Come testare l'intestino tenue per l'oncologia: metodi di ricerca

Lipoma

Il cancro dell'intestino tenue (intestino) è una malattia in cui si verifica un tumore maligno durante la degenerazione delle cellule della mucosa dell'intestino tenue. Un tumore maligno si forma in uno dei reparti dell'intestino tenue: il duodeno, il digiuno o l'ileo. Il cancro dell'intestino tenue non è così comune come un tumore del colon. La percentuale di tumori dell'intestino tenue è solo l'1-5% delle malattie oncologiche del tratto gastrointestinale. Molto spesso, il cancro dell'intestino tenue appare nelle fasi successive degli anziani.

Chi è a rischio di cancro dell'intestino tenue??

I fattori di rischio per il cancro dell'intestino tenue sono simili ai comuni fattori di cancro intestinale e includono:

  • La presenza di malattie intestinali croniche (morbo di Crohn, ulcera intestinale, celiachia).
  • Mancanza di una dieta equilibrata, l'uso di prodotti contenenti agenti cancerogeni. Una dieta troppo ricca di cibi fritti, affumicati e grassi influenza negativamente l'intestino tenue e può portare a processi infiammatori che si trasformano in formazioni maligne..
  • Ecologia e radiazioni. Le radiazioni radioattive portano a mutazioni nelle cellule dell'intestino tenue e possono portare a effetti irreversibili nel tempo..
  • Genetica. La predisposizione è determinata dalla presenza nella famiglia di coloro che soffrono di tali malattie.
  • La presenza di cancro di altri organi. Il cancro può insorgere nell'intestino tenue e poi diffondersi ad altri organi, ma ci sono anche casi inversi quando il cancro si verifica in altri organi e passa nell'intestino tenue.
  • Alcolismo e fumo.

Tipi di tumore dell'intestino tenue

Il cancro dell'intestino tenue ha vari tipi di forme istologiche, secondo le quali vengono classificati i tipi di tumori. Ogni specie ha le sue caratteristiche e le tattiche di trattamento..

Costituito da tessuto tegumentario ghiandolare. Di solito si verifica nel duodeno e nel digiuno. Poiché i sintomi sono lievi, l'adenocarcinoma viene diagnosticato nella maggior parte dei casi negli ultimi stadi. Tra i tumori maligni dell'intestino tenue, l'adenocarcinoma si verifica più spesso, rappresenta circa il 50% di tutti i casi di cancro dell'intestino tenue.

Questo tumore appartiene al gruppo dei neuroendocrini, poiché nel processo di sviluppo genera un gran numero di ormoni. Un carcinoide è un tumore intensivo, il cui decorso clinico non è aggressivo come quello di un adenocarcinoma. Tipicamente, i carcinoidi si verificano nell'ileo. A seconda della localizzazione, del potenziale biologico e del grado di differenziazione, i carcinoidi tumorali possono essere suddivisi in altamente differenziati e poco differenziati con diversi gradi di malignità.

Formata dai linfonodi. È localizzato nei dipartimenti iliaco e magro. Tra i linfomi nell'intestino tenue si distinguono i linfomi non Hodgkin, un tumore in cui i linfociti si trasformano mutando in modo maligno. Sono pericolosi in quanto, formandosi in un punto, i linfomi lo lasciano nel processo di sviluppo e si diffondono rapidamente attraverso altri tessuti e organi..

Il sarcoma è un tumore che si verifica nei tessuti connettivi, il leomiosarcoma è un caso speciale di tumore che si forma nei muscoli lisci della parete dell'intestino tenue. Il leomiosarcoma di solito colpisce l'ileo. Il leomiosarcoma è stato poco studiato, quindi non ha ampie caratteristiche cliniche. Il suo corso è vario e instabile: da favorevole e lento ad aggressivo con lo sviluppo di metastasi.

Stadio del carcinoma dell'intestino tenue

Nel processo di sviluppo, il cancro dell'intestino tenue passa attraverso 5 fasi, a seconda della posizione del tumore maligno:

  • Stadio 0. Il tumore è piccolo e non si estende oltre i confini del fuoco nella mucosa.
  • Stadio I. Il tumore ha lasciato i bordi della mucosa ed era profondamente localizzato nella parete dell'intestino; non si diffondeva ad altri organi.
  • Fase II Il tumore si estende oltre l'intestino e si diffonde agli organi vicini..
  • Fase III Le cellule tumorali sono passate ai linfonodi regionali.
  • Fase IV Metastasi a distanza compaiono nel fegato e nei polmoni..

Sintomi del carcinoma dell'intestino tenue nelle prime fasi

Una malattia oncologica dell'intestino tenue può essere relativamente asintomatica, pertanto la sua rilevazione si verifica spesso solo nelle fasi successive, quando una formazione maligna si è già diffusa ad altri organi. La presenza dei seguenti sintomi può indicare le prime fasi del carcinoma intestinale:

  • Crampi, dolore addominale periodico.
  • Debolezza e malessere.
  • Gonfiore (flatulenza).
  • Violazione delle feci e sua natura instabile (diarrea, costipazione).
  • La comparsa di sangue nelle feci.
  • Perdita di peso drammatica.
  • Nausea.

I sintomi primari del carcinoma dell'intestino tenue sono simili ad altri disturbi del tratto gastrointestinale, per questo motivo è spesso molto difficile rilevare il cancro nelle prime fasi..

Sintomi di carcinoma intestinale avanzato

Per eventuali malattie oncologiche nelle fasi avanzate, si sviluppa intossicazione da cancro (quando il corpo non è più in grado di affogare gli evidenti segni dell'insorgenza della malattia). L'intossicazione dipende dalle dimensioni del tumore, dalle condizioni del paziente, patologie concomitanti, stadio del cancro e altri fattori. I sintomi di intossicazione da cancro sono caratterizzati da:

  • debolezza generale, mal di testa, disturbi del sonno, vertigini e reazioni lente;
  • una forte diminuzione dell'appetito;
  • sudorazione eccessiva;
  • un costante aumento della temperatura;
  • ingiallimento (ittero) o pallore della pelle;
  • mucose secche di occhi, naso, bocca;
  • anemia.

Questi sintomi, combinati con quelli verificatisi nelle fasi iniziali, possono indicare il carcinoma dell'intestino tenue. In questa situazione, è necessario sottoporsi immediatamente a una diagnosi per determinare il grado di sviluppo della malattia.

Quante persone sopravvivono con il cancro dell'intestino tenue?

La rara natura della malattia e lo sviluppo relativamente asintomatico portano al fatto che il tumore raggiunge gli ultimi stadi e nella maggior parte dei casi viene rilevato per caso. In media, con una variante aggressiva dello sviluppo del cancro (adenocarcinoma) nei primi stadi, si ottiene un pieno recupero nel 50-70% dei casi, gli stadi successivi riducono la probabilità di un esito positivo al 10-30%.

Diagnosi dell'intestino tenue per la presenza di un tumore

Per controllare la presenza di un tumore nell'intestino tenue, vengono utilizzati moderni metodi di diagnosi primaria, che aiutano non solo a determinare se ci sono tumori maligni, ma anche a ottenere informazioni sulla sua dimensione, stadio di sviluppo, localizzazione. Per questi scopi, vengono utilizzati metodi di laboratorio strumentale, analisi chirurgiche e istologiche strumentali..

