Stadio 4 del cancro cervicale, prognosi vitale?

Melanoma

La sopravvivenza in una malattia come il cancro dipende dallo stadio di sviluppo del tumore, dalle caratteristiche della salute del paziente. Con una diagnosi di cancro cervicale, lo stadio 4 può svilupparsi in 10 mesi o 4 anni e la durata della vita di una donna dipende dal suo stile di vita..

Se il grado della malattia è precoce, è stato possibile diagnosticare il tumore nelle fasi 1-2, quindi nella maggior parte dei casi la prognosi è favorevole: è possibile interrompere la malattia e prevenire la ricaduta. Se viene diagnosticata la fase 3, non è praticamente necessario attendere il recupero, la domanda è nel periodo per il quale il tumore passerà all'ultima, quarta fase.

Il quarto grado di cancro è una diagnosi deludente. Non devi aspettare un completo recupero, ma anche in questo caso, puoi provare a massimizzare la tua vita e ad alleviare il decorso della malattia. Inoltre, la medicina si sviluppa ogni anno e nessuno sa a quali altezze hanno raggiunto le tecnologie per la cura del cancro. Al momento, il processo del cancro in 4 fasi con il giusto corso di terapia di mantenimento dà al paziente circa 5 anni.

Come scoprire quale stadio del cancro?

Per immaginare quanto rimane, è necessario determinare lo stadio in cui si trova la malattia. Solo il medico può determinare il primo o il quarto stadio, per questo effettuerà un esame completo. Secondo la classificazione TNM, allo stadio 4, un tumore cervicale cresce nella membrana della vescica e dell'intestino tenue.

La patologia si estende oltre la regione pelvica, le metastasi si trovano in altri organi. Molte persone trascurano la prevenzione, non pensano alla salute fino a quando non incontrano sintomi spiacevoli.

Segni di 4 tappe

In questa fase, appariranno segni:

  • avvistamento, compreso sanguinamento, dalla vagina;
  • dolore nel sacro, nella parte bassa della schiena, nella zona pelvica;
  • scarico bianco dall'odore sgradevole con pus;
  • problemi con lo svuotamento della vescica, dell'intestino;
  • forte perdita di peso;
  • gonfiore delle gambe.

Oltre ai principali sintomi caratteristici del tumore primario, altri metastasi possono rilevare altri segni a causa di danni ad altri organi. Il cancro si diffonde ai polmoni, al fegato, alle ossa e ai reni..

Con le metastasi nella cistifellea e nel fegato, l'ittero sarà un segno di un problema. Se i polmoni sono interessati, il paziente sarà disturbato da una tosse con emottisi. Con le metastasi ossee si avverte un forte dolore.

Quando i pazienti lamentano sintomi che non hanno nulla a che fare con il tumore, ma con l'attività delle metastasi. A volte crescono più velocemente del tumore primario, possono causare la morte.

Diagnosi di cancro e prognosi del trattamento

Per stabilire lo stadio del cancro, per scegliere il giusto trattamento, il medico prescrive una serie di procedure. Le misure diagnostiche includono un esame ginecologico, uno striscio per citologia, colposcopia, biopsia, radiografia del torace, urografia dei reni, ultrasuoni della cavità pelvica e addominale, risonanza magnetica o TC per rilevare metastasi.

La prognosi del trattamento dipende dalla stretta aderenza alle raccomandazioni del medico, dal giusto corso e dal metodo di trattamento. Nella fase del tumore 4A, viene eseguito il controllo pelvico, dopo di che vengono eseguite radiazioni e chemioterapia per consolidare l'effetto. Eviseration è prescritto solo se il tumore non è passato alla parete pelvica..

Nella fase del cancro 4B, la chemioterapia e la radioterapia sono prescritte insieme, si raccomanda ai pazienti di partecipare al test di nuovi farmaci per il cancro. Il trattamento delle recidive del cancro sulla cervice del 4 ° stadio è considerato una sfida. Tali ricadute si verificano entro 2 anni dal trattamento, sono divise in pelviche, miste e distanti.

Se il tumore rimane in un punto durante la ricaduta, viene rimosso operativamente - per resezione o eviscerazione. Con una neoplasia isolata, vengono utilizzate la chemioterapia e le radiazioni radicali..

Prognosi per carcinoma uterino in stadio 4

Tutti coloro che si trovano ad affrontare la malattia sono interessati alla domanda - con una diagnosi come il cancro cervicale allo stadio 4 quanti vivono e come estendere il termine. La sopravvivenza è un indicatore individuale. Dipende da quale fase della malattia viene rilevata. Il tasso di sopravvivenza è del 44-85%. La ricorrenza del tumore dopo il trattamento chirurgico viene eliminata dalla radioterapia. In tale situazione, la previsione di sopravvivenza è del 25%.

Se le metastasi si ripresentano, la prognosi è scarsa. Nell'ultima fase del cancro, circa il 10% delle persone ha speranza di guarigione. L'aspettativa di vita dei sopravvissuti non è superiore a 5 anni. Il principale fattore che influenza la prognosi della vita è la prevalenza del processo..

Il cancro è una malattia insidiosa, i cui sintomi sono simili ai segni di una serie di altre malattie. Pertanto, è importante sottoporsi a esami su base regolare a tempo debito al fine di stabilire una diagnosi accurata in tempo. L'efficacia della terapia e della sopravvivenza sono direttamente correlate allo stadio in cui viene rilevata la malattia. Ecco perché, sentendo i sintomi sopra descritti nell'articolo, dovresti consultare immediatamente un medico. In questo caso, è meglio giocarlo in modo sicuro piuttosto che in ritardo..

Indipendentemente dalla fase in cui viene diagnosticato il tumore, è necessario credere in se stessi e nella capacità di guarire. In primo luogo, l'atteggiamento psicologico influenza il corso del trattamento. In secondo luogo, ogni anno vengono inventati nuovi farmaci antitumorali e vi è la possibilità che si possa recuperare completamente.

Tutto il possibile deve essere fatto per prolungare la durata della vita. E in terzo luogo, nessuno ha cancellato il miracolo. Pertanto, è necessario proteggere la propria salute, cercare di prevenire le malattie e non arrendersi se si è sottoposti a trattamento.

Terapia del cancro in fase quattro

Cosa si può fare con il cancro allo stadio 4?

Al fine di alleviare le condizioni generali del paziente nelle fasi avanzate del cancro, vengono utilizzati i metodi di base per mantenere le funzioni vitali, tra cui terapia endovenosa intensificata, plasmaferesi, emosorbimento, trasfusione di sangue e componenti del sangue.

Nel Dipartimento di Oncologia interventistica, eseguiamo operazioni palliative e ausiliarie come:

  • impianto di sistemi di porte per infusione venosa e arteriosa per chemioterapia;
  • imposizione di nefrost in caso di danno renale;
  • drenaggio e stent dei dotti biliari con ittero ostruttivo di origine tumorale;
  • installazione di filtri di cava nella vena cava inferiore per prevenire la tromboembolia;
  • stenting della vena cava superiore durante il suo ostruzione dell'origine del tumore e un numero di altri.

Nella quarta fase del cancro, i moderni antidolorifici sono importanti..

Che cos'è il cancro allo stadio 4??

Il quarto stadio del cancro è un processo irreversibile incontrollato della crescita e della diffusione delle cellule tumorali in tutto il corpo, in cui si verifica un danno agli organi e ai tessuti sani vicini, la formazione di focolai tumorali distanti (metastatici) in organi distanti. Nella fase 4 del cancro, la lesione primaria può essere di qualsiasi dimensione: da 5-6 mm per un tumore neuroendocrino del tratto gastrointestinale o del melanoma e fino a 10-30 cm di diametro con il tumore di Ewing.

I criteri di diagnosi per il quarto stadio del cancro includono:

  • tumore progressivo con diffusione alle ossa, ai polmoni, al fegato, al pancreas e (o) al cervello, o
  • tumori a crescita rapida (tumore a crescita rapida), o
  • qualsiasi tipo di tumore osseo, o
  • tumori estremamente fatali (ad es. carcinoma polmonare, carcinoma pancreatico, mieloma multiplo, carcinoma a cellule squamose, melanoma, ecc.)

Come determinare lo stadio del cancro?

Lo stadio del cancro mostra quanto fortemente il tumore maligno sia germogliato nei tessuti vicini, sia che sia riuscito a dare metastasi ai linfonodi e a varie parti del corpo. Questa è un'informazione molto importante, perché aiuta il medico a sviluppare le tattiche di trattamento ottimali, a costruire una prognosi affidabile.

Per determinare lo stadio del cancro, i medici fanno affidamento sulla classificazione TNM generalmente accettata. La lettera T indica la dimensione e la posizione del tumore primario, N - metastasi nei linfonodi vicini, M - metastasi a distanza. Vicino a ogni lettera indica un indice numerico.

Le combinazioni di diversi valori di T, N e M sono combinate in quattro fasi (c'è ancora un ulteriore - zero):

Le fasi del cancro sono un complesso di segni che ti consentono di descrivere il corso del processo tumorale. Si distinguono le seguenti fasi del cancro:

  • Stadio zero. Il cosiddetto cancro in situ. Il tumore si trova all'interno dei tessuti da cui si è sviluppato e non cresce nelle strutture vicine. Il tumore può essere rimosso completamente chirurgicamente..
  • Primo stadio. Il tumore è relativamente piccolo e non ha avuto il tempo di crescere in profondità nel tessuto circostante..
  • Seconda fase. Il tumore non si diffonde ancora nei tessuti vicini, ma è di dimensioni maggiori. Possono essere rilevate singole metastasi nei linfonodi vicini..
  • Terzo stadio Le cellule tumorali si sono diffuse ai tessuti circostanti e ai linfonodi vicini..
  • Il quarto stadio. Carcinoma metastatico: le cellule tumorali si diffondono in diverse parti del corpo.

A volte le lettere latine sono attribuite ai numeri - A, B, C, se nello stage è necessario selezionare un sottoscala.

Sintomi del cancro allo stadio 4

Fino a quando il cancro non ha raggiunto lo stadio IV, una persona malata potrebbe non manifestare alcun sintomo. Questo è uno dei motivi principali per la diagnosi tardiva del cancro. Se un tumore viene rilevato in una fase precoce, di solito è successo per caso o attraverso uno screening regolare.

