Che cos'è l'adenomiosi uterina? Sintomi, cause, diagnosi e trattamento

Carcinoma

L'adenomiosi uterina è una malattia che può rovinare i piani di una donna di diventare madre. Nella classifica dell'infertilità, questa malattia occupa il secondo posto, secondo varie fonti, colpisce dal 3 al 15% delle donne.

Come dimostra la pratica, il principale gruppo di donne esposte a questa malattia, le donne dai 25 ai 35 anni. Questo insidioso nemico di ogni donna si chiama endometriosi uterina o, in breve, adenomiosi uterina.

Cos'è l'adenomiosi uterina?

Nel corpo della donna, all'interno dell'utero, c'è un tessuto speciale chiamato endometrio (è quello che lascia il corpo durante le mestruazioni). In un corpo perfettamente funzionante, copre l'interno dell'utero, preparandosi ad accettare un embrione. Se il processo di fecondazione non si è verificato, questo tessuto lascia il corpo e al suo posto si forma uno nuovo e così via in un cerchio dalle mestruazioni alle mestruazioni.

Ma si verifica un fallimento nel corpo e l'endometrio inizia a coprire non solo la cavità interna dell'utero, ma inizia anche a penetrare nel tessuto muscolare dell'utero, nonché nel peritoneo e nelle ovaie.

Il pericolo di adenomiosi uterina

Poiché l'adenomiosi è una malattia del principale organo riproduttivo di una donna, il principale pericolo che una donna affronta con questa malattia è l'infertilità. Vale la pena notare che una donna che è già incinta è a rischio di perdere il feto e sperimenterà un parto difficile.

Con l'adenomiosi, c'è un'alta probabilità di una gravidanza extrauterina, a causa delle tube di Falloppio colpite, diventano impraticabili per l'uovo, ma lo sperma può facilmente entrare nelle tube dove si verifica il concepimento.

Con la progressione della malattia, l'adenomiosi può infettare tutti gli organi vicini e, una volta nel sangue, può diffondersi in tutto il corpo.

È probabile che l'adenomiosi possa influenzare le fibre nervose dei tessuti, il che porterà a varie malattie. Con l'adenomiosi, c'è anche il rischio che la malattia si sviluppi in un cancro dell'utero.

Gradi di malattia

Nell'endometriosi uterina si distinguono quattro diversi gradi di sviluppo della malattia mentre la malattia progredisce.

  1. La malattia colpisce direttamente lo strato interno dell'utero.
  2. La malattia penetra nello strato muscolare dell'utero e colpisce non più della metà dell'intera area.
  3. Colpisce più della metà dell'intero strato muscolare dell'utero.
  4. La malattia va oltre lo strato muscolare dell'utero, che in futuro comporta la sconfitta di tutti gli organi vicini.

Cause di adenomiosi uterina

Oggi la medicina ha un alto livello di sviluppo; gli specialisti non possono finalmente determinare e nominare il motivo principale per cui la malattia inizia a svilupparsi nelle donne. I medici hanno presentato diverse versioni del verificarsi dell'adenomiosi.

Alcuni medici spiegano l'insorgenza della malattia dal fatto che i tessuti endometriali penetrano oltre l'utero attraverso le tube di Falloppio, questo fenomeno è abbastanza comune e questa versione ha il diritto di esistere, se non uno, ma non spiega come allora si verifica la malattia nell'utero.

Altri esperti suggeriscono che, molto probabilmente, la malattia inizia dai resti di tessuto embrionale completamente regredito. Ci sono molte più opinioni e teorie diverse. Voglio notare che non ci sono prove di alcuna spiegazione per l'insorgenza della malattia..

Tuttavia, ci sono indicazioni dei cosiddetti gruppi a rischio e fattori che influenzano l'insorgenza della malattia.

Gli esperti sono praticamente unanimi nell'opinione che l'ereditarietà sia chiaramente visibile quando si verifica una malattia come l'endometriosi uterina, è anche stabilito che la malattia e la quantità di ormoni femminili vanno di pari passo e con la malattia aumenta la loro concentrazione. La malattia può iniziare con un periodo stressante prolungato, sovraccarico mentale, nervoso o fisico. Vari tipi di lesioni, interventi chirurgici, malattie a trasmissione sessuale sono anche tra i fattori di rischio.

Sintomi di adenomiosi uterina

La prima cosa a cui devi prestare attenzione è l'aumento della durata delle mestruazioni, aumenta anche l'abbondanza di flusso mestruale, che a sua volta porta a una carenza di ferro nel sangue.

Questo si esprime in segni come sonnolenza, mancanza di respiro, vertigini, affaticamento, incapacità di valutare adeguatamente le condizioni reali, immunità compromessa.

Pochi giorni prima delle mestruazioni, appare la scarica, che appare anche alla fine di essa. Un sintomo di adenomiosi è la comparsa di dolore, che inizia pochi giorni prima dell'inizio delle mestruazioni e termina un paio di giorni dopo la sua insorgenza..

Anche il dolore durante il rapporto sessuale può indicare questa malattia, ciò è principalmente dovuto al fatto che i processi infiammatori stanno avvenendo all'interno della vagina. Qualcuno considera l'incapacità di concepire un bambino un sintomo della malattia, sebbene ciò sia probabilmente una conseguenza, ma in un modo o nell'altro, molti trovano in se stessi l'adenomiosi quando non possono rimanere incinta.

La natura dei sintomi può essere determinata in base allo stadio in cui si trova la malattia e all'area interessata. In ogni caso, se noti uno dei sintomi, significa che devi consultare un medico e condurre un esame. Il decorso dell'adenomiosi è caratterizzato dalla sua crescita in assenza di trattamento e dal deterioramento delle condizioni del paziente, i miglioramenti si verificano durante la gravidanza.

Diagnosi di adenomiosi uterina

Quando si diagnostica una malattia come l'endometriosi uterina, ci sono molti problemi. Molte malattie hanno sintomi simili che si intersecano tra loro e per determinare in modo inequivocabile la presenza di adenomiosi, soprattutto in una fase iniziale dello sviluppo della malattia, i medici devono agire per eliminazione.

Prima di tutto, è necessario un esame da un ginecologo, nonostante sia un compito fantastico identificare l'endometriosi uterina durante l'esame, il medico può rilevare deviazioni, ad esempio, nella deviazione delle dimensioni dell'utero, poiché con la malattia l'utero diventa più grande. Durante l'esame, il medico scarta anche altre malattie che presentano sintomi simili all'adenomiosi.

Un altro tipo di diagnosi è una ecografia, durante la quale gli esperti escludono malattie simili nel corso del.

L'imaging a risonanza magnetica (MRI) consente di vedere se il tessuto muscolare dell'utero è ispessito (che è tipico per l'adenomiosi), quale uniformità ha il tessuto interno dell'utero e i focolai caratteristici della malattia, alcuni tipi di malattie degli organi riproduttivi interni sono anche esclusi. A causa del fatto che il costo della risonanza magnetica è elevato, viene utilizzato molto raramente.

L'isteroscopia è uno dei metodi di esame efficaci, dal momento che il medico ha l'opportunità di esaminare il focus della malattia e valutare le condizioni dell'organo.

Viene eseguito in vari tipi di anestesia..

Un altro tipo di diagnosi è il curettage del contenuto dell'utero, dopo la procedura, i dati vengono inviati per l'analisi, che può già molto probabilmente dare una conclusione sulla presenza di una malattia o sulla sua assenza. L'anestesia viene utilizzata durante questa diagnosi.

Vale la pena notare che la diagnosi al cento per cento è possibile solo dopo la rimozione dell'organo stesso. I medici prescrivono il trattamento in base a segni indiretti, quando sono escluse altre malattie simili nei loro sintomi e vi sono motivi sufficienti per ritenere che il paziente abbia questa malattia.

Trattamento dell'adenomiosi uterina

Il trattamento dell'endometriosi uterina può essere terapeutico o chirurgico (a seconda della complessità della malattia).

Nel trattamento terapeutico dell'endometriosi uterina, vengono prescritti farmaci che aiutano a far fronte ai sintomi della malattia, ma non curano la malattia stessa. I farmaci nel trattamento dell'adenomiosi differiscono in quali sintomi accompagnano la malattia. Se il paziente avverte un forte dolore, vengono prescritti farmaci antinfiammatori, che devono essere assunti prima delle mestruazioni.

