Come determinare il cancro mediante analisi? Analisi generali in oncologia, metodi diagnostici strumentali

Carcinoma


Nell'oncologia moderna, una diagnosi precoce del processo tumorale svolge un ruolo enorme. L'ulteriore sopravvivenza e la qualità della vita dei pazienti dipende da questo. La vigilanza oncologica è molto importante, poiché il cancro può manifestarsi negli ultimi stadi o mascherare i suoi sintomi per altre malattie.

Gruppi a rischio per neoplasie maligne

Esistono molte teorie per lo sviluppo del cancro, ma nessuna di esse fornisce una risposta dettagliata, perché si presenta comunque. I medici possono solo supporre che l'uno o l'altro fattore acceleri la carcinogenesi (crescita delle cellule tumorali).

Fattori di rischio del cancro:

  • Predisposizione etnica e razziale - Gli scienziati tedeschi hanno stabilito una tendenza: nelle persone dalla pelle bianca, il melanoma si verifica 5 volte più spesso rispetto ai neri.
  • Violazione della dieta: la dieta umana deve essere bilanciata, qualsiasi cambiamento nel rapporto tra proteine, grassi e carboidrati può portare a disturbi metabolici e, di conseguenza, al verificarsi di neoplasie maligne. Ad esempio, gli scienziati hanno dimostrato che un consumo eccessivo di alimenti che aumentano il colesterolo porta al cancro del polmone e un consumo eccessivo di carboidrati facilmente digeribili aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno. Inoltre, l'abbondanza di additivi chimici negli alimenti (esaltatori di sapidità, conservanti, nitrati, ecc.), Alimenti geneticamente modificati aumenta il rischio di oncologia..
  • Obesità - Secondo studi americani, il sovrappeso aumenta il rischio di cancro del 55% nelle donne e del 45% negli uomini.
  • Fumo: i medici dell'OMS hanno dimostrato che esiste una relazione causale diretta tra fumo e cancro (labbra, lingua, orofaringe, bronchi, polmoni). Nel Regno Unito, è stato condotto uno studio che ha dimostrato che le persone che fumano 1,5-2 pacchetti di sigarette al giorno sono inclini a sviluppare un cancro ai polmoni 25 volte superiore rispetto ai non fumatori.
  • Eredità: esistono alcuni tipi di tumore ereditati da un tipo autosomico recessivo e autosomico dominante, ad esempio il carcinoma ovarico o la poliposi intestinale familiare.
  • Esposizione alle radiazioni ionizzanti e ai raggi ultravioletti - le radiazioni ionizzanti di origine naturale e industriale causano l'attivazione dei carcinomi tiroidei pro-oncogeni e l'esposizione prolungata ai raggi ultravioletti durante l'insolazione (abbronzatura) contribuisce allo sviluppo di melanoma maligno della pelle.
  • Disturbi immunitari: una diminuzione dell'attività del sistema immunitario (immunodeficienze primarie e secondarie, immunosoppressione iatrogena) porta allo sviluppo di cellule tumorali.
  • Attività professionale: le persone che entrano in contatto con agenti cancerogeni chimici (resine, coloranti, fuliggine, metalli pesanti, carboidrati aromatici, amianto, sabbia) e radiazioni elettromagnetiche rientrano in questa categoria.
  • Caratteristiche dell'età riproduttiva nelle donne: le prime mestruazioni precoci (di età inferiore ai 14 anni) e la menopausa tardiva (di età superiore ai 55 anni) aumentano il rischio di carcinoma mammario e ovarico di 5 volte. In questo caso, la gravidanza e il parto riducono la tendenza alla comparsa di neoplasie degli organi riproduttivi

Sintomi che possono essere segni di oncologia

  • Lunghe ferite curative, fistole
  • L'escrezione di sangue nelle urine, sangue nelle feci, costipazione cronica, forma di feci a forma di nastro. Disfunzione della vescica e dell'intestino.
  • Deformazione delle ghiandole mammarie, comparsa di gonfiore di altre parti del corpo.
  • Perdita di peso drammatica, riduzione dell'appetito, difficoltà a deglutire.
  • Cambia il colore e la forma di talpe o segni di nascita
  • Sanguinamento uterino frequente o secrezione insolita nelle donne.
  • Tosse secca prolungata, non suscettibile di terapia, raucedine.

Principi generali per la diagnosi di neoplasie maligne

Dopo essere andato dal medico, il paziente deve ottenere informazioni complete su quali test indicano il cancro. È impossibile determinare l'oncologia mediante un esame del sangue, non è specifico in relazione alle neoplasie. Gli studi clinici e biochimici sono principalmente volti a determinare le condizioni del paziente con intossicazione da tumore e studiare il lavoro di organi e sistemi.
Un esame del sangue generale per l'oncologia rivela:

  • leucopenia o leucocitosi (globuli bianchi elevati o ridotti)
  • spostamento dei leucociti a sinistra
  • anemia (emoglobina bassa)
  • trombocitopenia (piastrine basse)
  • aumento dell'ESR (ESR costantemente elevato di oltre 30 in assenza di gravi reclami - causa di allarme)

L'analisi generale dell'urina in oncologia è piuttosto istruttiva, ad esempio con il mieloma nelle urine viene rilevata una specifica proteina Bens-Jones. Un esame del sangue biochimico consente di giudicare lo stato del sistema urinario, il metabolismo del fegato e delle proteine.

Cambiamenti nell'analisi biochimica per varie neoplasie:

IndiceRisultatoNota
Proteine ​​totali
  • Norma - 75-85 g / l

è possibile sia il suo eccesso che la sua diminuzione

Le neoplasie di solito migliorano i processi catabolici e la disgregazione proteica, inibendo non specificamente la sintesi proteica.
iperproteinemia, ipoalbuminemia, rilevazione della paraproteina (gradiente M) nel siero del sangueTali indicatori consentono di sospettare il mieloma (plasmocitoma maligno).
Urea, creatinina
  • tasso di urea - 3-8 mmol / l
  • norma della creatinina - 40-90 μmol / l

Aumentano i livelli di urea e creatinina

Ciò suggerisce una maggiore scomposizione proteica, un segno indiretto di intossicazione da cancro o una riduzione non specifica della funzione renale.
L'urea aumenta con la normale creatininaDecadimento del tessuto tumorale.
Fosfatasi alcalina
  • norma - 0-270 PEZZI / l

Fosfatasi alcalina aumentata oltre 270 unità / l

Parla della presenza di metastasi nel fegato, nel tessuto osseo, nel sarcoma osteogenico.
Crescita enzimatica sullo sfondo di AST e ALT normaliInoltre, i tumori embrionali delle ovaie, dell'utero, dei testicoli possono isoenzima placentare ectopico fosfatasi alcalina.
ALT, AST
  • norma ALT - 10-40 PEZZI / l
  • Norma AST - 10-30 U / l

