Carcinoma a cellule basali facciali. Trattamento, che tipo di malattia, foto di diversi stadi, rimedi popolari, laser, radioterapia

Lipoma

La lesione oncologica più comune della pelle del viso con una prognosi abbastanza favorevole è il carcinoma a cellule basali. Il trattamento del tumore può essere effettuato mediante chirurgia tradizionale o intervento minimamente invasivo mediante terapia laser, fototerapia, crioterapia, radioterapia e farmaci.

Tipi e sintomi di carcinoma a cellule basali

Il carcinoma a cellule basali della pelle del viso (il trattamento dipende dallo stadio della malattia) si sviluppa di solito dopo 40 anni, è singolo e multiplo (10-20%). Può interessare qualsiasi area della pelle, ma si trova più spesso negli angoli degli occhi, nelle aree temporali, sul naso e sui padiglioni auricolari.

È caratterizzato da una crescita lenta, estremamente raramente fornisce metastasi, ha una leggera tendenza a germinare i tessuti sottostanti. Può ricadere.

Nella dermatologia pratica, viene solitamente utilizzata una classificazione dei carcinomi a cellule basali, tenendo conto dei sintomi di varie forme di tumore:

  • Nodulare (nodulare). Il più comune (oltre il 60%). Inizialmente rappresentato da un nodo rosato fino a 0,5 cm a forma di cupola. Nel corso di diversi anni, appiattito, aumenta di diametro a 1-3 cm o più. Ha una superficie liscia attraverso la quale sono visibili i vasi dilatati. A volte coperto di squame o ulcerato. Esistono anche varietà pigmentate (nere, marroni o bluastre) e cistiche (nella forma di una cisti rotonda e liscia) di carcinoma a cellule basali nodulari.
  • Ulcerosa. Si forma principalmente o con ulcerazione di altri tipi di neoplasia. Sembra un'ulcera piatta. Può essere corrosivo o dilagante (infiltrativo). I tumori erosivi assomigliano a una rientranza a forma di cono con un diametro di 0,5-1 cm, circondato da un rullo denso, a volte coperto da una crosta sanguinolenta.
  • Infiltrativa. Tali neoplasie sono una variante della forma dell'ulcera, si distinguono in un gruppo separato a causa dell'elevato grado di aggressività e del rischio di effetti avversi. Il carcinoma infiltrante a cellule basali è un'ulcera che si diffonde lungo la periferia o in profondità nei tessuti, raggiunge i 5-10 cm o più, distrugge la cartilagine e le ossa.

Carcinoma a cellule basali facciali. Foto

  • Superficiale. Compone il 15% dei carcinomi a cellule basali di tutte le localizzazioni; si forma raramente sul viso. Differisce nel corso più favorevole. All'esame, una placca piatta arrotondata è visibile fino a diversi centimetri di dimensione. Inizialmente, il tumore ha una tinta rosata, quindi diventa marrone o rosa scuro. È raramente espresso. A volte vengono rilevate croste, desquamazione, aree di atrofia, ipo o iperpigmentazione.
  • Sclerodermia-like. Viene diagnosticato molto raramente, ha un decorso aggressivo. Sembra una dura placca giallastra con bordi sfocati. Nell'area interessata possono formarsi teleangectasie. Inizialmente, la neoplasia è elevata al di sopra del livello della pelle, con un decorso prolungato, un'area rientrata che ricorda una cicatrice al centro. La neoplasia è inattiva, poiché è saldata ai tessuti sottostanti. In casi avanzati, è possibile l'ulcerazione.
  • Fasi di sviluppo del carcinoma a cellule basali

    Le principali caratteristiche che vengono prese in considerazione nel determinare lo stadio del carcinoma a cellule basali sono le dimensioni e la posizione della neoplasia, la profondità di penetrazione nei tessuti sottostanti, le metastasi ai linfonodi e agli organi distanti.

    I segni negativi sono:

    • Dimensioni oltre 5 cm.
    • Posizione del labbro o dell'orecchio.
    • Germinazione di fibre e tessuti più profondi.
    • Germinazione nella regione del nervo.
    • Il basso livello di differenziazione cellulare, causando la loro divisione intensiva e la rapida diffusione dei tumori.

    A seconda dei parametri elencati, si distinguono 5 fasi dello sviluppo della patologia:

    Carcinoma allo stadio basocellulareCaratterizzazione del tumore primariometastasi
    Zero (Tis)Ha confini chiari, non germoglia il tessuto circostante (carcinoma in situ)Sono assenti
    Stadio I (T1)Il diametro della neoplasia non supera i 2 cm, vengono determinati meno di 2 segni avversi.Sono assenti
    Fase II (T2)Viene rilevata una lesione più grande di 2 cm o una cellula basale di qualsiasi diametro con 2 o più segni avversi.Sono assenti
    Fase III (T3)Crescita del tessuto osseo (orbita, mascella, osso temporale).È possibile rilevare una singola metastasi con un diametro inferiore a 3 cm nel linfonodo sul lato interessato..
    Stadio IV (T4)Tumore di qualsiasi dimensione con o senza germinazione delle strutture circostanti.Viene determinata una singola metastasi maggiore di 3 cm, una lesione metastatica di diversi linfonodi o metastasi in organi distanti.

    Ragioni per l'apparizione sul viso

    Le ragioni per la formazione del carcinoma a cellule basali sul viso non sono esattamente stabilite. Sulla base di dati osservativi, gli esperti identificano i seguenti possibili fattori scatenanti per lo sviluppo del tumore:

    • Insolazione eccessiva. Eccessiva esposizione ai raggi UV se esposti al sole o visitando un lettino abbronzante.
    • Pelle luminosa. Fototipi cutanei I e II (celtici e scandinavi).
    • Cancro della pelle relativo. La presenza di una predisposizione genetica allo sviluppo di alcuni tipi di tumori maligni.
    • Sindrome di Gorlin-Goltz. La malattia congenita, che è il risultato di una mutazione, è caratterizzata da anomalie del sistema riproduttivo e delle ossa dello scheletro, dalla formazione di più (decine e centinaia) di carcinomi a cellule basali e di altri tumori maligni.
    • Disturbi ereditari della pigmentazione. Xeroderma del pigmento, albinismo e altre malattie con ridotta produzione di pigmento.
    • Immunosoppressione (immunità soppressa). Leucemia linfocitica cronica, assunzione di immunosoppressori e citostatici.
    • Danni e malattie della pelle. Processi infiammatori cronici, lupus tubercolosi, psoriasi, ustioni, cicatrici, effetti delle radiazioni radioattive e dei raggi X sulla pelle.
    • Contatto con agenti cancerogeni. Bere arsenico con acqua potabile o i suoi effetti sulla pelle. Contatto con creosoto, bitume, catrame, catrame, prodotti petroliferi. fumo.
    • Genere maschile. Gli uomini hanno maggiori probabilità di lavorare all'aperto, quindi sono più spesso esposti a un'insolazione eccessiva.

    I nevi sul corpo appaiono dalla frequente esposizione al sole

  • Età. Con l'invecchiamento, aumenta la probabilità di degenerazione maligna delle cellule, gli effetti collaterali si accumulano nella storia.
  • Possibili conseguenze

    Il carcinoma a cellule basali della pelle del viso (il trattamento deve essere prescritto da uno specialista esperto) progredisce in assenza di terapia o prescrizione inadeguata. L'auto-guarigione è impossibile. Il tasso di crescita medio è di circa 0,5 cm all'anno, varia in base al tipo e al livello di aggressività del tumore.

    Neoplasie con crescita aggressiva si diffondono ai tessuti sottostanti, distruggendo ossa, cartilagine, nervi, vasi sanguigni e varie strutture anatomiche, tra cui bulbi oculari, strutture dell'orecchio medio e interno, guscio e sostanza del cervello.