Se la malattia è accompagnata da forti emorragie e mestruazioni irregolari, il medico può prescrivere vari contraccettivi, come compresse o un dispositivo intrauterino per l'uso.

Ora ci sono molti farmaci sul mercato che vengono presi con l'adenomiosi uterina, la decisione di scegliere un particolare farmaco viene presa dal medico curante.

Trattamento chirurgico dell'adenomiosi uterina

Come accennato in precedenza, il trattamento terapeutico non cura completamente la malattia stessa, ma rimuove solo i suoi sintomi e l'ulteriore progressione. Il trattamento chirurgico dell'adenomiosi è un'operazione per rimuovere l'utero. La decisione sull'operazione può essere presa dal medico curante nei seguenti casi.

  • Se il trattamento terapeutico fallisce e il sanguinamento porta a una grande perdita di sangue.
  • Se una donna ha figli e non prevede ulteriori gravidanze.
  • Secondo il consenso del paziente, se l'età fertile si avvicina o è terminata.
  • Se oltre all'endometrioma dell'utero, al paziente viene diagnosticato un grosso fibroma.
  • Se la malattia è accompagnata da un cambiamento critico nella cervice.

Prevenzione dell'adenomiosi uterina

Per la prevenzione dell'adenomiosi uterina sono necessari una visita regolare dal medico e una visita medica. Vale la pena prestare particolare attenzione alle irregolarità mestruali e alle varie dimissioni. Non automedicare, poiché le conseguenze possono essere piuttosto gravi.

Adenomiosi uterina - che cos'è? Sintomi, cause e trattamento

L'adenomiosi è una malattia caratterizzata dalla germinazione dell'endometrio nello strato muscolare dell'utero, mentre le cellule della mucosa che entrano nel miometrio mantengono la loro funzione geneticamente incorporata.

Di conseguenza, subendo cambiamenti ciclici, crescono in un certo periodo e richiedono un output assente nel tessuto muscolare. Di conseguenza, l'utero aumenta di dimensioni, la funzionalità dell'organo è compromessa.

Spesso l'adenomiosi uterina è confusa con l'endometriosi. Tuttavia, questa è solo una variazione di ciò, la cosiddetta endometriosi uterina interna, quando l'endometrio si moltiplica all'esterno dell'utero stesso. Questa è una malattia sistemica benigna non cancerosa dell'utero. L'endometrio si trova su diversi organi, come utero, vagina, reni, tratto gastrointestinale e altri.

Le cause

Perché si verifica l'adenomiosi uterina e che cos'è? L'adenomiosi è un tipo di endometriosi, che è la proliferazione dei tessuti della mucosa uterina. Come risultato del processo patologico, si formano cisti endometrioidi, piene di contenuto liquido. I focolai endometrioidi con adenomiosi si trovano nel corpo dell'utero.

L'adenomiosi può svilupparsi a causa di tali motivi:

  1. Focolai congeniti dell'endometriosi risultante da uno sviluppo embrionale compromesso.
  2. L'introduzione di cellule endometriali nel tessuto circostante durante interventi chirurgici o durante la nascita traumatica.

I fattori che provocano lo sviluppo dell'adenomiosi si distinguono:

  • vita sessuale troppo tardi;
  • nascita tardiva o complessa;
  • inizio precoce o tardivo delle mestruazioni;
  • frequenti processi infiammatori nell'utero e nelle appendici;
  • manipolazioni ginecologiche sull'utero (aborto, curettage diagnostico);
  • predisposizione ereditaria a neoplasie benigne o maligne;
  • troppo peso di una donna, obesità;
  • l'uso di contraccettivi orali e dispositivi intrauterini;
  • la presenza di malattie che sono causate da disturbi funzionali del sistema immunitario;
  • grande stress fisico e psicologico da molto tempo.

L'esistenza prolungata di un grave grado di adenomiosi porta ad anemia, forte dolore, danni agli organi vicini e una forte riduzione della qualità della vita di una donna, fino all'incapacità di condurre una vita sessuale e qualsiasi attività fisica.

Classificazione

Esistono diversi gradi di prevalenza e gravità della penetrazione negli strati dell'utero. Questa classificazione viene utilizzata solo per l'adenomiosi uterina..

  1. grado - penetrazione di cellule diffuse nello strato sottomucoso di un organo.
  2. grado - il decorso patologico della malattia con penetrazione negli strati muscolari dell'utero, con la cattura di meno della metà di questo strato.
  3. grado - il processo patologico diffuso ha richiesto più della metà.
  4. grado - la crescita dell'endometrio oltre l'utero, con il passaggio della patologia ad altri organi. L'endometrio penetra in tutti gli strati della struttura uterina.

Per natura del processo tumorale, si distinguono le seguenti forme di adenomiosi:

  • forma diffusa (eterotopie localizzate uniformemente nello spessore del miometrio) - con una frequenza di insorgenza del 50-70%
  • forma nodulare (le eterotopie si trovano nel miometrio sotto forma di "nodi" endometrioidi di varie dimensioni e localizzazione); una caratteristica di questi nodi è l'assenza di una capsula; questa forma si trova nel 3-8% dei pazienti
  • forma mista.

Il primo grado e il secondo non richiedono un intervento chirurgico, cosa che non si può dire per il terzo e il quarto. Gli ultimi due sono difficili da un trattamento conservativo, più spesso vengono presi in combinazione due metodi.

Sintomi di adenomiosi

A volte l'adenomiosi può verificarsi senza sintomi evidenti e può essere rilevata per caso durante un esame per un altro motivo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi con adenomiosi uterina, si osservano i seguenti sintomi:

  1. Dolore nell'addome inferiore, che si estende alla regione inguinale, al retto, alla vagina.
  2. I dolori sono più intensi nei primi giorni delle mestruazioni (sanguinamento uterino mensile associato a rigetto fisiologico dell'endometrio - lo strato interno della mucosa uterina), con la fine dell'emorragia il dolore si attenua.
  3. Manifestazioni di anemia (anemia): debolezza, pallore e desquamazione della pelle, sonnolenza, affaticamento.
  4. Sanguinamento mestruale abbondante e prolungato (più di 5 giorni).
  5. La comparsa di scarico marrone scuro dal tratto genitale 2-5 giorni prima e entro 2-5 giorni dopo le mestruazioni.
  6. Sanguinamento uterino (escrezione di sangue dai genitali) tra le mestruazioni.
  7. Rapporto doloroso (dispareunia).

Inizialmente, i sintomi dell'adenomiosi vengono attenuati e sono percepiti come un normale cambiamento premestruale nel corpo. Quindi, mentre procede, l'intensità del dolore aumenta e il tempo aumenta. I pazienti avvertono dolore non solo prima delle mestruazioni, ma anche costantemente.

Diagnostica

Al fine di stabilire con precisione la diagnosi di "adenomiosi" e prescrivere un trattamento, di norma, viene prima utilizzato un esame completo, che comprende:

  • esame dei genitali con l'aiuto di specchi;
  • colposcopia (esame della cervice mediante un dispositivo speciale che aumenta di circa 30 volte);
  • test di laboratorio (assunzione di strisci);
  • esame generale dell'apparato respiratorio, circolazione sanguigna, digestione, uretra;
  • imaging a risonanza magnetica (MRI);
  • laparoscopia (il metodo più moderno di diagnosi e trattamento).

Il principale metodo diagnostico è l'ecografia. I risultati più accurati (circa il 90%) vengono forniti durante l'ecografia transvaginale che, come un esame ginecologico, viene eseguita alla vigilia delle mestruazioni.

Come trattare l'adenomiosi

Esistono due modi per trattare l'adenomiosi uterina: conservativa e chirurgica. Naturalmente, il metodo di trattamento dipende direttamente dal grado di adenomiosi. Di norma, il primo e il secondo grado, meno spesso il terzo, possono essere trattati in modo conservativo e il quarto viene trattato solo prontamente.

Ai fini degli effetti conservativi, applicare:

  • Cotracettivi orali con formazione di amenorrea (assenza di mestruazioni), che portano al blocco delle mestruazioni e alla rimozione dei focolai di endometriosi. Prescrivere farmaci con etinilestradiolo a una concentrazione di 0,03 e oltre per 6-12 mesi di un ciclo continuo,
  • Progestogeni (dydrogestenone, medrossiprogesterone, gestrinone), conducono all'atrofia dei focolai endometrioidi,
  • Androgeni (danazolo) con formazione di amenorrea e rimozione di focolai di endometriosi. Ma i farmaci hanno una serie di gravi effetti collaterali.,
  • Analoghi sintetici di gonadoliberino B (nafarelin, histrelin) in gocce o spray, per via intramuscolare per ridurre i livelli di estrogeni.