Aumento dell'enzima al di sopra del limite superiore della norma

Indica il decadimento non specifico delle cellule del fegato (epatociti), che può essere causato da processi infiammatori e cancerosi..
Colesterolo
  • la norma del colesterolo totale è 3,3-5,5 mmol / l

La diminuzione è inferiore al limite inferiore del normale

Parla di neoplasie maligne del fegato (poiché il colesterolo si forma precisamente nel fegato)
Potassio
  • norma di potassio - 3,6-5,4 mmol / l

Un aumento dei livelli di elettroliti a livelli normali di Na

Cachessia da cancro

Un esame del sangue per l'oncologia comprende anche uno studio del sistema emostatico. A causa del rilascio di cellule tumorali e dei loro frammenti nel sangue, è possibile aumentare la coagulazione del sangue (ipercoagulazione) e la microtrombosi, che impediscono il movimento del sangue lungo il letto vascolare.

Oltre ai test per determinare il cancro, ci sono una serie di studi strumentali che aiutano a diagnosticare le neoplasie maligne:

  • Rilievo radiografico in proiezione diretta e laterale
  • Radiografia a contrasto (irrigografia, isterosalpingografia)
  • Tomografia computerizzata (con e senza contrasto)
  • Imaging a risonanza magnetica (con e senza contrasto)
  • Metodo con radionuclidi
  • Ultrasuoni Doppler
  • Esame endoscopico (fibrogastroscopia, colonscopia, broncoscopia).

Cancro allo stomaco

Il cancro gastrico è il secondo tumore più comune nella popolazione (dopo il cancro ai polmoni).

  • Fibroesofagastroduodenoscopia - è un metodo d'oro per la diagnosi del cancro gastrico, è necessariamente accompagnato da un gran numero di biopsie in diverse aree della neoplasia e mucosa gastrica invariata.
  • Radiografia dello stomaco mediante contrasto orale (miscela di bario): il metodo era abbastanza popolare prima dell'introduzione degli endoscopi in pratica, consente di vedere sulla radiografia un difetto di riempimento nello stomaco.
  • Esame ecografico degli organi addominali, TC, risonanza magnetica - utilizzato per la ricerca di metastasi nei linfonodi e in altri organi dell'apparato digerente (fegato, milza).
  • Esame del sangue immunologico - mostra il cancro gastrico nelle prime fasi quando il tumore stesso non è ancora visibile all'occhio umano (CA 72-4, CEA e altri)
Studia:Fattori di rischio:
da 35 anni: esame endoscopico una volta ogni 3 anni
  • eredità
  • gastrite cronica a bassa acidità
  • ulcera gastrica o polipi

Diagnosi del cancro al colon

  • Esame delle dita del retto: determina il cancro a una distanza di 9-11 cm dall'ano, consente di valutare la mobilità del tumore, la sua elasticità, la condizione dei tessuti vicini;
  • La colonscopia - l'introduzione di un video endoscopio nel retto - visualizza il cancro infiltrato fino al lembo di bauginio, consente una biopsia di aree sospette dell'intestino;
  • Irrigoscopia: radiologia dell'intestino crasso mediante doppio contrasto (contrasto-aria);
  • Ultrasuoni degli organi pelvici, TC, risonanza magnetica, colonscopia virtuale: visualizza la germinazione del cancro del colon e le condizioni degli organi adiacenti;
  • Determinazione dei marcatori tumorali - CEA, C 19-9, Sialosyl - TN
Ricerca:Fattori di rischio:Fattori di rischio per il retto e il colon:
Dai 40 anni:
  • una volta all'anno esame rettale digitale
  • Saggio immunologico occulto nelle feci una volta ogni 2 anni
  • colonscopia una volta ogni 3 anni
  • sigmoidoscopia una volta ogni 3 anni
  • oltre 50 anni
  • adenoma del colon
  • poliposi familiare diffusa
  • colite ulcerosa
  • Morbo di Crohn
  • carcinoma genitale femminile o mammario precedente
  • carcinoma del colon-retto nei parenti di sangue
  • poliposi familiare
  • colite ulcerosa
  • colite spastica cronica
  • polipi
  • costipazione con dolicosigma

Carcinoma mammario

Questo tumore maligno occupa un posto di primo piano tra le neoplasie femminili. Tali statistiche deludenti sono in parte dovute alla scarsa qualifica dei medici che stanno esaminando in modo non professionale le ghiandole mammarie..

  • Palpazione della ghiandola: consente di determinare la tuberosità e il gonfiore dello spessore dell'organo e sospettare il processo del tumore.
  • La radiografia del seno (mammografia) è uno dei metodi più importanti per la rilevazione di tumori non palpabili. Per un maggiore contenuto informativo, viene utilizzato il contrasto artificiale:
    • pneumocistografia (rimozione di liquido dal tumore e introduzione dell'aria in esso) - consente di identificare le formazioni parietali;
    • ductografia: il metodo si basa sull'introduzione di un mezzo di contrasto nei dotti lattiginosi; visualizza la struttura e i contorni dei condotti e le formazioni anormali in essi.
  • Ecografia al seno e dopplerografia: i risultati degli studi clinici hanno dimostrato l'elevata efficienza di questo metodo nel rilevare il carcinoma intraduttale microscopico e tumori abbondanti di afflusso di sangue.
  • Computer e risonanza magnetica: consentono di valutare la germinazione del carcinoma mammario negli organi vicini, la presenza di metastasi e danni ai linfonodi regionali.
  • Test immunologici per carcinoma mammario (marker tumorali) - CA-15-3, antigene embrionale tumorale (CEA), CA-72-4, prolattina, estradiolo, TPS.
Ricerca:Fattori di rischio:
  • da 18 anni: 1 volta al mese autoesame del carcinoma mammario
  • da 25 anni: una volta all'anno esame clinico
  • 25-39 anni: ultrasuoni una volta ogni 2 anni
  • 40-70 anni: mammografia una volta ogni 2 anni
  • eredità (carcinoma mammario materno)
  • prima nascita in ritardo
  • inizio tardivo e precoce delle mestruazioni
  • assenza di bambini (non c'era lattazione)
  • fumo
  • obesità, diabete
  • oltre 40 anni
  • disfunzione ovarica
  • mancanza di vita sessuale e orgasmo

Cancro ai polmoni

Il cancro al polmone è tra le neoplasie maligne negli uomini ed è il quinto tra le donne al mondo..