Metodi di analisi di laboratorio

I metodi di laboratorio includono semplici esami di laboratorio: un esame del sangue clinico generale (per rilevare l'anemia dovuta alla perdita di sangue nell'intestino a causa di danni al tumore), un'analisi delle urine generale e un esame del sangue biochimico (i risultati possono indicare metastasi). Aiutano a identificare segnali comuni sulle deviazioni nel corpo e determinare ulteriori metodi di analisi. Per risultati più accurati, viene eseguita un'analisi del sangue nascosto nelle feci, che indicherà i processi maligni che si verificano nell'intestino. In studi di laboratorio, vengono determinati antigeni e marker tumorali (proteine ​​speciali che appaiono nei tumori maligni) nel sangue e nelle urine.

Metodi di analisi strumentale e chirurgica

I metodi di analisi strumentale e chirurgica consentono uno studio più accurato e informativo del corpo per la presenza di tumori maligni. I dispositivi endoscopici (colonscopia, esofagogastroduodenoscopia) aiutano a esaminare il tratto gastrointestinale e vedere l'intero processo tumorale, nonché a ottenere un campione per l'analisi. L'imaging a risonanza magnetica e calcolata fornisce informazioni complete sulla diffusione del processo metastatico al fine di sviluppare tattiche di trattamento. Per l'analisi degli organi, vengono utilizzati dispositivi a ultrasuoni, nonché l'esame a raggi X..

Passaggi per la diagnosi del carcinoma dell'intestino tenue

Il carcinoma dell'intestino tenue è una malattia rara che richiede un'attenta analisi e un piano di trattamento. Il controllo dell'intestino tenue per la presenza e la natura di una malattia oncologica consiste in diverse fasi.

Diagnosi primaria per carcinoma dell'intestino tenue

La diagnosi primaria comprende un'analisi di fattori che potrebbero provocare lo sviluppo di formazioni oncologiche. Mira a identificare la necessità di procedure di analisi più complesse e comprende:

  • presa di storia. Per identificare le cause primarie, i prerequisiti della malattia, viene eseguita un'analisi approfondita: quando compaiono i primi dolori addominali, la frequenza delle feci, la presenza di sangue nelle feci;
  • studio della storia. Se il paziente avesse malattie intestinali (colite ulcerosa, polipi, morbo di Crohn), tendenza a cattive abitudini, natura della nutrizione;
  • analisi della predisposizione genetica;
  • esame professionale di un paziente da parte di un medico.

Diagnosi secondaria del carcinoma dell'intestino tenue

I metodi secondari vengono utilizzati per ottenere informazioni complete sul tumore risultante e costruire tattiche di trattamento del paziente basate su di esso.

  • Esofagogastroduodenoscopia. Il medico esamina e valuta le condizioni delle superfici interne del duodeno, esofago utilizzando un endoscopio.
  • Procedura ad ultrasuoni.
  • Esame a raggi X dell'intestino tenue.
  • TAC.
  • Risonanza magnetica.
  • Endoscopia della capsula. Viene effettuato per uno studio approfondito utilizzando una capsula endoscopica, che è una sonda con una videocamera integrata.
  • Laparoscopia. Dopo il rilevamento e lo studio completo della superficie del tumore, può essere preso per l'analisi.

Carcinoma dell'intestino tenue

Il trattamento del carcinoma dell'intestino tenue si basa su tre metodi principali: chirurgia, chemioterapia e radioterapia. A seconda dello stadio in cui si trova la malattia, della sua natura e delle sue caratteristiche, questi metodi possono essere utilizzati sia in combinazione che separatamente. Il metodo chirurgico (resezione) è di rimuovere una sezione dell'intestino colpita da un tumore maligno. Se non è possibile operare il tumore, vengono utilizzati metodi medici: la chemioterapia. La chemioterapia e la radioterapia sono più spesso utilizzate come strumento ausiliario nella lotta contro il cancro: per prevenire lo sviluppo di metastasi, per la preparazione preoperatoria e anche dopo l'intervento chirurgico per prevenire il ripetersi. Il trattamento palliativo viene anche utilizzato per migliorare la qualità della vita nei casi in cui è impossibile rimuovere il tumore..

Raccomandazioni per la prevenzione del cancro dell'intestino tenue

Rispetto al cancro del colon, le malattie oncologiche dell'intestino tenue sono ancora poco conosciute. I casi della malattia sono molto rari. Per ridurre la probabilità di cancro, è necessario seguire una dieta, non abusare di alcol, smettere di fumare, trattare i processi infiammatori nell'intestino in modo tempestivo e prevenirne lo sviluppo. Se sei a rischio (soprattutto per quanto riguarda la predisposizione genetica e la presenza di altre formazioni oncologiche), è necessario registrarsi con uno specialista e sottoporsi a una diagnosi costante del corpo. Quindi non puoi perdere l'inizio del tumore e iniziare il trattamento in tempo, senza perdere tempo prezioso per una lotta di successo contro il cancro.

Puoi scoprire come controllare l'intestino tenue per l'oncologia e, se necessario, sottoporsi a un trattamento chirurgico, dai nostri specialisti.

Marcatore del cancro intestinale

Cosa sono i marker tumorali?

Un biomarker tumorale è una sostanza (solitamente una molecola proteica) prodotta dalle stesse cellule tumorali o da altre cellule del corpo in risposta all'oncopatologia. A volte le cellule del corpo sane sono in grado di produrre tali sostanze in risposta a determinate condizioni benigne (non cancerose).

I marcatori tumorali forniscono informazioni sul tumore, ad esempio, quanto è aggressivo, se può essere trattato con una terapia mirata e quanto bene il tumore risponde al trattamento..

I marcatori tumorali sono proteine ​​o altre sostanze che vengono prodotte dalle cellule tumorali in quantità superiori al normale. Tali biomarcatori si trovano nel sangue, nelle urine, nelle feci o in altri tessuti o fluidi corporei..

In alcuni tipi di neoplasia, il livello del marker tumorale riflette lo stadio (grado) della malattia e / o la prognosi del paziente (il probabile esito o decorso della malattia). Un esempio di questo tipo di marker tumorale è l'α-fetoproteina, che viene misurata nel sangue per valutare lo stadio, la prognosi e monitorare la risposta al trattamento dei tumori delle cellule germinali.

Tuttavia, sempre più spesso, gli indicatori genomici, come le forme geniche mutate, i modelli di espressione genica del tumore o i cambiamenti non genetici nel DNA delle cellule tumorali, sono usati come marker tumorali..

Ora circa 60 marcatori tumorali sono caratterizzati in dettaglio e sono in uso clinico. Alcuni di essi sono associati a un solo tipo di neoplasia (marcatori tumorali specifici), mentre altri sono associati a diversi tipi di patologie tumorali (marcatori tumorali non specifici).

Questo numero non include marcatori tumorali che sono stati testati usando immunofenotipizzazione e immunoistochimica per aiutare a diagnosticare l'oncologia e distinguere i tipi di tumori..

Allo stesso tempo, il marker tumorale "universale", che poteva rilevare la presenza di qualsiasi tipo di patologia del cancro, non poteva essere rilevato fino a quando.