In assenza di un risultato dal trattamento terapeutico, viene utilizzato un metodo chirurgico di trattamento, il cui scopo è rimuovere i fuochi di localizzazione e ripristinare la normale struttura anatomica dell'utero.

operazione

La rimozione dell'utero con adenomiosi non è sempre richiesta. La chirurgia può essere raccomandata se l'adenomiosi:

  • provoca un sanguinamento uterino pronunciato, che non è curabile e porta a una grande perdita di sangue;
  • la donna ha già figli e non pianifica una gravidanza in futuro;
  • la donna è in età pre-menopausa (oltre i 45-50 anni) e non è contraria alla rimozione dell'utero;
  • combinato con mioma uterino grande;
  • combinato con cambiamenti indesiderati nell'endometrio o nella cervice.

Esistono due modi principali per eseguire operazioni chirurgiche nell'adenomiosi: aperto e laparoscopico (o endoscopico). Un metodo aperto è un'operazione di cavità per rimuovere l'utero. La chirurgia laparoscopica consente di rimuovere i focolai di adenomiosi e salvare l'utero.

Insieme ai tradizionali metodi terapeutici e chirurgici per il trattamento dell'adenomiosi, vengono ora utilizzati nuovi metodi. Il metodo più comune, diverso da quelli classici, è l'elettrocoagulazione, con l'aiuto del quale, quando viene applicata l'anestesia, le lesioni vengono rimosse indolore.

Prognosi del trattamento

L'adenomiosi è una malattia cronica con un'alta probabilità di recidiva. Dopo la terapia conservativa e la chirurgia di conservazione degli organi durante il primo anno, vengono rilevate recidive di adenomiosi in ogni quinta donna in età riproduttiva. In cinque anni, si osserva una ricaduta in oltre il 70% dei pazienti.

Nei pazienti in età premenopausale, la prognosi per l'adenomiosi è più favorevole, a causa della graduale estinzione della funzione ovarica. Dopo la panisteristeromia, la ricaduta non è possibile. In menopausa, si verifica un recupero indipendente.

Adenomiosi uterina

L'adenomiosi, o endometriosi, è un processo patologico in cui lo strato endometriale cresce a dimensioni anormali e le sue cellule crescono in altri strati dell'utero.

La malattia è benigna, ma in assenza di un trattamento adeguato, porta gradualmente alla comparsa di tumori. Come afferma l'elenco internazionale, in cui è dichiarata la classificazione delle malattie, tale disturbo appartiene alla classe di malattie del sistema genito-urinario, vale a dire a quelle che si verificano nel corpo femminile senza un processo infiammatorio.

La malattia è particolarmente pericolosa per le donne in età fertile, in quanto causa problemi di concepimento o infertilità. Consideriamo in dettaglio di cosa si tratta: adenomiosi uterina.

Ragioni per l'apparenza

Gli esperti osservano che ad oggi, le cause e i meccanismi del verificarsi della patologia non sono stati completamente determinati. Con fiducia dicono una cosa: la malattia è dipendente dall'ormone, il suo sviluppo è spesso provocato da disturbi nel funzionamento del sistema immunitario.

La causa della malattia può essere un danno meccanico all'utero, l'integrità del suo strato interno. Il curettage diventa la causa dello sviluppo del processo infiammatorio, viene violato lo strato "protettivo" tra endometrio e muscoli. Di conseguenza, le cellule endometriali penetrano liberamente in profondità nel processo della funzione ciclica.

Fattori di rischio

Gli esperti hanno identificato i fattori di rischio che aumentano la possibilità di sviluppare patologie:

  • predisposizione ereditaria;
  • inizio precoce o tardivo delle mestruazioni;
  • sovrappeso, obesità;
  • inizio tardivo dell'attività sessuale;
  • nascita difficile;
  • aborti, curettage diagnostico;
  • usare come contraccezione della spirale vaginale, agenti orali;
  • malattie del processo infiammatorio delle appendici, dell'utero, del sanguinamento;
  • trasferimento di malattie immunitarie e allergiche che disturbano il sistema immunitario;
  • basso tenore di vita;
  • lavoro fisico duro;
  • stress costante, stile di vita sedentario;
  • malattie del tratto gastrointestinale, ipertensione;
  • stato di ecologia.

Cosa succede nel corpo?

L'endometrio è uno strato uterino interno, che normalmente non si estende oltre l'area genitale. Nella divisione cellulare patologica, possono diffondersi non solo ad altri organi del sistema riproduttivo femminile (ovaie, tube di Falloppio, vagina), ma anche ad altri tessuti del corpo - ad esempio il tratto gastrointestinale, il sistema urinario, l'ombelico e le ferite postoperatorie.

Molto spesso, l'endometriosi si concentra precisamente sui genitali e può essere sia esterna (quando si osserva una divisione cellulare anormale nelle ovaie o nella vagina), sia interna, concentrata nell'utero. ICD 10 elenca tutti i tipi di endometriosi in base alla sua posizione:

  • Sulle ovaie La presenza di nodi può portare alla formazione di cisti endometrioidi. Nella classificazione internazionale, a tale malattia viene assegnato il numero 80.1;
  • Sulle tube di Falloppio, che può portare alla chiusura del lume della tuba e all'incapacità di rimanere incinta. Numero in classificazione - 80.2;
  • Sul peritoneo - numero 80.3;
  • Nella vagina e nell'area tra il collo uterino e il retto - numero 80.4;
  • Sull'intestino, a seguito del quale possono svilupparsi ostruzione e problemi con le feci - numero 80.5;
  • Alle cuciture dopo l'intervento chirurgico - numero 80.6, caratterizzato da sanguinamento della cucitura durante le mestruazioni;
  • In altri organi e tessuti del corpo - numero 80.8.

Una volta nel posto sbagliato, le cellule dello strato uterino interno continuano a funzionare come se fossero nell'utero, cioè esfoliano secondo il ciclo mestruale. Ciò porta allo sviluppo del processo infiammatorio, che deve essere arrestato urgentemente, altrimenti porterà non solo a malfunzionamenti dell'organo, ma anche alla sua completa arresto. Ad esempio, se le cellule endometriali entrano nel miometrio, questo può portare a cambiamenti degenerativi, quindi l'adenomiosi del corpo uterino prima o poi porterà all'incapacità di concepire e dare alla luce un bambino.

Fasi e forme di patologia

La gravità della malattia è determinata dalla natura, dalle dimensioni delle escrescenze endometrioidi e dalla profondità del danno all'organo genitale.

  • Forma diffusa: l'endometrio penetra nelle fibre muscolari dell'utero e cresce in lunghezza, formando focolai di lesioni multiple. Il processo patologico colpisce abbastanza rapidamente l'intera superficie dell'utero. A uno stadio avanzato, le cellule endometriali penetrano nell'utero attraverso ed escono nella cavità addominale.
  • Forma nodulare - noduli irregolari di diverse dimensioni si formano nelle fibre dell'utero. Intorno ai fuochi della lesione, si accumula il tessuto connettivo, che stringe le pareti della cavità formata. Si formano le cosiddette capsule che, con rigetto endometriale, si riempiono di sangue. Senza uscita, i coaguli di sangue si trovano all'interno dei nodi di adenomiosi, causando un prolungato gonfiore delle fibre muscolari uterine. A volte esplodono cavità ematiche, causando emorragia interna.
  • Forma focale: i tessuti endometrioidi crescono nello spessore del miometrio sotto forma di focolai multipli. Con una forma focale, le aree interessate hanno confini chiari. In casi avanzati, l'adenomiosi uterina focale è pericolosa per la vita. I focolai patologici crescono notevolmente, andando oltre l'utero, di conseguenza, si formano fistole nella cavità pelvica.
  • Forma mista (diffusa-nodulare): allo stesso tempo combina tutti i segni delle forme patologiche di cui sopra.

L'adenomiosi è un tipo di endometriosi. L'adenomiosi interna colpisce solo la cavità, la cervice e le tube di Falloppio. Se le neoplasie colpiscono gli organi vicini (intestino, vescica), questa patologia si chiama endometriosi esterna.