  • Radiografia del torace
  • TAC
  • Angiografia RM e RM
  • Ultrasuoni transesofagei
  • Broncoscopia con biopsia: il metodo consente di vedere con i propri occhi la laringe, la trachea, i bronchi e di ottenere materiale per l'esame utilizzando una macchia, una biopsia o un rossore.
  • Citologia dell'espettorato - la percentuale di rilevazione del cancro nello stadio preclinico usando questo metodo è del 75-80%
  • Puntura tumorale percutanea - indicata per il cancro periferico.
  • Esame a contrasto dell'esofago per valutare lo stato dei linfonodi della biforcazione.
  • Video toracoscopia diagnostica e toracotomia con biopsia dei linfonodi regionali.
  • Esame del sangue immunologico per carcinoma polmonare
    • Tumore a piccole cellule - NSE, REA, Tu M2-RK
    • Cancro a grandi cellule - SCC, CYFRA 21-1, CEA
    • Carcinoma a cellule squamose - SCC, CYFRA 21-1, CEA
    • Adenocarcinoma - REA, Tu M2-RK, CA-72-4
Ricerca:Fattori di rischio:
  • 40-70 anni: una volta ogni 3 anni, una TC spirale a basso dosaggio degli organi toracici nelle persone a rischio - rischi professionali, fumo, malattie polmonari croniche
  • fumare più di 15 anni
  • inizio precoce del fumo da 13 a 14 anni
  • malattie polmonari croniche
  • di età superiore ai 50-60 anni

Cancro cervicale

Il cancro cervicale viene rilevato in circa 400.000 donne all'anno in tutto il mondo. Il più delle volte diagnosticato in fasi molto avanzate. Negli ultimi anni, c'è stata una tendenza a ringiovanire la malattia - si verifica spesso nelle donne di età inferiore ai 45 anni (cioè prima della menopausa). Diagnosi del cancro cervicale:

  • Esame ginecologico negli specchi: rivela solo forme visibili di cancro in uno stadio avanzato.
  • L'esame colposcopico - l'esame del tessuto tumorale al microscopio, viene effettuato utilizzando sostanze chimiche (acido acetico, soluzione di iodio), che consentono di determinare la posizione e i confini del tumore. La manipolazione è necessariamente accompagnata da una biopsia del tessuto canceroso e sano dell'utero cervicale e dall'esame citologico.
  • TC, risonanza magnetica, ultrasuoni degli organi pelvici - viene utilizzato per rilevare la germinazione del cancro negli organi vicini e il grado della sua prevalenza.
  • La cistoscopia - utilizzata per l'invasione del cancro cervicale nella vescica, consente di vedere la sua mucosa.
  • Analisi immunologiche per carcinoma cervicale - SCC, CG, alfa-fetoproteina; si raccomanda lo studio dei marcatori tumorali in dinamica
Ricerca:Fattori di rischio:Fattori di rischio per altra oncopatologia ginecologica:
  • da 18 anni: esame ginecologico ogni anno
  • 18-65 anni: Pap test ogni 2 anni
  • da 25 anni: ultrasuoni degli organi pelvici una volta ogni 2 anni
  • molti aborti (conseguenze)
  • molte nascite
  • molti partner, frequenti cambi di partner
  • erosione cervicale
  • inizio precoce dell'attività sessuale
  • carcinoma ovarico - ereditarietà, irregolarità mestruali, infertilità
  • carcinoma uterino - in ritardo (dopo 50 anni, menopausa, obesità, ipertensione, diabete mellito

Ricerca sul cancro uterino

  • Palpazione del corpo uterino ed esame vaginale bimanuale: consente di valutare le dimensioni dell'utero, la presenza di protuberanze e protuberanze in esso, la deviazione dell'organo dall'asse.
  • Curettage diagnostico della cavità uterina - il metodo si basa sul curettage utilizzando uno strumento speciale - una curette - il rivestimento interno dell'utero (endometrio) e il suo successivo esame citologico per le cellule tumorali. Lo studio è piuttosto informativo, in casi dubbi può essere eseguito più volte in dinamica.
  • TC, risonanza magnetica - eseguita per tutte le donne con l'obiettivo di impostare lo stadio e il grado del processo del cancro.
  • Ultrasuoni (transvaginale e transaddominale) - a causa della sua non invasività e facilità di esecuzione, la tecnica è stata ampiamente utilizzata per rilevare il cancro dell'utero. Una ecografia identifica tumori fino a 1 cm di diametro, consente di esaminare il flusso sanguigno del tumore, il cancro che germoglia negli organi adiacenti.
  • Isteroscopia con una biopsia mirata - si basa sull'introduzione di una fotocamera speciale nella cavità uterina, che visualizza un'immagine su un grande schermo, mentre il medico può vedere ogni area del rivestimento uterino e condurre una biopsia di formazioni dubbie.
  • Test immunologici per carcinoma uterino - malondialdeide (MDA), gonadotropina corionica, alfa-fetoproteina, antigene embrio-tumorale.

Diagnosi del cancro alla vescica

  • Palpazione dell'organo attraverso la parete addominale anteriore o bimanalmente (attraverso il retto o la vagina) - quindi, il medico può determinare solo tumori di dimensioni sufficientemente grandi.
  • Ultrasuoni degli organi pelvici (transuretrale, transaddominale, transrettale): rivela la proliferazione del cancro della vescica oltre i suoi limiti, danni ai linfonodi vicini, metastasi agli organi adiacenti.
  • Cistoscopia: un esame endoscopico che consente di esaminare la mucosa della vescica e la biopsia di un'area tumorale.
  • Cistoscopia mediante spettrometria: prima dell'esame, il paziente prende un reagente speciale (fotosensibilizzatore), che contribuisce all'accumulo di acido 5-aminolevulinico nelle cellule tumorali. Pertanto, durante l'endoscopia, la neoplasia emette un bagliore speciale (fluorescenza).
  • Citologia dei sedimenti urinari
  • CT, risonanza magnetica - i metodi determinano il rapporto tra carcinoma della vescica e sue metastasi in relazione agli organi vicini.
  • Oncomarker - TPA o TPS (antigene polipeptidico tissutale), BTA (antigene tumorale della vescica).

