Metodi per il trattamento e la prevenzione dei polipi endometriali nell'utero

Teratoma

Un polipo endometriale è una neoplasia che si sviluppa a causa dell'iperplasia delle cellule dello strato epiteliale uterino interno. Questo processo patologico si sviluppa più spesso nel dare alla luce pazienti che non partorire, la cui età supera i 30 anni.

Nelle fasi iniziali, il suo diametro non supera alcuni millimetri, e successivamente può crescere fino a 3 cm I polipi sembrano singoli e multipli. Sono sempre attaccati al corpo dell'utero con l'aiuto di una gamba, nel corpo di cui si trovano i vasi, si nutrono e riforniscono di sangue a questa crescita patologica.

Cause di polipi nell'utero

La causa principale dell'evento è la disfunzione ormonale, che si verifica nel corpo della donna durante la menopausa. Ma la causa dell'apparenza, potrebbero esserci altri processi patologici..

Questi includono:

  1. Violazione della ghiandola pituitaria e ipotalamo. Sono responsabili del funzionamento stabile delle ovaie, in cui vengono prodotti estrogeni e progesterone..
  2. Tumori dell'appendice che causano un'eccessiva produzione di ormoni.
  3. Patologia dei processi metabolici che portano all'obesità.
  4. Fallimento del corretto funzionamento del sistema immunitario.
  5. Uso frequente e prolungato di preparati ormonali e loro analoghi, contraccettivi ormonali.
  6. Chirurgia eseguita sulle ovaie, cervice.
  7. Trauma permanente ai tessuti endometriali, che porta a frequenti infiammazioni (uso di una spirale).
  8. Operazioni e procedure traumatiche nella cavità uterina (raschiature a scopo di diagnosi, aborto).
  9. Annessite cronica ed endometrite.
  10. Diabete mellito.
  11. Interruzione della gravidanza nelle fasi successive o parto in cui il posto fetale (placenta) non è stato completamente rimosso.
  12. A volte questa patologia si verifica nelle donne se, nella loro famiglia (madre o nonna), sono state osservate malattie come fibromi uterini, polipi endometriali, adenomiosi.
  13. A volte nell'eziologia dello sviluppo può comparire iperattività della corteccia surrenale, in cui gli ormoni vengono prodotti intensamente prima della menopausa.

La manifestazione di tutte queste cause non indica che questa patologia si svilupperà con una probabilità del cento per cento, ma la eliminerà soltanto.

Varietà di polipi

I polipi endometriali sono composti da cellule dello strato basale uterino. Possono differire nella loro struttura morfologica..

Si distinguono i seguenti tipi di polipi:

  1. Ghiandolare. La loro struttura si basa sull'ingrediente ghiandolare, include stroma e un alto contenuto di ghiandole. A volte nella sua composizione ci sono ghiandole alterate che ricordano le cisti.
  2. Tessuto fibroso o connettivo. È costituito da fibre di collagene e praticamente non contiene tessuto ghiandolare.
  3. Fibroso ghiandolare. Questo è un polipo endometriale, che consiste in proporzioni quasi uguali di tessuto ghiandolare e fibroso.
  4. Adenomatosa. Il polipo endometriotico nella sua struttura ha cellule alterate (sono una condizione precancerosa).

Nella classificazione, si distinguono due forme cliniche di polipi:

  1. Forma dipendente dall'ormone. Il più comune (osservato al 70 percento). Le sue cause sono i disturbi endocrini, che portano a diabete, ipertensione, eccesso di chilogrammi. Questa forma di polipi endometriali ha una prognosi pericolosa, in quanto può causare il cancro.
  2. Forma autonoma (presente nel 30% dei pazienti). Con lo sviluppo di questa forma, non si verificano più spesso patologie ormonali ed endocrine. I polipi hanno una struttura fibrosa e, solo in rari casi, fibrosi ghiandolari.

Sintomi della formazione di polipi

Di norma, questa malattia viene rilevata per caso, durante una visita medica, che include un esame ecografico.

Nei giovani pazienti, questa diagnosi diventa spesso la ragione dell'incapacità di rimanere incinta. Questo è il motivo della visita dal ginecologo, dove all'esame viene rilevato questo processo patologico.

I segni più comuni di polipi possono essere i seguenti sintomi:

  • Negli intervalli tra le mestruazioni, può apparire una scarica dalla vagina di natura sanguinante, di varia intensità.
  • Il ciclo mestruale può verificarsi in modo irregolare e può essere molto doloroso.
  • Può ferire il bacino e la parte bassa della schiena.
  • Dopo il rapporto, può verificarsi sanguinamento.
  • In caso di infezione da polipo, le perdite vaginali hanno un odore sgradevole persistente.

Ci sono anche segni secondari che sorgono come conseguenza di questa patologia:

  • A causa di sanguinamenti frequenti e pesanti, il paziente può mostrare segni di anemia.
  • La pelle diventa pallida.
  • La fatica aumenta, si verifica un guasto..
  • Eccessiva irritabilità.
  • Il paziente può essere accompagnato da rumori e ronzii nelle orecchie.
  • Durante la menopausa, le donne soffrono di sanguinamento uterino persistente e abbondante.

Diagnosi della malattia

All'inizio, il ginecologo raccoglie un'anamnesi. Nel corso della sua analisi, viene rivelato un chiaro motivo per cui la donna si lamenta.

Di solito in pazienti la cui età non supera i 35 anni, la prima lamentela è l'incapacità di rimanere incinta. Le donne che subiscono cambiamenti legati all'età e soffrono di menopausa possono essere trattate a causa di sanguinamento persistente.

Dopo un esame esterno, il ginecologo esegue un esame vaginale, determina la dimensione dell'utero, la sua struttura, il dolore.

A volte un esame esterno può indicare la presenza di un polipo nell'endometrio, che appare come risultato di cambiamenti endocrini e ormonali.

In tali pazienti, si può notare:

  • Sovrappeso.
  • Malattia ipertonica.
  • Virilizzazione di tipo maschile (crescita dei capelli).
  • Diabete.

Questa è tutta una manifestazione indiretta, ma fanno riflettere il medico sulla presenza di una grave patologia.

Per differenziare e fare una diagnosi accurata, è prescritto il seguente tipo di esame:

  • Ultrasuoni degli organi retroperitoneali.
  • Isteroscopia.
  • Raschiare lo strato interno dell'utero.
  • Istologia delle cellule endometriali.