Sintomi di adenomiosi

I sintomi dell'adenomiosi uterina nella versione classica del decorso della malattia sono abbastanza caratteristici. Già solo sulla base di tali manifestazioni nella maggior parte dei casi, questa patologia può essere sospettata.

I principali segni di endometriosi uterina:

  1. Il sintomo principale dell'adenomiosi uterina è una violazione del ciclo mestruale come iperpolimenorrea. Allo stesso tempo, le mestruazioni diventano abbondanti, lunghe (durano più di una settimana). Il sanguinamento uterino è frequente.
  2. Quasi sempre c'è algodismenorea - mestruazioni dolorose.
  3. Emorragie premestruali sono spesso osservate - la comparsa di scarse macchie ("daubs") pochi giorni prima della presunta mestruazione.
  4. Il dolore nell'addome inferiore non è sempre associato alle mestruazioni. A volte possono essere quasi costanti in natura, irradiandosi nella parte bassa della schiena e nel perineo. Questo di solito si verifica con endometriosi comune..
  5. Dispareunia: dolore o disagio durante i rapporti sessuali.
  6. Sterilità primaria o secondaria.
  7. Patologia della gravidanza - aborto spontaneo.
  8. Disturbi neuropsichiatrici si trovano in quasi tutti i pazienti. Questi includono irritabilità, labilità emotiva, disturbi del sonno, ecc..

In alcuni casi, specialmente nelle prime fasi, la malattia può avere un decorso asintomatico..

Fasi dello sviluppo della malattia

L'adenomiosi si sviluppa in quattro fasi consecutive.

  1. Il primo stadio: le lesioni non si estendono oltre il rivestimento interno dell'utero, la profondità della germinazione è piccola. L'adenomiosi di grado 1 è altamente curabile.
  2. Il secondo stadio: i tessuti endometriali germinano quasi al centro dello spessore della parete uterina e sono localizzati in strati più profondi di tessuto muscolare. L'adenomiosi di grado 2 viene trattata sia in modo conservativo che chirurgico.
  3. Il terzo stadio - il tessuto endometrioide colpisce quasi l'intero strato muscolare dell'utero. L'adenomiosi di grado 3 è principalmente trattata con metodi chirurgici.
  4. Il quarto stadio - i focolai patologici si estendono oltre le pareti dell'utero e crescono nella direzione di altri organi della cavità addominale.

Adenomiosi durante la gravidanza

Nonostante il fatto che l'adenomiosi sia una delle cause più comuni di infertilità, dopo un trattamento tempestivo e complesso, è possibile una gravidanza nelle donne con questa malattia. Una frequente complicazione della gravidanza con adenomiosi è la minaccia di interruzione, pertanto tali donne in gravidanza sono osservate in un gruppo ad alto rischio. Nella maggior parte dei casi l'osservazione attenta e la correzione tempestiva delle violazioni emergenti aiuta a evitare formidabili complicazioni.

Per quanto paradossale possa sembrare, in alcuni casi, la gravidanza può diventare una sorta di "metodo di trattamento" dell'adenomiosi, poiché si tratta di una "menopausa fisiologica" (un fatto noto è che l'adenomiosi è uno stato ormono-dipendente e regredisce con l'inizio della menopausa). In tale situazione, i focolai di adenomiosi diventano inattivi e cessano di crescere. È un errore credere che la malattia scompaia.

Qualsiasi caso di gravidanza complicato da adenomiosi richiede un approccio individuale. Un piano di osservazione e trattamento viene elaborato per ciascuno di questi pazienti e tiene conto di un gran numero di fattori e la forma e il grado di adenomiosi, la presenza di complicanze e la combinazione di adenomiosi con altri processi patologici nell'utero, ad esempio il mioma, sono importanti. Se prima dell'inizio della gravidanza, l'adenomiosi non causava lamentele di una donna ed era asintomatica, la sua gravidanza può procedere in sicurezza.

A volte le donne in gravidanza con adenomiosi si preoccupano dell'effetto della loro malattia sulle condizioni del feto. Tali paure sono infondate: l'adenomiosi non minaccia il normale sviluppo intrauterino del feto. Il trattamento delle donne in gravidanza con adenomiosi ha lo scopo di eliminare la minaccia di aborto spontaneo e l'interruzione prematura della gravidanza. A volte vengono utilizzati farmaci ormonali e terapia non ormonale per questo scopo, simili a quelli nelle donne con aborto spontaneo e fibromi uterini.

Sfortunatamente, la capacità del medico di curare l'adenomiosi in una paziente incinta è limitata. Le probabilità di successo aumentano se questa patologia viene rilevata prima della gravidanza, poiché l'arsenale di misure terapeutiche per l'adenomiosi nelle donne non in gravidanza è molto maggiore. Se una donna, sapendo di avere adenomiosi, ha intenzione di diventare madre, deve consultare un medico in anticipo per un trattamento adeguato.

Diagnostica

Per prescrivere un trattamento sicuro, vale la pena discutere il piano con un terapista, un ematologo, un endocrinologo e un gastroenterologo. Prima dell'intervento chirurgico, è necessaria una preparazione speciale. Innanzitutto, lo stato di salute attuale viene valutato utilizzando vari esami del sangue e delle urine. Sono anche determinati il ​​gruppo sanguigno e il fattore Rh (è necessaria una trasfusione durante l'intervento chirurgico). Riesaminare le macchie dalla vagina per determinare le condizioni della microflora. Controlla anche le condizioni del cuore e dei polmoni.

Queste precauzioni non sono sempre necessarie, ma evitano complicazioni e conseguenze negative..

Metodi diagnostici per l'adenomiosi:

  • esame ginecologico;
  • colposcopia;
  • Ultrasuoni degli organi pelvici;
  • studio delle sbavature;
  • laparoscopia, isteroscopia.

Segni di adenomiosi con ultrasuoni:

  • dimensioni d'organo ingrandite;
  • struttura eterogenea dello strato muscolare o ecogenicità eterogenea;
  • confine sfocato tra miometrio ed endometrio;
  • la presenza di focolai estranei nello strato muscolare;
  • forte ispessimento di una parete dell'utero.

Quando viene esaminato su una sedia ginecologica, il medico diagnostica un aumento dell'utero e la sua forma arrotondata. Confermare che la diagnosi consenta l'isteroscopia. Mostra punti sull'endometrio che corrispondono alle aree in cui il tessuto è cresciuto nello strato muscolare..

A volte, per la diagnosi, passare alla risonanza magnetica. La risonanza magnetica è indicata quando un'ecografia non trova segni affidabili di adenomiosi. Molto spesso questo si verifica con una forma nodulare, combinata con mioma uterino. Il metodo consente una diagnosi differenziale, cioè per distinguere i nodi dell'adenomiosi dai fibromi.

Qual è il pericolo di adenomiosi (endometriosi)?

L'endometriosi è considerata iperplasia benigna (proliferazione patologica dei tessuti), poiché le cellule endometriali migrate verso altri organi e tessuti mantengono la loro struttura genetica. Tuttavia, segni come la capacità di germinare in altri organi, la tendenza a diffondersi in tutto il corpo e la resistenza a influenze esterne - lo rendono correlato a tumori maligni.

La parola "benigna" parla anche della prognosi della malattia - di norma dura anni e decenni, senza portare a un grave esaurimento del corpo e alla morte. Tuttavia, come nel caso dell'iperplasia maligna (cancro, sarcoma, ecc.), L'adenomiosi (endometriosi) è difficile da trattare in modo conservativo e la chirurgia per questa patologia è molto più ampia rispetto al caso di tumori benigni, poiché è difficile da determinare il confine tra tessuto malato e tessuto sano.

La complicazione più comune dell'adenomiosi è dovuta al fatto che le cellule endometriali che funzionano in conformità con il ciclo mensile portano a forti emorragie, che sono piene di sviluppo di anemia acuta e / o cronica. In alcuni casi, i pazienti devono essere ricoverati in ospedale e persino operati con urgenza per emorragie potenzialmente letali.

L'adenomiosi è incline a diffondere il processo ad altri organi e tessuti, il che porta a lesioni sistemiche. Con la disposizione extragenitale delle cellule endometriali, sono possibili numerose complicazioni, che richiedono un intervento medico di emergenza (ostruzione intestinale con endometriosi del tratto gastrointestinale, emotorace (riempiendo la cavità pleurica di sangue) con endometriosi polmonare, ecc.).