Cancro alla tiroide

A causa dell'aumento delle radiazioni e dell'esposizione umana negli ultimi 30 anni, l'incidenza del carcinoma tiroideo è aumentata di 1,5 volte. I principali metodi per diagnosticare il cancro alla tiroide:

  • Ultrasuono + Dopplerografia della ghiandola tiroidea - un metodo piuttosto informativo, non invasivo e non trasporta l'esposizione alle radiazioni.
  • Imaging a risonanza magnetica e calcolata: vengono utilizzati per diagnosticare la diffusione del processo tumorale oltre la ghiandola tiroidea e identificare le metastasi negli organi vicini.
  • La tomografia a emissione di positroni è una tecnica tridimensionale, il cui uso si basa sulla proprietà del radioisotopo, per accumularsi nei tessuti della ghiandola tiroidea.
  • La scintigrafia con radioisotopi è anche un metodo basato sulla capacità dei radionuclidi (più precisamente, iodio) di accumularsi nei tessuti della ghiandola, ma a differenza della tomografia, indica la differenza nell'accumulo di iodio radioattivo in tessuti sani e tumorali. L'infiltrato di cancro può assumere la forma di un focus "freddo" (che non assorbe lo iodio) e "caldo" (che supera l'assorbimento di iodio).
  • Biopsia per aspirazione con ago sottile: consente una biopsia e il successivo esame citologico delle cellule tumorali, rivela marcatori genetici speciali del carcinoma tiroideo hTERT, EMC1, TMPRSS4.
  • Determinazione della proteina galectina-3 correlata alla lectina. Questo peptide partecipa alla crescita e allo sviluppo dei vasi del tumore, alle sue metastasi e alla soppressione del sistema immunitario (inclusa l'apoptosi). L'accuratezza diagnostica di questo marker nelle neoplasie maligne della ghiandola tiroidea è del 92-95%.
  • La ricaduta del carcinoma tiroideo è caratterizzata da una diminuzione dei livelli di tireoglobulina e da un aumento della concentrazione dei marker tumorali EGFR, HBME-1

Carcinoma esofageo

Il cancro colpisce principalmente il terzo inferiore dell'esofago, generalmente preceduto da metaplasia intestinale e displasia. Il tasso di incidenza medio è del 3,0% per 10.000 abitanti..

  • Studio sul contrasto dei raggi X dell'esofago e dello stomaco usando solfato di bario - raccomandato per chiarire il grado di pervietà dell'esofago.
  • Fibroesofagogastroduodenoscopia: consente di vedere il cancro con i propri occhi e una tecnica videoscopica avanzata visualizza un'immagine del cancro esofageo su un grande schermo. Durante lo studio, una biopsia della neoplasia è obbligatoria con successiva diagnosi citologica.
  • Imaging a risonanza magnetica e calcolata: visualizza il grado di crescita del tumore negli organi vicini, determina lo stato dei gruppi regionali di linfonodi.
  • Fibrobronchoscopia - deve essere eseguita quando si schiaccia il cancro dell'esofago dell'albero tracheobronchiale e consente di valutare il grado di diametro delle vie aeree.

Oncomarker: diagnosi immunologica delle neoplasie

L'essenza della diagnosi immunologica è il rilevamento di antigeni o marker tumorali specifici. Sono abbastanza specifici per tipi specifici di cancro. Un esame del sangue per i marcatori tumorali per la diagnosi primaria non ha alcun uso pratico, ma consente di determinare l'occorrenza precoce della ricaduta e prevenire la diffusione del cancro. Esistono più di 200 tipi di marcatori tumorali nel mondo, ma solo circa 30 hanno un valore diagnostico..

I medici hanno tali requisiti per i marcatori tumorali:

  • Deve essere altamente sensibile e specifico.
  • Il marker tumorale deve essere assegnato solo dalle cellule tumorali maligne e non dalle cellule del corpo
  • Il marker tumorale deve indicare un tumore specifico
  • L'emocromo per i marcatori tumorali dovrebbe aumentare con lo sviluppo del cancro

Classificazione dei marker tumorali

Tutti i marker tumorali: fare clic per ingrandire

Per struttura biochimica:

  • Oncofetale e oncoplacentare (CEA, CG, alfa-fetoproteina)
  • Glicoproteine ​​associate al tumore (CA 125, CA 19-9. CA 15-3)
  • Cheratoproteine ​​(UBC, SCC, TPA, TPS)
  • Proteine ​​enzimatiche (PSA, enolasi neurone-specifica)
  • Ormoni (calcitonina)
  • Altra struttura (ferritina, IL-10)

Per valore per il processo diagnostico:

  • Il principale - è inerente alla massima sensibilità e specificità per un tumore particolare.
  • Minore - ha una piccola specificità e sensibilità, viene utilizzato in combinazione con il principale marker tumorale.
  • Ulteriore: rilevato con una varietà di neoplasie.

Come sottoporsi al test per il cancro di tutto il corpo?

I sintomi e la diagnostica complessa rilevati nel tempo possono aumentare l'efficacia del trattamento e, in molti casi, confutare la diagnosi. Al primo sospetto di cancro, è necessario contattare l'oncologo e sottoporsi al test..

Quando è possibile rilevare l'oncologia?

Le malattie oncologiche sono in grado di rimanere a lungo nel corpo senza provocare segni specifici. Molto spesso, l'identificazione di un processo precoce si verifica durante un esame preventivo o accidentalmente, quando si superano i test clinici per altri scopi.

Il cancro nel primo stadio viene rilevato solo nel 25-30% dei casi.

Per escludere i tumori, è sufficiente sottoporsi a una serie di procedure diagnostiche almeno una volta all'anno.

Durante la Giornata mondiale del cancro, alcune strutture mediche offrono l'opportunità di controllare gratuitamente l'intero corpo per la formazione di un tumore maligno.

Quali metodi possono rilevare un tumore canceroso?

La diagnosi del cancro è un processo complesso e multifattoriale. Per identificare la patologia oncologica, vengono utilizzati diversi gruppi di metodi diagnostici:

  • radiologico - per lo studio e la visualizzazione dell'organo, eseguito con contrasto;
  • endoscopico - per esame degli organi addominali;

La selezione delle procedure diagnostiche necessarie in ciascun caso viene eseguita dal medico, durante la consultazione preliminare del paziente. Durante un esame di routine del corpo, viene prescritta una serie standard di procedure.

Come è una diagnosi completa di tutto l'organismo

Al fine di esaminare l'intero corpo per la presenza di una formazione maligna, è necessario superare i test generali e fare una radiografia di tutti gli organi.

Il controllo rivela la patologia anche in assenza di sintomi.

La rilevazione precoce di un tumore canceroso garantisce il successo del trattamento nel 90-95% dei casi.

Per essere testato per il cancro, per determinare dove si trova il tumore e in quale fase, viene prescritta una serie di esami.

Il programma diagnostico di serie comprende la consultazione con un medico specializzato, esami del tessuto ematico e tumorale, studi genetici e tomografia.