I sintomi del carcinoma in stadio IV dipendono dal tipo e dalle dimensioni del tumore, dalla presenza di metastasi, dal grado di germinazione delle cellule tumorali in vari tessuti e organi.

Tra i sintomi comuni, si può distinguere quanto segue:

  • affaticamento, costante sensazione di affaticamento;
  • diminuzione dell'appetito;
  • dispnea;
  • perdita di peso, fino ad esaurimento - cachessia;
  • nausea e vomito;
  • itterizia.

Le metastasi ossee portano a dolore agli arti e fratture patologiche; nel cervello - a mal di testa, vertigini, convulsioni; nei polmoni - a mancanza di respiro; nel fegato - per aumentare l'addome e l'ittero.

Alcuni pazienti sviluppano la sindrome paraneoplastica, una reazione al tumore e alle sostanze biologicamente attive che secerne. Si manifesta con vari sintomi: pelle, sistema endocrino, nervoso, cardiovascolare, digestivo, sistema muscoloscheletrico, sangue.

Quali sono i trattamenti per il cancro allo stadio 4??

Il trattamento del quarto stadio del cancro di qualsiasi localizzazione con danno tumorale esteso e presenza di metastasi a distanza è principalmente palliativo e sintomatico. I principali compiti del medico nel trattamento di tali pazienti sono i seguenti:

  • Limitazione della prevalenza del tumore.
  • Rallentamento della crescita tumorale, ritardata progressione del tumore.
  • Conservazione del funzionamento di organi e sistemi.
  • Prevenzione di complicanze potenzialmente letali: tromboembolia, ictus, attacchi di cuore.

I principali metodi di trattamento del carcinoma in stadio 4 includono la chirurgia palliativa, la chemioterapia, la radioterapia, la terapia ormonale, l'immunoterapia e altri metodi usati in isolamento e insieme, a seconda del tipo di tumore.

Il miglioramento del trattamento del cancro nelle fasi successive ha portato all'introduzione di procedure che possono migliorare significativamente la qualità della vita dei pazienti, nonché prolungare la vita a un anno o più. Allo stesso tempo, alcuni pazienti rimangono in grado di lavorare e di comunicare con la famiglia e gli amici.

I nuovi trattamenti per il cancro sono efficaci e hanno effetti collaterali minimi e includono:

I singoli vaccini antitumorali vengono preparati parallelamente alla chirurgia, in cui viene rimosso un grande volume del tumore. Una coltura cellulare viene cresciuta dal tumore rimosso e le cellule dendritiche linfatiche vengono isolate dai globuli bianchi del paziente. In condizioni di laboratorio speciali, le cellule immunitarie vengono addestrate per rispondere agli antigeni di un tumore distante. Il risultato è un singolo vaccino contro il cancro che protegge ulteriormente il paziente da ricadute e metastasi..

Gli anticorpi monoclonali, compresi farmaci come l'imuteran, Erlotinib, prescritti per il cancro del colon, il farmaco SU11248, usato nel trattamento del cancro gastrico, influenzano selettivamente le cellule tumorali e causano la loro morte isolata dopo somministrazione endovenosa. Nel trattamento del melanoma, vengono utilizzati i farmaci Opdivo, Kitrudu, Tafinlar.

La radioembolizzazione delle metastasi epatiche viene effettuata con varie malattie oncologiche nelle fasi avanzate. Include il cateterismo selettivo intravascolare dei vasi sanguigni del fegato sotto il controllo dell'angiografo e l'introduzione di particelle embolizzanti con l'isotopo radioattivo ittrio-90. Gli isotopi rimangono attivi e combattono le cellule tumorali per 64 ore.

La chemioembolizzazione delle microsfere è un'operazione endovascolare, durante la quale le microsfere con chemioterapia immobilizzata vengono iniettate direttamente nell'arteria che alimenta la metastasi. La chemioembolizzazione viene eseguita con neoplasie inoperabili, con grave danno volumetrico al fegato, gravi malattie somatiche concomitanti. L'uso di dispositivi chirurgici a raggi X digitali, strumenti intravascolari ad alta tecnologia consente di eseguire ripetutamente questa operazione senza effetti collaterali e complicazioni. La tecnica della chemioembolizzazione può essere combinata con altri metodi di trattamento dei tumori..

L'ablazione con radiofrequenza RF dei tumori epatici viene eseguita con tumori epatici primari e con danno epatico metastatico fino a 5 cm di diametro ed è lo standard mondiale nel complesso trattamento delle fasi tardive e delle metastasi del carcinoma del colon-retto.

L'RFA è controindicato nella posizione del focus del tumore in prossimità della vena porta, della cistifellea, dei grandi dotti biliari.

  • Nell'ablazione RF transdermica a radiofrequenza transdermica sotto guida ecografica e anestesia generale, un ago cavo viene inserito attraverso il parenchima cutaneo e epatico, attraverso il quale viene quindi inserito un elettrodo monopolare a onde radio.
  • L'elettrodo riscalda localmente l'area del parenchima epatico, causando la coagulazione del tessuto tumorale e la necrosi locale.
  • In alcuni casi, l'ablazione con radiofrequenza a radiofrequenza dei tumori epatici viene eseguita durante la laparotomia, durante l'eliminazione dell'ostruzione intestinale con l'applicazione di anastomosi o durante la rimozione dell'infiltrato tumorale.
  • L'esecuzione dell'ablazione a radiofrequenza del fegato espande significativamente le indicazioni per il trattamento chirurgico di pazienti con danno epatico polisegmentale multiplo.

In generale, anche il trattamento palliativo e sintomatico del cancro allo stadio 4 di qualsiasi localizzazione prolunga la vita del paziente e ne migliora la qualità.

Prognosi di vita per il cancro allo stadio 4

L'indicatore chiave della prognosi per il quarto stadio del cancro è la sopravvivenza a cinque anni, la percentuale di pazienti che continuano a vivere dopo 5 anni dal momento della diagnosi del cancro allo stadio 4.

Nelle prime fasi del cancro, la sopravvivenza a cinque anni è massima e in alcuni casi si avvicina al 100%. Allo stadio 4, è il più basso, ma ciò non significa che non ci sia alcuna possibilità. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni è statistico. È calcolato sulla base del monitoraggio di un gran numero di pazienti. Ma ogni paziente è unico. È necessario apportare modifiche per età, malattie concomitanti, salute generale.

Inoltre, i tassi di sopravvivenza a cinque anni sono calcolati sulla base delle osservazioni di pazienti a cui è stato diagnosticato un cancro almeno 5 anni fa. Da allora sono comparsi nuovi farmaci, gli approcci al trattamento sono cambiati. I malati di cancro moderni hanno motivo di fare affidamento su previsioni leggermente migliori.

La prognosi più accurata per te può dare solo al tuo medico. Anche se il tasso di sopravvivenza per questo tipo di tumore è molto basso e la prognosi è molto probabilmente sfavorevole, il medico può sempre prescrivere un trattamento di supporto che aiuterà a prolungare la vita e ad alleviare i sintomi dolorosi.

Prognosi di sopravvivenza per il cancro allo stadio 4: statistiche dalla Russia e da altri paesi

In Giappone, Stati Uniti, Germania, Svizzera, Israele e numerosi altri paesi, lo stadio terminale del cancro viene diagnosticato molto meno spesso rispetto alla Russia. Ciò è dovuto alle caratteristiche dell'organizzazione delle cure mediche. Fin dall'infanzia, i cittadini di questi paesi sono stati consapevoli dei benefici della prevenzione rispetto al trattamento..

In Russia, il carcinoma diagnosticato al 4 ° stadio non è raro e la sopravvivenza con questa diagnosi va da sei mesi a due anni e mezzo. Per fare un confronto, in Germania e negli Stati Uniti, la prognosi di sopravvivenza è di almeno 5 anni. Le stesse statistiche si trovano nella clinica europea, inoltre, a causa della nostra clinica ci sono diversi casi di destabilizzazione. Qual è la ragione di questa differenza?

In primo luogo, come già notato, ci sono diversi principi per l'organizzazione delle cure mediche. Sfortunatamente, il Ministero della Salute, fino a poco tempo fa, non ha indicato una scadenza per iniziare il trattamento per il cancro. I pazienti potrebbero attendere l'inizio della terapia per diversi mesi, il che, ovviamente, influisce negativamente sulle previsioni.

In secondo luogo, le medicine, il loro prezzo e la loro qualità. Quasi tutti i farmaci veramente efficaci sono prodotti in Europa o negli Stati Uniti. Molti di loro sono molto costosi e non tutti possono acquistarli. Gli analoghi disponibili in Russia, di regola, sono di qualità molto inferiore a quelli stranieri..

In terzo luogo, i protocolli di trattamento. Esistono linee guida internazionali per il trattamento di un particolare tipo di tumore, che vengono costantemente reintegrate e migliorate. Tuttavia, in Russia, per la maggior parte, sono trattati secondo i loro protocolli, molti dei quali sono obsoleti e mostrano un'efficacia molto inferiore rispetto a quelli stranieri..

La clinica europea sa come aiutare e raggiungere la migliore prognosi:

  • L'organizzazione delle cure mediche è costruita secondo il "gold standard" delle cliniche negli Stati Uniti e in Europa.
  • Utilizziamo farmaci di fabbricazione straniera che si sono dimostrati efficaci. L'autenticità viene verificata in ogni fase dall'acquisto dal rappresentante ufficiale del produttore alla consegna del farmaco.
  • Gli specialisti della clinica sono guidati da protocolli di trattamento internazionali.
  • Siamo in grado di curare il cancro e lo facciamo come le migliori cliniche del mondo..

Tumore polmonare in stadio 4

Con il carcinoma polmonare in stadio 4, il tasso medio di sopravvivenza a cinque anni è in media del 10% circa. Nel carcinoma polmonare a piccole cellule, questo indicatore è circa l'1% e nel carcinoma polmonare non a piccole cellule, la sopravvivenza è significativamente più elevata e varia dal 2 al 13%, a seconda del grado di metastasi ad altri organi e tessuti, nonché del danno pleurico e pericardico. Se in precedenza il paziente aveva subito un'operazione radicale - resezione del polmone o del suo lobo - questa cifra è significativamente più alta.

