Grado 3 del cancro al seno

Sarcoma

Ciao cari lettori. Oggi il nostro argomento è triste e deprimente: carcinoma mammario di 3 ° grado, aspettativa di vita con questa malattia e prospettive. Cancro al seno o cancro del tessuto ghiandolare del seno, la patologia più studiata, spaventosa e spesso riscontrata del busto della sua classe. La pertinenza dell'argomento è fuori dubbio. Se hai il seno, devi sapere come salvarlo e quando non è facile..

Cancro al seno in stadio III

Il cancro del tessuto ghiandolare del seno è un tumore, maligno, piuttosto aggressivo, che porta alla morte del paziente. Sono note circa 30 forme di carcinoma mammario (carcinoma mammario). Le forme nodulari della malattia sono comuni: tumori multicentrici e multicentrici e forme diffuse, incluso il cancro simile alla mastite. Il carcinoma duttale infiltrante (carcinoma infiltrante) è considerato "popolare". Le forme rare di patologia includono:

  • Malattia di Paget;
  • Cancro al seno negli uomini;
  • attinica;
  • malattia papillare invasiva.

Nelle fasi successive, la malattia descritta è caratterizzata da metastasi. Le cellule tumorali con corrente linfatica penetrano nei linfonodi regionali, con sangue diffuso anche ad organi distanti. Trattamento: pronto con il supporto della chemioterapia o trattamento con la tecnologia delle radiazioni. Vengono anche utilizzati terapia e ormoni mirati (con forme di malattia ormono-dipendenti).

Il terzo stadio della malattia ha due categorie "a" e "b". Con la categoria "a", la neoplasia raggiunge un diametro di 5 cm e lo supera. All'esame, vengono espressi segni di cancro della pelle:

  • "Buccia d'arancia;
  • sintomi di Koenig, Pribram, Payra e piattaforme;
  • gonfiore dei tessuti;
  • retrazione del capezzolo;
  • avvistamento dal capezzolo;
  • forse una manifestazione di un sintomo di umblicazione (la pelle viene attirata sopra la formazione);
  • ulcerazione (a volte).

Le metastasi nei linfonodi regionali sono assenti. Per il carcinoma mammario-III la categoria "b" è metastasi caratteristiche della zona ascellare con la sconfitta dei linfonodi. A volte focolai isolati si trovano nei nodi sopraclaveari o succlavia.

Alcune fonti distinguono anche lo stadio III "c", quando aumenta il rischio di metastasi negli organi interni: fegato e polmoni.

Trattamento e prospettive

L'oncologia comporta la rimozione obbligatoria di un tumore o della ghiandola mammaria nel suo complesso (per decisione del medico). Misure obbligatorie e conservative. Quando si diagnostica il carcinoma mammario, si raccomanda una dieta a vita..

Programma dietetico raccomandato per l'alimentazione:

  • con l'eccezione obbligatoria dei prodotti contenenti zucchero;
  • chimicamente parsimonioso, con il rifiuto o la riduzione della dieta di sottaceti e marinate, carni affumicate, fritti fino a piatti dorati;
  • piccolo e frazionario fino a 5-6 volte al giorno;
  • con una grave limitazione dell'assunzione di grassi nel sistema digestivo (massimo 35%), è meglio abbandonare completamente la carne rossa;
  • verdure e cereali nella dieta sono i benvenuti.

Inoltre, per prolungare la durata della vita, si raccomanda di abbandonare le cattive abitudini e riportare il corpo alla normalità con l'obesità..

I termini di vita in una neoplasia maligna sono il concetto relativo. Il medicinale opera con periodi di sopravvivenza di 3, 5, 10 anni per i pazienti con carcinoma mammario.

La sopravvivenza a dieci anni dipende direttamente dalla categoria del processo nel carcinoma in stadio III:

  • con la categoria "a", sopravvive il 65-75% dei pazienti trattati;
  • con la categoria "b" - la percentuale è ridotta al 10-40%;
  • con la categoria "c" - rimane a un livello basso del 10-15%.