    Possibili disturbi neurologici, perdita della vista o dell'udito. Il danno cerebrale grave e la germinazione di una nave con lo sviluppo di sanguinamenti aggressivi possono essere fatali.

    I bazaliomi hanno la tendenza a ricadere. Il tasso di recidiva è determinato dal tipo di tumore e dal metodo di trattamento, che varia dall'1% dopo l'escissione chirurgica della neoplasia primaria al 40% dopo la recidiva, rimosso per elettrochirurgia.

    Sono trascorsi circa 9 anni dall'esordio della malattia alle metastasi. L'aspettativa di vita dopo la formazione di metastasi di solito non supera gli 8 mesi.

    Trattamento chirurgico

    Il trattamento chirurgico dei tumori sul viso viene utilizzato raramente, a causa della difficoltà di ottenere un buon risultato estetico e della maggiore probabilità di recidiva quando si trova nell'area delle orecchie, del naso e delle palpebre.

    Grandi formazioni solitarie primarie, carcinoma a cellule basali infiltrative o sclerodermiche, neoplasie ricorrenti sono considerate indicazioni per l'escissione. Gravi malattie somatiche, l'età senile sono considerate controindicazioni.

    A seconda delle dimensioni del tumore e della complessità tecnica dell'intervento, le operazioni vengono eseguite in ospedale o in regime ambulatoriale. Viene utilizzata l'anestesia generale o locale. Esistono 2 metodi per il trattamento chirurgico del carcinoma a cellule basali facciali: rimozione convenzionale e chirurgia micrografica di Mohs.

    Il primo metodo viene utilizzato per le forme non aggressive di cancro della pelle, il secondo per quelle aggressive. Secondo il metodo standard, il tumore viene asportato, facendo un passo indietro di 4-6 mm dal suo bordo visibile. Nella fase finale, secondo le indicazioni, vengono eseguite manipolazioni di plastica ricostruttiva - il difetto risultante viene sostituito con un lembo cutaneo libero o spostato.

    La chirurgia di Mohs riduce il rischio di recidiva, ma è tecnicamente più complessa dell'intervento tradizionale. Un tumore visibile viene rimosso, contrassegnato su di esso e inviato per un esame istologico urgente. I tessuti vengono esaminati a strati; al rilevamento di cellule maligne ai bordi del campione, la loro posizione viene contrassegnata su una mappa che viene trasmessa ai chirurghi..

    I chirurghi hanno nuovamente asportato il tessuto e inviato un nuovo campione per l'analisi istologica. Il ciclo si ripete fino a quando le cellule atipiche non compaiono più nella regione. Se necessario, l'intervento è completato con la plastica.

    Il carcinoma a cellule basali facciali, trattato con escissione convenzionale, ricorre nel 36%, usando il metodo Mohs nel 4,7%. Dopo la rimozione delle neoplasie ricorrenti, questo indicatore è rispettivamente del 18% e del 6%. In Russia, il metodo Mohs è usato raramente..

    Rimozione dell'azoto liquido

    La criodistruzione è uno dei metodi più comuni per la rimozione delle cellule basali sul viso. Le indicazioni principali sono carcinomi basocellulari singoli e multipli nello stadio T1, situati nell'area delle orecchie, degli zigomi, delle aree temporali.

    La tecnica non è raccomandata per i tumori della localizzazione centrale (naso, triangolo nasolabiale, pieghe nasolabiali), decorso aggressivo della malattia. Con la rimozione della neoplasia nello stadio T2 e oltre, il rischio di recidiva aumenta in modo significativo.

    L'essenza della criodistruzione è congelare la neoplasia con azoto liquido. L'intervento viene eseguito in regime ambulatoriale, non richiede anestesia. Più spesso, viene utilizzato il metodo di applicazione, che prevede la distruzione del carcinoma a cellule basali mediante congelamento ripetuto dei tessuti con conseguente scongelamento.

    Il tessuto danneggiato viene strappato per formare una tenera cicatrice. La probabilità di recidiva nelle neoplasie primarie è del 4-7,5%, nelle recidive - 13-22%.

    fototerapia

    La terapia fotodinamica è relativamente recentemente utilizzata nel trattamento del carcinoma a cellule basali. Le neoplasie primarie singole e multiple nello stadio T1-T3 sono considerate indicazioni, inclusa la localizzazione "scomoda" (naso, area oculare, zona parotide), neoplasie ricorrenti, un alto rischio di complicanze quando vengono utilizzati metodi di rimozione più invasivi.

    La fototerapia è controindicata in caso di ipotensione, insufficienza d'organo scompensata, disturbi non correggibili del sistema di coagulazione del sangue.

    L'essenza del metodo è l'irradiazione laser locale del carcinoma a cellule basali dopo l'iniezione locale del farmaco, che aumenta la sensibilità delle cellule maligne all'esposizione laser. L'intero tumore viene irradiato con una cattura di 0,7-1 cm di tessuti sani adiacenti..

    Una sessione di fototerapia inizia dopo 10-15 minuti. dopo l'introduzione della soluzione e continuare per 20-40 minuti Il corso consiste in 2 sessioni con un intervallo di 3 giorni. Dopo 2-7 giorni, inizia la formazione di necrosi. La crosta viene respinta dopo 1-2 mesi con la formazione di una cicatrice poco appariscente.

    Radioterapia

    È possibile utilizzare la terapia a distanza a distanza, la radioterapia a fuoco ravvicinato, la terapia elettronica, il contatto e i metodi combinati.

    L'indicazione principale è un singolo tumore nelle persone di età superiore ai 70 anni in presenza di controindicazioni ad altri metodi di trattamento. A causa del rischio di sviluppare altre neoplasie, la radioterapia viene prescritta con cautela nei pazienti più giovani..

    Il trattamento con radioterapia consiste nell'irradiare ripetutamente il carcinoma delle cellule basali della pelle del viso con un flusso di particelle che distruggono la struttura del DNA delle cellule tumorali. L'irradiazione può essere remota o in contatto, nel primo caso, i raggi sono diretti da una certa distanza, nel secondo - un ago viene inserito nell'area interessata, attraverso la quale il flusso di radiazioni agisce direttamente sulle cellule tumorali.

    Le procedure si ripetono, vengono eseguite in ospedale, non è necessaria l'anestesia. Carcinoma basocellulare primario dopo l'applicazione del metodo ricorre nell'1,2-6,9%, recidiva nel 14-48% dei casi.

    Terapia laser

    La rimozione laser del carcinoma a cellule basali è una tecnica meno traumatica, adatta a pazienti anziani e pazienti con controindicazioni per il trattamento chirurgico.

    Il metodo è applicabile a piccoli tumori superficiali e focolai multipli, è l'opzione migliore quando la neoplasia si trova in un luogo inaccessibile. La procedura non è mostrata con un diametro di neoplasia superiore a 2 cm, la sua posizione nella zona periorbitale, una tendenza a formare cicatrici cheloidi.

    Il trattamento laser viene eseguito in regime ambulatoriale utilizzando un laser al neodimio o anidride carbonica, non richiede anestesia. Il basalioma viene irradiato con un flusso di luce diretto. Di conseguenza, nella zona interessata si forma un'area limitata di necrosi secca, coperta da una crosta..

    Dopo alcune settimane, la crosta scompare, sotto di essa si forma una cicatrice superficiale. Il rischio di recidiva nei tumori primari varia dall'1,1 al 5,6%, nelle recidive - dal 2,8 al 6,9%.

