Adenocarcinoma del colon

Lipoma

Tutto il contenuto di iLive è controllato da esperti medici per garantire la migliore accuratezza e coerenza possibile con i fatti..

Abbiamo regole rigorose per la scelta delle fonti di informazione e ci riferiamo solo a siti affidabili, istituti di ricerca accademica e, se possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi..

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'adenocarcinoma del colon è una malattia del cancro che occupa uno dei posti principali tra le lesioni oncologiche degli organi interni. Considera le caratteristiche di questo disturbo, i sintomi, le fasi, i metodi di trattamento e la prognosi per il recupero.

Un tale concetto come il cancro del colon include tumori maligni di varia natura, che sono localizzati nel canale anale, nel cieco, nel retto e nel colon. La malattia si sviluppa dai tessuti dell'epitelio e metastatizza con flusso linfatico, quindi una prognosi favorevole è possibile solo nelle prime fasi. Il pericolo è che sia quasi impossibile riconoscere il cancro nelle fasi iniziali.

Molto spesso, la malattia viene diagnosticata nei pazienti anziani. Il rischio di sviluppare un disturbo aumenta significativamente se una persona ha più di cinquant'anni. Ma l'adenocarcinoma tempestivamente rilevato e correttamente differenziato facilita il processo di trattamento. Esistono diversi gradi di differenziazione del cancro, che sono inclusi nella classificazione internazionale dei tumori intestinali, considerali:

  • Altamente differenziato.
  • Moderatamente differenziato.
  • Basso grado (adenocarcinoma mucoso)
  • Cancro indifferenziato (decorso aggressivo e prognosi sfavorevole).

Codice ICD-10

Cause di adenocarcinoma del colon

Le cause dell'adenocarcinoma del colon sono dovute a molti fattori. Identificando la causa della malattia, è possibile prevenirne lo sviluppo. Esistono numerosi fattori che aumentano significativamente il rischio di sviluppare l'oncologia:

  • Predisposizione ereditaria.
  • Età anziana.
  • Nutrizione insostenibile (carenza di vitamine, minerali e oligoelementi).
  • Infezione da papillomavirus.
  • Effetti collaterali di vari farmaci.
  • Sesso anale.
  • Costipazione prolungata.
  • Malattie del colon (fistole, tumori, colite, polipi).
  • Disturbi nervosi.
  • Condizioni di lavoro dannose, incluso il lavoro con l'amianto.

Naturalmente, il più delle volte vengono combinati diversi fattori che causano la malattia. Limitando te stesso a fattori predisponenti, puoi prevenire lo sviluppo dell'oncologia.

Sintomi di adenocarcinoma del colon

I sintomi dell'adenocarcinoma del colon in una fase precoce della malattia sono incerti. Il paziente lamenta dolori addominali periodici, costipazione e diarrea, scarso appetito e persino nausea. Ma nessuno di questi sintomi indica direttamente una lesione oncologica dell'intestino crasso. Nella prima fase della malattia, nelle feci compaiono tracce di sangue e mucose, che vengono successivamente sostituite da purulente. Tali fenomeni sono permanenti, ma non raggiungono un grado significativo. Nel tempo, tutti i sintomi sopra elencati aumentano. Quando viene esaminato da un medico, uno specialista può palpare il tumore attraverso la parete addominale, è mobile, denso e tuberoso.

  • Dolore doloroso periodico nell'addome.
  • Scarso appetito, nausea, rapida perdita di peso.
  • Debolezza generale e febbre.
  • Costipazione alternata e diarrea.
  • Flatulenza, difficoltà a defecare.
  • Pallore della pelle.
  • Sangue, muco e pus nelle feci.

Sullo sfondo delle precedenti manifestazioni della malattia, compaiono disturbi gastrici: nausea, sensazione di pesantezza, bruciore di stomaco, vomito. Man mano che il tumore cresce, il dolore diventa più intenso. La sua crescita è associata alla fusione di una neoplasia maligna con i tessuti e gli organi circostanti. A causa di condizioni specifiche locali, cioè materia fecale e regolari effetti meccanici e chimici, il tumore è ulcerato. In questo contesto, si sviluppa un'infezione che migliora i sintomi locali, provoca un aumento della temperatura, intossicazione e cambiamenti nella composizione del sangue. Se l'infezione si diffonde al tessuto retroperitoneale, allora ci sono sensazioni dolorose nella regione lombare e fenomeni peritoneali.

Nelle prime fasi, il cancro ha l'aspetto di formazioni sporgenti sotto forma di funghi. Il tumore è diviso in tre tipi: forme a forma di anello, a forma di fungo e infiltranti. Al taglio, la sua superficie può essere granulare, solida o bianco-grigiastra. Se consideriamo la malattia dal punto di vista della diffusione del processo tumorale, allora ci sono quattro fasi con tali sintomi:

  • Il tumore non si estende oltre le membrane sottomucose e mucose.
  • Si attacca al lume interno dell'intestino, ma non metastatizza. Se le metastasi compaiono in questa fase, influenzano l'intero spessore della parete intestinale.
  • Metastatizza ai linfonodi regionali.
  • La neoplasia raggiunge grandi dimensioni, colpendo gli organi vicini, metastatizza ai linfonodi e agli organi situati lontano.

Adenocarcinoma del colon differenziato

L'adenocarcinoma del colon differenziato risponde bene al trattamento, a differenza di altre varianti istologiche del tumore. Se la malattia è stata rilevata in una fase iniziale di sviluppo, viene utilizzata la chemioterapia o la radioterapia per il trattamento. Ciò consente di rallentare la crescita dei tumori e prevenire le metastasi. Successivamente, il paziente viene sottoposto a un intervento chirurgico e rimuove completamente il tumore maligno con ulteriore ripristino dell'integrità intestinale.

Il cancro differenziato ha una prognosi positiva di sopravvivenza a cinque anni per pazienti di tutte le età. Per impedirne lo sviluppo, è necessario sottoporsi a regolari esami medici e ai primi sintomi patologici non ritardare il viaggio dal medico.

Adenocarcinoma del colon altamente differenziato

L'adenocarcinoma del colon altamente differenziato ha la prognosi e il decorso più favorevoli. L'oncologia di questo tipo ha un numero minimo di cellule maligne. Durante il processo patologico, le cellule interessate aumentano di dimensioni e i loro nuclei si allungano..

La sopravvivenza a cinque anni dei pazienti con questo tipo di malattia è al livello del 50%. Una prognosi positiva ha persone di età avanzata, poiché il cancro praticamente non metastatizza e non influenza gli organi vicini. Ma i giovani pazienti hanno una probabilità del 40% di guarigione e sopravvivenza a cinque anni. Esiste un alto rischio di recidiva nel primo anno dopo l'intervento chirurgico e metastasi a distanza.