La prognosi in questa fase della malattia è significativamente peggiore rispetto alle due precedenti. Al raggiungimento del terzo stadio, la metastasi inizia molto rapidamente. E il cancro sotto forma di microcentri cattura anche gli organi digestivi e il cuore. Con il passaggio del tumore a questo stadio, la metastasi viene diagnosticata dopo 8 mesi. Nelle fasi iniziali del carcinoma mammario è perfettamente trattato, la prognosi è relativamente favorevole. Non puoi dirlo allo stadio III, l'aspettativa di vita è ridotta anche dopo un trattamento produttivo.

Tuttavia, è necessario essere trattati, sono necessarie visite regolari dall'oncologo. Ricorda che il tumore si ripresenta e metastatizza di solito nei primi 3-5 anni dopo l'intervento, quindi il rischio diminuisce.

Su questo vi salutiamo, non perdete d'animo, ricordate che il problema deve essere risolto, non importa quanto complesso possa essere. Visita di nuovo il nostro sito e invita gli amici attraverso i social network.

Cancro al seno di grado 3: caratteristiche di patologia grave

Circa 1 milione di casi di carcinoma mammario sono segnalati ogni anno nel mondo. Questo è il tipo più comune di oncologia: colpisce ogni terza donna. Nel 25-30% dei casi il carcinoma mammario di grado 3 viene rilevato nelle donne dopo 50 anni. Gli oncologi considerano questo stadio come uno dei più gravi. Si verifica nel 10% delle donne malate e riduce significativamente l'aspettativa di vita.

Come si manifesta il carcinoma mammario di grado 3

Il carcinoma mammario di 3 ° grado (carcinoma mammario localmente avanzato, carcinoma) è un tumore del tessuto mammario in cui le cellule tumorali dei linfonodi ascellari possono essere colpite.

Puoi prolungare la vita di una donna con carcinoma mammario per un massimo di 10 anni, che dipende dallo stadio e dalla forma del processo oncologico

Il terzo grado di cancro ha manifestazioni sistemiche. Oltre alla presenza di una formazione simile a un tumore nel torace e nei linfonodi saldati insieme nella regione ascellare, saranno presenti cambiamenti nella forma del seno e del colore della pelle. Un sangue limpido o striato può sembrare scaricare dal capezzolo..

Video: cosa devi sapere sul cancro al seno

Carcinoma mammario di terzo grado: sottostadi

Il substage 3A è pericoloso perché il tumore più piccolo può metastatizzare

Questo tipo di cancro è diviso in tre fasi secondarie:

  1. 3A - una combinazione di un tumore al seno di qualsiasi dimensione e linfonodi interessati delle ascelle che sono uniti l'uno con l'altro e con i tessuti circostanti.
  2. 3B: la neoplasia può avere dimensioni diverse, germinare nel tessuto mammario o nella pelle, possono verificarsi focolai nei linfonodi. Ciò include il cosiddetto cancro infiammatorio, che si manifesta con edema, arrossamento o persino suppurazione della pelle della ghiandola. È raro, ma differisce per malignità e rapida progressione. La superficie della pelle sopra la ghiandola interessata può presentare ritiri da piegare. Il sintomo di "scorza di limone" caratterizza l'edema. Se il tumore è cresciuto nella pelle, quest'ultimo avrà un colore rosso vivo e crescerà sotto forma di "cavolfiore".
  3. 3C - il tumore può anche avere dimensioni variabili, ma ci sono metastasi nei linfonodi del torace, delle ascelle, del collo, della regione sopra e della succlavia.

Il substage 3B è pericoloso per la germinazione dei tessuti, le metastasi in altri organi e l'infiammazione del seno

Varietà di tumore maligno nella foto

Gruppi patologici

Si distinguono i seguenti tipi di carcinoma mammario:

  1. Carcinoma non invasivo (carcinoma in situ, tradotto - carcinoma in situ, carcinoma non invasivo). Include tumore intraduttale e lobulare. A differenza del cancro invasivo, non penetra nel tessuto circostante, ma cresce all'interno della copertura epiteliale. Si verifica nel 20–40% dei casi.
  2. Cancro invasivo (infiltrativo): cresce in profondità nei tessuti e fornisce metastasi. Ha diverse forme:
    • lobulare;
    • duttale;
    • tubolare;
    • midollare;
    • membrane mucose;
    • apocrine.
  3. I moduli non specifici includono:
    • Il cancro di Paget;
    • infiammatorio
    • tre volte negativo;
    • atipico-midollare;
    • papillare.

