Vitamine per i malati di cancro

Teratoma

La malattia stessa: il cancro e il suo trattamento con chemioterapia riducono l'immunità del paziente. Pertanto, le vitamine in oncologia sono semplicemente necessarie per aumentare le funzioni protettive del corpo. Ma prima di iniziare a prenderlo, è necessario consultare se ci sono controindicazioni all'uso di questa o quella vitamina, poiché alcune sostanze biologicamente attive possono provocare un aumento delle neoplasie oncologiche.

Quali vitamine sono utili?

Retinolo (A)

Questa sostanza biologicamente attiva è molto necessaria per i malati di cancro. In oncologia, i pazienti spesso soffrono di anemia e il retinolo è in grado di migliorare lo stato del sangue, a seguito del quale il problema può essere eliminato. E aiuta anche a trasformare le cellule maligne in cellule sane. Ma la vitamina A in eccesso ha un effetto tossico sul corpo, quindi dovrebbe essere presa solo come indicato da un oncologo. Il retinolo deve essere prescritto per carcinoma polmonare e prostatico, neoplasie maligne delle ghiandole mammarie, testa e collo e anche semplicemente per la prevenzione del cancro.

I pazienti oncologici non sono severamente autorizzati a prendere l'amigdalina (B17).

Vitamine del gruppo B.

Gli oncologi prescrivono questo gruppo di sostanze biologicamente attive per migliorare il processo di formazione del sangue e per aumentare l'immunità dei malati di cancro. Ma possono essere assunti solo come prescritto dai medici, poiché alcuni di essi contribuiscono alla divisione cellulare, che può essere pericolosa per i tumori maligni. Vitamine del gruppo B prescritte comunemente:

L'uso di alimenti che contengono vitamina B2 aiuta a migliorare i processi metabolici nel corpo.

  • Tiamina (B1). Prende parte al metabolismo proteico e migliora le condizioni del sangue.
  • Piridossina (B6). Può rallentare la divisione delle cellule maligne e purifica il corpo dalle tossine.
  • Riboflavina (B2). Migliora i processi metabolici nelle cellule del corpo.
  • Cianocobalamina (B12). Promuove la divisione cellulare del midollo osseo e aumenta l'immunità.
Torna al sommario

Vitamina B17

Questa sostanza biologicamente attiva, inventata da un gruppo di persone per fare soldi, non esiste in natura. Si ritiene che l'amigdalina sia prodotta dall'acido cianidrico, che si ottiene dal nocciolo di mandorla e albicocca. Ma non un singolo centro di ricerca scientifica ha confermato il fatto della sua utilità. È stato dimostrato che questa sostanza ha un effetto tossico sul corpo e provoca gravi avvelenamenti, quindi è stato bandito dal rilascio.

Vitamina C

La vitamina C migliora l'immunità, che è molto importante per prevenire l'insorgenza di tumori maligni e nel trattamento del cancro. Rafforza le pareti dei vasi sanguigni, partecipa alla sintesi delle proteine. Oltre all'acido ascorbico, si raccomanda di essere bevuto da un malato di cancro per ridurre l'effetto collaterale dopo l'assunzione di farmaci ormonali e gli effetti della chemioterapia sul corpo.

Tocoferolo (E)

Questo è un antiossidante naturale prescritto ai malati di cancro per migliorare le condizioni del sangue e prevenire la formazione di coaguli di sangue. Il tocoferolo è prescritto per prevenire il ripetersi del cancro e per accelerare il recupero del corpo dopo un ciclo di chemioterapia e trattamento ormonale..

Cedric Garland, professore all'UCLA, ha studiato che 40 e 60 ng / ml di vitamina D nel corpo di una donna possono prevenire tutti i tipi di cancro cervicale.

calciferolo

È necessario rafforzare i vasi sanguigni del sistema circolatorio e aumentare l'immunità del corpo. Il calciferolo stimola la produzione di cellule T, che prevengono il verificarsi di metastasi. Migliora anche il metabolismo del calcio, che è compromesso dalla chemioterapia e dal trattamento con farmaci ormonali. Il calciferolo è prescritto per il cancro delle ossa e dell'intestino..

Prodotti della farmacia

Le vitamine più efficaci per il cancro:

Oltre all'uso di sostanze nutritive con prodotti, è possibile acquistare additivi biologicamente attivi in ​​farmacia, uno dei quali è Ovodorin-D.

  • Ovodorin-D.
  • Complesso vitaminico "Sii in salute". In esso consiste di retinolo, vitamine del gruppo B e minerali.
  • "Formula dello stress" multivitaminico. Il complesso contiene tocoferolo, retinolo, gruppo B, acido ascorbico e magnesio.
  • Preparazione vitaminica "Viusid".
  • Healthy Origins D3 10.000 UI 360 capsule.
  • Solgar Magnesio con compresse di vitamina B6 250.
  • "Neurorubin".
Torna al sommario

Quali prodotti contengono?

La tabella fornisce un elenco di prodotti che hanno le vitamine necessarie contro il cancro:

VitamineProdotti
RetinoloCarota
Zucca
Spinaci
Gruppo BFarina con crusca
Carne
Mais
Vitamina Cagrume
Rosa canina
Ribes nero
tocoferoloOli vegetali
Uova
Pesce di mare
calciferololatte
Fegato di merluzzo
Caviale rosso
Torna al sommario

Controindicazioni

Non ci sono divieti chiari sull'assunzione di sostanze biologicamente attive. È necessaria una consultazione con un oncologo che, sulla base dei risultati delle analisi, dovrebbe selezionare i complessi vitaminici necessari e la loro dose, nonché determinare quali sostanze sono controindicate. È impossibile impegnarsi nell'automedicazione, poiché l'ipervitaminosi o l'ipovitaminosi sono potenzialmente letali per i malati di cancro.

Roszdravnadzor: le vitamine possono causare il cancro

Di recente, il sito web Roszdravnadzor ha pubblicato molti materiali con raccomandazioni su come proteggersi dal cancro. Secondo recenti studi internazionali, questa malattia provoca la morte di uno su otto.

Tra le raccomandazioni: uno stile di vita sano, una corretta alimentazione, riducendo la quantità di sale negli alimenti. Ma il punto più, forse, più insolito riguarda gli integratori alimentari con vitamine. Possono provocare il cancro, Roszdravnadzor dichiara in testo diretto con riferimento alla comunità internazionale di esperti..

Foto: © RIA Novosti / Vitaly Ankov

Alcuni integratori, che sono posizionati per ridurre il rischio di cancro, possono invece provocarlo. A questo proposito, gli esperti raccomandano di ricevere vitamine da cibi sani, non da compresse..

Negli ultimi anni, scienziati di tutto il mondo hanno condotto ricerche su questo argomento. Ad esempio, uno studio congiunto serbo-danese-americano nei primi anni 2000 ha coinvolto 170 mila persone. Ha dimostrato che l'assunzione di vitamine A, C ed E aumenta il rischio di sviluppare tumori maligni..