    Trattamento farmacologico

    Il carcinoma a cellule basali della pelle del viso (i farmaci possono essere locali e generali) con terapia farmacologica ha una ricaduta del 32-40%. I rimedi locali sono usati per la forma superficiale, i tumori ricorrenti, l'incapacità di usare altri metodi di trattamento. La tecnica è controindicata nelle forme sclerodermiche, nodulari e infiltrative di carcinoma a cellule basali.

    Quando si esegue la farmacoterapia locale, vengono applicati unguenti con citostatici (fluorouracile, fluorofurico, prospidina e altri) sulla neoplasia e sui 0,5 cm di pelle invariata circostante.

    I tessuti sani vicini sono protetti dalla lubrificazione con zinco salicilico o pasta di zinco. Il tumore si chiude con una medicazione occlusiva. Dopo un giorno, la medicazione viene cambiata. La durata del trattamento varia da 2 a 3 settimane.

    La chemioterapia sistemica come metodo di trattamento isolato è inefficace. A volte vengono prescritti farmaci chemioterapici generali prima dell'intervento chirurgico o criodistruzione per ridurre il diametro della neoplasia.

    L'elenco delle indicazioni per la chemioterapia comprende una forma ulcerosa di carcinoma a cellule basali, neoplasia ricorrente e lesioni multiple..

    Le medicine non sono usate per immunodeficienze e patologie concomitanti gravi. In genere, i farmaci vengono somministrati per via intramuscolare o endovenosa. È possibile l'iniezione sottocutanea o intradermica nell'area interessata..

    Immunoterapia

    Le indicazioni per l'uso di immunomodulatori sono il rifiuto del paziente da intervento invasivo, piccoli tumori superficiali, nodulari e ulcerativi, in particolare quelli situati in luoghi in cui l'uso di altri metodi di trattamento è difficile (sulle palpebre, all'interno del padiglione auricolare), grandi neoplasie inoperabili.

    I farmaci vengono iniettati nel tumore o nei tessuti vicini. Dopo alcune ore, si nota un aumento della temperatura, che diventa meno pronunciato con ogni nuova iniezione.

    Il corso dura circa 3 settimane. Sullo sfondo del trattamento, il tumore diminuisce e scompare con la formazione di una cicatrice. Dopo 8 settimane, valutare i risultati, se necessario, ripetere il corso. Il metodo può essere utilizzato da solo o prima della crioterapia.

    Trattamento con rimedi popolari

    I rimedi popolari più popolari sono:

    • Celidonia. Il bazalioma viene lubrificato con succo di celidonia fresco o fermentato per 8 giorni. È possibile effettuare un decotto in proporzione di 1 cucchiaino. 1 tazza di acqua bollente, seguita da 1/3 di tazza 3 volte al giorno.
    • Tabacco. La tintura viene prodotta versando 50 g di tabacco con un bicchiere di vodka. Il prodotto viene conservato in frigorifero per 2 settimane, agitato ogni giorno. Quindi viene filtrato, un tovagliolo sterile viene inumidito con tintura, applicato sul tumore e fissato. Le medicazioni vengono cambiate entro 10 giorni.
    • Carota. Grattugiare la verdura e fare un impacco. Allo stesso tempo, prendere 1 tazza di succo 2 volte al giorno.
    • Baffi d'oro. Il succo della pianta viene utilizzato sotto forma di impacco, applicato su un tovagliolo o un batuffolo di cotone. La medicazione viene mantenuta per 24 ore..
    • Canfora. 10 g di canfora cristallina vengono versati in 500 ml di vodka, insistendo fino alla completa dissoluzione dei cristalli, agitando quotidianamente. Usato per compresse per 10 giorni, quindi fare una pausa di 5 giorni.
    • Rootferaules. La radice è macinata, mescolata con olio di mucca in un rapporto di 1: 1 e applicata al tumore 2 volte al giorno. Per la fabbricazione di brodo 1 cucchiaio. l radice di ferula finemente grattugiata versare 500 ml di acqua bollente, insistere per 2 ore e assumere 1/3 di tazza 3 volte al giorno.
    • Lenticchia d'acqua di palude. Utilizzato sotto forma di infusione. Il tovagliolo viene inumidito e applicato sulla cellula basale per 15-20 minuti. La procedura viene eseguita ogni giorno per un mese. Quindi il trattamento viene ripetuto dopo una pausa di due settimane.
    • Mummia. 2 g di mummia vengono mescolati con 500 ml di succo d'uva. La soluzione viene riscaldata a 70 ° C a bagnomaria, raffreddata e assunta per via orale a 50 g a stomaco vuoto per 10 giorni.
    • Lievito. Diluito con acqua calda, la massa risultante viene applicata quotidianamente alla neoplasia per 2-3 ore.

    La terapia alternativa è in aggiunta al trattamento del carcinoma basocellulare della pelle del viso e non può fornire un completo recupero. Al fine di evitare lo sviluppo di complicanze, viene utilizzato in consultazione con il medico.

    Autore: Koneva Elena

    Design dell'articolo: Vladimir il Grande

    Carcinoma a cellule basali - che cos'è, cause, sintomi, diagnosi, trattamento e rimozione

    Una delle pericolose malattie maligne della pelle è considerata il carcinoma a cellule basali, che prevale al terzo posto dopo il cancro allo stomaco e ai polmoni. Questo tumore patogeno di natura epiteliale si distingue per le sue proprietà non aggressive, che progrediscono lentamente nel corpo senza segni di metastasi. Il basalioma cutaneo deve essere diagnosticato in modo tempestivo, poiché senza una terapia efficace penetra in tutti gli strati della pelle, è difficile un trattamento conservativo con successo.

    Cos'è il carcinoma a cellule basali?

    Questa malattia oncologica corrisponde al codice secondo ICD-10 C44.3. Inizialmente, il processo patologico è asintomatico, quindi la diagnosi nella fase iniziale è significativamente complicata. Il carcinoma a cellule basali è un carcinoma a cellule basali a crescita lenta senza metastasi che matura nell'epidermide o nei follicoli piliferi; caratterizzato dalla struttura di cellule simili agli elementi base dell'epidermide. Il pericolo è che una neoplasia maligna interrompa nel tempo le funzioni del tessuto muscolare, danneggi l'innervazione e persino l'integrità delle ossa.

    Che cosa sembra

    Il principale segno di un disturbo caratteristico sono i difetti della pelle nell'area di localizzazione del focus della patologia. Più spesso si tratta di sporgenze rosa di diverse dimensioni, che crescono e si condensano gradualmente e possono persino raggiungere le strutture ossee. L'aspetto del carcinoma a cellule basali è dovuto alla forma e al tipo di processo patologico. In alternativa, ci sono tali caratteristiche specifiche:

    1. Il carcinoma a cellule basali nodulari-ulcerative è rappresentato da sigilli focali dello strato superiore dell'epidermide, che assomigliano a noduli, possono prevalere al plurale.
    2. La forma a grana grossa della malattia si distingue per una singola sporgenza sopra la pelle. Sulla superficie di un tale nodo patogeno sono chiaramente visibili "asterischi vascolari".
    3. La forma cicatriziale-atrofica inizia con un sigillo, sul sito del quale appare un'ulcera fresca con un potenziale rischio di infezione secondaria.

    Le cause

    La malattia non è aggressiva, ma in assenza di misure di trattamento tempestive progredisce gradualmente. Per interrompere il processo patologico, il primo passo è stabilire ed eliminare la sua causa. Determinare in modo affidabile l'eziologia della patologia è problematico, ma gli specialisti competenti identificano una serie di fattori provocatori che aumentano significativamente il rischio di morbilità. Tra quelli:

    • Radiazione ionizzante;
    • Esposizione ai raggi UV;
    • infezioni virali di lunga durata;
    • esposizione a sostanze tossiche e cancerogene sull'epidermide;
    • danni meccanici e termici alla pelle;
    • fattore ereditario;
    • cambiamenti legati all'età nella struttura dell'epidermide (età avanzata);
    • stati di immunodeficienza del corpo;
    • cambiamenti del tessuto cicatriziale.