Adenocarcinoma del colon moderatamente differenziato

L'adenocarcinoma del colon moderatamente differenziato è la forma più comune di lesione maligna di questo organo. La progressione della malattia porta a gravi conseguenze, poiché le cellule epiteliali invase riempiono l'intero lume intestinale, causando ostruzione intestinale. Se il tumore raggiunge una grande dimensione, ciò può causare una rottura delle pareti intestinali e un sanguinamento interno grave.

Il trattamento deve avvenire fin dalle prime fasi, poiché con la progressione iniziano i danni agli organi vicini. Molto spesso, la malattia porta alla formazione di fistole e peritonite, che peggiorano significativamente la prognosi e il decorso generale della malattia. L'oncologia non risponde bene alla terapia, a causa delle difficoltà nella selezione di farmaci efficaci per la chemioterapia. L'esposizione alle radiazioni o la chirurgia non danno risultati adeguati senza un trattamento aggiuntivo. Pertanto, la prognosi dipende completamente dalla diagnosi precoce della malattia..

Adenocarcinoma del colon di basso grado

L'adenocarcinoma del colon di basso grado è caratterizzato da un marcato polimorfismo cellulare. La neoplasia cresce rapidamente e metastatizza, quindi ha una prognosi sfavorevole. Questa forma di cancro è molto più pericolosa di altri tipi differenziati. A differenza del carcinoma a cellule mucose, colloidi o squamose, che hanno un decorso aggressivo, la prognosi e il decorso della forma di basso grado sono molto peggiori.

Il trattamento non porta risultati positivi, quindi la prognosi della sopravvivenza è scarsa. L'unico modo per aiutare un paziente con questo disturbo è la terapia sintomatica. Ha lo scopo di ridurre il dolore, alleviare le condizioni del paziente.

Adenocarcinoma del colon tubulare

L'adenocarcinoma tubulare del colon per lungo tempo non è stato suscettibile di diagnosi. Ciò è dovuto al fatto che nelle prime fasi non ha sintomi pronunciati, ma con un'ulteriore progressione provoca emorragie intestinali latenti e anemia. In alcuni casi, la neoplasia è in grado di produrre una grande quantità di substrato mucoso ricco di proteine ​​e potassio, che provoca lo sviluppo di ipopotassiemia e ipoproteinemia. Molto spesso, questo tipo di tumore viene rilevato per caso, ad esempio durante un esame radiografico.

La forma tabulare ha una caratteristica impiantata nello stroma fibroso e una struttura ramificata. Le cellule tumorali possono essere cilindriche e talvolta cubiche. La malattia è mal curata e ha una prognosi sfavorevole..

Metastasi dell'adenocarcinoma del colon

Le metastasi nel adenocarcinoma del colon colpiscono altri organi, nonché i linfonodi. La metastasi viene eseguita in diversi modi: durante l'impianto e la germinazione di un tumore nei tessuti e negli organi circostanti, attraverso la via ematogena e linfogena. La diffusione ematogena delle cellule tumorali è osservata nel 10% dei pazienti e linfogena nel 60% dei casi. Le metastasi si trovano più comunemente nei pazienti con carcinoma avanzato..

Oltre alle metastasi, il cancro può essere complicato da ulcerazioni, sanguinamento e decadimento, che causano un'infezione secondaria e in alcuni casi la cachessia. Le lesioni infettive portano alla formazione di ascessi e all'ulteriore perforazione del sito di neoplasia necrotica. Circa il 40% dei pazienti soffre di ostruzione parziale o completa. Il processo patologico può influire negativamente sul sistema urinario. È possibile la formazione di fistole tra l'intestino crasso e la vescica, l'uretere, la prostata o gli organi genitali femminili..

Diagnosi di adenocarcinoma del colon

La diagnosi di adenocarcinoma del colon inizia con una storia. Il medico chiede al paziente lamentele, conduce un esame esterno e la palpazione. Per determinare con precisione il disturbo, al paziente viene prescritta una radiografia di contrasto dell'intestino crasso, sangue, urina e feci, esami rettali digitali ed endoscopici. Molte delle procedure sopra descritte sono spiacevoli, ma molto importanti. Secondo i risultati, il medico sarà in grado di diagnosticare, condurre la terapia e dare una prognosi per il recupero. In alcuni casi, i risultati diagnostici hanno completamente confutato la diagnosi precedente..

I principali metodi diagnostici:

  • Sigmoidoscopia: esame della superficie della mucosa intestinale mediante endoscopio. Questo metodo è particolarmente efficace nelle prime fasi della malattia..
  • Radiografia a contrasto I principali segni di un tumore sono: sollievo della mucosa, difetto di riempimento (frastagliato, singolo, irregolare), espansione dell'intestino sul tumore, aumento della peristalsi.
  • Esame ecografico: utilizzato per rilevare il focus dell'oncologia e delle metastasi a distanza. A seconda del quadro clinico, possono essere utilizzati ultrasuoni endorettali o percutanei..
  • Biopsia - eseguita mediante endoscopia. I materiali risultanti vengono utilizzati per determinare il tipo, lo stadio e il grado di differenziazione delle lesioni tumorali..
  • Colonscopia: visualizza i tumori in qualsiasi parte del colon.
  • RM, TC: hanno un'elevata precisione, determinano le caratteristiche della struttura e della posizione del tumore, i segni di danno agli organi vicini e la prevalenza del processo patologico.

Particolare attenzione è rivolta alla diagnosi differenziale con altre malattie dell'intestino, degli organi addominali e dello spazio retroperitoneale. Il tumore è differenziato con polipi, che si trovano più spesso nei bambini. In questo caso, la radiografia del contrasto è cruciale. I calcoli fecali possono simulare una neoplasia in qualsiasi parte dell'intestino crasso. Ma nel processo di anamnesi, cioè alla palpazione, hanno una consistenza morbida e il cosiddetto "sintomo di fossa". Nel riconoscimento del cancro del colon con malattie degli organi addominali, viene prestata particolare attenzione alle malformazioni congenite dei reni, delle ovaie, del fegato della milza e degli ureteri.

Chi contattare?

Trattamento dell'adenocarcinoma del colon

Il trattamento dell'adenocarcinoma del colon dipende dal suo stadio e dalla sua forma. Molto spesso, viene utilizzata la terapia di combinazione, poiché il cancro è sensibile agli effetti delle radiazioni. Dopo un ciclo di irradiazione nella maggior parte dei pazienti, il tumore si restringe man mano che le cellule maligne muoiono. La radioterapia migliora i risultati dell'intervento chirurgico riducendo la probabilità di infiammazione dei tessuti e trasferimento delle cellule tumorali. Obbligatoria è la terapia farmacologica e una dieta speciale.