Cosa sono i marker tumorali

Esistono due tipi principali di marker tumorali utilizzati in modo diverso in oncologia: marker tumorali circolanti e marker tissutali tumorali..

Marcatori tumorali circolanti possono essere trovati nel sangue, nelle urine, nelle feci o in altri fluidi corporei di alcuni pazienti. I marker tumorali circolanti vengono utilizzati per:

  • stime previsionali;
  • rilevare un tumore che rimane dopo il trattamento (malattia residua) o recidiva;
  • valutazione della risposta al trattamento;
  • controllare lo sviluppo della resistenza del tumore al trattamento.

Sebbene un livello aumentato di un marker tumorale circolante possa indicare la presenza di un tumore, questo da solo non è sufficiente per la diagnosi. Ad esempio, le malattie non cancerose possono talvolta causare un aumento del livello di alcuni marker tumorali. Inoltre, non tutti con un certo tipo di oncopatologia avranno un livello più elevato di marker tumorale associato a questo tumore..

Pertanto, le misurazioni dei marker tumorali circolanti sono sempre combinate con i risultati di altri test, come la biopsia o l'imaging, per la diagnosi del cancro.

I marcatori tumorali possono anche essere misurati periodicamente durante il trattamento di un tumore maligno. Ad esempio, una diminuzione del livello di un marker tumorale circolante può indicare che il tumore sta rispondendo al trattamento, mentre un aumento o un livello costante può indicare che il tumore non risponde.

I marcatori tumorali circolanti possono anche essere misurati dopo il trattamento per verificare la ricaduta..

Esempi di marker tumorali circolanti.

  • La calcitonina (misurata nel sangue), che viene utilizzata per valutare la risposta al trattamento, selezionare la recidiva e valutare la prognosi del carcinoma tiroideo midollare.
  • CA-125 (misurato nel sangue) per monitorare l'efficacia del trattamento del carcinoma ovarico..
  • Beta-2-microglobulina (misurata nel sangue, nelle urine o nel liquido cerebrospinale) per valutare la prognosi e monitorare la risposta al trattamento del mieloma multiplo, della leucemia linfocitica cronica e di alcuni linfomi.

I marcatori dei tessuti tumorali si trovano nei tumori stessi, di solito in un campione di tumore che viene rimosso durante una biopsia..

I marcatori dei tessuti tumorali sono usati per:

  • diagnosticare, mettere in scena e / o classificare una neoplasia;
  • valutare la previsione;
  • determinare le tattiche di trattamento (ad esempio, il trattamento con terapia mirata;

I marcatori tumorali possono essere misurati prima del trattamento per aiutare i medici a pianificare la terapia appropriata. Ad esempio, alcuni test, chiamati diagnostici concomitanti, che sono stati sviluppati insieme al farmaco appropriato per la terapia mirata, sono usati per determinare l'adeguatezza del trattamento usando una terapia target specifica. Alcuni di questi test misurano quanti marcatori tumorali sono presenti; altri semplicemente rilevano la presenza di un marcatore specifico, come una mutazione genetica.

I marcatori del tessuto tumorale spesso diventano obiettivi per una terapia mirata specifica..

Esempi di marker tumorali

  • Recettori degli estrogeni e progesterone (carcinoma mammario), utilizzati per determinare se il trattamento con terapia ormonale è appropriato;
  • Analisi della mutazione del gene EGFR (carcinoma polmonare non a piccole cellule) per aiutare a determinare il trattamento e valutare la prognosi;
  • PD-L1 (molti tipi di neoplasia maligna) per determinare se il trattamento con inibitori del checkpoint immunitario sarebbe appropriato.

Marcatori non specifici

Marcatori non specifici sono determinati in vari tumori maligni e spesso in patologie non cancerose..

Nel carcinoma intestinale vengono utilizzati più comunemente numerosi marker tumorali non specifici. La definizione di ciascuno di essi ha il suo compito: testare la sensibilità a una terapia specifica, diagnosi di ricaduta, monitorare l'efficacia del trattamento

Esempi di marcatori utilizzati nel carcinoma intestinale.

Mutazione del gene DPD nel sangue. Tipi di neoplasie: cancro allo stomaco, pancreas, mammella e colon-retto. Utilizzato per prevedere il rischio di reazioni tossiche alla terapia con 5-fluorouracile.

Mutazioni di BRAF V600 - in un tumore. Tipi di neoplasie: melanoma cutaneo, malattia di Erdheim-Chester, carcinoma del colon-retto e carcinoma polmonare non a piccole cellule. Utilizzato per selezionare i pazienti che hanno maggiori probabilità di beneficiare del trattamento utilizzando trattamenti specifici mirati..

Mutazione del gene KRAS nel tumore. Tipi di neoplasie: carcinoma del colon-retto e carcinoma polmonare non a piccole cellule. Utilizzato per determinare l'adeguatezza del trattamento con un tipo specifico di terapia mirata.

Marcatori specifici

La presenza di questi marcatori tumorali o un aumento significativo della loro concentrazione è caratteristica di tumori di tipo rigorosamente definito o organo specifico.

Per il cancro intestinale, UGT1A1 (la 28a variante di omozigosi) sarà un indicatore così specifico. È specifico per il cancro rettale e sigmoideo..

Questo test del cancro per il cancro intestinale è determinato raschiando la mucosa delle guance e talvolta nell'analisi di una maschera per il sangue. È usato per prevedere l'efficacia della terapia con irinotecan. Ma molti astri mettono in dubbio il suo valore..

Questi sono, forse, tutti i marker tumorali specifici attualmente noti per il carcinoma del colon-retto, nonché i marcatori del cancro per il carcinoma del colon sigmoideo.

Come rinunciano i biomarcatori

I marcatori del cancro intestinale sono misurati in modo diverso e richiedono test diversi. Alcuni marcatori si trovano nel sangue o nelle urine, quindi per questo dovrai fornire una piccola quantità di sangue o un campione di urina..

Altri biomarcatori, come quelli coinvolti nell'analisi del sangue fecale occulto (FOBT), possono essere isolati dalla materia fecale e richiedono un campione di feci..

I campioni di tessuto possono contenere anche biomarcatori tumorali e possono includere una biopsia tumorale. Questa è una procedura più invasiva rispetto all'assunzione di urina o feci. Dopo che il medico ha prelevato il campione, viene inviato al laboratorio per i test utilizzando vari metodi per determinare il livello di biomarcatori.

Il regime e la composizione della dieta prima di eseguire i test possono fare la differenza. Il medico curante fornisce al paziente raccomandazioni individuali. Ad esempio, alimenti specifici, come carne rossa o frutta e verdura, possono influenzare l'analisi e portare a risultati falsi positivi, anche se sono stati consumati un giorno o due prima dell'analisi.

Quando prenderlo

I marker diagnostici tumorali circolanti per il tumore del colon vengono generalmente somministrati per la prima volta se si sospetta il cancro..

In Europa e in Belgio, in particolare, la FOBT con la determinazione del DNA tumorale viene utilizzata per i test di screening in assenza di sintomi o di un sospetto primario di cancro intestinale. Nel test fecale vengono rilevati KRAS mutati, TP53, geni APC e marcatori di instabilità dei microsatelliti (MSI). Il livello di sensibilità medio di tale test è compreso tra il 25 e il 65%.

