Adenocarcinoma: sintomi, prognosi, fasi e trattamento

Melanoma

Il concetto generale di "cancro" è costituito da varie specie, a seconda delle cellule che formano il tumore. Il carcinoma, o carcinoma a cellule squamose, differisce dall'adenocarcinoma in quanto si sviluppa da cellule epiteliali squamose e colpisce gli organi a contatto con l'ambiente esterno.

L'adenocarcinoma è un tipo di tumore che forma un tumore delle cellule epiteliali ghiandolari. In oncologia, il secondo nome è il cancro ghiandolare. La patologia colpisce più spesso alcune parti del corpo:

  • Organi gastrointestinali;
  • Sistema respiratorio;
  • Sistema genito-urinario.

Il codice ICD-10 per questa malattia è C77. Secondo l'ICD-O come adenocarcinoma NOS - M8140 / 3.

Eziologia della malattia

È stata determinata la causa esatta della malattia. Gli scienziati ritengono che il cancro si sviluppi in un contesto di diversi fattori:

  • È molto probabile che il processo maligno causi violazioni del codice genetico umano, il che significa che la possibilità di sviluppare il cancro è posta nel periodo prenatale di sviluppo.
  • Predisposizione ereditaria.
  • Malattie infiammatorie croniche degli organi interni.
  • Disfunzioni croniche degli organi.
  • Eccesso di cibo o malnutrizione.
  • Cattive abitudini alimentari, come cibi affumicati, carni grasse fritte, alimenti che includono conservanti e additivi chimici.
  • Dipendenza da alcol e nicotina.
  • Lavora nelle industrie metallurgiche e carboniere, dove una persona respira costantemente componenti pesanti.
  • Lunga esposizione alle radiazioni e alle radiazioni ultraviolette.
  • Malattie virali, in particolare HPV.

Grado di differenziazione del tumore

Il decorso della malattia dipende dal grado di cancro:

  • Un tumore altamente differenziato (G1) contiene cellule atipiche che presentano lievi differenze rispetto a quelle normali. La forma del nucleo è diversa. La malattia si sviluppa a lungo, non provoca la crescita di metastasi. Il trattamento è efficace in qualsiasi fase dello sviluppo.
  • Una forma di cancro moderatamente differenziata (G2) contiene un numero maggiore di cellule che differiscono dalle dimensioni e dalla forma normali. Si osserva un decorso più aggressivo. La ricaduta può verificarsi dopo il trattamento..
  • Adenocarcinoma metastatico: un nodo di basso grado (G3) è costituito interamente da cellule anormali. A causa della rapida divisione, le cellule si disperdono attraverso il flusso sanguigno e la linfa in tutte le parti del corpo. La metastasi inizia nelle prime fasi dello sviluppo. Il trattamento non porta i massimi risultati. Le prospettive sulla vita sono negative. A questo proposito, la durata della vita del paziente è ridotta a un anno.

Stadi del cancro

L'adenocarcinoma si sviluppa in 4 fasi:

  • Lo stadio 1 è caratterizzato dalla formazione di un nodo di dimensioni fino a 2 cm. Lo strato epiteliale dell'organo è interessato, il tumore non supera i suoi limiti. Sintomi e metastasi sono assenti..
  • Nella fase 2, la dimensione della lesione raggiunge i 5 cm. Non si estende oltre l'organo, ma le cellule tumorali possono diffondersi ai linfonodi regionali.
  • Con lo stadio 3, c'è un aumento dei linfonodi regionali. Il tumore cresce nelle pareti dell'organo. Le metastasi non si diffondono.
  • Nella fase terminale del cancro, l'intero corpo è coinvolto nel processo. Focolai secondari diffusi in tutto il corpo. Il paziente può morire in qualsiasi momento..

Tipi di tumori a seconda della localizzazione primaria delle cellule tumorali:

  • Un tumore mucinoso di solito colpisce le pareti dell'endometrio. Le cellule cistiche della neoplasia producono muco. I mucina si diffondono rapidamente agli organi vicini.
  • La neoplasia della struttura solida ghiandolare è rappresentata da trabecole con strati di tessuto connettivo.
  • La neoplasia tubulare è costituita da cellule tubulari.
  • Il tumore di Scirrhoid cresce dallo stroma.
  • Il tumore papillare papillare di solito colpisce il tessuto della ghiandola tiroidea, dell'ovaio e del rene.
  • La ghiandola prostatica è caratterizzata da una forma acinosa di cancro. Il nodo produce fluido che, diffondendosi attraverso i tessuti, infetta il cancro agli organi vicini.
  • La patologia cellulare chiara si sviluppa nel sistema genito-urinario sotto forma di polipi. Contiene varie forme di cellule, ad esempio solido, papillare, tubolare e cistico.
  • Il cancro intestinale è un tumore invasivo che danneggia tutte le parti dell'organo e si estende oltre..
  • Una neoplasia nell'esofago è costituita da cellule epiteliali. Di solito si sviluppa negli uomini tra cattive abitudini.
  • L'adenocarcinoma mammario mostra una natura infiltrativa.

Quadro sintomatico

I segni della malattia dipendono dall'organo danneggiato. Il sintomo principale di qualsiasi patologia è il dolore e la compattazione nei tessuti..

Con la sconfitta della ghiandola di Meibomio, si sviluppano sintomi di halazion. Il paziente nota rigidità, arrossamento dell'occhio e dolore.

L'utero interessato è caratterizzato da dolore nell'addome inferiore, scarico spontaneo di sangue dalla vagina e sanguinamento mestruale prolungato. Le donne sviluppano anemia. Il tumore preme sulle pareti della vescica e provoca minzione frequente. Il processo si estende al tessuto surrenale.

L'adenocarcinoma laringeo provoca mal di gola, dolore durante la deglutizione. L'epitelio del palato duro è interessato. Le metastasi penetrano nel cervello. Disturbi della memoria sviluppati, vertigini, convulsioni epilettiche. Il tessuto pituitario è interessato.

Una neoplasia che ha danneggiato il tessuto polmonare provoca una forte tosse umida, dolore toracico. La sconfitta delle ghiandole epatoidi provoca una crescita attiva delle metastasi.

Le neoplasie negli organi addominali mostrano sintomi:

  • Il carcinoma pancreatico-biliare è caratterizzato da ittero. Man mano che l'attenzione aumenta, si nota la penetrazione delle metastasi nel fegato. Tessuto della cistifellea interessato.
  • Con un tumore allo stomaco, il paziente avverte pesantezza, dolore dopo aver mangiato, nausea, feci turbate. La membrana sierosa dell'organo è danneggiata..
  • Una neoplasia dell'appendice viene solitamente rilevata quando l'appendice viene rimossa. I sintomi sono simili al tumore del colon e del sigma: ci sono dolori addominali, marciume verde e sangue nelle feci..
  • Quando la ghiandola mammaria è danneggiata, il tumore ulcera e viola l'integrità della pelle. Il paziente avverte dolore e pesantezza. Il capezzolo viene tirato dentro, a volte viene secreto pus con sangue.

Le cellule tumorali possono infettare i tessuti molli in tutto il corpo..

Nella quarta fase del cancro, il paziente nota temperatura corporea elevata, disturbi delle feci, avversione al cibo, apatia, debolezza, sonnolenza e sanguinamento di origine sconosciuta. Se non trattata, si sviluppa l'ascite. Per l'anemia, può essere necessaria una trasfusione di sangue..