Considera i principali metodi di trattamento delle lesioni maligne dell'intestino crasso:

  1. Chemioterapia: viene utilizzata una combinazione di 5-fluorouracile e leucovorin o irinotecan. Capecitabina, Ftorafur e Raltitrexide sono efficaci. I fondi elencati possono essere utilizzati in combinazione.
  2. L'irradiazione è raramente usata per curare il cancro del colon, poiché tutti i suoi reparti tranne il retto sono molto mobili e cambiano la loro posizione nella cavità addominale a seconda della postura del paziente. L'irradiazione può essere utilizzata come preparazione per o dopo un intervento chirurgico. Ciò riduce il volume della neoplasia e inibisce la comparsa di metastasi..
  3. Non esiste una dieta speciale per i pazienti con questo tipo di cancro, ma ci sono una serie di raccomandazioni nutrizionali. La dieta dovrebbe contenere molta frutta e verdura. Particolare attenzione deve essere prestata alla terapia vitaminica. Se il paziente ha avuto una resezione intestinale, nella dieta dovrebbe esserci cibo leggero che non indugi nello stomaco, non causi flatulenza e nausea. È necessario mangiare secondo il regime, osservando il bilancio idrico.

Esistono metodi alternativi di trattamento, che possono essere utilizzati come terapia aggiuntiva. Ma prima di iniziare a usarli, è necessario consultare il proprio medico.

  • Mescola un cucchiaio di palude di radice di calamo, tre cucchiai e mezzo di colore di patata, un cucchiaio e mezzo di fiori di calendula e quattro cucchiai di radice di assenzio. Versa dell'acqua bollente sulla miscela e lascia per 5-6 ore. L'infusione risultante deve essere filtrata e assunta 100 ml prima di ogni pasto.
  • Le lesioni tumorali sono trattate con clistere. A tal fine, utilizzare acqua purificata con solfato di rame (due litri di acqua per 100 ml di concentrato di solfato). La durata del trattamento non deve superare i 14 giorni.
  • Un cucchiaio di erbe di celidonia versare 200 ml di acqua bollente e lasciare per 20-30 minuti. Filtrare il brodo e prendere 1 cucchiaio 2-3 volte al giorno prima dei pasti.
  • Il grasso di Gopher ha proprietà anticancro. Mangia 4 cucchiai di grasso al giorno o cuoci tutto il cibo. Tale terapia entro un mese migliora significativamente le condizioni del paziente.

Chirurgia per adenocarcinoma del colon

La chirurgia per l'adenocarcinoma del colon è considerata il metodo terapeutico più efficace. Durante l'operazione, non solo viene rimossa la neoplasia, ma anche i tessuti affetti da metastasi. Prima dell'operazione, il paziente sta aspettando una preparazione speciale, che è un alimento non di scorie, prendendo lassativi e clisteri di pulizia 3-5 giorni prima dell'intervento chirurgico. Inoltre, è possibile lavare il tratto digestivo con l'aiuto di uno strumento speciale Lavage o Fortrans.

Durante l'operazione, è molto importante che le cellule tumorali non vengano trasferite con il flusso sanguigno attraverso il corpo, quindi non toccano la neoplasia. A tal fine, i vasi sanguigni vengono pizzicati e una parte dell'intestino interessato viene tagliata. Con metastasi a distanza, la rimozione non è efficace, ma l'operazione viene comunque eseguita. È necessario un intervento chirurgico per prevenire possibili complicanze, ad esempio sanguinamento, infiammazione e dolore. Se la malattia è grave, è necessario un intervento chirurgico per normalizzare l'intestino a causa della formazione di una colostomia.

Se il cancro provoca complicazioni, l'intervento chirurgico viene eseguito urgentemente. Nella prima fase, il tumore viene rimosso e le complicanze vengono eliminate. Al secondo stadio, si forma una colostomia, che può essere a canna singola o a doppia canna. Nel primo caso, il processo di escrezione delle feci passa attraverso la colostomia e nel secondo caso, il movimento delle feci è possibile in modo naturale. La normale funzione intestinale viene ripristinata 2-7 mesi dopo l'intervento chirurgico.

Prevenzione dell'adenocarcinoma del colon

La prevenzione dell'adenocarcinoma del colon ha lo scopo di prevenire le malattie maligne. Le misure preventive iniziano con un esame da parte di un proctologo che aiuterà a risolvere i problemi del colon nelle prime fasi. Obbligatorio è il trattamento di malattie del tratto gastrointestinale e lesioni infettive. L'alimentazione sana e uno stile di vita attivo sono anche metodi per prevenire la malattia. La tua dieta dovrebbe contenere molti alimenti vegetali ricchi di fibre..

La predisposizione ereditaria e il sesso anale sono tra i fattori di rischio, pertanto la prevenzione non sarà superflua in questa materia. Vale la pena sapere che la malattia si verifica molto raramente se esposta a un solo fattore di rischio. Meno impatto negativo sul tuo corpo, minore è il rischio di sviluppare la malattia.

Prognosi di adenocarcinoma del colon

La prognosi dell'adenocarcinoma del colon dipende completamente da quale stadio della malattia è stato rilevato e da come è andato il trattamento. La prognosi si basa sull'estensione della lesione, sulla presenza di metastasi, sullo stadio di sviluppo della malattia. Se il paziente è stato sottoposto a intervento chirurgico, i successivi 5 anni sono considerati critici, poiché è possibile il ritorno della malattia. Con la chirurgia radicale, che comporta la rimozione di gran parte dell'intestino, il tasso di sopravvivenza raggiunge il 90%. Tuttavia, maggiore è lo stadio e la prevalenza della malattia, meno pazienti sopravvivono per 5 anni dopo l'intervento chirurgico. Se il cancro ha metastatizzato ai linfonodi, il tasso di sopravvivenza è del 50%.

I principali fattori che influenzano la sopravvivenza dei pazienti:

  • Le dimensioni, lo stadio, la profondità della crescita del tumore.
  • Risultati istologici.
  • La presenza di metastasi regionali.
  • Il grado di differenziazione del tumore.

La prognosi della sopravvivenza con adenocarcinoma del colon di diversa differenziazione:

  1. Altamente differenziato - ha la prognosi più favorevole. Sopravvivenza del paziente a cinque anni al 50%. Nei pazienti di età avanzata, il tumore praticamente non metastatizza e non influisce sugli organi vicini. Ma il tasso di sopravvivenza dei giovani malati di cancro al livello del 40%.
  2. Moderatamente differenziato: è difficile da trattare, poiché è difficile scegliere un farmaco efficace per la chemioterapia. La chirurgia è possibile con ulteriori metodi di terapia.
  3. Di bassa qualità: il tipo più pericoloso di cancro, caratterizzato da un decorso aggressivo e una rapida proliferazione. Questo tipo di oncologia è praticamente non trattabile, quindi la prognosi è scarsa.

L'adenocarcinoma del colon è una malattia maligna che richiede un trattamento urgente. Prima viene rilevato, più rapidamente verrà selezionato il trattamento efficace e quindi maggiori sono le possibilità di ripristinare il normale funzionamento del corpo.