Nella quarta fase del carcinoma polmonare, la radioterapia viene eseguita per ridurre le dimensioni del tumore e alleviare i sintomi della malattia. In alcuni pazienti, la radioterapia è integrata da un ciclo di chemioterapia, che facilita notevolmente le condizioni generali del paziente. Con la lesione metastatica della pleura e lo sviluppo della pleurite, la toracocentesi viene attivamente utilizzata per ridurre il volume di liquido nei polmoni.

Stadio del cancro al fegato 4

Con il carcinoma epatico in stadio 4, la prognosi è la meno favorevole: solo il 6% dei pazienti vivrà per più di 5 anni. Il carcinoma epatico in stadio 4 è caratterizzato da focolai tumorali multipli in entrambi i lobi del fegato, nonché da danni ai rami principali della vena epatica o portale. Il cancro al fegato è una malattia in rapido progresso, quando tra 1 e 4 fasi del cancro al fegato, di solito trascorrono 3-4 mesi.

Sfortunatamente, con il cancro al fegato in stadio 4, il trattamento chemioterapico classico è inefficace. Sono attualmente in fase di applicazione nuove tecnologie mediche: ablazione con radiofrequenza dei focolai di cancro nel fegato e chemoembolizzazione. In precedenza, veniva effettuato prevalentemente un trattamento analgesico per eliminare il dolore e la laparocentesi per ridurre l'ascite e alleviare le condizioni del paziente..

Tumore allo stomaco in stadio 4

Il carcinoma gastrico allo stadio 4 presenta la prognosi più favorevole. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è di circa il 15-20%. Risultati più favorevoli sono stati osservati in pazienti con tumore della parte cardiaca dello stomaco, in particolare con carcinoma a cellule squamose dello stomaco dopo radioterapia. La diagnosi del quarto stadio del carcinoma gastrico viene stabilita con danni agli organi vicini e almeno un linfonodo regionale, o con danni allo stomaco e più di 15 linfonodi vicini, o in presenza di metastasi a organi e tessuti distanti. La chemioterapia palliativa consente di ottenere una stabilizzazione relativamente stabile della malattia nel 40-45% dei casi. Il trattamento chirurgico per il carcinoma gastrico allo stadio 4 viene utilizzato principalmente per il trattamento palliativo di condizioni potenzialmente letali - sanguinamento da un tumore e altri.

Con il tumore inoperabile della sezione prossimale (cardiaca) dello stomaco con una transizione all'esofago in caso di violazione del passaggio del cibo, uno stent endoscopico viene inserito nell'esofago e nello stomaco.

Delle operazioni palliative per il carcinoma gastrico allo stadio 4, la gastroenterostomia viene eseguita nel 10-15% dei pazienti al fine di ripristinare il passaggio del cibo attraverso il tratto gastrointestinale e per correggere e prevenire i disturbi dell'acqua-elettrolita. Questa operazione è indicata per il carcinoma gastrico inoperabile con stenosi dello stomaco in uscita (reparto pilorico). In alcuni casi, viene eseguita una gastrostomia per la successiva nutrizione enterale del paziente attraverso una sonda.

Stadio 4 Cancro al pancreas

Con il carcinoma pancreatico in stadio 4, il tasso di sopravvivenza a cinque anni dei pazienti è inferiore al 2% se non trattato e fino al 10% quando si effettuano misure di trattamento attivo. Una combinazione di chirurgia e chemioterapia viene utilizzata per alleviare le condizioni del paziente..

Il trattamento chirurgico più comune per il cancro del pancreas è la chirurgia Whipple - resezione pancreatoduodenale. L'operazione comporta la rimozione della testa del pancreas con un tumore, parte del duodeno, parte dello stomaco, cistifellea e linfonodi più vicini. Il trattamento chirurgico del cancro non è indicato se il tumore del pancreas si è diffuso a grandi vasi adiacenti o se vengono rimosse le metastasi.

Quando i dotti biliari vengono compressi da un enorme tumore canceroso nell'area della porta del fegato e l'incapacità di eseguire la resezione pancreatoduodenale, viene eseguito il drenaggio transepatico percutaneo e lo stenting del dotto biliare per normalizzare il deflusso della bile.

Il trattamento chemioterapico nelle fasi avanzate del cancro include l'uso di farmaci moderni come gemcitabina (gemzar), irinotecan (campto), nonché carboplatino, 5-fluorouracile, ecc..

Tumore intestinale allo stadio 4

Nel carcinoma intestinale in stadio quattro, la sopravvivenza a cinque anni è inferiore al 5%. Il trattamento chirurgico palliativo per il cancro prevede il ripristino dell'ostruzione intestinale con stenosi. Nella nostra clinica, sia la chirurgia colostomica che lo stenting intestinale vengono eseguiti durante la colonscopia.

Tumore al seno allo stadio 4

Con il carcinoma mammario in fase quattro, il tasso di sopravvivenza a cinque anni è di circa il 10-15%. La terapia attiva per il carcinoma mammario prevede lo sbrigliamento chirurgico del tumore (mastectomia radicale), che evita l'eccessiva intossicazione del corpo e il sanguinamento da un tumore in decomposizione. In assenza di disturbi significativi del sistema di coagulazione del sangue e scompenso della funzionalità epatica e renale, la chemioterapia per il carcinoma mammario può migliorare significativamente la qualità della vita.

Stadio 4 Cancro alla prostata

La prognosi della sopravvivenza a cinque anni nel carcinoma prostatico in stadio 4 è di circa il 30%. La principale causa di morte nel carcinoma della prostata è la disfunzione concomitante di fegato, polmoni e reni. Le principali opzioni di trattamento per il carcinoma prostatico in stadio 4:

  • terapia ormonale;
  • radioterapia esterna in combinazione con terapia ormonale;
  • operazione chirurgica: resezione transuretrale della ghiandola prostatica al fine di alleviare i sintomi del cancro e prevenire emorragie dalla vescica interessata o ostruzione del tratto urinario e, di conseguenza, lo sviluppo di insufficienza renale acuta.

Tumore uterino di stadio 4

Con il cancro del corpo uterino nella fase 4, il processo del tumore si diffonde oltre il bacino, coinvolgendo la vescica, il retto. La sopravvivenza a 5 anni nel quarto stadio del carcinoma uterino non supera il 3-9%. Il trattamento per tali pazienti è prescritto individualmente, sostanzialmente è complesso, tra cui la chemioterapia, la terapia ormonale, il trattamento chirurgico palliativo.

Al 4 ° stadio del carcinoma cervicale, la prognosi della sopravvivenza a cinque anni non supera l'8-9%. La transizione del carcinoma cervicale preinvasivo in microinvasivo con conseguente rapida crescita del tumore e la transizione al 4 ° stadio può essere osservata entro 1-2 anni. Il cancro cervicale è attualmente uno dei tumori in rapida evoluzione. Tutti gli organi pelvici sono coinvolti nel processo tumorale, inclusi vagina, vescica e retto..

I medici potrebbero commettere un errore diagnosticando il cancro al 4 ° stadio, se 2-3 mesi prima il paziente fosse malato?

Abbiamo osservato una tendenza costante negli ultimi dieci anni nella crescita della circolazione tardiva dei pazienti con cancro. La perdita del sistema di visita medica regolare e la disattenzione dei pazienti in relazione alla propria salute, ignorando i sintomi iniziali degli organi vitali (cuore, fegato, polmoni), portano al fatto che durante l'esame diagnostico esteso iniziale per qualsiasi disturbo viene stabilita una diagnosi del quarto stadio del cancro.

Incontriamo il cancro cervicale, che si è sviluppato sullo sfondo della gravidanza per 10-12 mesi da cambiamenti precancerosi nella cervice immediatamente nel 4 ° stadio del cancro. Nella nostra pratica, ci sono molti casi di cancro intestinale negli uomini e nelle donne di età compresa tra 30 e 40 anni che non hanno mai visitato un medico. Durante una colonscopia diagnostica per disturbi intestinali poco chiari, scoprono una malattia oncologica (tumore del colon sigmoideo, tumore del colon) in una fase avanzata.

La fase 4 può essere curata??

È diffuso il mito che una persona con l'ultimo stadio del cancro muoia molto rapidamente. Tuttavia, un regime di trattamento adeguatamente selezionato prolungherà la vita e migliorerà significativamente la sua qualità fino a 5 anni, a seconda del tipo di tumore e del grado di danno agli organi vitali, nonché dalla presenza di malattie concomitanti.

Ciò che peggiora la qualità della vita nel cancro allo stadio 4?

Le condizioni più comuni che compromettono significativamente la qualità della vita nel quarto stadio del cancro sono:

  • compromissione della funzionalità epatica a causa del blocco del tratto biliare e dello sviluppo di ittero ostruttivo;
  • disturbi della coagulazione del sangue e sviluppo di embolia polmonare, polmonite o ictus;
  • inibizione della funzione ematopoietica del midollo osseo e sviluppo di anemia, trombocitopenia e leucopenia;
  • fratture vertebrali patologiche che causano la paralisi degli arti inferiori;
  • forte dolore, particolarmente grave con metastasi ossee;
  • trombosi arteriosa con sviluppo di ischemia acuta e cancrena dell'arto inferiore e una serie di altre malattie.

Metastasi rivelate nell'osso e nella colonna vertebrale. Cosa fare?

Se viene rilevata una lesione metastatica delle ossa dello scheletro e delle vertebre, viene eseguito un trattamento complesso:

  • Terapia antitumorale che sopprime la crescita delle cellule tumorali.
  • La radioterapia, che viene eseguita sia per ridurre il dolore che per scopi terapeutici, fino alla completa scomparsa di singole metastasi.
  • Trattamento con radioisotopi delle metastasi ossee (a scopo palliativo) per ridurre il dolore o per scopi terapeutici.
  • Trattamento chirurgico delle metastasi ossee per prevenire e curare le fratture.
  • Farmaco osseo.
  • Embolizzazione delle arterie spinali come chirurgia palliativa per ridurre il dolore e rallentare la crescita del tumore.
  • Ablazione con radiofrequenza (rimozione) di metastasi nelle ossa e nella colonna vertebrale.
  • Iniezioni epidurali per dolore alla colonna vertebrale, installazione della pompa.

La radioterapia con metastasi nell'osso scheletrico in una dose standard di 15-20 Gy nella metà dei pazienti porta a una completa scomparsa del dolore e con un aumento della dose di radiazioni a 30-40 Gy, si verifica un significativo miglioramento dello stato nell'80-90% dei pazienti entro i primi 2-3 anni settimane.