E infine, un altro pericolo di endometriosi in generale, e adenomiosi in particolare, è la minaccia della trasformazione genetica maligna delle cellule migrate. Tale trasformazione è molto reale, poiché qualsiasi iperplasia ha una tendenza più o meno pronunciata alla malignità e in un nuovo posto le cellule endometriali sono costrette a esistere in condizioni estremamente avverse.

Trattamento di adenomiosi

Poiché l'endometriosi dipende dal contenuto di estrogeni nel sangue (questo è il modo in cui la situazione migliora durante la gravidanza, quando viene creato un basso livello fisiologico di estrogeni), i suoi farmaci mirano a sopprimere la secrezione di estrogeni.

Il focus dell'endometriosi risponde ai cambiamenti nel livello degli ormoni sessuali in un endometrio simile, ma non identico. Il metiltestosterone e altri farmaci androgeni (tranne il danazolo), così come il dietilsilbestrolo per l'endometriosi, non sono attualmente utilizzati, poiché sono inefficaci, hanno molti effetti collaterali e hanno un effetto avverso sul feto durante la gravidanza durante il trattamento.

Farmaci usati nel trattamento dell'adenomiosi

1) Contraccettivi orali: imitano la gravidanza, causano amenorrea e reazione deciduale dell'endometrio normale e focolai di endometriosi. Spesso con tale trattamento, si verifica la necrosi dei fuochi dell'endometriosi e la loro completa scomparsa. Per il trattamento, è possibile utilizzare qualsiasi contraccettivo orale contenente almeno 0,03 mg di etinilestradiolo. Iniziano in modo continuo per 6-12 mesi. Nel 60-95% dei pazienti si osserva una riduzione dei periodi dolorosi e dei dolori nell'addome inferiore. Il tasso di gravidanza immediatamente dopo il trattamento raggiunge il 50%. Il tasso di ricaduta è del 17-18% e aumenta ogni anno del 5-6%.

2) Progestogeni: abbastanza efficaci, a un costo inferiore (rispetto, ad esempio, al danazolo). Causa atrofia dei fuochi dell'endometrio. Di norma, vengono utilizzati i seguenti farmaci:

  • Gestrinone - 1,25-2,5 mg 2 volte a settimana; inibisce la crescita dei fuochi dell'endometriosi, ma non porta alla loro scomparsa. Porta all'amenorrea medica. Le mestruazioni vengono ripristinate un mese dopo l'interruzione del farmaco.
  • Dydrogesterone - 10 mg 203 volte / giorno
  • Il medrogxiprogesterone - il più studiato per l'endometriosi - viene utilizzato come segue: ad una dose di 30 mg / die elimina il dolore; può essere aumentato con l'individuazione.

Gli effetti collaterali di questo gruppo di farmaci includono: nausea, aumento di peso. Lo scarico sanguinante è possibile, per il sollievo di cui l'estrogeno è spesso prescritto in brevi corsi.

3) Androgeni. Danazolo: previene la crescita di vecchi focolai, causando amenorrea e nuovi focolai di endometriosi. Causa remissione prolungata nell'endometriosi ed è efficace in numerose malattie autoimmuni. Assegnare in una dose di 800 mg / die o 600 mg / die. In primo luogo, viene utilizzato in una dose di 200 mg 2 volte al giorno, quindi viene aumentato fino a quando si verifica l'amenorrea farmacologica e le manifestazioni della malattia iniziano a diminuire. Questo farmaco ha gravi effetti collaterali: aumento di peso, riduzione del desiderio sessuale, difetti estetici (acne, eruzione cutanea). Può danneggiare le cellule del fegato, quindi è controindicato nelle malattie del fegato. Annullato all'inizio della gravidanza, poiché il rischio di virilizzazione del feto femminile (comparsa di tratti sessuali maschili) è estremamente elevato.

4) Analoghi di gonadoliberin. Questi includono: leuprorelina, buserilina, nafarelina, histrelin, goserelin, ecc. Metodo di applicazione: per via intranasale (gocce o spray), per via sottocutanea o intramuscolare. Il trattamento deve essere eseguito fino a quando il livello di estradiolo nel siero nel sangue raggiunge i 20-40 pg / ml. Assicurati di controllare l'etinilestradiolo nel sangue, poiché la sua ulteriore riduzione può portare all'osteoparosi. Le complicanze includono: vaginite atrofica, riduzione del desiderio sessuale e osteoparosi. Per la prevenzione dell'ultima complicazione, è necessario terminare contemporaneamente con estrogeni e progestinici. L'osteoparosi rimane un problema urgente nel trattamento di questi farmaci (la più applicabile nel nostro paese è la buserilina), poiché il trattamento spesso dura più di 6 mesi, mentre la densità ossea è appena 6 mesi. inizia a declinare.

Che tipo di farmaco prescrivere, il medico decide in base alla gravità dell'adenomiosi e alla presenza di controindicazioni. Qualsiasi automedicazione dell'adenomiosi è impossibile e stupida in sostanza.

Trattamento chirurgico dell'adenomiosi

La chirurgia è uno dei trattamenti per l'adenomiosi. L'operazione viene eseguita solo in presenza di indicazioni dirette dopo un trattamento medico e fisioterapico preliminare..

Le indicazioni generali per il trattamento chirurgico dell'adenomiosi sono:

  • terapia ormonale inefficace per sei mesi o più;
  • processi adesivi (presenza di corde dal tessuto connettivo tra gli organi);
  • una combinazione di adenomiosi con mioma uterino (un tumore benigno dello strato muscolare dell'utero);
  • sanguinamento massiccio con adenomiosi, che non sono suscettibili di cure mediche;
  • malattie concomitanti in cui la terapia ormonale è controindicata;
  • alto rischio di cancro (cancro).

Le controindicazioni comuni al trattamento chirurgico sono:

  • rifiuto del paziente dal trattamento chirurgico;
  • malattie croniche nella fase acuta;
  • malattie infettive;
  • violazioni del sistema emostatico (un sistema biologico che mantiene il sangue allo stato liquido e in caso di violazione dell'integrità di un vaso sanguigno che interrompe il sanguinamento);
  • riduzione dell'immunità;
  • esaurimento generale del corpo;
  • grave anemia (anemia).

A seconda del volume di intervento, il trattamento chirurgico è suddiviso in:

  • interventi chirurgici preservanti gli organi;
  • chirurgia radicale.

Secondo il tipo di accesso all'intervento chirurgico, ci sono:

  • laparotomia: una parete addominale viene tagliata per accedere agli organi addominali;
  • laparoscopia - chirurgia con strumenti speciali attraverso piccole incisioni nell'addome sotto il controllo di un video endoscopio;
  • chirurgia vaginale - accesso all'utero attraverso la vagina senza danneggiare l'integrità della pelle.

Quando si sceglie un metodo di trattamento chirurgico vengono presi in considerazione:

  • età della donna;
  • grado di danno;
  • il desiderio della donna di avere figli;
  • la durata della malattia;
  • una combinazione di adenomiosi con altre malattie dell'utero;
  • gravità dei sintomi.

Chirurgia Radicale

Con la chirurgia radicale, gli organi genitali femminili interni (utero e ovaie) vengono completamente rimossi. Questo metodo di trattamento consente di eliminare completamente la malattia e la sua diffusione al di fuori dell'utero. La chirurgia radicale è un trattamento estremo.

Le indicazioni per il trattamento chirurgico radicale dell'adenomiosi sono:

  • progressione della malattia dopo 40 anni;
  • inefficienza del trattamento conservativo e del trattamento chirurgico di conservazione degli organi;
  • adenomiosi di grado III di forma nodulare diffusa in combinazione con mioma uterino (un tumore benigno dello strato muscolare uterino);
  • alto rischio di cancro;
  • adenomiosi con sintomi pronunciati;
  • trattamento di pazienti che non pianificano una gravidanza.

A seconda del volume di tessuto rimosso:

  • isterectomia subtotale - rimozione dell'utero con conservazione della cervice, delle ovaie, delle tube di Falloppio;
  • isterectomia totale - rimozione dell'utero e della cervice con conservazione delle tube di Falloppio e delle ovaie;
  • isterosalpingo-ovariectomia - rimozione dell'utero con ovaie e tube di Falloppio (Falloppio) preservando la cervice;
  • isterectomia radicale - rimozione di utero, ovaie, tube di Falloppio, cervice, vagina superiore, linfonodi e fibra pelvica circostante.