Forma non invasiva

Il cancro non invasivo ha due tipi:

  • duttale: si forma all'interno del dotto lattiginoso e non va oltre. Non rappresenta un pericolo per la vita di una donna, ma richiede sicuramente un trattamento (intervento chirurgico con radiazioni). Il cancro nel dotto può essere rilevato dalla mammografia;
  • lobulare - di conseguenza si forma all'interno di un lobulo e raramente colpisce un gran numero di essi. Molte donne con carcinoma lobulare non sono consapevoli della malattia, perché il suo decorso è asintomatico. Con l'aiuto della mammografia, la patologia è anche difficile da rilevare, poiché non ci sono calcificazioni nella ghiandola mammaria con questa forma di cancro. Questo tipo di emergenza non richiede un trattamento urgente.

Forma invasiva (infiltrativa)

Il carcinoma duttale invasivo è il tipo più pericoloso di carcinoma. Le cellule tumorali formate nel dotto lattiginoso si diffondono con il flusso di linfa e sangue alla paralosa. Il capezzolo è deformato, da esso appaiono varie perdite..

Il carcinoma lobulare invasivo è difficile da diagnosticare. È formato da lobuli e cellule si infiltrano nel tessuto circostante senza formare nodi o "coni". Non ci sono secrezioni da questo tumore al capezzolo. Entrambi i seni sono spesso colpiti..

Forma non specificata

Il carcinoma mammario non specifico è caratterizzato da un decorso aggressivo ed è difficile da trattare. Esistono diversi tipi di questa forma di tumore:

  • cancro tre volte negativo. Ha questo nome perché le cellule non hanno recettori per estrogeni (ER), progesterone (PR) ed herceptin (her2neu). A causa della loro assenza, la lotta contro questo tipo di cancro è molto difficile. Inoltre, questa forma di malattia ha una scarsa e instabile sensibilità ai farmaci;
  • cancro midollare atipico. Secondo l'istologia, si tratta di un tumore molle che ricorda una sostanza cerebrale, quindi questo tipo di patologia è anche chiamato a forma di cervello. È caratterizzato da una rapida crescita e da un'elevata capacità di metastatizzazione;
  • carcinoma papillare (papillare). Una scoperta rara, solo l'1-2% dei casi, più spesso nelle donne di età compresa tra 60 e 70 anni. Si trova intorno al capezzolo, causando lo scarico da esso. La tendenza all'invasione è elevata, ma raramente fornisce metastasi;
  • Il cancro di Paget. È anche relativamente raro. Questo è un tumore del capezzolo, nelle manifestazioni cliniche ricorda l'eczema. Nel 95% dei casi con questa malattia, una donna ha già un tumore.

Fattori di rischio

Le cause esatte del cancro non sono state ancora stabilite. Gli scienziati hanno identificato solo i fattori di rischio per lo sviluppo di questa patologia:

  • età. Più la donna è anziana, maggiore è il rischio di ammalarsi. È necessario essere esaminati più spesso dall'età di 35 anni;
  • eredità. Il carcinoma mammario o ovarico viene rilevato nei parenti di sangue o si ripete in diverse generazioni (il cosiddetto tumore familiare);
  • qualsiasi mastopatia;
  • inizio precoce o tardivo delle mestruazioni (prima degli 11 e dopo i 15 anni);
  • nascita tardiva o mancanza di ciò;
  • fibromi uterini, specialmente in combinazione con endometriosi;
  • terapia sostitutiva con farmaci contenenti estrogeni durante la menopausa;
  • ipotiroidismo (ad esempio, sullo sfondo della rimozione della ghiandola tiroidea);
  • diabete di tipo 2;
  • obesità;
  • abuso di alcool
  • radiazione;
  • mancanza di vita sessuale;
  • lesioni della ghiandola mammaria.

La presenza di uno dei suddetti articoli non significa che una donna contrarrà il cancro. La probabilità di sviluppare un tumore aumenta con una combinazione di diversi fattori.

Come riconoscere un tumore in 3 fasi

Il cancro in questa fase è difficile da perdere. Succede che il primo e il secondo grado sono asintomatici e solo il terzo dà manifestazioni cliniche. Pertanto, l'autoesame è di grande importanza nella diagnosi.