Con un ragionevole sospetto di cancro intestinale, viene eseguito un esame del sangue per l'antigene carcinoembrionale, o come viene anche chiamato antigene embrionale del cancro.

Con un livello significativo di questo marker, viene mostrato un complesso di studi diagnostici per stabilire una diagnosi finale.

Quale marker tumorale indica il cancro intestinale

Non esiste un marker tumorale specifico con il quale sarebbe possibile parlare con sufficiente sicurezza della presenza di un tumore maligno nell'intestino. Tuttavia, un'analisi completa con l'identificazione di diversi biomarcatori diversi può costituire un ragionevole sospetto e diventare la base per un serio studio diagnostico.

Marker per analisi del sangue

Il livello di antigene carcinoembryonic (CEA) è il marker tumorale più comunemente usato nel carcinoma del colon-retto. Il suo livello può essere controllato prima dell'intervento chirurgico per la prognosi, può essere utilizzato durante la terapia per valutare la risposta al trattamento o dopo il completamento della terapia per monitorare la ricaduta.

CA 19-9 - marker tumorale non specifico del sangue, che può essere aumentato nel carcinoma del colon-retto.

Perdita di eterozigosi del cromosoma 18q (18qLOH) - un marcatore tissutale viene spesso usato in pazienti con carcinoma del colon-retto di stadio II o III. Può influenzare la previsione.

Marcatori di tessuto tumorale (analisi del materiale delle feci e della biopsia)

L'MSI (instabilità dei microsatelliti) è un metodo per misurare il deficit di riparazione del mismatch (MMR) nel DNA tumorale. La carenza di MMR porta ad un aumento delle mutazioni nelle cellule del colon, che contribuisce in parte allo sviluppo del cancro del colon.

  • L'MSI può essere utilizzato per rilevare il carcinoma del colon in una fase precoce, che può richiedere un trattamento più aggressivo o per identificare i pazienti che dovrebbero sottoporsi a ulteriori test genetici a causa del rischio di sindrome familiare associata a diversi tipi di oncologia.
  • MSI identifica i tumori come MSI-high (MSI-H) o MSI-stable e MSI-low.

Mutazioni K-RAS: specifiche mutazioni nel gene K-RAS possono prevedere se un paziente può beneficiare del trattamento con diversi metodi biologici..

Mutazioni BRAF - solitamente associate a una mutazione V600E. Può essere un fattore predittivo della prognosi dopo la diagnosi di carcinoma del colon-retto.

Decifrare i risultati

Per quei biomarcatori per i quali viene utilizzata una valutazione quantitativa, l'interpretazione dei risultati presenta spesso alcune difficoltà. In una persona sana, il loro livello ematico può raggiungere i 5 ng / ml e, nei fumatori, fino a 20 ng / ml. Allo stesso tempo, un aumento a 25-26 ng / ml dovrebbe già avvisare il medico, mentre con alcune malattie non tumorali, il suo livello può salire a 60-80 ng / ml.

Il marker tumorale CA 19-9 ha normalmente una concentrazione fino a 37 U / ml. Con epatite o colecistite, il suo livello può salire a 500 U / ml. Livelli più alti indicano la probabilità di un processo oncologico. Concentrazione molto alta - fino a 10.000 U / ml - un indicatore della probabile metastasi del tumore.

Ottieni maggiori informazioni sull'uso corretto dei marker tumorali nella diagnosi, nel trattamento e nella prognosi dei tumori maligni - scrivici o richiedi una richiamata.

Diagnosi del cancro intestinale

L'intestino umano è diviso in 2 dipartimenti principali - questo è l'intestino tenue, con un diametro all'inizio di 40-60 mm e alla fine di 25-30 mm e un intestino crasso con un diametro di 40-100 mm. La lunghezza di questo organo è di solito circa 8 metri. Lo sviluppo del cancro può verificarsi in uno qualsiasi dei suoi dipartimenti. È il luogo in cui si è formato il tumore che colpisce i sintomi della malattia, nonché il trattamento necessario. Una prognosi favorevole è possibile in una situazione in cui la malattia è stata rilevata tempestivamente.

Se si sospetta un'oncologia del cancro intestinale, il paziente richiede un esame il più rapidamente possibile. L'esame manuale consente di tentare masse patologiche, che saranno segni che la neoplasia si trova vicino all'ano. Per uno studio più approfondito al fine di esaminare i segmenti e confermare la presenza della malattia, è necessario eseguire la diagnostica per immagini..

Classificazione del cancro intestinale

Esistono numerose patologie che classificano questa malattia nell'uomo:

La natura della crescita e la sua direzione dipendono dalla rapidità con cui si verificano nuovi sintomi e dalla loro lista.

Il tipo istologico è un tipo di tumore, che può essere determinato dal tipo di cellule da cui ha avuto origine la neoplasia..

La posizione della malattia. I sintomi della malattia dipenderanno da questo..

Sintomi primari

Quasi tutte le malattie oncologiche, incluso il cancro intestinale, nelle fasi iniziali presentano sintomi molto impliciti. Pertanto, molto spesso vengono ignorati. Ecco alcuni segni della malattia:

Avversione a determinati alimenti e cambiamenti nelle abitudini alimentari.

La presenza nelle feci di sangue.

Fatica e debolezza generale del corpo.

Perdita di peso che non ha causa naturale.

Cambiamenti della motilità intestinale.

Il verificarsi di questi sintomi in un paziente non sempre diventa motivo di preoccupazione. Il rilevamento della patologia è spesso associato al passaggio di altri studi endoscopici, con sospette altre malattie. Il rilevamento del carcinoma intestinale di solito avviene nelle fasi successive, che richiedono un trattamento più complesso e richiedono più tempo..

Se identifichi la malattia in una fase precoce e conduci una terapia tempestiva, le possibilità di guarigione mantenendo la qualità della vita sono piuttosto elevate. Pertanto, se trovi almeno uno dei segni della malattia, dovresti contattare immediatamente una clinica specializzata e sottoporsi all'esame necessario.

I principali sintomi di questa malattia

Man mano che la neoplasia si sviluppa, iniziano a comparire segni più significativi:

Nel tempo, è possibile la manifestazione di sintomi correlati a quelli comuni con l'oncologia, nonché l'emergere di nuove formazioni.

Una prolungata assenza di movimento intestinale, in alcuni casi, la durata può raggiungere i 20-30 giorni. In questo caso, si osserva dolore nella parete addominale e diventa più difficile.

Dopo la defecazione, si ha la sensazione che gli intestini non siano completamente vuoti.

Nella proiezione della neoplasia, una sindrome del dolore appare sulla parete addominale.

Segni persistenti di vomito e nausea, che sono accompagnati da un aumento della temperatura corporea.

Abbassamento della pressione sanguigna, mentre la pelle diventa bianca. Se il tumore si trova nel cieco, sono possibili segni di sudore freddo..

Il verificarsi di costipazione, seguito da diarrea.

La presenza nelle feci di muco e pus, che causano un odore molto spiacevole durante i movimenti intestinali.