Adenocarcinoma del retto e del colon: trattamento, prognosi

Tra i tipi istologici di carcinoma del colon-retto, l'adenocarcinoma del colon rappresenta l'80-98% di tutti i casi. Questo è un tumore maligno che si sviluppa dalle cellule dell'epitelio intestinale.

Adenocarcinoma e differenziazione - definizione dei concetti

La superficie interna dell'intestino è ricoperta da epitelio ghiandolare, in grado di produrre muco ed enzimi che facilitano la digestione del cibo. Se le cellule di questo strato iniziano a moltiplicarsi in modo incontrollato, si verifica un tumore maligno chiamato adenocarcinoma..

Normalmente, l'epitelio, incluso ghiandolare, è costituito da diversi strati, sotto i quali esiste una struttura chiamata membrana basale. La divisione cellulare si verifica nello strato più vicino a questa membrana e ogni nuovo strato di cellule spinge verso l'alto il precedente. Man mano che si spostano sulla superficie della mucosa, le cellule maturano (si differenziano) acquisendo una struttura caratteristica.

Le cellule maligne possono apparire in qualsiasi strato della mucosa. Si differenziano da quelli normali per divisione attiva, proprietà per distruggere i tessuti circostanti e perdita di capacità di morte naturale. Più velocemente le cellule si moltiplicano, meno tempo devono maturare. Si scopre che maggiore è il grado di differenziazione (classificazione dei gradi), minore è l'aggressività del tumore e più favorevole è la prognosi. Ecco perché nella diagnosi istologica (basata sul tipo di tumore al microscopio) è necessario indicare quanto sia differenziato il carcinoma:

  • G1 altamente differenziato - in oltre il 95% delle cellule dell'adenocarcinoma del colon, vengono determinate le strutture ghiandolari;
  • G2 moderatamente differenziato - dalla metà al 95% delle strutture ghiandolari;
  • G3 di basso grado - meno del 50% delle cellule ghiandolari.

Lo sviluppo del cancro indifferenziato è anche possibile, ma si distingue come un tipo istologico separato, poiché le cellule sono così alterate che è impossibile assumere ciò che erano originariamente.

Sviluppo del tumore

Esistono quattro modi di carcinogenesi:

  • Malignità di un tumore benigno - adenoma (polipo adenomatoso). Molto spesso sono asintomatici e vengono rilevati solo per caso. La comparsa di queste neoplasie è associata a una mutazione del gene, che normalmente blocca la proliferazione incontrollata delle cellule (gene APC). Man mano che il tumore cresce, le proprietà delle sue strutture cellulari cambiano, compaiono segni di displasia - violazioni del normale sviluppo dei tessuti. Un alto grado di displasia dell'adenoma è una condizione precancerosa. La probabilità di malignità dipende direttamente dalla dimensione del polipo: con un diametro di neoplasia fino a 1 cm non supera l'1,1%, con tumori superiori a 2 cm aumenta al 42%.
  • Instabilità dei microsatelliti. Durante la divisione cellulare, il DNA raddoppia e durante questo processo si verificano spesso micromutazioni: errori nella sintesi di nuovo DNA. Di solito ciò non comporta alcuna conseguenza, poiché tali errori vengono eliminati da speciali proteine ​​di riparazione (recupero). Queste proteine ​​sono anche codificate da speciali sequenze di geni e, con questi cambiamenti, il processo di riparazione viene interrotto. Le micromutazioni iniziano ad accumularsi (questo si chiama instabilità dei microsatelliti) e se si trovano in aree importanti che regolano la crescita e la riproduzione cellulare, si sviluppa un tumore maligno. L'instabilità dei microsatelliti si verifica in circa il 20% di tutti i casi di adenocarcinoma. Può essere trasmesso di generazione in generazione e questa opzione è chiamata sindrome di Lynch (tumore ereditario del colon).
  • Crescita tumorale "de novo" (su epitelio invariato). Di solito è causato da un disturbo nella normale attività di una sequenza genica chiamata RASSF1A, che sopprime la crescita dei tumori e se per qualche motivo il loro effetto viene inattivato, si formano vari tipi di neoplasie maligne..
  • Malignità (malignità) in presenza di infiammazione cronica. Sotto l'influenza di un costante fattore dannoso (costipazione cronica, diverticolite), si sviluppa la displasia dell'epitelio intestinale che, con il tempo che peggiora, prima o poi si trasforma in carcinoma.

Fattori di rischio

  • patologia geneticamente determinata: sindrome di Lynch, poliposi adenomatosa familiare, sindrome ereditaria del carcinoma del colon non polipo;
  • patologie infiammatorie croniche intestinali: morbo di Crohn, colite ulcerosa (con una durata superiore a 30 anni, il rischio di adenocarcinoma aumenta del 60%);
  • polipi adenomatosi del colon;

Oltre a quanto sopra, la costipazione cronica aumenta la probabilità di cancro (si presume che in questo caso l'effetto dei prodotti di digestione cancerogena si allunghi), un eccesso di grassi e carne rossa nella dieta e l'abuso di alcol aumenta il rischio di sviluppare adenocarcinoma intestinale del 21%; fumo - 20%.

Manifestazioni cliniche

Nelle prime fasi della crescita del tumore, i sintomi sono praticamente assenti. I primi segni compaiono quando la neoplasia aumenta di dimensioni e dipende dalla sua posizione.

L'area della connessione ileocecale (il luogo di passaggio dell'intestino tenue nel cieco):

  • sintomi di ostruzione acuta dell'intestino tenue: gonfiore, pesantezza nella parte superiore, sensazione di pienezza, nausea, vomito;
  • sangue o muco nelle feci.

Colon destro:

  • la comparsa di debolezza generale, affaticamento, riduzione delle prestazioni;
  • anemia sideropenica (riduzione dell'emoglobina in un esame del sangue);
  • perdita di peso non motivata;
  • dolore nella metà destra dell'addome;
  • se l'infiammazione inizia intorno al tumore - febbre, leucocitosi nell'analisi del sangue, tensione della parete addominale anteriore, che nel complesso può essere scambiata per appendicite o colecistite;
  • feci instabili: la costipazione lascia il posto alla diarrea.

Adenocarcinoma del colon sigmoideo:

  • impurità di sangue, pus, muco mescolate con le feci;
  • cambiamento di costipazione e diarrea;
  • palpazione di una formazione simile a un tumore attraverso la parete dell'addome;
  • nelle fasi successive - anemia, debolezza, perdita di peso.

Adenocarcinoma rettale:

  • la comparsa di sangue nelle feci;
  • aumento dei movimenti intestinali;
  • un cambiamento nella forma delle feci;
  • desideri frequenti con rilascio di pus, muco, sangue, gas, lasciando una sensazione di movimento intestinale incompleto;
  • nelle fasi successive - dolore pelvico.

metastasi

Metastatizza l'adenocarcinoma con flusso sanguigno, attraverso i collettori linfatici e l'impianto - diffondendosi lungo il peritoneo.