Secondo gli scienziati, su un milione di persone che consumano grandi quantità di queste vitamine, circa 9000 muoiono ogni anno di cancro all'apparato digerente.

Articoli scientifici compaiono regolarmente sui pericoli del beta-carotene e della vitamina A: presumibilmente un eccesso di questi componenti nelle persone sane porta al cancro del polmone.

Nel 2011, gli scienziati americani hanno condotto uno studio "La vitamina E e il rischio di sviluppare il cancro alla prostata". In un esperimento di sette anni su larga scala hanno preso parte 35 mila uomini. Erano divisi in quattro gruppi. Il primo per tutti e sette gli anni è stato dato la vitamina E in un ampio dosaggio. Il secondo è il selenio minerale. Il terzo - una combinazione di selenio e vitamina E. Quarto - semplici "manichini", cioè un placebo.

È stato scoperto che gli uomini che assumevano solo vitamina E avevano il 17% in più di probabilità di contrarre il cancro alla prostata rispetto a tutti gli altri. A prima vista, i risultati sono impressionanti. Ma vale la pena prestare attenzione al fatto che circa 500 persone si sono ammalate. Altri fattori potrebbero aver influenzato.

Foto: © RIA Novosti / Ruslan Krivobok

Secondo Vasily Vlasov, presidente della Society of Evidence-Based Medicine Specialists, le vitamine sono molto necessarie e utili quando non ci sono abbastanza vitamine nel corpo. Ma gli integratori non funzionano in modo assolutamente favorevole su persone assolutamente sane.

- Stiamo parlando di fortificazioni aggiuntive per ottenere alcuni risultati positivi sulla salute. Studi recenti hanno dimostrato che nessuna vitamina aggiuntiva fa bene alle persone che mangiano bene. Questo è il risultato principale, che è stato più volte confermato negli ultimi decenni. Per quanto riguarda la provocazione dell'oncologia, ci sono alcuni dati riguardanti alcune vitamine, ma si tratta di casi piuttosto eccezionali. I rischi non sono affatto grandi. E non vale la pena di risolverlo, secondo l'esperto..

Nei moderni paesi sviluppati, problemi nutrizionali (i principali nutrienti, comprese le vitamine, che riceviamo dal cibo), fortunatamente, non ci sono praticamente. Le persone possono sperimentare una mancanza di vitamine in alcune regioni climatiche (condizioni dell'estremo nord, per esempio), in determinati periodi dell'anno (inverno, mancanza di sole, ecc.) O in determinate condizioni (gravidanza, carichi sportivi) e malattie, ha detto Nikolai Bespalov. RNC Pharma Development Director, Esperto di mercato farmaceutico.

Ha sottolineato che, anche in tutti i casi di cui sopra, l'assunzione di integratori alimentari o vitamine dovrebbe essere effettuata su raccomandazione di un medico.

- Anche un sovradosaggio di vitamine è potenzialmente pericoloso, così come la loro mancanza. Anche una vitamina apparentemente banale come la C, con un sovradosaggio, può provocare lo sviluppo dell'ulcera gastrica, stimolare la formazione di calcoli renali e causare irregolarità mestruali. Possiamo sicuramente affermare che l'assunzione di preparati vitaminici non dovrebbe essere incontrollata ”, ha aggiunto Bespalov..

Quindi, la conclusione è questa: le vitamine sono utili solo quando ne hai bisogno. Bere per la prevenzione è almeno inutile, per lo più pericoloso.

In precedenza, la vita ha compilato istruzioni dettagliate su come capire che è necessario correre in farmacia per le vitamine. Il modo più sicuro è sottoporsi al test. È vero, questo non è un affare costoso. Ad esempio, in uno dei popolari laboratori di rete di Mosca, un esame del sangue completo per otto vitamine essenziali (A, D, E, K, C, B1, B5, B6) costa 14 mila rubli.

Foto: © RIA Novosti / Igor Zarembo

Se non vuoi o non puoi spendere molto per l'analisi, prova a scegliere un medico di cui ti fidi e chiedigli se hai bisogno di vitamine da farmacia e quali.

E, soprattutto, ricorda che tutti i tipi di complessi vitaminici e integratori alimentari non risolveranno i problemi causati da uno stile di vita malsano. Fumo, mancanza di sonno, bassa attività fisica, uso di fast food, alcool - tutto ciò lentamente ma sicuramente uccide la nostra salute. Quindi, prima di andare in farmacia, pensa a un bicchiere di succo appena spremuto e a un abbonamento al fitness club. Può essere molto più utile..

La scienza

Salute

Massa tumorale schiacciata ascorbica

La somministrazione endovenosa di acido ascorbico aiuta a combattere anche i tumori gravi

Ogni anno, un numero enorme di composti organici di nuova sintesi viene testato per l'attività antitumorale nel mondo. Tuttavia, i farmacisti non sono ancora in grado di offrire pillole per il cancro al mondo. E se i combattenti contro il retrovirus dell'AIDS sono pronti a rinunciare all'impotenza, allora i medici americani, inaspettatamente per molti e, forse, per se stessi, hanno scoperto che non c'era bisogno di andare lontano per una cura per il cancro.

Se fino a poco tempo fa tutti avevano l'AIDS sulla bocca, una piaga del ventesimo secolo, oggi questo flagello è appena ricordato. L'HIV ha sostituito il cancro. Il cancro è ugualmente spietato per i rappresentanti di tutti gli strati sociali, e fino ad ora tutti sono ugualmente indifesi prima di esso..

E anche se la farmacologia non si ferma, non è sempre possibile tenere il passo con tumori costantemente maligni. L'immunologia oncologica ha dato alcune speranze che hanno iniziato a svilupparsi intensamente, ma finora molto spesso moltissimi pazienti, almeno in paesi con medicina alternativa tradizionalmente rispettabile, spesso si rivolgono a guaritori e guaritori.

Sotto questo assalto, anche i medici ortodossi hanno recentemente compromesso. Ad esempio, molti agenti chemioterapici hanno iniziato a produrre apologeti "on a tip" per la fitoterapia. In alcune ricette, i guaritori trovano note sostanze biologicamente attive, anche se i metodi di trattamento stessi, o meglio, i tentativi di automedicazione, di solito interferiscono solo con la terapia principale.

Anche Michael Graham Espy e i suoi colleghi dell'Università del Kansas e del National Cancer Research Institute lo hanno deciso

"Tutto ciò che è nuovo è ben dimenticato" e hanno suggerito di usare la vitamina C per combattere i tumori.

antiossidanti

(antiossidanti) - inibitori dell'ossidazione, sostanze naturali o sintetiche che possono inibire l'ossidazione.

