Basalioma: un tipo di tumore della pelle: cause, classificazione, sintomi e fasi, metodi di trattamento e recensioni, foto

Melanoma

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Il carcinoma a cellule basali è un tumore maligno che si sviluppa da cellule atipiche dello strato basale dell'epidermide e appartiene a uno dei tipi di tumore della pelle. Poiché l'epidermide è una struttura specifica della pelle, le cellule basali possono essere localizzate esclusivamente sulla pelle. In linea di principio, il carcinoma a cellule basali può svilupparsi ovunque sulla pelle, ma molto spesso il tumore è localizzato sul viso e sulla testa (palpebre, naso, labbro superiore, pieghe nasolabiali, guance, padiglione auricolare o cuoio capelluto).

Il carcinoma a cellule basali è il più favorevole in termini di cura e successiva sopravvivenza di un tumore della pelle. Una caratteristica distintiva di questa neoplasia maligna è che il tumore non metastatizza, quindi è relativamente ben curato.

Basalioma - una caratteristica generale e un meccanismo di sviluppo del tumore

Il carcinoma a cellule basali è anche chiamato carcinoma a cellule basali della pelle, corrodendo l'ulcera o la pelle carcinoide. Tutti questi termini sono usati come sinonimi per la stessa patologia, vale a dire tumori della pelle da cellule atipicamente alterate dello strato basale dell'epidermide.

Attualmente, i carcinomi a cellule basali rappresentano dal 60 all'80% di tutti i tumori della pelle. I tumori si sviluppano principalmente nelle persone di età superiore ai 50 anni. In giovane età, il carcinoma a cellule basali non si verifica quasi mai. In una popolazione, un tumore colpisce più spesso gli uomini. Il rischio totale di sviluppare questo tipo di tumore della pelle per tutta la vita è del 30 - 35% per gli uomini e del 20 - 25% per le donne. Cioè, il tumore è abbastanza comune - ogni terzo uomo e ogni quarta donna.

Il tumore è specifico per la pelle e nessun altro organo è interessato, cioè i carcinomi a cellule basali possono formarsi esclusivamente sulla pelle..

Molto spesso, il basalioma è localizzato nelle seguenti aree della pelle:

  • Labbro superiore;
  • Palpebra superiore o inferiore;
  • Naso;
  • Pieghe nasolabiali;
  • Guance;
  • padiglione auricolare;
  • Collo;
  • Cuoio capelluto;
  • Fronte.

Nel 90% dei casi, il basalioma è localizzato in queste aree della pelle del viso. Nel restante 10% dei casi, può formarsi un tumore sulla pelle del tronco, delle braccia o delle gambe.

Per natura della crescita, i carcinomi a cellule basali appartengono a tumori maligni, poiché la neoplasia non cresce nella capsula, ma, senza alcun guscio, cresce semplicemente nel tessuto, distruggendo la loro normale struttura. Il basalioma cresce non solo in profondità, ma anche in larghezza, che si manifesta con un'espansione simultanea dell'area del tumore e un aumento del volume dei tessuti sottostanti danneggiati. Cioè, a causa della crescita in larghezza, il basalioma cattura nuove aree sane della pelle situate al confine con il tumore. E a causa della crescita in profondità, il tumore germoglia sequenzialmente prima tutti gli strati della pelle, quindi grasso sottocutaneo. Di norma, le dimensioni esterne del carcinoma a cellule basali sono correlate alla profondità della sua crescita nel tessuto. Cioè, più grande è la superficie della cellula basale sulla pelle, più profonda è germogliata nel tessuto.

Nonostante la natura aggressiva della crescita, che consiste nella germinazione dei tessuti con una violazione della loro struttura e funzioni, la cellula basale sta lentamente aumentando di dimensioni - di solito non più di 5 mm all'anno. Questo rende il tumore lentamente progressivo, e quindi relativamente curabile..

Tuttavia, oltre alla crescita invasiva aggressiva, qualsiasi tumore maligno è caratterizzato dalla capacità di metastatizzare, che il carcinoma a cellule basali non ha. Cioè, il carcinoma a cellule basali non si metastatizza ad altri organi e questo lo distingue da altri tumori maligni di varie sedi e origini..

Poiché il carcinoma a cellule basali ha solo una proprietà obbligatoria di una neoplasia maligna (natura aggressiva della crescita) e la seconda non lo è (la capacità di metastatizzare), viene spesso definita tumore borderline. Ciò significa che il carcinoma a cellule basali ha proprietà tumorali sia benigne che maligne..

Il basalioma si sviluppa dalle cellule degenerate dello strato basale dell'epidermide. Per capire cosa significhi, è necessario immaginare la struttura della pelle e soprattutto il suo strato superiore: l'epidermide. Quindi, la pelle è composta da ipoderma, derma ed epidermide. Lo strato più in alto che vediamo in ogni persona è l'epidermide, che consiste di cinque strati. Lo strato più basso è chiamato basale o germoglio, seguito da uno strato a punta, quindi granulare e lucido, seguito da uno strato corneo. È lo strato corneo che è esterno e direttamente a contatto con l'ambiente. Il carcinoma a cellule basali è formato da cellule dello strato basale dell'epidermide che hanno subito degenerazione maligna..

Poiché l'epidermide e, di conseguenza, il suo strato basale è solo sulla pelle, la cellula basale può formarsi esclusivamente sulla pelle. In altri organi, una cellula basale non può mai formarsi..

Esternamente, il carcinoma a cellule basali è un punto, una talpa o un'elevazione sulla pelle, che aumenta gradualmente di dimensioni, con un approfondimento e una crosta dell'ulcera nella parte centrale. Quando si strappa questa crosta, è visibile una superficie sanguinante ulcerata. Il bazalioma può essere scambiato per una ferita, tuttavia, a differenza di una vera ferita, non guarisce mai completamente. Cioè, l'ulcera al centro del tumore può praticamente guarire, ma poi formarsi di nuovo, ecc. Il carcinoma a cellule basali ulcerate si forma con un'esistenza piuttosto a lungo termine del tumore e nelle fasi iniziali ricorda una normale crescita sulla pelle o sulla talpa.

Cellula basale, cute facciale e nasale

I termini "carcinoma a cellule basali della pelle" e "carcinoma a cellule basali della pelle del viso" non sono del tutto corretti, poiché presentano un eccessivo raffinamento in essi. Quindi, un basalioma è sempre localizzato solo sulla pelle, su qualsiasi altro organo, questo tumore non può mai formarsi in nessuna circostanza. Cioè, il carcinoma a cellule basali è sempre solo pelle. Pertanto, il termine "carcinoma a cellule basali della pelle" è una variante di quel raffinamento eccessivo e inutile, che è descritto in modo ampio e figurato dall'espressione "olio di petrolio".

Nel termine "carcinoma a cellule basali della pelle del viso" c'è anche un chiarimento errato e non necessario del "carcinoma a cellule basali della pelle" ed è inoltre indicato su quale parte del tegumento della pelle si trova il tumore - il viso. Tuttavia, nel 90% dei casi, i carcinomi a cellule basali sono localizzati sulla pelle del viso e i medici specificano sempre punti di riferimento molto più precisi, come l'ala del naso, la piega nasolabiale, ecc. Per chiarire la loro posizione. Pertanto, in sostanza, il termine "pelle della pelle delle cellule basali" contiene anche chiarimento e indicazione completamente imprecisa della posizione del tumore.

Il termine "carcinoma a cellule basali nasali" è una variante della corretta designazione del tipo di tumore e del chiarimento della sua posizione. La formazione di carcinoma a cellule basali sul naso si verifica abbastanza spesso in persone di sesso ed età diversi. Tuttavia, nel suo corso, varietà cliniche e metodi di trattamento, il carcinoma a cellule basali nasali non è diverso da quello di qualsiasi altra localizzazione, ad esempio il carcinoma a cellule basali delle palpebre o il carcinoma a cellule basali del collo, ecc. Pertanto, non è pratico considerare la cellula basale di ciascuna localizzazione separatamente. Nell'ulteriore testo dell'articolo, presentiamo i dati caratteristici di tutte le cellule basali di qualsiasi localizzazione, e se è necessario enfatizzare qualsiasi caratteristica del tumore nasale, questo sarà fatto.

Carcinoma delle cellule basali

Carcinoma delle cellule basali

Il carcinoma a cellule basali è uno dei tre tipi di cancro della pelle. Oltre ai carcinomi a cellule basali, i seguenti tumori sono attribuiti al cancro della pelle:

  • Carcinoma a cellule squamose della pelle;
  • Melanoma.

Rispetto al melanoma e al carcinoma a cellule squamose, il carcinoma a cellule basali ha un decorso più benigno, e quindi nell'80 - 90% dei casi può essere completamente guarito, dopo di che una persona vive per un periodo di tempo sufficientemente lungo e muore per altre cause o malattie. Le caratteristiche distintive del carcinoma a cellule basali sono la crescita lenta e l'assenza di metastasi ad altri organi. Il melanoma e il carcinoma a cellule squamose crescono molto più rapidamente e sono caratterizzati da un'alta tendenza alle metastasi, a causa delle quali sono tumori più aggressivi e quindi potenzialmente pericolosi.

Tuttavia, la lenta crescita del carcinoma a cellule basali e l'assenza di metastasi non significa che non debba essere rimosso, poiché questo tumore è comunque maligno. Il sintomo principale con cui il carcinoma a cellule basali si riferisce a neoplasie maligne è la sua crescita aggressiva, in cui il tumore non ha una membrana e cresce direttamente all'interno dei tessuti, distruggendo completamente la loro struttura. A causa di questa natura di crescita, la cellula basale interrompe completamente la struttura dell'area della pelle su cui è localizzata e quindi deve essere rimossa. Sfortunatamente, dopo la rimozione della cellula basale, si ripresenta nel 50% dei casi, che è anche caratteristica del cancro.

Basalioma (stadio iniziale e avanzato) - foto

Questa fotografia mostra un carcinoma a cellule basali superficiale..

Questa fotografia mostra un carcinoma a cellule basali nodali..