La metastasi ematogena può verificarsi sia nel sistema venoso portale, che raccoglie il sangue dall'intestino nel fegato, sia (in caso di danno rettale) nel sistema della vena cava inferiore che porta all'atrio destro. La prevalenza di metastasi:

  • nel fegato - 20%
  • al cervello - 9.3%
  • ai polmoni - 5%
  • nell'osso - 3,3%
  • ghiandole surrenali, ovaie - 1 - 2%.

Diagnostica

  • Esame delle dita del retto. Consente di identificare un tumore situato a una distanza di 10 cm dal canale anale.
  • Colonscopia (FCC). Un esame endoscopico del retto e del colon, che consente non solo di vedere la neoplasia, ma anche di ottenere una micropreparazione - materiale per l'esame istologico. È il "gold standard" della diagnosi.
  • Irrigoscopy. Questo è un metodo a raggi X per esaminare i due punti. Dopo aver lavato l'intestino con un clistere speciale, viene introdotta una miscela di bario, che è visibile sulla radiografia. Ti permette di determinare le dimensioni e la forma della crescita del tumore, la presenza di fistole interintestinali.
  • Colonscopia virtuale. L'intestino viene liberato dalle feci e lì viene introdotta aria, dopo di che viene eseguita una scansione TC a spirale della cavità addominale. Per il paziente, questo metodo è molto più comodo rispetto al classico FCC. Tra le carenze: ottenere risultati falsi positivi con una scarsa pulizia intestinale, non c'è modo di fare una biopsia.
  • Ultrasuoni dell'addome e del bacino. Ti permette di determinare la prevalenza di neoplasie, cambiamenti nei linfonodi regionali.

Trattamento

Il metodo principale è chirurgico, poiché è possibile utilizzare chemioterapia aggiuntiva e radioterapia. La tattica dipende dalla posizione, dalle dimensioni del tumore e dalla presenza di invasione (ingrowth) negli organi vicini.

  • Carcinoma del colon / sigmoideo precoce (stadio 0 - 1). Sono consentite operazioni di conservazione degli organi, la più parsimoniosa delle quali è la resezione endoscopica della mucosa. È disponibile a condizione che l'adenocarcinoma non sia cresciuto nello strato sottomucoso e abbia un grado di differenziazione elevato o moderato (incluso l'adenoma altamente differenziato).
  • Carcinoma colorettale precoce. Oltre all'intervento già descritto, è possibile la resezione endoscopica transanale del tumore con tessuto adiacente. Questa operazione si applica anche ai minimamente invasivi (risparmiando).
  • Adenocarcinoma localmente avanzato resecabile (è tecnicamente possibile rimuovere l'intero tumore) (stadio 2 - 3). Una sezione dell'intestino viene asportata insieme al tumore, ai linfonodi locali. In caso di sospetto di metastasi ai linfonodi regionali, è indicata la chemioterapia adiuvante (trattamento chirurgico complementare).
  • Carcinoma colorettale localizzato precoce. Il tumore viene rimosso insieme a parte dell'organo e alla fibra circostante. Nessun trattamento speciale aggiuntivo.
  • Cancro resecabile del retto 1 - 3 stadi. Prima dell'intervento chirurgico, la radioterapia è obbligatoria, secondo le indicazioni - in combinazione con la chemioterapia. Il prossimo è un intervento chirurgico.
  • Cancro al colon non resecabile (il tumore non può essere rimosso contemporaneamente), in cui la neoplasia germoglia intorno ai vasi centrali, alle ossa. L'operazione viene eseguita solo palliativa per alleviare la condizione (ad esempio, la formazione di una deviazione in caso di ostruzione intestinale). Viene seguita la chemioterapia palliativa..
  • Cancro rettale non resecabile. Il trattamento inizia con la chemioradioterapia. 1,5 o 2 mesi dopo il suo completamento, viene valutata la possibilità di rimozione del tumore, la fase successiva è pianificata in base ai risultati dell'esame.
  • Tumore generalizzato (ci sono metastasi a distanza) del colon (incluso il retto) del colon con focolai di cellule maligne nei polmoni o nel fegato, quando è possibile asportarli contemporaneamente o questa opzione può apparire dopo la chemioterapia. Il tumore primario e le metastasi vengono rimossi o vengono prescritti diversi cicli di chemioterapia per ridurne le dimensioni e l'operazione viene eseguita.
  • Cancro generalizzato con metastasi non resecabili (non eliminabili). Il tumore primario viene rimosso se le condizioni generali del paziente lo consentono. Viene eseguita la chemioterapia, viene eseguito un esame di controllo ogni 1,5 - 2 mesi al fine di valutare la resecabilità delle metastasi.
  • Carcinoma del colon funzionalmente inoperabile - quando le condizioni generali del paziente non consentono un trattamento speciale. Terapia sintomatica.

previsione

Dipende dallo stadio e dalla differenziazione del tumore. Il cancro precoce è curabile; la sopravvivenza a cinque anni supera il 90%. Dopo la germinazione della parete intestinale (stadio 3), è del 55%, con la comparsa di metastasi a distanza scende al 5%. Se parliamo del grado di differenziazione del tumore come segno prognostico, allora la prognosi per un adenocarcinoma del colon altamente differenziato sarà naturalmente migliore rispetto a quella a bassa differenziazione, poiché più bassa è la differenziazione, più attivamente il tumore cresce e metastasi.

Prevenzione

Le attività primarie comprendono la dieta e l'attività fisica..

È dimostrato che 10g. inoltre, le fibre alimentari insolubili (piatti integrali, crusca di grano) riducono del 10% la probabilità di adenocarcinoma del colon (standard dell'American Dietetic Association - 25 g di fibre alimentari insolubili al giorno).

Uso quotidiano 400g. Latticini e latticini (compresi fiocchi di latte e formaggi) riducono del 17% la probabilità di sviluppare adenocarcinoma colorettale.

Non sono state stabilite norme esatte di attività fisica "preventiva", ma la differenza nella probabilità di sviluppare il cancro del colon-retto nelle persone con uno stile di vita immobile e coloro che si occupano di un'attività fisica regolare è del 17-25%.

Alcuni studi hanno scoperto che i pazienti che assumono 300 mg di aspirina al giorno come prescritto da un cardiologo (per prevenire catastrofi cardiovascolari) hanno una probabilità inferiore del 37% di sviluppare il cancro del colon. L'organizzazione americana di esperti indipendenti, la Task Force statunitense sui servizi preventivi, raccomanda alle persone di età compresa tra 50 e 59 anni di assumere basse dosi di aspirina per prevenire non solo le malattie cardiovascolari, ma anche il cancro del colon-retto. Nelle raccomandazioni europee e russe non esiste ancora nulla di simile.