    È particolarmente importante notare che sono a rischio le persone che visitano regolarmente il solarium o restano sotto l'esposizione prolungata alla luce solare per abbronzarsi. Per tali categorie di cittadini, il rischio di sviluppare l'oncologia cutanea è particolarmente elevato. Più spesso gli adulti sono malati, per i bambini piccoli, questa malattia non è caratteristica. Con una maggiore attività di fattori provocatori, il carcinoma a cellule basali viene diagnosticato nelle fasi da 2 a 4..

    Le forme

    Se si sospetta una neoplasia benigna della pelle, il paziente va prima a consultare un dermatologo. Conoscere una malattia maligna, deve sottoporsi a una diagnosi dettagliata, determinare in modo affidabile la forma e il tipo di carcinoma a cellule basali. La classificazione di un disturbo caratteristico è presentata di seguito:

    1. Carcinoma a cellule basali solide (nodulare, grosso). La diagnosi più comune è caratterizzata dalla presenza di cellule basaloidi con bordi sfocati che ricordano il sincizio sulla superficie del derma. Il focus della patologia è simile al melanoma, differisce dalla rete vascolare al centro del tumore visivo sulla pelle.
    2. Nodulare-ulcerosa. È caratterizzato da un grande sigillo sotto forma di un nodulo, che in una fase iniziale non differisce nel suo dolore. Successivamente, al centro compaiono contenuti purulenti con formazione di croste necrotiche. Il rischio per la vita del paziente aumenta.
    3. Perforazione. I punti focali della patologia sono quelle aree della pelle che sono più spesso ferite, ad esempio gli arti, lo spazio interdigitale, le aree della pelle visibili. La neoplasia sta crescendo rapidamente, causando la morte dei tessuti vicini.
    4. Warty (papillare, esofitico). Esternamente, la cellula basale assomiglia a una verruca, differisce dalla superficie della pelle in termini di sporgenza caratteristica e iperemia del focus della patologia, non provoca la distruzione dei tessuti sottostanti. La crescita patogena ha la forma di "cavolfiore", una struttura mobile.
    5. Pigmentato. La crescita patogena differisce nel colore dal tono generale dello strato superiore dell'epidermide (contiene melanina in una concentrazione capiente). Nel tempo, la struttura dei tessuti cambia, le aree visibili di danno aumentano di dimensioni..
    6. Sclerodermiform. La crescita patogena differisce dapprima da un colore pallido e bluastro, ma man mano che cresce, si trasforma in una placca piatta e densa con un contorno chiaro e una superficie gonfia. Può essere localizzato su viso, collo, altre aree visibili della pelle..
    7. Cicatriziale-atrofica. Nella parte centrale del tumore predomina la distruzione con la formazione di un'ulcera. I bordi sono ulcerati, una cicatrice visibile è concentrata al centro del carcinoma a cellule basali. C'è iperemia della pelle, coinvolgimento dei tessuti molli nel processo patologico.
    8. Carcinoma a cellule basali superficiali piatte (epitelio pagetoide). Esistono diverse neoplasie, ma tutte hanno un diametro fino a 4 cm. Una cellula basale cresce verso l'alto, ma non verso l'interno (non si osservano cambiamenti negli strati cutanei).
    9. Tumore di Spiegler (tumore "turbante", cilindroma). Sulla superficie del derma si concentrano le teleangectasie di nodi rosa-violetti da 1 a 10 cm di diametro, che sono soggetti ad escissione immediata.

    fasi

    Il carcinoma basocellulare su viso, collo o altra parte del corpo prevale in una delle quattro fasi, in cui ogni fase successiva aggrava solo la malattia, ritarda il processo di guarigione, anche con la partecipazione di metodi medici e chirurgici. I medici distinguono:

    1. Primo stadio. Il bazalioma ha l'aspetto di un classico "brufolo", non provoca alcun inconveniente, solo un difetto estetico.
    2. Seconda fase. Il tumore raggiunge i 5 cm, supera diversi strati della pelle, non influisce sul tessuto sottocutaneo.
    3. Terzo stadio Il tessuto adiposo sottocutaneo viene distrutto e la neoplasia di diametro raggiunge più di 5 cm.
    4. Quarta tappa. Non solo il tessuto sottocutaneo, ma anche la cartilagine, le ossa sono coinvolte nel processo patologico.

    complicazioni

    Un tumore caratteristico è caratterizzato da un decorso benigno nel corpo, poiché non fornisce metastasi. Ma la mancanza di un trattamento tempestivo complica solo il quadro clinico, poiché non solo una volta i tessuti molli sani, ma anche la cartilagine, le strutture ossee e il guscio del cervello sono coinvolti nel processo patologico. Una persona senza chirurgia può persino morire. Le complicazioni più comuni sono presentate in questo elenco:

    • danno alla mucosa nasale;
    • la diffusione del processo patologico nella cavità orale;
    • danno alle ossa del cranio;
    • la posizione del tumore nell'orbita degli occhi;
    • cecità progressiva e perdita dell'udito.

    Diagnostica

    Nella fase iniziale, tale anomalia è indolore, accompagnata da un difetto cosmetico esclusivamente visibile. Pertanto, il paziente non consulta un medico in modo tempestivo e la diagnosi viene notevolmente ritardata a tempo indeterminato. Con sintomi visibili, è necessario condurre immediatamente una serie di esami clinici e test di laboratorio per chiarire la diagnosi finale. La diagnosi differenziale è la seguente:

    • esame citologico (viene presa un'impronta di striscio o raschiando dalla superficie della neoplasia);
    • esame istologico (un frammento del focus della patologia viene utilizzato per stabilire il tipo di neoplasia);
    • Ultrasuoni, TC, radiografia (per rilevare la profondità e l'entità del carcinoma a cellule basali).

    La diagnosi differenziale è molto importante, poiché le cellule basali assomigliano a molte malattie della pelle che sono inclini a recidive. In alternativa, è importante distinguere un tumore superficiale piatto dal lupus eritematoso, dalla cheratosi seborroica, dal lichen planus e dalla malattia di Bowen. La forma di sclerodermia ricorda eczema, psoriasi e sclerodermia.

    Trattamento del carcinoma a cellule basali

    La malattia maligna è raramente congenita, spesso ha una forma acquisita con l'età. Un trattamento efficace e tempestivo dovrebbe essere distinto da un approccio globale, che comprende terapia farmacologica, chirurgia e un lungo periodo di riabilitazione. L'autotrattamento di una talpa sospetta è strettamente controindicato. Ecco alcuni preziosi consigli degli specialisti:

    1. È meglio non usare i rimedi popolari nel quadro clinico in esecuzione, nella fase iniziale è consigliabile usarlo in combinazione con i metodi della medicina ufficiale.
    2. La scelta dell'intervento chirurgico dipende dalla localizzazione del focus della patologia, in modo che sia più facile per il chirurgo raggiungerlo.
    3. Durante l'intera fase del trattamento, è importante evitare di visitare un lettino abbronzante e l'esposizione alla luce solare diretta..
    4. Quando compaiono ulcere, è necessario utilizzare metodi medici di trattamento per escludere l'attaccamento di un'infezione secondaria.
    5. Con una terapia adeguatamente selezionata, l'esito clinico è favorevole, le dinamiche positive prevalgono nel 90% di tutti i quadri clinici..