Metodi per il trattamento dei polipi endometriali

Il principale metodo di trattamento del polipo endometriale uterino è l'intervento chirurgico. Qualsiasi tipo di polipo endometriale richiede la loro rimozione il più presto possibile..

Eseguire trattamenti conservativi con l'aiuto di farmaci medici tradizionali o tradizionali non ha risultati positivi, i polipi non hanno le proprietà di auto-riassorbimento.

Intervento chirurgico

Tipi di intervento chirurgico:

  • Il metodo del curettage ginecologico prevede la completa rimozione meccanica dello strato interno dell'epitelio uterino. Per questa procedura, è possibile utilizzare sia l'anestesia locale sia l'anestesia generale. Il principale svantaggio di questa procedura è l'incapacità di rimuovere le gambe del polipo. Molto spesso, tale operazione viene eseguita su pazienti donne durante lo sviluppo della menopausa..
  • Isteroscopia terapeutica È un'operazione mirata. Durante la conduzione, viene utilizzata l'anestesia generale. Una speciale mini-videocamera viene introdotta nella cavità uterina, viene rilevato un polipo e, senza toccare il tessuto sottostante, viene rimosso insieme alla gamba, come se si torcesse. Questo metodo è comune ed efficace..
  • I metodi fisici vengono utilizzati per rimuovere piccoli polipi:
    • Rimozione del polipo laser.
    • Criodistruzione.
    • Radioterapia.
    • elettrocoagulazione
  • Isterectomia. Questa è la tecnica chirurgica più radicale. Viene prodotto se i tessuti endometriali sono colpiti da polipi adenomatosi. Un tale sviluppo del processo patologico può portare alla comparsa di un tumore maligno. Pertanto, l'uso di questa tecnica è caratterizzato dalla completa rimozione dell'utero. Molto spesso, tale operazione viene eseguita durante la menopausa..

Perché rimuovere il polipo endometriale?

Se il paziente ha una diagnosi finale del polipo endometriale, ciò significa che è necessario un intervento chirurgico urgente. Nessun trattamento conservativo darà un effetto positivo al 100%.

Ritardare i tempi e ritardare l'operazione può portare allo sviluppo di conseguenze indesiderabili. La principale causa di preoccupazione è la possibilità che il polipo degeneri in una neoplasia maligna.

Questo è pieno di conseguenze, soprattutto per le donne in età riproduttiva, perché con una tale diagnosi è necessario produrre un'ectomia completa dell'utero. E l'ulteriore gravidanza è impossibile.

Conseguenze dopo la rimozione dei polipi

  1. Le conseguenze indesiderabili nel periodo postoperatorio includono la comparsa di aderenze e cicatrici, che possono prevenire l'inizio della gravidanza. Ma a causa del fatto che i metodi moderni possono rimuovere accuratamente i polipi endometriali, la manifestazione di tali conseguenze è estremamente rara. Per prevenire lo sviluppo di aderenze, una donna deve sottoporsi a un ciclo completo di trattamento antibiotico dopo l'intervento chirurgico.
  2. Se l'aspetto del polipo coincide con la gravidanza, le conseguenze possono essere imprevedibili. La gravidanza è considerata gravata e per tutta la sua durata, il rischio di aborto aumenta notevolmente. Ciò è dovuto all'aumento dello sfondo ormonale del corpo, che aumenta la quantità di muco nell'utero. Se un uovo fecondato si trova nell'area di localizzazione del polipo, questo può portare a una violazione dell'afflusso di sangue al futuro feto. Di conseguenza, riceverà meno nutrienti e ossigeno. Tali conseguenze portano all'ipossia del neonato. E un bambino può nascere con gravi patologie e anomalie nello sviluppo mentale e fisico.

Complicazioni di poliposi

Le complicanze più importanti della poliposi endometriale sono:

  1. Anemia, che è una conseguenza della costante perdita di sangue durante il sanguinamento mestruale.
  2. È estremamente raro che si possa sviluppare infertilità..
  3. Con un trattamento prematuro, molti nuovi (poliposi) possono crescere da un polipo.
  4. I polipi fibrosi ghiandolari dell'endometrio possono degenerare e trasformarsi in neoplasie maligne.

Trattamento farmacologico

La riabilitazione nel periodo postoperatorio deve essere eseguita con l'uso di agenti ormonali, contribuiscono al normale ripristino dei tessuti endometriali e hanno un effetto positivo nella normalizzazione del ciclo mestruale. Il corso del trattamento può durare da 4 mesi a sei mesi.

In questi casi, esiste una destinazione per la somministrazione orale contraccettiva:

Tattiche variabili per il trattamento dei polipi adenomatosi dell'utero

Tempo di lettura: min.

Considerando gli aspetti istologici delle neoplasie iperplastiche precisamente adenomatose della cavità uterina, la tendenza di queste formazioni patologiche alla malignità, è questa forma istologica di polipi che è considerata precancerosa, le tattiche di gestione di tali donne necessitano di un esame approfondito, analisi dell'adeguatezza della prescrizione di un particolare metodo di trattamento.

Nome di ServizioPrezzo
Consultazione iniziale con un ginecologo2 300 sfregamenti.
Esperto ginecologico ad ultrasuoni3 080 sfregamenti.
Somministrazione contraccettiva intrauterina4 500 sfregamenti.
Isteroscopia22 550 rub.
Ripetuta consultazione dal ginecologo1 900 rub.
Presa di un'impronta di striscio (raschiatura) per esame citologico500 sfregamenti.
Laparoscopia (1 categoria di difficoltà)61000 rub.
Programma per la salute delle donne dopo 40 anni31 770 rub.
Trattamento della cervice (farmaco) per 1 procedura800 sfregamenti.
Curettage diagnostico12000 rub.

Alla rilevazione iniziale del polipo endometriale, nessuno sa che tipo di formazione sarà questo tessuto. È preferibile l'isteroresectoscopia con coagulazione di un letto di un dato polipo..

Dopo il trattamento chirurgico obbligatorio è necessaria una terapia antibatterica e antinfiammatoria con un'ulteriore serie di studi volti a identificare l'eziopatogenesi di questa formazione. Se necessario, tale trattamento può essere integrato con farmaci antivirali e immunomodulanti..