Le metastasi ossee sono anche trattate con radiofarmaci stronzio 89Sr e samarium 153Sm. La somministrazione endovenosa di stronzio 89Sr, che ha un'alta affinità per il tessuto osseo, consente di somministrare un elevato carico di radiazioni solo sul tessuto osseo. Circa il 10-20% dei pazienti riferisce una completa scomparsa del dolore e circa il 50–60% riferisce una riduzione significativa della gravità dei sintomi.

Il trattamento chirurgico delle metastasi ossee può essere effettuato in diversi modi. Se esiste una quantità significativa di sostanza ossea nell'area della frattura patologica, l'osso tubolare lungo può essere stabilizzato con l'aiuto dell'asta o del perno intraosseo. Una grave lisi del materiale osseo può richiedere un rafforzamento riempiendo il canale intramidollare e i difetti corticali delle ossa tubolari con cemento metilmetacrilato.

In caso di fratture vertebrali patologiche, se l'aspettativa di vita del paziente supera i 3 mesi, vengono eseguite operazioni aperte o minimamente invasive, come la cifoplastica e la vertebroplastica, che riducono significativamente il dolore e riducono il rischio di compressione del midollo spinale e dei nervi spinali.

Il trattamento farmacologico del danno osseo metastatico viene effettuato utilizzando bifosfonati (Etindronato, Bonefos, Bondronat, Aredia, Zometa). I farmaci di questo gruppo agiscono direttamente sul tessuto osseo e bloccano l'effetto delle cellule tumorali sugli osteoclasti, che arresta la distruzione delle ossa da parte degli osteoclasti, riduce il dolore, previene il verificarsi di fratture patologiche, riduce il rischio di ipercalcemia.

L'oncologia non si ferma e le nostre opportunità nel trattamento del cancro sono in continua espansione. La clinica europea utilizza i più avanzati prodotti per il trattamento del cancro registrati in Russia. Questo ci consente di prolungare significativamente la vita dei malati di cancro e di migliorarne la qualità anche nell'ultima fase. Scopri di più: chiama e iscriviti per una consultazione con i nostri oncologi.

Ciò che minaccia il cancro cervicale allo stadio 4?

Le malattie oncologiche dell'utero sono le patologie femminili più comuni dopo il cancro al seno. Spesso alle donne di età compresa tra 48 e 55 anni viene diagnosticato un cancro cervicale. Nel caso in cui la malattia non sia stata rilevata in tempo, lo sviluppo dell'oncologia diventa irreversibile. In tali casi, viene diagnosticato il cancro cervicale allo stadio 4..

Durata

Cambiamenti patologici nella cervice che portano a 4 stadi di cancro possono verificarsi nel periodo da diversi mesi a diversi anni. Il periodo di tempo dipende direttamente dall'istologia e dalla morfologia del tumore. Non scoperto in tempo e, di conseguenza, una malattia trascurata, porterà inevitabilmente al cancro allo stadio 4.

Se nelle fasi iniziali dell'oncologia il paziente può sperare in una guarigione, la fase finale dell'oncologia del collo uterino è un fenomeno molto deludente. In tali casi, la malattia progredisce, causando la formazione di tumori nel retto, nell'intestino o nella vescica. La crescita di metastasi in tutto il corpo femminile non è esclusa, interessando in particolare il tessuto osseo.

È difficile dire con precisione quante donne vivono con una diagnosi simile. Di norma, l'aspettativa di vita dei pazienti con diagnosi di questo non supera i 5 anni.

Classificazione dello stadio finale del cancro cervicale

Per ottenere il quadro più accurato dello stadio della malattia, i medici combinano informazioni sulla dimensione del tumore, sulla sua posizione e sulle condizioni dei linfonodi. Questo processo è chiamato l'unione delle fasi. Alle fasi della malattia vengono assegnate designazioni numeriche (da 1 a 4). A loro volta, le fasi sono divise in fasi secondarie.

Lo stadio 4 è considerato il più comune ed è diviso nei seguenti sottostasi:

  • Stadio IVA (T4, N0, M0). Il tumore si sposta negli organi più vicini all'utero: il retto, la vescica. La patologia non influenza i linfonodi vicini o gli organi interni distanti.
  • Stadio IVB (qualsiasi T, qualsiasi N, M1). Il processo del tumore colpisce altri organi situati al di fuori dell'area pelvica. Ciò colpisce i linfonodi nel bacino.
al contenuto ↑

Sintomatologia

Solo un medico può determinare quanto la cervice sia colpita dal cancro. Ma poiché il cancro cervicale allo stadio 4 è una malattia avanzata, il paziente può manifestare i seguenti sintomi:

  • una donna avverte dolore persistente nel sacro, nella parte bassa della schiena e nel bacino;
  • spotting sistematico, a volte abbondante sanguinamento vaginale;
  • la scarica giornaliera ha un odore sgradevole; in essi si verificano pus o coaguli di sangue;
  • difficoltà a urinare o defecare (a causa della compressione di un tumore dell'intestino o della vescica);
  • gonfiore degli arti inferiori;
  • malfunzionamenti del ciclo mestruale;

Lo scarico sanguinante può verificarsi prima o dopo il rapporto sessuale. Inoltre, il liquido acquoso può trasudare dalla vagina - il risultato di una malattia dei vasi linfatici.

Inoltre, una donna può avvertire una serie di manifestazioni somatiche aggiuntive della malattia:

  • stanchezza, attacchi di debolezza;
  • perdita di appetito;
  • anemia;
  • forte aumento senza causa della temperatura e perdita di peso.

Importante! Una donna dovrebbe diffidare di scoprire le verruche genitali. Spesso si trovano sulla superficie delle mucose e possono indicare la presenza di cancro nel corpo.

Lo stadio finale del cancro cervicale, accompagnato da metastasi, colpisce spesso il fegato, i polmoni e le ossa. Quando la malattia si è stabilita nel fegato, il paziente avrà l'ittero ostruttivo.

Fegato metastatico

I polmoni colpiti causeranno una tosse persistente (l'espettorato può andare via con il sangue). Se le metastasi hanno colpito il tessuto osseo, la donna avvertirà dolore persistente alle articolazioni e alle ossa..

Metodi diagnostici

Per fare una diagnosi e selezionare la terapia appropriata, il medico dovrebbe esaminare il paziente e prescrivere una serie di studi aggiuntivi. La procedura per la diagnosi delle malattie oncologiche ginecologiche comprende le seguenti fasi:

  • Ispezione di un ginecologo, accompagnata da una storia medica. Il medico scopre dal paziente tutte le informazioni necessarie (malattie passate, numero di nascite, aborti, ecc.) E chiarisce anche i sintomi (natura della dimissione, dolore, ecc.). Con un esame diretto, uno specialista registra i cambiamenti nella cervice. Un aumento delle dimensioni dell'utero o della cervice, i tumori palpabili nella vagina possono indicare la diffusione del processo del cancro. Spesso in tali casi, il paziente viene indirizzato a un ginecologo-oncologo.
  • Ricerca in laboratorio:
  1. Esame di uno striscio per citologia. Viene prelevato uno striscio dalla cervice, dopo di che il materiale prelevato viene colorato con una soluzione speciale. L'esame microscopico dello striscio consente il riconoscimento delle cellule tumorali..
  2. Studi virologici. Consente di determinare il tipo di virus e di rilevarne l'oncogenicità.
  • Diagnostica strumentale
  1. Ultrasuoni (secondo la testimonianza del medico);
  2. Scansione MRI.

Consigliato per ottenere un quadro più dettagliato dello stato degli organi pelvici e del peritoneo. Uno studio tomografico aiuterà a determinare le dimensioni del tumore e rilevare la presenza di metastasi..

Il metodo di diagnostica ottica. Il collo viene trattato con la soluzione di Lugol (come opzione - con acido acetico), dopo di che viene attentamente studiato usando un colposcopio. Le aree sane del collo sono generalmente colorate in determinati colori, mentre le aree interessate non cambiano visivamente. Spesso, oltre alla procedura di colposcopia, è allegata una biopsia. In questo caso, un piccolo pezzo di tessuto dal collo viene prelevato e inviato per l'esame istologico.

La colposcopia è uno dei metodi per determinare la patologia della cervice

Terapia di fase 4

Il trattamento del cancro cervicale nella fase finale prevede l'uso di radiazioni o chemioterapia.

Radioterapia

Applicabile a qualsiasi stadio del cancro cervicale. È diviso in due tipi: intracavitario e remoto.

L'indicazione principale per la radioterapia è il cancro dei tessuti intorno alla cervice. La dose massima consentita è diretta al tumore e non influisce sui tessuti sani..

Chemioterapia

I farmaci chemioterapici vengono introdotti nel corpo del paziente attraverso contagocce o sotto forma di compresse. Gemcitabina, citoplastina, topotecan e altri sono particolarmente efficaci..

Spesso vengono applicati in modo completo metodi chimici e di esposizione alle radiazioni. Consentono di alleviare le condizioni del paziente come segue:

  • diminuzione del livello di intossicazione;
  • rallentare il processo di divisione di nuove cellule tumorali;
  • riduzione del dolore o altre manifestazioni della malattia.

Un'ostruzione a tale trattamento può essere l'intolleranza del paziente alle radiazioni o alla chemioterapia. Un corpo femminile indebolito dalla malattia potrebbe semplicemente non essere in grado di far fronte alle radiazioni e ai farmaci. Spesso i pazienti rifiutano il trattamento a causa della sua gravità. Se ciò accade, le condizioni del paziente vengono alleviate con antidolorifici..

La chirurgia in questa fase è irrilevante, poiché la malattia colpisce organi e linfonodi vicini. È impossibile eliminare completamente la malattia, ma esiste la possibilità di rallentarne la crescita, alleviando così le condizioni del paziente.

Prognosi del trattamento

Quando a una donna viene diagnosticato un tumore uterino di 4 ° grado, la prognosi del trattamento sarà sfavorevole indipendentemente dai metodi di trattamento. In tali casi, i medici possono prolungare la vita del paziente solo per diversi mesi, con uno scenario favorevole, per diversi anni. Il principale fattore che determina la prognosi è il grado di prevalenza del processo del cancro nel corpo..