    Trattamento unguento

    La terapia conservativa è il metodo principale per rimuovere il carcinoma a cellule basali nella fase iniziale. I medici raccomandano l'uso di unguenti esternamente sotto medicazioni occlusive, il corso del trattamento varia da 2 a 3 settimane senza interruzione. Tali posizioni farmacologiche si sono dimostrate efficaci:

    1. Metvix. Un farmaco fotosensibilizzante con il componente attivo metilaminolevulinato, che dovrebbe essere usato esternamente. È necessario eseguire 2 procedure con una pausa di una settimana tra quelle. Tra i vantaggi vi sono alta efficienza con buona tolleranza, uso a breve termine. Svantaggi: controindicazioni, effetti collaterali.
    2. Curaderm. Questo è un glycoalkoloid con il componente attivo glicoside solasodina, che ha un effetto anticancro. La crema deve essere applicata al centro della patologia e dei tessuti sani di 1 cm, una medicazione deve essere applicata sopra e ci vorranno fino a 3-4 settimane per essere trattate in questo modo. Vantaggi: effetto terapeutico sostenibile, prezzo accessibile. Svantaggi: effetti collaterali, rischio di sovradosaggio.
    3. Solcoseryl. È una preparazione naturale con il componente attivo dell'emodializzato di vitello per un massimo di 3 mesi. Non è consigliabile applicare la composizione terapeutica alle ulcere piangenti e si suppone che il resto strofini il gel nei focolai della patologia tre volte al giorno per 3-4 settimane. Tra le carenze, i medici distinguono un effetto terapeutico selettivo e debole nei singoli quadri clinici..

    Criodistruzione

    La procedura può fungere da trattamento principale con il metodo chirurgico, è progressiva e presenta un minimo di controindicazioni mediche. La criodistruzione viene eseguita con la partecipazione di azoto liquido, è rapida e indolore, non esclude il verificarsi di recidive ripetute. Nella fase iniziale della malattia, viene eseguita mediante terapia a raggi X a fuoco ravvicinato del focus della patologia, spesso combinata con la terapia a distanza a distanza. Nei quadri clinici trascurati, è combinato con un intervento chirurgico radicale. I principali vantaggi della criodistruzione:

    • effetto cosmetico sostenibile;
    • eseguire la procedura in anestesia locale;
    • breve periodo di riabilitazione;
    • la possibilità di effettuare durante la gravidanza, in età avanzata;
    • metodo chirurgico delicato.

    Tra i principali svantaggi della criodistruzione, è necessario individuare un effetto terapeutico selettivo, il rischio di recidive ripetute dopo l'escissione del carcinoma a cellule basali. Questa procedura non viene eseguita gratuitamente e il suo costo finale non è disponibile per tutti i pazienti. È necessario consultare uno specialista individualmente.

    Terapia fotodinamica

    L'essenza di questo trattamento chirurgico per il carcinoma a cellule basali è la rimozione delle cellule tumorali da parte dei fotosensibilizzanti sotto l'influenza di un flusso luminoso mirato. La terapia fotodinamica viene eseguita in più fasi successive, ecco un breve riassunto per l'ospedale:

    1. Il farmaco con fotoditazina viene iniettato in una vena per accumulare il componente attivo nel sangue (fase di fotosensibilizzazione).
    2. Un basalioma viene esaminato alla luce ultravioletta per definire chiaramente i suoi confini (effetto fluorescenza).
    3. Quindi la neoplasia viene evidenziata con un laser rosso con una lunghezza d'onda di massimo assorbimento del fotosensibilizzatore (fase di esposizione fotografica).
    4. Pertanto, le cellule interessate vengono asportate ed è necessario un periodo di riabilitazione per ripristinare i tessuti molli..
    5. Inoltre, viene prescritta una terapia farmacologica con farmaci locali, che contribuisce alla comparsa di croste e alla guarigione del derma interessato.

    Le cellule tumorali sensibili alle radiazioni, ripristinate in modo produttivo, tornano alle loro normali funzioni, integrità. Altri vantaggi di tale trattamento mini-invasivo sono un breve periodo di riabilitazione, un minimo di effetti collaterali e controindicazioni. Lo svantaggio è l'alto costo della procedura, la possibilità di recidiva ripetuta e un attacco acuto di dolore.

    Elimina

    Se il tumore maligno si trova in luoghi accessibili ai chirurghi, subisce un'escissione produttiva in anestesia locale o anestesia generale. L'operazione è la più comune, fornisce dinamiche positive stabili per un lungo periodo di tempo, ma è caratterizzata da una lunga riabilitazione. Con carcinoma a cellule basali sclerodermiche o esacerbazioni ripetute, è necessario eseguire un'operazione con la partecipazione diretta di un microscopio chirurgico.

    Con eccessive controindicazioni, la rimozione del carcinoma a cellule basali viene eseguita con metodi minimamente invasivi, che non garantiscono sempre un completo recupero del paziente. Se il tumore inizia a venire a contatto con organi o sistemi interni, l'operazione è anche pericolosa per la salute. Pertanto, se sospetti il ​​cancro, non esitare a diagnosticare e iniziare un corso intensivo di trattamento. Inoltre, potrebbe essere necessaria la radioterapia per sradicare le cellule tumorali che non sono state completamente asportate durante l'intervento chirurgico.

    Rimedi popolari

    Il carcinoma a cellule basali sul naso o nello spazio naso-labiale può sfigurare il viso e la chirurgia non è sempre appropriata. Alcune aree sono di difficile accesso e uno strumento chirurgico non può raggiungerle senza rischiare la salute e la vita del paziente. Pertanto, nella fase iniziale del disturbo, i chirurghi scelgono metodi di medicina alternativa in assenza di controindicazioni mediche. Tali ricette popolari sono particolarmente efficaci in un corso completo della durata di diverse settimane:

    1. Un decotto di foglie di celidonia. 1 cucchiaino richiesto materie prime essiccate versare 1 cucchiaio. acqua bollente, insistere e filtrare. Prendi in forma concentrata un terzo di un bicchiere tre volte al giorno. Ogni giorno, si consiglia di preparare una nuova porzione di medicina. In alternativa, si consiglia di strofinare i focolai della patologia con succo di celidonia concentrato più volte al giorno e non risciacquare fino a completa asciugatura. Il corso del trattamento è di diverse settimane, è importante consultare uno specialista.
    2. Unguento terapeutico. Gli ingredienti principali sono foglie di bardana, celidonia, grasso di maiale. Per preparare il medicinale, è necessario mescolare piante medicinali precedentemente essiccate e macinate in un contenitore di vetro, quindi combinare con grasso di maiale fuso e cuocere a fuoco lento per un paio d'ore. Raffreddare la composizione omogenea, quindi conservare in frigorifero e utilizzare esternamente: lubrificare i focolai visibili della patologia per 3-4 settimane. Inoltre, utilizzare i metodi ufficiali raccomandati dal medico.
    3. Unguento anticancro. Prima di tutto, è necessario macinare 100 g di radice di bardana essiccata, quindi bollire e raffreddare, spremere il liquido. Unire la sospensione preparata con 100 ml di olio vegetale, tenere a fuoco per 1,5 ore. Può essere usato come lozioni, compresse o strofinato delicatamente in lesioni visibili. Corso di terapia intensiva - diverse settimane in combinazione con la medicina ufficiale.
    4. Succo di baffi d'oro. Una pianta medicinale fresca, o meglio le sue foglie, devono essere lavate e passate attraverso un tritacarne, quindi frantumate attraverso diversi strati di garza. Il concentrato pronto deve essere inumidito con un tampone, applicato sulla superficie interessata per un giorno. Le dinamiche positive sono osservate quasi immediatamente - dopo la prima procedura. Il corso di terapia intensiva è determinato esclusivamente individualmente.
    5. Tassa di trattamento. Combina 20 g di gemme di betulla, cicuta macchiata, trifoglio di prato, celidonia, radice di bardana. Dopo 3 cucchiai. l versare 150 ml di olio vegetale, su cui la cipolla era precedentemente fritta. La composizione finita deve essere infusa in un luogo caldo per tutto il giorno, utilizzata come impacchi e lozioni per i tumori lubrificanti. Il corso del trattamento dura da 3 a 4 settimane, prima devi assicurarti che non ci siano reazioni allergiche ai componenti delle piante.