Cosa è pericoloso e come viene trattato l'adenocarcinoma del colon (intestino)

L'adenocarcinoma del colon è un tumore maligno originato dal tessuto ghiandolare epiteliale di un organo. Più spesso questo processo patologico si osserva negli uomini di età superiore ai 50 anni, donne e bambini raramente si ammalano. Le probabilità di guarigione sono maggiori se rilevate in anticipo..

Sintomi e cause

L'adenocarcinoma intestinale si sviluppa per una serie di motivi. Spesso puoi trovare questa malattia nelle persone che soffrono di altri processi tumorali nell'organo digestivo: polipi, formazioni benigne. Anche altre malattie intestinali contribuiscono..

La malnutrizione spesso causa il cancro. Se una persona mangia molti additivi artificiali, aumenta la probabilità di sviluppare patologie.

La causa potrebbe essere la presenza di cattive abitudini: consumo eccessivo di bevande alcoliche, fumo.

Il cancro può anche verificarsi a causa di sesso anale troppo frequente, lavoro in un'impresa dannosa, costipazione regolare, stile di vita inattivo, predisposizione genetica.

Nelle malattie maligne, benigne.

Il cancro può svilupparsi in processi infiammatori, poliposi, diverticolite, colite ulcerosa.

I sintomi nelle fasi iniziali sono scarsamente espressi, possono essere completamente assenti. Con l'adenocarcinoma dell'intestino crasso, si può osservare dolore nell'addome, nausea, vomito, perdita di appetito, rapida perdita di peso, diarrea, gonfiore, impurità nel sangue nelle feci, affaticamento, debolezza, stato astenico generale. A volte la temperatura aumenta. Più tardi c'è una costante sensazione di pesantezza allo stomaco, bruciore di stomaco. I sintomi peggiorano con la progressione della malattia.

Classificazione

I tumori sono di vari tipi..

Altamente differenziato

Questa varietà è meno pericolosa di altre. Il numero di cellule tumorali è inferiore, differiscono dalle cellule sane per un aumento delle dimensioni del nucleo..

Il grado di malignità è basso, le previsioni sono spesso positive. Non vi sono metastasi nei singoli organi e tessuti.

Moderatamente differenziato

Questa opzione è caratterizzata da un decorso più grave. Le cellule patologiche sono osservate in tutto l'intestino. La dimensione della neoplasia può essere di 2-5 cm.

C'è un blocco dell'intestino, il passaggio delle feci è difficile, che può portare a costipazione, peggioramento. Se non trattata, le condizioni del paziente peggiorano rapidamente..

Basso rango

L'adenocarcinoma del colon di basso grado è considerato la varietà più aggressiva. Diagnosticato in circa il 20% dei casi.

Le cellule crescono rapidamente, le metastasi si sviluppano presto. Il tumore non ha confini chiari. Nel 90% dei casi non è suscettibile di terapia.

Cancro indifferenziato

È una patologia maligna in cui si osservano cellule atipiche per il cancro. Si nota una crescita infiltrata nella parete peritoneale..

La metastasi precoce è caratteristica, in cui sono interessati i linfonodi. Previsioni sfavorevoli.

Tubolare

Le manifestazioni cliniche con questa forma sono assenti per lungo tempo o sono deboli. Per questo motivo, la malattia viene rilevata raramente nelle prime fasi. Potrebbe essere accidentalmente rilevato dalla radiografia..

mucinoso

L'adenocarcinoma mucinoso è raro. Formato da cellule cistiche, l'organo.

Spesso metastasi ai linfonodi.

Le ricadute sono spesso annotate..

Diagnosi e terapia

Per la diagnosi, puoi contattare un gastroenterologo, un terapista, un oncologo. I medici interrogano il paziente, scoprono quali sintomi si notano, da quanto tempo sono sorti, conoscono le patologie esistenti. Il medico può chiedere informazioni sullo stato di salute dei parenti, sulla presenza di tumori cancerosi in ognuno di essi. Esame addominale eseguito per palpazione.

Per gli esami, verranno scritte le indicazioni per un proctologo e un radiologo. Dovremo consegnare campioni di fluidi biologici per l'analisi. È necessario fornire sangue per analisi generali e biochimiche, un test per i marker tumorali. Per l'analisi generale e biochimica, viene fornita anche l'urina. Inoltre, vengono analizzate le feci..

Determinare con precisione la posizione della localizzazione, chiarire la diagnosi per aiutare l'esame dell'hardware. Necessario per condurre: ultrasuoni, tomografia computerizzata e risonanza magnetica.

Il medico prescrive il trattamento in base alle caratteristiche della diagnosi e allo stato di salute del paziente. Il medico tiene conto della localizzazione e delle dimensioni della formazione patologica, del tipo, della forma. Molto spesso viene utilizzata una terapia complessa: una persona subisce un intervento chirurgico, radiazioni, subisce un ciclo di chemioterapia.

Durante l'intervento chirurgico, il tumore e le aree interessate dell'intestino vengono asportati. Con metastasi a distanza, l'area interessata dell'intestino viene asportata. La preparazione preliminare è importante: entro 5 giorni il paziente deve aderire a una dieta non di scorie, assumere lassativi. È necessario condurre clisteri per purificare. La lavanda gastrointestinale può anche essere eseguita..

La chemioterapia viene utilizzata come misura aggiuntiva. Al paziente vengono prescritti speciali farmaci potenti che fermano la crescita di un tumore maligno, l'eliminazione delle cellule patologiche. È importante completare il corso per ridurre la probabilità di recidiva..

La radioterapia è prescritta prima e dopo l'intervento chirurgico. Questa misura aggiuntiva aiuta a ridurre le dimensioni del tumore, previene lo sviluppo di metastasi. La tecnica viene raramente utilizzata per i tumori ghiandolari a causa della loro elevata mobilità..

Talvolta viene utilizzata la terapia ormonale..

Le radiazioni e la chemioterapia possono essere le principali opzioni di trattamento per i tumori non operabili. Riducono il dolore, aiutano ad alleviare la condizione. Non funzionerà completamente con questi metodi; la cura è possibile solo con la rimozione chirurgica.

Prevenzione e prognosi

La prognosi dipende dalle caratteristiche del tumore, lo stadio in cui è stato iniziato il trattamento. Dopo l'intervento chirurgico, una persona può recuperare completamente. Probabilità di sopravvivenza particolarmente elevate con adenocarcinoma altamente differenziato. Con l'inizio tempestivo del trattamento di tumori altamente differenziati del tipo intestinale per 5 anni, le persone vivono nel 90% dei casi. La sopravvivenza a cinque anni è osservata nell'80% dei casi, se la malattia è stata trattata in 2 fasi. Se si notano metastasi nei linfonodi, solo il 48% dei pazienti vivrà 5 anni.

