Oncomarker: cos'è, quanto possono essere affidabili, i tipi, come eseguire correttamente i test

Sarcoma

La diagnosi precoce del cancro consente di eseguire con successo radiazioni e chemioterapia di tumori maligni e prevederne le possibili ricadute. Il metodo principale è un'analisi completa dei marcatori tumorali - uno studio del sangue e di altri fluidi biologici, che rivela sostanze speciali in essi, che, di regola, sono assenti in una persona sana. I risultati positivi ottenuti richiedono un'ulteriore conferma mediante un esame strumentale e di laboratorio completo..

Oncomarker: cosa si può fidare di loro?

In risposta all'insorgenza e allo sviluppo di un tumore maligno, il corpo inizia a produrre vari composti proteici ed enzimatici, ormoni e anticorpi. La stessa neoplasia rilascia anche decomposizione e prodotti vitali nel sangue. Sono queste sostanze, che normalmente non dovrebbero essere, e sono chiamate marker tumorali.

Cosa sono i marker tumorali? Questo è diventato noto nel secolo scorso. Il primo composto rilevato di questo tipo fu l'alfa-fetoproteina, scoperta da scienziati sovietici. Essendo una proteina placentare, determinata nel sangue delle donne in gravidanza, è stata trovata in un tumore canceroso del fegato. Ad oggi, sono stati scoperti più di 200 marcatori tumorali, di cui due dozzine utilizzati nella pratica clinica..

Il significato degli esami del sangue per i marker tumorali è il seguente:

  • Diagnosi di neoplasie maligne prima dell'inizio dei primi sintomi clinici (cioè a 1 o 2 fasi del processo del cancro).
  • Monitoraggio dei risultati di chemioterapia, radioterapia o trattamento chirurgico: una diminuzione del livello dei marker tumorali indica l'efficacia della terapia. Tuttavia, è anche possibile il contrario quando, a causa della decadenza del tumore, aumenta il numero di marker.
  • Previsione della recidiva postoperatoria della malattia. Test regolari consentono di monitorare la ricrescita delle cellule tumorali sei mesi prima dell'inizio dei sintomi gravi e di adottare le misure appropriate..

Quindi, i marcatori tumorali parlano sempre di cancro?

Quanto è affidabile l'esame del sangue per i marker tumorali ed è un risultato positivo sempre indicativo di un processo trascurato di degenerazione maligna delle cellule?

Questo studio non dà fiducia al cento per cento nella diagnosi, quindi la fase successiva della diagnosi è un esame completo completo. Solo dopo può essere confermato o smentito un tumore.

In primo luogo, un esame del sangue per i marcatori tumorali (per il cancro) rivela antigeni con vari gradi di sensibilità. Ciò non sempre ci consente di registrare un aumento del loro numero e, con un risultato negativo dell'analisi, la malattia continua a svilupparsi. In secondo luogo, qualsiasi processo patologico nei tessuti e negli organi (infiammazione, malattie somatiche e altri) può causare un aumento del livello dei marker tumorali, ma non esiste un cancro stesso. In terzo luogo, anche la preparazione impropria per l'analisi, l'assunzione di farmaci e alcune cattive abitudini possono distorcere il risultato.

Al fine di aumentare l'affidabilità per la diagnosi, i liquidi biologici vengono esaminati contemporaneamente per diversi marker tumorali e il paziente viene informato delle regole della donazione di sangue. Quindi puoi fidarti dei risultati, ma la diagnosi finale viene fatta solo dopo un esame completo.

Tipi di marcatori tumorali e metodi per la loro misurazione

Utilizzando vari metodi di laboratorio nel sangue, nelle urine e in altri fluidi corporei, vengono rilevati composti che non sono presenti (o sono disponibili in quantità molto piccole) in persone sane. Sono proteine, complessi di proteine ​​e carboidrati (glicoproteine), enzimi, lipidi, ormoni.

La quantità di antigeni è determinata nei seguenti modi:

  • Analisi immunoenzimatiche, abbreviato ELISA. Basato sul legame degli antigeni con gli anticorpi e sullo studio di questi composti.
  • Analisi radioimmune o RIA. La ricerca di antigeni viene effettuata legandoli a sostanze simili appositamente etichettate. Come etichette utilizzate radionuclidi.

L'elenco dei marcatori tumorali che suggeriscono la presenza di un tumore canceroso comprende circa due dozzine di sostanze. I principali sono elencati di seguito, con valori di riferimento (ovvero entro l'intervallo normale). Alcuni di essi sono specifici: consentono di determinare con precisione la localizzazione del focus della malattia, mentre altri indicano solo che la malattia è.

Alpha fetoprotein

AFP - il primo rilevato dai marcatori tumorali del sangue, la glicoproteina, viene utilizzato per rilevare formazioni nel fegato, nelle ovaie, nei testicoli. Normalmente presente nel tratto gastrointestinale e nel plasma sanguigno solo nella fase di sviluppo fetale, viene utilizzato per schermare lo sviluppo del feto. La norma e l'interpretazione dei risultati di AFP oncomarker per l'alfa-fetoproteina dipendono dall'età: in un bambino dopo la nascita viene rilevato fino a 100.000 UI / ml, nel primo giorno di vita diminuisce a 100. In un adulto, l'indicatore non deve essere superiore a 7 o 8 UI / ml.

Gonadotropina corionica umana

Se si sospetta un testicolo o un tumore dell'ovaio, viene eseguita un'analisi di un aumento del livello di hCG oncomarker (gonadotropina corionica umana). Il valore di riferimento per un uomo è fino a 2 PEZZI / ml, per una donna in età fertile - fino a 1 PEZZI / ml, dopo la menopausa - inferiore a 7. L'aumento diventa normale durante la gravidanza, consentendo di giudicare sulla sua presenza e sviluppo del feto.

Microglobulina beta-2

Un test oncomarkerb-2-mg positivo (beta-2-microglobulina) si trova tipicamente nel cancro della pelle, nel retto, nel linfoma a cellule B, nella malattia di Hodgkin e nei linfomi non-Hodgkin. Il livello del marcatore aumenta anche con un tumore maligno della ghiandola mammaria. I valori normali vanno da 0,8 a 2,2 mg / l.

Antigene del carcinoma a cellule squamose

SCC è un marker tumorale di carcinoma a cellule squamose che colpisce le cellule squamose. In connessione con questi tumori sono localizzati dove c'è questo tessuto epiteliale: esofago, cavità orale, polmoni, cervice, ano. La norma di questo tipo di marker tumorali nel sangue è un massimo di 1,5 ng / ml.

Antigene specifico della prostata

Il PSA è una glicoproteina secreta dalla ghiandola prostatica, un aumento della concentrazione superiore ai valori massimi consentiti indica un adenoma o un tumore alla prostata. A seconda dell'età dell'uomo, la norma del contenuto totale di antigene è determinata da 2 a 4 ng / ml. Inoltre, viene determinato come sono correlate la percentuale di totale e SPSA (antigene prostatico libero). La presenza di cancro è evidenziata da una diminuzione della forma non legata dell'antigene..