    La prognosi del carcinoma cutaneo a cellule basali

    Il trattamento con una risposta tempestiva ha un esito clinico molto favorevole: è possibile interrompere tempestivamente la mutazione cellulare e l'acquisizione di una tale forma cancerosa. Se non trattato, il tumore continuerà a distruggere i tessuti molli della pelle e degli ulcerati, soccombere a fattori dannosi, aumentare di dimensioni; mentre assomiglia a una voglia infiammata o a un'ustione. Nei quadri clinici trascurati (nella fase avanzata della malattia), il dolore acuto, le ferite aperte non sono esclusi. In generale, dopo un esame e una diagnosi tempestivi, la malattia viene trattata con successo..

    Carcinoma a cellule basali: che cos'è, sintomi, tipi e trattamento del carcinoma a cellule basali

    Una delle formazioni cutanee maligne più comuni è il carcinoma a cellule basali o carcinoma a cellule basali. Gli oncologi tumorali designano i tumori da cellule epiteliali maligne..

    Il carcinoma della pelle delle cellule basali ha origine dalle cellule basali dell'epidermide - epitelio squamoso stratificato.

    Pelle: ha uno spesso strato di tessuto connettivo, rivestito sulla parte superiore dell'epidermide. Per tutta la vita, l'epitelio cutaneo viene costantemente aggiornato. Le cellule giovani crescono dallo strato basale - cheratociti.

    Nel corso del loro sviluppo, si spostano verso gli strati superiori, cheratinizzano e desquamano. Il prossimo strato protettivo sta crescendo al loro posto. Il basalioma è formato da cellule basali o come viene anche chiamato strato germinale.

    Normalmente, lo strato germinale della pelle è chiaramente delimitato dai tessuti sottostanti. Le sue cellule si trovano allo stesso livello sulla cosiddetta membrana basale. In caso di crescita maligna delle cellule, penetrano attraverso la membrana del tessuto connettivo e penetrano nei tessuti sottostanti.

    Localizzazione

    Più spesso, il basalioma è localizzato nelle parti aperte del corpo, che rappresentano circa l'80% di tutti i casi. Di solito è la pelle del viso, meno spesso il cuoio capelluto. Secondo la localizzazione della cellula basale, il viso colpisce le seguenti aree:

    • regione frontale (7%);
    • palpebre (14%);
    • angoli delle palpebre (9%);
    • piega nasolabiale (9%);
    • area dell'ala del naso (10%);
    • regione parotide (10%);
    • padiglione auricolare (10%);
    • regione temporale (11%).

    Altra localizzazione del tumore è il collo, il tronco e gli arti superiori e inferiori..

    Carcinoma a cellule basali nei bambini

    Nell'infanzia, il carcinoma a cellule basali è raro. I fattori che contribuiscono allo sviluppo del tumore, a quanto pare, dovrebbero avere un effetto cancerogeno sulla pelle esposta per molti anni. Allo stesso tempo, secondo le statistiche, di tutti i tumori della pelle nei bambini, il carcinoma a cellule basali viene diagnosticato molto più spesso rispetto ad altre forme.

    Di particolare nota è una malattia geneticamente determinata: la sindrome di Gorlin-Holtz. Questa patologia ereditaria è accompagnata da una combinazione di anomalie del sistema scheletrico, del sistema riproduttivo, dei cambiamenti cistici nella mascella inferiore. Anche con questa sindrome, si osserva anche il carcinoma a cellule basali multiple. È caratteristico che la pelle delle cellule basali in questo caso non sia singola, ma multipla. I nodi tumorali sono localizzati in aree aperte e numerano in decine e centinaia.

    Le cause

    Secondo le statistiche, il carcinoma a cellule basali viene diagnosticato più spesso negli adulti dopo 50 anni..

    I fattori di rischio per l'insorgenza di questa patologia sono:

    • eccessiva insolazione solare;
    • esposizione prolungata ai raggi ultravioletti nel solarium;
    • la presenza di precedenti lesioni meccaniche;
    • ustioni precedenti;
    • Radiazione ionizzante;
    • soppressione del sistema immunitario.

    Tipi di tumore

    Si distinguono i seguenti tipi di carcinoma a cellule basali:

    Ulcera nodulare

    Questo tipo di tumore sembra un nodo leggermente elevato, a volte ulcerato. La dimensione di una tale cellula basale non supera i 2‒3 cm Il tumore ha una consistenza più densa. È saldato ai tessuti circostanti.

    Su una superficie rosata, sono spesso visibili vasi sanguigni dilatati, o come sono anche chiamati "vene del ragno". Dalla pelle sana circostante, il nodo è delimitato da una cintura rosata.

    Molto spesso, il carcinoma a cellule basali di questo tipo si trova nella regione della piega rinofaringea..

    Maglia grossa (nodulare, solida)

    Il basalioma nodulare cresce verso l'esterno. Questa è la sua differenza dall'ulcera nodulare. Ha l'aspetto di un emisfero di colore giallastro o rosato. Questo tumore è spesso localizzato nelle palpebre e nell'angolo dell'occhio. La localizzazione sul bordo interno della palpebra può portare a gravi complicazioni della circolazione cerebrale.

    penetrante

    La pelle delle cellule basali di questo tipo cresce con danni all'integrità della pelle.

    Questo basalioma è localizzato in aree soggette a lesioni..

    Se lo stadio iniziale procede sotto forma di forme nodulari-ulcerative e nodulari, allora la cellula basale perforante, molto probabilmente, è una conseguenza di un'ulteriore crescita del tumore.

    La maggior parte della superficie della formazione è coperta da una crosta. Solo dai bordi rimane una piccola area di tessuto rosato intatto.

    Warty (papillare)

    Questo tipo di carcinoma a cellule basali assomiglia ad una semplice verruca virale in apparenza. La superficie del tumore aumenta in modo significativo sopra la pelle circostante. Il nodo ha piccole sporgenze, simili a una verruca, dello stesso colore grigiastro. Tale carcinoma a cellule basali non ha vasi dilatati e ulcerazioni sulla sua superficie..

    Pigmentato (cicatrice piatta)

    La pelle delle cellule basali pigmentata ricorda il nevo pigmentato. La sua superficie è piatta, pigmentata, si alza leggermente sopra la pelle circostante.

    Lungo la periferia, una tale cellula basale è circondata da piccoli ispessimenti tumorali, situati come una collana.

    Se non trattato, il tumore cresce lentamente. Con un decorso così lento del carcinoma a cellule basali, la parte centrale del nodo ulcera e successivamente guarisce con la formazione di una cicatrice.

    Nel tempo, il carcinoma a cellule basali acquisisce una forma specifica di un punto scuro e denso con una cicatrice nella parte centrale.

    Sclerodermia-like

    Questo tipo di carcinoma a cellule basali assomiglia a un nodo nella malattia cronica della pelle: la sclerodermia. In apparenza, è un nodulo piccolo, denso e leggero, leggermente in aumento sopra i tessuti circostanti. Questa cellulosa basale non si ulcererà mai..