Metodo di diagnosi complessa di oncologiaPer quale scopo viene applicato
La consultazione del dottoreInclude un esame iniziale, la palpazione del presunto tumore, la nomina di un programma per ulteriori diagnosi. Assicurati di ottenere il consiglio di un oncologo e di uno specialista specializzato a seconda della posizione del tumore (ad esempio, un gastroenterologo, un ginecologo o un pneumologo).
Esame del sangueLa composizione totale del sangue con un tumore canceroso cambia leggermente. Tuttavia, la crescita inspiegabile di alcuni indicatori ci consente di identificare la patologia anche per caso, quando la neoplasia ha appena iniziato a crescere e non mostra sintomi caratteristici.
Esame del sangue per marcatori tumoraliDeterminazione del livello dei marker tumorali (marker tumorali) nel sangue. A seconda dell'indicatore di quale marker è andato oltre la norma, il medico conclude che esiste un tumore, la natura della sua malignità e localizzazione.
Ricerca geneticaAnalisi per determinare la suscettibilità alla malattia ea livello genico. Può essere assegnato a una persona sana e già malata.
MRIConsente la visualizzazione dei tessuti (incluso il tumore) in tutte le proiezioni. Per la migliore qualità di visualizzazione viene eseguita utilizzando un mezzo di contrasto.
BiopsiaCampionamento e analisi dei tessuti di un tumore sospetto al fine di determinare la malignità delle cellule formate. Il principale metodo diagnostico per sospetto cancro della pelle.

L'ecografia può anche essere prescritta per diagnosticare una neoplasia patologica. Tuttavia, la procedura è efficace solo nei casi in cui il tumore ha raggiunto una certa dimensione..

Per la diagnosi del cancro nelle fasi iniziali dell'ecografia non viene utilizzato.

Questo metodo consente di stabilire la dimensione esatta del tumore invaso, nonché di determinare la struttura e i contorni della formazione. Spesso sotto la supervisione di una biopsia ecografica.

Altri esami necessari per la diagnosi di oncologia

Se i test generali hanno mostrato la presenza di processi patologici nel corpo e in base a quali organi hanno influenzato la neoplasia, i seguenti metodi diagnostici sono prescritti per il paziente:

  • analisi delle feci per la rilevazione di sangue nascosto - in caso di sospetto cancro del tratto gastrointestinale (stomaco, intestino crasso o intestino tenue);
  • colonscopia e gastroscopia - anche con patologie gastrointestinali;
  • mammografia - con un tumore al petto;
  • broncografia, angiografia - esami radiografici per rilevare patologie al torace;

Sulla base dei risultati degli studi sulla ripetuta consultazione dell'oncologo, viene determinato un ulteriore trattamento. In alcuni casi, potrebbero essere necessari test aggiuntivi..

In quali casi è necessario essere sottoposti a screening per il cancro

C'è un elenco di fattori che aumentano il rischio di patologia. Il gruppo a rischio comprende le seguenti categorie di pazienti:

  • anziani, il più alto rischio di sviluppare oncologia nelle persone di età superiore ai 60 anni;
  • fumatori (incluso passivo);

Alle persone che appartengono a uno o più gruppi a rischio si consiglia di sottoporsi a una diagnosi di cancro con una frequenza di 1-2 volte l'anno. Eliminare le cattive abitudini ed eliminare altri fattori di rischio riduce la probabilità di sviluppare oncologia del 30-35%.

condividi con i tuoi amici

Fai un buon lavoro, non ci vorrà molto

Quali test mostrano l'oncologia: diagnostica di laboratorio

La diagnosi tempestiva svolge un ruolo decisivo nel trattamento delle patologie tumorali (cancro). Per stabilire con precisione la presenza di cancro, è necessaria una serie di misure diagnostiche. Tuttavia, test elementari su sangue, feci o urine, che possono essere effettuati in qualsiasi laboratorio, spesso avvertono di cambiamenti pericolosi nel corpo. Se ci sono deviazioni negli indicatori, il medico svilupperà un programma di esame individuale e determinerà quali test passare all'oncologia per dissipare o confermare i sospetti.

Analisi delle urine

Il cancro del sistema urinario si manifesta come sangue nelle urine. L'urina può contenere anche corpi chetonici, che indicano la rottura del tessuto. Tuttavia, questi sintomi accompagnano anche malattie non correlate all'oncologia, ad esempio indicano la presenza di calcoli nella vescica o nei reni e il diabete.

Per la diagnosi di altri tipi di cancro, l'analisi delle urine non è informativa. Non può essere giudicato dalla presenza di cancro, ma le deviazioni dalla norma indicano problemi di salute. Se le deviazioni sono gravi e sono confermate dai risultati di altri test di base, questa è un'occasione per condurre test speciali per determinare il cancro.

Un'eccezione è il mieloma multiplo, in cui viene rilevata una specifica proteina Bence-Jones nelle urine..

Per la ricerca, l'urina del mattino viene raccolta in un contenitore sterile, che può essere acquistato in farmacia. Per prima cosa devi fare una doccia.

Analisi fecale

Il sangue può anche essere contenuto nelle feci ed è quasi impossibile notarlo visivamente. Le analisi di laboratorio aiuteranno a identificarne la presenza..

La presenza di sangue nelle feci è un segno di cancro dell'intestino (molto spesso il colon), ma è un sintomo e molte malattie del tratto gastrointestinale di natura benigna. I polipi nell'intestino possono sanguinare. Inoltre, va ricordato che i polipi tendono a degenerare in un tumore maligno. In ogni caso, la presenza di sangue nelle feci è un'occasione per sottoporsi a una diagnosi più profonda, per superare i test per rilevare il cancro.

Le feci vengono anche raccolte in un contenitore sterile al mattino.

Che esame del sangue mostra oncologia

Molti pazienti sono convinti che sia possibile determinare il cancro mediante un esame del sangue. In effetti, ci sono diversi tipi di questa procedura diagnostica, che inizia con un'analisi generale e termina con un'analisi dei marker tumorali. I seguenti tipi di diagnostica del cancro si distinguono per l'analisi del sangue con vari gradi di informazione:

  • analisi generale;
  • analisi biochimiche;
  • test di coagulazione del sangue;
  • esame del sangue immunologico (per marcatori tumorali).

Anche se il tumore non si è ancora manifestato come sintomi dolorosi, si stanno già verificando cambiamenti negativi nel corpo, che un esame del sangue può registrare. Quando un tumore maligno cresce, distrugge le cellule sane che servono per la crescita del corpo e rilascia sostanze tossiche. Questi cambiamenti sono evidenti anche con un esame del sangue generale, ma possono anche essere un segno di dozzine di malattie non correlate al cancro..

La più informativa è l'analisi dei marcatori tumorali - sostanze specifiche che vengono rilasciate nel sangue a seguito dell'attività delle cellule tumorali. Tuttavia, dato che i marker tumorali sono contenuti nel corpo di qualsiasi persona e il loro numero aumenta con l'infiammazione, questa analisi non dimostra al 100% la presenza di cancro. Diventa solo un'occasione per superare test più affidabili per determinare l'oncologia.