Il fatto è che l'acido ascorbico, tradizionalmente usato come antiossidante, secondo gli oncologi, può svolgere un ruolo assolutamente opposto. Vale a dire, agire come agente ossidante in una reazione con un complesso metallico, che successivamente porta alla formazione di un agente antitumorale nel corpo - perossido di idrogeno.

Ciò si è rivelato sufficiente per distruggere diverse linee cellulari tumorali in vitro. Inoltre, per i suoi esperimenti, Espy ha scelto uno dei tipi di cancro più aggressivi: il glioblastoma e il carcinoma delle ovaie e del pancreas. A concentrazioni di ascorbato in un ambiente dannoso per le cellule tumorali, 43 tipi di cellule umane sane si sono sentite perfettamente normali.

La seconda parte degli esperimenti era già stata eseguita su animali.

La vitamina C è stata somministrata per via intraperitoneale ai topi con tumore trapiantato in modo che la concentrazione nel sangue fosse paragonabile a quella nella capsula di Petri. Sebbene non fosse possibile ottenere la completa scomparsa e il tumore continuasse persino a crescere, il suo volume, a seconda del tipo di tumore, era del 43–51% in meno rispetto al gruppo di controllo.

Il doppio della differenza per l'oncologia - più che un risultato significativo.

Apparentemente, anticipando sia i dubbi dei colleghi sia i tentativi dei pazienti di iniziare un trattamento indipendente, Espy fece diverse riserve.

In primo luogo, la vitamina C è già stata provata ripetutamente in oncologia. Ma anche l'autorità di Linus Pauling non è stata sufficiente per dimostrare l'efficacia dell'assunzione di acido ascorbico. Come hanno scoperto gli autori del lavoro pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, la ragione sta proprio nella via di somministrazione: è semplicemente impossibile raggiungere la concentrazione desiderata di ascorbato nel plasma sanguigno quando ingerito.

Specie reattive dell'ossigeno

(RFC) o specie reattive dell'ossigeno (ROS) - includono ioni di ossigeno, radicali liberi e perossidi sia inorganici che.

In secondo luogo, prima di questo, l'effetto della vitamina C sui malati di cancro non è stato studiato secondo le regole della medicina basata sull'evidenza, che, tuttavia, non dovrebbe essere prevista nel prossimo futuro: è improbabile che qualcuno rifiuterà, anche se non completamente, ma comunque una terapia efficace a favore di iniezioni ascorbiche.

E in terzo luogo, anche nei casi più difficili e, a quanto pare, incurabili, non vale la pena ricorrere autonomamente a questo, perché gli esperimenti sono significativamente diversi dalla situazione della vita reale. Non è noto come si comporterà un composto sufficientemente attivo in presenza di un agente chemioterapico o immunomodulante. Inoltre, con insufficienza renale e violazione di alcuni enzimi, l'assunzione di vitamina C in tali dosi è semplicemente pericolosa per la vita..

Quindi, prima che le condizioni oncologiche compaiano nell'elenco delle indicazioni per iniezioni ascorbiche, passerà più di un anno. Forse il processo sarà accelerato da un'interpretazione dettagliata del meccanismo, che consentirebbe di selezionare tra i farmaci esistenti quelli il cui effetto potrebbe aumentare l'acido ascorbico.

La vitamina C uccide le cellule staminali tumorali

Il principale killer di persone in tutto il mondo è la malattia cardiovascolare. Al secondo posto ci sono tumori maligni. Gli scienziati sono sicuri: nel tempo, la prevalenza del cancro non farà che aumentare. È difficile affrontarlo: molti metodi di trattamento hanno gravi effetti collaterali e sono difficili da tollerare per i pazienti..

Si prevede che nei prossimi 20 anni il numero di casi di cancro di nuova diagnosi aumenterà di circa il 70%. L'oncologia si sta sviluppando rapidamente e, tuttavia, se il tumore non viene rilevato nelle fasi iniziali (e molto spesso accade), molti metodi di trattamento sono inefficaci. Tuttavia, molti di loro sono scarsamente tollerati dai pazienti, hanno gravi effetti collaterali..

Alcuni tumori aggressivi non rispondono affatto alla terapia. Le cellule staminali tumorali sono spesso responsabili di ciò - sono loro che causano la metastasi e il ripetersi del tumore.

Come possono le cellule staminali del cancro dello stelo smettere di crescere? Gli scienziati del Regno Unito hanno analizzato tre sostanze naturali, tre farmaci sperimentali e un farmaco già utilizzato nelle cliniche..

La vitamina C era 10 volte più efficace di un farmaco sperimentale.

Gli scienziati hanno analizzato l'efficacia delle seguenti sostanze:

  • Styripentol (stiripentol) - un farmaco che è già utilizzato nella pratica clinica.
  • Tre farmaci sperimentali: 2-DG, FK866 e actinonina.
  • Tre sostanze di origine naturale: estere fenilico dell'acido caffeico, silibinina e acido ascorbico (aka vitamina C).

I ricercatori si sono concentrati sui processi di bioenergia nelle cellule tumorali staminali che li aiutano a sopravvivere e moltiplicarsi. È stato necessario studiare il metabolismo in queste cellule per capire come inibire la loro crescita.

Soprattutto, la crescita delle cellule staminali è stata inibita dai preparati sperimentali FK866 e actinonina. Tuttavia, le sostanze di origine naturale si sono mostrate bene. Quindi, la vitamina C era 10 volte più efficace della 2-DG.

Gli scienziati hanno scoperto che la vitamina C influenza il processo di glicolisi - la scomposizione del glucosio, attraverso la quale la cellula riceve energia. In altre parole, l'acido ascorbico provoca una "diseccitazione" delle cellule tumorali staminali..

I principali vantaggi della vitamina C sono che è economico, venduto in qualsiasi farmacia e sicuro. L'acido ascorbico può essere assunto in dosi molto elevate, come, ad esempio, molte persone fanno durante il raffreddore (anche se i benefici dell'acido ascorbico per la prevenzione e il trattamento delle infezioni respiratorie acute non sono dimostrati).

I risultati dello studio dimostrano ancora una volta che nella lotta contro il cancro, non solo "l'artiglieria pesante" - chemioterapia e radioterapia - ma anche sostanze sicure di origine naturale possono trarre beneficio.

Gloria Bonuccelli, che ha guidato il lavoro degli scienziati, afferma:

"I nostri risultati suggeriscono che devono essere condotti studi clinici in questa direzione, sostanze come la vitamina C possono diventare un complemento del trattamento tradizionale, possono aiutare a prevenire ulteriori progressi, metastasi e recidiva del tumore".

Linus Pauling ha dimostrato il ruolo della vitamina C come agente antitumorale. Ma questa volta, gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta che l'acido ascorbico può colpire le cellule staminali tumorali..