Metodi di ricerca sul cancro

La diagnosi di adenocarcinoma viene effettuata utilizzando studi di laboratorio e strumentali:

  • Gli esami del sangue e delle urine mostrano la presenza di un processo infiammatorio.
  • La radiografia con l'introduzione di un mezzo di contrasto nel corpo mostra le dimensioni della lesione, i vasi sanguigni e la posizione.
  • Gli esami endoscopici consentono un esame dettagliato degli organi dall'interno. L'immagine ricevuta attraverso la fotocamera viene visualizzata sul monitor. Durante la procedura, viene raccolto il tessuto tumorale. Applicabile per la diagnosi del tratto digestivo, dell'apparato genito-urinario e dell'apparato respiratorio.
  • La diagnosi ecografica viene eseguita attraverso la pelle del peritoneo (addominale), attraverso la vagina (transvaginalmente) e il retto (transrettalmente). Il metodo viene utilizzato per diagnosticare varie malattie. Ha inoltre valutato la struttura dei linfonodi e delle ghiandole mammarie.
  • Le scansioni di risonanza magnetica (MRI) e tomografia computerizzata (CT) rilevano tutte le aree danneggiate del corpo umano attraverso la scansione strato per strato. I medici pensano attraverso l'operazione grazie a nuovi metodi diagnostici.
  • Il citogramma mostra la struttura e la funzione delle cellule nel materiale di prova ottenuto prendendo uno striscio, raschiando o biopsia.
  • L'analisi istologica prevede lo studio del tessuto neoplasmatico al microscopio. Determina la natura del tumore, il grado di malignità, lo stadio di sviluppo e rappresenta la diagnosi finale. Ad esempio, gli adenocarcinomi a cellule chiare e a cellule scure vengono rilevati colorando il pigmento. Il tessuto tumorale viene strappato o eliminato dal focus principale.

La citologia tumorale e l'istologia sono indispensabili per determinare il processo oncologico.

Tattiche di trattamento

Gli oncologi prescrivono il trattamento quando la diagnosi è pronta..

Se il tumore è nella fase iniziale dello sviluppo, le cellule atipiche non si sono diffuse in tutto il corpo insieme a linfa e sangue e non ci sono focolai secondari negli organi distanti, si consiglia l'intervento chirurgico, durante il quale la neoplasia viene rimossa insieme ai tessuti sani adiacenti per massimizzare la rimozione delle cellule atipiche.

In caso di crescita su larga scala del focus primario, i chirurghi cambiano le loro tattiche di trattamento:

  • Lo stadio terminale dell'oncologia epatica prevede il trapianto di organi.
  • Se i tumori si trovano nelle pareti intestinali, i chirurghi rimuovono la parte interessata. La lunghezza dell'organo è ridotta.
  • Con un tumore rettale, parte di esso viene rimossa insieme all'apertura rettale. Per uscire dal cibo digerito, una colostomia viene posizionata sulla parete anteriore dell'addome..
  • I tumori dell'esofago vengono rimossi insieme a parte dell'organo. Un colon o un intestino tenue viene trapiantato in un sito troncato.

Dopo l'intervento chirurgico, viene prescritto un ciclo di antibiotici e antidolorifici. Il risultato dell'operazione dipende dai segni vitali del paziente e dal volume del tumore rimosso..

Quando un organo viene rimosso, il paziente redige un gruppo di disabilità che opera per tutta la vita.

La chemioterapia è raccomandata prima e dopo l'intervento chirurgico. Il farmaco, entrando nel flusso sanguigno, attacca le cellule maligne, blocca la loro divisione e blocca la diffusione. Influisce negativamente sui tessuti sani, agendo indiscriminatamente. Il metodo è efficace nella lotta contro l'oncologia, quindi il trattamento viene effettuato con corsi per fornire riposo al corpo.

La radioterapia si è dimostrata in tutte le fasi dello sviluppo della malattia. Prima della resezione, i raggi riducono le dimensioni del tumore, dopo - uccidono le cellule maligne rimanenti e influenzano positivamente la guarigione della cicatrice. In casi inoperabili, le radiazioni ionizzanti hanno un effetto analgesico e prolungano la vita del paziente. Viene eseguito in due modi:

  1. L'irradiazione proviene da un'impostazione specifica.
  2. Un catetere viene inserito nell'area cancerosa..

Allo stesso tempo, la crescita della neoplasia si interrompe e il benessere del paziente migliora.

La terapia mirata si basa sull'introduzione di un farmaco che distingue tra cellule maligne e normali. Le reazioni avverse sono ridotte al minimo..

L'immunoterapia attiva le difese naturali del corpo.

Il trattamento ormonale sostitutivo è applicabile con uno squilibrio degli ormoni e lo sviluppo di processi patologici in questo contesto.

Un coltello gamma funziona senza danneggiare la pelle. Con l'aiuto di sensori montati sul corpo, i raggi uccidono intenzionalmente la neoplasia.

La medicina tradizionale non è in grado di far fronte ai processi oncologici. Abbandonando i metodi tradizionali, il paziente perde la possibilità di una lunga vita felice.

Fase di recupero

Nel periodo postoperatorio, è importante evitare lo sviluppo di complicanze. Si verificano ittero, sanguinamento e suppurazione della cicatrice. Lo staff medico monitora attentamente i segni vitali del paziente: misura la temperatura corporea, la pressione e conduce esami del sangue e delle urine per monitorare i processi infiammatori.

La consulenza psicologica è parte integrante del recupero. Il paziente deve uscire da uno stato depresso e non arrendersi nella lotta per la vita.

Previsioni per la vita futura

Con l'adenocarcinoma, una persona può vivere in media 5 anni, ma le probabilità aumentano o diminuiscono a seconda del grado di cancro, dell'area del danno e dello stadio di sviluppo.

  • Le neoplasie altamente differenziate vengono curate nel 90% dei casi, poiché le cellule non sono aggressive e non diffondono metastasi..
  • Il processo differenziato medio si presta alle manipolazioni terapeutiche e chirurgiche del 50%.
  • L'aspettativa di vita riduce significativamente il cancro di basso grado, la sopravvivenza a cinque anni con non più del 15%. C'è un alto rischio di ricaduta.

Che cos'è l'adenocarcinoma??

Il cancro ghiandolare insorge a seguito dell'esposizione al corpo umano di vari fattori cancerogeni che contribuiscono alla degenerazione delle cellule funzionali in cellule atipiche con un cambiamento nella struttura del loro DNA. In questo caso, il paziente lamenta una violazione dell'attività funzionale dell'organo interessato, debolezza, perdita di peso e anoressia. L'adenocarcinoma può essere rilevato mediante esame istologico di un campione di tessuto tumorale..

Il trattamento del processo oncologico consiste nell'eseguire l'operazione e condurre un ciclo di ormoni e chemioterapia.

Ragioni per lo sviluppo

I seguenti fattori possono provocare adenocarcinoma sul corpo umano:

  • processi infiammatori cronici;
  • stress frequenti;
  • fumatori;
  • consumo di alcool;
  • intossicazione prolungata;
  • trauma d'organo;
  • infezione da un virus oncogenico;
  • la presenza di un focus di infezione batterica cronica;
  • violazione della dieta;
  • mangiare cibo spazzatura;
  • mancanza di sonno;
  • squilibrio ormonale;
  • farmaci incontrollati;
  • precedenti interventi chirurgici;
  • contatto con metalli pesanti;
  • eredità gravata;
  • mancanza di difesa immunitaria;
  • cattiva ecologia.
L'insufficienza ormonale nel corpo o l'assunzione di questi farmaci possono innescare la crescita di adenocarcinoma.

Il carcinoma ghiandolare o il carcinoma si verificano a causa dell'influenza di fattori oncogenici sul corpo. Ciò provoca un fallimento della difesa antitumorale e la moltiplicazione delle cellule atipiche. Importante con questo tipo di tumore è un'eredità gravata e la presenza di adenocarcinoma in parenti stretti. Lo sfondo ormonale del paziente e l'assunzione di farmaci che contengono queste sostanze hanno un enorme effetto sulla crescita della neoplasia..