Questa fotografia mostra il carcinoma a cellule basali nella fase iniziale..

Questa foto mostra un carcinoma a cellule basali del naso..

Questa foto mostra il carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto..

Cause della malattia

Forme di carcinoma a cellule basali (classificazione)

Attualmente, ci sono due principali classificazioni dei carcinomi a cellule basali, una delle quali si basa sull'aspetto e sulle caratteristiche della crescita del tumore, e la seconda sulla sua struttura microscopica. Di conseguenza, la classificazione dei carcinomi a cellule basali in base al loro tipo e alle caratteristiche di crescita è considerata clinica ed è spesso usata dai professionisti per descrivere il tumore in una formulazione di diagnosi estesa. La classificazione dei carcinomi a cellule basali in base alla loro struttura microscopica viene utilizzata dagli istologi che studiano i tumori rimossi o parti di essi prelevati durante le biopsie. Questa classificazione istologica non è praticamente utilizzata dai medici professionisti, ma è di grande importanza nella ricerca scientifica..

Secondo la classificazione clinica, si distinguono le seguenti forme di carcinoma a cellule basali:

  • Forma nodulare-ulcerosa;
  • Grossolano-nodulare (nodulare, forma solida);
  • Forma penetrante;
  • Forma verrucosa (papillare);
  • Forma pigmentaria (cicatrice piatta);
  • Forma simile a sclerodermia;
  • Forma superficiale (pagetoide);
  • Cilindroma (tumore di Spiegler).

Le forme sopra forniscono una descrizione abbastanza dettagliata e accurata di tutte le opzioni per i carcinomi a cellule basali che un medico può incontrare. Tuttavia, molto spesso una persona sviluppa cellule basali nodulari (nodulari-ulcerative o nodulari), superficiali, simili a sclerodermia o piatte. Considera una breve descrizione di tutte le forme di carcinoma a cellule basali..

Carcinoma basocellulare nodulare-ulcerativo

Carcinoma a cellule basali solido (nodulare, a grana grossa)

Carcinoma a cellule basali perforante

Carcinoma a cellule basali verrucoso

Carcinoma a cellule basali pigmentato (cicatrice piatta)

Carcinoma basocellulare simile alla sclerodermia

Carcinoma superficiale a cellule basali

Cilindroma (tumore di Spiegler)

Il cilindro (tumore di Spiegler) si forma sempre solo sul cuoio capelluto. Il tumore è costituito da un gran numero di piccoli noduli emisferici densi che si alzano sopra la superficie della pelle. I nodi sono colorati in viola-rosa e le loro dimensioni possono variare da 1 cm a 10 cm La superficie della cellula basale è completamente ricoperta da vene di ragno..

Secondo la classificazione istologica, esistono tre varietà di carcinoma a cellule basali:
1. Carcinoma superficiale multicentrico a cellule basali;
2. Carcinoma sclerodermico a cellule basali;
3. Carcinoma a cellule basali fibroso-epiteliale.

Sintomi della malattia

Il basalioma è caratterizzato da una crescita lenta ma costante, a seguito della quale in pochi anni il tumore da un piccolo nodulo si trasforma in una formazione di oltre 10 cm di diametro. Nelle fasi iniziali, la cellula basale assomiglia a una bolla grigio-rosata, traslucida che ricorda una perla. Tocca il tumore è denso, coperto da una crosta. La crosta è scarsamente separata dalla superficie del carcinoma a cellule basali. In alcuni casi, il tumore non appare come un nodulo, ma piuttosto come un'erosione pressata che ricorda un graffio.

Quindi, man mano che il tumore cresce, la sua parte centrale inizia a ulcerare. Inoltre, le piaghe sono coperte di croste, dopo la separazione delle quali diventano visibili le erosioni sanguinanti. Intorno alla crosta o piaga aperta c'è un rullo di piccole bolle - "perle". Nel corso del tempo, l'ulcera diventa più profonda e la sua superficie diventa più densa e ai bordi si forma un rullo. Con la crescita del carcinoma a cellule basali, la sua superficie inizia a staccarsi..

Il carcinoma a cellule basali può crescere o nell'entroterra. Se il tumore cresce verso l'alto, cioè verso l'esterno, quindi ulcerando, forma una struttura densa e immobile simile a una placca sulla superficie della pelle. Se il tumore diventa più profondo, quindi ulcerante, si approfondisce sempre di più e, alla fine, distrugge i tessuti localizzati in profondità, comprese le ossa.

Fasi del carcinoma a cellule basali

Oltre a questa classificazione esatta, ne viene utilizzata un'altra: una più semplice, in base alla quale si distinguono gli stadi iniziale, espanso e terminale del carcinoma a cellule basali.

Lo stadio iniziale del carcinoma a cellule basali corrisponde agli stadi 0 e I della classificazione esatta. Ciò significa che i carcinomi a cellule basali, che sono un piccolo nodulo di diametro inferiore a 2 cm senza ulcerazione, sono riferiti allo stadio iniziale.

Lo stadio espanso del carcinoma a cellule basali corrisponde all'II e all'inizio dell'III stadio della classificazione esatta. Cioè, lo stadio espanso del carcinoma a cellule basali è caratterizzato dalla comparsa di un tumore relativamente grande con ulcerazione primaria.

Lo stadio terminale del carcinoma a cellule basali corrisponde agli stadi III - IV della classificazione esatta. Ciò significa che nella fase terminale il tumore ha una dimensione grande - fino a 10 cm o più, e i tessuti sottostanti sottostanti sono cresciuti, comprese le ossa. In questa fase, si sviluppano numerose complicazioni dovute alla distruzione di organi.

Conseguenze (complicanze)

Il carcinoma a cellule basali è la forma meno aggressiva di cancro della pelle che non forma quasi mai metastasi in altri organi. Tuttavia, nonostante ciò, il carcinoma a cellule basali può provocare gravi complicazioni che possono portare non solo alla perdita di funzionalità di alcuni organi, ma anche alla morte.

Tali complicanze del carcinoma a cellule basali sono causate dalla distruzione dei tessuti profondi da parte di un tumore in crescita. Se il tumore viene lanciato, cioè è cresciuto notevolmente e ha distrutto le ossa, le orecchie, gli occhi o le conchiglie del cervello, quindi gli organi colpiti cessano di funzionare normalmente. Di conseguenza, sono proprio i disturbi visivi e uditivi o le fratture ossee che saranno complicazioni del carcinoma a cellule basali. Quando la crescita delle cellule basali si verifica nel cervello, una persona di solito muore.

Basalioma - trattamento

Rimozione del carcinoma a cellule basali

Operazione con carcinoma a cellule basali

Rimozione laser

La rimozione laser del carcinoma a cellule basali presenta numerosi vantaggi rispetto alla chirurgia, come ad esempio:

  • Ridurre al minimo il rischio di ricaduta;
  • Manipolazione indolore;
  • Sterilità, che esclude l'infezione della ferita;
  • Guarigione senza una cicatrice grande e evidente.

La rimozione laser del carcinoma a cellule basali può essere utilizzata solo con piccole dimensioni del tumore. Inoltre, questo metodo è ottimale quando il tumore è localizzato in luoghi difficili da raggiungere, ad esempio dietro l'orecchio, nell'angolo dell'occhio, ecc..

A seconda del tipo di laser utilizzato, per la completa rimozione del carcinoma a cellule basali, saranno necessarie da 1 a 3 sessioni.

Sfortunatamente, la rimozione laser del carcinoma a cellule basali non può essere utilizzata se una persona ha le seguenti malattie o condizioni:

  • Lesioni e danni alla pelle nell'area del carcinoma a cellule basali;
  • Diabete;
  • Malattie infettive acute;
  • Compromissione della funzione tiroidea;
  • Gravidanza;
  • Ipersensibilità alla luce;
  • Grave malattia cardiovascolare.

Criodistruzione del tumore

La criodistruzione a cellule basali consiste nel trattamento del tumore con azoto liquido. Sotto l'influenza della bassa temperatura, le cellule tumorali muoiono e collassano, il che consente di rimuovere completamente la neoplasia. La criodistruzione viene eseguita in anestesia locale..

Il metodo di criodistruzione può essere utilizzato per rimuovere piccoli basalomi situati in aree aperte della pelle, anche sul viso. Dopo la criodistruzione del tumore, rimangono delicate cicatrici poco appariscenti..

Irradiazione del carcinoma a cellule basali

elettrocoagulazione

Chemioterapia locale

fototerapia

Metodo combinato di rimozione delle cellule basali

Il metodo combinato per la rimozione dei carcinomi a cellule basali consiste nell'utilizzare contemporaneamente diversi metodi, ad esempio criodistruzione e chemioterapia locale, ecc. Di solito, il trattamento combinato viene utilizzato per carcinomi a cellule basali con localizzazione in aree difficili da raggiungere o per tumori di grandi dimensioni che sono spuntati in profondità nei tessuti sottostanti..

La scelta del metodo di rimozione del tumore viene effettuata dal medico curante in base alla profondità e all'area della lesione della pelle e dei tessuti sottostanti, nonché in base alla forma clinica del carcinoma a cellule basali.

Chirurgia per rimuovere il carcinoma a cellule basali del naso, plastica - video

Trattamento alternativo

Una varietà di metodi popolari può rallentare la crescita del carcinoma a cellule basali, ma non è in grado di rimuovere completamente la neoplasia. Pertanto, i metodi di medicina tradizionale dovrebbero essere considerati un complemento buono ed efficace a un metodo chirurgico o conservativo per la rimozione del carcinoma a cellule basali..