Antigene cancro-embrionale

In breve, CEA è una glicoproteina non specifica, il cui aumento informa che il tumore può colpire lo stomaco, l'intestino, i polmoni, il pancreas o qualsiasi altro organo. Di grande importanza è la diagnosi e il monitoraggio del trattamento del cancro del colon-retto. La concentrazione massima consentita nel sangue è 5,5 ng / ml.

Enolasi specifica del neurone

L'NSE (o NSE) è sintetizzato dalle cellule neuroendocrine, rispettivamente, un aumento del suo numero è più spesso osservato nelle malattie tumorali del sistema nervoso. Valori superiori a 16,3 ng / ml indicano anche neuroblastoma, carcinoma polmonare, pancreas, ghiandola tiroidea, retinoblastoma, feocromocitoma, ecc..

Cyfra CA 21-1

Il secondo nome è un frammento di citocheratina 19, la norma per un adulto non deve superare 3,3 ng / ml. Valori più alti indicano carcinoma a cellule squamose di polmoni, bronchi e vescica. Nel processo di trattamento, ti consente di monitorare le dinamiche del recupero, non è informativo per la diagnosi del cancro nei fumatori o nelle persone con tubercolosi.

Proteina S-100

Una proteina specifica in grado di rilevare melanoma e tumori cerebrali. Se un esame del sangue per i marker tumorali ha mostrato un risultato superiore a 0,105 μg / L massimo consentito, si può ipotizzare un cancro della pelle o un danno alle strutture cerebrali. Nel caso del melanoma, viene anche utilizzato per monitorare l'efficacia della terapia, per prevedere la ricaduta.

Oncomarker HE4

Un antigene altamente specifico grazie al quale viene rilevato un tumore dell'endometrio o delle ovaie nelle primissime fasi di sviluppo. Inoltre, HE4 non è prodotto in neoplasie benigne, endometriosi, che suggerisce il cancro in caso di test positivo. Il valore massimo per le donne sotto i 40 anni è di 60,5 pmol / l, la norma aumenta con l'età.

CA 72-4

Un marcatore specifico dello stomaco può anche indicare un aumento della malignità nell'intestino, nelle ghiandole mammarie, nei polmoni, nelle ovaie, nel pancreas. La concentrazione di glicoproteina nel sangue non è superiore a 6,9 PEZZI / ml..

CA 50

Questo marker tumorale è specifico per il pancreas. Ti consente di diagnosticare le prime fasi di questa forma di cancro, di monitorare i risultati del trattamento, di identificare le ricadute. I valori massimi di 25 U / ml possono anche aumentare con tumori di stomaco, intestino, prostata, fegato, polmoni, ovaie.

CA 242

CA 242 è considerato un marcatore del cancro gastrointestinale, poiché sono le malattie oncologiche del tratto digestivo che attivano la produzione di questa glicoproteina. Il tumore è localizzato nel pancreas, nello stomaco o nell'intestino, se il contenuto di CA 242 nel sangue è superiore a 29 unità / ml.

CA 19-9

Un altro antigene specifico del cancro del pancreas e della cistifellea (normale fino a 30 PEZZI / ml). Se si sospetta questa malattia, viene utilizzata in combinazione con CA-50, poiché in un quinto dei pazienti non viene determinata in modo indipendente. In altre combinazioni, rivela tumori del colon, fegato, stomaco, utero.

CA 15-3

L'antigene specifico CA 15-3 è un marker tumorale al seno (glicoproteina simile alla mucina). L'affidabilità al cento per cento nella diagnosi del carcinoma mammario non è garantita, tuttavia è stata utilizzata con successo per monitorare l'efficacia della terapia e delle ricadute. Il livello normale non supera i 25 PEZZI / ml, altrimenti si possono anche assumere neoplasie nel tratto gastrointestinale, nell'utero, nei bronchi.

CA 125

Questa glicoproteina è considerata un marker di carcinoma ovarico, ma a causa della scarsa specificità (presente nella sconfitta di molti altri organi), non viene praticamente utilizzata per la diagnosi. Ha un valore per il monitoraggio dei risultati del trattamento e la prognosi da ricaduta. Normale ha un valore fino a 25 U / ml.

Tu M2-RK

Il tumore piruvato chinasi di tipo m2 non è specifico; pertanto, un aumento dei suoi valori superiori a 15 U / ml indica solo la presenza di un tumore maligno senza specificare la localizzazione. È usato in studi complessi per confermare il cancro ai reni, al seno, all'intestino.

Fosfatasi acida prostatica

In breve, PAP: questo enzima è prodotto da cellule di diversi organi, ma la sua maggiore quantità è caratteristica della ghiandola prostatica. Non informativo per la diagnosi precoce del carcinoma prostatico a causa della bassa sensibilità (consente di trovare un tumore solo nel 40% dei casi). Viene utilizzato con successo per prevenire le ricadute e monitorare l'efficacia del trattamento.

Antigene polipeptidico tissutale

Il TPA (o TPS) è prodotto da cellule tumorali di qualsiasi localizzazione, ma è più specifico per organo in relazione a prostata, stomaco, ovaie e intestino. Il valore massimo consentito per un esame del sangue è 75 PEZZI / L. L'analisi completa per i marcatori tumorali con TPA può rilevare il carcinoma della mammella, dei polmoni e della vescica.

In un esame del sangue, l'identificazione di un singolo marker tumorale non consente di determinare in modo più o meno affidabile il tipo di neoplasia. Pertanto, viene utilizzata una combinazione di diversi antigeni. Inoltre, il marker tumorale principale o generale ha la maggiore specificità e sensibilità dell'organo. Altri sono necessari solo per confermare gli indicatori e non hanno un valore diagnostico indipendente per questo tumore.

Tabella di localizzazione del tumore

Dove si trova esattamente il tumore e quali combinazioni di antigeni vengono rilevate, dirà la tabella con l'interpretazione dei marcatori tumorali a seconda della localizzazione:

Posizione del tumorePrincipali marcatori tumoraliaddizionale
Cervello, sistema nervosoProteina HCE S-100
TiroideCEA, tireoglobulina, proteoglicano MUC1, calcitoninaNSE
Orecchio, rinofaringe, esofagoCEA, SCC
polmoniNSE, CEA, SCC, Cyfra CA21-1β2MG, AFP, CA72-4, CA15-3, TPA
SenoCA15-3, TPA, REA, CA 50Tu M2-RK, HE4, beta-2 microglobulina, CA19-9, CA125, hCG, AFP
StomacoCEA, CA19-9, CA50, CA72–4CA125
intestinoCA19-9, CEA, CA72-4Tu M2-RK, CA242
PancreasREA, CA50, CA19-9HCG, CA125, NSE
FegatoAFP, CEA, CA125, CA50, CA19-9
Vescica urinariaREA, TPA, Cyfra CA21-1microglobulina beta-2
ProstataPSA, PAP, CA50CA 15-3
TesticoloAFP, hCG
UteroSCC, TPA, CA15-3, CA50, HE4HCG, CA125, CA19-9
ovaiaCA72-4, CA125, hCG, AFPCA15-3, CA19-9, REA, HE4
SangueNSE, beta-2 microglobulina
PelleProteina S-100, beta-2-microglobulina

Quanto dura l'analisi dei marker tumorali

L'attesa dei risultati di un test di laboratorio di solito non richiede molto tempo. Ad esempio, l'antigene embrionale canceroso e la glicoproteina vengono rilevati durante il giorno, la CA 72-4 viene rilevata in un periodo da 3 a 7 giorni. È necessaria almeno una settimana per determinare la piruvato chinasi Tu M2-PK nelle feci.