Adenocarcinoma: varietà e localizzazione

A seconda del grado di differenza tra cellule atipiche e cellule sane, si distinguono queste forme di cancro:

  • Altamente differenziato. È il meno pericoloso ed è caratterizzato da una bassa percentuale di complicanze. Le cellule interessate sono molto simili a quelle sane..
  • Basso rango. Rappresenta la natura più grave dello sviluppo della malattia con metastasi nella fase iniziale.
  • Moderatamente differenziato. È caratterizzato da un gran numero di cellule colpite..
Torna al sommario

Localizzazione di processi oncologici

Nel luogo di formazione, si distinguono questi tipi di adenocarcinomi:

  • Endogeno. Si trovano nello spessore dell'organo e germogliano lungo la sua parete. Per questo motivo, questo tipo di cancro è difficile da rilevare usando metodi di ricerca convenzionali..
  • Esogeno. Crescono nel lume e si trovano nelle prime fasi dello sviluppo di una neoplasia maligna.
  • Misto. Hanno due forme di crescita..
Torna al sommario

Sintomi principali

Il cancro ghiandolare ha molte manifestazioni, la cui gravità dipende dalla principale localizzazione del processo oncologico. Questo tipo di cellule atipiche può germinare in vari tessuti che hanno ghiandole di secrezione interna o esterna. In caso di danno all'esofago, si sviluppano disfagia, dolore nella localizzazione dell'organo e violazione del passaggio del cibo. Con il coinvolgimento del fegato, del giallo delle mucose e della pelle, si verifica una violazione del sistema di coagulazione del sangue e dell'ascite. Quando il cieco soffre, il paziente sviluppa ostruzione intestinale, dispepsia, flatulenza e impurità patologiche nelle feci. Il danno alla ghiandola tiroidea provoca pesantezza durante la respirazione, un cambiamento nel timbro e raucedine della voce. In caso di tumore alla vescica, si verifica dolore durante la minzione, disagio nel sito della proiezione dell'organo e comparsa di sangue nelle urine.

Lo sviluppo di adenocarcinoma provoca tali sintomi generali:

  • aumento della temperatura;
  • cachessia;
  • mal di testa;
  • debolezza;
  • anemia;
  • pallore della pelle;
  • nausea e vomito;
  • perdita di appetito.
Torna al sommario

Diagnosi di adenocarcinoma

Il carcinoma ghiandolare può essere sospettato dalla presenza di segni clinici caratteristici di questa malattia nel paziente. Per confermare la diagnosi, è necessario condurre un'ecografia e una risonanza magnetica per rilevare il processo tumorale. Si consiglia di eseguire un esame del sangue generale e biochimico. È importante condurre un esame istologico e citologico di un campione di tessuto prelevato da una biopsia tumorale per rilevare cellule atipiche..

Caratteristiche del trattamento

La terapia per il carcinoma ghiandolare consiste nell'implementazione di misure complesse volte a prolungare la vita del paziente, migliorandone la qualità e riducendo la sofferenza del paziente. Per questo, l'intervento chirurgico è mostrato nelle prime fasi, che impedirà la diffusione di cellule maligne in tutto il corpo. Viene utilizzata la chemioterapia, che rallenta la crescita e la riproduzione di formazioni atipiche. La radioterapia funziona principalmente, ma è attiva solo contro alcuni tipi di cancro. Il trattamento palliativo mira a migliorare la qualità della vita residua attraverso l'uso della terapia sintomatica e la normalizzazione delle condizioni generali del paziente.

Chemioterapia

Questo è il trattamento principale per l'adenocarcinoma, che viene utilizzato in varie fasi dello sviluppo della malattia e viene eseguito prima o dopo l'intervento chirurgico. La base di tale terapia è l'uso di farmaci citostatici e citotossici, che rallentano significativamente la proliferazione delle cellule tumorali e le uccidono. I mezzi sono attivi solo durante la mitosi della cellula, quindi agiscono su quei tessuti che crescono rapidamente.

Radioterapia

Viene utilizzato in caso di impossibilità di eseguire un intervento chirurgico. In questo caso, le microdosi dirette e locali di radiazioni sono esposte al corpo umano, che rallenta leggermente lo sviluppo del processo oncologico, rallentando la divisione e la diffusione delle cellule atipiche.

Trattamento chirurgico

Viene eseguito nelle fasi iniziali dello sviluppo del processo tumorale, quando la neoplasia è un singolo conglomerato e non si sono ancora verificate metastasi ad altri organi e tessuti. Ciò consente di rimuovere la maggior parte delle celle atipiche. L'escissione del tumore viene eseguita all'interno dei tessuti sani per evitare l'abbandono accidentale anche di una sola unità tumorale, che può successivamente crescere fino alle dimensioni del tumore.

Altri trattamenti per l'adenocarcinoma

Con un processo maligno, viene mostrata una dieta che limita l'uso di cibi grassi, fritti e piccanti e aumenta anche il contenuto di vitamine nella dieta. Puoi anche usare ormoni steroidei che inibiscono la crescita delle cellule tumorali. La terapia sintomatica include l'uso di antiemetici, nausea, sollievo dal dolore, la nomina di farmaci che aumentano l'appetito e migliorano il sonno..

Per un trattamento efficace dell'adenocarcinoma, è importante rilevare la malattia in modo tempestivo..

Previsioni per la vita

Il carcinoma ghiandolare è caratterizzato da un decorso aggressivo e le conseguenze e la sopravvivenza del paziente dipendono dallo stadio in cui è stato rilevato il tumore, dal tipo di cellule che hanno provocato il processo e dalla localizzazione della formazione. La prognosi per il carcinoma in stadio 1-2 è favorevole con alti tassi di sopravvivenza e un basso numero di recidive. Dopo la diffusione delle metastasi, le conseguenze del processo tumorale sono quasi sempre dannose e il paziente rimane vivo nel 10-20% dei casi.

adenocarcinoma

L'adenocarcinoma è una formazione maligna specifica per organo formata da cellule alterate dell'epitelio ghiandolare che riveste gli organi interni. L'adenocarcinoma colpisce vari organi, cioè questa malattia non è caratterizzata da una chiara localizzazione.

Adenocarcinoma: una tipologia di neoplasie maligne

Il termine adenocarcinoma si applica anche a una serie di neoplasie maligne che colpiscono le ghiandole del corpo durante lo sviluppo. Una caratteristica delle cellule che formano l'adenocarcinoma è la capacità di produrre muco. Per tipo di secrezione prodotta, gli adenocarcinomi sono suddivisi in sierosa e mucosa-secretoria. La neoplasia può essere omogenea o formare cavità, le cosiddette cisti. In questo caso, è consuetudine parlare di cistoadenocarcinoma.

Gli adenocarcinomi possono essere di varie dimensioni, la loro struttura e forma dipendono completamente dalle caratteristiche strutturali e funzionali delle cellule del tessuto organico che formano il tumore.

Nella genesi morfologica dell'adenocarcinoma, si distinguono due fasi principali:

  • Alterazioni del tessuto pretumorale;
  • Fase di formazione e crescita del tumore.

In base al grado di differenziazione (acquisizione da parte di cellule di determinate funzioni del profilo), gli adenocarcinomi sono suddivisi in:

  • Di basso grado - gli adenocarcinomi, la cui struttura non può essere associata a un tessuto specifico, sono caratterizzati dal più alto grado di malignità, dalla capacità di formare metastasi;
  • Moderatamente differenziati: tumori, la cui struttura è difficile da associare alla struttura del tessuto, le cellule di cui si forma;
  • Altamente differenziato - tumori caratterizzati da una struttura simile alla struttura del tessuto, le cui cellule formano una neoplasia maligna.