I seguenti metodi alternativi sono più efficaci nel trattamento del carcinoma a cellule basali:

  • Unguento con bardana e celidonia. Per preparare l'unguento, prendi 1/2 tazza di erba schiacciata di bardana e celidonia e versa il grasso di maiale fuso. Quindi mettere la miscela in forno a 150 ° per 2 ore. L'unguento finito viene trasferito in un comodo contenitore e insistito per 2 giorni a temperatura ambiente, dopo di che viene applicato al tumore con uno spesso strato 3 volte al giorno.
  • Succo di celidonia fresca. Per ottenerlo, è sufficiente rompere un ramo di una pianta. Dopo alcuni secondi, apparirà del succo sul difetto, che può essere usato per lubrificare il carcinoma a cellule basali 3-4 volte al giorno..
  • Succo di baffi d'oro. Per ottenere il succo, la pianta dei baffi d'oro viene completamente lavata e passata attraverso un tritacarne. La pianta schiacciata viene raccolta in una garza e succo spremuto in un comodo contenitore. Quindi un batuffolo di cotone viene inumidito con questo succo e applicato sulla cellula basale per un giorno.

Questi metodi popolari possono essere utilizzati fino a quando non vi è alcun modo per rimuovere il carcinoma a cellule basali al fine di rallentare la crescita del tumore e prevenirne la crescita nei tessuti profondamente distesi..

Dopo la rimozione del carcinoma a cellule basali (recidiva)

Il carcinoma a cellule basali è un tumore soggetto a recidiva. Ciò significa che dopo la rimozione del tumore, il rischio di carcinoma a cellule basali nella stessa area della pelle dopo un certo periodo di tempo è piuttosto elevato. Vi è anche un alto rischio che si formi carcinoma a cellule basali in un'altra area della pelle..

Secondo i risultati di studi e osservazioni moderni su persone che hanno rimosso varie forme di carcinoma a cellule basali, la probabilità di ricaduta entro cinque anni è almeno del 50%. Ciò significa che entro 5 anni dalla rimozione del carcinoma a cellule basali, un tumore si forma nuovamente nella metà delle persone..

Le ricadute sono molto probabilmente se la cellula basale distante è localizzata su palpebre, naso, labbra o orecchio. Inoltre, la probabilità di recidiva del carcinoma a cellule basali è maggiore, maggiore è la dimensione del tumore rimosso.

previsione

La prognosi per la vita e la salute con carcinoma a cellule basali è favorevole, poiché il tumore non fornisce metastasi. Entro 10 anni dalla rimozione del tumore, sopravvive un totale del 90% delle persone. E tra quelli i cui tumori non sono stati rimossi in uno stato trascurato, il tasso di sopravvivenza a dieci anni si avvicina quasi al 100%.

Un tumore è considerato lanciato se ha un diametro superiore a 20 mm o è germogliato in grasso sottocutaneo. Cioè, se il carcinoma a cellule basali al momento della rimozione era inferiore a 2 cm e non cresceva in grasso sottocutaneo, il tasso di sopravvivenza a 10 anni è quasi del 98%. Ciò significa che questa forma di cancro può essere completamente curata..

Recensioni sul trattamento del carcinoma a cellule basali

Quasi tutte le recensioni sul trattamento del carcinoma a cellule basali sono positive, a causa della rapida rimozione del tumore, seguite da un completo recupero e ripristino dell'integrità dei tessuti. Nelle recensioni, le persone indicano che il tumore è stato rimosso con vari metodi, ma in tutti i casi il risultato è stato positivo: dopo un po 'la pelle è completamente guarita e praticamente non c'erano tracce su di esso.

Le persone che hanno subito la rimozione del carcinoma a cellule basali spesso scrivono di aver provato metodi alternativi di trattamento, ma non hanno aiutato, e quando il tumore è cresciuto, ho dovuto consultare un medico e rimuoverlo chirurgicamente. In tali revisioni, le persone raccomandano di non prendersi tempo, ma appena possibile dopo aver rilevato un carcinoma a cellule basali, consultare un medico e rimuovere il tumore, poiché non c'è nulla di sbagliato in questo.

Inoltre, le revisioni del trattamento indicano che il carcinoma a cellule basali può essere completamente curato, ma può ripresentarsi. Sulla base di questo, le recensioni contengono raccomandazioni per non aver paura di questo tipo di cancro, ma per rimuovere il tumore il più rapidamente possibile, sia alla prima apparizione che alla ricaduta.

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.

Carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto

Il carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto è una malattia rara tra tutte le forme di carcinoma a cellule basali. La sua frequenza è del 2,5% -4% di tutti i carcinomi a cellule basali. Di questi, i più comuni sono 3 tipi di carcinoma a cellule basali: 55% nodulare, misto 30% e 8% superficiale. I restanti 9 tipi di carcinomi a cellule basali rappresentano il restante 7%.

Vuoi ottenere lo stesso risultato nel trattamento del carcinoma a cellule basali o di un altro tipo di tumore della pelle??

La principale difficoltà nella diagnosi di BCC è la rilevazione del tumore. A volte un tumore è quasi indistinguibile dai tessuti sani e nascosto dai capelli.

Il maggior rischio di carcinoma basocellulare della testa è la diagnosi tardiva del tumore e, di conseguenza, la sua metastasi al tessuto osseo e al cervello, ma questo processo può richiedere fino a dieci anni.

Foto dello stadio iniziale del carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto. La forma ottimale di trattamento in questo caso è la chirurgia MOOS..

In alcuni casi, il carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto può apparire come una macchia rosa chiaro. Con capelli abbondanti, è abbastanza difficile da rilevare in una fase precoce.

Le forme più difficili da diagnosticare del carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto. Sono quasi indistinguibili dalla pelle normale..

Vuoi ottenere lo stesso risultato nel trattamento del carcinoma a cellule basali o di un altro tipo di tumore della pelle??

Diagnosi del carcinoma a cellule basali

La diagnosi del carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto comprende un esame dermatologo mediante osteoscopio e dermatoscopio.

Se il tumore è cresciuto delle dimensioni di diversi centimetri, è necessario condurre studi visualizzati come: PET-CT, RM.

Sono necessari anche esami del sangue biochimici clinici e avanzati per valutare le condizioni generali del corpo.

Trattamento del carcinoma a cellule basali

Il trattamento del carcinoma a cellule basali del cuoio capelluto inizia con una chirurgia micrografica di MOXS. Se durante l'operazione si scopre che il tumore è cresciuto nel tessuto osseo, allora è necessario valutare la fattibilità dell'intervento neurochirurgico - craniotomia con cranioplastica. Se il tumore non può essere completamente rimosso durante la craniotomia, oltre all'operazione viene eseguita la radioterapia adiuvante.

Nelle fasi iniziali del carcinoma basocellulare superficiale (8% del carcinoma basocellulare della testa), altre opzioni terapeutiche possono essere considerate come metodi terapeutici, come il curettage e l'elettrocoagulazione, la crioterapia, la PDT, la terapia laser e gli unguenti.

Nel caso di metastasi a distanza, in circa lo 0,3-0,5% dei casi, è necessario utilizzare la chemioterapia sistemica e la terapia mirata.

Se tu o il tuo parente sospettate un cuoio capelluto basale, vi preghiamo di contattarci utilizzando il modulo sottostante per inviare un messaggio. Il dottor Tamir esaminerà il tuo caso e ti informerà sulle opzioni di trattamento, in conformità con le ultime raccomandazioni dell'International Society of Dermatologist-Oncologists.

basalioma

Basalioma - che cos'è? Foto, cause e metodi di trattamento del carcinoma a cellule basali
Il basalioma è una formazione (germinante) localmente che si forma dalle cellule epidermiche o dai follicoli piliferi ed è caratterizzata da crescita lenta, metastasi molto rare e proprietà non aggressive. Caratteristico per questo è frequente ricorrenza dopo la rimozione. Le sue cellule periferiche sono istologicamente simili alle cellule dello strato basale dell'epidermide, motivo per cui ha preso il nome.

Questa malattia della pelle si verifica principalmente in aree aperte della pelle, per quanto possibile esposte alla luce solare. Queste sono, prima di tutto, la pelle sulla testa, principalmente nella zona frontotemporale e sul collo. Il carcinoma a cellule basali facciali è localizzato soprattutto spesso sul naso, nelle pieghe nasolabiali e sulle palpebre. In media, nel 96% dei pazienti è single, nel 2,6% - multipli (2-7 o più focolai).

Cos'è?

Carcinoma a cellule basali - un tumore maligno della pelle che si sviluppa dallo strato basale dell'epidermide, è caratterizzato da crescita lenta e mancanza di metastasi.

Le cause

Le ragioni per lo sviluppo del carcinoma a cellule basali, così come di altri tumori, non sono attualmente stabilite con precisione. Tuttavia, sono stati identificati i cosiddetti fattori predisponenti, la cui presenza nell'uomo aumenta il rischio di sviluppare carcinoma a cellule basali. Questi fattori predisponenti includono:

  1. Una visita al solarium per lungo tempo;
  2. Pelle luminosa;
  3. La tendenza a formare scottature solari;
  4. Origine celtica;
  5. Lavora con composti di arsenico;
  6. Acqua potabile contenente arsenico;
  7. Inalazione di prodotti di scisto bituminoso;
  8. Immunità ridotta;
  9. albinismo;
  10. La presenza di cheroderma pigmentato;
  11. La presenza della sindrome di Gorling-Holtz;
  12. Esposizione frequente e prolungata al sole, compreso il lavoro alla luce solare diretta;
  13. La tendenza a formare le lentiggini dopo una breve esposizione alla luce solare diretta;
  14. Contatto frequente e prolungato con agenti cancerogeni, quali fuliggine, catrame, catrame, paraffina, bitume, creosoto e prodotti petroliferi;
  15. Esposizione a radiazioni ionizzanti, compresa la precedente radioterapia;
  16. Burns;
  17. Cicatrici sulla pelle;
  18. Ulcere della pelle.
  1. Cheratosi attinica;
  2. Xeroderma di pigmento;
  3. cheratoacantoma;
  4. Corno di pelle;
  5. Epidermodisplasia verrucoforma di Lewandowski-Lutz;
  6. Condiloma gigante di Buschke-Levenstein;
  7. Leukopia.

Quando compaiono le malattie della pelle precancerose di cui sopra, dovrebbero essere curate in modo tempestivo, poiché se queste condizioni vengono ignorate, possono degenerare in un tumore maligno, non solo nel carcinoma a cellule basali, ma anche nel melanoma o carcinoma a cellule squamose della pelle.