La presenza di sangue nelle feci. In questo caso, il sangue può essere striato o completamente macchiato di feci.

La manifestazione della malattia è associata a diversi fattori. Prima di tutto, i segni dipendono da dove si trova l'educazione..

Sintomi del carcinoma dell'intestino tenue

La formazione di un tumore in questa parte dell'intestino è piuttosto rara, ma può verificarsi. Nei pazienti con questa diagnosi, si notano i seguenti sintomi:

Si verifica la compressione di organi adiacenti, che successivamente porterà alla formazione di malattie complesse.

Nelle fasi successive della malattia, si osserva l'ostruzione intestinale.

Sanguinamento all'interno dell'intestino, mentre le feci sono di colore scuro.

Perdita di peso e perdita di appetito.

Vomito, nausea, crampi e dolore persistenti.

Sintomi nel carcinoma del colon

Se un paziente ha un tumore al colon, i sintomi saranno simili all'oncologia del parto, ma ci sono differenze significative. Ecco alcune manifestazioni che caratterizzano questa educazione:

Nelle feci c'è la presenza di pus e muco.

Lo stomaco si gonfia periodicamente.

L'appetito diminuisce, una persona ha debolezza generale.

Nelle feci c'è sangue, che si forma più spesso sotto forma di vene.

Nell'addome ci sono dolori costanti di diversa natura.

Nei primi sintomi, la malattia può manifestarsi con sintomi scarsi o assenti o presentare sintomi sfocati. Nel tempo, la malattia inizia a progredire, il che porterà ad un aggravamento della situazione e alla comparsa di disturbi più gravi.

Diagnosi di un tumore nel colon

Questa malattia è latente nelle sue fasi iniziali. Per questo motivo, tutte le persone dopo 50 anni dovrebbero sottoporsi regolarmente a un esame di routine da parte di uno specialista. Durante l'esame, vengono eseguite la palpazione della regione addominale e un sondaggio del paziente. Se si sospetta un tumore, devono essere eseguite un'analisi fecale e un esame del sangue generale. Se i sospetti sono confermati, sarà richiesto un esame più approfondito..

Esistono numerose procedure diagnostiche in grado di rilevare una neoplasia, determinarne la localizzazione e le dimensioni attuali. Per fare ciò, ricorrere alle seguenti procedure diagnostiche:

La PET-CT è uno dei metodi più sensibili al fine di determinare la posizione di un tumore, nonché le sue dimensioni e quanto si è diffuso nel corpo..

Ultrasuoni dell'intestino: questo metodo consente di visualizzare lo stato attuale dell'organo. Inoltre, potrebbe essere necessario introdurre un sensore speciale nell'intestino..

Il test per i marcatori tumorali è un esame del sangue che consente di determinare la quantità di tumore sviluppata..

Biopsia - uno studio di uno dei frammenti della mucosa con metodo istologico.

Colonscopia: questo metodo di ricerca è l'introduzione nell'ano di attrezzature speciali che ti permetteranno di visualizzare le condizioni dell'intestino.

Sigmoidoscopia: un metodo simile al metodo precedente, che consente di esaminare una sezione più piccola dell'intestino.

Irrigoscopia: esame dell'intestino mediante radiografia, che consiste nell'introduzione di uno speciale mezzo di contrasto all'interno e nella successiva visualizzazione dello stato attuale.

Un clistere di bario è un metodo di esame speciale che utilizza i raggi X, che è necessario affinché uno specialista possa ottenere un'immagine visiva dell'intestino. È necessaria la preparazione per questa procedura. 2 giorni prima dell'inizio, dovresti assumere solo cibi leggeri. La sera, dovresti prendere un detergente per l'intestino.

Diagnosi di un tumore nell'intestino tenue

Per condurre questo studio, viene spesso utilizzato l'esame endoscopico e radiologico dell'intestino. Inoltre, al paziente può essere prescritta un'ecografia. Ciò consentirà di determinare la localizzazione della neoplasia, nonché di verificare la presenza di metastasi in altri organi.

L'esame diagnostico della malattia comporta duodenoscopia e ulteriori analisi del materiale ottenuto dall'area interessata.

Le moderne apparecchiature a raggi X consentono di diagnosticare la presenza di un tumore con una precisione abbastanza elevata. Quando si esegue un esame endoscopico, è possibile rilevare cambiamenti patologici che non possono essere trovati con altri metodi.

Diagnosi di cancro intestinale e morbo di Crohn

È importante distinguere tra morbo di Crohn e oncologia. L'oncologia può anche essere confusa con la colite ulcerosa. In questo caso, i segni della malattia saranno quasi gli stessi. Se il paziente ha la malattia di Crohn, si osservano diversi cicli di ulcerazione all'interno dell'intestino. Allo stesso tempo, verranno osservati processi di formazioni ulcerose con la loro ulteriore guarigione in ogni ciclo. La superficie diventa come polipi che non sono reali. Uno dei segni della malattia di Crohn è la mucosa di ciottoli..

Riassumere

Nelle cliniche moderne che utilizzano le più moderne attrezzature diagnostiche, è possibile diagnosticare la malattia nelle prime fasi. Puoi anche condurre test autodiagnostici usando i test Nadal per determinare il cancro intestinale..

Feci per il cancro

I cambiamenti nelle feci nel cancro sono diversi. Le malattie oncologiche, inclusi i tumori maligni dell'intestino, sono pericolose perché non causano alcun sintomo per lungo tempo. Ma anche quando compaiono i sintomi del cancro, non sono specifici. Le manifestazioni del cancro intestinale assomigliano fortemente ai sintomi di altre malattie. Una persona può pensare a lungo di avere un disturbo intestinale perché "ha mangiato qualcosa di sbagliato", o qualche tipo di infezione, o emorroidi o disturbo delle feci a causa di problemi al fegato, al pancreas.

Quali sono i sintomi del cancro del colon e del retto??

Le principali manifestazioni che possono verificarsi con il cancro intestinale:

  • Diarrea o costipazione che persiste per diversi giorni.
  • Cambia l'aspetto delle feci. Diventa sottile come una matita a causa del fatto che il tumore restringe il lume intestinale..
  • Dopo aver visitato il bagno, rimane una sensazione di disagio, una sensazione che l'intestino non è completamente vuoto.
  • Sanguinamento rettale.
  • Feci di sangue.
  • Feci scure e catramose: nel linguaggio medico un tale aspetto delle feci si chiama melena.
  • Dolore, crampi addominali.
  • Perdita di peso inspiegabile.
  • Debolezza persistente, affaticamento.

Perché devo fare il test il prima possibile? Se questi sintomi sono causati dal cancro, indicano che il tumore è cresciuto abbastanza o è riuscito a diffondersi nel corpo. Più passa il tempo, più il cancro avanza. Ciò significa che la prognosi peggiora, le possibilità di gestire la malattia sono ridotte.