Adenocarcinoma di stomaco

L'adenocarcinoma gastrico è un tipo istologico di tumore allo stomaco. Secondo la classificazione dell'Organizzazione mondiale della sanità, si distinguono i seguenti tipi di adenocarcinomi dello stomaco:

L'adenocarcinoma di stomaco è il quarto al mondo tra i tumori diagnosticati. Questa malattia è caratterizzata da tassi di mortalità molto elevati, che la collocano al secondo posto dopo il cancro ai polmoni tra gli indicatori di mortalità per cancro. Più spesso, l'adenocarcinoma gastrico si verifica negli uomini. Le metastasi si formano nell'82-94% dei casi.

I principali fattori che contribuiscono allo sviluppo dell'adenocarcinoma sono:

  • Caratteristiche della dieta e dieta (carenza di acido ascorbico, assunzione eccessiva di sale, cibi in salamoia, affumicati, salati, cibi fritti, oli animali);
  • Fattore genetico;
  • Cattive abitudini (fumo, abuso di alcool);
  • Processi infiammatori infettivi (infezione da Helicobacter pylori).

I principali sintomi dell'adenocarcinoma dello stomaco sono:

  • Perdita di appetito, compromissione della funzione digestiva;
  • Avversione alla carne;
  • Astenia;
  • Perdita di peso significativa;
  • Sensazione di sazietà precoce (sazietà da una piccola quantità di cibo);
  • Disagio gastrico;
  • Vomito, sanguinamento, alterazioni fecali, gonfiore, ritenzione fecale (sintomi di stadi avanzati);
  • Dolore di vario genere.

Nelle prime fasi dello sviluppo, la malattia è caratterizzata da un decorso asintomatico. L'adenocarcinoma dello stomaco deve essere differenziato con ulcere peptiche, gastrite, tumori benigni e altri tumori maligni. Il complesso sintomatico delle prime fasi dell'adenocarcinoma è leggermente diverso dai sintomi della maggior parte delle malattie gastriche.

Il metodo principale per il trattamento dell'adenocarcinoma gastrico è l'asportazione chirurgica del tumore, spesso combinata con gastrectomia. La chemioterapia e l'esposizione alle radiazioni sono utilizzate come tecniche accessorie.

Adenocarcinoma uterino

L'adenocarcinoma uterino è una formazione ormonale maligna che colpisce lo strato interno dell'utero - l'endometrio. Questa forma della malattia è la principale variante morfologica del cancro uterino. La malattia viene spesso diagnosticata in pazienti di età compresa tra 40 e 60 anni..

I principali fattori di rischio per lo sviluppo di adenocarcinoma uterino sono:

  • Diabete;
  • Obesità;
  • La presenza di adenocarcinoma o altri tumori dei genitali, carcinoma mammario, ovaie nella storia familiare;
  • Malattia ipertonica;
  • Squilibrio dello sfondo ormonale del corpo con un aumento del livello di estrogeni;
  • Infertilità.

I principali sintomi dell'adenocarcinoma uterino sono:

  • Malattie endometriali precedenti (processi infiammatori, polipi, adenomatosi endometriale (aumento del numero di ghiandole nell'endometrio), iperplasia atipica degli strati funzionali e / o basali del tessuto endometriale);
  • Dolore cronico nel carattere tirante di dolore lombare, non causato da altri fattori;
  • Sanguinamento mestruale prolungato di natura dolorosa;
  • Sanguinamento uterino a metà del ciclo;
  • Sanguinamento uterino nel periodo postmenopausale;
  • Dolori atipici nell'addome inferiore;
  • Scarico vaginale purulento, con odore sgradevole;
  • Malattia durante i rapporti sessuali.

Ci sono 4 fasi dello sviluppo della malattia, a seconda delle tattiche di trattamento determinate. L'adenocarcinoma uterino non suggerisce trattamenti conservativi. La terapia ormonale, combinata con la radioterapia, viene utilizzata nei casi in cui la chirurgia non è possibile a causa delle condizioni del paziente. Nella prima fase della malattia, l'utero con appendici viene rimosso. Quando si diagnostica la seconda fase dell'adenocarcinoma uterino, vengono rimossi anche i linfonodi vicini, che si sospetta siano affetti da metastasi..

Adenocarcinoma rettale

L'adenocarcinoma del retto è un tumore del retto che si sviluppa dalle cellule dell'epitelio ghiandolare. L'adenocarcinoma del retto è considerato una malattia correlata all'età, più spesso questa neoplasia viene diagnosticata in pazienti dopo 50 anni.

I principali fattori di rischio per lo sviluppo dell'adenocarcinoma rettale:

  • Dieta inadeguata (carenza di frutta e verdura nella dieta, eccesso di grassi animali);
  • Cattive abitudini (fumo, abuso di alcool);
  • Tumori gastrointestinali nella storia familiare, predisposizione genetica;
  • Processi infiammatori cronici, polipi del retto;
  • Infezione da papillomavirus;
  • Rapporti anali.

Sintomi di adenocarcinoma rettale:

  • Sangue nelle feci, escrezione di pus e muco durante i movimenti intestinali;
  • Dolore al retto, in particolare con movimento intestinale, sensazione di un corpo estraneo;
  • Costipazione e diarrea.

In assenza di un trattamento adeguato, l'adenocarcinoma del retto cresce negli organi vicini, a seguito della quale si formano secrezioni di fistole tra retto, vescica, perineo, gas e feci attraverso l'uretra. L'adenocarcinoma del retto comporta un trattamento chirurgico mediante rimozione o resezione del retto.

Le informazioni sono compilate e fornite solo a scopo informativo. Consulta il tuo medico al primo segno di malattia. L'automedicazione è pericolosa per la salute.!

Che cos'è l'adenocarcinoma?

Adenocarcinoma: che cos'è e quanto è pericoloso? C'è una possibilità di sopravvivere con una tale diagnosi? Un paziente che ha sentito la parola "cancro" nell'opinione di un medico ha molte domande nella sua testa riguardanti il ​​trattamento e ulteriori prognosi. Che cos'è un adenocarcinoma, come identificare la malattia nelle prime fasi e quali metodi di trattamento offre la medicina moderna sono descritti nell'articolo..

A proposito della malattia

L'adenocarcinoma - o cancro ghiandolare - cresce dalle cellule dell'epitelio ghiandolare che riveste la superficie di molti organi interni ed esterni nel corpo umano. La malattia colpisce i seguenti organi:

  • pituitario
  • Tiroide
  • Rene
  • polmoni
  • Ghiandole salivari
  • Esofago
  • Stomaco
  • Fegato
  • Pancreas
  • Separare l'intestino
  • Prostata
  • Utero
  • ovaie
  • Ghiandole del latte
  • Ghiandole sudoripare.

La malattia non si sviluppa sempre rapidamente. A volte un tumore cresce lentamente, senza dare metastasi - in questa situazione, la rimozione della formazione offre una grande possibilità di cura. Il decorso del cancro dipende in gran parte dal grado di differenziazione delle cellule tumorali..

Qual è il grado di differenziazione? Questo è un indicatore della maturità delle cellule tumorali. Più è alto, più sono sviluppate le cellule dell'epitelio maligno e più sono simili a quelle sane. A seconda di questo indicatore, l'adenocarcinoma è diviso in diversi tipi:

  1. Altamente differenziato (in conclusione, indicato come G1). Un medico esperto non avrà problemi a distinguere tali cellule dalle cellule normali e a determinare l'origine della lesione. Se le cellule sono mature, questo indica che il tumore si sviluppa lentamente e la prognosi del trattamento in questo caso sarà abbastanza ottimista.
  2. Moderatamente differenziato (G2). Le cellule tumorali si fermano a uno stadio intermedio. Differiscono già di più da quelli sani e si dividono più intensamente, con un esame microscopico nei nuclei delle cellule si possono notare mitosi anormali.
  3. Grado basso (G3). È considerato sfavorevole in termini di decorso della malattia. Le cellule tumorali si dividono così rapidamente che non hanno il tempo di formarsi completamente. Le formazioni cellulari immature iniziano a metastatizzare più velocemente - e i tessuti e gli organi vicini sono già colpiti dal cancro.
  4. Adenocarcinoma indifferenziato (G4). Il più pericoloso di tutti i gradi. Determinare il focus della malattia in questo caso è estremamente difficile, dal momento che le cellule si dividono ad alta velocità, colpendo alla fine l'intero corpo.