Molto spesso, il basalioma è localizzato nelle seguenti aree della pelle:

  1. Labbro superiore;
  2. Palpebra superiore o inferiore;
  3. Naso;
  4. Pieghe nasolabiali;
  5. Guance;
  6. padiglione auricolare;
  7. Collo;
  8. Cuoio capelluto;
  9. Fronte.

Nel 90% dei casi, il basalioma è localizzato in queste aree della pelle del viso. Nel restante 10% dei casi, può formarsi un tumore sulla pelle del tronco, delle braccia o delle gambe.

[titolo spoiler = "Visualizza foto" stile = "predefinito" collapse_link = "vero"] [/ spoiler]

Sintomi

Le manifestazioni del carcinoma a cellule basali durante la formazione di una neoplasia sono piuttosto caratteristiche, il che consente di effettuare una diagnosi abbastanza accurata anche dopo l'esame del paziente. I segni esterni sono determinati dal tipo di tumore.

Nella fase iniziale del carcinoma a cellule basali (vedi foto), può sembrare un normale "brufolo", che non causa alcun inconveniente. Nel tempo, man mano che il tumore cresce, la formazione assume la forma di un nodo, un'ulcera o una placca densa.

  • Il tipo più comune di carcinoma a cellule basali è la variante nodulare, manifestata dall'apparizione di un piccolo nodulo rosato indolore sulla superficie della pelle. Man mano che il nodulo cresce, è soggetto a ulcerazione, quindi sulla superficie appare un incavo coperto da una crosta. La neoplasia sta lentamente aumentando di dimensioni, è anche possibile la comparsa di nuove strutture simili, che riflette il tipo di superficie multicentrica della crescita tumorale. Nel tempo, i noduli si fondono insieme, formando un denso infiltrato, penetrando più in profondità nel tessuto sottostante, coinvolgendo non solo lo strato sottocutaneo, ma anche cartilagine, legamenti, ossa. La forma nodulare si sviluppa più spesso sulla pelle del viso, della palpebra, nel triangolo nasolabiale.
  • La forma nodulare si manifesta anche con la crescita di neoplasia sotto forma di un singolo nodo, ma, a differenza della versione precedente, il tumore non è incline a germinare i tessuti sottostanti e il nodo è orientato verso l'esterno.
  • Forma superficiale: sembra una placca rosso-marrone rotonda, con un diametro di oltre un centimetro. La superficie del tumore è coperta di croste in punti, atrofizzata a mosaico, e può avere aree di diversa pigmentazione. Periodi di atrofia, desquamazione e crescita attiva ondulata si sostituiscono a vicenda in diverse parti del tumore, quindi la sua superficie è eterogenea. Lungo il bordo c'è anche un caratteristico bordo di perle sollevato sopra la superficie della pelle. Questa forma ha il decorso più benigno tra tutti i carcinomi a cellule basali, quasi nessuna infiltrazione cutanea.
  • Il carcinoma a cellule basali verrucoso (papillare) è caratterizzato da una crescita superficiale, non provoca degradazione dei tessuti sottostanti e sembra un cavolfiore.
  • La versione pigmentata del carcinoma a cellule basali contiene melanina, che le conferisce un colore scuro e ricorda un altro tumore molto maligno: il melanoma.
  • Forma cicatriziale - esternamente appare come una solida placca cerosa piatta di una tonalità grigio-rosa, che non sporge sopra la superficie della pelle, e alla fine viene persino premuta verso l'interno. I bordi del tumore sono chiari con un'ombra perlacea, sollevata sopra la superficie della pelle. Sul bordo del tumore compaiono periodicamente erosioni che successivamente vengono sfregiate. L'infiltrazione dei tessuti circostanti è molto più pronunciata della crescita apparente del tumore, che spesso porta al trattamento tardivo del paziente per un aiuto qualificato. La localizzazione del carcinoma a cellule basali cicatriziali sul cuoio capelluto, il naso è considerato sfavorevole, poiché la distruzione del tessuto osseo e cartilagineo si verifica precoce.
  • La forma ulcerosa del carcinoma a cellule basali è piuttosto pericolosa, poiché tende a distruggere rapidamente il tessuto tumorale sottostante e circostante. Il centro dell'ulcera affonda, coperto da una crosta grigio-nera, i bordi sono sollevati, rosati-perlati, con un'abbondanza di vasi dilatati.

I principali segni di carcinoma a cellule basali sono la presenza sulla pelle delle strutture sopra descritte che non danno fastidio per lungo tempo, ma continuano ad aumentare le loro dimensioni, anche per diversi anni, coinvolgendo i tessuti molli circostanti, i vasi sanguigni, i nervi, le ossa e la cartilagine nel processo patologico.

Nella fase avanzata del tumore, i pazienti avvertono dolore, compromissione della funzione della parte interessata del corpo, sanguinamento, suppurazione nel sito di crescita della neoplasia, la formazione di fistole negli organi vicini è possibile. Di grande pericolo sono i tumori che distruggono i tessuti dell'occhio, dell'orecchio, penetrano nella cavità del cranio e fanno germogliare le membrane del cervello. La prognosi in questi casi è sfavorevole.

Che aspetto ha la cellula basale: foto

La foto sotto mostra come la malattia si manifesta nella fase iniziale, così come altre fasi in diverse parti del corpo umano.

[titolo spoiler = "Visualizza foto" stile = "predefinito" collapse_link = "vero"]

basalioma Cause, sintomi, segni, diagnosi e trattamento della patologia

Il carcinoma a cellule basali è un tumore maligno che cresce dallo strato basale più profondo dell'epidermide. Nella maggior parte dei paesi del mondo, è il tipo più comune di tumore della pelle e circa i tre quarti di tutti i tumori della pelle. Uomini per lo più colpiti. Il bazalioma può svilupparsi a qualsiasi età, ma circa un terzo dei casi segnalati riguarda pazienti di età superiore ai 40 anni. Un aumento della frequenza dei carcinomi a cellule basali è osservato in paesi con clima caldo e radiazione UV media annua elevata. È caratterizzato da crescita lenta e mancanza di metastasi. La localizzazione più frequente di questi tumori sono le parti aperte del corpo, tuttavia, principalmente questi tumori si trovano sul torace, sul collo e sulla testa. A causa della crescita lenta e poco appariscente, questa neoplasia per lungo tempo può passare inosservata sia dal paziente che dal medico e può essere rilevata solo in fasi avanzate.

Nonostante il fatto che questo tumore non metastatizzi, può portare a gravi conseguenze. La sua localizzazione nell'area delle orbite, del naso, della bocca e dei padiglioni auricolari è particolarmente pericolosa, poiché durante la germinazione deforma in modo significativo la base cartilaginea e persino ossea di questi organi e porta a una pronunciata violazione della loro funzione. Inoltre, le aperture naturali di questi organi forniscono un percorso attraverso il quale le cellule basali possono penetrare nel cranio e persino influenzare il cervello. Pertanto, questo tumore, che ha un comportamento non aggressivo rispetto ad altri tumori maligni, in determinate circostanze, può persino portare alla morte.

La diagnosi e il trattamento, di regola, non sono difficili. La maggior parte delle forme di questo tumore può essere trattata con successo sia con radiazioni che con trattamenti chirurgici. Il trattamento farmacologico è anche applicabile, tuttavia, a causa della natura prevalentemente locale di questo tumore, viene utilizzato raramente. La probabilità di ricorrenza di un tumore dipende dalle sue dimensioni, dalla profondità di penetrazione e dal metodo di trattamento scelto, tuttavia, ci sono altri fattori che possono influenzare questo processo. Data la crescita lenta, l'assenza di metastasi ematogene e alti tassi di cura completa, la prognosi di questa malattia è generalmente considerata favorevole.

Cause del carcinoma a cellule basali

Cause obbligatorie di carcinoma a cellule basali

Le malattie precancerose obbligatorie includono:

  • xeroderma del pigmento;
  • La malattia di Bowen;
  • Malattia di Paget;
  • eritroplasia keira.
Xeroderma pigmentosa
Malattia ereditaria della pelle in cui la radiazione ultravioletta solare provoca cambiamenti irreversibili in tutti gli strati dell'epitelio. La causa della malattia è l'assenza congenita di un enzima che distrugge la melanina rilasciata durante l'abbronzatura della pelle, nonché un enzima responsabile della riparazione delle catene del DNA alterate dalla radiazione solare. Pertanto, più spesso il paziente è al sole, prima la malattia progredisce a causa del numero costantemente crescente di cellule della pelle mutate. Esternamente, questo si manifesta con una reazione infiammatoria e una pelle chiazzata nel primo e secondo stadio della malattia, rispettivamente, e atrofia con degenerazione tumorale maligna dei singoli fuochi nell'ultimo stadio.

La malattia di Bowen
Malattia della pelle precancerosa che si sviluppa sia negli uomini che nelle donne più spesso sulle parti aperte del corpo. La ragione del suo sviluppo è la traumatizzazione prolungata della pelle con radiazioni ultraviolette, sostanze chimiche aggressive e papillomavirus umano. Clinicamente, la malattia si manifesta con la formazione di un punto con contorni irregolari, che alla fine si trasforma in una placca a crescita lenta. La placca può essere sia liscia che vellutata, rosso brillante nelle fasi iniziali e densa, ruvida, color rame, coperta di squame, piaghe e crepe nelle fasi successive.

Morbo di Paget
Questa malattia è sinonimo di cancro al seno. Più spesso si sviluppa dopo 50 anni in pazienti sia di sesso femminile che maschile. Il picco di incidenza nelle donne ha 62 anni e per gli uomini 69 anni. Le sue prime manifestazioni sono un leggero arrossamento del capezzolo o un'area specifica dell'areola con peeling superficiale e maggiore irritabilità tattile. In futuro, si verificano prurito, bruciore e indolenzimento, appare una scarica sierosa dal capezzolo. I sintomi classici sono la retrazione del capezzolo e la formazione sull'areola e sulla pelle attorno ad esso di un sito che ricorda una buccia d'arancia. L'ultimo sintomo è causato dall'edema delle ghiandole sebacee e sudoripare su un tumore profondo che comprime i dotti linfatici. Alla palpazione delle ascelle, viene spesso rilevata una reazione infiammatoria dei linfonodi, manifestata dal loro ingrandimento e dolore.