Una malattia pericolosa e insidiosa chiamata cancro ha spesso sintomi comuni ad altri disturbi. Ecco perché i pazienti non suonano immediatamente l'allarme, nemmeno sospettando di avere una diagnosi terribile e perdendo così tempo prezioso. In considerazione di ciò, è necessario sottoporsi sistematicamente a esami e monitorare attentamente eventuali cambiamenti nel corpo. Il cancro nelle prime fasi è curabile, a differenza delle forme avanzate della malattia..

Un punto importante nella lotta contro la malattia è un atteggiamento psicologico positivo. La fiducia nella propria forza e un risultato favorevole possono fare miracoli. Ci sono casi in cui i pazienti sono riusciti a sconfiggere una terribile malattia con la forza di volontà, contrariamente alle previsioni mediche scettiche.

Segni e sintomi di cancro cervicale nelle fasi precoci e tardive

Il cancro cervicale nella sua prevalenza è uno dei luoghi principali in oncologia, sia in generale che in oncologia ginecologica. Secondo le statistiche, tra tutte le malattie oncologiche, le neoplasie maligne di questo tipo occupano il 5 ° posto. Un'incidenza così elevata è allarmante. Pertanto, educare le donne non dovrebbe prestare meno attenzione della prevenzione.

Informazioni dettagliate sulla malattia stessa, il suo sviluppo graduale, segni, sintomi, fattori di rischio e prospettive di recupero aiuteranno nella sua identificazione tempestiva. Di conseguenza, il trattamento avrà più successo (se può essere curato e in quale fase sarà considerato in dettaglio).

È importante che i pazienti comprendano come i sintomi e i segni nelle fasi iniziale e tardiva siano correlati alla percentuale di cura. Le previsioni per la diagnosi precoce sono piuttosto favorevoli. Ciò significa che le informazioni che aiuteranno le donne ad evitare la malattia o a rispondere in tempo a sintomi allarmanti e a consultare un medico in modo tempestivo dovrebbero essere accessibili e affidabili..

Il carcinoma cervicale (carcinoma in situ) è il processo di degenerazione delle normali cellule epiteliali che rivestono la parete uterina in cellule atipiche. Come risultato di cambiamenti strutturali a livello cellulare, inizia un processo patologico, che può rimanere a lungo nello stadio zero (cancro cervicale). È a questo punto che la prognosi è più favorevole: la cura e la sopravvivenza sono al 100%. Se non agisci e non inizi il trattamento, la malattia si sviluppa. La sua classificazione è già secondo il sistema internazionale (da 1 a 4 fasi), tenendo conto della profondità della lesione e del grado di coinvolgimento di altri organi e sistemi nel processo patologico. Tutte le fasi dello sviluppo dei processi patologici saranno descritte in seguito. Quanto più viene trascurato il processo oncologico, tanto peggio può essere trattato, nell'ultima fase è quasi impossibile aiutare i pazienti.

Il cancro cervicale in ginecologia è comune, differisce nel suo decorso e nei sintomi, quindi è isolato in una malattia separata (le informazioni sui tumori maligni del sistema riproduttivo possono essere ottenute da altri articoli, vedere l'articolo "Cancro uterino 1, 2, 3, 4 gradi - quanti vivono" e altro). Considera in dettaglio questa patologia..

statistica

Il carcinoma cervicale è una patologia del cancro abbastanza comune e ben studiata. Nella struttura di tutte le malattie oncologiche, occupa il quinto posto, ma se prendiamo statistiche solo per le specie femminili, questo tipo di oncologia occupa il secondo posto dopo tumori maligni della mammella.

La malattia è considerata "correlata all'età": il gruppo di rischio principale è rappresentato da donne di età compresa tra 35 e 50 anni, le donne di età superiore ai 65 anni rappresentano solo il 20% dei casi e nella fascia di età da 20 a 30 anni, solo il 5 - 6%.

La curabilità nelle fasi iniziali senza ricadute successive è del 100%. Statistiche più allarmanti riguardano il rilevamento della malattia. Una trascuratezza della propria salute e una rara visita a un ginecologo per un esame di routine portano al fatto che gli stadi avanzati di RMS vengono diagnosticati per la prima volta nel 40% dei casi. Ciò conferma ancora una volta l'importanza dei regolari esami ginecologici..

Cause, meccanismi di sviluppo e fattori di rischio

Nonostante il fatto che questa malattia sia abbastanza ben studiata, in medicina non c'è ancora consenso su quali siano le cause del cancro. Grandi progressi nella comprensione dei meccanismi del suo sviluppo sono stati causati da uno studio dettagliato del papillomovirus umano. Il legame tra questo patogeno e il cancro cervicale è stato a lungo notato..

Quando viene rilevato il cancro cervicale, vengono necessariamente eseguiti numerosi test. Gli studi hanno dimostrato che quasi ogni donna trova se non l'HPV stesso (un'infezione virale che causa papillomi umani si trova nel 57% dei pazienti), quindi le sue tracce (in quasi tutti i pazienti). Questo fatto ci ha permesso di associare il cancro al papillomovirus..

Dopo che è apparsa la teoria che l'eziologia potrebbe essere virale, la ricerca in questa direzione è continuata, così come lo studio dell'infezione da papillomavirus umano. Ciò ha permesso di studiare più in dettaglio tutte le cause dell'evento e di analizzare ciò che può causare oncologia..

Quali sono i risultati di questi studi? Al momento, è riconosciuto dalla medicina ufficiale che la causa più comune di cancro è l'infezione da papillomovirus, che può influenzare negativamente le cellule epiteliali. Se consideriamo che la cervice stessa cambia costantemente durante la vita e ha una zona di trasformazione speciale (la giunzione di due tipi di cellule epiteliali), diventa ovvio che questa zona è il luogo più vulnerabile per le infezioni. Il papillomovirus è in grado di influenzare la struttura dell'epitelio, causando il cancro. I risultati di questo processo sono visibili nella foto (le condizioni normali e patologiche dell'organo sono diverse, è chiaramente visibile).

Ma ci sono altri motivi che aumentano il rischio di cancro. Tra questi, fattori che possono provocare altri tipi di tumori maligni. Questi includono:

  • rapporti sessuali precoci ed irregolari;
  • processi erosivi (presenza di erosione vera e falsa);
  • malattie infettive a trasmissione sessuale (soprattutto se si unisce il papillomavirus umano);
  • numerose gravidanze (che terminano con il parto e / o l'aborto);
  • uso prolungato di contraccettivi orali (di per sé, come fattore che influenza lo sfondo ormonale, e in sostituzione di preservativi che proteggono contro le malattie sessualmente trasmissibili e altre malattie infettive);
  • immunità indebolita (ad esempio, con l'HIV);
  • cattive abitudini (il fumo è particolarmente importante);
  • predisposizione ereditaria.

Quindi, da dove viene il cancro cervicale? Per questa patologia, le cause abbastanza ovvie sono caratteristiche. Il papillomovirus viene quasi sempre rilevato nei pazienti (in uno stato attivo o sotto forma di tracce) ed è considerato il principale fattore che influenza lo sviluppo di tumori maligni. Il suo legame con l'oncologia è dimostrato da osservazioni a lungo termine. Altri fattori possono essere considerati aggiuntivi, in grado di indebolire il corpo e provocare il cancro. Gli psicosomatici non sono in questo elenco, non ci sono dati confermati sulla relazione con questa malattia maligna. Pertanto, consideriamo in dettaglio l'eziologia virale.

HPV e cancro

Il virus del papilloma umano è in grado di modificare la struttura dell'epitelio della cervice e del canale cervicale situati nelle vicinanze. Questa non è ancora oncologia, ma qualsiasi cambiamento nella normale struttura e funzionamento della cellula è pericoloso. In questo caso, in risposta al danno alle cellule epiteliali dell'HPV, inizia il processo di rigenerazione, che può portare a un rapido sviluppo anormale dell'epitelio, al suo ispessimento e alla comparsa di malattie precancerose e di fondo.

I ceppi di Papillomovirus 16 e 18 sono particolarmente pericolosi. Con la loro influenza prolungata, inizia il processo di malignità, che si svolge in più fasi:

  • divisione intensiva dell'epitelio in risposta all'azione del virus;
  • il verificarsi di displasia;
  • un'ulteriore divisione incontrollata porta ai primi cambiamenti maligni, ai pazienti viene diagnosticata una pre-malattia - "in situ";
  • ulteriore sviluppo è la presenza di cellule tumorali, la loro diffusione oltre l'epitelio, la penetrazione nel tessuto sottostante (stroma). In caso di germinazione a una profondità inferiore a 3 mm, la diagnosi è "stadio iniziale del carcinoma invasivo";
  • successivamente la malattia progredisce, è allora che compaiono i primi sintomi e stiamo parlando di cancro invasivo.

Questo è l'effetto dell'HPV sulle cellule epiteliali, motivo per cui il virus è considerato il principale fattore di rischio nel meccanismo di sviluppo dell'oncologia. Vale la pena notare che l'HPV ha le sue caratteristiche. Può essere distrutto da un corpo sano senza assumere farmaci e muore entro 1,5 - 2 anni. Questo è un vantaggio nella lotta contro l'HPV come fattore che provoca il cancro. Ma ci sono anche aspetti negativi che rendono il virus pericoloso e "responsabile" dello sviluppo del cancro:

  • è in grado di penetrare nel preservativo, quindi la contraccezione da contatto non è una protezione completa contro le infezioni;
  • asintomatico, che aumenta il rischio di diagnosi tardiva;
  • i processi patologici causati dall'HPV nell'epitelio possono continuare anche dopo la morte dei ceppi, il meccanismo di sviluppo oncologico è stato avviato e non è più direttamente correlato al virus;
  • in presenza di infezioni concomitanti (in particolare HIV), il virus diventa particolarmente pericoloso.

Forme di carcinoma

I tipi di tumore del collo uterino sono abbastanza diversi. A seconda di come si trova il tumore primario e della direzione della sua germinazione, ci sono:

  • oncologia maligna della cervice, che viene rilevata nell'84 - 96% dei casi;
  • adenocarcinoma endometriale uterino (dal 4 al 16%, secondo varie fonti).
  • tipo cheratinizzante: caratterizzato dalla capacità di formare focolai cheratinizzati chiaramente localizzati;
  • non cheratinizzato: la struttura è ovale o sfaccettata, può essere differenziata in alto, medio e basso;

Il processo oncologico con tipo non cheratinizzante può essere caratterizzato come uno stadio di transizione verso il carcinoma cervicale.