    Il tumore non forma elevazioni, cicatrici o pigmentazione. Con la crescita, il nodo cresce di dimensioni, la pelle su di esso diventa più sottile, i vasi dilatati traslucidi diventano evidenti.

    Superficiale (pagetoide)

    La pelle delle cellule basali pagetoide sembra una placca piatta rosata o rossastra. Questa varietà nel corso lento del processo patologico ricorda il cancro di Paget (tumore superficiale del capezzolo del seno).

    La superficie piatta rossastra del nodo tumorale è circondata da piccoli noduli situati nella periferia.

    Un tale carcinoma a cellule basali progredisce molto lentamente. Il carcinoma a cellule basali di tipo pagetoide può crescere per decenni e non disturbare il paziente.

    Cilindroma (tumore di Spiegler)

    Questa malattia della pelle ricorda solo il cancro delle cellule basali. Il tumore è sempre localizzato solo nel cuoio capelluto. È rappresentato da più nodi torreggianti adiacenti che ricordano gli emisferi.

    A causa della sua natura multipla e localizzazione, la malattia di Spiegler è anche chiamata "tumore del turbante".

    La superficie dei nodi tumorali è liscia, rosata con piccoli vasi dilatati. Per la prima volta questa patologia viene diagnosticata durante l'infanzia.

    Molto raramente, questa malattia viene rilevata dopo 10 anni. Nella sua struttura cellulare, appartiene al gruppo dal cilindro - tumori delle ghiandole sudoripare e non è canceroso.

    L'esame microscopico del carcinoma cutaneo a cellule basali è suddiviso nelle seguenti forme:

    • multicentrico superficiale;
    • adenoidi;
    • tipo di morfea con ialinosi;
    • tipo fibroepiteliale.

    Il carcinoma superficiale multicentrico a cellule basali è un accumulo di cellule basali, che sotto forma di cordoncini corti crescono in profondità nel tessuto sottocutaneo. Le corde tumorali sono spesso parallele alla superficie..

    La forma adenoide nella sua struttura cellulare ricorda il tessuto ghiandolare. La crescita delle cellule tumorali forma nidi e piccole cellule ghiandolari.

    Un tipo di morfea con ialinosi è più spesso un carcinoma a cellule basali del viso. La formazione di un nodo tumorale procede con la compattazione dei tessuti circostanti a causa della ialinosi (degenerazione simile alla cartilagine).

    Il carcinoma a cellule basali fibroepiteliali è una crescita di molti cavi tumorali nel tessuto cutaneo. Queste formazioni sono successivamente circondate da cellule cicatriziali e diventano più dense. È questo stadio che viene descritto dai medici come un tipo di tumore simile alla sclerodermia.

    Sintomi del carcinoma cutaneo a cellule basali

    Una caratteristica del carcinoma a cellule basali è un cuscino denso rossastro che circonda il tumore. Allungando la pelle, questo rullo mantiene la sua forma.

    Carcinoma a cellule basali con sintomi minimi.

    Inizialmente, più spesso su parti aperte del corpo, appare un piccolo nodulo che ricorda un brufolo comune (vedi foto sopra).

    A volte ci sono molti di questi noduli situati nelle vicinanze. Successivamente, si uniscono in un nodo grande.

    Il carcinoma a cellule basali non provoca dolore.

    Dei sintomi, i pazienti riportano solo un lieve prurito nell'area del tumore.

    Fasi del carcinoma a cellule basali

    Le fasi del carcinoma a cellule basali sono determinate dalle dimensioni del nodo tumorale. I medici distinguono tra cinque fasi dello sviluppo del tumore, incluso lo zero.

    Lo stadio iniziale della malattia è caratterizzato da cambiamenti minimi. La pelle sopra il tumore che inizia a crescere non viene modificata. La diagnosi di uno stadio zero viene fatta per caso durante un esame microscopico di materiale chirurgico prelevato per altri motivi..

    1. Alla prima gradazione, la cellula basale è già un nodo ben definito con un diametro fino a 2 cm. A questo punto, il tumore si trova ancora negli strati superiori della pelle. Non germina nei tessuti sottostanti, le metastasi sono assenti.

    2. Il secondo stadio è caratterizzato dal fatto che il nodo tumorale raggiunge un diametro superiore a 2 cm, ma inferiore a 5 cm. Il carcinoma cutaneo a cellule basali di questa specie sta già iniziando a invadere gli strati fibrosi sottostanti, ma non è ancora penetrato nel grasso sottocutaneo. Anche le metastasi sono assenti.

    3. Il terzo stadio è caratterizzato da una dimensione di formazione di oltre 5 cm di diametro. Allo stesso tempo, le corde tumorali non invadono il tessuto sottocutaneo. Nessuna metastasi.

    4. Il carcinoma cutaneo a cellule basali del quarto stadio è il più aggressivo. Il tumore penetra in profondità nel tessuto sottostante. In questo caso, possono essere colpite sia la cartilagine che le ossa. Tale crescita, ad esempio, può produrre carcinoma a cellule basali. Sono stati descritti casi isolati quando il carcinoma a cellule basali metastatizza ai linfonodi e al tessuto osseo vicini..

    Diagnostica

    La diagnosi del carcinoma cutaneo a cellule basali è attendibilmente possibile solo con un esame microscopico del tumore. La localizzazione superficiale del nodo lo rende accessibile a tutti i tipi di ricerca.

    Vengono utilizzati 2 metodi principali di diagnosi microscopica: citologica e istologica.

    Durante un esame citologico, la raschiatura dei tessuti viene eseguita dalla superficie del tumore, che può essere un carcinoma basocellulare. In alternativa, un piccolo pezzo di tessuto viene prelevato e premuto saldamente contro il vetrino da microscopio.

    Allo stesso tempo, gli accumuli di cellule rimangono sulla superficie del vetro, che sono colorati con una tecnica speciale..

    Al microscopio, l'esame citologico distingue chiaramente le cellule cancerose dell'epitelio basale.

    Il metodo istologico è un esame di un pezzo di tessuto tumorale in un blocco di paraffina. Tale frammento di tumore viene trattato in modo speciale e da esso viene preparato un blocco di paraffina. Dal blocco vengono ricavate fette di spessore inferiore a un micron. Sono colorati con coloranti speciali..

    Nel metodo istologico di indagine, il carcinoma a cellule basali è una parte dello strato basale alterato della pelle che penetra in profondità nella forma di corde e nidi separati. Questi sono i gruppi di cellule tumorali che crescono nel tessuto sano circostante..

    La diagnostica strumentale distingue il carcinoma a cellule basali da lichen planus, lupus eritematoso, sclerodermia e molte altre malattie della pelle.

    Come trattare il cancro della pelle delle cellule basali

    I metodi di trattamento del carcinoma a cellule basali sono selezionati in base allo stadio di formazione. Il trattamento del carcinoma a cellule basali dipende dalle dimensioni del tumore, dal grado della sua invasione nel tessuto circostante. Il numero di nodi e la loro localizzazione sono importanti.

    Quando si sceglie un metodo, è importante considerare lo stato di salute del paziente. Ciò è dovuto al fatto che spesso la malattia viene rilevata già nella vecchiaia..

    Rimozione del tumore

    Uno qualsiasi dei metodi di guarigione ha lo scopo di rimuovere o distruggere il tessuto tumorale. Vengono utilizzati i seguenti trattamenti per il carcinoma a cellule basali:

    • chirurgico;
    • rimozione laser;
    • Criodistruzione;
    • radioterapia;
    • rimozione mediante elettrocoagulazione;
    • fototerapia;
    • chemioterapia locale;
    • metodo combinato.