In generale, i risultati di analisi complesse sono pronti in tre giorni, a un costo aggiuntivo è possibile eseguire un test espresso.

Come eseguire i test per i marker tumorali

Per aumentare il grado di affidabilità del risultato, è necessario prepararsi in anticipo. Per curare tutte le infiammazioni, rinuncia all'alcool tre giorni prima della data stabilita, alla vigilia di non assumere alcun farmaco (anche complessi vitaminici). La donazione di sangue ai marker tumorali viene effettuata al mattino, rigorosamente a stomaco vuoto. Cioè, non puoi fare colazione in questo giorno, proprio come il fumo (il fumo distorce gli indicatori CEA). L'urina viene somministrata in un contenitore sterile, è necessaria una porzione media dopo le procedure igieniche. Feci prese in quantità circa un cucchiaio.

Se i marcatori tumorali sono troppo cari, significa che il cancro

Il panico alla vista di valori di antigene aumentati non è necessario. Gli oncomarker compaiono nel sangue non solo nel cancro, ma anche nel caso di varie malattie somatiche, processi infettivi e infiammatori. La diagnosi finale basata sull'analisi dei marker tumorali non viene messa e necessita di conferma.

Se un esame del sangue generale per i marcatori tumorali mostra valori normali, ma lo stato di salute è peggiorato, c'è la possibilità che semplicemente non sia possibile rilevare un tumore. In ogni caso, con i risultati devi andare dal tuo medico e porre tutte le tue domande. Sarà in grado di determinare i fattori che hanno influenzato gli indicatori e fornirà un rinvio per un esame completo in caso di sospetto cancro.

A chi e quando è necessario identificare i marker tumorali?

Poiché è la diagnosi precoce che determina in gran parte il successo del trattamento, è necessario essere esaminati regolarmente (una volta all'anno) dopo i 40 anni, e anche prima se ci sono parenti con cancro (il rischio di aumento della tendenza ereditaria). CEA e AFP sono di solito indicati per determinare la presenza di un processo tumorale e, nel caso di un risultato positivo, viene condotto uno studio su marcatori specifici. È inoltre richiesto un esame del sangue per i marker tumorali se:

  • la salute è costantemente peggiorata, si avvertono debolezza, affaticamento;
  • mantiene una temperatura bassa, ma stabile nell'intervallo 37,5-38 ° C;
  • si osservano disfunzioni di qualsiasi organo (cattiva digestione, mal di testa, sanguinamento uterino, ecc.).

Inoltre, è necessario uno screening regolare durante e dopo il trattamento del cancro. Un esame del sangue per i marcatori tumorali viene eseguito mensilmente per il primo anno dopo il recupero. Nel secondo anno, questo dovrebbe essere fatto ogni 2 mesi, nel terzo - quattro volte l'anno. In futuro, un esame annuale è sufficiente per rintracciare le ricadute..

Marcatori tumorali: cos'è, quanti ce ne sono e cosa mostrano? A chi e quando dovrei fare un esame del sangue per i marker tumorali? Quanto puoi fidarti dei risultati dell'analisi? Come determinare con precisione la presenza di cellule tumorali?

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Gli oncomarker sono un gruppo di sostanze chimiche organiche che si formano nel corpo umano, il cui contenuto aumenta con la crescita e la metastasi dei tumori maligni, con la progressione delle neoplasie benigne, nonché con alcune malattie infiammatorie. Poiché si verifica un aumento della concentrazione di marcatori tumorali nel sangue con la crescita di tumori maligni e benigni, la determinazione delle concentrazioni di queste sostanze viene effettuata al fine di diagnosticare le neoplasie e monitorare l'efficacia della terapia antitumorale (chemioterapia, radioterapia, ecc.). Pertanto, i marcatori tumorali sono sostanze che, aumentando la loro concentrazione, possono rilevare tumori maligni nelle prime fasi..

Definizione, breve descrizione e proprietà

Gli oncomarker sono il nome di un intero gruppo di biomolecole che hanno natura e origine diverse, ma sono uniti da una proprietà comune: la loro concentrazione nel sangue aumenta con lo sviluppo di tumori maligni o benigni nel corpo umano. In questo senso, i marcatori tumorali sono un insieme di indicatori con specificità tumorale. Cioè, i marcatori tumorali sono indicatori di laboratorio della crescita tumorale in vari organi e tessuti del corpo umano.

Oltre ai marker tumorali, nella diagnostica di laboratorio ci sono anche marker di malattie di vari organi, ad esempio marker di epatite (attività di AcAT, AlAT, fosfatasi alcalina, livello di bilirubina, ecc.), Pancreatite (attività di alfa-amilasi nel sangue e nelle urine), ecc. In linea di principio, tutti gli indicatori dei test di laboratorio sono marcatori di qualsiasi malattia o condizione. Inoltre, per assegnare una sostanza a un marker di una malattia, è necessario che la sua concentrazione cambi con una certa patologia. Ad esempio, per assegnare indicatori ai marker di malattie epatiche, è necessario che la concentrazione di sostanze diminuisca o aumenti precisamente con patologia epatica.

Lo stesso vale per i marker tumorali. Cioè, al fine di classificare una sostanza o un'altra come marcatori tumorali, la sua concentrazione dovrebbe aumentare con lo sviluppo di neoplasie in qualsiasi organo e tessuto del corpo umano. Pertanto, si può dire che i marcatori tumorali sono sostanze il cui livello nel sangue consente il rilevamento di tumori maligni di diversa localizzazione.

Lo scopo di determinare la concentrazione dei marker tumorali è esattamente lo stesso dei marker di altre malattie, vale a dire l'identificazione e la conferma della patologia.

Attualmente sono noti più di 200 marcatori tumorali, ma nella diagnostica di laboratorio clinica vengono determinati solo 15-20 indicatori, poiché hanno un valore diagnostico. I marcatori tumorali rimanenti non hanno valore diagnostico - non sono abbastanza specifici, cioè la loro concentrazione cambia non solo in presenza di un focus tumorale nel corpo, ma anche in molte altre condizioni o malattie. A causa di una tale scarsa specificità, molte sostanze non sono adatte al ruolo dei marker tumorali, poiché un aumento o una diminuzione della loro concentrazione indicherà una qualsiasi delle 15-20 malattie, una delle quali può essere una neoplasia maligna.