Eritroplasia di Keir
Malattia infiammatoria della pelle del glande e del prepuzio, che spesso porta allo sviluppo di un tumore della pelle a cellule squamose o basali in una determinata posizione. Si sviluppa più spesso negli uomini dai 40 ai 70 anni. Clinicamente, è un punto rosso scarlatto, una placca o il loro accumulo sulla mucosa del glande, che passa spesso al prepuzio. Al tatto, la formazione è indolore e sporge leggermente sopra la superficie della pelle. Una manifestazione clinica simile di una malattia che si sviluppa sulle mucose delle donne è descritta come la malattia di localizzazione genitale di Bowen..

Cause relative di carcinoma a cellule basali

Le malattie precancerose relative includono:

  • cheratoacantoma;
  • ulcere trofiche;
  • cheratosi solare;
  • acantoma seborroico;
  • ulcere da radiazioni;
  • cicatrici cheloidi;
  • corno di pelle;
  • gomma e granulomi sifilitici;
  • ascesso freddo con tubercolosi, ecc..
cheratoacantoma
Tumore benigno del tessuto epiteliale, localizzato principalmente in aree aperte del corpo. Meno comunemente, si trova sulle mucose della bocca, del naso e dei genitali. È caratterizzato da alti tassi di crescita, nonostante l'alto grado di differenziazione caratteristico dei tumori benigni. Statisticamente, questa formazione si manifesta nel maschio 2 volte più spesso che nella femmina. Un aumento della frequenza di sviluppo del cheratoacanto è osservato nella popolazione anziana. Clinicamente, si manifesta come un nodo o una placca che sporge sopra la superficie della pelle che è rosa, rossa o talvolta di colore bluastro con un'isola di cheratina al centro e bordi rialzati di platino. La dimensione tipica di questa formazione varia tra 3 - 5 cm, tuttavia sono stati registrati tumori con il diametro maggiore di 20 cm. Nella metà dei casi, la formazione volumetrica descritta è in grado di scomparire spontaneamente.

Ulcere trofiche
Queste formazioni patologiche non possono essere chiamate malattie, poiché sono complicazioni vascolari o neurogene delle malattie metaboliche come il diabete mellito, l'aterosclerosi che cancella, la trombosi venosa profonda degli arti inferiori. Con il diabete, le ulcere si verificano più spesso sui piedi. Nell'insufficienza arteriosa e venosa, si sviluppano ulcere sulle gambe vicino alle caviglie. Le ulcere visivamente trofiche sono difetti cutanei lunghi o ovali, lunghi e non cicatrizzanti. Al tatto sono spesso indolori, poiché nella loro formazione è presente anche un elemento di polineuropatia. Una sostanza trasparente e appiccicosa viene rilasciata costantemente o periodicamente sulla loro superficie, causando un effetto piangente.

Cheratosi solare
L'aspetto di queste formazioni è promosso da una certa predisposizione genetica e da un'insolazione intensa. Questo tipo di cheratosi rappresenta numerosi focolai di desquamazione della pelle. Nel tempo, questi fuochi diventano più densi, si alzano sopra la superficie della pelle e diventano rosa-bianchi a causa del gran numero di piccoli fiocchi di pelle. Istologicamente, questi fuochi sono aree di tessuto alterato che si sviluppa in un sito sano, che in medicina viene chiamato displasia e metaplasia. La metaplasia, a sua volta, è un presagio diretto della degenerazione del tumore.

Acantoma seborroico
Un sinonimo di questa malattia è la cheratosi senile. Secondo il nome, si sviluppa principalmente negli anziani, ma raramente si trova nei giovani. Più spesso, questa formazione simile a un tumore è localizzata sulle parti chiuse del corpo vicino a luoghi che sono spesso irritati dall'attrito (cinghie del reggiseno, ecc.). Di norma, questa formazione è un tumore molle uniformemente pigmentato coperto di croste oleose. Man mano che il tumore cresce, le croste possono rompersi e strapparsi, rimpiazzate da simili croste posizionate più in profondità. La crescita di questa educazione volumetrica è estremamente lenta, a volte raggiunge diversi decenni. Secondo varie fonti, la degenerazione nel carcinoma a cellule basali non si verifica più spesso che nel 5-7% dei casi.

Ulcere da radiazioni
I danni alla pelle causati dalle radiazioni ionizzanti si verificano in situazioni di emergenza durante incidenti in impianti nucleari o durante il trattamento di alcuni tipi di tumori maligni irradiandoli con onde dello spettro radioattivo. L'ulcera da radiazioni si sviluppa in più fasi. Inizialmente, il rossore si forma nella zona dei cambiamenti più intensi. Dopo alcune ore, sullo sfondo del rossore, compaiono più piccole vesciche, che tendono a unirsi. Dopo altri 1 - 2 giorni nella proiezione dell'area irradiata della pelle, si verifica una vescica dolorosa grande e continua con un liquido giallastro chiaro. Dopo un certo tempo, si apre in modo indipendente, esponendo il fondo dell'ulcera. Una caratteristica distintiva di queste ulcere è la loro capacità di ripetersi. In altre parole, dopo la loro guarigione, l'ulcera si riapre periodicamente. Pertanto, le ulcere tardive da radiazione sono i punti focali dell'aumentata attività mitotica e dell'eccessiva formazione di tessuto connettivo e, di fatto, delle aree di metaplasia. La metaplasia di qualsiasi epitelio, a sua volta, è una condizione precancerosa.

Cicatrici cheloidi
Questo tipo di cicatrice si sviluppa dopo ferite con un confronto sfocato dei bordi o con un grande difetto tissutale. In questi casi, le cavità formate sono riempite con un eccesso di detrito - la base cellulare, da cui successivamente si forma il tessuto connettivo. Tale tessuto ha il carattere di un tumore benigno, poiché è ben differenziato e in grado di una crescita abbastanza progressiva. Clinicamente, una tale cicatrice differisce nel colore dalla pelle sana ed è più densa. È interessante notare che la sua crescita non avviene sempre verso l'esterno, dove diventa immediatamente evidente. Nella maggior parte dei casi, una cicatrice cheloide cresce all'interno della ferita. Dato che non ha una crescita invasiva, come un tumore maligno, la sua crescita è accompagnata dalla compressione delle strutture circostanti. Pertanto, una tale cicatrice stessa è una fonte di infiammazione cronica e per questo motivo dovrebbe essere rimossa.

Corno di pelle
Ad oggi, sono in corso controversie sulla causa dello sviluppo di questa formazione patologica. Alcuni dermatologi considerano il corno una malattia della pelle indipendente, altri come una manifestazione di cheratoacantoma senile e altri come una variante della malattia di Bowen. Tuttavia, è dimostrato che in circa un quarto dei casi, questa formazione volumetrica può degenerare in carcinoma a cellule basali. Di forma, ricorda davvero un corno con dimensioni che raramente superano 1-2 cm. La superficie del corno è ruvida, la consistenza è spesso densa, ma può anche essere moderatamente elastica. Durante la raschiatura, le squame sottili sono separate. La base della crescita può essere ingrandita e simile alla pelle normale con segni di infiammazione. Tuttavia, più spesso la base del corno non differisce dalla sua struttura.

Gomma e granulomi sifilitici
Oltre alle complicazioni dirette della sifilide associate alla sua patogenesi, ci sono anche complicanze indirette di gomma e granulomi. Bisogna riconoscere che tali casi non si trovano spesso nella pratica medica, ma non dovrebbero essere dimenticati. Nel caso di un lungo decorso cronico di sifilide, i cambiamenti della pelle possono diventare così pronunciati da comportare la formazione di focolai di metaplasia, che sono una condizione precancerosa. Per lo sviluppo di un tale scenario, è necessario che il corpo sia indebolito quanto basta in modo che la massima intensità dei processi protettivi e rigenerativi sia approssimativamente uguale all'aggressività dei treponemi pallidi, gli agenti causali della sifilide. In tali condizioni, la gomma formata e i granulomi non guariscono a lungo, portando a un graduale cambiamento nelle proprietà della pelle su cui si sono sviluppati. Nell'intera storia della medicina, tali casi sono stati registrati non più di 20 (secondo le informazioni per il 2013), quindi sono di natura più scientifica che clinica.

Ascesso freddo
Questo tipo di ascesso è altrimenti chiamato porro, che riflette più chiaramente la sua origine. Nella maggior parte dei casi, si sviluppa un ascesso freddo con tubercolosi secondaria di ossa, pelle, articolazioni o linfonodi, nonché dopo tecniche di vaccinazione BCG improprie. Molto spesso, si forma nello spazio paravertebrale con fusione caseosa di una delle vertebre, oltre che sulla spalla. In questo caso, il pus viene secreto al di fuori del focus principale, incapsulato e forma un ascesso. Un tale ascesso si chiama freddo, perché la pelle sopra di essa è raramente cambiata e dolorosa. Quando viene aperto, si trova una leggera cagliata o un piccolo pus, che si distingue a lungo dalla ferita. Spesso dopo tali ascessi, rimangono fistole e ulcere non cicatrizzanti di lunga durata, che sono il substrato per la trasformazione dei tessuti locali in tumore.

Inoltre, ci sono una serie di fattori che, secondo le statistiche, aumentano la probabilità di cancro della pelle delle cellule basali. Questi fattori includono principalmente i fattori dell'ambiente interno ed esterno che hanno un effetto aggressivo sulla pelle. Quando questi fattori sono combinati con la malattia precancerosa relativa esistente, la frequenza di sviluppo del tumore aumenta di 2 - 5 volte.