Naturalmente, le vitamine e le sostanze biologicamente attive, con tutti i loro effetti benefici, non possono sostituire un trattamento antitumorale a tutti gli effetti. La clinica europea utilizza i metodi più moderni. Sappiamo aiutare, anche in casi avanzati..

Acido ascorbico in oncologia

Oggi ci sono poche opzioni terapeutiche che danno ai malati di cancro la speranza di una vita lunga e sana..

La vitamina C può riempire una nicchia vuota e diventare una vera cura per il cancro?

Gli Stati Uniti stanno investendo miliardi di dollari nella ricerca e nella cura del cancro. Grazie a questi continui sforzi, la mortalità per cancro in America sta diminuendo leggermente ogni anno..

Allo stesso tempo, il cancro rimane il killer numero 2 sul pianeta, secondo solo alle malattie cardiovascolari..

I pazienti, i loro parenti, amici e dottori ascoltano costantemente le notizie nel campo della cura del cancro, aspettandosi di ricevere notizie incoraggianti. Ma, nonostante le grandi conquiste mediche del secolo scorso, l'umanità non ha ancora trovato modi radicali per sconfiggere il cancro.

Il trattamento del cancro con vitamina C (acido ascorbico) come metodo alternativo è stato proposto negli anni '70 e da allora sono state condotte molte ricerche su questo argomento..

Oggi proveremo a sintetizzare i dati scientifici e rispondere alla domanda chiave:

Qual è il trattamento per il cancro con vitamina C? Imbrogli o speranza?

Proprietà dell'acido ascorbico
Le persone non possono produrre vitamina C a causa della mancanza di enzimi necessari, quindi dobbiamo ottenere questa preziosa sostanza con il cibo ogni giorno. Principalmente vegetale.

L'acido ascorbico svolge diverse importanti funzioni, tra cui la biosintesi del collagene, un componente chiave del tessuto connettivo. Aiuta a produrre neurotrasmettitori (dopamina e noradrenalina), protegge le cellule nervose della sostanza bianca del cervello.

Gli scienziati attribuiscono particolare importanza alle pronunciate proprietà antiossidanti della vitamina C, che teoricamente è in grado di proteggere le cellule e il DNA dai danni dei radicali liberi. Poiché l'acido ascorbico è coinvolto in molti importanti processi biologici, l'attenzione dei ricercatori sul cancro a questa vitamina non è sorprendente..

Sono stati formulati tre meccanismi ipotizzati di azione della vitamina C nel cancro:

1. La conversione di antiossidanti in proossidanti
Il Dr. Mark Levin del Dipartimento di Dietetica Molecolare e Clinica del National Institute of Health, USA, ha dimostrato che in presenza di metalli, la vitamina C avvia la formazione di perossidi, potenti agenti ossidanti estremamente tossici per qualsiasi cellula..

I perossidi sono particolarmente pericolosi per le cellule tumorali. Sfortunatamente, indirizzare l'acido ascorbico alle cellule tumorali è più difficile che mangiare un chilo di arance al giorno. Inoltre, il corpo umano regola efficacemente il contenuto di vitamina C, rimuovendo il suo eccesso nelle urine.

Il team del Dr. Levine ha dimostrato che l'iniezione di alte dosi di acido ascorbico bypassa i nostri meccanismi di controllo e satura i tessuti con questa vitamina..

Un altro ricercatore, il Dr. Lewis Cantley della Weill Cornell Medicine di New York, ha scoperto che l'acido ascorbico provoca danni ossidativi alle cellule tumorali del colon-retto..

Il trattamento con alte dosi di vitamina C è stato sufficiente per innescare l'apoptosi e ridurre significativamente la popolazione di cellule tumorali. Oltre a questo effetto antiossidante, il Dr. Cantley è stato in grado di scoprire che l'acido inibisce la glicolisi, il modo principale per ottenere energia cellulare..

2. La vitamina C fa morire di fame le cellule tumorali
L'uso delle stesse vie metaboliche delle cellule tumorali è la chiave dei risultati di Michael Lisanti, ricercatore presso il Center for Biomedical Research della Salford University (USA).

Nella coltura cellulare, i ricercatori hanno dimostrato che le cellule tumorali staminali (CSC) sono fortemente dipendenti dal funzionamento dei loro mitocondri ("centrali elettriche cellulari").

Il metabolismo mitocondriale e la glicolisi sono indissolubilmente legati.

Quando l'energia viene rilasciata dal glucosio per glicolisi, si forma il prodotto finale, il piruvato. Viene catturato dai mitocondri e lancia un'altra cascata di reazioni per rilasciare energia.

Come si è scoperto durante gli esperimenti, l'acido ascorbico inibisce l'enzima chiave necessario per la glicolisi. Nessuna glicolisi - nessun piruvato. Di conseguenza, le "centrali cellulari" cessano di generare l'energia necessaria alle cellule cancerose, muoiono di fame e muoiono gradualmente..

In ulteriori esperimenti, gli scienziati americani hanno cercato di distruggere le cellule staminali tumorali con una combinazione di antibiotici e vitamina C. Il fatto è che la doxiciclina e alcuni altri farmaci antibatterici hanno un effetto negativo sui mitocondri. Cocktail Killer.

L'effetto della doxiciclina sui mitocondri "eliminati" e le cellule tumorali hanno avuto solo glicolisi per sopravvivere per sopravvivere. L'introduzione di grandi dosi di vitamina C li ha privati ​​dell'ultima alternativa a causa dell'inibizione della glicolisi. L'ultima opzione è la morte..

Ma il metabolismo energetico non era l'unico obiettivo dell'acido ascorbico.

La vitamina C può aiutare a combattere il cancro al sangue

Una dose troppo elevata di acido ascorbico, necessaria per combattere la leucemia, rimane un ostacolo. Ma gli scienziati non perdono la speranza di risolvere questo problema..

Gli scienziati del Laura Cancer Center e Isaac Perlmutter (USA) hanno scoperto esattamente come un'alta dose di vitamina C blocca la riproduzione delle cellule staminali dalle vittime del cancro. I primi risultati dello studio sono riportati dall'autorevole rivista peer-reviewed Cell..

La versione secondo cui il cancro può essere curato con un'alta concentrazione di acido ascorbico è apparsa tra gli scienziati negli anni '70. Gli esperimenti hanno dimostrato che la vitamina C provoca un certo miglioramento nel trattamento del cancro del fegato, delle ovaie, del pancreas e del colon. Tuttavia, è difficile definire questi dati conclusivi, perché secondo gli studi di altri scienziati, l'acido ascorbico, al contrario, riduce l'efficacia della chemioterapia.

Nel tumore del sangue, le cellule staminali non maturano in globuli bianchi maturi che possono combattere le infezioni. Non muoiono, ma continuano a moltiplicarsi attivamente, rimanendo immaturi. Ciò interrompe completamente la produzione di normali globuli bianchi..