Dopo aver ottenuto i risultati di un esame istologico, possiamo parlare di un polipo adenomatoso. Tuttavia, questa patologia può essere rappresentata da diversi tipi di formazioni in base alla gravità dei cambiamenti atipici.

Esiste una separazione di polipi adenomatosi:

  • Formazioni adenomatose con focolai minori di atipia;
  • Forme complesse di polipi adenomatosi con pronunciati cambiamenti istologici.

A seconda della forma identificata in una particolare donna, è possibile prevedere i rischi di trasformazione maligna di questo processo patologico.

Dopotutto, i rischi di sviluppare un processo maligno sono molto diversi in queste due forme

Quando si identifica una forma semplice di tale polipo, il rischio della sua degenerazione in adenocarcinoma va dal 6 al 10%. Tuttavia, quando si rivelano cambiamenti pronunciati, queste cifre salgono al 28-30%. E gli ultimi indicatori: questa è già una buona ragione per una soluzione radicale al problema.

Un fatto ben noto è che i fattori provocatori sono anche di grande importanza nella misura e nella possibilità della degenerazione maligna. Infatti, sotto l'influenza di determinate condizioni, si verifica il potenziamento dello sviluppo della divisione cellulare incontrollata e della malignità.

Questi fattori includono:

  • colpitis;
  • endometrite;
  • Salpingoophoritis;
  • Esegui manipolazioni intrauterine sotto forma di aborto, curettage frazionario;
  • Disturbi ormonali sotto forma di sindrome dell'ovaio policistico;
  • Insulino-resistenza e diabete;
  • Sindrome metabolica;
  • Neoplasie ovariche con attività ormonale;
  • Violazioni della ghiandola tiroidea;
  • Disfunzione epatica sotto forma di fattori infettivi o tossici;

Questo non è l'intero elenco di fattori provocatori che possono potenziare lo sviluppo di un processo maligno nell'utero. Dopotutto, un numero abbastanza elevato di ipotesi sul verificarsi di una crescita maligna rimane una teoria. Come l'eziologia virale del cancro.

Trattamento del polipo uterino adenomatoso

Se una donna rifiuta categoricamente l'intervento chirurgico per la rimozione dell'utero (organo riproduttivo) e la sua ragione è il desiderio di adempiere alla sua funzione riproduttiva, cioè dare alla luce un bambino, i medici usano farmaci piuttosto forti e potenti, il cui meccanismo d'azione si basa sulla completa cessazione della cascata di regolazione ormonale sistema riproduttivo femminile. La condizione in cui si trova la donna durante l'uso di questi fondi è molto simile alla condizione della menopausa. Anche i sintomi che devono essere tollerati sono completamente simili alla menopausa. Questi farmaci sono farmaci agonisti dell'ormone che rilasciano gonadotropina. A causa della soppressione dura e indiscussa degli ormoni nel sistema riproduttivo femminile, i processi iperplastici non possono semplicemente verificarsi sullo sfondo della loro assunzione. Ma la funzione riproduttiva quando li prende è impossibile.

Dopo la scadenza dell'azione di questi farmaci sullo sfondo di un organismo preparato per la gravidanza, una donna può iniziare a pianificare il trasporto di bambini e rimanere incinta.

Dopo la gravidanza e il parto, una donna con una storia di polipi adenomatosi raccomanda comunque un intervento chirurgico per la rimozione dell'utero, come fonte di possibile sviluppo del cancro.

Un'operazione che impedisce la trasformazione maligna dell'endometrio è la rimozione dell'utero stesso. Varie variazioni di tale intervento chirurgico possono essere eseguite, come l'amputazione dell'utero senza cervice, la completa rimozione dell'utero con la cervice e potrebbe esserci anche la questione della rimozione delle appendici.

Indicazioni per eseguire la rimozione uterina:

  • Ricorrenza del polipo uterino adenomatoso;
  • La combinazione di questa patologia con adenomiosi;
  • Menopausa;

Questa operazione rimuove il substrato della formazione di tali processi borderline o maligni, eliminando così la possibilità di tale condizione.

Polipi nell'utero: diagnosi e trattamento

Il polipo uterino è una malattia ginecologica abbastanza comune che può verificarsi nelle donne a qualsiasi età. Più spesso è associato a uno squilibrio ormonale e si verifica sullo sfondo dell'iperestrogenismo e anche le malattie infiammatorie degli organi pelvici appartengono a fattori di rischio. Meno comunemente, un polipo uterino è associato agli psicosomatici, sebbene lo stress abbia un grande effetto sulla salute delle donne..

Qual è il polipo pericoloso nell'utero? Può causare gravi emorragie uterine, ulcerati, infiammarsi e nell'1-2% dei casi degenerare in cancro. Pertanto, si consiglia di trattarlo in ogni caso e prima si inizia il trattamento, più è facile completarlo. A Mosca, il trattamento con polipi viene effettuato con successo nell'ospedale di Yusupov. Questo è un moderno centro medico in cui viene fornito ai pazienti il ​​massimo livello di servizi medici..

Sintomi

Un polipo nell'utero all'inizio della sua formazione non si manifesta in alcun modo, ma nel tempo i seguenti sintomi iniziano a disturbare una donna:

  • Mestruazioni pesanti;
  • Scarico di sangue al di fuori del ciclo;
  • Crampi ai dolori addominali;
  • Sensazioni spiacevoli durante il rapporto sessuale;
  • Difficoltà nel concepimento;
  • Temperatura (con polipo uterino, può verificarsi con lo sviluppo dell'infiammazione).
A volte i polipi uterini sono asintomatici e vengono rilevati a esami casuali. Pertanto, non dimenticare di visitare regolarmente un ginecologo e condurre un esame ecografico degli organi pelvici.

Tipi di polipi

Un polipo si sviluppa nella cavità uterina dallo strato mucoso. Questa è l'iperplasia endometriale focale, che è caratterizzata come un polipo su una gamba nell'utero. La neoplasia può essere attaccata alla cavità uterina usando una sottile crescita di connessione o avere una base larga (in questo caso, si intende un polipo piatto nell'utero). Le neoplasie possono essere singole e multiple, di dimensioni variabili da pochi millimetri a diversi centimetri di diametro.