Fattori di sviluppo del cancro della pelle delle cellule basali

Abbronzatura eccessiva della pelle
L'eccessiva radiazione ultravioletta influisce negativamente sulla pelle attraverso almeno due meccanismi. Prima di tutto, un'abbronzatura forte porta all'infiammazione della pelle. L'infiammazione frequente, a sua volta, porta ad un aumento persistente del tasso di processi riparativi. A un certo punto nel tempo, la proliferazione del tessuto connettivo e dell'epitelio basale può diventare incontrollata, che è un substrato del processo tumorale. Il secondo meccanismo dell'effetto negativo delle radiazioni ultraviolette sulla pelle è il suo effetto diretto sul DNA delle cellule dello strato basale della pelle. In questo caso, si verifica una mutazione, che porta alla perdita di caratteristiche funzionali da parte delle cellule tumorali e ad un aumento del tasso della loro divisione.

Lentiggini
La presenza di lentiggini in una persona indica che ci sono aree nella sua pelle che assorbono facilmente le radiazioni ultraviolette. È per questo motivo che le lentiggini si distinguono dal resto della pelle. I raggi ultravioletti portano allo sviluppo del carcinoma a cellule basali con meccanismi simili a quelli sopra..

Numerose talpe
Le talpe sono tumori benigni delle cellule melanogene. Secondo le statistiche, la loro trasformazione maligna si verifica spesso nei melanomi, che hanno un corso estremamente aggressivo. Tuttavia, in una certa proporzione di casi, si verifica anche la degenerazione nel carcinoma a cellule basali..

Contatto prolungato con arsenico e suoi derivati
Come sapete, l'arsenico è un veleno per il corpo umano. La sua caratteristica è la capacità di accumularsi nella pelle e nelle sue appendici (unghie, capelli) e rimanere lì per molti anni. Con un contatto prolungato della pelle con questa sostanza, non si verifica avvelenamento, poiché non viene raggiunta la dose necessaria in cui si verifica. Tuttavia, l'arsenico accumulato porta a un'infiammazione latente degli strati profondi dell'epitelio, portando alla sua displasia.

Contatto prolungato con prodotti petroliferi e catrame
È stato statisticamente osservato che i lavoratori nei pozzi di petrolio, nelle officine di riparazione di automobili, nelle miniere di carbone e nelle stazioni di servizio hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro della pelle delle cellule basali rispetto ad altre professioni. Si ritiene che i prodotti della distillazione oleosa e del catrame abbiano un effetto tossico sulla pelle. Molto spesso, il danno cutaneo è limitato alla sua secchezza o eczema, tuttavia, in alcuni casi, si sviluppano tumori maligni nei polmoni, nel cervello e nella pelle..

Lesioni termiche
Sia le ustioni che il congelamento sono caratterizzati da danni agli strati profondi della pelle e dei muscoli. Il freddo stesso non ha un effetto negativo sulla pelle, poiché mantiene invariata la struttura dei tessuti. Lo scongelamento è più pericoloso perché è accompagnato dalla formazione di cristalli di ghiaccio che distruggono le cellule della pelle e il tessuto sottocutaneo dall'interno. Le ustioni frequenti portano anche a infiammazione cronica. Come risultato di tali lesioni, la pelle si rigenera spesso e abbondantemente. La rigenerazione attiva aumenta le possibilità di un errore che si manifesta come mutazione cellulare. Inoltre, frequenti lesioni termiche portano alla formazione di uno strato di tessuto cicatriziale sotto la pelle che, come le cicatrici cheloidi, tende a diventare maligno.

immunosoppressione
L'immunità nel solito senso non solo protegge il corpo da virus e batteri, ma previene anche la formazione di cellule tumorali. Questo tipo di immunità si chiama antitumorale. La sua intensità dipende dalla gravità dell'immunità generale. Con la sua eccessiva amplificazione, aumenta il rischio di sviluppare malattie autoimmuni e con tumori indebolenti, benigni e maligni.

L'identificazione di questi fattori è durata più di un decennio. Numerosi studi sono stati condotti in molti paesi del mondo, in cui le statistiche sono state trasformate in determinati schemi. Ad esempio, il carcinoma a cellule basali si sviluppa più spesso nei minatori che entrano in contatto con sostanze aggressive sospese nella polvere. Gli ingegneri, in virtù della loro professione, sono costretti a entrare regolarmente in contatto con vari prodotti petroliferi. I vigili del fuoco espongono la loro pelle a ustioni frequenti, che non possono che influenzarla.

Il più alto rischio di sviluppare carcinoma a cellule basali nelle persone di pelle chiara con una piccola quantità di melanina di pigmento della pelle. Lentiggini e capelli rossi aumentano anche il rischio di questa malattia. La combinazione dei suddetti fattori conferma la realtà: gli abitanti della Scozia e dell'Irlanda del Nord, con i capelli rossi e molte lentiggini, hanno la maggiore predisposizione al carcinoma a cellule basali. Questa è precisamente la predisposizione, perché in realtà in questi paesi non è il più alto tasso di cancro alle cellule basali.

La frequenza di questa malattia aumenta con un aumento della quantità media annua di radiazioni ultraviolette. In altre parole, quando ci si avvicina all'equatore, aumenta il numero medio di pazienti con questo tipo più comune di tumore maligno della pelle. Tuttavia, è necessario apportare un emendamento per confermare che queste statistiche sono confermate solo in paesi con popolazioni prevalentemente di carnagione chiara. Le persone della razza Negroid non hanno quasi mai il cancro della pelle, a causa dell'alta concentrazione di melanina nella loro pelle. La razza mongoloide è anche meno soggetta a questa malattia, tuttavia, non nella stessa misura del Negroide. Il rischio maggiore appartiene di diritto alla razza caucasica.

L'immunosoppressione si sviluppa per molte ragioni, le più comuni delle quali sono l'HIV / AIDS, il trattamento immunosoppressivo e la chemioterapia tumorale. Presumibilmente, l'immunosoppressione aumenta la probabilità di cancro della pelle delle cellule basali, tuttavia, come altri tumori, attraverso una riduzione parallela dell'intensità dei processi di riparazione del DNA. Di conseguenza, dopo un certo tempo, compaiono cellule con DNA modificato che possono innescare la crescita tumorale..

Le radiazioni hanno un effetto distruttivo diretto sui tessuti. Le radiazioni forti portano a ustioni, le radiazioni deboli portano alla mutazione cellulare. Le ustioni cutanee di lunga durata portano ad una maggiore attività delle cellule del tessuto connettivo, che in alcuni casi può portare allo sviluppo di carcinoma a cellule basali. È interessante notare che i tumori che si sono sviluppati a seguito di radiazioni o di gravi scottature solari sono di natura multipla e si trovano ciascuno nel proprio stadio di sviluppo.

Grandi talpe e cicatrici hanno un certo potenziale di crescita, nonostante il primo sia inizialmente tumore benigno e il secondo sia tessuto connettivo che riempie il difetto della ferita. Con la crescita, può verificarsi un graduale cambiamento nella composizione di questi tessuti, accompagnato da una perdita delle loro proprietà funzionali e dall'acquisizione di una marcata tendenza alla divisione.

Il principale legame patogenetico nello sviluppo di qualsiasi tumore è una mutazione nel suo genoma e il blocco di un processo chiamato apoptosi cellulare. L'apoptosi è un meccanismo di difesa naturale in cui qualsiasi cellula del corpo che cessa di svolgere le sue funzioni dirette deve autodistruggersi. Le cellule prive di questo meccanismo perdono la loro specificità e si moltiplicano liberamente, producendo milioni di cellule figlie con un errore simile nel DNA. Di conseguenza, appare una trama di tessuto in crescita aggressiva che non svolge alcuna funzione ma consuma intensamente le risorse del corpo, cioè un tumore maligno.

Nel caso del carcinoma a cellule basali, la sua crescita avviene infiltrativamente. In altre parole, il tumore cresce nei tessuti circostanti, distruggendoli lungo la strada. Per questo motivo, c'è sempre anche una piccola, ma attiva area di infiammazione attorno al tumore.

Tipi di febbre basale

Nell'aspetto e nel decorso clinico, si distinguono 4 tipi principali di tumori della pelle maligni. Nonostante ci siano alcune differenze tra loro, ci sono alcune caratteristiche che sono caratteristiche di tutti i tipi di carcinomi a cellule basali. Il colore del tumore può essere bianco perla, rosa o addirittura rosso, ma non dice molto sulla natura del tumore e sulla sua attività. Il colore è determinato esclusivamente dal grado di espansione dei vasi superficiali della pelle e dalla densità delle teleangectasie (vene del ragno). Tuttavia, vale la pena notare che in questo caso stiamo parlando solo di pelle invariata. Nei luoghi in cui si è verificata l'ulcerazione della superficie del tumore, i colori cambieranno e questi cambiamenti avranno importanza.

La crescita del tumore è accompagnata non solo da un aumento delle sue dimensioni, ma anche da un cambiamento nel contorno dei bordi. Più forte è il contorno del tumore, più è maligno, cioè più atipia cellulare pronunciata. Nonostante il carcinoma a cellule basali sia un tumore a crescita lenta, i segni di infiammazione causati dalla compressione dei tessuti circostanti si trovano quasi sempre lungo la sua periferia. Il pigmento può apparire su qualsiasi forma di tumore. Di norma, è distribuito casualmente sulla superficie del tumore. Anche il suo aspetto non dice nulla, come il colore del tumore stesso. La posizione del tumore vicino ad organi vitali come occhi, naso, orecchie può portare a una grave deformazione dello scheletro della cartilagine. Inoltre, il tumore tende a diffondersi all'interno del cranio attraverso aperture e cavità naturali. Questo, a sua volta, minaccia il coinvolgimento nel processo tumorale del cervello con le membrane, che minaccia la morte.