Cause della malattia

L'eziologia nel caso del carcinoma ghiandolare è difficile da determinare. I medici possono solo parlare di possibili fattori che hanno provocato lo sviluppo della malattia. Le cause più probabili possono essere:

  • Dieta malsana, abuso di alcol
  • Stile di vita sedentario, obesità
  • Predisposizione genetica
  • Le conseguenze dell'intervento chirurgico
  • L'uso di farmaci pesanti per un lungo periodo
  • Avvelenamento tossico
  • Cambiamenti legati all'età nel corpo

L'adenocarcinoma localizzato in una determinata parte del corpo può essere innescato da fattori specifici: ad esempio, il fumo provoca il cancro delle ghiandole salivari, un'ulcera può portare al cancro dello stomaco e i cambiamenti ormonali possono causare lo sviluppo del cancro della prostata o dell'utero.

Sintomatologia

Il quadro clinico della malattia dipende dal focus dello sviluppo della malattia e dallo stadio attuale. Tuttavia, è possibile identificare i sintomi comuni caratteristici di tutti i tipi di adenocarcinoma:

  1. Il numero di globuli rossi nel sangue diminuisce, aumentano i linfonodi
  2. Una persona avverte disagio e dolore nel luogo in cui è localizzata la neoplasia
  3. C'è una forte perdita di peso
  4. Il sonno è disturbato, l'affaticamento frequente appare senza motivo
  5. La temperatura corporea diventa instabile.

Considera i sintomi di alcuni tipi di oncologia:

  • Molto spesso, il cancro ghiandolare colpisce la ghiandola prostatica. In questo caso, si nota dolore nell'addome inferiore, nella regione dell'ano, cistifellea; la minzione diventa più frequente.
  • Il cancro alla vescica si manifesta nell'incapacità di andare in bagno, dolore, comparsa di impurità nel sangue nelle urine. Lombo e regione pubica iniziano a fare male, le gambe si gonfiano a causa del drenaggio linfatico compromesso.
  • Con lo sviluppo dell'adenocarcinoma renale, l'organo aumenta di dimensioni. C'è dolore nella parte bassa della schiena, quando si va in bagno, si osserva l'urina con il sangue.
  • Nel carcinoma intestinale, la prima chiamata allarmante è una violazione del tratto digestivo - frequente diarrea, costipazione, disagio dopo aver mangiato e vomito. Nelle fasi successive, si osservano impurità di muco e sangue nelle feci..
  • Il carcinoma esofageo è indicato da disturbi della deglutizione, disfagia e odnofagia, salivazione abbondante.
  • Il tumore del pancreas provoca dolore allo stomaco, perdita di appetito, vomito e diarrea.
  • I sintomi del carcinoma epatico ghiandolare sono dolore epigastrico, nausea e vomito e anemia. Il fegato aumenta di dimensioni. La pelle diventa gialla, i sangue dal naso possono essere comuni.

L'adenocarcinoma ovarico si manifesta come una violazione del ciclo mestruale, dolore nella regione inguinale, che si intensifica quando si fa sesso. Si possono osservare nausea, vomito, malessere generale. I sintomi sono simili al cancro uterino, quest'ultimo è caratterizzato da sanguinamento nel mezzo del ciclo e periodi pesanti.

Difficoltà a deglutire, mancanza di respiro, cambiamenti della voce indicano un tumore alla tiroide. Il collo è deformato nella zona interessata..

Metodi diagnostici e di trattamento

Gli oncologi utilizzano i seguenti metodi per diagnosticare i tumori:

  • Analisi di laboratorio di biomateriale. Un esame del sangue consente di monitorare l'aumento della conta dei globuli bianchi e determinare se esistono marcatori tumorali nel corpo - sostanze specifiche rilasciate nel corpo dei pazienti con cancro. Feci e urina sono controllati per segni di sangue. La struttura cellulare e i marker tumorali sono valutati mediante biopsia..
  • Fluoroscopia. Questo metodo determina la dimensione e la forma della neoplasia, la localizzazione e la presenza di metastasi..
  • Endoscopia Un esame interno degli organi consente una diagnosi accurata..
  • ultrasuono Permette di rilevare la fonte di distribuzione e il grado di danno agli organi, diagnostica un aumento dei linfonodi.
  • Tomografia. Usando la tomografia, i medici trovano la configurazione delle aree interessate, la direzione della metastasi, la natura del decadimento.

Dopo queste procedure, viene fatta una diagnosi accurata e viene prescritto un trattamento. Il risultato più favorevole si ottiene con una combinazione di trattamento chirurgico, radio e chemioterapia. Durante l'intervento chirurgico, insieme al tumore, vengono asportati i tessuti sani adiacenti ad esso. Ciò è necessario affinché le cellule tumorali non inizino a crescere con rinnovato vigore e non provochino una ricaduta.

La radioterapia viene utilizzata per ridurre il dolore dopo l'intervento chirurgico. La chemioterapia precede l'intervento chirurgico e viene prescritta dopo di essa..

Le tossine e i veleni hanno un effetto dannoso sul tumore, prevenendo la divisione cellulare - mentre l'effetto negativo sul corpo del paziente è minimo. Nelle ultime fasi del cancro, quando il trattamento chirurgico non è possibile, la chemioterapia viene utilizzata come procedura indipendente. Dipende da quanto tempo vive il paziente..

L'efficacia del trattamento dipende in gran parte dal tipo di cellule prevalente nella neoplasia. I tumori altamente differenziati sono curabili con successo; la sopravvivenza del paziente è del 90%. Il tipo differenziato moderato con diagnosi precoce dà speranza alla vita del 50% dei pazienti. Le persone con tumori di basso grado e indifferenziati, secondo le statistiche, non vivono a lungo; il tasso di sopravvivenza dopo l'intervento chirurgico è del 10-15%.

Radioterapia per carcinoma endometriale in stadio 1 - ANTI-CANCRO

L'adenocarcinoma uterino è una neoplasia maligna dell'endometrio, molto spesso localizzata nella parte inferiore dell'utero. La malattia può manifestarsi a lungo senza sintomi clinici. Le donne in età postmenopausale, di norma, lamentano frequenti sanguinamenti, i pazienti più giovani soffrono di mestruazioni eccessivamente pesanti.

Man mano che il processo patologico si diffonde nelle donne, lo stomaco aumenta, si osserva la comparsa di dolore nella regione lombare, perdite vaginali e sintomi non specifici del cancro (debolezza, perdita di peso, perdita di appetito). Per stabilire una diagnosi accurata nella clinica oncologica dell'ospedale Yusupov, viene esaminato un paziente, vengono prescritti studi di laboratorio e strumentali. Sulla base dei risultati diagnostici per ciascun paziente, gli specialisti della clinica elaborano un programma di trattamento individuale, che può consistere in chirurgia, chemioterapia, radioterapia, terapia ormonale.

Cause di adenocarcinoma uterino

L'adenocarcinoma uterino si riferisce a tumori ormone-dipendenti. A causa di un aumento dei livelli di estrogeni, viene migliorata la proliferazione di cellule endometrioidi, che aumenta significativamente il rischio di sviluppare neoplasie maligne.