Questo tipo di tumore benigno si basa nella maggior parte dei casi all'interno della cavità uterina. Si distinguono le seguenti localizzazioni:

  • Polipo sul retro dell'utero;
  • Sulla parete frontale dell'utero;
  • Sulla parete laterale;
  • Polipo sull'utero;
  • Polipo del canale cervicale (raro).

Secondo la loro struttura, le neoplasie sono divise in:

  • ghiandolare;
  • Fibroso ghiandolare;
  • Fibroso;
  • adenomatosa.

Il polipo ghiandolare nell'utero è costituito da tessuto endometriale, in cui predominano le ghiandole. Il polipo ghiandolare del corpo uterino si sviluppa spesso in giovane età.

Il polipo fibroso ghiandolare è rappresentato da ghiandole endometriali e tessuto fibroso (connettivo). Le neoplasie fibrose sono costituite principalmente da tessuto connettivo denso. I polipi fibrosi nella maggior parte dei casi si sviluppano nelle donne in menopausa e in premenopausa.

I polipi nell'utero richiedono un trattamento urgente, perché possono causare gravi conseguenze, come anemia, infertilità e, in rari casi, cancro.

Polipo adenomatoso

Le neoplasie adenomatose si formano dall'epitelio ghiandolare, in cui vi sono segni di eccessiva proliferazione e adattamento strutturale. Tali tumori richiedono maggiore attenzione, poiché tendono alla degenerazione maligna.

Un polipo adenomatoso è caratterizzato da un'abbondanza di ghiandole densamente localizzate. Hanno numerosi rami nella direzione del tessuto connettivo. A volte si trovano così vicini gli uni agli altri da spostare le cellule stromali e non sono visibili nemmeno al microscopio. In alcune ghiandole allargate, ci sono escrescenze papillari nella direzione del lume, che ha il nome specifico "ferro in ferro".

Il polipo dell'utero con focolai di ghiandole atipiche è difficile da determinare visivamente. Pertanto, nel caso di poliposi multipla, tutti i tumori vengono rimossi e viene eseguito un ulteriore esame istologico. In presenza di un polipo adenomatoso dell'utero con atipia, un oncologo dovrebbe essere consultato per determinare ulteriori tattiche di trattamento.

Polipo placentare

Il polipo placentare è un tipo speciale di neoplasia che si forma nella cavità uterina a causa di particelle ritardate di tessuto placentare dopo il parto, l'aborto medico o l'aborto spontaneo. Ai resti della placenta, che è strettamente attaccata alle pareti dell'utero, sono attaccati molti coaguli di sangue, da cui si forma un polipo.

Questa patologia è molto comune tra coloro che hanno fatto ricorso all'interruzione artificiale della gravidanza o hanno subito un aborto spontaneo. La presenza di polipi endometriali aumenta la probabilità di un aborto di 5-8 volte. Il trattamento di un polipo placentare viene effettuato operativamente.

Cause di neoplasia

Non ci sono informazioni affidabili sulle cause dell'aspetto dei polipi. Esistono diverse possibili cause della formazione dell'iperplasia endometriale focale, tra cui:

  • Disfunzione ormonale (formata con una grande quantità di estrogeni e una mancanza di progesterone nella seconda fase del ciclo mestruale). Ecco perché i polipi vengono spesso diagnosticati tra i quaranta e i cinquanta anni, poco prima dell'inizio della menopausa;
  • Infezioni - processi infiammatori cronici negli organi pelvici: endometrite trasferita (infiammazione della membrana intrauterina), cervicite (infiammazione della cervice), salpingo-ooforite (infiammazione dell'utero);
  • Lesioni endometriali (aborto, curettage diagnostico);
  • Obesità;
  • Malattia della tiroide;
  • Diabete;
  • Fatica.

Polipo nell'utero e gravidanza

Molto spesso, un polipo è chiamato un "contraccettivo naturale", poiché è difficile per una donna rimanere incinta se è presente. Il tumore impedisce l'impianto di un uovo fecondato e, anche se ciò accade, può provocare un aborto spontaneo. Di conseguenza, a una donna viene diagnosticata infertilità o aborto spontaneo. Inoltre, un tumore di grandi dimensioni causerà dolore durante il rapporto sessuale, che influenzerà negativamente la libido di una donna.

Pertanto, durante la pianificazione della gravidanza, questa patologia deve essere completamente trattata al fine di ridurre i rischi di eventi avversi..

Diagnostica

Dopo la comparsa di sintomi di patologia (mestruazioni pesanti, sanguinamento al di fuori del ciclo, dolore nell'addome inferiore), dovresti consultare un ginecologo. I polipi possono anche essere rilevati in una fase iniziale durante un esame di routine. Pertanto, è importante visitare un ginecologo almeno una volta all'anno..

Per diagnosticare le neoplasie, il medico eseguirà un esame ginecologico con palpazione dell'utero e prescriverà un'ecografia. Un polipo nell'utero durante un'ecografia sembra una crescita ovale o rotonda spesso sulla gamba. Durante lo studio, il medico attira l'attenzione sull'espansione della cavità uterina e su un ispessimento locale dell'endometrio.

Un metodo diagnostico più informativo è l'isteroscopia del polipo uterino. Durante la sua attuazione, il medico osserva neoplasie nella cavità uterina di varie localizzazioni. Possono avere una superficie liscia o rigida, di colore rosa. Le neoplasie possono essere rosse se è iniziata un'infiammazione o grigiastra con chiazze separate di colore chiazzato in caso di malnutrizione del polipo e sviluppo di un processo necrotico.

È abbastanza difficile determinare il tipo di polipo in apparenza (ghiandolare, fibroso o adenomatoso). Pertanto, viene rimosso per un ulteriore esame istologico..

Che aspetto ha un polipo nell'utero in un'ecografia

L'esame ecografico è il metodo più accessibile e altamente informativo, che consente di rilevare neoplasie nell'utero. Sulla base dei risultati, un ginecologo compila una descrizione del polipo nell'utero mediante ultrasuoni. Il polipo nell'utero è un tumore che cresce dall'endometrio.

Il polipo ha una struttura semplice, è formato dal corpo e dalla gamba, attaccando la formazione alla parete uterina. Nella foto del polipo uterino sugli ultrasuoni con questa patologia, echi nel cambiamento della cavità uterina, viene tracciata una forma ovale o rotonda della neoplasia, la sua uniformità.

