, costituite da più file, e talvolta 1-2, di cellule che formano strutture tubolari o alveolari. Le cellule epiteliali periferiche di quest'ultima hanno una forma cubica, a seguito della quale un carattere simile a una polisad è assente o meno pronunciato. Le cellule interne sono più grandi, a volte con una cuticola pronunciata, la cavità dei tubi o delle strutture alveolari sono piene di mucina epiteliale. La reazione con l'antigene carcinoembryonic dà una colorazione positiva della mucina extracellulare sulla superficie delle cellule che rivestono le strutture simili a dotti.

Carcinoma a cellule basali con differenziazione ciloide caratterizzato dalla presenza nei complessi di cellule epiteliali basali di centri di cheratinizzazione circondati da cellule simili a spinose. L'attinizzazione in questi casi si verifica bypassando la fase cheratogialina, che ricorda la zona cheratogena dell'istmo dei follicoli piliferi normali e può presentare una differenziazione tricoidea. A volte si riscontrano follicoli matti immaturi con segni iniziali di formazione del fusto del capello. In alcune forme di realizzazione, si formano strutture simili a gemme di capelli embrionali, così come cellule epiteliali contenenti glicogeno corrispondenti a cellule dello strato esterno del follicolo pilifero. A volte ci possono essere difficoltà nel differenziarsi con l'amartoma basaloide follicolare.

Carcinoma a cellule basali con differenziazione sebacea è raro, caratterizzato dalla comparsa di focolai o singole cellule tipiche delle ghiandole sebacee tra le cellule epiteliali basali. Alcuni di loro sono grandi, a forma di anello, con un citoplasma leggero e nuclei eccentrici. Se macchiato con il Sudan III, il grasso si rivela in essi. I lipociti sono significativamente meno differenziati rispetto alla normale ghiandola sebacea, si osservano forme transitorie tra loro e le cellule epiteliali basali circostanti. Ciò suggerisce che questo tipo di tumore è istogeneticamente legato alle ghiandole sebacee..

Tipo fibroepiteliale (syn.: fibroepithelioma del Pincus) è una rara varietà di carcinoma a cellule basali che si verifica più spesso nella regione lombosacrale e può essere combinato con cheratosi seborroica e carcinoma a cellule basali superficiali. Clinicamente, può apparire come fibropapilloma. Lesioni multiple descritte.

Istologicamente, nel derma si trovano filamenti stretti e lunghi di cellule epiteliali basali che si estendono dall'epidermide, circondati da uno stroma iperplastico, spesso edematoso, modificato con mucoide con un gran numero di fibroblasti. Lo stroma è ricco di capillari e basofili dei tessuti. Le corde epiteliali anastomose tra loro, sono costituite da piccole cellule scure con una piccola quantità di citoplasma e nuclei rotondi o ovali, intensamente colorati. A volte in tali filoni ci sono piccole cisti piene di contenuti eosinofili omogenei o masse cornee.

Sindrome Neobazocellulare (syn. Sindrome di Gordin-Goltz) è una sindrome multi-organotropica, autosomica dominante correlata a faccomatosi. Si basa su un complesso di alterazioni iper o neoplastiche dovute a disturbi dello sviluppo embrionale. Un sintomo cardinale è l'insorgenza di carcinomi a cellule basali multiple nei primi periodi di vita, accompagnati da cisti odontoteniche delle mascelle e anomalie delle costole. Mot può essere la cataratta e i cambiamenti nel sistema nervoso centrale. È anche caratterizzato da frequenti cambiamenti nei palmi e nelle suole sotto forma di "impressioni" in cui si trovano istologicamente anche strutture basaloidi. Dopo una fase nevoidea basaliomatosa precoce, dopo alcuni anni, di solito nella pubertà, in queste aree compaiono forme ulcerative e localmente degradanti come indicatore dell'inizio della fase oncologica.

I cambiamenti istologici in questa sindrome non sono praticamente diversi dalle precedenti varietà di carcinomi a cellule basali. Nell'area delle "impressioni" palmare-plantari vi sono difetti nello strato corneo dell'epidermide con l'assottigliamento dei suoi strati rimanenti e la comparsa di ulteriori processi epiteliali da piccole cellule basaloidi tipiche. I carcinomi a grandi cellule basali si sviluppano raramente in questi luoghi. I singoli focolai di cellule basali di natura lineare includono tutte le varianti di carcinomi a cellule basali organoidi.

Istogenesi del carcinoma a cellule basali della pelle

Il carcinoma a cellule basali può svilupparsi sia dalle cellule epiteliali che dall'epitelio del complesso pilosebase. Nelle sezioni seriali M. Hundeiker e N. Berger (1968) hanno mostrato che nel 90% dei casi il tumore si sviluppa dall'epidermide. Uno studio istochimico su vari tipi di tumore mostra che nella maggior parte delle cellule sono presenti glicogeno, glicosaminoglicani nello stroma del tumore, in particolare con quadri adamantinoidi e cilindrici. Le glicoproteine ​​vengono costantemente rilevate nelle membrane del seminterrato.

La microscopia elettronica ha rivelato che la maggior parte delle cellule dei complessi tumorali contengono un insieme standard di organelli: piccoli mitocondri con matrice scura e poliribosomi liberi. Nei punti di contatto, i ponti intercellulari sono assenti, ma mostrano escrescenze simili a dita e un piccolo numero di contatti simili a desmosomi. Nei siti di cheratinizzazione si notano strati cellulari con ponti intracellulari e un gran numero di tonofilamenti nel citoplasma. Occasionalmente, si trovano zone di cellule contenenti complessi di membrane cellulari, che possono essere interpretate come una manifestazione della differenziazione ghiandolare. La presenza di melanosomi in alcune cellule indica una differenziazione pigmentaria. Nelle cellule epiteliali basali, gli organelli caratteristici delle cellule epiteliali mature sono assenti, il che indica la loro immaturità.

Attualmente, si ritiene che questo tumore si sviluppi da cellule epiteliali germinative pluripotenti sotto l'influenza di vari stimoli esterni. La connessione istologicamente e istochemicamente comprovata del carcinoma a cellule basali con lo stadio anagenico della crescita dei capelli e ha enfatizzato la somiglianza con il proliferare delle gemme embrionali di capelli. R. Holunar (1975) e M. Kumakiri (1978) ritengono che questo tumore si sviluppi nello strato germinale dell'ectoderma, dove si formano cellule epiteliali basali immature con potenziale di differenziazione.