I ricercatori dell'American Cancer Center erano particolarmente interessati all'enzima TET2, che ha la capacità di innescare il processo di differenziazione delle cellule staminali. Ciò consente loro di trasformarsi in normali globuli rossi maturi, che moriranno a tempo debito per dare luogo a nuove cellule staminali. È stato dimostrato che il 10% dei pazienti con leucemia mieloide acuta, il 30% dei pazienti con sindrome mielodisplastica (pre-leucemia) e il 50% dei pazienti con leucemia mieloide cronica hanno una mutazione genetica che riduce la produzione di TET2.

Durante gli esperimenti sui topi, è stato scoperto che alte dosi di vitamina C attivano i meccanismi di ripristino del gene che codifica l'enzima TET2 mediante demetilazione del DNA. Questo processo non funziona, come dovrebbe, nei pazienti con una mutazione di questo gene. Gli scienziati hanno affermato di essere riusciti a fermare la progressione della malattia negli animali con tumore del sangue. E la combinazione di chemioterapia con farmaci del gruppo inibitore PARP e alte dosi di vitamina C aumenta significativamente l'efficacia della terapia rendendo difficile la rigenerazione delle cellule staminali leucemiche.

Questa svolta nella scienza medica è ancora difficile da applicare per il trattamento e la prevenzione dell'oncologia nell'uomo. Il problema è che i roditori protetti dalla leucemia hanno ricevuto porzioni ultra-alte di vitamina - 100 mg per iniezione. È come se ogni topo seduto mangiasse due arance intere. Per ottenere questo effetto, si dovrebbe assumere circa 3000 volte più di questa sostanza e per via endovenosa (il fatto è che il nostro corpo smette di assorbire la vitamina attraverso lo stomaco dopo 0,5 grammi). In questo caso, il cancro del sangue avrebbe potuto essere possibile sconfiggere, ma avrebbe iniziato altri problemi di salute..

Tuttavia, gli scienziati sperano che alte dosi di vitamina C saranno eventualmente incluse negli standard ufficiali di trattamento del cancro, in particolare alcune delle sue forme. Quindi, le persone con leucemia mieloide acuta hanno spesso un'età avanzata e possono morire di chemioterapia. La vitamina C in combinazione con farmaci anti-cancro può fornire un approccio alternativo..

Gli esperti sperano che presto saranno in grado di avviare studi preclinici sull'uso di iniezioni endovenose di vitamina C in alcuni tipi di tumore del sangue nell'uomo. È possibile che sia possibile identificare altri farmaci per la chemioterapia, che darà un effetto altrettanto forte se combinato con vitamina C..

Foto: pixabay.ru. Basato su materiali di rambler.ru e utro.ru.

© Buone notizie e belle storie

La vitamina C può diventare un supplemento nel trattamento del cancro

La vitamina C è uno degli antiossidanti tradizionali più affermati che sono più noti e forniscono forti benefici per la salute. Gli effetti benefici della vitamina C sono stati chiaramente dimostrati nel tempo, in particolare per la prevenzione e il trattamento delle malattie infettive..

p, blockquote 1,0,0,0,0 ->

Gli studi hanno anche dimostrato che la vitamina C è selettivamente citotossica per le cellule tumorali quando somministrata per via endovenosa ad alte dosi e presenta numerosi benefici positivi per il cuore e il sistema cardiovascolare. Molti medici americani credono che la vitamina C sia un integratore molto utile per il protocollo di trattamento del cancro, così come la vitamina D, che è un altro componente anti-cancro.

p, blockquote 2.0,0,0,0 ->

Come la vitamina C uccide le cellule tumorali

Affinché la vitamina C inizi a uccidere efficacemente le cellule tumorali, è necessario disporre di un'altissima concentrazione di questa vitamina nel sangue e l'unico modo per ottenere questi livelli estremi è somministrarla per via endovenosa. Sebbene ci siano alcune forme di vitamina C, come la vitamina liposomiale, possono essere assorbite molto efficacemente nell'intestino, mostrando un'alta concentrazione nel corpo.

p, blockquote 3,0,0,0,0,0 ->

Il meccanismo responsabile della capacità della vitamina C di uccidere selettivamente le cellule tumorali è associato alla generazione di perossido di idrogeno, che alcune cellule tumorali non possono rimuovere in modo efficiente, il che porta alla loro morte..

p, blockquote 4,0,0,0,0,0 ->

Questo studio, che mostra la funzione citotossica della vitamina C, è stato condotto presso l'Università dello Iowa. Gli scienziati sono stati in grado di scoprire che alte dosi di vitamina A quando si decompone in perossido di idrogeno o le cosiddette forme attive di ossigeno possono danneggiare i tessuti e il DNA. Allo stesso tempo, i ricercatori hanno scoperto che le cellule tumorali sono meno in grado di riparare i danni dal perossido di idrogeno rispetto alle cellule normali. Ecco perché, alte dosi di questa vitamina negli studi clinici hanno mostrato un effetto devastante su alcuni tumori senza causare danni ai tessuti sani..

p, blockquote 5,0,0,0,0 ->

Le cellule sane sono in grado di rimuovere il perossido di idrogeno usando l'enzima catalasi e in alcuni tipi di cellule cancerose questo enzima è inizialmente molto piccolo, il che porta a un eccesso della capacità di queste cellule di far fronte al danno.

p, blockquote 6.0,0,0,0,0 ->

Pertanto, i tumori che producono bassi livelli di catalasi sono probabilmente i più sensibili al trattamento con vitamina C, mentre i tumori con alta produzione di catalasi saranno meno suscettibili agli effetti terapeutici. Pertanto, il prossimo passo nel lavoro di questo gruppo di scienziati sarà lo sviluppo di metodi per valutare il livello di catalasi nei tumori. Ma oggi possiamo dire che tumori come l'adenocarcinoma del colon e l'adenocarcinoma orofaringeo producono bassi livelli di catalasi, il che li rende potenzialmente suscettibili agli effetti della citotossicità della vitamina C.

p, blockquote 7,0,1,0,0 ->

p, blockquote 8,0,0,0,0 ->

La vitamina C riduce l'infiammazione nelle persone con cancro

Un altro vantaggio della vitamina C per le persone con cancro è la riduzione dell'infiammazione nel corpo, come è stato dimostrato in diversi studi del 2012. Di norma, l'infiammazione cronica è un segno di cancro e gli scienziati hanno scoperto che l'assunzione di vitamina C nel corpo aiuta a ridurre il numero di citochine pro-infiammatorie e proteine ​​C-reattive - due marcatori di infiammazione, che porta a una riduzione delle dimensioni del tumore.