Il cancro mostrerà un emocromo completo

Questa analisi non fornisce informazioni complete sulla presenza di un tumore nel corpo. Tuttavia, questo è uno degli studi di base che aiuta a rilevare il cancro in una fase precoce, quando non si manifesta ancora come sintomi. Pertanto, se si determinano i test da superare per i test del cancro, è necessario iniziare con esso.

I seguenti cambiamenti nella struttura del sangue possono indicare processi maligni nel corpo:

  • diminuzione del numero di linfociti;
  • aumento o diminuzione del numero di leucociti;
  • diminuzione dell'emoglobina;
  • piastrine basse;
  • aumento della velocità di eritrosedimentazione (VES);
  • un aumento del numero di neutrofili;
  • la presenza di cellule del sangue immature.

Se il paziente, in presenza di uno o più dei sintomi elencati contemporaneamente, manifesta debolezza, si stanca rapidamente, perde appetito e peso, è necessario sottoporsi a un esame più dettagliato.

Il sangue viene somministrato a stomaco vuoto o almeno 4 ore dopo un pasto. La recinzione viene eseguita dal dito.

Vuoi che ti richiamiamo?

Chimica del sangue

Il metodo identifica anomalie che possono essere un segno di cancro. Va tenuto presente che gli stessi cambiamenti sono caratteristici di molte malattie non oncologiche, pertanto è impossibile interpretare chiaramente i risultati.

Il medico analizza i seguenti indicatori:

  • Proteine ​​totali. Le cellule tumorali si nutrono di proteine ​​e se il paziente non ha appetito, il suo volume è significativamente ridotto. Con alcuni tumori, il volume proteico, al contrario, aumenta.
  • Urea, creatinina. Il loro aumento è un segno di scarsa funzionalità renale o intossicazione, in cui la proteina nel corpo si rompe attivamente..
  • Zucchero. Molti tumori maligni (sarcoma, tumore del polmone, fegato, utero, seno) sono accompagnati da segni di diabete mellito con alterazioni della glicemia, poiché l'organismo non produce bene l'insulina.
  • Bilirubina. Un aumento del suo volume può essere un sintomo di danno epatico maligno..
  • Enzimi ALT, AST. Aumento del volume - evidenza di un possibile tumore al fegato.
  • Fosfatasi alcalina. Un altro enzima, un aumento del quale può essere un segno di alterazioni maligne delle ossa e del tessuto osseo, della cistifellea, del fegato, delle ovaie, dell'utero.
  • Colesterolo. Con una significativa riduzione del volume, si può sospettare un cancro al fegato o metastasi in questo organo.

Il prelievo di sangue viene effettuato da una vena. Devi prenderlo a stomaco vuoto.

Test della coagulazione del sangue

Con le malattie oncologiche, la coagulabilità del sangue aumenta e possono formarsi coaguli di sangue in vasi grandi e piccoli (fino ai capillari). Se i risultati dell'analisi mostrano queste deviazioni, saranno richiesti ulteriori esami per l'oncologia..

Anche il sangue per questa analisi viene prelevato da una vena..

Esame del sangue immunologico: marcatori tumorali

Se parliamo di quali test mostrano l'oncologia, allora questo esame è abbastanza informativo e ti consente di determinare la presenza di cancro. Viene anche utilizzato per rilevare la ricaduta dopo il trattamento..

Gli oncomarker sono tipi speciali di proteine, enzimi o prodotti di scomposizione delle proteine. Sono secreti da tessuto maligno o tessuto sano in risposta alle cellule tumorali. Ora oltre 200 specie sono scientificamente provate..

Esistono un numero limitato di marker tumorali nel corpo di una persona sana, il loro volume è moderatamente aumentato, ad esempio con raffreddore, così come nelle donne durante la gravidanza, negli uomini con adenoma prostatico. Tuttavia, l'aspetto in un grande volume di alcune specie specifiche è caratteristico di alcuni tumori. Ad esempio, marcatori tumorali CEA e CA-15-3 possono segnalare il cancro al seno, mentre CA 125 e HE-4 possono segnalare il cancro alle ovaie. Per ottenere il risultato più obiettivo, si consiglia di effettuare un'analisi per diversi marker tumorali..

Aumentando il livello di un marcatore tumorale particolare, è possibile determinare quale organo o sistema è interessato da un tumore. Inoltre, questa analisi è in grado di dimostrare che una persona è a rischio di sviluppare il cancro. Ad esempio, negli uomini, un aumento del marker tumorale del PSA è un presagio di cancro alla prostata.

L'analisi immunologica viene eseguita a stomaco vuoto, il sangue viene prelevato da una vena. Inoltre, i marcatori tumorali sono determinati dall'analisi delle urine..

Esame citologico

Questo è il tipo più informativo di esame di laboratorio che determina accuratamente la presenza o l'assenza di cellule maligne..

L'analisi prevede l'assunzione di una piccola porzione di tessuto sospettata di avere un tumore canceroso, con ulteriore esame al microscopio. Le moderne tecnologie endoscopiche consentono di prelevare biomateriale da qualsiasi organo: pelle, fegato, polmoni, midollo osseo, linfonodi.

La citologia studia la struttura e la funzione cellulare. Le cellule tumorali tumorali sono significativamente diverse dalle cellule tissutali sane, quindi, in uno studio di laboratorio, la malignità del tumore può essere determinata con precisione.

Per studi citologici utilizzando i seguenti biomateriali:

  • stampe dalla pelle, mucose;
  • fluidi sotto forma di urina, espettorato;
  • tamponi di organi interni ottenuti mediante endoscopia;
  • campioni di tessuto ottenuti mediante puntura con un ago sottile.

Questo metodo diagnostico viene utilizzato per esami preventivi, chiarendo la diagnosi, pianificando e monitorando il trattamento, per identificare le ricadute. È semplice, sicuro per il paziente e i risultati possono essere ottenuti entro 24 ore..

Diagnostica strumentale

Se si sospetta un tumore o viene rilevata una neoplasia maligna, il paziente deve sottoporsi a esami più dettagliati per determinare la posizione del tumore, il suo volume, il grado di danno ad altri organi e sistemi (presenza di metastasi) e anche per sviluppare un programma di trattamento efficace. Per fare ciò, utilizzare una serie di esami strumentali. Include vari tipi di diagnosi, a seconda del sospetto di una particolare malattia.

Le cliniche moderne offrono i seguenti tipi di esami strumentali:

  • imaging a risonanza magnetica (con o senza agente di contrasto);
  • tomografia computerizzata (con e senza l'uso di sostanze radiografiche a contrasto);
  • radiografia di rilievo in una proiezione diretta e laterale;
  • radiografia a contrasto (irrigografia, isterosalpingografia);
  • Ultrasuoni Doppler
  • esame endoscopico (fibrogastroscopia, colonscopia, broncoscopia);
  • diagnostica dei radionuclidi (scintigrafia e tomografia ad emissione di positroni combinata con tomografia computerizzata).