Uno stile di vita sano contribuirà a ridurre la probabilità di sviluppare la malattia. Viene mostrata una dieta razionale, la cui base è un alimento sano naturale. Ne trarrà beneficio l'attività fisica moderata. Le cattive abitudini devono essere scartate. Inoltre, è importante riposare abbastanza, dormire a sufficienza, perché la mancanza di sonno aumenta il rischio di cancro.

È importante visitare regolarmente i medici, sottoporsi a esami preventivi. Questo aiuta a rilevare la malattia in una fase precoce, il che aumenta la probabilità di guarigione. Altre patologie intestinali devono essere trattate in modo tempestivo per prevenire la degenerazione in un tumore maligno.

Adenocarcinoma rettale

Il cancro del colon-retto ha un codice ICD di 10 - C18. Un tipo di tumore del colon-retto è l'adenocarcinoma. Il tumore si sviluppa dalle cellule epiteliali e si trova nella parte finale del tratto digestivo. Molto spesso, questa malattia viene diagnosticata nelle persone di una fascia di età più avanzata. Non sono state stabilite le cause esatte del cancro del colon-retto. Il rischio di sviluppare patologie aumenta significativamente dopo aver raggiunto i cinquant'anni.

I vantaggi del trattamento di pazienti con tumore maligno del retto all'ospedale di Yusupov sono:

  • Diagnosi puntuale e accurata;
  • Ispezione utilizzando le ultime tecniche;
  • Interventi chirurgici efficaci risparmianti;
  • L'uso dei più recenti farmaci chemioterapici e le tecniche di irradiazione utilizzando apparecchiature moderne;
  • Cura attenta e monitoraggio di ogni paziente.

Il comfort dei reparti della clinica oncologica corrisponde a livello europeo. Ai pazienti vengono forniti singoli prodotti per l'igiene personale e alimenti dietetici. Tutti i casi complessi di cancro sono discussi in una riunione del Consiglio di esperti, a cui partecipano professori e medici della più alta categoria. I principali oncologi di Mosca compongono un regime di trattamento individuale per ciascun paziente affetto da cancro del retto. Se un paziente ha un carcinoma del retto di grado 4 con metastasi, riceverà cure palliative.

Sintomi di adenocarcinoma e sarcoma rettale

Molto spesso, i pazienti che soffrono di un tumore maligno del retto presentano i seguenti disturbi:

  • Mancanza di appetito;
  • Aumento irragionevole della temperatura corporea;
  • Dolore nell'addome inferiore;
  • Riduzione in breve tempo del peso corporeo;
  • Gonfiore frequente;
  • Dolore e disagio durante i movimenti intestinali;
  • Costipazione e diarrea inspiegabili;
  • La presenza nelle feci di impurità nel sangue e una grande quantità di muco.

I pazienti che soffrono di carcinoma rettale sono preoccupati per la debolezza generale. Si nota il pallore della pelle..

Il sarcoma rettale si verifica in circa l'1% dei casi di carcinoma del retto. Possono provenire da elementi del tessuto connettivo, tessuto linfatico, endotelio dei vasi sanguigni. Provenendo da vari elementi della parete intestinale e situato sotto la copertura epiteliale, il sarcoma nel periodo iniziale di crescita è un nodo di dimensioni diverse, coperto da mucosa intatta. Alla palpazione, sono indolori, con la pressione non si placano..

Situati nello spessore della parete rettale, i sarcomi semplici non causano inconvenienti ai pazienti per lungo tempo. I sintomi del sarcoma rettale dipendono dalla posizione, dalla forma di crescita e dalla struttura istologica del tumore. I principali sintomi dei sarcomi sono:

  • Dolore moderato;
  • Scarico patologico dal retto (solo scarico sanguinante o muco con sangue);
  • Disturbo del movimento intestinale.

Questi sono i segni che caratterizzano il cancro del colon-retto..

Diagnosi di adenocarcinoma rettale

Come identificare il cancro al colon? La diagnosi di carcinoma del colon-retto nell'ospedale di Yusupov si basa sui risultati di un esame completo di pazienti affetti da neoplasie rettali. Nel caso dell'adenocarcinoma rettale, il trattamento inizia con una diagnosi dettagliata. A seconda delle caratteristiche del quadro clinico, ogni paziente utilizza una serie di determinati metodi diagnostici:

  • Esame del sangue: consente di identificare i cambiamenti ematologici e biochimici caratteristici, determinare la concentrazione di marker tumorali caratteristici del carcinoma del colon-retto;
  • Analisi delle feci per il sangue - aiuta i medici a stabilire i primi segni di sanguinamento occulto;
  • Sigmoidoscopia: un esame endoscopico volto a visualizzare i cambiamenti nella superficie della mucosa dell'intestino finale;
  • La colonscopia è lo studio più informativo dell'intestino, che consente di esaminare il retto, il sigmoide e il colon;
  • Esame ecografico - con l'aiuto di questo studio non invasivo, i medici determinano alcune caratteristiche della crescita del tumore, valutano le condizioni degli organi addominali (a seconda del decorso clinico della malattia, viene eseguita l'ecografia transaddominale o endorettale);
  • Biopsia: consente di confermare la diagnosi di adenocarcinoma del colon (eseguito durante un esame endoscopico dell'intestino o durante un intervento chirurgico).

La tomografia computerizzata, la risonanza magnetica, l'emissione di positroni, la scintigrafia sono utilizzate per chiarire le caratteristiche della struttura e della posizione del tumore rispetto ad altri organi e tessuti, per identificare i segni di metastasi del cancro. I tumori del tumore del colon e del colon possono essere sospettati di neoplasia maligna prima dell'inizio dei primi sintomi del cancro.

Che aspetto ha il cancro del retto?

I medici dell'ospedale Yusupov raccolgono materiale da un tumore del retto durante un esame o un intervento endoscopico e lo inviano a un laboratorio istologico. Gli assistenti di laboratorio determinano il tipo istologico di tumore attraverso l'aspetto del cancro del colon.

L'adenocarcinoma rettale è costituito da cellule atipiche che hanno origine dal tessuto epiteliale ghiandolare e si formano in strutture tubulari, papillari e di altro tipo. La struttura cellulare può avere un diverso grado di differenziazione: le neoplasie altamente differenziate possiedono segni citologici del tessuto epiteliale materno e gli adenocarcinomi scarsamente differenziati assomigliano solo in remoto al materiale di partenza. Sono altamente aggressivi, crescono più velocemente e si diffondono..

L'adenocarcinoma mucoso è un gruppo di cellule circondate dal muco. I tumori del tipo mucoso possono essere di basso grado e altamente differenziati. Il muco si accumula nelle strutture del tumore sotto forma di "laghi" di varie dimensioni

Il carcinoma a cellule cricoidi ha preso il nome dalla forma delle cellule che, a causa di un eccesso di muco in esse e dello spostamento dei nuclei nelle membrane, assumono la forma di un anello. La sostanza mucosa che occupa lo spazio delle cellule è una specifica proteina mucinica. I tumori del retto cricoideo sono piuttosto aggressivi.