L'adenocarcinoma è raro (rispetto al tipo squamoso). La sua struttura è spesso ghiandolare. I tumori si distinguono:

  • endofita (si sviluppa nell'istmo);
  • esofitico (nella parte vaginale dell'organo);
  • misto.

Il cancro cervicale è una specie rara. Sono particolarmente aggressivi e difficili da trattare. allocare:

  • forma neuroendocrina (formata da particelle con lo stesso nome);
  • cella chiara;
  • mucoepidermoid (c'è della mucina nella struttura del tumore).

C'è un'altra gradazione - in base al grado di invasività. Preinvasivo (stadio zero), non invasivo (all'interno della mucosa) e micro-invasivo (di natura superficiale, cresce nei tessuti sottostanti fino a una profondità non superiore a 5 mm).

Tutte queste caratteristiche aiutano a determinare la posizione del tumore nel corpo del paziente. Indicano anche il tipo di cellule coinvolte nel processo patologico e il grado di germinazione del tumore. L'International Stage System è anche usato per la descrizione..

Classificazione

La classificazione internazionale prevede la separazione dell'oncopatologia in base al livello di danno (dimensioni, localizzazione, presenza o assenza di un processo metastatico). Questo elenco non include lo stadio zero (in situ), poiché è considerato uno stato limite. In assenza di trattamento, lo sviluppo dell'oncologia procede alle fasi successive del cancro cervicale. Considera come differiscono tra loro nel grado di distribuzione e sviluppo.

  • Cancro della cervice 1 °: il focus patologico è strettamente localizzato negli strati mucosi dell'epitelio superficiale e ha una chiara localizzazione;
  • Cancro cervicale di 2 ° grado: la distribuzione va oltre l'area genitale, raramente supera i 4 cm di dimensione, a seconda del grado di diffusione: viene introdotta nel parametro;
  • Cancro cervicale di 3 ° grado: il tumore cresce, in base al grado di diffusione, assume un carattere minaccioso, colpisce la vagina, inizia il processo metastatico;
  • Stadio 4 del cancro cervicale: intestino, organi pelvici, vescica sono coinvolti nel processo patologico, vengono rilevate metastasi a distanza.

L'oncologia è in grado di svilupparsi, coinvolgendo anche organi e tessuti distanti (metastasi) nel processo patologico. Più ampia è la lesione, peggio è curabile. Una caratteristica pericolosa del cancro è il decorso asintomatico all'inizio, quando è meglio curabile e ha tutte le possibilità di un recupero del 100%..

All'inizio, a livello dello zero e dei primi stadi di sviluppo, altri tessuti non sono ancora inclusi nel processo patologico (solo l'endometrio è interessato), i pazienti hanno tutte le possibilità di un pieno recupero. Negli stadi 2 e 3, la prognosi peggiora, quest'ultima non è praticamente trattata, la terapia palliativa è prescritta per tali pazienti.

La velocità con cui andrà avanti lo sviluppo del processo patologico dipende da vari fattori. Tra cui, dalle caratteristiche individuali del corpo del paziente, la salute generale, l'immunità, la presenza di cattive abitudini, ecc..

Quanto velocemente si sta sviluppando

Non ci sono statistiche precise su quanto rapidamente si sta sviluppando il processo oncologico. Le osservazioni cliniche forniscono le seguenti informazioni sulla velocità con cui la malattia può progredire:

  • il passaggio dalla pre-malattia all'oncologia può richiedere da due a dieci anni;
  • sviluppo consecutivo dal primo grado con il passaggio a quelli successivi (fasi 2 e 3). Il processo dura circa due anni;
  • successivamente, quando inizia l'ultima fase, il processo può svilupparsi rapidamente o rallentare con l'aiuto della terapia palliativa. La sopravvivenza in questo caso è bassa, il rischio di morire entro cinque anni dalla diagnosi è quasi del 90%.

La capacità di svilupparsi da uno stadio all'altro rende pericolosa l'oncopatologia, soprattutto quando si tratta di specie rare (neuroendocrine, ecc.) Che sono molto aggressive e colpiscono rapidamente altri organi e sistemi..

Diagnostica

I moderni metodi diagnostici possono rilevare il cancro anche all'inizio del processo patologico. Per questo, vengono utilizzate tutte le tecniche disponibili. Questi includono:

  • INDAGINE VISIVA. Il ginecologo può rilevare qualsiasi cambiamento nell'endometrio dopo l'esame. L'aspetto di un tumore della cervice durante un esame visivo dipende dallo stadio del suo sviluppo. Il medico sarà inoltre avvisato di eventuali malattie precancerose o di fondo, della presenza di cambiamenti indicativi di malattie infettive o virali, ecc. Il risultato di un esame visivo sugli specchi e la raccolta di un'anamnesi fornisce al medico un motivo per prescrivere una serie di test in grado di identificare l'oncologia anche a stadio zero.
  • DIAGNOSTICA PREVENTIVA. La diagnosi precoce è facilitata dalla nomina di test che possono determinare una neoplasia sulla cervice all'inizio del suo sviluppo. Riguarda lo screening e la reazione ai marker tumorali. La presenza di un antigene specifico nel sangue (il marker tumorale dà un risultato positivo) consente di determinare sia il tumore primario sia la ricaduta della malattia. Lo screening viene eseguito secondo una tecnica speciale: il test Papanicolaou. Questo striscio può essere prescritto a qualsiasi donna di 21 anni (prima - se sono trascorsi 3 anni dall'inizio della sua vita sessuale) e fino a 70 anni, indipendentemente dal fatto che ci siano o meno cambiamenti patologici visivamente visibili. Il test del cancro cervicale rivela displasia e cellule atipiche. Il risultato di questi esami (preferibilmente regolari) consente di determinare le condizioni della cervice e fornisce una base per un'ulteriore diagnosi più approfondita in caso di patologia.
  • METODI DI LABORATORIO. Sono prescritti numerosi esami del sangue (generale, biochimica), urine, sono necessari esami per rilevare malattie virali (HPV, ecc.), Infettive e sessualmente trasmissibili (HIV, ecc.).
  • Coloscopy. Il metodo di ispezione visiva utilizzando un dispositivo speciale, che, in realtà, è un microscopio vaginale. Un aumento multiplo dell'area esaminata consente di determinare lo stato degli organi, i risultati dell'esame colposcopico consentono di diagnosticare con precisione un tumore della cervice (stadio, localizzazione, grado di diffusione, ecc.).
  • CITOLOGIA E ISTOLOGIA. Se si sospetta il cancro, viene eseguito il campionamento del materiale, seguito da un esame. Tamponi, raschiature e biopsie aiutano a identificare i cambiamenti a livello cellulare e a diagnosticare con precisione.
  • ultrasuono È possibile vedere una formazione maligna della cervice a seguito di ultrasuoni? Sì, se non si tratta dell'iniziale, ma delle fasi successive della malattia. Piccoli cambiamenti nella struttura della cervice della risposta ECHO dell'utero praticamente non cambiano, quindi, se necessario, viene utilizzato il metodo di superficie dell'esame dell'hardware per chiarire il quadro clinico del processo oncologico già sviluppato. In questi casi si può vedere il cancro su un'ecografia? Sì, ma non si tratta del tumore stesso, ma di un cambiamento nei linfonodi. Per i dettagli nelle fasi iniziali, è meglio utilizzare un dispositivo con un sensore transvaginale. L'esame transvaginale con ultrasuoni mostra un'immagine abbastanza accurata, specialmente se integrata con dopplerografia.
  • RM e TC. Entrambi i metodi (risonanza magnetica e tomografia computerizzata) consentono di visualizzare il quadro clinico in modo abbastanza accurato e registrano non solo la patologia della cervice, ma anche il cambiamento patologico nei linfonodi, che è importante per determinare il volume e l'estensione del processo oncologico.

Per comprendere il quadro clinico completo nelle fasi successive (come le cellule rigenerate si diffondono in tutto il corpo), vengono inoltre prescritte radiografie del torace, cisti e rettoscopia, urografia escretoria, scintigrafia ossea e linfografia. Tutti questi metodi sono in grado di determinare l'estensione della distribuzione oncologica nel corpo del paziente. Ma non vengono utilizzati per il rilevamento precoce..

Come si manifesta

I sintomi e i segni del cancro cervicale dipendono direttamente dal grado di sviluppo della malattia. Come ogni oncologia, la malattia in diverse fasi ha le sue caratteristiche del corso. Questo è il primo pericolo:

  • i sintomi del cancro vengono rilevati dopo che il processo oncologico ha iniziato a svilupparsi attivamente e colpisce prima i tessuti e gli organi vicini e poi distanti;
  • all'inizio della malattia, il decorso è asintomatico e letargico, il che provoca le ragazze a ignorare le visite preventive dal ginecologo.

Quali sintomi dovrebbero allertare? Prima di tutto, qualsiasi violazione del ciclo, comparsa di secrezione e sanguinamento, non associata a mestruazioni, dolore (contatto durante il rapporto e indipendente). Questi segni, tutti insieme o separatamente, possono parlare di diversi problemi ginecologici, forse nemmeno legati all'oncologia. I sintomi di un tumore nelle donne possono coincidere con i sintomi di malattie precancerose e di fondo, eventuali infezioni a trasmissione sessuale, essere un segno di altri problemi ginecologici. Solo una visita da uno specialista e un esame in tali casi aiuteranno a determinare quale tipo di malattia è coinvolta e fare la diagnosi corretta. Per la diagnosi precoce, gli esami preventivi sono importanti quando il paziente non sente ancora alcun segno speciale.

Nelle prime fasi

Molto spesso, il cancro cervicale potrebbe non apparire nelle prime fasi, specialmente quando si tratta di patologia a livello in situ. L'ispezione visiva su specchi e test preventivi standard aiutano a rilevare la malattia durante questo periodo..