A seconda dell'origine e della struttura, i marker tumorali possono essere antigeni delle cellule tumorali, anticorpi contro le cellule tumorali, proteine ​​plasmatiche, prodotti di decomposizione del tumore, enzimi o sostanze formate durante il metabolismo nella neoplasia. Tuttavia, indipendentemente dall'origine e dalla struttura, tutti i marcatori tumorali sono uniti da una proprietà: la loro concentrazione aumenta in presenza di una crescita tumorale focale nel corpo.

Gli oncomarker possono differire dalle sostanze prodotte da normali cellule (non tumorali) di organi e sistemi, qualitativamente o quantitativamente. Marcatori tumorali qualitativamente diversi sono chiamati specifici al tumore, poiché sono prodotti da un tumore e sono composti che sono normalmente assenti nel corpo umano a causa del fatto che le cellule normali non li producono (ad esempio, PSA, ecc.). Pertanto, la comparsa di marcatori tumorali specifici del tumore nel sangue umano, anche in quantità minima, è un segnale allarmante, poiché le cellule normali normalmente non producono tali sostanze.

Marcatori tumorali quantitativamente diversi (ad esempio alfa-fetoproteina, gonadotropina corionica, ecc.) Sono associati solo ai tumori, poiché queste sostanze si trovano normalmente nel sangue, ma a un certo livello di base e in presenza di neoplasie, la loro concentrazione aumenta bruscamente.

Oltre alle differenze nella struttura e nell'origine (che hanno poco valore pratico), i marcatori tumorali differiscono anche nella specificità. Cioè, vari marcatori tumorali indicano lo sviluppo di diversi tipi di tumori di una o un'altra localizzazione. Ad esempio, il marker tumorale PSA indica lo sviluppo del carcinoma prostatico, CA 15-3 - carcinoma mammario, ecc. Ciò significa che la specificità dei marcatori tumorali a determinati tipi e localizzazioni di neoplasie ha un significato pratico molto importante, poiché consente ai medici di determinare approssimativamente sia il tipo di tumore sia l'organo interessato.

Sfortunatamente, al momento non esiste un singolo marker tumorale con una specificità del 100% per l'organo, il che significa che lo stesso indicatore può indicare la presenza di un tumore in diversi organi o tessuti. Ad esempio, un aumento del livello del marker tumorale CA-125 può essere osservato nel cancro delle ovaie, delle ghiandole mammarie o dei bronchi. Di conseguenza, questo indicatore può essere aumentato nel cancro di uno di questi organi. Tuttavia, tra i marcatori tumorali esiste una certa specificità di organo, che consente almeno di delineare un cerchio di organi eventualmente colpiti da un tumore e di non cercare una neoplasia in tutti i tessuti del corpo. Di conseguenza, dopo aver identificato un livello elevato di qualsiasi marker tumorale, per affinare la localizzazione del tumore, dovrebbero essere utilizzati altri metodi per valutare la condizione di organi "sospetti".

La determinazione del livello dei marker tumorali nella moderna pratica medica viene utilizzata per risolvere i seguenti problemi diagnostici:

  • Monitoraggio dell'efficacia del trattamento del tumore. Ciò significa che, prima di tutto, la concentrazione dei marcatori tumorali consente di valutare l'efficacia del trattamento dei tumori. E se il trattamento è inefficace, il regime di trattamento può essere sostituito in tempo con un altro.
  • Tracciamento di recidiva e metastasi di un tumore precedentemente trattato. Dopo il trattamento, la determinazione periodica dei marker tumorali consente di tenere traccia delle recidive o delle metastasi. Cioè, se dopo il trattamento il livello dei marker tumorali inizia ad aumentare, quindi la persona ha una ricaduta, il tumore inizia a ricrescere e durante l'ultimo ciclo di terapia non è possibile distruggere tutte le cellule tumorali. In questo caso, la determinazione dei marcatori tumorali consente di iniziare il trattamento in una fase precoce, senza attendere che il tumore cresca di nuovo a grandi dimensioni, in cui può essere rilevato con altri metodi diagnostici..
  • La soluzione della domanda sulla necessità dell'uso della radioterapia, chemioterapia ormonale del tumore. Il livello dei marker tumorali ci consente di valutare il grado di danno d'organo, l'aggressività della crescita tumorale e l'efficacia del trattamento. Sulla base di questi dati, l'oncologo prescriverà il regime di trattamento ottimale, che molto probabilmente porterà a una cura del tumore. Ad esempio, se il livello dei marcatori è troppo alto, sebbene il tumore sia piccolo, in una situazione del genere si verifica una crescita molto aggressiva, in cui vi è un'alta probabilità di metastasi. Di solito, in tali casi, per aumentare la probabilità di una cura completa prima dell'intervento, vengono eseguiti corsi di radioterapia o chemioterapia al fine di ridurre il rischio che le cellule tumorali si diffondano con il sangue durante la rimozione chirurgica del tumore. Inoltre, dopo la rimozione di un piccolo tumore in una fase precoce, viene determinato il livello dei marker tumorali per capire se sono necessarie radio o chemioterapia aggiuntive. Se il livello dei marker è basso, la radio o la chemioterapia non sono necessarie, poiché le cellule tumorali vengono completamente rimosse. Se il livello dei marker è alto, allora è necessaria la radio o la chemioterapia, perché nonostante le piccole dimensioni del tumore, ci sono già metastasi che dovrebbero essere distrutte.
  • Previsioni per la salute e la vita. Determinare il livello dei marker tumorali ci consente di valutare la completezza della remissione, nonché il tasso di progressione del tumore e sulla base di questi dati per prevedere la probabile aspettativa di vita di una persona.
  • Diagnosi precoce di neoplasie maligne (solo in combinazione con altri metodi di esame).

Oggi, la determinazione del livello dei marker tumorali per la diagnosi precoce dei tumori di varia localizzazione sta diventando sempre più importante. Tuttavia, va ricordato che una determinazione isolata del livello dei marker tumorali non consente di diagnosticare i tumori con un'accuratezza del 100%, pertanto questi test di laboratorio devono sempre essere combinati con altri metodi di esame, come radiografie, tomografia, ultrasuoni, ecc..

Cosa mostrano gli oncomarker?

Vari marcatori tumorali riflettono il focus della crescita tumorale in diversi organi e tessuti del corpo umano. Ciò significa che la comparsa di marcatori tumorali in determinate concentrazioni superiori alla norma indica la presenza di un tumore o delle sue metastasi nel corpo. E poiché i marcatori tumorali compaiono nel sangue molto prima dello sviluppo di segni evidenti di una neoplasia maligna, la determinazione della loro concentrazione consente il rilevamento di tumori nelle prime fasi, quando la probabilità della loro cura completa è massima. Quindi, ripetiamo che i marker tumorali mostrano la presenza di un tumore in vari organi o tessuti del corpo.