Il carcinoma a cellule squamose del retto è costituito da cellule atipiche. Appartengono all'epitelio intestinale piatto. Ponti intracellulari e cheratina sono presenti nei focolai patologici. I tumori squamosi del retto possono essere cheratinizzati e non cheratinizzati.

L'adenocarcinoma squamoso ghiandolare è una rara varietà della regione rettale. Tali neoplasie sono rappresentate dall'adenocarcinoma, combinato con il carcinoma a cellule squamose. Gli istologi al microscopio vedono piccoli frammenti di trasformazione squamosa.

I tumori colorettali indifferenziati sono costituiti da cellule atipiche del tessuto epiteliale che non formano strutture ghiandolari e non producono muco. Queste cellule rappresentano varie strutture citologiche. Formano strati o corde che sono separati da uno stroma magro di tessuto connettivo.

Skirr è un tumore canceroso in cui il tessuto connettivo predomina sullo stroma. Le strutture citologiche in Skirra sono cellule cubiche raccolte in filamenti o piccole cellule. A volte nel retto si trovano neoplasie che non sono adatte a nessun tipo istologico. In questo caso, gli oncologi parlano di cancro rettale non classificato..

I tumori neuroendocrini rettali provengono da cellule del sistema neuroendocrino diffuso. Hanno uno stroma fibroso ben sviluppato, differiscono istologicamente dagli adenocarcinomi..

La differenza tra emorroidi e cancro del colon-retto

Le emorroidi e il cancro del colon-retto sono le malattie proctologiche più comuni. Come distinguere le emorroidi dal cancro del colon-retto? Puoi determinare autonomamente la natura della malattia in base ai sintomi, ma è meglio chiedere consiglio ai medici dell'ospedale di Yusupov. Gli oncologi effettueranno un esame completo e una diagnosi differenziale.

Le emorroidi e il cancro del colon-retto hanno sintomi molto simili e sono perfettamente mascherati. Per un lungo periodo di tempo, non si manifestano in alcun modo. Una differenza caratteristica è il colore del sangue. Con sanguinamento emorroidario, il sangue è scarlatto brillante, praticamente non si mescola con le feci. In caso di carcinoma del colon-retto, durante i movimenti intestinali appare sangue scuro. È uniformemente distribuito nelle feci..

Il cancro e le emorroidi si manifestano con secrezione caratteristica. Con infiammazione patologica delle vene emorroidali, il muco è trasparente e non ha un odore pungente. Un segno di cancro del colon-retto è la presenza nelle feci di una sostanza puzzolente e purulenta, che appare non solo durante i movimenti intestinali.

Con le emorroidi, le feci non cambiano forma. La crescita di un tumore maligno, il graduale restringimento del lume dell'ano contribuisce alla formazione di feci simili a nastri. Con le emorroidi, i pazienti rifiutano deliberatamente di mangiare a causa di dolore con costipazione o defecazione, mentre sperimentano fame e letargia. Con una malattia oncologica del retto, l'intestino malato non si lamenta di scarso appetito, ma perde rapidamente peso corporeo.

Tumori benigni del retto

L'adenoma tubulare del retto è una neoplasia benigna. Il tumore si sviluppa dalle cellule ghiandolari dell'intestino. Questo tipo di adenoma è di piccole dimensioni con una superficie liscia e uniforme. L'adenoma di grandi dimensioni ha una struttura lobata.

Esistono 3 gradi di displasia con adenomi tubulari dell'intestino. La displasia moderata è caratterizzata da un ispessimento dello strato basale dell'epitelio intestinale. Il nucleo cellulare contiene poca cromatina, il numero di mitosi (divisione cellulare) aumenta. L'adenoma tubulare del colon con displasia di grado 2 ha caratteristiche: lo strato epiteliale è offuscato, si osserva una proliferazione pronunciata nella zona di crescita delle cellule. Gli elementi stessi differiscono per forma e dimensioni. Un grado pronunciato di displasia è uno stadio terminale. Le cellule in questo caso sono caratterizzate da un alto contenuto di cromatina e una varietà di forme. Il numero di elementi modificati varia dallo 0,5 all'1% del tessuto epiteliale.

Un tumore rettale villo è una neoplasia benigna. È una spugnosa formazione rosso-rosata su uno stelo spesso o su una base larga, chiaramente delimitata da tessuti circostanti invariati. La superficie è ricoperta da sottili villi sfrangiati, che sono composti da fibre di tessuto connettivo ricoperte da uno strato di cellule epiteliali. Lo stroma del tumore del colon villo è rappresentato dal tessuto connettivo, che è penetrato da un gran numero di vasi sanguigni a parete sottile.

Trattamento dell'adenocarcinoma rettale

Con adenocarcinoma rettale, le metastasi compaiono abbastanza presto. Per questo motivo, dopo aver stabilito una diagnosi accurata, gli oncologi dell'ospedale Yusupov iniziano immediatamente il trattamento. Prima viene rilevata la malattia, migliore è la prognosi per il paziente. L'adenocarcinoma rettale differenziato viene trattato meglio. Le conseguenze del cancro indifferenziato sono più gravi. Ogni paziente con tale diagnosi in una clinica oncologica ha un approccio individuale e cure mediche di qualità..

Attualmente, viene data preferenza al trattamento combinato di adenocarcinoma rettale. Durante l'operazione, i chirurghi eliminano l'obiettivo principale della crescita del tumore. Altre tecniche di esposizione distruggono le cellule tumorali sopravvissute.

A seconda della prevalenza del processo tumorale, viene determinato il volume dell'intervento chirurgico. L'estirpazione e la resezione del retto sono integrate dall'escissione dei linfonodi regionali e dei tessuti molli. Quando eseguono tali operazioni, i chirurghi oncologi rispettano tutti i principi di ablastico e antiblastico. Ciò può ridurre significativamente il rischio di diffusione delle cellule tumorali in tutto il corpo. In alcuni pazienti, la chirurgia viene eseguita in più fasi. Ai pazienti con colostomia per carcinoma del colon-retto vengono forniti tutti i materiali necessari. Il personale medico conduce cure igieniche per lei.

I metodi di radioterapia utilizzati nel trattamento del carcinoma del colon-retto in alcuni casi consentono di sopprimere la progressione del processo tumorale. Le sessioni di radioterapia vengono eseguite per pazienti debilitati che hanno identificato controindicazioni al trattamento chirurgico o che sono stati diagnosticati con un tumore inoperabile..

L'uso di moderni farmaci citostatici per la chemioterapia consente di distruggere le cellule tumorali in tutti i tessuti del corpo del paziente. Il rischio di recidiva del processo patologico diminuisce e migliora la prognosi per i pazienti con tumori del colon-retto. Puoi ottenere consigli da un oncologo, proctologo, fissando un appuntamento per telefono all'ospedale Yusupov.