Cambiamenti nelle abitudini intestinali

Spesso, il cancro intestinale si manifesta sotto forma di un cambiamento nella frequenza dei movimenti intestinali, nel numero e nella consistenza delle feci. Alcuni pazienti sono preoccupati per la costipazione - una condizione in cui il passaggio delle feci attraverso l'intestino è compromesso. Si manifesta con sintomi come:

  • Mancanza di feci per più di tre giorni.
  • Dolore, disagio, crampi addominali.
  • Il volume delle feci diminuisce, diventa denso.
  • Possono verificarsi feci molli simili alla diarrea..
  • Una spiacevole sensazione di disagio nell'addome, una sensazione di "trabocco".
  • Gonfiore, ingrossamento addominale.
  • Eruttazione, gas.
  • Nausea.

A volte, il cancro sviluppa un'ostruzione intestinale acuta - una condizione pericolosa per la vita. Si manifesta sotto forma di forti dolori addominali, costipazione, nausea e vomito. A causa di un calo del livello di proteine ​​nel sangue, si sviluppa edema, a causa della perdita di liquidi - disidratazione. La decomposizione inizia nell'intestino, i prodotti tossici entrano nel flusso sanguigno e avvelenano il corpo. Si sviluppa una necrosi (necrosi) della parete intestinale, il suo contenuto entra nella cavità addominale e porta alla peritonite. Se un paziente con ostruzione intestinale acuta non riceve cure mediche in tempo, è probabile che muoia entro 4-6 ore.

La clinica europea utilizza tutti i tipi di trattamento per l'ostruzione intestinale. I nostri chirurghi eseguono operazioni sull'intestino, installano stent, applicano ileo e colostomia. I pazienti che sviluppano condizioni di emergenza ricevono il trattamento in unità di terapia intensiva dotate di attrezzature moderne.

La diarrea è una condizione in cui si notano feci frequenti - 3 o più volte entro 24 ore, mentre le feci hanno una consistenza liquida. A volte i dolori e i disagi nello stomaco disturbano, a volte - no. Se la diarrea persiste per diversi giorni, consultare un medico..

La costipazione e la diarrea possono essere causate non solo dal cancro, ma anche come effetti collaterali della chemioterapia, della radioterapia. Per far fronte a questo sintomo, il medico può dare alcune raccomandazioni sulla dieta e sullo stile di vita, prescrivere farmaci. La diarrea indotta da chemioterapia di solito si risolve entro 3 settimane dal completamento del trattamento del cancro.

La diarrea grave, anche se non è causata dal cancro, è pericolosa perché porta alla perdita di liquidi, elettroliti e l'assorbimento dei nutrienti nell'intestino è compromesso. Questo è irto di disidratazione, esaurimento, squilibrio elettrolitico.

Cambia l'aspetto dei movimenti intestinali

I cambiamenti nell'aspetto delle feci possono indicare che c'è cancro nell'intestino o altri processi patologici. Con costipazione, diventa più denso, con diarrea - burbero, liquido. Se il tumore blocca parzialmente il lume dell'intestino, le feci diventano sottili, come una matita ("feci del nastro"). Oltre al cancro e alle neoplasie benigne dell'intestino, questo sintomo può essere causato da malattie come emorroidi, sindrome dell'intestino irritabile, colite, parassiti.

Cambiare il colore delle feci

Con il cancro intestinale, le feci possono diventare nere, assomigliare all'aspetto del catrame e avere un odore sgradevole. Tale feci si chiama melena e sembra così perché il sangue è esposto a succhi digestivi nello stomaco e nell'intestino. Pertanto, la melena può essere una manifestazione del cancro dell'esofago, dello stomaco e dell'intestino tenue..

Affinché le feci si scuriscano e acquisiscano un aspetto aspro, è necessario che almeno 500 ml di sangue entrino nell'intestino. Se si verifica un tale sintomo, è necessario consultare immediatamente un medico!

Se c'è il sospetto di sanguinamento nel tratto digestivo, che non si manifesta in un cambiamento nell'aspetto delle feci (il cosiddetto sanguinamento nascosto), viene prescritta un'analisi delle feci per il sangue occulto. Il tipo più comune di studio è un test della benzidina (reazione di Gregersen). Questo metodo di diagnosi di laboratorio svolge un ruolo importante nell'individuazione del cancro e di alcune altre malattie, è indicato nei seguenti casi:

  • Costipazione prolungata, diarrea, feci molli.
  • Mal di stomaco.
  • Falso impulso a defecare.
  • Perdita inspiegabile di appetito, peso.
  • Se viene rilevato un tumore durante la colonscopia (esame endoscopico del colon).
  • Se durante FEGDS (esame endoscopico dell'esofago, dello stomaco, del duodeno) ha rivelato tumori o ulcere.

L'esame del sangue occulto nelle feci è un test molto sensibile. Può mostrare un risultato positivo con sangue dal naso, gengive sanguinanti. È necessario considerare e valutare i risultati dell'analisi in combinazione con altri metodi diagnostici..

Sanguinamento dal retto, sangue nelle feci

Se la fonte di sanguinamento si trova nell'intestino inferiore, i seguenti sintomi possono disturbare il paziente:

  • tracce di sangue sulla carta igienica;
  • tracce di sangue sulla biancheria intima, lenzuolo;
  • strisce di sangue nelle feci;
  • sanguinamento rettale.

Prevenzione e diagnosi precoce del carcinoma intestinale

Se il paziente ha un cambiamento nelle feci, viene indirizzato a un coloproctologo. Durante l'ammissione, il medico scopre di quali sintomi il paziente è preoccupato, per quanto tempo, di cosa si è ammalato durante la sua vita e se ci sono patologie intestinali in parenti stretti. Quindi viene eseguito un esame digitale del retto..

Al fine di rilevare il cancro e altre patologie intestinali, ricorrono ai seguenti studi:

  • Proctoscopia e colonscopia - esami endoscopici del retto e del colon. Questi metodi diagnostici consentono di visualizzare il cancro, il polipo e altri cambiamenti patologici..
  • Una biopsia è uno studio che può essere fatto durante l'endoscopia. Il medico con uno strumento speciale riceve un frammento di una sezione patologicamente alterata della mucosa intestinale e lo invia al laboratorio, dove lo studio viene condotto al microscopio. Se vengono rilevate cellule maligne, questo è il cancro..
  • Esame del sangue occulto nelle feci.
  • Emocromo completo: aiuta a rilevare l'anemia sanguinante.
  • Se il carcinoma del colon è già stato diagnosticato, viene prescritto un esame del sangue biochimico per valutare la funzionalità epatica, poiché potrebbe avere metastasi da cancro.
  • Esame del sangue per marcatori tumorali: antigene embrio-tumorale (CEA) e CA 19-9. Questo studio non è informativo nella diagnosi del cancro, in quanto può produrre risultati falsi positivi e falsi negativi. I marcatori tumorali sono utilizzati come parte di un esame completo per monitorare l'efficacia del trattamento e identificare la ricaduta.
  • Dopo la diagnosi del tumore del colon-retto, vengono eseguite tomografia computerizzata, ultrasuoni, risonanza magnetica, angiografia, radiografia del torace, PET per valutare la sua diffusione e stabilire lo stadio..

I test di screening aiutano a diagnosticare il cancro prima che si verifichino cambiamenti nelle feci. La colonscopia viene utilizzata come principale tipo di screening. Si consiglia di passarlo a tutte le persone di età superiore ai 50 anni. In una clinica europea, questo studio viene eseguito da medici esperti che utilizzano attrezzature moderne. Affinché il paziente non provi sensazioni spiacevoli durante la procedura, i nostri medici lo immergono in uno stato di lieve anestesia - "sonno della droga".