Marcatori del cancro - che cos'è? Perché vengono eseguiti gli esami del sangue per i marcatori tumorali, quali tipi di cancro vengono determinati con il loro aiuto - video

A chi e quando è necessario identificare i marker tumorali?

Nonostante il fatto che i marcatori tumorali possano rilevare tumori nelle prime fasi o durante il loro decorso asintomatico, tutte le persone non hanno bisogno di essere testate per i marcatori tumorali come test di screening (cioè, di routine, in assenza di sospetto di una neoplasia). La definizione di marker tumorali come test di screening è consigliata per essere eseguita 1-2 volte l'anno solo per le persone i cui parenti stretti (genitori, sorelle, fratelli, bambini, zie, zii, ecc.) Presentavano tumori maligni di varia localizzazione.

Inoltre, una volta ogni 1-2 anni, si raccomanda che i test di screening determinino il livello di marcatori tumorali per le persone che hanno tumori benigni (ad es. Fibromi, fibromi, adenomi, ecc.) O formazioni simili al tumore (ad es. Ovarico, rene e altri corpi).

Ad altre persone, come test di screening, si raccomanda di donare sangue ai marker tumorali una volta ogni 2-3 anni, nonché dopo forti stress, avvelenamenti, essere in aree con condizioni ambientali avverse e altre circostanze che possono provocare la crescita di tumori maligni.

Vi è una domanda separata sulla necessità di assumere i committenti nelle persone in cui i tumori maligni sono già stati rilevati o trattati. Alla rilevazione iniziale di una neoplasia, i medici raccomandano di prendere marcatori tumorali prima dell'intervento chirurgico come parte di un esame per risolvere il problema della necessità e della fattibilità della radio o della chemioterapia prima della rimozione chirurgica del tumore. Alle persone che si sottopongono a radioterapia o chemioterapia dopo la rimozione chirurgica del tumore viene anche consigliato di prendere marcatori tumorali per monitorare l'efficacia della terapia. Alle persone che si sono riprese con successo da tumori maligni si consiglia di assumere marcatori tumorali per monitorare una possibile ricaduta entro 3 anni dopo il completamento della terapia secondo il seguente schema:

  • 1 volta in 1 mese durante il primo anno dopo la fine del trattamento;
  • 1 volta in 2 mesi durante il secondo anno dopo la fine del trattamento;
  • 1 volta in 3 mesi dal terzo al quinto anno dopo la fine del trattamento.
Dopo tre o cinque anni dopo il completamento del trattamento del tumore maligno, si raccomanda di eseguire i test per i marker tumorali una volta ogni 6-12 mesi per il resto della vita al fine di identificare una possibile ricaduta nel tempo ed eseguire il trattamento necessario.

Naturalmente, è necessario eseguire test per i marcatori tumorali per quelle persone che sono sospettate di avere una neoplasia maligna.

Prima di eseguire i test per i marker tumorali, si consiglia di consultare un oncologo per determinare quali marker sono necessari per questa persona in particolare. Non ha senso prendere l'intero spettro dei marker tumorali, poiché ciò comporterà solo nervosismo eccessivo e costi in contanti eccessivi. Ha senso passare diversi marcatori tumorali mirati che hanno specificità per un organo per il quale esiste un alto rischio di sviluppare un tumore maligno.

In termini generali, le indicazioni per determinare il livello dei marker tumorali nel sangue possono essere formulate come segue:

  • Per la diagnosi precoce o l'orientamento aggiuntivo nella localizzazione del tumore in combinazione con altri metodi diagnostici;
  • Per monitorare l'efficacia del trattamento del tumore;
  • Monitorare il decorso della malattia (diagnosi precoce di metastasi, recidive, resti di tumore non rimossi durante l'operazione);
  • Per prevedere il decorso della malattia.

Come affrontare i concorrenti?

Per determinare il livello dei marker tumorali, è necessario donare il sangue da una vena. La regola generalmente accettata è la necessità di donare sangue al mattino (dalle 8.00 alle 12.00) a stomaco vuoto per determinare i livelli di vari indicatori, ma ciò non è necessario per i marker tumorali. Cioè, è possibile donare sangue ai marker tumorali in qualsiasi momento della giornata, ma è auspicabile che dopo l'ultimo pasto siano trascorse dalle 2 alle 3 ore. Si consiglia alle donne di astenersi dalla donazione di sangue ai marker tumorali durante le mestruazioni, poiché i dati ottenuti durante questo periodo fisiologico possono essere inaccurati. È ottimale donare sangue ai marker tumorali da 5 a 10 giorni prima della data di inizio prevista per le mestruazioni successive.

Inoltre, per ottenere i risultati più accurati dei marker tumorali, si consiglia di sapere in anticipo in laboratorio in quale giorno verranno eseguiti i test diagnostici e donare il sangue quel giorno al mattino in modo che non sia congelato. Il fatto è che in molti laboratori i test non vengono eseguiti immediatamente, ma una volta alla settimana, al mese, ecc., Man mano che si accumulano i campioni di sangue. E fino a quando il numero necessario di campioni di sangue non si è accumulato, viene congelato e conservato in frigorifero. In linea di principio, il congelamento del plasma sanguigno di solito non distorce i risultati, e questa è una pratica perfettamente accettabile, ma è meglio condurre test su sangue fresco. Per questo, è necessario scoprire quando il personale di laboratorio metterà i campioni al lavoro e donerà il sangue in questo giorno..

Inoltre, per ottenere risultati corretti e di valore diagnostico, i test per i marker tumorali devono essere eseguiti a determinati intervalli. Attualmente, l'Organizzazione mondiale della sanità ha raccomandato i seguenti schemi di donazione di sangue per i marker tumorali per monitorare le condizioni umane:

  • Chiunque abbia un'età compresa tra 30 e 40 anni può donare sangue ai marker tumorali sullo sfondo della piena salute al fine di determinare il loro livello iniziale. Inoltre, in futuro, donare sangue ai marker tumorali in base alla frequenza raccomandata per una determinata persona (ad esempio, una volta ogni 6-12 mesi, una volta ogni 1-3 anni, ecc.) E confrontare i risultati con quelli primari ottenuti all'età di 30 anni - 40 anni Se non sono disponibili dati primari sul livello dei marker tumorali (sangue donato a 30-40 anni di età in completa salute), è necessario eseguire 2-3 analisi ad intervalli di 1 mese e calcolare il valore medio, nonché per monitorare se la loro concentrazione è in aumento. Se la concentrazione dei marcatori tumorali inizia a crescere, cioè diventa più alta dei valori primari, ciò significa che in alcuni organi può svilupparsi una neoplasia. Questa situazione è un segnale per un esame dettagliato con altri metodi al fine di identificare esattamente dove è apparso il sito di crescita del tumore..
  • Se viene rilevato un livello elevato di marker tumorali, lo studio deve essere ripetuto dopo 3-4 settimane. Se, secondo i risultati di un secondo studio, persiste una maggiore concentrazione di marcatori tumorali, ciò indica la presenza di un sito di crescita del tumore nel corpo, a seguito del quale è necessario sottoporsi a un esame dettagliato al fine di determinare l'esatta localizzazione del tumore.
  • Dopo un ciclo di radioterapia, chemioterapia o chirurgia per rimuovere il tumore, il sangue deve essere donato ai marker tumorali da 2 a 10 giorni dopo il completamento del trattamento. Il livello dei marker tumorali determinato immediatamente dopo il trattamento è di base. È con questo livello di marker tumorali che verrà effettuato un confronto durante un ulteriore monitoraggio dell'efficacia del trattamento e della possibile ricaduta della neoplasia. Cioè, se il livello dei marker tumorali supera un certo livello immediatamente dopo il trattamento, ciò significa che la terapia è inefficace o che un tumore si è ripresentato ed è necessario un secondo trattamento.
  • Per la prima valutazione dell'efficacia del trattamento, è necessario misurare il livello dei marker tumorali nel sangue 1 mese dopo il completamento della terapia e confrontare gli indicatori con la linea di base, determinati 2-10 giorni dopo l'intervento chirurgico.
  • Quindi misurare i marker tumorali ogni 2 o 3 mesi per 1 o 2 anni e dopo 6 mesi per 3 o 5 anni dopo il trattamento del tumore.
  • Inoltre, i livelli di marker tumorali devono sempre essere misurati prima di qualsiasi cambiamento nel regime di trattamento. Determinati livelli di marcatori saranno di base ed è con loro che tutti i risultati successivi dovranno essere confrontati per valutare l'efficacia del trattamento. Se la concentrazione dei marker tumorali diminuisce, il trattamento è efficace, ma se aumenta o rimane invariato, la terapia è inefficace e il metodo di trattamento e il regime devono essere cambiati.
  • Se sospetti una ricaduta o metastasi, devi anche determinare i livelli di marker tumorali nel sangue e confrontarli con le concentrazioni da 2 a 10 giorni dopo il trattamento. Se la concentrazione dei marker tumorali è aumentata, ciò indica una ricaduta o metastasi che non sono state distrutte.

Quanto puoi fidarti dei marker tumorali?

La questione di quanta fiducia ci si può fidare dei marker tumorali è molto importante per una persona che sta semplicemente andando o ha già superato tale analisi e, naturalmente, vuole essere sicura dell'accuratezza e dell'ambiguità del risultato. Sfortunatamente, i marker tumorali, come altri indicatori, non hanno il 100% di accuratezza e unicità del risultato, ma allo stesso tempo la loro concentrazione è diagnosticamente significativa. Ciò significa che i marker tumorali possono essere attendibili, ma con alcune riserve e conoscenze sull'interpretazione dei risultati dell'analisi..

Un livello elevato di marker tumorali rilevati una volta non significa che una persona abbia necessariamente un tumore maligno in qualsiasi organo. In una tale situazione, è necessario, prima di tutto, non farsi prendere dal panico, ma chiarire se il livello dei marker tumorali è realmente aumentato o se si sta verificando un risultato di analisi falso positivo. Per fare questo, ripetere i marker tumorali 3-4 settimane dopo la prima analisi. Se il livello dei marker è normale per la seconda volta, non vi sono motivi di preoccupazione e il risultato della prima analisi è falso positivo. Se, per la seconda volta, il livello dei marker tumorali viene aumentato, ciò significa un risultato affidabile e una persona ha una concentrazione molto elevata di marker tumorali nel sangue. In questo caso, è necessario fissare un appuntamento con un oncologo e sottoporsi a un esame aggiuntivo utilizzando altri metodi (risonanza magnetica, NMR, raggi X, scansione, esami endoscopici, ultrasuoni, ecc.) Per scoprire in quale organo o tessuto si è formato il tumore.

Tuttavia, anche se una doppia misurazione ha mostrato un aumento dei marcatori tumorali nel sangue, ciò non è una prova evidente che una persona abbia il cancro. In effetti, il livello dei marker tumorali può aumentare con altre malattie non cancerose, come processi infiammatori cronici in qualsiasi organo e tessuto, cirrosi epatica, periodi di alterazioni ormonali nel corpo, forte stress, ecc. Pertanto, un aumento del livello di marcatori tumorali nel sangue significa solo che è possibile che una persona abbia un tumore maligno in crescita asintomatica. E per determinare con precisione se esiste effettivamente un tumore, è necessario sottoporsi a un esame aggiuntivo.

Pertanto, i marcatori tumorali possono essere considerati affidabili nel senso che sono sempre elevati in presenza di un tumore, il che aiuterà a identificare una neoplasia nelle fasi iniziali quando non ci sono ancora sintomi clinici. Cioè, i marcatori tumorali possono essere attendibili perché aiuteranno sempre a non perdere l'inizio della crescita tumorale..

Ma un certo inconveniente e imprecisione dei marcatori tumorali (contro i quali molte persone si chiedono se si possano fidare di loro) è che il loro livello può aumentare con altre malattie, per cui, con un'alta concentrazione di marcatori tumorali, è sempre necessario impegnarsi per verificare la presunta diagnosi oncologica per un esame aggiuntivo. Inoltre, questo esame aggiuntivo non conferma la presenza di un tumore nel 20-40%, quando l'aumento del livello dei marker tumorali è stato causato da altre malattie.

Tuttavia, nonostante una "eccessiva reattività" dei marker tumorali, a causa della quale il loro livello aumenta non solo nei tumori, la determinazione della loro concentrazione può essere considerata affidabile. In effetti, tale "eccessiva reattività" consente di non perdere l'inizio della crescita tumorale quando non ci sono ancora sintomi clinici, ed è molto più importante che dopo aver rilevato un livello elevato di marcatori tumorali, si debbano ricorrere ad esami aggiuntivi che non confermano la presunta diagnosi oncologica nel 20 - 40% dei casi.

Oncomarker, opinione di un oncologo: aiutano a identificare un tumore, quali forme di cancro possono essere determinate, a chi si consiglia di testare - video

Quanti marcatori di cancro esistono?

Attualmente sono note più di 200 sostanze diverse, che in base alle loro caratteristiche sono classificate come marker tumorali. Tuttavia, per la medicina pratica, su 200 marcatori tumorali, sono adatti solo 20-30. Questa situazione è dovuta al fatto che solo 20-30 marcatori tumorali hanno una specificità sufficientemente elevata, cioè il loro livello aumenta principalmente nei tumori maligni o benigni di diversa localizzazione. E quindi, a causa dell'alta specificità, il livello di questi marcatori può essere considerato come un segno della presenza di un sito di crescita del tumore nel corpo umano.