La probabilità di sviluppare adenocarcinoma uterino è significativamente più alta in presenza dei seguenti fattori provocatori associati a cambiamenti ormonali nel corpo della donna:

  • inizio precoce delle mestruazioni;
  • esordio tardivo della menopausa;
  • sindrome delle ovaie policistiche;
  • tumori ovarici che producono ormoni;
  • obesità (la sintesi di estrogeni si verifica nel tessuto adiposo);
  • uso a lungo termine di farmaci contenenti estrogeni ad alte dosi.

L'adenocarcinoma uterino si sviluppa spesso nelle donne che soffrono di ipertensione e diabete.

Tuttavia, la presenza di disturbi ormonali e metabolici non è sempre un fattore obbligatorio, che sicuramente precede l'insorgenza di questa oncopatologia. Quasi un terzo dei pazienti non presenta i suddetti disturbi.

Altri fattori di rischio per gli oncologi includono l'assenza di gravidanza, parto, attività sessuale e una predisposizione ereditaria. Inoltre, l'adenocarcinoma uterino spesso accompagna l'adenomatosi uterina e la poliposi.

Prevenzione

Non ci sono misure speciali per prevenire questa malattia. Ma ci sono raccomandazioni da oncologi che possono ridurre la probabilità di sviluppare adenocarcinoma. Li elenchiamo:

  • Controllo del peso. Sovrappeso o magrezza aumentano il rischio di tumori.
  • Nutrizione appropriata. Il 60% di fibre nella dieta quotidiana e l'esclusione del cibo con additivi chimici (coloranti, conservanti, ecc.) Riducono la probabilità di cancro.
  • Modo sano. Rifiuto di cattive abitudini e moderata attività fisica, alternanza ottimale di lavoro e riposo aiutano a mantenere la resistenza del corpo a fattori patogeni.
  • Trattamento di malattie acute e croniche. Eventuali processi infettivi e infiammatori non possono essere ignorati, anche se seguono un corso lento.
  • Ispezioni programmate. Almeno una volta all'anno, ogni persona dovrebbe visitare specialisti specializzati per monitorare la salute in dinamica. Questa regola aiuta a sospettare e rilevare il processo del cancro in una fase precoce e condurre un trattamento efficace..

L'adenocarcinoma altamente differenziato dovrebbe essere considerato una malattia insidiosa e pericolosa, quindi è importante rilevare un tumore all'inizio del suo sviluppo. Qualsiasi disagio nel benessere non dovrebbe essere ignorato, anche con i minimi problemi di salute è importante consultare uno specialista.

Ti interessa il trattamento moderno in Israele? Grazie per aver dedicato del tempo per completare il sondaggio. L'opinione di tutti è importante per noi..

Classificazione di adenocarcinoma uterino

Secondo la moderna classificazione istologica internazionale, l'adenocarcinoma uterino è diviso in diversi tipi:

  • adenocarcinoma endometrioide uterino;
  • adenocarcinoma uterino a cellule chiare;
  • adenocarcinoma squamoso dell'utero;
  • carcinoma ghiandolare delle cellule squamose dell'utero;
  • adenocarcinoma sieroso uterino;
  • adenocarcinoma mucinoso dell'utero;
  • adenocarcinoma uterino indifferenziato.

Ad oggi, ci sono tre tipi noti di decorso di questa malignità:

  • esofitico (la crescita del tumore è diretta nella cavità uterina);
  • endofita (si nota l'invasione del tumore nei tessuti adiacenti);
  • misto (combina segni di crescita esofitica ed endofitica).

Secondo le statistiche mediche, un tumore uterino colpisce più spesso il corpo e il fondo dell'organo, meno spesso il segmento inferiore.

Il livello di malignità del tumore e, di conseguenza, la prognosi della vita, è determinato in base al grado di differenziazione della neoplasia:

  • adenocarcinoma uterino endometrioide altamente differenziato: la prognosi è la più favorevole, poiché questa variante del tumore è la meno maligna. L'adenocarcinoma uterino di alta qualità è più facile da trattare, poiché in questa fase la struttura della maggior parte delle cellule tumorali non è rotta;
  • adenocarcinoma uterino endometrioide moderatamente differenziato: la prognosi è più sfavorevole, poiché il grado di malignità è aumentato;
  • adenocarcinoma uterino di basso grado: la prognosi è scarsa, poiché questo tumore ha il più alto grado di malignità. L'adenocarcinoma uterino di basso grado è una neoplasia con polimorfismo cellulare pronunciato e molteplici segni di alterazioni patologiche nelle strutture cellulari, quindi il trattamento è difficile.

In conformità con la prevalenza del processo patologico, si distinguono 4 fasi dell'adenocarcinoma uterino:

  • il primo stadio - quando il tumore è localizzato nel corpo dell'organo, senza diffondersi ai tessuti vicini;
  • il secondo stadio - con la diffusione del tumore al collo dell'organo;
  • il terzo stadio - la fibra circostante è coinvolta nel processo patologico, le metastasi possono essere rilevate nella vagina e nei linfonodi regionali;
  • il quarto stadio - con la germinazione del tumore al di fuori dell'area pelvica (vescica o retto e comparsa di metastasi a distanza.

Segni istologici

L'adenocarcinoma mucinoso è raro sullo sfondo di un'incidenza generale di cancro genitale. La struttura del tumore è simile al rimodellamento mucinoso delle ovaie e del guscio esterno del canale cervicale - endocervice. Una formazione maligna converte le cellule normali in qualcosa di simile a un epitelio intestinale cubico. La struttura del tessuto è distorta: le ghiandole dell'adenocarcinoma sono ingrandite, il citoplasma si riempie di secrezione mucosa e si esaurisce nel glicogeno. Tuttavia, la laminazione e le celle sono chiaramente definite: il grado di differenziazione è elevato.

L'adenocarcinoma mucinoso è caratterizzato da un basso grado di atipia, anche l'attività mitotica è bassa. Per determinare l'origine del cancro, è prima necessario escludere la presenza di formazione di endocervix.

Diagnostica speciale

Oltre all'istologia, esiste uno studio immunoistochimico volto a stabilire l'antigene tumorale. Grazie al metodo, viene stabilita la presenza di recettori ed enzimi ormonali, la presenza di elementi maligni in vari tessuti e organi, viene determinato il grado di differenziazione e le tattiche di trattamento sono ampiamente determinate. L'adenocarcinoma mucinoso durante il metodo mostra reattività alla vimentina e all'antigene embrionale canceroso (CEA).

Sintomi di adenocarcinoma uterino

L'insidiosità dell'adenocarcinoma uterino è che per lungo tempo procede senza sintomi. Le donne in postmenopausa devono essere allarmate dalla comparsa di sanguinamento uterino. In età riproduttiva, questa malattia può manifestarsi in periodi eccessivamente pesanti e lunghi.

Il sanguinamento non è un sintomo patognomonico dell'adenocarcinoma uterino, poiché questo sintomo può accompagnare una serie di altre malattie ginecologiche (ad esempio, adenomiosi e fibromioma), ma questo sintomo dovrebbe causare prontezza ed essere la ragione per andare dal medico per studi approfonditi. Il sanguinamento uterino nel periodo postmenopausale è particolarmente pericoloso. Inoltre, nei pazienti anziani con adenocarcinoma uterino, dalla vagina possono essere rilasciati bianchi abbondanti e acquosi..

Le giovani donne con adenocarcinoma uterino si lamentano spesso di una disfunzione del ciclo mestruale, infertilità, addome ingrossato senza causa, comparsa di sanguinamento mestruale prolungato e pesante, dolori doloranti costanti nella parte bassa della schiena. Un segno prognosticamente sfavorevole, che indica che il processo maligno si è diffuso in modo significativo o che è iniziato il decadimento del tumore - perdite vaginali fetide.

Il dolore nella parte bassa della schiena e nell'addome inferiore appare con la diffusione dell'adenocarcinoma uterino. Il dolore può essere persistente o parossistico..

Spesso i pazienti, ignari della presenza di una grave malattia del cancro, si rivolgono a un ginecologo nella fase di germinazione e metastasi.