    Metodo operativo

    Questo tipo di trattamento per il carcinoma a cellule basali viene spesso utilizzato. La tattica è dovuta al fatto che il tumore si trova di solito in aree del corpo accessibili all'intervento (ad esempio, con carcinoma a cellule basali facciali). Con il metodo dell'incisione, il nodo tumorale viene asportato all'interno dei tessuti sani..

    La localizzazione dell'istruzione è presa in considerazione. Quindi, con la localizzazione nell'angolo interno dell'occhio, il chirurgo dovrebbe prestare particolare attenzione. È in questa zona che le navi comunicanti con il passaggio della cavità cranica.

    In caso di basalomi ricorrenti simili a sclerodermia, nonché in altre recidive del tumore, la chirurgia viene eseguita utilizzando speciali tecniche microscopiche. La tecnica di rimozione chirurgica è indicata anche per l'inefficacia della precedente radioterapia.

    Rimozione laser

    Il trattamento laser del carcinoma a cellule basali viene eseguito più spesso in caso di localizzazione del processo tumorale sul viso. Tale intervento dà l'effetto cosmetico più benefico. Prima dell'operazione, l'anestesia locale della pelle viene eseguita con una pasta speciale o utilizzando l'anestesia locale per la scheggiatura.

    Il tessuto tumorale viene bruciato da un raggio laser. In questo caso, le ricadute della crescita tumorale sono rare. Il periodo di riabilitazione con un tale intervento è più breve rispetto al metodo incisionale. Il metodo di rimozione laser non lascia cicatrici. Il difetto che si forma nel sito del tumore viene sostituito da una pelle sana che cresce dalla periferia.

    Criodistruzione

    Questo metodo di rimozione del carcinoma a cellule basali si basa sull'esposizione a temperature estremamente basse. Non importa dove è localizzata la cellula basale. Vengono utilizzati due metodi di criodistruzione: aerosol e applicazione.

    Nel primo metodo, il refrigerante viene applicato sulla superficie del tumore sotto forma di aerosol. Sotto l'azione della bassa temperatura, le cellule maligne muoiono a causa della formazione di cristalli di ghiaccio nel loro citoplasma. Questo metodo è più indicato quando lo stadio della malattia non è accompagnato da germinazione..

    Durante l'applicazione (applicazione), vengono utilizzate sonde e tamponi speciali. L'azione del freddo in questo caso è più lunga. Il metodo è efficace anche in forme invasive, inclusa l'impossibilità di rimuovere chirurgicamente il carcinoma a cellule basali. L'azoto liquido con una temperatura di -197 ° C viene utilizzato per il raffreddamento..

    Irradiazione

    Un modo per trattare il carcinoma a cellule basali è la radiazione. Il metodo si basa sull'effetto distruttivo delle radiazioni ionizzanti. Le cellule tumorali a causa dell'immaturità sono più suscettibili a fattori dannosi..

    Per proteggere gli organi e i tessuti sottostanti dalle radiazioni, vengono utilizzate la radioterapia a fuoco ravvicinato o la radiazione beta. Entrambi questi tipi di esposizione sono superficiali..

    Il trattamento a raggi X è più economico rispetto alla beta a causa della disponibilità di attrezzature.

    Il numero di sedute radiografiche viene calcolato in base alla dimensione del tumore. In questo caso, il radiologo calcola l'intensità del tubo a raggi X e il numero di sessioni, a seconda della dose totale necessaria per l'effetto.

    Il trattamento del carcinoma a cellule basali con raggi beta (fasci di elettroni accelerati) viene effettuato su attrezzature speciali. A seconda dello stadio del tumore, il medico regola la densità del flusso di particelle..

    Questo metodo consente di calcolare più accuratamente la dose di radiazioni ionizzanti. Gli elettroni accelerati non penetrano in profondità nei tessuti molli e non danneggiano le aree sottostanti.

    elettrocoagulazione

    Il metodo di elettrocoagulazione si basa sull'effetto sulla formazione maligna di correnti ad alta frequenza. Sotto l'azione della HDTV, le cellule tumorali vengono distrutte e bruciate dal riscaldamento..

    Il carcinoma a cellule basali facciali di solito non viene trattato con questo metodo a causa della formazione di tessuto cicatriziale grezzo nel sito di intervento.

    Inoltre, il metodo è considerato abbastanza affidabile. A causa degli intensi effetti termici, ci vuole più tempo per guarire la ferita chirurgica..

    Chemioterapia locale

    Con questo metodo, il trattamento del carcinoma a cellule basali viene effettuato applicando speciali farmaci citotossici sulla superficie della pelle interessata. Per il trattamento vengono utilizzate creme, gel e unguenti. Il principio attivo che distrugge il tessuto tumorale, con unguento penetra nelle sue cellule. Il dosaggio viene calcolato in modo da non danneggiare la pelle sana circostante.

    Uno dei vantaggi di questa tecnica è che il trattamento può essere fatto a casa. I preparati sotto forma di unguenti sono ben tollerati anche dai pazienti debilitati. Per l'uso, le localizzazioni aperte sono più adatte, ad esempio, con lo stesso carcinoma basocellulare della pelle del viso.

    fototerapia

    L'effetto sul tumore è effettuato da un'intensa radiazione luminosa. Per questo metodo, al paziente viene iniettata una speciale sostanza fotosensibile che si accumula nelle cellule tumorali. Non importa dove è localizzata la cellula basale. Sotto l'influenza delle onde luminose dirette, si verificano il riscaldamento delle cellule tumorali e la trombosi delle navi circostanti. Di conseguenza, il tumore si rompe..

    Trattamento combinato

    Questo metodo include una combinazione di diverse tecniche per la distruzione del tessuto tumorale. In ogni singolo caso, il medico decide la combinazione, la sequenza e l'intensità dell'effetto sulla neoplasia. In questo caso, lo stato di salute generale del paziente viene necessariamente preso in considerazione..

    Ricaduta dopo la rimozione

    Nessuno dei trattamenti per il carcinoma a cellule basali fornisce una garanzia completa di cura. Il carcinoma a cellule basali può ripresentarsi. La ragione potrebbe essere:

    • escissione incompleta associata a inaccessibilità;
    • germinazione del tumore negli strati profondi;
    • deriva delle cellule tumorali con corrente linfatica;
    • la presenza di focolai tumorali non rilevati;
    • errori di trattamento.

    Attenzione! Il segno più affidabile di recidiva è l'apparizione nel sito del carcinoma a cellule basali rimosso di piccoli noduli tumorali situati come una collana.

    Altri sintomi includono una sensazione di prurito e una leggera sensazione di bruciore nel sito del tumore rimosso. In luoghi di distruzione di piccoli noduli, si verifica il peeling della pelle.

    In caso di recidiva dopo l'intervento chirurgico, il trattamento viene continuato con radioterapia o chemioterapia. Per il riconoscimento tempestivo della ricaduta entro pochi anni dall'intervento, è necessario consultare un oncologo ogni 3 mesi.

    Previsioni e prevenzione

    La prognosi del cancro della pelle come il carcinoma a cellule basali è favorevole. Questo tipo di tumore maligno ha una crescita molto lenta. Alcuni tipi di carcinomi a cellule basali non cambiano la loro dimensione nel corso degli anni. Le metastasi ad altri organi e tessuti sono estremamente rare. Ad oggi, tali esempi di metastasi sono descritti da unità dell'intera storia mondiale della medicina..

    Per prevenire la formazione di un tumore, evitare un'eccessiva esposizione al sole, specialmente durante il suo periodo di attività. Un ruolo importante è svolto dal trattamento tempestivo delle lesioni cutanee. Anche i fattori cancerogeni, come l'esposizione a radiazioni ionizzanti e sostanze chimiche aggressive, devono essere evitati..