I marcatori tumorali rimanenti non sono affatto specifici o hanno un livello molto basso di specificità. Ciò significa che il livello di questi marcatori tumorali aumenta non solo in presenza di tumori maligni o benigni negli organi e nei tessuti del corpo umano, ma anche in una vasta gamma di altre malattie non oncologiche, come processi infiammatori, distrofici, degenerativi, ecc. Cioè, un aumento del livello di tali marcatori può accompagnare l'attenzione della crescita tumorale, dell'epatite, dell'urolitiasi, dell'ipertensione e di una serie di altre malattie piuttosto diffuse. Di conseguenza, è impossibile supporre con un alto grado di probabilità che un aumento del livello di tali marker tumorali indichi la presenza di un sito di crescita tumorale nel corpo umano. E, naturalmente, poiché si verifica un aumento del loro livello con una vasta gamma di malattie, questi marker tumorali non sono adatti alla medicina pratica, poiché la loro concentrazione non può essere considerata un criterio diagnostico relativamente accurato per il processo tumorale.

Per le esigenze della medicina pratica, solo i seguenti marcatori tumorali sono attualmente identificati in laboratori diagnostici clinici specializzati:

  • alfa-fetoproteina (AFP);
  • gonadotropina corionica (hCG);
  • beta-2 microglobulina;
  • antigene del carcinoma a cellule squamose (SCC);
  • enolasi neurone-specifica (NSE);
  • marker tumorale Cyfra CA 21-1 (frammento di citocheratina 19);
  • marker tumorale HE4;
  • Proteina S-100;
  • marker tumorale CA 72-4;
  • marker tumorale CA 242;
  • marker tumorale CA 15-3;
  • marker tumorale CA 50;
  • marker tumorale CA 19-9;
  • marker tumorale CA 125;
  • antigene prostatico specifico, totale e libero (PSA);
  • fosfatasi dell'acido prostatico (PAP);
  • antigene embrionale del cancro (CEA, CEA);
  • antigene polipeptidico tissutale;
  • Tumore M2 piruvato chinasi;
  • cromogranina A.

Oncomarker: esami del sangue di routine per i dipendenti - video

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.

Diagnosi del cancro: perché i marker tumorali "non funzionano"

Un esame del sangue per i marcatori tumorali è uno degli studi più popolari che le persone si prescrivono "per ogni evenienza". Perché questo non può essere fatto e quali metodi diagnostici effettivamente aiutano a rilevare il cancro in una fase precoce, afferma l'oncologo EMC, MD Helena Petrovna Gens.

Gelena Petrovna, è possibile diagnosticare il cancro in una fase precoce con l'aiuto di marcatori tumorali?

In effetti, molti pazienti credono fermamente che le cellule tumorali secernano determinate sostanze che circolano nel sangue dall'inizio della neoplasia, ed è sufficiente effettuare periodicamente un esame del sangue per i marker tumorali per assicurarsi che non ci siano tumori.

Ci sono molti materiali su Internet su questo argomento, che, sfortunatamente, contengono accuse completamente false secondo cui controllando il sangue per i marcatori tumorali, è possibile rilevare la malattia in una fase precoce.

In effetti, l'uso di marcatori tumorali per il rilevamento affidabile del cancro non ha dimostrato di essere efficace in nessuno studio; di conseguenza, non possono essere raccomandati per la diagnosi iniziale del cancro.

Non sempre i valori dei marker tumorali sono correlati alla malattia. Ad esempio, citerò un caso dalla mia pratica: recentemente ho avuto un trattamento per il paziente: una giovane donna a cui è stato diagnosticato un carcinoma mammario metastatico, mentre i valori del marker tumorale CA 15.3 sono rimasti all'interno del range normale.

Quali cause diverse dal cancro possono causare un aumento dei marker tumorali?

In diagnostica, ci sono due criteri in base ai quali valutiamo qualsiasi studio: questa è sensibilità e specificità. I marker possono essere molto sensibili, ma poco specifici. Ciò suggerisce che il loro aumento può dipendere da una serie di ragioni che sono completamente estranee al cancro. Ad esempio, il marcatore del cancro ovarico CA 125 può essere aumentato non solo con tumori o malattie infiammatorie delle ovaie, ma, ad esempio, con funzionalità epatica compromessa, malattie infiammatorie della cervice e dell'utero stesso. Spesso con funzionalità epatica compromessa, aumenta un antigene embrionale-cancro (CEA). Pertanto, i valori dei marker tumorali dipendono da una serie di processi, compresi quelli infiammatori, che possono verificarsi nel corpo..

Inoltre, accade che un leggero aumento dell'oncomarker serva da inizio per l'avvio di una serie di procedure diagnostiche fino a uno studio così innocuo come la tomografia ad emissione di positroni (PET / CT) e, come risulta in seguito, queste procedure erano completamente inutili per questo paziente.

A cosa servono i marker tumorali??

Gli oncomarker vengono utilizzati principalmente per monitorare il decorso della malattia e valutare l'efficacia della terapia farmacologica delle malattie tumorali. Nel caso in cui, al momento di stabilire la diagnosi, il paziente abbia mostrato un aumento del marker tumorale, in seguito possiamo monitorare come sta andando il trattamento. Spesso dopo un intervento chirurgico o un trattamento chemioterapico, vediamo come il livello del marker da diverse migliaia di unità "collassa" letteralmente ai valori normali. Il suo aumento della dinamica può indicare che si è verificata una ricaduta del tumore o che il rimanente, come affermano i medici, ha mostrato resistenza al trattamento. Insieme ai risultati di altri studi, questo può servire come segnale per i medici di pensare a un cambiamento nelle tattiche di trattamento e ad un ulteriore esame completo del paziente.

Ci sono studi che aiutano davvero a individuare il cancro in una fase precoce??

Esistono studi per rilevare alcuni tipi di tumore che hanno dimostrato la loro affidabilità ed efficacia in ampi studi epidemiologici e sono raccomandati per l'uso in modalità di screening..

Ad esempio, la United States Preventive Service Task Force (USPSTF), sulla base di recenti studi clinici, raccomanda la tomografia computerizzata a basso dosaggio per lo screening del cancro del polmone. La TC a basso dosaggio è raccomandata per le persone di età compresa tra 55 e 80 anni e che allo stesso tempo hanno una storia di fumo di 30 anni o hanno smesso di fumare non più di 15 anni fa. Oggi è il metodo più accurato per la diagnosi precoce del carcinoma polmonare, la cui efficacia è confermata in termini di medicina basata sull'evidenza..

Né l'esame radiografico, e in particolare la fluorografia toracica, utilizzati in precedenza, non possono sostituire la TC a basse dosi, poiché la loro risoluzione consente di rilevare solo grandi formazioni focali che indicano le fasi avanzate del processo oncologico.

Allo stesso tempo, le opinioni su alcuni tipi di screening, che sono state ampiamente utilizzate per diversi decenni, sono state riviste oggi. Ad esempio, i medici raccomandavano agli uomini di fare un esame del sangue per il PSA per lo screening del carcinoma della prostata. Ma studi recenti hanno dimostrato che i livelli di PSA non forniscono sempre una base affidabile per l'avvio di misure diagnostiche. Pertanto, ora si consiglia di assumere il PSA solo dopo aver consultato un urologo.