Possibili lamentele di pazienti con adenocarcinoma uterino alla fine, le fasi avanzate includono perdita di appetito, debolezza, perdita di peso, gonfiore delle gambe e ipertermia.

In caso di invasione del tumore nelle pareti della vescica o dell'intestino, la defecazione e la minzione sono compromesse nei pazienti, il volume dell'addome aumenta in modo significativo, l'ascite può svilupparsi.

previsione

Segni prognostici avversi che influenzano l'esito e il decorso della malattia:

  • età del paziente;
  • la presenza di un focus di adenocarcinoma mucinoso nel tessuto sottostante;
  • grande dimensione della neoplasia;
  • il grado di differenziazione degli elementi cellulari;
  • danno a tutto l'organo, compreso il collo;
  • la presenza di metastasi agli organi vicini, il peritoneo;
  • contaminazione dei linfonodi;
  • bassa percentuale di recettori ormonali.

In generale, la prognosi dell'adenocarcinoma mucinoso non differisce dal tipo di tumore endometrioide. Prima viene stabilita una diagnosi e viene avviato il trattamento, maggiore è il tasso di sopravvivenza a cinque anni e la qualità della vita. Tuttavia, la probabilità di recidiva e metastasi della forma mucinosa è piuttosto elevata.

Diagnosi di adenocarcinoma uterino

Quando si effettua una diagnosi, gli specialisti si concentrano sui dati di un esame ginecologico, sui risultati di studi di laboratorio e strumentali. Tra i metodi di diagnostica di laboratorio, si può distinguere una biopsia di aspirazione, che può essere eseguita ripetutamente in regime ambulatoriale. Gli svantaggi di questo metodo includono un basso contenuto di informazioni nelle prime fasi dell'oncopatologia.

Se durante lo screening vengono rilevati sintomi sospetti, viene prescritto un esame ecografico degli organi pelvici per identificare i processi volumetrici e i cambiamenti strutturali patologici nell'endometrio.

Uno dei metodi più informativi nella diagnosi di adenocarcinoma uterino è l'isteroscopia. Questo metodo strumentale prevede non solo l'esame della superficie interna dell'organo, ma anche la conduzione di una biopsia mirata delle aree modificate, un curettage diagnostico separato del canale cervicale e della cavità uterina, seguito da un esame istologico della biopsia.

Per valutare la prevalenza del processo maligno, identificare i linfonodi interessati e le metastasi a distanza consente l'imaging a risonanza magnetica o calcolata, che fa parte di un esame di screening per sospetto adenocarcinoma uterino.

Gli esperti classificano l'adenocarcinoma in diverse varietà:

  1. Endometrioide - l'oncopatologia uterina più comune, che rappresenta circa il 75% dei casi di cancro. Tale tumore cresce nello strato miometriale solo superficialmente, quindi, quando rilevato nelle fasi iniziali, differisce nei dati prognostici positivi;
  2. Squamoso - formato principalmente da strutture squamose, è molto raro, di solito si sviluppa contro il cancro cervicale;
  3. Forma papillare - è un tumore formato da una combinazione di escrescenze papillari (papillomi), quindi una formazione esternamente simile sembra cavolfiore.

Adenocarcinoma endometrioide uterino: trattamento

Nella clinica oncologica dell'ospedale Yusupov, vengono utilizzati diversi metodi di trattamento dei pazienti con diagnosi di "adenocarcinoma uterino altamente differenziato". La prognosi della sopravvivenza a cinque anni è particolarmente favorevole quando si esegue un trattamento complesso: una combinazione di intervento chirurgico, radioterapia e terapia farmacologica. Gli oncologi dell'ospedale di Yusupov selezionano individualmente la tattica del trattamento, l'intensità e il tempo di applicazione di ciascun componente del trattamento complesso per ciascun paziente con una diagnosi di adenocarcinoma endometriale uterino. La prognosi dopo l'intervento chirurgico è favorevole se la malattia è stata rilevata nelle prime fasi dello sviluppo.

Nel processo di determinazione della fattibilità dell'intervento chirurgico per l'adenocarcinoma uterino in stadio III, vengono presi in considerazione i fattori prognostici avversi.

Il trattamento chirurgico del carcinoma dell'endometrio uterino nella clinica oncologica dell'ospedale Yusupov viene eseguito mediante isterectomia o panisteristerectomia (rimozione avanzata dell'utero e annessectomia, rimozione della fibra pelvica e dei linfonodi regionali).

La radioterapia (radioterapia a distanza o brachiterapia uterina) viene utilizzata come metodo preparatorio nel periodo preoperatorio, nonché dopo l'intervento chirurgico.

Il trattamento chemioterapico e la terapia ormonale sono metodi ausiliari che correggono lo sfondo ormonale del corpo della donna e riducono il rischio di recidiva di adenocarcinoma uterino, poiché dopo che l'utero è stato parzialmente rimosso, l'adenocarcinoma può ripresentarsi.

La chemioterapia prevede l'uso di citostatici. La terapia ormonale viene eseguita con l'aiuto di farmaci che influenzano i recettori degli estrogeni e del progesterone nelle neoplasie maligne..

I pazienti con adenocarcinoma di grado IV non sono appropriati per la chirurgia. Per il trattamento vengono utilizzate moderne tecniche chemioterapiche e radioterapiche..

Vita futura

La prognosi della sopravvivenza dipende dallo stadio del cancro, dal grado di malignità, dalla presenza o assenza di metastasi, dall'età e dalle condizioni del paziente..

Di solito, l'adenocarcinoma uterino di origine ormonale viene facilmente trattato e si ottiene la remissione completa. Con il cancro autonomo, è più difficile ottenere un effetto positivo, ma è possibile.

La malattia è più difficile da tollerare dagli anziani. Il giovane corpo affronta meglio l'oncologia.

Per i pazienti che hanno iniziato il trattamento nelle prime fasi della malattia, la prognosi arriva fino al 98%. Il terzo stadio è caratterizzato da un processo più serio, pertanto nei primi 5 anni sopravvivono 30 pazienti su 100. Nella fase terminale dell'oncologia, il tasso di sopravvivenza è fino al 5%.

Adenocarcinoma endometriale uterino: metastasi

Le metastasi dell'adenocarcinoma uterino si diffondono attraverso il sistema linfatico, tuttavia, nelle ultime fasi, la via ematogena della loro diffusione può unirsi.

Prima di tutto, il processo metastatico colpisce i linfonodi del iliaco e i gruppi interni, quindi i linfonodi del gruppo ipogastrico.

I primi segni di metastasi nelle donne in età riproduttiva sono emorragie intermestruali, nelle donne in età postmenopausale - scarso scarico che si verifica dopo lo stress fisico.

Nella vecchiaia, la presenza di secrezione purulenta di saccarosio può indicare la presenza di metastasi..

L'attivazione del processo metastatico si manifesta con dolore costante o crampo nella regione lombare o nell'addome lombare.

L'adenocarcinoma dell'endometrio uterino è molto più facile da trattare se viene rilevato nelle prime fasi dello sviluppo. Pertanto, è importante per ogni donna visitare regolarmente un ginecologo per identificare tempestivamente e iniziare il trattamento per questa oncopatologia.

L'ospedale Yusupov offre un esame completo utilizzando moderne apparecchiature ad alta tecnologia. Alle donne con adenocarcinoma diagnosticato viene prescritto un trattamento che utilizza le più recenti tecniche mediche per sconfiggere una malattia così grave come l'adenocarcinoma uterino altamente differenziato. Testimonianze di pazienti presso l'ospedale di Yusupov confermano l'efficacia della terapia, che è prescritta e controllata da specialisti altamente qualificati della clinica oncologica.