Un'ecografia per sospetti polipi uterini nell'ospedale di Yusupov viene eseguita utilizzando sensori transvaginali e transaddominali. Le moderne attrezzature consentono agli specialisti di rilevare con precisione le neoplasie nell'utero e condurre le loro ulteriori ricerche.

Istologia

L'esame istologico dei polipi viene effettuato per determinare la natura della formazione e la scelta di ulteriori tattiche di trattamento. Questa procedura è prescritta alle donne dopo che un ultrasuono rileva un polipo uterino. Nel processo di curettage endometriale diagnostico, lo specialista riceve campioni di tessuto che vengono utilizzati per l'esame istologico.

L'istologia del polipo uterino consente il rilevamento delle cellule tumorali nella fase iniziale fino alla comparsa dei primi sintomi della malattia. Il campione risultante viene fissato da uno specialista con l'aiuto di etanolo o formalina, quindi il tessuto viene ulteriormente elaborato e colorato. Dopo aver eseguito questi passaggi, lo specialista esamina il tessuto al microscopio ad alta precisione..

Trattamento

Molti fattori influenzano la scelta del metodo di trattamento e le tattiche di gestione di un paziente con poliposi endometriale: le dimensioni della formazione, la sua struttura, le condizioni della mucosa uterina (endometrio), l'età della donna, la presenza di patologi concomitanti, ecc. Pertanto, per ottenere il risultato desiderato ed eliminare il problema, la terapia dovrebbe avere un approccio integrato.

Il trattamento dei polipi uterini viene eseguito con successo nell'ospedale di Yusupov. Qui una donna può sottoporsi a un corso completo di terapia con una consultazione di medici di vari profili (ginecologi, endocrinologi, oncologi). Il trattamento viene effettuato in conformità con gli standard internazionali della medicina basata sull'evidenza ed è altamente efficace..

Indicazioni per la chirurgia

In alcune situazioni, i medici possono insistere sulla rapida rimozione dei polipi, con:

  • Il rilevamento di polipi adenomatosi, che sono particolarmente inclini alla malignità;
  • Rilevazione di un grande polipo uterino (indicazione per chirurgia> 20 millimetri);
  • Elevata probabilità di sviluppare complicanze (sanguinamento, infiammazione);
  • La presenza di un chiaro deterioramento delle condizioni del paziente.

I metodi più popolari e di alta qualità per la rimozione chirurgica del polipo nell'utero sono l'isteroscopia, seguita dal curettage della cavità e della cervice. Recentemente è anche apparsa un'innovativa tecnica di rimozione del polipo uterino, un'operazione laser..

Isteroscopia

La chirurgia di rimozione del polipo uterino più comune. Durante l'isteroscopia, tutti i polipi vengono rimossi e il luogo di attacco delle loro gambe viene cauterizzato mediante elettrocoagulazione per prevenire la ricaduta. Secondo le recensioni di molti pazienti, questa procedura è indolore e meno traumatica rispetto al curettage conservativo della cavità uterina.

Quando si esegue l'isteroscopia, un fibroscopio viene inserito nella vagina, un tubo flessibile con una videocamera collegata che trasmette l'immagine al monitor. Dopo la visualizzazione del polipo, viene rimosso e inviato al laboratorio per l'esame istologico. Nel tempo, l'intera procedura dura 10-15 minuti. Viene eseguito in anestesia endovenosa, senza intubazione tracheale..

Curettage dell'utero

Il curettage della cavità uterina può accompagnare l'isteroscopia o servire come metodo separato per la rimozione chirurgica del polipo endometriale. Si consiglia di eseguire questa procedura alcuni giorni prima dell'inizio delle mestruazioni. Durante l'operazione, il ginecologo espande la cervice e utilizza un anello speciale per curare i polipi dalle pareti dell'utero. Il materiale risultante viene inviato per l'esame istologico..

Chirurgia laser per rimuovere i polipi uterini

La rimozione del polipo uterino mediante chirurgia laser non lascia cicatrici sui tessuti e consente di mantenere la funzione riproduttiva delle donne. Nei moderni centri medici, come l'ospedale Yusupov, è possibile sottoporsi a un esame diagnostico completo, quindi rimuovere l'educazione lo stesso giorno. Poiché questa procedura richiede solo un paio di minuti, il paziente non ha bisogno di andare in ospedale. Dopo la rimozione del polipo nell'utero nel periodo postoperatorio, possono apparire spotting dalla vagina, che alla fine scompaiono del tutto.

Isterectomia

In presenza di formazioni adenomatose con atipia, sarà richiesto un trattamento più radicale, che potrebbe richiedere la rimozione dell'utero. Viene prescritta un'isterectomia per la vigilanza del cancro e la degenerazione della patologia nel cancro.

Preparazione della polipectomia

Le donne prima della polipectomia richiedono un'attenta preparazione. Nell'ospedale di Yusupov, i pazienti possono sottoporsi a tutti gli esami necessari e superare i test appropriati. La preparazione per la rimozione del polipo nell'utero comprende:

  • Consultazione con un ginecologo, terapista, anestesista;
  • Analisi generale di sangue e urina;
  • Strisci vaginali per flora e citologia;
  • Elettrocardiogramma e fluorografia.

In presenza di un processo infiammatorio attivo, la chirurgia viene eseguita solo dopo un ciclo di terapia appropriata.

È pericoloso rimuovere i polipi nell'utero

Il pericolo è insito in ogni procedura chirurgica. Sebbene le operazioni per eliminare i polipi endometriali siano considerate minimamente invasive e relativamente non traumatiche, non escludono il rischio di complicanze:

  • Sanguinamento uterino;
  • Perforazione della parete uterina;
  • Infiammazione;
  • Ricaduta;
  • Formazione di cicatrici.

È possibile non rimuovere la neoplasia

Anche se una donna non ha sintomi caratteristici, ma con un esame ginecologico o un'ecografia, viene rilevato un polipo uterino, la terapia proposta non deve essere rifiutata. I polipi uterini sono caratterizzati da conseguenze spiacevoli:

  • Infertilità;
  • Ciclo mestruale irregolare;
  • Anemia;
  • Tumore endometriale.

Spotting dopo l'intervento chirurgico

Una scarica sanguinolenta può verificarsi entro pochi giorni, tuttavia un forte sanguinamento può disturbare solo nelle prime ore dopo l'intervento chirurgico.