Per lo screening del carcinoma mammario, le raccomandazioni rimangono le stesse: per le donne che non sono a rischio di carcinoma mammario, una mammografia obbligatoria dopo 50 anni ogni due anni. Con una maggiore densità del tessuto mammario (presente in circa il 40% delle donne), è necessario condurre un'ecografia delle ghiandole mammarie oltre alla mammografia.

Un altro tumore molto comune che può essere rilevato dallo screening è il cancro intestinale..

Per rilevare il cancro intestinale, si raccomanda una colonscopia, che è sufficiente da fare ogni cinque anni, a partire dai 50 anni, se non ci sono lamentele e l'eredità gravata da questa malattia. Su richiesta del paziente, l'esame può essere eseguito in anestesia e non provocare alcun disagio, mentre è il metodo più accurato ed efficace per la diagnosi del carcinoma del colon-retto.

Oggi esistono metodi alternativi: la colonscopia TC, o "colonscopia virtuale", consente di condurre uno studio del colon senza l'introduzione di un endoscopio - su un tomografo computerizzato. Il metodo ha un'alta sensibilità: 90% per la diagnosi di polipi superiori a 1 cm con una durata dello studio di circa 10 minuti. Può essere raccomandato a coloro che sono stati precedentemente sottoposti a colonscopia di screening tradizionale, che non ha rivelato alcuna deviazione..

Cosa dovresti prestare attenzione ai giovani?

Uno screening che inizia in tenera età è uno screening per il cancro cervicale. Una macchia su oncocitologia (PAP test), secondo le raccomandazioni americane, deve essere presa dall'età di 21 anni. Inoltre, è necessario eseguire un test per il papillomavirus umano (HPV), poiché il trasporto a lungo termine di alcuni tipi oncogenici di HPV è associato ad un alto rischio di cancro cervicale. Un modo affidabile per proteggere dal cancro cervicale è quello di vaccinare ragazze e giovani donne contro l'HPV.

Sfortunatamente, l'incidenza di cancro della pelle e melanoma è recentemente aumentata. Pertanto, è consigliabile mostrare le cosiddette "talpe" e altre lesioni cutanee pigmentate a un dermatologo una volta all'anno, soprattutto se sei a rischio: hai una pelle chiara, ci sono stati casi di cancro della pelle o melanoma in famiglia, ci sono stati casi di scottature solari o sei un dilettante visitare i centri di abbronzatura, che, tra l'altro, sono vietati in alcuni paesi per visitare fino all'età di 18 anni. È stato dimostrato che due o più episodi di scottature solari della pelle aumentano il rischio di cancro della pelle e melanoma..

È possibile seguire da soli le "talpe"?

Atteggiamento scettico nei confronti degli autoesami tra gli specialisti. Ad esempio, l'autoesame delle ghiandole mammarie, che è stato così promosso in precedenza, non ha dimostrato la sua efficacia. Ora questo è considerato dannoso, perché culla la vigilanza e non consente una diagnosi tempestiva. Inoltre, ispezione della pelle. Meglio se lo conduce un dermatologo.

Il cancro può essere ereditato??

Fortunatamente, la maggior parte dei tumori non viene ereditata. Di tutti i tipi di cancro, solo il 15% circa è ereditario. Un esempio lampante di cancro ereditario è il trasporto di mutazioni negli anti-oncogeni BRCA 1 e BRCA 2, che è associato ad un aumentato rischio di carcinoma mammario e, in misura minore, con carcinoma ovarico. Tutti conoscono la storia di Angelina Jolie, la cui madre e nonna sono morte di cancro al seno. Tali donne devono essere regolarmente monitorate e sottoposte a screening per il seno e l'ovaio per prevenire lo sviluppo del cancro ereditario..

Il restante 85% dei tumori sono tumori che si presentano spontaneamente, non dipendenti da alcuna predisposizione ereditaria.

Tuttavia, se diversi parenti di sangue nella famiglia soffrivano di cancro, diciamo che i loro figli potrebbero avere una ridotta capacità di metabolizzare gli agenti cancerogeni, nonché di riparare il DNA, cioè di "riparare" il DNA, in termini semplici.

Quali sono i principali fattori di rischio per il cancro??

I principali fattori di rischio comprendono il lavoro nelle industrie pericolose, il fumo, il consumo frequente (più di tre volte a settimana) e il consumo di alcol a lungo termine, il consumo giornaliero di carne rossa, il consumo costante di cibo sottoposto a trattamento termico, è stato congelato e venduto pronto da mangiare. Tali alimenti sono poveri di fibre, vitamine e altre sostanze essenziali, che possono portare ad un aumentato rischio di, ad esempio, il cancro al seno. Il fumo è uno dei fattori di rischio più comuni e formidabili: porta non solo al cancro del polmone, ma anche al cancro dell'esofago, allo stomaco, alla vescica, ai tumori della testa e del collo: cancro della laringe, cancro della mucosa della guancia, cancro della lingua, ecc..

Per il cancro della pelle e il melanoma, come abbiamo già accennato, un fattore di rischio è l'esposizione al sole prima delle scottature..

L'uso a lungo termine di farmaci ormonali, come la terapia ormonale sostitutiva, per più di 5 anni e non sotto la supervisione di medici, può portare ad un aumento del rischio di carcinoma mammario e uterino nelle donne, pertanto l'uso di tali farmaci dovrebbe essere effettuato sotto la stretta supervisione di un mammologo e ginecologo.

Come accennato in precedenza, i virus possono anche essere un fattore di rischio, compresi i tipi oncogenici del virus HPV, che portano al cancro genitale e al cancro orale. Alcuni virus non cancerogeni possono anche essere fattori di rischio. Ad esempio, i virus dell'epatite B e C: non causano direttamente il cancro al fegato, ma portano a una malattia infiammatoria cronica del fegato - l'epatite e dopo 15 anni un paziente con epatite cronica B e C può sviluppare un cancro epatocellulare.

Quando consultare un medico?

Se ci sono fattori di rischio o se una persona si sente ansiosa, è meglio consultare un oncologo. Ciò che sicuramente non dovrebbe essere fatto è prescrivere gli esami per te stesso. Puoi ottenere molti risultati falsi positivi e falsi negativi che complicheranno la tua vita e possono portare a stress, procedure diagnostiche e interventi inutili. Naturalmente, se compaiono improvvisamente sintomi allarmanti, è necessario consultare un oncologo, indipendentemente dai rischi.

Alla consultazione facciamo molte domande, siamo interessati a tutto: stile di vita, esperienza di fumo, consumo di alcol, frequenza dello stress, abitudini alimentari, appetito, indice di massa corporea, ereditarietà, condizioni di lavoro, come il paziente dorme di notte, ecc. Se questa è una donna, è importante stato ormonale, storia riproduttiva: quanti anni aveva il primo figlio, quante nascite, se la donna stava allattando, ecc. Può sembrare al paziente che queste domande non siano correlate al suo problema, ma per noi sono importanti, ti permettono di creare un ritratto individuale di una persona, valutare i rischi di sviluppare alcune malattie del cancro e prescrivere esattamente il set di esami di cui ha bisogno.