p, blockquote 9,0,0,0,0 ->

Inoltre, la vitamina C aiuta anche a ridurre il rischio di metastasi. Una risposta positiva è stata osservata nel 75% dei pazienti. Questo studio è stato condotto da uno scienziato della Riordan Clinic, che è il successore di Linus Pauling e il suo lavoro sulla vitamina C. Gli scienziati della Riordan Clinic hanno condotto un progetto di ricerca di 15 anni chiamato RECNAC (cancro all'indietro) che ha dimostrato che la vitamina C era selettivamente citotossico contro le cellule tumorali.

p, blockquote 10,0,0,0,0 ->

Altre ricerche condotte dagli scienziati della medicina Vale Cornell di New York hanno scoperto che alte dosi di vitamina C aiutano a uccidere ed eliminare le cellule tumorali del colon-retto con una specifica mutazione genetica. Un altro studio ha mostrato un rallentamento della crescita del carcinoma della prostata, del pancreas, del fegato e del colon quando riceve alte dosi di vitamina C.

p, blockquote 11,0,0,0,0 ->

Studi sull'uomo mostrano anche che la vitamina C può aiutare a migliorare i sintomi associati al cancro o al suo trattamento, come affaticamento, nausea, vomito, dolore e perdita di appetito, e generalmente migliorare la qualità della vita..

p, blockquote 12,0,0,0,0 ->

Vitamina C per il trattamento di malattie infettive

La vitamina C può essere la più nota tra le vitamine per la sua capacità di combattere le malattie infettive. Un esempio ideale, un caso eclatante degli effetti della vitamina C, fu la malattia americana dell'influenza suina di Allan Smith, che fu in grado di sconfiggere, già in punto di morte, mediante una combinazione di iniezione di vitamina C e somministrazione orale. Si può considerare che questo è il primo caso di un così potente effetto della vitamina C sui virus..

p, blockquote 13,0,0,0,0 ->

Secondo Albert Saint-Gyorgyi (che nel 1937 ricevette il premio Nobel per la scoperta della vitamina C), la "salute" si verifica quando c'è un grande flusso e uno scambio di elettroni nelle nostre cellule. Violazioni e scarso flusso o scambio di elettroni equivalgono a "malattia" e quando il flusso e lo scambio si interrompono completamente, le cellule muoiono. L'ossidazione causata dai radicali liberi nel corpo suggerisce la perdita di elettroni.

p, blockquote 14,1,0,0,0 ->

Gli antiossidanti che entrano nel corpo da cibi sani e si formano endogeni nel processo della malattia causata dall'ossidazione (perdita di elettroni) forniscono elettroni. La vitamina C è un importante antiossidante e forse il più importante fornitore di elettroni per mantenere il loro flusso ottimale nelle cellule..

p, blockquote 15,0,0,0,0 ->

Numerosi altri studi e studi clinici suggeriscono anche che la vitamina C è una buona strategia di trattamento per tutti i tipi di malattie infettive, inclusi influenza, encefalite e morbillo..

p, blockquote 16,0,0,0,0 ->

Vitamina C contro la sepsi

La vitamina C in combinazione con tiamina (vitamina B1) e idrocortisone, come mostrato clinicamente, può aiutare in modo significativo nel trattamento della sepsi grave e dello shock settico. La sepsi (avvelenamento del sangue) è una condizione pericolosa per la vita causata da infezioni sistemiche di fronte a batteri, virus o parassiti, che alla fine influisce sulla funzione degli organi vitali. Nell'elenco delle infezioni nosocomiali, la sepsi è la principale causa di morte..

p, blockquote 17,0,0,0,0,0 ->

Un recente studio pubblicato sulla rivista della Canadian Medical Association suggerisce che il riconoscimento della sepsi sia una causa separata di morte negli ospedali di tutto il mondo. Il costo del trattamento della sepsi ha superato i $ 24 miliardi nel 2014, quasi il 25% di tutte le spese ospedaliere può essere attribuito al trattamento della sepsi.

p, blockquote 18,0,0,0,0 ->

Secondo la dott.ssa Malcolm Kendrick, l'autore di questo studio: "... è significativo che se dai la vitamina C (insieme all'idrocortisone e alla tiamina), in soli due giorni nei pazienti ricoverati in sepsi, il tasso di mortalità scende dal 40% all'8,5 % Il tasso di mortalità nei paesi a basso reddito è di solito intorno al 60%. La nostra ricerca è piccola, ma sembra affidabile. Aiuta a ridurre la mortalità per sepsi di quasi 5 volte... "

p, blockquote 19,0,0,0,0 ->

La vitamina C fa anche bene al cuore, ai vasi sanguigni, ai polmoni e agli occhi.

Altri studi che esaminano gli effetti benefici della vitamina C indicano altri benefici per la salute di questa vitamina:

p, blockquote 20,0,0,0,0 ->

  1. Ridurre il rischio di fibrillazione atriale postoperatoria dopo un intervento chirurgico al cuore, riducendo così il rischio di ictus e insufficienza cardiaca. Riduce anche la durata della degenza in ospedale dopo un intervento al cuore. I protocolli standard hanno ridotto la degenza ospedaliera del 7% (meno di mezza giornata), mentre l'assunzione di vitamina C ha ridotto questo periodo del 16% (1,5 giorni).
  2. Ridurre la pressione alta, probabilmente stimolando il corpo a produrre ossido nitrico (No), le cui molecole rilassano i vasi sanguigni. In uno studio, le pressioni sistolica e diastolica (superiore e inferiore) erano inversamente correlate al livello di acido ascorbico nel corpo. In particolare, le donne con i più alti livelli di acido ascorbico hanno mostrato livelli più bassi di pressione sistolica (media 4,6 mm) e diastolica (6 mm) rispetto alle donne con i livelli più bassi di acido ascorbico.
  3. Ridurre il rischio di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), in particolare tra i fumatori. In uno studio, i forti fumatori con un elevato apporto di vitamina C hanno mostrato un rischio inferiore del 77% di sviluppare BPCO rispetto a coloro che hanno ricevuto le dosi più basse di questa vitamina. Il meccanismo di questo effetto è considerato correlato alla capacità della vitamina di aumentare il livello del fattore di crescita endoteliale vascolare e aumentare la proliferazione delle cellule alveolari nei polmoni.
  4. Prevenire gli attacchi di cuore, principalmente riducendo l'infiammazione generale.
  5. Proteggere la vista migliorando la funzione delle cellule retiniche e riducendo il rischio di sviluppare cataratta attraverso la lotta allo stress ossidativo.