Questi tipi di esami possono identificare accuratamente i tumori.

Screening per sospetto cancro presso il centro di oncologia "SM Clinic"

Tutti i necessari esami di laboratorio e strumentali per sospetto cancro possono essere superati presso il Centro di Oncologia "SM Clinic". Prendi un appuntamento con uno specialista del centro oncologico che determinerà quali test devi eseguire per determinare l'oncologia nel tuo caso. I medici qualificati diagnosticano tutti i tipi di tumore in tutte le fasi dello sviluppo, anche al più presto.

Il centro di oncologia ha un proprio laboratorio, dotato di moderne apparecchiature automatizzate, che aiuta gli specialisti a identificare le patologie del cancro prima dell'inizio dei primi sintomi pericolosi. Offre ai pazienti non solo esami del sangue generali, ma anche test genetici di alta precisione. La ricerca è conforme agli standard internazionali di qualità.

Anche nel laboratorio del centro oncologico, è possibile sottoporsi a test preventivi che determinano il rischio di sviluppare una malattia maligna. Per registrare, lasciare una richiesta sul sito o chiamare +7 (495) 777-48-49.

Diagnosi del cancro: perché i marker tumorali "non funzionano"

Un esame del sangue per i marcatori tumorali è uno degli studi più popolari che le persone si prescrivono "per ogni evenienza". Perché questo non può essere fatto e quali metodi diagnostici effettivamente aiutano a rilevare il cancro in una fase precoce, afferma l'oncologo EMC, MD Helena Petrovna Gens.

Gelena Petrovna, è possibile diagnosticare il cancro in una fase precoce con l'aiuto di marcatori tumorali?

In effetti, molti pazienti credono fermamente che le cellule tumorali secernano determinate sostanze che circolano nel sangue dall'inizio della neoplasia, ed è sufficiente effettuare periodicamente un esame del sangue per i marker tumorali per assicurarsi che non ci siano tumori.

Ci sono molti materiali su Internet su questo argomento, che, sfortunatamente, contengono accuse completamente false secondo cui controllando il sangue per i marcatori tumorali, è possibile rilevare la malattia in una fase precoce.

In effetti, l'uso di marcatori tumorali per il rilevamento affidabile del cancro non ha dimostrato di essere efficace in nessuno studio; di conseguenza, non possono essere raccomandati per la diagnosi iniziale del cancro.

Non sempre i valori dei marker tumorali sono correlati alla malattia. Ad esempio, citerò un caso dalla mia pratica: recentemente ho avuto un trattamento per il paziente: una giovane donna a cui è stato diagnosticato un carcinoma mammario metastatico, mentre i valori del marker tumorale CA 15.3 sono rimasti all'interno del range normale.

Quali cause diverse dal cancro possono causare un aumento dei marker tumorali?

In diagnostica, ci sono due criteri in base ai quali valutiamo qualsiasi studio: questa è sensibilità e specificità. I marker possono essere molto sensibili, ma poco specifici. Ciò suggerisce che il loro aumento può dipendere da una serie di ragioni che sono completamente estranee al cancro. Ad esempio, il marcatore del cancro ovarico CA 125 può essere aumentato non solo con tumori o malattie infiammatorie delle ovaie, ma, ad esempio, con funzionalità epatica compromessa, malattie infiammatorie della cervice e dell'utero stesso. Spesso con funzionalità epatica compromessa, aumenta un antigene embrionale-cancro (CEA). Pertanto, i valori dei marker tumorali dipendono da una serie di processi, compresi quelli infiammatori, che possono verificarsi nel corpo..

Inoltre, accade che un leggero aumento dell'oncomarker serva da inizio per l'avvio di una serie di procedure diagnostiche fino a uno studio così innocuo come la tomografia ad emissione di positroni (PET / CT) e, come risulta in seguito, queste procedure erano completamente inutili per questo paziente.

A cosa servono i marker tumorali??

Gli oncomarker vengono utilizzati principalmente per monitorare il decorso della malattia e valutare l'efficacia della terapia farmacologica delle malattie tumorali. Nel caso in cui, al momento di stabilire la diagnosi, il paziente abbia mostrato un aumento del marker tumorale, in seguito possiamo monitorare come sta andando il trattamento. Spesso dopo un intervento chirurgico o un trattamento chemioterapico, vediamo come il livello del marker da diverse migliaia di unità "collassa" letteralmente ai valori normali. Il suo aumento della dinamica può indicare che si è verificata una ricaduta del tumore o che il rimanente, come affermano i medici, ha mostrato resistenza al trattamento. Insieme ai risultati di altri studi, questo può servire come segnale per i medici di pensare a un cambiamento nelle tattiche di trattamento e ad un ulteriore esame completo del paziente.

Ci sono studi che aiutano davvero a individuare il cancro in una fase precoce??

Esistono studi per rilevare alcuni tipi di tumore che hanno dimostrato la loro affidabilità ed efficacia in ampi studi epidemiologici e sono raccomandati per l'uso in modalità di screening..

Ad esempio, la United States Preventive Service Task Force (USPSTF), sulla base di recenti studi clinici, raccomanda la tomografia computerizzata a basso dosaggio per lo screening del cancro del polmone. La TC a basso dosaggio è raccomandata per le persone di età compresa tra 55 e 80 anni e che allo stesso tempo hanno una storia di fumo di 30 anni o hanno smesso di fumare non più di 15 anni fa. Oggi è il metodo più accurato per la diagnosi precoce del carcinoma polmonare, la cui efficacia è confermata in termini di medicina basata sull'evidenza..

Né l'esame radiografico, e in particolare la fluorografia toracica, utilizzati in precedenza, non possono sostituire la TC a basse dosi, poiché la loro risoluzione consente di rilevare solo grandi formazioni focali che indicano le fasi avanzate del processo oncologico.

Allo stesso tempo, le opinioni su alcuni tipi di screening, che sono state ampiamente utilizzate per diversi decenni, sono state riviste oggi. Ad esempio, i medici raccomandavano agli uomini di fare un esame del sangue per il PSA per lo screening del carcinoma della prostata. Ma studi recenti hanno dimostrato che i livelli di PSA non forniscono sempre una base affidabile per l'avvio di misure diagnostiche. Pertanto, ora si consiglia di assumere il PSA solo dopo aver consultato un urologo.

Per lo screening del carcinoma mammario, le raccomandazioni rimangono le stesse: per le donne che non sono a rischio di carcinoma mammario, una mammografia obbligatoria dopo 50 anni ogni due anni. Con una maggiore densità del tessuto mammario (presente in circa il 40% delle donne), è necessario condurre un'ecografia delle ghiandole mammarie oltre alla mammografia.