All'accesso operativo distinguere:

  • isterectomia laparotomica (chirurgia addominale);
  • isterectomia laparoscopica;
  • isterectomia vaginale (colpohysterectomy).

Dopo la rimozione dell'utero, può verificarsi la sindrome post-isterectomia - un complesso di sintomi che si verificano dopo la rimozione dell'utero con la conservazione di una o due ovaie. Il meccanismo di sviluppo è una violazione della microcircolazione delle ovaie e del verificarsi di zone di ischemia (zone con ridotto afflusso di sangue). La sindrome si manifesta come una diminuzione della capacità lavorativa, aumento della fatica, letargia, depressione, palpitazioni, aumento della pressione, aumento della sudorazione e tendenza al gonfiore.

Chirurgia di conservazione d'organo

Il principio della chirurgia che preserva l'organo è di asportare, cauterizzare le lesioni con la conservazione dell'organo. Le operazioni vengono eseguite con il metodo laparoscopico, cioè utilizzando strumenti speciali attraverso piccole incisioni nell'addome. Questo metodo non elimina completamente la malattia, ma mantiene la funzione fertile delle donne. Pertanto, questo tipo di intervento chirurgico è indicato per le donne che pianificano una gravidanza..

Le indicazioni per la chirurgia di conservazione degli organi sono:

  • adenomiosi dell'II - III stadio con iperplasia (aumento del volume dei tessuti dovuto ad un aumento del numero di cellule) dell'endometrio;
  • aderenze nell'area delle tube di Falloppio;
  • inefficienza del trattamento conservativo;
  • la presenza di malattie somatiche in cui è impossibile un trattamento ormonale prolungato - diabete mellito, epilessia, gravi patologie epatiche e altri;
  • cisti (cavità patologiche con contenuto) delle ovaie;
  • il desiderio di una donna di avere figli in futuro;
  • sintomi gravi di adenomiosi;
  • giovane età del paziente;
  • processi purulenti degli organi genitali femminili.

Con la laparoscopia, viene utilizzato il metodo acuto di escissione del tessuto usando un bisturi o cauterizzazione (coagulazione) usando vari tipi di energia.

Durante l'operazione, utilizzare:

  • elettrocoagulazione: con l'aiuto di speciali utensili elettrici, la cauterizzazione (coagulazione) dei fuochi dell'adenomiosi viene effettuata a causa dell'influenza della corrente elettrica costante su di essi;
  • coagulazione laser - cauterizzazione dei fuochi dell'adenomiosi sotto l'influenza di un laser chirurgico;
  • coagulazione del plasma di argon - distruzione dei tessuti se esposta a un'onda radio amplificata da un gas inerte - argon;
  • perforazione laser (laser a olmio): la creazione di canali nel miometrio, che impedisce la diffusione della patologia, è adatta per il trattamento dell'adenomiosi diffusa.

Rimedi popolari

Insieme al trattamento farmacologico (con il permesso di un medico), possono essere utilizzati rimedi popolari per il trattamento dell'adenomiosi. Ci sono molti preparati a base di erbe che devono essere presi non solo a scopi terapeutici, ma anche per il rafforzamento generale del corpo, aumentare l'immunità. È importante ricordare che qualsiasi trattamento alternativo deve essere negoziato con il medico.

Ricette di decotti e infusi:

  • Le foglie di piantaggine (un cucchiaio) devono essere tritate e quindi versare acqua bollente ripida. Insisti su questo brodo per almeno due ore. Modo di somministrazione: dividere il brodo in 4 dosi. Il primo è necessariamente a stomaco vuoto e il resto: durante il giorno, prendere un decotto non deve essere associato al mangiare.
  • Il brodo di ortica aiuterà a fermare l'emorragia mestruale, alleviare l'infiammazione nell'utero e accelerare il metabolismo. Preparazione del brodo: è necessario versare due cucchiai di ortica con un bicchiere di acqua bollente. Lascialo fermentare e raffreddare. Metodo di somministrazione: dividere il contenuto del bicchiere in quattro o cinque ricevimenti, utilizzare durante il giorno.
  • Le proprietà curative del succo di barbabietola da tavola fresco. Modo di somministrazione: assumere cento grammi di succo fresco ogni mattina prima dei pasti.
  • Per rafforzare il miometrio, dovrebbe essere preso un ciclo di trattamento con un decotto dalla borsa di un pastore. Preparazione: versare un cucchiaio di un bicchiere di (uno) acqua bollente. Insisti un'ora. Modo di somministrazione: assumere almeno quattro volte al giorno, un cucchiaio pieno. Importante: mezz'ora prima di un pasto.
  • La corteccia di viburno è un altro rimedio unico per la lotta contro l'adenomiosi. Preparazione: la corteccia di viburno (un cucchiaio) viene anche versata con un bicchiere di acqua bollente, assicurati di insistere per circa un'ora. Metodo di somministrazione: solo tre cucchiai due volte al giorno, non è necessario associarsi a un pasto.

I decotti di erbe per combattere l'adenomiosi non possono che essere usati per irrigare. Un esempio della ricetta più efficace: corteccia di quercia, vischio, eucalipto, peonia, achillea e calendula sono presi in parti uguali, quindi la miscela viene versata con acqua bollente e deve essere infusa per un'ora. Può essere usato quotidianamente per la pulizia.

Recensioni delle donne

Julia 33 g, Sochi

L'adenomiosi è stata rilevata dopo la nascita del bambino. Passò un anno e mezzo, iniziarono forti dolori al basso ventre. Il dottore fece una diagnosi. Sono stato trattato con metodi non convenzionali. Dopo un ciclo di tintura a base di erbe, il dolore è sparito. Un anno dopo è riapparsa, penso all'irudoterapia.

Antonina 35 L, Mosca

L'endometriosi è stata diagnosticata 10 anni fa. Il medico ha avvertito che la malattia non è completamente trattata. Ho visto il controllo delle nascite Janine. Ho partorito tre anni fa. La gravidanza è stata difficile, ora bevo ancora Janine. Tutto è normale, nessun dolore.

L'endometriosi è una malattia grave, che si verifica spesso in forma latente. Il desiderio di una donna di proteggersi risiede solo in regolari esami ginecologici, superando test. La patologia rappresenta una minaccia per la funzione riproduttiva. Conformità con le raccomandazioni del medico, la cura di sé è l'unico modo per la salute.

Prevenzione

La prevenzione dell'adenomiosi uterina si riduce principalmente alle visite regolari da un ginecologo. Lo specialista può interpretare correttamente tali sintomi in modo tempestivo e prescrivere un trattamento adeguato.

  1. Ultrasuoni del bacino, 1-2 volte l'anno.
  2. I ginecologi ritengono che lo stress e il costante superlavoro influenzino notevolmente la salute delle donne e, naturalmente, possono portare allo sviluppo di adenomiosi. Per prevenire l'insorgenza della malattia, una donna deve: riposare di più, fare bagni rilassanti, partecipare a un massaggio, più spesso essere in un'atmosfera calma e confortevole.
  3. Mantenere il corpo pulito. Le ragazze che ignorano le regole dell'igiene personale fin dalla tenera età sono più inclini a questo tipo di malattia. E anche quelli che fanno sesso durante l'infanzia e l'adolescenza.

L'attitudine attenta alla salute è il modo principale per prevenire non solo l'adenomiosi, ma anche altre malattie altrettanto pericolose.

previsione

L'adenomiosi è una malattia con un decorso cronicamente recidivante. Le statistiche sulle ricadute dopo un trattamento non radicale di successo (terapia conservativa, chirurgia di conservazione degli organi) sono circa del 20% all'anno. Dopo cinque anni, il numero di recidive raggiunge il 74%.

L'effetto più duraturo si osserva con l'uso combinato di metodi chirurgici (operazioni di conservazione degli organi) e conservativi (terapia ormonale) per il trattamento dell'adenomiosi, tuttavia, nella maggior parte dei casi, le ricadute sono ancora inevitabili.

La prognosi nelle donne in premenopausa è leggermente migliore, poiché con l'estinzione fisiologica della funzione ovarica, l'attività del processo diminuisce. Nei pazienti sottoposti a chirurgia radicale (rimozione dell'utero e delle ovaie), il processo non riprende.