Prevenzione del cancro intestinale

Per ridurre il rischio di cancro del colon-retto, seguire alcune linee guida:

  • Mantenere un peso sano. L'obesità è un fattore di rischio di cancro.
  • Allenarsi regolarmente.
  • Segui una dieta sana. Nella tua dieta dovrebbero essere molte verdure, frutta, cereali, cibi ricchi di fibre. Lo sviluppo del cancro contribuisce al consumo di grandi quantità di carne rossa e trasformata.
  • Ridurre al minimo il consumo di alcol e smettere di fumare. Queste cattive abitudini contribuiscono al cancro non solo nell'intestino, ma anche in altri organi.

Dal momento che è impossibile proteggerti dal cancro al 100%, è importante essere consapevoli dei tuoi rischi ed essere sottoposti a controlli periodici. Prendi un appuntamento con un medico in una clinica europea per scoprire quali programmi di screening sono raccomandati nel tuo caso..

Marcatori tumorali per tumore intestinale

Il cancro dell'intestino e altri organi dell'apparato digerente è uno dei tre leader nella patologia del cancro in tutto il mondo. Come sapete, il risultato del trattamento dipende in gran parte da quale fase viene diagnosticato il processo maligno. Pertanto, è così importante utilizzare tutte le funzionalità della diagnostica di laboratorio per la diagnosi precoce.

Quali test mostreranno il cancro intestinale?

I test per sospetto carcinoma intestinale per determinare il tumore includono:

  • Esame del sangue nascosto. I globuli rossi si trovano nelle feci, che di solito compaiono in presenza di un tumore, sia maligno che benigno.
  • Analisi per marcatori tumorali intestinali. Queste sono proteine ​​specifiche che secernono le cellule tumorali o vengono rilasciate durante la distruzione delle cellule patologiche..

Un esame del sangue mostra il cancro intestinale? Questa domanda viene spesso posta dai pazienti, quindi rispondiamo come parte di questo articolo. Sfortunatamente, un esame del sangue clinico generale, ampiamente utilizzato nella pratica medica di routine, non è in grado di identificare le prime fasi del processo oncologico. Questa analisi rivela una conseguenza della trasformazione del tumore delle cellule quando si sviluppa la risposta primaria del corpo (leucocitosi appare e ESR accelera) o intossicazione da cancro (anemia tossica).

Gli oncomarker per il cancro dell'intestino tenue e crasso, il retto, non sono solo un modo informativo di diagnosi preclinica, ma aiutano anche a valutare lo stato del tumore dopo il trattamento. Dalla concentrazione nel sangue di queste proteine:

  • prevedere la probabilità di ricaduta;
  • rilevare metastasi;
  • valutare l'efficacia della terapia (per la sua correzione tempestiva).

Quali sono i marcatori tumorali per il cancro intestinale?

Non esiste una risposta inequivocabile alla domanda, quale marker tumorale mostra il cancro intestinale. Il valore diagnostico aumenta se vengono valutate contemporaneamente più proteine ​​di una determinata famiglia. Se si sospetta un processo maligno dell'intestino tenue o crasso, si raccomandano i seguenti test:

  • antigene (CEA);
  • CA 19–9;
  • CA 242;
  • CA 72-4;
  • piruvato chinasi del secondo tipo (marker tumorale 2).

Un programma diagnostico accurato sarà realizzato da uno specialista basato sui risultati del quadro clinico e della genetica.

Analisi per marcatori tumorali intestinali. indicazioni

Il sangue per gli oncomarker dell'intestino e del retto è indicato per la donazione nei seguenti casi:

  • eredità gravata (i parenti della linea di parentela erano stati precedentemente diagnosticati con tumori maligni del tratto digestivo);
  • costipazione persistente, in particolare seguita da diarrea;
  • perdita di peso, debolezza generale e aumento della fatica;
  • Risultati "sospetti" di un esame del sangue clinico generale: anemia, leucocitosi, VES accelerata;
  • formazione volumetrica nella proiezione dell'intestino, rilevata con metodi strumentali;
  • polipi intestinali precedentemente identificati.

Un esame del sangue per il cancro intestinale. decrittazione

La norma dei marker tumorali intestinali è un segno favorevole. Tuttavia, tali dati non sono sempre possibili per escludere un tumore maligno dell'intestino con certezza al 100%. Pertanto, è necessaria una valutazione completa dei risultati dello studio, che deve essere eseguita solo da un medico.

A volte possono essere determinati marcatori tumorali elevati in assenza di oncopatologia. Ciò è dovuto al fatto che anche le normali cellule del corpo umano sintetizzano gli antigeni del cancro, ma in quantità molto basse (il loro significato fisiologico non è ancora noto).

Dove posso trovare marcatori del cancro intestinale??

Il centro multidisciplinare MedProsvet offre servizi di trasmissione di tumori intestinali a prezzi convenienti. Secondo la prontezza dei test, l'oncologo della nostra clinica aiuterà a decifrare correttamente i risultati della diagnostica di laboratorio.

Puoi fare esami del sangue senza appuntamento ogni giorno:

Per ricevere i risultati dei test via e-mail, è necessario lasciare il consenso scritto per l'invio agli amministratori del centro medico.

Quali sono i marcatori del cancro per il cancro intestinale: nomi, come prendere

I tumori maligni, incluso il cancro gastrointestinale, sono diagnosticati nella maggior parte dei pazienti che cercano assistenza medica. Il pericolo di questa malattia risiede nella complessità della diagnosi in una fase precoce. I sintomi spesso arrivano troppo tardi. Occasionalmente, durante un esame di routine, è possibile sospettare una patologia, quindi il paziente viene inviato per l'analisi.

Analizzando i marcatori tumorali per il cancro dell'intestino e del retto in base al livello del loro contenuto, il medico può stabilire la malattia, la sua natura e il suo stadio.

Cosa sono i marker tumorali

Gli oncomarker sono alcuni tipi di proteine ​​che si trovano nel sangue. Possono essere trovati in una persona sana, solo in piccole quantità, non superiori ai valori normali. I tumori maligni contribuiscono alla produzione della proteina corrispondente, che porta ad un aumento della concentrazione del marker tumorale. Con la comparsa di tumori cancerosi del colon, le analisi possono chiarire la localizzazione della patologia e determinare lo stadio della malattia.

Varietà di marcatori tumorali per il cancro intestinale

Tra le proteine ​​che indicano problemi con il tratto digestivo, si distinguono 2 gruppi:

  • Specifico: rivelare le formazioni tumorali in un punto specifico del corpo.
  • Non specifico: rileva l'oncologia, ma non corregge la localizzazione.