In che modo un polipo influisce sulle mestruazioni

Le mestruazioni dopo la rimozione del polipo endometriale nell'utero sono di natura irregolare e possono differire in modo significativo dalle normali mestruazioni. Il ripristino del ciclo di solito avviene entro un mese e mezzo, ma può essere regolato entro 3-4 mesi. Le conseguenze della rimozione del polipo nell'utero dipenderanno dal fatto che ci sia stata una violazione della tecnica operativa o altre complicazioni direttamente durante la manipolazione.

Limitazioni dopo la rimozione del polipo

Entro uno o due mesi dopo la manipolazione, inizia un periodo restrittivo nella vita di una donna, che include:

  • Astinenza dall'attività sessuale;
  • Esclusione di visite a saune e bagni;
  • Esclusione di ipotermia;
  • Sollevamento pesi non superiore a 5 kg.

Trattamento conservativo

I polipi vengono trattati non solo chirurgicamente, ma anche in modo conservativo. Il trattamento farmacologico può essere offerto da un medico in assenza di sintomi dolorosi e di una vasta educazione. Ma un tale metodo non esclude il costante monitoraggio ginecologico e regolari misure diagnostiche aggiuntive.

Il trattamento del polipo uterino senza intervento chirurgico include anche il passaggio di una serie di procedure fisioterapiche:

  • magnetoterapia;
  • Trattamento ad ultrasuoni;
  • Elettroforesi con l'uso di medicinali;
  • Tecnica di stimolazione elettrica;
  • Terapia laser.

Le indicazioni per l'uno o l'altro tipo di terapia conservativa complessa dipendono da molte ragioni, tra cui:

  • Mancanza di complicazioni;
  • Foto sintomatica delicata;
  • Crescita leggera e lenta della crescita benigna nella cavità uterina;
  • La presenza di controindicazioni nelle donne per la rimozione chirurgica del polipo.

Trattamento farmacologico

Lo stadio principale nel trattamento delle escrescenze polipo dell'endometrio è l'uso di farmaci ormonali (COC e gestageni). La formazione del processo patologico nella cavità uterina nel 70% dei casi è associata a un malfunzionamento ormonale nel corpo di una donna, che porta a un'eccessiva produzione di estrogeni. I contraccettivi ormonali eliminano il dolore nell'addome inferiore e fermano rapidamente il sanguinamento uterino.

I farmaci antibatterici e antinfiammatori sono usati nel trattamento del polipo endometriale nel caso in cui si sia verificata la formazione di un processo benigno sullo sfondo della presenza di una malattia a trasmissione sessuale, infiammazione cronica (annessite, cervicite, ooforite). La combinazione di queste due classi di farmaci fornisce il risultato più efficace e di alta qualità..

Le supposte vaginali da polipi nell'utero sono anche uno dei metodi di terapia farmacologica per questa malattia. Le supposte hanno diversi vantaggi rispetto ad altri tipi di terapia. Il principio attivo esercita il suo effetto terapeutico direttamente sul focus patologico, penetrando rapidamente attraverso la mucosa della parete vaginale, bypassando fegato e reni.

Il trattamento dei polipi uterini include anche l'uso di un complesso vitaminico e preparati ad alto contenuto di ferro per prevenire l'anemia.

previsione

I polipi uterini sono inclini alla ricaduta. Pertanto, dopo la loro rimozione, una donna deve visitare un ginecologo con una visita preventiva due volte all'anno.

Nell'1,5% dei casi, le crescite uterine ricorrenti sono suscettibili alla degenerazione maligna. Secondo le statistiche, i polipi adenomatosi sono spesso associati allo sviluppo del cancro endometriale. Sulla base di questo, dopo il corso del trattamento, i pazienti rimangono nella registrazione del dispensario con un ginecologo per l'osservazione.

In assenza di trattamento per poliposi uterina, si sviluppano infertilità e anemia. La presenza di tale patologia nell'anamnesi provoca aborti spontanei, che è di particolare importanza quando si pianifica una gravidanza.

Prevenzione

Oggi non esiste una prevenzione specifica dei polipi nell'utero. Per ridurre il rischio di sviluppare malattie ginecologiche, si raccomanda di eseguire misure generali per mantenere la salute:

  • Dieta bilanciata;
  • Mancanza di cattive abitudini;
  • Esercizio moderato.

Nell'ospedale di Yusupov, puoi sottoporsi non solo al trattamento delle malattie ginecologiche, ma anche agli esami preventivi. I medici eseguiranno gli esami necessari e forniranno raccomandazioni per la conservazione a lungo termine della salute delle donne. Puoi fissare un appuntamento con gli specialisti dell'ospedale per telefono.

Polipo adenomatoso

Il polipo adenomatoso è una neoplasia patologica della struttura iperplastica nello strato mucoso degli organi interni. ICD-10 classifica questa patologia in base alla sua posizione. La ragione della sua formazione è la rapida crescita atipica dello strato ghiandolare. Tali polipi possono assomigliare a una palla, un fungo o un ramo..

Inizialmente, la neoplasia ha un carattere benigno, ma c'è un grande rischio di degenerazione delle sue cellule in elementi oncologici. Questa è una malattia precancerosa. A rischio sono i pazienti di età superiore ai 50 anni. Le diverse parti del tratto gastrointestinale, dell'utero, dello stomaco diventano il sito di localizzazione dei polipi adenomatosi.

La natura dei polipi adenomatosi

Sono attaccati alle pareti degli organi interni con una gamba sottile o una base ispessita. Le loro dimensioni variano da 1 a 50 mm. Maggiore è la dimensione della neoplasia, maggiore è la probabilità della sua transizione all'oncologia. Il rischio che un tumore diventi cancro è del 2% se il polipo è inferiore a 15 mm. Con un aumento del polipo a 25 mm, il rischio di sviluppare il cancro è del 10%. Se supera i 30 mm di diametro, la probabilità di oncologia è del 20%.

I polipi che hanno una base ispessita passano all'oncologia più spesso delle crescite di funghi.

I sintomi della patologia adenomatosa differiranno a seconda della posizione delle escrescenze, tuttavia, una sindrome del dolore pronunciata è un sintomo comune per tutte le varietà della malattia.