Adenomiosi focale

L'adenomiosi focale è una forma di endometriosi genitale. Nella stragrande maggioranza dei casi, si trova nelle donne dopo i 40 anni sullo sfondo di aborti strumentali ripetuti, altri interventi intrauterini chirurgici.

Questa malattia cronica induce lo sviluppo del leiomioma uterino, riduce significativamente la qualità della vita di una donna e rimane un problema irrisolto della ginecologia moderna.

Adenomiosi uterina focale - che cos'è?

Adenomiosi o endometriosi interna - crescita benigna dello strato basale dell'endometrio nel miometrio con formazione di focolai endometrioidi nello spessore della parete uterina.

L'adenomiosi focale - una forma locale di adenomiosi - sembra essere un focus singolo o multiplo di ghiandole ectopiche e stroma endometriale circondato da fibre muscolari lisce alterate.

In altre parole, con l'adenomiosi focale, il tessuto endometrioide non influenza l'intero utero, ma un'area limitata della parete uterina.

Forme di adenomiosi:

  • Diffondere
  • Focal
  • di nodo
La prevalenza di varie forme di adenomiosi

Numerosi autori considerano l'adenomiosi focale come un precursore di un processo diffuso comune.

Forma focale diffusa di adenomiosi

L'adenomiosi focale isolata è piuttosto rara (non più del 7% di tutti i casi della malattia). Molto più spesso, si osserva una forma mista di focale diffusa di adenomiosi di 2-3 gradi, quando un grande focus endometrioide locale è combinato con piccole lesioni sparse in tutto il miometrio.

Qual è il pericolo di germinazione endometriale nel miometrio?

Aumentando la sua vitalità, le cellule endometriali ectopiche sviluppano proprietà che sono aggressive per i tessuti circostanti:

  • Per indebolire l'immunità locale, producono prostaglandine in grandi quantità - sostanze bioattive che inducono infiammazione, gonfiore e dolore.
  • Per mantenere la loro crescita attiva, i tessuti del focus adenomico sintetizzano autonomamente gli estrogeni e creano uno squilibrio ormonale locale (estrogenismo locale).
  • Evitando il controllo ormonale totale, il tessuto adenomiotico diventa insensibile al progesterone, un ormone che sopprime la crescita proliferativa delle ghiandole al centro della malattia.

Allo stesso tempo, il tessuto endometrioide rimane un analogo della mucosa uterina, quindi si "mestruerà" durante le mestruazioni. Una parte del prodotto sanguinante viene scaricata nella cavità uterina lungo i passaggi endometriotici, inducendo a secernere "secrezioni di cioccolato", pesanti lunghi periodi che portano all'anemia secondaria. L'altra parte - si accumula nel lume delle ghiandole ectopiche, formando una grande cisti (forma cistica di adenomiosi focale).

Il tessuto endometrioide è incline alla crescita infiltrativa. Anche l'adenomiosi uterina minima nel 40-50% dei casi è combinata con endometriosi retrocervicale o extragenitale dell'intestino, altre strutture della piccola pelvi.

L'invasione dell'endometrio ectopico disorganizza il miometrio. L'infiammazione cronica e gli estrogeni associati inducono compattazione, ingrossamento e trasformazione delle fibre muscolari, formazione di noduli leiomiomatosi e corde muscolari lisce.

L'adenomiosi focale diffusa nell'80-90% dei casi è combinata con mioma uterino multiplo

Un processo patologico intrauterino viola lo stato immunitario e ormonale generale di una donna. Nei pazienti con adenomiosi, vengono rilevati disturbi strutturali e funzionali delle ovaie, iperplasia endometriale, disfunzione dei centri di regolazione neuroendocrina, disturbi autoimmuni, nevrotici e metabolici.

Cause di adenomiosi focale

Tra le molte ipotesi sull'aspetto dell'endometriosi nello sviluppo dell'adenomiosi, il ruolo principale è svolto da:

  • Predisposizione genetica - tendenza congenita alla penetrazione di particelle endometriali nel miometrio in determinate fasi del ciclo mestruale.
  • Lo spostamento dell'endometrio attraverso un miometrio ferito durante un danno meccanico o infiammatorio alla zona miometriale intermedia o di transizione (Junctional Zone, JZ), che è soggetta all'endometrio, è una barriera tissutale naturale tra gli strati mucosi e muscolari della parete uterina.

Il 95% dei pazienti con adenomiosi in passato ha avuto aborti medici. 75% - sono stati sottoposti a curettage diagnostico separato della mucosa uterina. 3% - I dispositivi contraccettivi intrauterini sono stati utilizzati per lungo tempo, il cui uso è stato complicato da endo e / o miometrite cronica.

Fattori che aumentano il rischio di sviluppare adenomiosi focale:

  • Chirurgia ginecologica: aborto strumentale, taglio cesareo, isteroresectoscopia, curettage diagnostico “cieco”, ispezione manuale della cavità uterina, ecc..
  • Installazione inadeguata e / o usura prolungata dei sistemi contraccettivi intrauterini.
  • Infiammazione genitale.
  • Adenomiosi "familiare" - predisposizione congenita alla malattia, ereditata da parenti stretti.
  • Immunità compromessa.
  • Stress cronico.
  • Disturbi metabolici, obesità.
  • Ipertensione.
  • Malattie endocrine, incluso il diabete.
  • Patologia gastrointestinale.
  • Tonsillite cronica.
  • Cattiva ecologia, scarso ambiente medico e sociale.
  • alcool.
  • Hypodynamia.
Torna al sommario

Sintomi di adenomiosi focale

  • Sindrome del dolore pelvico: persistente, non correlato alle mestruazioni, tirando dolori nell'addome inferiore, irradiandosi nella parte bassa della schiena e / o del retto.
  • Mestruazioni dolorose.
  • Rapporto doloroso.
  • Individuazione di una scarica sanguinolenta (marrone o "cioccolato") dai genitali: contatto aciclico, prima e / o dopo le mestruazioni.
  • Mestruazioni pesanti (ipermenorrea).
  • A volte: sanguinamento uterino disfunzionale.
  • A volte: anemia postemorragica (secondaria).
  • Aborti spontanei, parto prematuro, emorragia postpartum anormale.
  • Infertilità.

L'adenomiosi focale può essere asintomatica?
SÌ!
Nel 12% dei pazienti, la malattia viene rilevata per caso, mediante ultrasuoni, durante un esame di routine.

Diagnosi di adenomiosi focale

Fino all'80% dei casi di adenomiosi focale viene diagnosticato in tarda età riproduttiva o in premenopausa. Ma la vera durata della malattia dall'inizio del suo sviluppo al momento del rilevamento è quasi impossibile da determinare.

La diagnosi di adenomiosi inizia con un'accurata raccolta di lamentele e un esame ginecologico oggettivo del paziente.

Il metodo strumentale primario per identificare qualsiasi patologia intrauterina rimane l'ecografia: la scansione ad ultrasuoni degli organi pelvici mediante un trasduttore vaginale (ecografia transvaginale).

L'accuratezza della diagnostica ecografica della forma focale diffusa di adenomiosi di 1-3 gradi raggiunge il 96%

Nonostante l'alto valore informativo degli ultrasuoni, spesso sorgono alcune difficoltà nell'interpretazione dei risultati della ricerca: è difficile distinguere l'adenomiosi focale da focale diffusa o nodulare, da fibromi o malformazioni uterine.

L'ecografia dell'utero con adenomiosi deve essere eseguita in dinamica: pochi giorni prima e dopo le mestruazioni.

Segni ecologici di adenomiosi focale

Secondo i risultati degli ultrasuoni, la malattia può essere assunta solo. Come parte di un ulteriore esame e chiarimento della diagnosi, viene eseguita una risonanza magnetica..

Una direzione promettente per la verifica dell'adenomiosi focale è la spettroscopia RM, che valuta le caratteristiche del metabolismo nel locus della malattia.

Isteroscopia con curettage diagnostico separato ed esame istologico dei tessuti rimossi
con adenomiosi focale, viene principalmente eseguito per escludere / confermare patologia benigna (iperplasia, polipo) o maligna (adenocarcinoma) dell'endometrio in combinazione con adenomiosi.

Se l'isteroscopia non visualizza segni di adenomiosi, ciò non esclude la possibilità di un processo endometrioide focale nello spessore del miometrio.