Il seguente gruppo di marcatori tumorali appartiene al primo gruppo:

  • Antigene carboidrato (CA 242): mostra una patologia tumorale del colon e del retto o del pancreas in una fase precoce. Lo studio consente di determinare come si comporterà il tumore nei prossimi cinque mesi.
  • Antigene cancro-embrionale - è responsabile del rilevamento dell'oncologia nel retto. L'analisi dei risultati dello studio ci consente di parlare della natura del cancro, delle dinamiche dell'aumento delle dimensioni del tumore e di calcolare il periodo di progressione della malattia. Con l'aiuto del CEA, gli oncologi valutano l'efficacia della terapia e determinano il rischio di recidiva..
  • CA 72-4 è assegnato in aggiunta a CEA. Questo marker tumorale si trova nelle cellule maligne del polmone e del colon, se si verifica un carcinoma a piccole cellule. Anche la patologia del colon-retto è determinata da questo antigene..
  • Tu M2-RK (il secondo nome è il marker tumorale di scelta) - consente di identificare tutti i processi metabolici che si verificano nelle cellule tumorali. Questo tipo di studio è prescritto per specifici parametri metabolici. Aiuta a determinare il tumore oncologico degli organi del tratto gastrointestinale, incluso il carcinoma.

I seguenti indicatori sono inclusi nel gruppo di marcatori non specifici:

  • Alfa-fetoproteina (AFP) - si manifesta come un aumento del contenuto di α-fetoproteina, che indica la comparsa di una neoplasia simile a un tumore nel retto e nel colon sigmoideo.
  • CA 19-9 - un marker che identifica le patologie tumorali dell'intestino crasso, dei dotti biliari e della vescica stessa, dell'esofago, del pancreas.
  • CA 125 - utilizzando questo indicatore, viene determinato il processo patologico che si verifica nel colon sigmoideo, portando alla formazione di un tumore.
  • CYFRA 21-1: tassi elevati per questo marker indicano la presenza di compattazione maligna nel retto.
  • SCC - aiuta a rilevare la presenza di patologie cancerose del canale anale.
  • LASA-P - livelli elevati di antigene segnalano un sospetto tumore maligno in altre parti dell'intestino.

Grazie agli studi per identificare i marcatori tumorali, è possibile identificare la malattia prima delle prime manifestazioni e sintomi. Tuttavia, è importante considerare che di per sé il superamento dei limiti normali della concentrazione di antigeni nel sangue non garantisce la presenza di oncologia. Se i test del paziente hanno mostrato risultati allarmanti, è invitato a essere esaminato ulteriormente per confermare o confutare la diagnosi preliminare.

Video: cos'è un marker tumorale e come trattare il cancro

Quando sono i test

Per determinare il livello dei marker tumorali, il paziente dona sangue come biomateriale studiato. La procedura di campionamento viene eseguita al mattino presto. In questo caso, è importante che il paziente non mangi per otto ore prima dell'analisi. I medici raccomandano di astenersi dal bere caffè, tè e succhi di frutta per ottenere risposte pulite, sostituendole con acqua.

I risultati dello studio saranno pronti, un giorno o due dopo la raccolta di materiale biologico. Le analisi per determinare il livello di antigene proteico CA 72-4 vengono eseguite tenendo conto dell'eventuale assunzione di biotina, poiché una dose giornaliera superiore a 5 mg violerà la veridicità dei risultati. Si raccomanda quindi di rimandare lo studio di 8 ore fino a quando il farmaco non viene escreto.

Il livello di Tu M2-PK è determinato dall'analisi delle feci. La specificità di questa procedura è il divieto di ottenere biomateriale da clistere o con l'aiuto di lassativi. Le feci sono ottenute esclusivamente in modo naturale. I risultati vengono emessi dopo 7 giorni.

Come e dove eseguire i test

Gli oncomarker per il cancro dello stomaco e dell'intestino sono rilevati dai dipendenti di un laboratorio privato o pubblico. Per fare questo, fornisci il tuo materiale biologico.

Preparazione all'analisi

Prima di procedere con la donazione di sangue, il paziente deve seguire attentamente le linee guida fornite dall'oncologo per garantire risultati affidabili. Le misure da preparare per la procedura sono le seguenti:

  • Per una settimana, esclude dalla dieta cibi fritti, affumicati, grassi e dolci.
  • Bevi solo acqua, trascurando altre bevande.

Al mattino a stomaco vuoto, il paziente dovrebbe venire in laboratorio, dove l'infermiera prenderà il sangue da una vena. Entro una settimana, viene condotto uno studio sul biomateriale, quindi i risultati vengono formati ed emessi. Se a una persona sono state diagnosticate contemporaneamente neoplasie di diversa natura, il monitoraggio dei marker tumorali deve essere effettuato su base regolare.

Gli esperti non traggono conclusioni sulla presenza o l'assenza di malattie oncologiche per un marcatore particolare, poiché tale affermazione potrebbe non essere sempre accurata. Per la diagnosi, i risultati degli studi combinati sono spesso presi in considerazione. Per esempio:

  • Gli indicatori CEA e CA 242 rivelano formazioni patologiche maligne dello stomaco.
  • Il marcatore CEA in combinazione con CA 19-9 è responsabile della diagnosi del cancro del retto.
  • La combinazione di CEA, CA 242 e CA 19-9 è necessaria quando si tratta di determinare la presenza di cancro al colon.

Per rilevare la piruvato chinasi, un enzima prodotto dalle cellule maligne del tratto gastrointestinale, uno studio sui marcatori tumorali di Tu M2-PK.

In alcuni casi, una maggiore concentrazione di antigeni può segnalare la presenza di altre patologie nel corpo. Ad esempio, un'alta concentrazione di CEA indica spesso anomalie nel sistema venoso. Tali segni sono anche caratteristici della malattia e della cirrosi di Crohn..

I risultati di ciascuna analisi biochimica vengono controllati mediante ulteriori studi (ultrasuoni, risonanza magnetica o tomografia computerizzata).

Quale marker tumorale mostra il cancro intestinale

Avendo ricevuto i risultati delle analisi sulle mani, dovrebbe essere preso in considerazione quando si studiano gli indicatori che i dati possono essere interpretati in diversi modi. Tutto dipende dal laboratorio in cui è stato condotto lo studio. Cliniche diverse utilizzano un sistema di misurazione diverso, quindi è importante confrontare i numeri ottenuti con gli standard generalmente accettati:

  • CA 72-4 - non supera 6,3 UI / ml.
  • CA 19-9 - fino a 40 UI / ml.
  • CA 242 - nell'intervallo 0-30 UI / ml.
  • CEA - nessuno (0 UI / ml).

In alcune situazioni, i marker tumorali possono essere ridotti. Ciò indica l'assenza di cancro, ma la presenza di possibili danni ai reni o al fegato.

Il cancro intestinale mostra una combinazione di marcatori CA 242, CA 19-9 e RAE.

Video: marcatori tumorali per tumore intestinale

Opinione del dottore

Esaminando gli indicatori per la presenza di lesioni cancerose dell'intestino, gli specialisti confrontano i risultati del test con le norme standard tipiche per uomini e donne sani. Le deviazioni sono calcolate in base alla concentrazione del marker tumorale nel sangue. Se la differenza di valori è troppo grave, si può presumere l'oncologia.

Al fine di rilevare tempestivamente il cancro dell'intestino o di altri organi del tratto gastrointestinale, è necessario sottoporsi a un esame preventivo ogni anno per determinare il contenuto dei marker tumorali. Prima viene diagnosticato il cancro, maggiori sono le possibilità di guarigione del paziente.