I primi sintomi nelle donne possono indicare l'attivazione del processo oncologico, il suo passaggio dallo stadio iniziale a forme più gravi di patologia. E quando compaiono, dovresti contattare immediatamente un ginecologo. Il motivo potrebbe essere:

  • scarico: sono rosa o marroni, con una miscela di sangue, con un forte odore putrefattivo sgradevole. Qualsiasi daub fuori dalle mestruazioni o nei primi / ultimi giorni con un'estensione del ciclo dovrebbe avvisare. Il sangue durante la postmenopausa può anche indicare processi patologici;
  • il dolore in quanto i sintomi possono essere associati alla crescita della neoplasia (ad esempio, durante i rapporti causati dalla pressione su un tumore in crescita) o con i caratteristici processi infiammatori. La colite e la cervicite, manifestate come malattie concomitanti, possono accompagnare il cancro uterino;
  • qualsiasi cambiamento nel ciclo: allungamento o accorciamento, sanguinamento al di fuori del ciclo o con la menopausa, la comparsa di dolore durante le mestruazioni può indicare lo sviluppo di un processo patologico.

Eventuali modifiche richiedono una consulenza specialistica. Non dovresti ignorare i sintomi allarmanti o provare a iniziare il trattamento sintomatico da solo (in che modo il cancro viene trattato in questa fase, considereremo più avanti).

Nelle fasi successive dello sviluppo

Con l'ulteriore sviluppo del processo patologico, i sintomi del cancro cervicale diventano più pronunciati. Tutti i suddetti sintomi rimangono, si intensificano o si combinano tra loro. Riconoscere una malattia progressiva aiuterà la comparsa di:

  • scarico acquoso (formato a causa della decomposizione nei linfonodi vicini);
  • dolore nell'addome inferiore, nella regione del retto e nella colonna vertebrale;
  • grave gonfiore delle estremità (si verifica un blocco vascolare dovuto alla comparsa di metastasi);
  • problemi con la minzione;
  • linfonodi ingrossati.

Un ulteriore aumento dei sintomi è caratteristico delle fasi successive con un processo metastatico comune.

Metastasi

Le metastasi compaiono nelle fasi 3-4, possono influenzare i linfonodi vicini e distanti, il che contribuisce all'ulteriore diffusione delle cellule atipiche e all'emergere di nuovi focolai patologici.

Durante questo periodo, compaiono sintomi specifici e caratteristici di molte malattie oncologiche:

  • perdita di forza, anemia, improvvisa perdita di peso, febbre, riduzione dell'appetito;
  • il processo di metastasi provoca perdite di urina e / o feci nella vagina. Ciò è dovuto alla germinazione del tumore nella vescica e / o nel retto, a seguito della perforazione, l'urina e le feci entrano nella vagina;
  • i problemi associati alla minzione si intensificano, inizia la costipazione, il sangue appare nelle urine e nelle feci;
  • il dolore si intensifica, possono essere localizzati nell'addome (l'educazione si estende al tratto riproduttivo, urogenitale e gastrointestinale) e si verificano in luoghi non associati al tumore primario (metastasi diffuse in tutto il corpo).

Negli ultimi stadi, quando il tumore primario è accompagnato da un processo metastatico, è facile diagnosticare l'oncologia, ma è quasi impossibile curare.

Quanti vivono con il cancro cervicale in diverse fasi

Quanti pazienti vivono con una diagnosi? Con questo tipo di tumore, in media circa il 55% dei pazienti sopravvive. Queste sono statistiche generali che non tengono conto della dimensione del tumore, della prevalenza dell'oncologia nel corpo in presenza di un processo metastatico, dell'efficacia del trattamento, ecc..

Questi numeri indicano la sopravvivenza globale, senza considerare che il cancro al collo uterino risponde bene al trattamento all'inizio. Quindi il risultato è il più favorevole, la morte per oncologia in tali casi non è praticamente fissa. Pertanto, le statistiche generali vengono utilizzate solo per rispondere alla domanda di sopravvivenza globale. Non è in alcun modo legato alle fasi di sviluppo dell'oncopatologia..

Come sapere esattamente se muoiono di cancro cervicale? La prognosi per l'oncologia sarà più accurata se consideriamo separatamente tutte le fasi dello sviluppo della patologia. Quindi sarà chiaro se è possibile morire di patologia oncologica se viene rilevato all'inizio (zero o primo stadio, il tumore è piccolo e localizzato), o quanto sia mortale la malattia quando è tardi, quando il cancro si diffonde in tutto il corpo, non è possibile eseguire l'operazione e la malattia lanciato male.

Pertanto, forniamo dati su quante persone vivono quando la malattia si trova in diverse fasi di sviluppo. Tale previsione è più accurata:

  • zero (carcinoma CMM in situ): se trattato, è possibile non solo evitare la ricaduta nel 100% dei casi, ma anche prevenire lo sviluppo dell'oncopatologia in generale;
  • Fase 1: individuazione tempestiva e trattamento adeguato per evitare l'ulteriore sviluppo della malattia, le ricadute in questo caso non si verificano quasi mai, l'efficacia è fino al 98%;
  • Fase 2: di solito richiede un intervento chirurgico, quindi una prognosi quinquennale di una cura completa è favorevole, secondo varie fonti dal 65 al 75%;
  • Fase 3: il risultato dipende dal volume della lesione, la previsione è difficile, poiché compaiono le metastasi, non più del 30 - 35% dei pazienti è guarito;
  • Fase 4: quanti pazienti vivono, dipende dalle possibilità della terapia palliativa, spesso muoiono, il tasso di sopravvivenza non è superiore al 10%.

Dai dati di cui sopra possiamo concludere: il criterio principale è il momento del rilevamento del tumore. Un fattore importante che dovrebbe essere preso in considerazione quando si effettua una prognosi è la tattica di gestione del paziente e l'efficacia delle tecniche terapeutiche e / o chirurgiche applicate. Dopo l'intervento chirurgico, quando viene rimosso un tumore localizzato (secondo stadio), la prognosi è più favorevole rispetto al cancro di 3 cucchiai. Se viene rilevato il grado 4 con metastasi e la terapia palliativa aiuta la persona a vivere (il quarto stadio è generalmente inutilizzabile), naturalmente, la mortalità è diverse volte superiore rispetto alla diagnosi precoce.

Metodi di trattamento

Il trattamento del cancro cervicale è direttamente correlato al periodo della malattia. In diverse fasi, vengono utilizzati uno o più metodi (come indicato).

La chirurgia è considerata il modo principale e più efficace. La rimozione del tumore stesso, parte dell'organo interessato (conizzazione della cervice), l'intero organo e linfonodi vicini, appendici, il terzo superiore della vagina (operazione di Wertheim) e altre tecniche sono attivamente utilizzate nella moderna pratica chirurgica.

La chirurgia può essere eseguita:

  • metodo strumentale;
  • laser;
  • ipertermica;
  • ultrasonico;
  • metodo di criodistruzione.

La scelta delle tattiche per l'intervento chirurgico dipende dal quadro clinico.

Il trattamento con metodi terapeutici è raramente utilizzato come principale e unico. Molto spesso, è necessario un intervento chirurgico.

Chemioterapia. Questo metodo non è molto efficace per le lesioni della cervice, è spesso usato in combinazione con chirurgia e / o radioterapia. Ma in alcuni casi, la chemioterapia endovenosa può essere un metodo indipendente e dare risultati positivi;

Radioterapia. L'uso a distanza o in cavità della radioterapia consente di distruggere completamente un focus patologico localizzato. L'irradiazione può essere un metodo indipendente, utilizzato insieme alla chirurgia o utilizzato per distruggere parzialmente le cellule atipiche nelle fasi successive per ridurre la patologia e migliorare la qualità della vita.

La dieta non è considerata un metodo di trattamento indipendente, ma può aiutare a far fronte alla malattia. I principi di base su cui si basa l'alimentazione nel cancro sono volti a ridurre la quantità di grassi animali. Si raccomanda di ridurre al minimo le carni magre e di sostituirle con pesce e frutti di mare. Durante il trattamento termico, è meglio cucinare o cuocere cibi senza cibi grassi, fritti, grassi e piccanti è meglio non mangiare.

L'arricchimento della dieta con vitamine è il benvenuto. Le verdure (carote, barbabietole, cavoli, pomodori, cipolle, aglio, peperoncino) sono particolarmente raccomandate. Assicurati di mangiare latte acido, erbe, legumi, noci, curcuma, bere tè verde. Dovrebbero essere esclusi cioccolato, bevande gassate e alcoliche, confetteria, sottaceti e marinate. Il cibo dovrebbe essere frazionario (4-5 volte) e regolare.

I rimedi popolari sono spesso usati anche in combinazione con il trattamento tradizionale. Se la patologia viene rilevata in qualsiasi fase, la fitoterapia può essere aggiunta ai metodi tradizionali. Esistono diverse ricette popolari che ti aiuteranno a far fronte alla patologia:

  • Cicuta. La tintura di alcol può essere preparata in modo indipendente o acquistata in farmacia, presa rigorosamente secondo lo schema, poiché la pianta è velenosa.
  • Celidonia. È usato sia per uso interno (anche rigorosamente secondo lo schema, celidonia è velenoso) o per irrigazione;
  • Propoli. Di solito usato in forma pura;
  • Bibita. Si consiglia di bere una soluzione di soda ogni giorno a stomaco vuoto (1. cucchiaino per bicchiere d'acqua);
  • Chaga. La tintura viene assunta per via orale in mezzo bicchiere;
  • Succhi di barbabietola e cavolo. Utilizzare in quantità illimitate, soprattutto dopo la radioterapia;
  • Baffi d'oro. I tamponi sono impregnati di olio di questa pianta..

Il cancro CMM può anche essere trattato con altre erbe (velluto Amur, crespino, agarico di mosca, ecc.). Ma allo stesso tempo, va ricordato che l'automedicazione senza consultare uno specialista può essere semplicemente pericolosa. Quando si utilizzano metodi aggiuntivi anziché quelli principali, è possibile perdere il periodo favorevole per una cura completa. Metodi non convenzionali possono essere aggiunti alla tattica generale previa consultazione con il medico curante..

Trattamento specifico per palcoscenico

Il volume del danno alla cervice e all'intero corpo in oncologia dipende dallo stadio di sviluppo. La tattica di gestione del paziente è determinata in base all'ambito della patologia. Dopo la diagnosi, viene elaborato un piano di misure terapeutiche, mentre il metodo principale è considerato chirurgico. Il suo utilizzo può migliorare significativamente la previsione. Anche il trattamento del tumore allo stadio 1 e durante il periodo "in situ" viene spesso eseguito con un intervento chirurgico.