Adenomiosi uterina focale - trattamento

La scelta del metodo di trattamento per l'adenomiosi focale presenta spesso un grosso problema e dipende in gran parte dall'età del paziente, dalla prevalenza di adenomiosi, dalla gravità delle manifestazioni cliniche e dalla presenza di malattie genitali e somatiche concomitanti.

Stadio o grado di diffusione dell'adenomiosi

adenomiosiPrevalenza
1 grado
minimo
L'invasione endometriale del miometrio è limitata alla zona di transizione (JZ)
2 gradi
leggero
La germinazione del tessuto endometrioide nel miometrio è limitata alla metà dello spessore della parete uterina
3 gradi
moderare
La sconfitta dell'intero spessore della parete uterina alla membrana sierosa (esterna) dell'utero, senza germinazione in esso
4 gradi
pesante
Invasione del processo patologico nella membrana sierosa e oltre l'utero

Le tattiche del trattamento dell'adenomiosi sono sempre coordinate con il paziente e, in primo luogo, non si basano sui risultati degli ultrasuoni, ma su lamentele e un quadro clinico oggettivo..

Adenomiosi focale di 1 e 1-2 gradi - trattamento

Un certo numero di esperti ritiene che se un paziente non ha lamentele sulla salute, non ci sono manifestazioni cliniche di una presunta malattia (non confermata dall'istologia), quindi il trattamento ormonale non è prescritto. Si consiglia l'esame del ginecologo e il controllo degli ultrasuoni ogni 6 mesi.

Allo stesso tempo, molti ricercatori insistono sull'adeguatezza del trattamento restrittivo a lungo termine di forme lievi di adenomiosi con contraccettivi orali monofasici a basso dosaggio o gestageni puri (orale, intrauterino) con carico minimo (dienogest, levonorgestrel) fino alla gravidanza pianificata o all'insorgenza della menopausa naturale.

Adenomiosi focale 2 e 2-3 gradi - trattamento

La gestione dell'adenomiosi focale di grado da lieve a moderato dipende dalla forma e dalla gravità delle manifestazioni cliniche della malattia.

Analgesici, FANS sono usati per trattare il dolore minore..

In caso di sintomi più significativi, viene eseguita la terapia ormonale conservativa..

Preparativi per il trattamento dell'adenomiosi focale

(secondo le raccomandazioni delle comunità cliniche internazionali, è necessaria la consultazione con il medico curante)

La terapia del primo stadio non richiede la conferma istologica della diagnosi. Applicabile:

  • COC monofasico in modalità continua:
    farmaco di scelta - "Janine" (dienogest + etinilestradiolo).
    Generici: "Silo", "Bonade", "Dieziklen"
  • Progestogeni in modalità continua:
    droga di scelta - "Vizanna" (dienogest).

Reclami dei pazienti: dolore pelvico, mestruazioni pesanti prolungate.

Risultati degli ultrasuoni: nell'angolo sinistro dell'utero più vicino al tegumento esterno (sieroso), è stata trovata una formazione eteroecogena di 3,5 x 5,3 x 4,2 cm con contenuti fini all'interno, con un bordo periferico iperecogeno fino a 2 cm. Deformazione del miometrio esterno. Segni di adenomiosi focale.

Risultati della risonanza magnetica: adenomiosi focale confermata.

È stato proposto un trattamento chirurgico, che il paziente ha rifiutato.

Assegnato: droga "Vizanna" in modalità continua.

Effetto clinico: positivo.

La terapia del secondo stadio è prescritta se la terapia del primo stadio è inefficace o intollerante:

  • LNG-Navy "Mirena" (levonorgestrel)
  • Corso A-GnRH non più di 24 settimane:
    Scelta dell'esperto - Diferelin (triptorelina)
    Generici: deposito di Decapeptil, triptorelina lunga
    A-GnRH popolare: Zoladex (Gozorelin), Buserelin.

Focale, focale diffusa
adenomiosi 3, 3-4 gradi - trattamento

L'adenomiosi isolata moderatamente grave e grave è estremamente rara. Più spesso è combinato con mioma uterino, patologia ovarica, iperplasia endometriale e / o miometrio, è accompagnato da sintomi gravi e viene prontamente trattato.

Reclami dei pazienti: forte dolore pelvico.

Risultati degli ultrasuoni: Sulla costola uterina sinistra nel terzo inferiore del miometrio, è stata trovata una massa eteroecogena che misura 4,3 x 5,1 x 3,5 cm con una zona esterna di maggiore ecogenicità. Deformazione del miometrio esterno con rigonfiamento nella cavità addominale. Segni di adenomiosi focale.

Risultati della risonanza magnetica: presumibilmente adenomiosi focale.

Trattamento chirurgico conservativo: laparoscopia terapeutica protettiva di successo con escissione del focus patologico e successivo restauro della parete uterina.

La diagnosi istologica: adenomiosi focale.

L'operazione è d'obbligo?

Indicazioni per il trattamento chirurgico dell'adenomiosi focale:

  • Inefficienza della terapia conservativa.
  • Sanguinamento uterino mestruale o aciclico associato ad adenomiosi, che porta ad anemia, resistente ai farmaci.
  • Dolore pelvico cronico, dispareunia, abbassamento significativo del tenore di vita, resistente al trattamento farmacologico.
  • Adenomiosi in combinazione con un'altra patologia ginecologica che richiede un trattamento chirurgico.
  • Adenomiosi diffusa-nodale di 3-4 gradi.
  • Disfunzione associata ad adenomiosi degli organi adiacenti all'utero.

Nelle giovani donne che sono interessate a preservare la fertilità, viene eseguita, se possibile, la chirurgia plastica ricostruttiva che preserva gli organi. Accesso chirurgico ottimale - Laparoscopico.

Nelle donne in pre e postmenopausa, viene eseguita un'amputazione sopravaginale o totale (completa) dell'utero - isterectomia.

Isterectomia - un risultato sfavorevole di diagnosi tardiva o terapia farmacologica inadeguata di adenomiosi

La rimozione totale dell'utero è una misura necessaria, il triste risultato della visita tardiva dal medico da parte della donna, la scelta sbagliata della terapia conservativa o le ragioni personali del paziente per rifiutare il trattamento ormonale raccomandato.

Ogni donna che non rispetta i farmaci prescritti per il trattamento medico dell'adenomiosi deve essere consapevole delle possibili conseguenze negative di tale decisione..

Possibili conseguenze a lungo termine dell'isterectomia Torna al sommario

Gravidanza con adenomiosi focale

L'adenomiosi focale porta alla disfunzione dell'endometrio e del miometrio, quindi spesso diventa la causa della patologia ostetrica: aborti spontanei nelle prime fasi, parto prematuro, emorragia postpartum.

L'adenomiosi svolge un ruolo importante nello sviluppo dell'infertilità nelle donne. Tuttavia, è possibile una gravidanza con tale diagnosi. L'esame e il trattamento chirurgico conservativo dell'infertilità nei pazienti con adenomiosi focale vengono effettuati come con infertilità di origine sconosciuta.

La laparoscopia medica aumenta la capacità riproduttiva, aumenta le possibilità di una gravidanza spontanea e migliora i risultati della fecondazione in vitro.

Possibile gravidanza con adenomiosi

Si noti che il trattamento dell'adenomiosi con dienogest e A-GnRH non riduce la riserva ovarica delle ovaie, non influisce negativamente sulla fertilità del paziente dopo un ciclo di trattamento. 3-6 mesi di assunzione di A-GnRH prima della procedura ART aumentano la frequenza della gravidanza clinica di 4 volte.

Prevenzione della forma focale di adenomiosi

Data la patogenesi complessa e non completamente studiata della malattia endometrioide, non ci sono metodi di prevenzione garantiti per alleviare l'adenomiosi focale.

Misure che riducono il rischio di sviluppare adenomiosi focale: prevenzione delle malattie ginecologiche

  • Pianificazione della gravidanza (aborto).
  • Evitare irragionevoli interventi chirurgici intrauterini, operazioni sull'utero.
  • Trattamento adeguato delle malattie ginecologiche infiammatorie.
  • Attuazione tempestiva del piano riproduttivo, nascita naturale.
  • Contraccezione orale ormonale.
  • Contraccezione di barriera (rapporto sessuale protetto), igiene sessuale (evitare infezioni a trasmissione sessuale).
  • Uno stile di vita sano.
  • La lotta contro l'obesità, mantenendo un peso corporeo normale.
  • Attività fisica.
  • Esame di dispensario presso il ginecologo 1 volta in 12 mesi.