Controindicazione per uso endovenoso di vitamina C

Mentre la scienza dimostra l'efficacia della vitamina C e ne supporta l'uso ad alte dosi per varie infezioni, processi infiammatori e persino il cancro, è importante condurre un'analisi in anticipo sul livello di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD). Il fatto è che G6PD è un enzima necessario ai globuli rossi per mantenere l'integrità della loro membrana. Alte dosi di vitamina C sono in realtà un potente proossidante che può causare emolisi (rottura) dei globuli rossi nelle persone con una carenza dell'enzima G6PD..

p, blockquote 21,0,0,1,0 ->

Fortunatamente, la carenza di G6PC è relativamente rara. Le persone di origine mediterranea e africana sono maggiormente a rischio, ma questo è raro anche in questi gruppi. Tuttavia, sarà molto più sicuro se l'uso endovenoso di vitamina C è preceduto da un'analisi dei livelli dell'enzima G6PD, che può salvare le persone da conseguenze catastrofiche.

p, blockquote 22,0,0,0,0 ->

Possibili dosaggi di vitamina C

Il Dr. Ronald Hunninghake, capo medico della Clinica Riordan, che ha condotto gli studi clinici sull'uso della vitamina C, ritiene che per raggiungere la citotossicità contro le cellule tumorali, è necessario portare la concentrazione di questa vitamina nell'intervallo di sangue di 300-400 mg / dl.

p, blockquote 23,0,0,0,0 ->

Per ottenere tali indicatori, è necessario assumere circa 25-50 grammi di vitamina C per via endovenosa. Questo supera il normale livello di vitamina B nel sangue di circa 300 volte, che puoi ottenere con una dieta sana. È importante capire che questi livelli estremamente elevati sono effettivamente indicati solo per il trattamento del cancro e delle malattie infettive acute e non per la vita di tutti i giorni e per mantenere la salute generale.

p, blockquote 24,0,0,0,0 ->

Per mantenere la salute, l'opzione migliore è quella di assumere questa vitamina con una dieta variata ricca di vitamina C e altri antiossidanti. A proposito, la moderna alimentazione urbana non è coerente con una dieta sana.

p, blockquote 25,0,0,0,0 ->

Se assumi regolarmente grandi dosi di vitamina C (acido ascorbico), abbassi il livello di rame, quindi se i tuoi test mostrano una carenza di rame, l'assunzione di dosi aggiuntive di vitamina C può compromettere il sistema immunitario. Ma è improbabile che l'assunzione temporanea di questa vitamina per raffreddori o influenza possa causare problemi..

p, blockquote 26,0,0,0,0 ->

Ricorda anche che l'acido ascorbico è una vitamina idrosolubile, quindi, quando assumi integratori, è meglio dividere la dose giornaliera e assumere questa vitamina tre volte al giorno, con almeno un bicchiere d'acqua. Inoltre, se sei sensibile alla vitamina C, potresti riscontrare diarrea, il che significa che dovresti abbassare il dosaggio.

p, blockquote 27,0,0,0,0 ->

Infine, alcune prove suggeriscono una forma liposomiale di vitamina C, che promuove un migliore assorbimento. Un pacchetto di tale vitamina potrebbe essere con te quando viaggi e, se ti ammali, puoi usare 2-4 capsule ogni ora fino a quando le condizioni non migliorano.

Acido ascorbico in oncologia - "nano-granato"!

Gli esperimenti condotti da un team di scienziati americani sui topi hanno mostrato la capacità dell'acido ascorbico di avere letteralmente un effetto "mortale" sulle cellule mutate e ridurre le dimensioni dei tumori maligni.

Acido ascorbico in oncologia

È noto che il famoso biologo Linus Pauling, circa trenta anni fa, ha cercato di dimostrare l'effetto benefico dell'acido ascorbico sul rallentamento del processo del cancro, per il quale ha presto ricevuto il premio Nobel.

Ma poi i risultati del suo lavoro non sono stati confermati.

Forse perché l'acido ascorbico in oncologia è stato assunto dai malati sotto forma di compresse.

Pertanto, nel tumore stesso, la sua concentrazione era bassa.

Ma i moderni colleghi di Pauling hanno ripetuto numerosi suoi studi..

Roditori per aiutarci!

Diversi tipi di cancro sono stati indotti artificialmente negli animali da laboratorio attraverso l'insorgenza di mutazioni cellulari da parte degli agenti cancerogeni introdotti..

Quindi i "pazienti" malati sono stati sottoposti a chemioterapia.

Neoplasie grandi e non curabili sono state trattate con acido ascorbico ad alte dosi.

Nei roditori malati, le escrescenze dannose sono diminuite di volume. In alcuni casi, alcune di esse si sono risolte..

Manovre al perossido di idrogeno!

L'effetto terapeutico dell'acido ascorbico è spiegato dall'apparizione di una quantità sufficiente di perossido di idrogeno nel fluido interstiziale.

È questo composto chimico che si forma durante l'interazione della vitamina C e l'ambiente interno del corpo.

Il perossido di idrogeno, tra le altre molecole di accompagnamento dell'azione aggressiva, provoca un malfunzionamento nel funzionamento di un certo enzima responsabile della "nutrizione" delle cellule di tumori di basso grado.

E le neoplasie muoiono di "fame", non ricevendo glucosio e altri zuccheri per la loro vita.

Trattamento del cancro alla vitamina C: barare o vera speranza?

Oggi ci sono poche opzioni terapeutiche che danno ai malati di cancro la speranza di una vita lunga e sana..

La vitamina C può riempire una nicchia vuota e diventare una vera cura per il cancro?

Gli Stati Uniti stanno investendo miliardi di dollari nella ricerca e nella cura del cancro. Grazie a questi continui sforzi, la mortalità per cancro in America sta diminuendo leggermente ogni anno..

Allo stesso tempo, il cancro rimane il killer numero 2 sul pianeta, secondo solo alle malattie cardiovascolari..

I pazienti, i loro parenti, amici e dottori ascoltano costantemente le notizie nel campo della cura del cancro, aspettandosi di ricevere notizie incoraggianti. Ma, nonostante le grandi conquiste mediche del secolo scorso, l'umanità non ha ancora trovato modi radicali per sconfiggere il cancro.

Il trattamento del cancro con vitamina C (acido ascorbico) come metodo alternativo è stato proposto negli anni '70 e da allora sono state condotte molte ricerche su questo argomento..

Oggi proveremo a sintetizzare i dati scientifici e rispondere alla domanda chiave:

Qual è il trattamento per il cancro con vitamina C? Imbrogli o speranza?

Proprietà dell'acido ascorbico

Le persone non possono produrre vitamina C a causa della mancanza di enzimi necessari, quindi dobbiamo ottenere questa preziosa sostanza con il cibo ogni giorno. Principalmente vegetale.

L'acido ascorbico svolge diverse importanti funzioni, tra cui la biosintesi del collagene, un componente chiave del tessuto connettivo. Aiuta a produrre neurotrasmettitori (dopamina e noradrenalina), protegge le cellule nervose della sostanza bianca del cervello.