Nella medicina moderna, il metodo di chirurgia corrisponde al volume della patologia. Esistono raccomandazioni standard per diverse fasi:

  • Tumore non invasivo. Con questa diagnosi, la chirurgia viene eseguita con la preservazione della funzione fertile. Metodi consigliati: conizzazione o trachelectomia;
  • IA: le tattiche dell'intervento chirurgico dipendono dall'età del paziente, si raccomanda agli anziani la completa rimozione dell'utero e delle appendici, fino alla menopausa le appendici rimangono, se possibile, per mantenere la funzione ormonale. La conizzazione cervicale viene selezionata se è necessario preservare la funzione riproduttiva;
  • IB-IIA: l'estrusione o la radioterapia intensiva sono possibili se il tumore non supera i 6 cm, con un volume maggiore di patologia e adenocarcinoma, entrambi i metodi si combinano;
  • IB-IVA: l'intervento chirurgico non è raccomandato, ma se per qualche ragione viene scelto questo metodo, gli organi genitali e i linfonodi vicini vengono completamente rimossi. Tipicamente, la gestione dei pazienti con un tale volume di patologia è graduale. Innanzitutto vengono prescritti la chemioterapia, la brachiterapia e le radiazioni remote. Quindi viene prescritta l'operazione di Wertheim e quindi viene nuovamente utilizzato il metodo di irradiazione;
  • IVB: metastasi a distanza rendono inefficaci tutti gli interventi chirurgici, più spesso viene scelto il metodo di radiazione. La prognosi è scarsa, il miglioramento della qualità della vita è basso, il tasso di sopravvivenza con il trattamento attivo non è superiore al 50%;
  • IIB-IVB: se la prevalenza dell'oncologia è elevata e continua a progredire, la chirurgia diventa insignificante. Negli ultimi stadi, la radioterapia è combinata con la chemioterapia, ma l'aspettativa di vita della maggior parte dei pazienti in tali casi non è eccezionale (non più di un anno).

Qual è il pericolo

Le conseguenze del cancro cervicale sono anche direttamente correlate al periodo di rilevazione, al grado di diffusione e alla quantità totale di patologia. Il pericolo in diverse fasi è diverso. Ad esempio, all'inizio del processo, il rischio maggiore è un decorso asintomatico e, se ci sono sintomi, i rischi aumentano in proporzione alla progressione dell'oncologia..

Nelle fasi iniziali, specialmente a zero, la rilevazione tempestiva e un trattamento adeguato riducono al minimo il rischio di ulteriore sviluppo e recidiva. Pre-malattia rilevata: il periodo "in situ" consente di prevenire del tutto un processo tumorale maligno.

In futuro, le conseguenze dipenderanno dallo stadio e dalle tattiche del trattamento:

  • all'inizio è possibile interrompere lo sviluppo della malattia, prevenire le ricadute e persino mantenere la fertilità;
  • le conseguenze di un successivo rilevamento sono particolarmente negative per le donne che non hanno partorito donne in età riproduttiva: se non è possibile un intervento chirurgico di conservazione degli organi, non riusciranno a dare alla luce un bambino. Inoltre, peggiorano le prospettive per un risultato favorevole, diminuisce la percentuale di cura completa per i pazienti e aumenta il rischio di ricaduta;
  • il più grande pericolo: un esito fatale è molto probabilmente dovuto alla diagnosi tardiva. Un tumore inoperabile con un processo metastatico attivo lascia poche possibilità di sopravvivenza.

Ecco perché il comportamento delle donne e il loro approccio responsabile alla propria salute sono importanti. L'oncologia della cervice è molto più facile da prevenire che da trattare. L'eliminazione dei fattori di rischio e una visita tempestiva dal ginecologo sono misure abbastanza sufficienti per evitare l'oncopatologia.

Cancro cervicale e gravidanza

La relazione del cancro cervicale con la capacità di avere figli in futuro:

  1. La gravidanza dopo oncologia cervicale è possibile solo se durante il trattamento è stata preservata la funzione fertile. In tali casi, dopo il recupero, è necessario evitare il concepimento per almeno due anni, controllare regolarmente con un ginecologo per assicurarsi che non vi siano recidive. Il corpo del paziente viene di solito completamente ripristinato, il concepimento avviene più spesso in modo naturale, ma è a rischio. Un cambiamento naturale nel background ormonale di una donna incinta può provocare una nuova fase nello sviluppo dell'oncologia. Inoltre, il rischio di aborto spontaneo (aborto spontaneo) aumenta e rimane fino al parto. Il parto naturale è proibito; alla fine del periodo viene prescritto un taglio cesareo. Un ulteriore rischio sarà rappresentato da una maggiore percentuale di mortalità perinatale nei bambini nati da una madre che ha avuto RMS.
  2. Posso rimanere incinta con il cancro alla CMM? Sì, esiste una tale possibilità. Ci sono casi in cui l'oncologia è stata rilevata dopo il concepimento. Ulteriori azioni dipendono dalle caratteristiche del processo oncologico:
  • stadio zero: nel 1 ° trimestre - si raccomanda l'interruzione della gravidanza e la conizzazione. Nel 2 ° e 3 ° trimestre - la gravidanza viene abbandonata, la donna è sotto costante controllo, con l'attivazione del processo oncologico, il problema viene risolto secondo il quadro clinico. Se la gravidanza e il parto hanno avuto successo, 3 mesi dopo la nascita del bambino, viene eseguita la conizzazione;
  • Fase 1: la decisione viene presa sulla base del quadro clinico, è possibile portare il bambino con ulteriore trattamento secondo lo schema standard e interrompere immediatamente la gravidanza con la rimozione degli organi riproduttivi;
  • Fase 2: l'aborto è inevitabile, un aborto viene eseguito nel primo e nel secondo trimestre e un taglio cesareo nel terzo. Trattamento dopo l'intervento chirurgico - secondo lo schema corrispondente al quadro clinico;
  • 3 e 4 fasi: non ci sono praticamente casi di gravidanza in questa fase dello sviluppo dell'oncologia, le tattiche sono simili al caso precedente.

Influenza sulla vita successiva

Qual è la vita dopo il cancro cervicale? In questa materia, ancora una volta, non si può fare a meno di menzionare l'importanza del momento della rilevazione e l'estensione della patologia. La condizione di precancer (fase 0) consente al paziente di essere completamente guarito, l'osservazione di follow-up è obbligatoria per i prossimi 5 anni, sebbene non vi sia praticamente alcun rischio di recidiva. Prendersi cura della propria salute e delle misure preventive, nonché un monitoraggio costante (visitare un ginecologo, superare i test) è obbligatorio.

Correzione dello stile di vita consigliata, rifiuto di cattive abitudini, dieta equilibrata, assenza di relazioni sessuali casuali. Ciò è utile non solo per i pazienti sottoposti a RMS nella fase iniziale e successiva, ma anche per tutte le donne.

Un trattamento di successo (con o senza funzione riproduttiva) ci consentirà di vivere una vita quasi a pieno titolo in futuro. Ma le possibilità di una cura completa si riducono con il rilevamento tardivo dell'oncologia cervicale. E nelle fasi successive, non stiamo più parlando di cura, viene eseguito un trattamento palliativo, la qualità della vita, così come la sua durata, dipende dall'ulteriore decorso della malattia.

Se il volume dell'operazione era grande e una parte della vagina veniva rimossa insieme agli organi genitali, un'altra conseguenza sarà una completa mancanza di attività sessuale. Colpisce anche la qualità della vita, soprattutto tra le ragazze e le donne. I cambiamenti nel background ormonale dopo la completa rimozione dell'utero e delle ovaie possono anche influenzare negativamente le condizioni generali e il benessere delle donne dopo la RMS.

Le misure preventive mirano a ridurre il rischio di ricaduta. Possono essere innescati da vari fattori. Pertanto, è necessario prestare maggiore attenzione alla propria salute ed è necessario un regolare esame da parte di un ginecologo anche dopo la rimozione dal dispensario. Con una remissione completa dei farmaci, non sono prescritti, ma si consiglia di aderire a una dieta con un alto contenuto di frutta e verdura.

Recensioni

Antonina, 36 anni.

Voglio dire grazie al mio ginecologo. I suoi costanti ricordi della necessità di venire a trovarmi ogni sei mesi mi hanno salvato. Sono andato a trovarla di nuovo, ho pensato, come al solito, di esaminare rapidamente e sono libero. Ma mi ha mandato in laboratorio, qualcosa che non le piaceva. A seguito di test e ultrasuoni transvaginali, le è stato diagnosticato un cancro cervicale. Sono terrorizzata e lei è contenta. Quindi si rese conto solo che avevo il cancro cervicale all'inizio, ed era felice di essere stata in grado di rilevarlo in tempo prima che fosse troppo tardi. Ora mi sono calmato e mi sto preparando per l'operazione. Le previsioni più favorevoli.

Maria Semenovna, dottore - ginecologa.

Mi imbatto costantemente in recensioni sui miracoli della guarigione con integratori alimentari. Cari donne, voglio dire sulla base dei miei 25 anni di esperienza: ho bisogno di un intervento chirurgico per RMS, se vi sono consigliati metodi alternativi, allora siete in ritardo e la diagnosi è stata fatta nelle fasi avanzate. Quindi viene collegata qualsiasi terapia, iniziando con la chimica, finendo con mezzi non convenzionali. Se l'integratore alimentare ti ha aiutato e il tumore è diminuito, corri dai chirurghi, lascialo rimuovere immediatamente. Considero le recensioni di una cura completa senza intervento chirurgico semplicemente come pubblicità, inoltre, in malafede.

Mi è stato diagnosticato un tumore maligno della cervice in 2 fasi. Ho deciso di eseguire l'operazione in una clinica privata. Tutto è andato bene, medici attenti, personale premuroso. Sono passati 2 anni, nessuna ricaduta.

Ho scoperto il cancro cervicale nella fase iniziale. Il mio ginecologo ha detto che questa è una rarità che si trova di solito nelle donne molto più grandi di me. Ma sono stato "fortunato". Insistette per l'operazione, ma temevo, mi chiese alcune pillole, e fu persino d'accordo sulla chimica. È bello che mi abbia convinto. Sei mesi dopo, un altro esame ha dimostrato che l'oncologia non è tornata. Mi sento bene. Penso che tra un paio d'anni partorirà un secondo figlio, disse il ginecologo, è possibile.