Si ritiene che il carcinoma a cellule basali non metastasi mai, ma questo non è del tutto vero. Negli Stati Uniti sono stati segnalati diversi casi di crescita delle cellule basali polmonari. A prima vista, una posizione del tumore così insolita potrebbe essere causata dalla diffusione delle cellule tumorali dal fuoco primario attraverso il sangue. Tuttavia, con uno studio più approfondito, non è stata trovata una sola metastasi al di fuori dei polmoni, che non è del tutto caratteristica della diffusione ematogena. Un'altra caratteristica importante di tutti i casi è che si sono sviluppati tutti in pazienti in cui il tumore si è diffuso alla mucosa della bocca o del naso. L'unica spiegazione per questa manifestazione del tumore era l'ingresso di cellule esfoliate nei polmoni con un sospiro.

Si distinguono le seguenti forme cliniche di carcinoma a cellule basali:

  • nodale;
  • superficiale;
  • cicatriziale;
  • ulcerosa.

Forma nodale di carcinoma a cellule basali

Forma superficiale di carcinoma a cellule basali

Forma cicatriziale di carcinoma a cellule basali

Contrariamente all'opinione prevalente che tutti i tipi di carcinomi a cellule basali provengono dalla forma nodulare, la forma cicatriziale più probabilmente confuta questa ipotesi, poiché ha alcune caratteristiche distintive. La superficie del tumore si trova spesso sotto il tessuto circostante sano. La sua consistenza è più densa, simile a una cicatrice cheloide densa e il colore è grigio-rosa. I bordi del tumore sono leggermente elevati, lucenti, cerosi e assomigliano ai bordi a forma di verme con una forma nodulare, ma sono meno pronunciati. Le ulcere non si formano al centro del tumore, ma al confine con tessuti sani e spesso si diffondono ad esso. Per questo motivo, spesso non è possibile determinare con precisione i confini di un tumore ai fini della sua rimozione chirurgica..

È importante notare che la forma cicatriziale del carcinoma a cellule basali può essere sia nel carcinoma primario che nelle recidive (manifestazioni ripetute) dopo il trattamento. Il tasso di ricaduta per questo tipo raggiunge il 40% in alcuni paesi a causa della tendenza alla crescita profonda di questo tumore. Quando un tumore raggiunge una nave o un nervo, la sua crescita si verifica spesso proprio lungo queste formazioni su una lunga distanza. Questo fatto spiega la comparsa di tumori secondari con un identico quadro patomorfologico a una distanza dal sito di crescita del tumore rimosso. Anche la crescita di questi tumori è lenta, quindi hanno una prognosi favorevole. Localizzazione tipica su petto, collo e viso.

Forma ulcerosa di carcinoma a cellule basali

Questa forma di carcinoma a cellule basali è giustamente la più pericolosa perché provoca gravi difetti tissutali a cui si applica. Questo tumore è caratterizzato da una superficie ulcerosa continua, situata, di regola, sotto il livello della pelle. Periodicamente, l'ulcera è coperta da croste scure. Quando vengono rimossi, viene esposto un fondo profondo tuberoso di un'ulcera di colori grigi, rossi e neri. I bordi dell'ulcera sono irregolari, densi, lucenti, torreggianti sopra la superficie della pelle circostante..

Oltre alla classificazione clinica presentata, esiste anche una classificazione morfologica, che viene utilizzata principalmente da assistenti di laboratorio e medici ed è difficile da comprendere per le persone senza un'istruzione medica speciale. Secondo questa classificazione, i tumori sono suddivisi in molte varianti istologiche in base al grado di differenziazione cellulare e somiglianza con vari tessuti del corpo.

Diagnosi del carcinoma a cellule basali

Come accennato in precedenza, il carcinoma a cellule basali ha diverse forme, ognuna delle quali può essere simile ad altre malattie. Il riconoscimento corretto e tempestivo di questo tumore è la chiave per una cura efficace..

Di solito, concentrandosi sui suddetti segni clinici di una forma nodulare, è sufficiente sospettare un carcinoma a cellule basali. Tuttavia, nelle fasi iniziali della crescita, quando le dimensioni del tumore non superano i 3-5 mm, è facile confonderlo con una normale talpa (soprattutto se il tumore è pigmentato), mollusco contagioso o iperplasia seborroica senile. I capelli possono crescere da una talpa, cosa che non accade con il carcinoma a cellule basali. Una caratteristica distintiva del mollusco contagioso e dell'iperplasia seborroica senile è una piccola isoletta di cheratina nella parte centrale. Se il tumore ha croste, può essere confuso con una verruca, cheratoacantoma, carcinoma a cellule squamose della pelle e mollusco contagioso. In questo caso, la buccia deve essere accuratamente esfoliata. Con il carcinoma a cellule basali, questo è più semplice. Dopo che il fondo della ferita è stato esposto, per maggiore sicurezza e conferma scientifica, è necessario fare un'impronta di striscio dal fondo dell'ulcera e determinarne la composizione cellulare.

I carcinomi a cellule basali altamente pigmentati sono facilmente confusi con melanomi maligni. Per evitare ciò, è necessario sapere che i bordi elevati del carcinoma a cellule basali non contengono quasi mai melanina. Inoltre, la colorazione del carcinoma a cellule basali è spesso marrone e il melanoma ha una tinta grigio scuro. La forma piatta del carcinoma a cellule basali può essere confusa con l'eczema, le placche psoriasiche e la malattia di Bowen, ma quando si raschia le squame dal bordo del tumore, viene rivelato il vero quadro della malattia.

Questi segni clinici hanno lo scopo di orientare il medico verso la diagnosi corretta e la sua conferma deve essere effettuata solo dopo una biopsia, citologia o esame morfologico del tumore.

Esame medico

Se un paziente sviluppa sospensioni sospette sulla pelle, consultare un oncologo o un chirurgo. In assenza di questi specialisti, è possibile consultare un dermatologo o un chirurgo ordinario.

Alla nomina di questi specialisti, al paziente possono essere poste le seguenti domande:

  • Da quanto tempo appare l'educazione?
  • Come si è manifestato, sia che fosse presente dolore o prurito?
  • Esistono tali formazioni in qualsiasi altra parte del corpo? Se è così, dove?
  • Sia per la prima volta che il paziente lo incontra o hanno già avuto formazioni simili?
  • Qual è il tipo di attività e le condizioni in cui il paziente lavora?
  • Quanto tempo trascorre in media il paziente all'aria aperta?
  • Applica le misure di protezione necessarie in relazione alla radiazione solare?
  • Il paziente è stato esposto a radiazioni eccessive? In tal caso, dove e approssimativamente qual era la dose totale?
  • Il paziente ha parenti con il cancro??
Dopo l'intervista, il medico chiede al paziente di dimostrare una formazione sospetta. Potrebbe essere necessario esaminare l'intero corpo per la presenza di tali oggetti. Sulla base delle caratteristiche dell'educazione, il medico esegue le necessarie manipolazioni diagnostiche. Se ci sono squame, vengono delicatamente rimosse su un vetrino, immerse in una soluzione speciale ed esaminate al microscopio. Quando la superficie dell'ulcera viene esposta, viene applicato un vetrino, coperto con un vetrino e anche esaminato al microscopio. Se la pelle sopra il tumore è intatta, l'unico modo per stabilire una diagnosi accurata è una biopsia con la raccolta di materiale tumorale per l'analisi.

Inoltre, il medico può indirizzare il paziente per ulteriori esami, come la radiografia in due proiezioni, l'ecografia, la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica. Questi studi paraclinici possono fornire preziose informazioni sulle dimensioni e sulla profondità di un tumore, sulla sua diffusione nella cavità cranica e sulla sua vicinanza a strutture vitali..

Per i pazienti con carcinoma basocellulare trattato, è necessario sottoporsi a una visita medica annuale non solo per controllare la ricorrenza del tumore, ma anche per lo screening di nuovi tumori. Un paziente che una volta era stato curato per il cancro, rientra automaticamente nella categoria di rischio per altre malattie tumorali.

Quando è necessaria una biopsia e un esame istologico del carcinoma a cellule basali??

Per confermare la diagnosi di carcinoma a cellule basali, è necessario rilevare le cellule tumorali appropriate. La loro preparazione può essere effettuata raschiando squame morte, facendo un'impronta o eseguendo una biopsia. Raschiare le pareti del tumore ha senso quando è presente tessuto morto. Un'impronta di sbavatura viene eseguita se vi è accesso al fondo del tumore, che è solitamente tipico di una forma di ulcera. Una biopsia viene eseguita o con la superficie del tumore invariata o se altri metodi non hanno avuto successo..

Una biopsia viene eseguita in una sala di trattamento in condizioni asettiche. Per questa manipolazione, viene eseguita o lieve analgesia con farmaci per inalazione. La puntura viene eseguita nel modo seguente. Un tumore è fissato con le dita della mano sinistra. Con la mano destra, una siringa vuota con un ago cavo all'estremità viene inserita nel mezzo del tumore. Il movimento dell'ago dal bordo del tumore al centro dovrebbe essere accompagnato dalla sua rotazione. Al raggiungimento del centro del tumore, il pistone della siringa viene tirato indietro, dopo di che l'ago viene rimosso. Quindi, con una forte spinta, il contenuto dell'ago viene espulso sul vetrino e diffuso attraverso di esso con l'aiuto di un altro - vetrino. Con una quantità sufficiente di biopsia, vengono prodotti diversi campioni. Più sottile è lo strato di sostanza sul vetro, migliori sono i campioni preparati e maggiore è la probabilità di stabilire la diagnosi corretta.

Test di laboratorio

Trattamento del carcinoma a cellule basali

Nel trattamento del carcinoma a cellule basali, vengono utilizzati farmaci e radioterapia, nonché la rimozione chirurgica del tumore. Ognuno di questi metodi ha i suoi vantaggi e svantaggi e viene applicato sulla base di indicazioni chiaramente definite. Tuttavia, la prognosi del trattamento dipende non solo dal metodo di trattamento scelto, ma anche dalle caratteristiche e dalle dimensioni del tumore, dalla sua posizione, dalle malattie concomitanti, ecc..