Un altro tumore molto comune che può essere rilevato dallo screening è il cancro intestinale..

Per rilevare il cancro intestinale, si raccomanda una colonscopia, che è sufficiente da fare ogni cinque anni, a partire dai 50 anni, se non ci sono lamentele e l'eredità gravata da questa malattia. Su richiesta del paziente, l'esame può essere eseguito in anestesia e non provocare alcun disagio, mentre è il metodo più accurato ed efficace per la diagnosi del carcinoma del colon-retto.

Oggi esistono metodi alternativi: la colonscopia TC, o "colonscopia virtuale", consente di condurre uno studio del colon senza l'introduzione di un endoscopio - su un tomografo computerizzato. Il metodo ha un'alta sensibilità: 90% per la diagnosi di polipi superiori a 1 cm con una durata dello studio di circa 10 minuti. Può essere raccomandato a coloro che sono stati precedentemente sottoposti a colonscopia di screening tradizionale, che non ha rivelato alcuna deviazione..

Cosa dovresti prestare attenzione ai giovani?

Uno screening che inizia in tenera età è uno screening per il cancro cervicale. Una macchia su oncocitologia (PAP test), secondo le raccomandazioni americane, deve essere presa dall'età di 21 anni. Inoltre, è necessario eseguire un test per il papillomavirus umano (HPV), poiché il trasporto a lungo termine di alcuni tipi oncogenici di HPV è associato ad un alto rischio di cancro cervicale. Un modo affidabile per proteggere dal cancro cervicale è quello di vaccinare ragazze e giovani donne contro l'HPV.

Sfortunatamente, l'incidenza di cancro della pelle e melanoma è recentemente aumentata. Pertanto, è consigliabile mostrare le cosiddette "talpe" e altre lesioni cutanee pigmentate a un dermatologo una volta all'anno, soprattutto se sei a rischio: hai una pelle chiara, ci sono stati casi di cancro della pelle o melanoma in famiglia, ci sono stati casi di scottature solari o sei un dilettante visitare i centri di abbronzatura, che, tra l'altro, sono vietati in alcuni paesi per visitare fino all'età di 18 anni. È stato dimostrato che due o più episodi di scottature solari della pelle aumentano il rischio di cancro della pelle e melanoma..

È possibile seguire da soli le "talpe"?

Atteggiamento scettico nei confronti degli autoesami tra gli specialisti. Ad esempio, l'autoesame delle ghiandole mammarie, che è stato così promosso in precedenza, non ha dimostrato la sua efficacia. Ora questo è considerato dannoso, perché culla la vigilanza e non consente una diagnosi tempestiva. Inoltre, ispezione della pelle. Meglio se lo conduce un dermatologo.

Il cancro può essere ereditato??

Fortunatamente, la maggior parte dei tumori non viene ereditata. Di tutti i tipi di cancro, solo il 15% circa è ereditario. Un esempio lampante di cancro ereditario è il trasporto di mutazioni negli anti-oncogeni BRCA 1 e BRCA 2, che è associato ad un aumentato rischio di carcinoma mammario e, in misura minore, con carcinoma ovarico. Tutti conoscono la storia di Angelina Jolie, la cui madre e nonna sono morte di cancro al seno. Tali donne devono essere regolarmente monitorate e sottoposte a screening per il seno e l'ovaio per prevenire lo sviluppo del cancro ereditario..

Il restante 85% dei tumori sono tumori che si presentano spontaneamente, non dipendenti da alcuna predisposizione ereditaria.

Tuttavia, se diversi parenti di sangue nella famiglia soffrivano di cancro, diciamo che i loro figli potrebbero avere una ridotta capacità di metabolizzare gli agenti cancerogeni, nonché di riparare il DNA, cioè di "riparare" il DNA, in termini semplici.

Quali sono i principali fattori di rischio per il cancro??

I principali fattori di rischio comprendono il lavoro nelle industrie pericolose, il fumo, il consumo frequente (più di tre volte a settimana) e il consumo di alcol a lungo termine, il consumo giornaliero di carne rossa, il consumo costante di cibo sottoposto a trattamento termico, è stato congelato e venduto pronto da mangiare. Tali alimenti sono poveri di fibre, vitamine e altre sostanze essenziali, che possono portare ad un aumentato rischio di, ad esempio, il cancro al seno. Il fumo è uno dei fattori di rischio più comuni e formidabili: porta non solo al cancro del polmone, ma anche al cancro dell'esofago, allo stomaco, alla vescica, ai tumori della testa e del collo: cancro della laringe, cancro della mucosa della guancia, cancro della lingua, ecc..

Per il cancro della pelle e il melanoma, come abbiamo già accennato, un fattore di rischio è l'esposizione al sole prima delle scottature..

L'uso a lungo termine di farmaci ormonali, come la terapia ormonale sostitutiva, per più di 5 anni e non sotto la supervisione di medici, può portare ad un aumento del rischio di carcinoma mammario e uterino nelle donne, pertanto l'uso di tali farmaci dovrebbe essere effettuato sotto la stretta supervisione di un mammologo e ginecologo.

Come accennato in precedenza, i virus possono anche essere un fattore di rischio, compresi i tipi oncogenici del virus HPV, che portano al cancro genitale e al cancro orale. Alcuni virus non cancerogeni possono anche essere fattori di rischio. Ad esempio, i virus dell'epatite B e C: non causano direttamente il cancro al fegato, ma portano a una malattia infiammatoria cronica del fegato - l'epatite e dopo 15 anni un paziente con epatite cronica B e C può sviluppare un cancro epatocellulare.

Quando consultare un medico?

Se ci sono fattori di rischio o se una persona si sente ansiosa, è meglio consultare un oncologo. Ciò che sicuramente non dovrebbe essere fatto è prescrivere gli esami per te stesso. Puoi ottenere molti risultati falsi positivi e falsi negativi che complicheranno la tua vita e possono portare a stress, procedure diagnostiche e interventi inutili. Naturalmente, se compaiono improvvisamente sintomi allarmanti, è necessario consultare un oncologo, indipendentemente dai rischi.

Alla consultazione facciamo molte domande, siamo interessati a tutto: stile di vita, esperienza di fumo, consumo di alcol, frequenza dello stress, abitudini alimentari, appetito, indice di massa corporea, ereditarietà, condizioni di lavoro, come il paziente dorme di notte, ecc. Se questa è una donna, è importante stato ormonale, storia riproduttiva: quanti anni aveva il primo figlio, quante nascite, se la donna stava allattando, ecc. Può sembrare al paziente che queste domande non siano correlate al suo problema, ma per noi sono importanti, ti permettono di creare un ritratto individuale di una persona, valutare i rischi di sviluppare alcune malattie del cancro e prescrivere esattamente il set di esami di cui ha bisogno.