Classificazione degli adenomi

La classificazione istologica dei polipi adenomatosi si presenta così:

  • Il tipo ghiandolare di adenoma è una neoplasia patologica tubulare formata da ghiandole ramificate. Questo tipo di adenoma si trova di solito sulle pareti del colon. Si trasforma raramente in oncologia.
  • Gli adenomi villi sono polipi che hanno una gamba corta o nessuna gamba. Esternamente, il tipo di crescita è simile al cavolfiore. Le escrescenze compaiono, di regola, sulle mucose dell'utero o in varie parti del tratto gastrointestinale.
  • Gli adenomi misti sono neoplasie con una struttura tubolare e una base allargata, con una superficie di escrescenze variegate. Tali polipi possono formarsi in qualsiasi parte della mucosa di qualsiasi organo. Questo tipo di polipi è il più pericoloso, poiché tende a degenerare nel cancro. Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere polipi di natura mista, nel 25% dei casi, la malattia si ripresenta.
  • Gli adenomi diffusi sono un tipo ereditario di malattia. È anche conosciuta come poliposi adenomatosa familiare. Una caratteristica di questo tipo di poliposi sono ampie aree di lesioni della mucosa. Questo è un tipo precanceroso di polipi. Questa forma della malattia nell'80% dei casi termina con l'oncologia.

Per il numero di escrescenze patogene, gli adenomi sono divisi in singoli, gruppi multipli (focali) e multipli sparsi. Nei singoli polipi, la probabilità di transizione verso il cancro è piccola e più forme patologiche nel 20% dei casi si trasformano in un tumore oncologico.

Dal punto di vista della natura istologica, i polipi sono generalmente classificati in semplici e proliferanti. Semplice è formato da cellule ghiandolari omogenee e tessuto connettivo. Proliferare nella sua struttura ha elementi con atipia.

Non ci sono state differenze di sviluppo in tutte le varietà di polipi.

Caratteristiche dell'adenoma nei bambini

Una variante infantile della patologia è la formazione di una varietà giovanile di polipi adenomatosi. Questo tipo di crescita ha un colore rosso brillante e una lunga gamba filiforme. Questi polipi sono lisci. Molto spesso si trova nella regione del retto o sigmoide dell'intestino. Queste escrescenze raramente vanno in forma cancerosa..

I primi segni della presenza di patologia vengono rilevati in tenera età e i sintomi gravi si aprono fino a 16-18 anni.

Una caratteristica di questa forma di malattia è la composizione delle cellule neoplastiche atipiche per i polipi adenomatosi. Nelle escrescenze giovanili, non vi sono cambiamenti strutturali nell'epitelio ghiandolare.

Sintomi

La poliposi adenomiomatosa nella maggior parte dei casi non presenta sintomi pronunciati nelle fasi iniziali dello sviluppo. La presenza di escrescenze viene rilevata durante la diagnosi endoscopica, causata da diagnosi concomitanti.

I primi sintomi del problema compaiono 5 anni dopo la formazione della crescita. Durante questo periodo, cresce fino a 20-30 mm di diametro.

Sintomi di un polipo adenomatoso nell'intestino

Con la malattia intestinale adenomatosa, il paziente presenta i seguenti sintomi:

  • le feci diventano come catrame;
  • l'ano sanguina, il sangue è scarlatto brillante;
  • il muco è presente nelle feci;
  • prurito anale;
  • il numero giornaliero di impulsi per svuotare le viscere aumenta e il processo di movimento intestinale diventa doloroso;
  • stipsi;
  • diarrea;
  • ostruzione intestinale con polipi giganti.

Sintomi di escrescenza adnomatosa nello stomaco

Se l'adenoma è localizzato nello stomaco, compaiono i seguenti sintomi:

  • sanguinamento nello stomaco;
  • sensazione di bruciore nell'esofago;
  • la pelle è punteggiata da macchie di colore cremisi cremisi;
  • nausea, vomito sembrano fondi di caffè;
  • dolore nell'addome inferiore, nella regione epigastrica, vicino all'ombelico;
  • gonfiore;
  • frequente bisogno di svuotare l'intestino;
  • alitosi;
  • eruttazione;
  • flatulenza.

Sintomi di neoplasia adenomatosa nell'utero

Il fatto che una crescita adenomatosa sia apparsa nell'utero è indicato da:

  • dolori di natura tirante nell'addome inferiore che disturbano la donna di tanto in tanto;
  • il dolore si irradia nella parte bassa della schiena e nel perineo;
  • irregolarità mestruali sotto forma di ritardi prolungati in assenza di gravidanza o sotto forma di spotting spotting a metà ciclo;
  • metrorragia;
  • mestruazioni pesanti, in cui lo stomaco può ferire;
  • disagio e dolore durante l'intimità;
  • infertilità.

Una neoplasia originaria dell'utero può diffondersi nella vagina..

Sintomi di poliposi adenomatosa della cistifellea

La presenza di adenoma della colecisti è indicata da:

  • giallo della pelle;
  • dolore sordo nell'ipocondrio destro;
  • colica nel fegato;
  • sapore amaro in bocca;
  • forte prurito cutaneo;
  • alti tassi di frequenza cardiaca;
  • ipertensione;
  • avversione per quei piatti che prima erano graditi;
  • nausea e vomito.

Ragioni per lo sviluppo della patologia

I medici hanno dimostrato che gli adenomi dell'intestino, dell'utero o dello stomaco sono patologie acquisite. Di norma, lo sviluppo della malattia inizia con l'azione combinata di diversi fattori negativi.

Cause della formazione di adenomi nell'intestino

Le ragioni che contribuiscono allo sviluppo della patologia intestinale adenomatosa sono:

  • Anomalie cromosomiche, danno al gene responsabile di formazioni polifere;
  • Predisposizione genetica al verificarsi di poliposi nello strato mucoso dell'epitelio degli organi interni (la natura ereditaria della patologia si trova nel 50% dei casi della malattia);
  • La preferenza per la medicina tradizionale piuttosto che per le cure mediche tradizionali;
  • Squilibrio nella microflora gastrointestinale;
  • La tendenza a consumare cibi che causano fermentazione e marciume nell'intestino;
  • Accettazione di potenti farmaci senza prescrizione medica;
  • Malattie croniche dell'apparato digerente, del tratto biliare e del tratto gastrointestinale;
  • Danni meccanici agli organi interni a seguito di manipolazioni mediche o dovuti a digestione incompleta del cibo;
  • Oncologia del tratto gastrointestinale;
  • Tendenza alla costipazione, ristagno di feci;
  • Microcracks e lesioni della membrana rettale a seguito di movimenti intestinali ostruiti.