Julia Vladimirovna Kuznetsova

Dieta

La nutrizione con adenocarcinoma altamente differenziato dovrebbe perseguire diversi obiettivi: saturare il corpo con le sostanze e gli oligoelementi necessari, mantenere l'immunità e la forza del paziente e prevenire lo sviluppo di anoressia e stanchezza. Si raccomanda di includere cibi leggeri ricchi di fibre e vitamine nella dieta..

Il cibo dovrebbe essere sempre fresco. Il metodo di preparazione è l'ebollizione o lo stufato. Il cibo è frazionario, tutto il cibo è servito in piccole porzioni fino a 6 volte al giorno. La temperatura del cibo dovrebbe corrispondere alla temperatura corporea del paziente. È importante osservare il regime di consumo - almeno 2 litri di acqua al giorno.

L'elenco dei prodotti consentiti comprende carne dietetica, pesce, latticini, cereali, frutta e verdura. È vietato qualsiasi alimento in scatola, grasso, fritto, affumicato, ecc..

Il rispetto dei principi dietetici aiuta il corpo del paziente a riprendersi più rapidamente dopo la terapia ed evitare la ricaduta.

Bibliografia

  • ICD-10 (Classificazione internazionale delle malattie)
  • Ospedale Yusupov
  • Cherenkov V.G. Oncologia clinica. - 3a ed. - M.: Libro di medicina, 2010.-- 434 p. - ISBN 978-5-91894-002-0.
  • Shirokorad V.I., Makhson A.N., Yadykov O.A. Stato di cure oncourologiche a Mosca // Oncourology. - 2013. - N. 4. - S. 10-13.
  • Volosyanko M. I. Metodi tradizionali e naturali per la prevenzione e il trattamento del cancro, Acquario, 1994
  • John Niederhuber, James Armitage, James Doroshow, Michael Kastan, Onelologia clinica di Joel Tepper Abeloff - 5a edizione, LIBRI eMEDICI, 2013

Varietà e fasi della patologia

L'adenocarcinoma prostatico è caratterizzato dalla presenza di diverse specie. Più spesso distinti:

  1. Patologia altamente differenziata. Con questa malattia si osserva un leggero cambiamento nelle cellule acinose, quindi la sua prognosi è favorevole. La fase iniziale del processo patologico è caratterizzata da un decorso piuttosto lento. Tale adenocarcinoma può essere una cellula scura e una cellula chiara..
  2. Adenocarcinoma moderatamente differenziato. Se il trattamento della malattia viene effettuato in modo tempestivo, ha una prognosi favorevole. Lo sviluppo di una neoplasia è osservato nella parte posteriore dell'organo.
  3. Piccolo adenocarcinoma acinoso. Il verificarsi del processo patologico viene osservato contemporaneamente in diversi luoghi. Dopo un certo tempo, le isole delle cellule tumorali si uniscono in un tumore.
  4. Cellule che hanno una bassa differenziazione. Questa malattia è un tumore aggressivo che è localizzato nella ghiandola prostatica. Durante il corso della patologia, si osserva la propagazione delle cellule acinose nel tessuto più vicino. L'adenocarcinoma è caratterizzato da una struttura mucosa e dalla rapida diffusione delle metastasi..

Ci sono anche 4 fasi della malattia.

IMPORTANTE! Se a un paziente viene diagnosticato un adenocarcinoma prostatico, è indispensabile determinarne il tipo, che consentirà di prescrivere un trattamento razionale.

Immunoterapia: un metodo postoperatorio efficace per combattere il cancro

La chemioterapia e la radioterapia sono metodi inefficaci per combattere il cancro renale. L'unico modo per fermare la diffusione della malattia e migliorare la prognosi per la sopravvivenza è assumere interferoni. L'immunoterapia, come i metodi sopra elencati, non funzionerà se l'oncologia dei reni viene trascurata. Affinché il trattamento farmacologico dia un risultato, è necessario che al paziente venga diagnosticato un cancro nella fase iniziale, il tumore non superi i 4 cm, le metastasi si trovassero esclusivamente nei polmoni.

Quando si sceglie un farmaco, vengono prese in considerazione la linea terapeutica di trattamento, i rischi per il paziente. La terapia sistemica può causare danni irreparabili, una persona morirà per effetti collaterali.

Caratteristiche dello sviluppo del carcinoma ipernroidale

L'essenza della malattia è l'insorgenza di un tumore nella sostanza corticale. La cellula cancerosa assume una forma poligonale - unendosi in gruppi, creano lobuli e appare un tumore. Il meccanismo di formazione del tumore è complesso: non si tratta solo di cellule geneticamente modificate, i fattori negativi devono agire su di esse affinché l'oncologia si sviluppi. La predisposizione genetica è una delle cause più comuni di carcinoma ipernroidale..

Le metastasi accelerate di questo tipo di oncologia sono associate al metodo di distribuzione delle cellule colpite. Per il carcinoma a cellule renali, un caratteristico metodo di metastasi linfogena ed ematogena. La metastasi linfogena è associata alla diffusione di tumori cancerosi attraverso la linfa, ematogena attraverso il flusso sanguigno attraverso i vasi sanguigni.

Al fine di evitare la via figurativa della metastasi, la biopsia renale è vietata nel carcinoma a cellule chiare. La trasmissione dell'impianto non è caratteristica dell'oncologia renale.

Un ulteriore aumento dell'efficacia del trattamento del carcinoma renale è associato allo sviluppo di un vaccino antitumorale. Il principio di azione è simile al lavoro di qualsiasi vaccino antivirale: una risposta immunitaria a un antigene. Sono state avanzate diverse teorie sul perché il cancro maligno non risponde a un antigene: questa è la capacità di causare immunosoppressione o un basso livello di immunogenicità. I preparati immunitari si basano su cellule tumorali allogeniche modificate e non modificate..

Nonostante i tentativi falliti di creare un vaccino efficace, tutti gli istituti oncologici continuano a lavorare su immunoterapia specifica.

Fasi Gleason

La scala di Gleason (somma) è un metodo di valutazione differenziata del carcinoma prostatico a seguito di esame istologico. Valori bassi indicano forme di cancro altamente differenziate e valori alti indicano grado basso; maggiore è la scala, peggiore è l'esito della malattia.

Per valutare l'adenocarcinoma, un paziente preleva un campione di cellule ghiandolari (biopsia). Si distinguono due frammenti più adatti dal materiale ottenuto, che vengono quindi valutati su una scala a 5 punti: 1 punto significherà un alto grado di differenziazione e 5 punti - uno basso. Le stime di entrambi i materiali si sommano alla quantità di Gleason, i cui risultati possono variare da 2 a 10 punti.

Gli importi possibili sono stati divisi in 3 gruppi:

  • fino a 7 punti - cancro lento. Il paziente ha enormi possibilità di successo nel trattamento e nella guarigione.
  • 7 punti - grado medio di aggressività del cancro.
  • più di 7 punti: un rapido aumento dell'adenocarcinoma, un'alta probabilità di metastasi precoci.

Dopo un trattamento chirurgico, questi indicatori possono diminuire o aumentare..

Interpretazione dell'indice

Il valore numerico dell'indice è indicato come gradazione (G). In totale, la scala Gleason ha 5 gradazioni, in base alle quali si forma un tumore da:

  • G1 - piccole ghiandole omogenee con lievi cambiamenti nucleari;
  • G2 - gruppi di ghiandole che sono separate dallo stroma, ma situate l'una vicino all'altra;
  • G3 - ghiandole di diverse dimensioni e strutture; stroma e tessuti prossimali possono essere infiltrati;
  • G4 - cellule atipiche; si verifica l'infiltrazione di tessuti vicini;
  • G5 - strati di cellule atipiche indifferenziate.

Questa differenziazione del cancro alla prostata consente di determinare lo sviluppo del cancro e di scegliere il trattamento più appropriato e competente in ciascun caso.