Le seguenti caratteristiche riducono la probabilità di una cura efficace per il carcinoma a cellule basali:

  • diametro del tumore superiore a 20 mm;
  • localizzazione del tumore vicino agli occhi, al naso e alle labbra;
  • bordo sfocato e irregolare del tumore;
  • bassa immunità del paziente;
  • malattie accompagnatorie;
  • tumore istologico infiltrativo, micronodulare e basquamoso;
  • crescita del tumore vicino a grandi vasi sanguigni e nervi.

Esiste un farmaco efficace per il carcinoma a cellule basali??

Quali sono i segni della crescita tumorale maligna??

È abbastanza difficile, usando solo le linee guida cliniche, stabilire il momento in cui la malattia precancerosa della pelle degenera nel carcinoma a cellule basali. Esistono i criteri più chiari per quanto riguarda la malignità dei nevi (talpe). Nella letteratura medica in lingua inglese esiste un complesso facile da ricordare per riconoscere le talpe degeneranti. Il nome di questo complesso di segni è un'abbreviazione delle prime lettere di sintomi e suona come le prime 5 lettere dell'alfabeto inglese - ABCDE.

A - asimmetria (asimmetria) - qualsiasi talpa che ha un decorso benigno nel 95% dei casi è sempre simmetrica. L'eccezione sono le voglie, che possono avere contorni intricati e rimanere comunque innocui..

B - bordo (bordo) - i bordi della talpa, di regola, sono piatti e lisci. La comparsa di tacche, piaghe o squame su di loro indica l'inizio della malignità.

C - colore (colore) - il papilloma benigno ha sempre la stessa tonalità su tutta la sua superficie. L'aspetto sulla superficie del tumore di isole più o meno pigmentate indica la sua trasformazione maligna.

D - diametro: questo parametro è il meno accurato e molto probabilmente fuorviante per molti, ma si ritiene che un tumore di dimensioni fino a 6 mm sia molto probabilmente benigno e se questo indicatore viene superato, aumenta la possibilità della sua degenerazione.

E - progressione (evoluzione) - la crescita rapida è una caratteristica dei tumori maligni. Un tumore benigno può normalmente aumentare di 1 - 2 mm all'anno.

Quando è necessaria un'operazione di rimozione del tumore?

Il carcinoma a cellule basali è un tumore trattabile con successo con una percentuale abbastanza bassa di recidive postoperatorie. Pertanto, questo particolare tipo di trattamento è preferito per qualsiasi stadio del carcinoma a cellule basali..

Tuttavia, è possibile trattare piccoli tumori (T1 e T2), compresa la radioterapia mirata o i farmaci chemioterapici locali. Tali tumori possono essere curati usando solo uno dei tipi di terapia. Le dimensioni tumorali corrispondenti agli stadi T3 e T4 sono un'indicazione per l'uso combinato di radiazioni e trattamento chirurgico. L'obiettivo del trattamento chirurgico è di asportare e rimuovere completamente il tumore..

L'operazione per rimuovere il carcinoma a cellule basali deve essere eseguita in sala operatoria in condizioni asettiche. Il tipo di anestesia dipende dal volume previsto dell'operazione, dalla posizione del tumore e dalle condizioni generali del paziente. L'anestesia di infiltrazione locale e di conduzione viene eseguita per pazienti in media fino a 55-60 anni quando il tumore si trova sul tronco e sulle estremità. La dimensione del tumore non deve superare i 10 mm. Nei tumori più grandi con coinvolgimento presuntivo delle strutture sottostanti, viene eseguita l'anestesia spinale. La localizzazione del tumore sul collo e sulla schiena prescrive l'anestesia generale, indipendentemente dall'età del paziente.

Per la sua specificità, questo tumore non ha sempre confini chiari. Spesso i confini non sono determinati a causa dell'ulcerazione dei bordi del tumore con il passaggio a tessuti sani. In questo caso, il chirurgo oncologico deve esaminare attentamente i bordi del tumore prima dell'intervento chirurgico utilizzando uno speciale dispositivo di ingrandimento o una semplice lente d'ingrandimento. Successivamente, concentrandosi sui bordi del tumore, viene eseguita la sua resezione a forma di cuneo. A seconda delle dimensioni del tumore, una certa distanza viene ritirata da esso al fine di ridurre al minimo la probabilità di presenza residua di cellule tumorali nella ferita e prevenire la ricaduta. Le scuole russe e occidentali non sono d'accordo sulla dimensione del rientro necessario. La scuola russa è più radicale, poiché raccomanda di recedere da ciascun bordo del tumore 2 cm a T1 e T2 e 3 cm a T3. La scuola occidentale afferma che la rientranza non dovrebbe superare i 3 - 5 mm. Ciò è dimostrato da dati statistici che indicano che con un rientro di 3 mm la probabilità di ricaduta è nella regione del 15% e con un rientro di 4-5 mm non supera il 5%.

Sulla base di quanto precede, ne consegue che un aumento del rientro riduce la probabilità di recidiva, ma lascia un difetto postoperatorio più pronunciato. Tuttavia, è importante notare che anche con la massima indentazione, la probabilità di recidiva del tumore rimane compresa tra il 2 e il 3%. Ciò è dovuto alla specificità del carcinoma cutaneo a cellule basali, ovvero alla sua capacità di crescere lungo i vasi sanguigni e i nervi su lunghe distanze..

Particolare attenzione viene data a metodi chirurgici come la terapia laser e la crioterapia. Sono utilizzati principalmente per tumori di piccole dimensioni. Il loro vantaggio è la non invasività e rapidi tassi di guarigione. Tuttavia, qui c'è un certo schema. Il successo di questo metodo nelle mani esperte raggiunge il 97% per i piccoli tumori, tuttavia, con un aumento delle dimensioni del tumore, aumenta anche la possibilità di ricaduta..

Oggi, la chirurgia MOHS è considerata il metodo chirurgico più avanzato per la rimozione dei carcinomi a cellule basali. Questo metodo è stato proposto negli anni '30 del secolo scorso e consiste nella rimozione strato per strato del tumore e nel suo esame istologico parallelo. Più in dettaglio, l'operazione viene eseguita come segue. Inizialmente, il tumore viene rimosso classicamente, osservando i rientri necessari. La ferita, nel frattempo, viene tappata, ma non suturata, e il paziente viene inviato in una stanza speciale dove può riposare. Il tumore stesso viene inviato al laboratorio, dove l'assistente di laboratorio che utilizza attrezzature speciali lo divide in molti strati sottili, ciascuno dei quali viene esaminato al microscopio dopo un'adeguata colorazione. Un tumore è considerato completamente rimosso se in tutte le sezioni il tessuto anormale è circondato su tutti i lati da un tessuto sano. Se viene rilevato a qualsiasi livello il contatto del tessuto tumorale con il bordo del taglio, il paziente viene chiamato di nuovo e nell'area indicata viene tratteggiato un sito di tessuto aggiuntivo, che viene anche inviato al laboratorio. Pertanto, in più fasi, il tumore viene completamente rimosso insieme a tutti i rami. La durata di tale operazione in media dura 8 ore, tuttavia, ci sono stati casi in cui l'operazione con tutte le interruzioni è durata da 2 a 3 giorni. La durata del metodo è giustificata dai più alti tassi di guarigione e dalla più bassa percentuale di recidiva, che in alcune cliniche avanzate raggiunge i decimi di percentuale.

Trattamento del carcinoma a cellule basali a seconda dello stadio del suo sviluppo

Cella basale di primo stadio
Nella prima fase del carcinoma a cellule basali, è accettabile il trattamento con tutti i metodi esistenti sotto forma di monoterapia. Pertanto, un tumore può essere trattato chirurgicamente, mediante radiazioni o chemioterapia. La crioterapia e la combustione del tumore laser hanno molto successo. Con dimensioni ridotte, la probabilità di successo del trattamento senza ricaduta sarà fino al 97%. Solo un intervento chirurgico al MOHS descritto in precedenza può vantare un simile risultato. Anche il trattamento non chirurgico ha spesso successo, tuttavia, in questo caso, è necessario tenere conto del tipo istologico del tumore al fine di scegliere il farmaco per il quale darà la massima regressione.

Carcinoma basocellulare di secondo stadio
Gli stessi metodi di trattamento sono utilizzati come nella prima fase, tuttavia, sotto forma di terapia complessa. Nella maggior parte dei casi, il trattamento viene eseguito in 1-2 fasi. Con il trattamento a uno stadio, viene eseguito un ciclo di trattamento, come nel primo stadio, ma regolato per una dimensione del tumore più grande. In un trattamento a due fasi, viene eseguita prima la rimozione radicale del tumore, quindi un ciclo di controllo della radioterapia. Con l'aumentare delle dimensioni del tumore, l'efficacia della crioterapia e la rimozione del laser diminuiscono, quindi è importante valutare correttamente tutti i pro e i contro prima di scegliere un metodo di trattamento. I farmaci chemioterapici sono usati raramente, a partire dal secondo stadio del carcinoma a cellule basali e superiore..

Carcinoma a cellule basali di terzo stadio
In questo caso, il trattamento viene eseguito in 2-3 fasi. Il trattamento in due fasi viene eseguito come nel secondo stadio. Il trattamento in tre fasi prevede un ulteriore ciclo di trattamento con chemioterapia o radiazioni ionizzanti al fine di ridurre le dimensioni del tumore prima della sua rimozione. Le tecniche di crioterapia e laser non sono utilizzate per tumori di queste dimensioni..

Carcinoma a cellule basali di quarto stadio
Nel caso in cui la rimozione del tumore sia più vantaggiosa dell'assenza di trattamento, viene eseguita l'operazione. Tuttavia, quando il tumore si diffonde alle strutture vitali, l'operazione deve essere astenuta. La radioterapia di tumori di tali dimensioni può solo portare a una leggera diminuzione delle sue dimensioni e effetti collaterali molto pronunciati. Il trattamento chemioterapico generale può anche fornire una ricaduta della malattia per un certo periodo di tempo, ma ciò accade abbastanza raramente. In determinate circostanze, ha senso eseguire un intervento chirurgico palliativo al fine di ridurre la compressione delle strutture che circondano il tumore e migliorare le sue condizioni sanitarie..