Cause di adenomi nello stomaco

La patologia adenomatosa dello stomaco può verificarsi per i seguenti motivi:

  • anomalie cromosomiche, danno al gene responsabile di formazioni polifere;
  • predisposizione genetica al verificarsi di poliposi nello strato mucoso degli organi interni (la natura ereditaria della patologia si trova nel 50% dei casi della malattia);
  • una preferenza per la medicina tradizionale piuttosto che per le cure mediche tradizionali;
  • mancanza di vitamine C ed E;
  • una storia di gastrite;
  • processo infiammatorio con displasia;
  • una tendenza a consumare cibi raffinati, cibi ad alto contenuto calorico, cibi proteici carenti di fibre (a causa di ciò, la peristalsi naturale diminuisce, iniziano i processi di decomposizione e fermentazione del cibo nell'intestino, compaiono segni di intossicazione);
  • sovrappeso;
  • diabete;
  • persona stressante.
  • Sindrome di Peitz-Gigers;
  • esposizione alle radiazioni del corpo;
  • cattive abitudini per molti anni;
  • infezione dell'esofago con virus e virus.

Cause della formazione di adenomi nell'utero

Le ragioni che contribuiscono allo sviluppo della patologia adenomatosa nell'utero sono:

  • anomalie cromosomiche, danno al gene responsabile di formazioni polifere;
  • predisposizione genetica al verificarsi di poliposi nello strato mucoso degli organi interni (la natura ereditaria della patologia si trova nel 50% dei casi della malattia);
  • una preferenza per la medicina tradizionale piuttosto che per le cure mediche tradizionali;
  • diminuzione cronica o temporanea dell'immunità;
  • mastopatia
  • disturbi ormonali;
  • squilibrio ormonale durante la menopausa e prima della sua insorgenza;
  • squilibrio nella microflora uterina;
  • problemi nel sistema endocrino, una violazione della ghiandola tiroidea;
  • displasia delle mucose e processo infiammatorio in esse;
  • infezioni del sistema riproduttivo femminile;
  • irregolarità mestruali;
  • problemi del sistema riproduttivo;
  • curettage terapeutico o diagnostico dell'utero;
  • suono della cavità uterina;
  • l'uso di un dispositivo intrauterino come contraccezione (con un uso prolungato porta a lesioni endometriali);
  • contraccettivi selezionati in modo improprio;
  • violazione del processo di rigenerazione dei tessuti;
  • HIV, STI;
  • oncologia delle ghiandole mammarie o degli organi genitali femminili;
  • fibromi uterini, erosione cervicale;
  • ipertensione;
  • endocervicite cronica;
  • endometriosi;
  • colpite atrofica;
  • cisti ovarica o organo affetto da policistico;
  • disturbi nel lavoro delle ghiandole surrenali e delle ovaie;
  • aborto spontaneo o aborto;
  • i frammenti rimanenti della placenta nell'utero dopo il parto;
  • chirurgia uterina;
  • sovraccarico psico-emotivo.

Cause di adenoma della cistifellea

Le principali cause della comparsa di un polipo adenomatoso nella cistifellea sono:

  • infiammazione della cistifellea;
  • produzione di colesterolo in eccesso;
  • discinesia biliare;
  • disturbi nel sistema epatobiliare.

Diagnosi e terapia

Il trattamento conservativo è impotente nella lotta contro le neoplasie adenomatose. Con questa patologia, una persona ha bisogno di un'operazione per rimuovere una crescita patogena. Se l'espansione è solitaria e il suo sviluppo è a un livello iniziale, allora possiamo parlare di un risultato favorevole della malattia.

Diagnosi della malattia

Per fare una diagnosi accurata, il medico raccoglie un'anamnesi. Il paziente deve sottoporsi a test e sottoporsi alle procedure necessarie per la diagnosi di laboratorio:

  • esame del sangue generale con esame biochimico aggiuntivo di un campione di cellule del sangue;
  • esame delle feci per la presenza di impurità in essa;
  • esame del retto inserendo un dito al suo interno;
  • fibrogastroduodenoscopy;
  • colonscopia;
  • radiografia dello stomaco usando un mezzo di contrasto;
  • irrigoscopia usando un mezzo di contrasto;
  • sigmoidoscopia;
  • striscio ginecologico;
  • istologia di materiale biologico;
  • isteroscopia e biopsia mirata;
  • Ultrasuoni dell'utero (i segni degli ultrasuoni determinano il tipo di patologia).

Intervento chirurgico

Chirurgicamente, il polipo adenoide viene rimosso facendo riferimento alla chirurgia endoscopica con elettrocoagulazione del letto o delle gambe della crescita. Puoi anche rimuovere la crescita patogena usando la colotomia. Tale intervento chirurgico è caratterizzato dalla massima conservazione dei tessuti sani..

Con la poliposi avanzata, viene utilizzata la resezione intestinale o la rimozione dell'utero.

Possibili complicazioni

La complicazione più comune di un polipo è il sanguinamento. Inoltre, durante l'intervento chirurgico possono verificarsi complicazioni e conseguenze negative con danni alle pareti degli organi interni. Il danno meccanico ai polipi è pericoloso perché sono l'inizio per la trasformazione di un polipo in un tumore oncologico.

Se la necessità di un intervento chirurgico è causata dalla poliposi dell'endometrio uterino, il danno all'organo genitale durante le manipolazioni mediche è irto di infertilità femminile.

In tutti i casi di intervento chirurgico, a seguito dei quali si sono verificati danni meccanici ai tessuti degli organi interni, aumenta il rischio di ricorrenza di poliposi. Per prevenire complicazioni, il paziente dopo la rimozione del polipo deve essere registrato presso l'ufficio del medico per almeno 2 anni. Allo stesso tempo, il paziente visita il medico ogni mese: questo è un prerequisito per dinamiche positive stabili nel trattamento dei tumori benigni e oncologici. Dopo 2 anni, il medico dovrà essere mostrato una volta ogni sei mesi.

Prevenzione della poliposi adenomatosa

Le misure di prevenzione delle malattie sono:

  • superamento di esami medici periodici;
  • organizzazione di una corretta alimentazione;
  • controllo del peso corporeo;
  • se compaiono sintomi allarmanti, consultare immediatamente un medico.