Gli scienziati attribuiscono particolare importanza alle pronunciate proprietà antiossidanti della vitamina C, che teoricamente è in grado di proteggere le cellule e il DNA dai danni dei radicali liberi. Poiché l'acido ascorbico è coinvolto in molti importanti processi biologici, l'attenzione dei ricercatori sul cancro a questa vitamina non è sorprendente..

Sono stati formulati tre meccanismi ipotizzati di azione della vitamina C nel cancro:

1. La conversione di antiossidanti in proossidanti

Il Dr. Mark Levin del Dipartimento di Dietetica Molecolare e Clinica del National Institute of Health, USA, ha dimostrato che in presenza di metalli, la vitamina C avvia la formazione di perossidi, potenti agenti ossidanti estremamente tossici per qualsiasi cellula..

I perossidi sono particolarmente pericolosi per le cellule tumorali. Sfortunatamente, indirizzare l'acido ascorbico alle cellule tumorali è più difficile che mangiare un chilo di arance al giorno. Inoltre, il corpo umano regola efficacemente il contenuto di vitamina C, rimuovendo il suo eccesso nelle urine.

Il team del Dr. Levine ha dimostrato che l'iniezione di alte dosi di acido ascorbico bypassa i nostri meccanismi di controllo e satura i tessuti con questa vitamina..

Un altro ricercatore, il Dr. Lewis Cantley della Weill Cornell Medicine di New York, ha scoperto che l'acido ascorbico provoca danni ossidativi alle cellule tumorali del colon-retto..

Il trattamento con alte dosi di vitamina C è stato sufficiente per innescare l'apoptosi e ridurre significativamente la popolazione di cellule tumorali. Oltre a questo effetto antiossidante, il Dr. Cantley è stato in grado di scoprire che l'acido inibisce la glicolisi, il modo principale per ottenere energia cellulare..

2. La vitamina C fa morire di fame le cellule tumorali

L'uso delle stesse vie metaboliche delle cellule tumorali è la chiave dei risultati di Michael Lisanti, ricercatore presso il Center for Biomedical Research della Salford University (USA).

Nella coltura cellulare, i ricercatori hanno dimostrato che le cellule tumorali staminali (CSC) sono fortemente dipendenti dal funzionamento dei loro mitocondri ("centrali elettriche cellulari").

Il metabolismo mitocondriale e la glicolisi sono indissolubilmente legati.

Quando l'energia viene rilasciata dal glucosio per glicolisi, si forma il prodotto finale, il piruvato. Viene catturato dai mitocondri e lancia un'altra cascata di reazioni per rilasciare energia.

Come si è scoperto durante gli esperimenti, l'acido ascorbico inibisce l'enzima chiave necessario per la glicolisi. Nessuna glicolisi - nessun piruvato. Di conseguenza, le "centrali cellulari" cessano di generare l'energia necessaria alle cellule cancerose, muoiono di fame e muoiono gradualmente..

In ulteriori esperimenti, gli scienziati americani hanno cercato di distruggere le cellule staminali tumorali con una combinazione di antibiotici e vitamina C. Il fatto è che la doxiciclina e alcuni altri farmaci antibatterici hanno un effetto negativo sui mitocondri. Cocktail Killer.

L'effetto della doxiciclina sui mitocondri "eliminati" e le cellule tumorali hanno avuto solo glicolisi per sopravvivere per sopravvivere. L'introduzione di grandi dosi di vitamina C li ha privati ​​dell'ultima alternativa a causa dell'inibizione della glicolisi. L'ultima opzione è la morte..

Ma il metabolismo energetico non era l'unico obiettivo dell'acido ascorbico.

Si è scoperto che la vitamina può influenzare il DNA e interrompere lo sviluppo delle cellule staminali.

3. Cambio del controllo genetico

La metilazione del DNA disabilita i singoli geni. Piccoli gruppi chimici, chiamati gruppi metilici, vengono aggiunti ai siti del DNA, rendendoli inaccessibili agli enzimi responsabili dell'avvio dell'espressione genica. Questo processo è necessario per il normale funzionamento della cellula, poiché non è necessario utilizzare migliaia di geni inutili codificati nel DNA.

Quando una cellula staminale diventa più differenziata, alcuni geni devono essere demetilati. In altre parole, il "tag" metilico viene eliminato e il gene viene attivato..

Ma in molti pazienti affetti da leucemia che hanno una mutazione nel gene TET2, questo meccanismo di controllo genetico non funziona correttamente..

TET2 demetila il DNA e fornisce accesso a geni specifici. Una mutazione TET2 nelle cellule staminali del sangue significa che non si sviluppano in normali cellule del sangue mature. Invece, le cellule staminali continuano a dividersi; si sviluppa un modello caratteristico di leucemia.

La dott.ssa Louise Cimmino della School of Medicine della New York University ha studiato questo meccanismo in dettaglio su topi geneticamente modificati. La disabilitazione della TET2 nelle cellule staminali animali ha portato a una divisione anormale e allo sviluppo della leucemia. Quando gli scienziati hanno introdotto alte dosi di vitamina C nei topi, la demetilazione del DNA è stata riaccesa e il "comportamento" cellulare è tornato rapidamente alla normalità. Hanno maturato e svolto le loro funzioni..

Continuando a studiare le mutazioni TET, hanno trovato anomalie simili in altre malattie oncologiche, tra cui melanoma, glioblastoma, cancro dello stomaco, intestino, polmoni e seno.

Alla luce di queste scoperte, il trattamento del cancro alla vitamina C non sembra più fantascienza e un altro trucco di marketing da parte di produttori di integratori alimentari senza scrupoli.

Imbrogli o speranza?

Secondo il National Institutes of Health, studi clinici sull'uso della vitamina C per il trattamento del cancro in combinazione con altri farmaci danno "risultati contrastanti".

In alcuni casi, c'è un miglioramento della qualità della vita dei pazienti e segni oggettivi di un ritiro della malattia. Altri studi hanno inaspettatamente rivelato l'antagonismo tra farmaci antitumorali e acido ascorbico, che ha portato al fallimento della terapia. Altri ancora semplicemente non trovano i vantaggi affidabili di questa insolita combinazione..

Nel 2010, il personale del Dr. Levine ha intervistato specialisti americani in medicina complementare e alternativa. Hanno scoperto di aver ampiamente utilizzato iniezioni di acido ascorbico nel cancro, nonostante la mancanza dell'approvazione della FDA.

L'NCI ci informa di cinque studi clinici in corso per studiare l'efficacia della vitamina C in combinazione con altri farmaci antitumorali..

Sfortunatamente, la domanda che abbiamo sollevato finora rimane senza una risposta chiara..

Al momento, ci sono solo ipotesi teoriche e dati sperimentali limitati a favore della vitamina C. Ma non ci sono prove cliniche adeguate..

Una cosa è chiara: la medicina non si fermerà finché non troverà una risposta.

Konstantin Mokanov: Master in Farmacia e traduttore medico professionista