Sintomi caratteristici del carcinoma mammario in stadio 3:

  • l'aspetto di noduli con bordi irregolari, strettamente fusi con tessuti o pelle;
  • cambiamento nelle dimensioni, forma, colore della pelle della ghiandola;
  • retrazione della pelle o del capezzolo sopra la formazione;
  • la formazione di un ispessimento della pelle sul tumore sotto forma di "buccia di limone";
  • l'aspetto di scarico dai capezzoli: trasparente, nuvoloso, sanguinante, biancastro. Se non c'è gravidanza e allattamento, questo sintomo è una ragione per l'esame obbligatorio;
  • una sensazione di dolore al petto e una violazione della mobilità del seno. Queste sono manifestazioni del fatto che il tumore cresce nei tessuti nella direzione della parete toracica anteriore;
  • linfonodi ingrossati e doloranti dell'ascella. Sono saldati tra loro, sondati sotto forma di un cono o una sfera irregolari. La pelle sopra di essi è a volte infiammata e gonfia..

I segni sistemici nella terza fase del carcinoma mammario non sono specifici, cioè possono essere una manifestazione di altre malattie. Ulteriori sintomi includono:

  • aumento della temperatura;
  • debolezza, affaticamento;
  • perdita di peso;
  • scarso appetito.

Il sintomo di "scorza di limone" si verifica a causa del gonfiore dei tessuti sul tumore

Diagnostica

Esistono diversi metodi per diagnosticare un tumore al seno:

  • ispezione, palpazione. Il medico valuta esternamente le ghiandole mammarie: la loro forma, se sono simmetriche, se ci sono sintomi di "scorza di limone", "ombelicale", un cambiamento nel colore della pelle, la presenza di tubercoli e si ritrae sul petto;
  • Esame a raggi X delle ghiandole mammarie - mammografia. In Russia, tutte le donne di età superiore ai 40 anni. Rileva tumori da 2 cm e oltre. Un segno indiretto di malignità nelle immagini è una grande quantità di calcificazioni nel tessuto ghiandolare. Lo svantaggio di questo metodo è che la radiazione a raggi X è dannosa (è un mutageno);

Mammografia: esame a raggi X della ghiandola che consente di determinare i limiti esatti del tumore

  • tomografia computerizzata delle ghiandole mammarie. Il metodo si basa sulla radiazione a raggi X. I raggi vengono inviati all'organo da diverse angolazioni, per cui è possibile vedere il cancro nella fase iniziale senza sovrapporre l'immagine, come con una semplice mammografia. Il medico può valutare se il tumore è operabile, se cresce nel tessuto;

La TC delle ghiandole mammarie viene eseguita dopo il rilevamento del cancro per chiarire la diagnosi e non viene utilizzata ripetutamente a causa del rischio di tumori dovuti alle radiazioni

  • La mammografia RM è un metodo di esame più costoso. Ti consente di vedere l'organo nella misurazione 3D, di studiare il metabolismo nei tessuti delle ghiandole mammarie, ma non è in grado di rilevare calcificazioni. A differenza della tomografia computerizzata, il metodo si basa sull'uso di onde radio che formano un potente campo magnetico. Pertanto, è considerato sicuro e può essere utilizzato un numero illimitato di volte;

Risonanza magnetica: la mammografia viene eseguita per circa 40 minuti, ma come per la TC, il paziente può avere paura di spazi confinati, quindi nell'installazione del dispositivo viene fornito un pulsante di allarme speciale

  • ductografia: l'introduzione di un mezzo di contrasto nei dotti lattici, seguita dalla mammografia. Utilizzato in caso di dimissione dal seno, con sospetto cancro intraduttale. Permette di identificare tumori, cisti (maligne e benigne), papilloma intraduttale;

L'immagine mostra una rottura nel contrasto del dotto lattiginoso - un segno radiologico caratteristico del cancro intraduttale

  • L'ecografia delle ghiandole mammarie è un metodo semplice, ma piuttosto informativo. Ti permette di vedere cisti e formazioni dense. Il metodo può essere utilizzato ripetutamente senza danni al corpo (ad esempio, per controllare la dinamica della crescita di un tumore o una cisti), nonché sotto il controllo di un'ecografia, vengono eseguite quasi tutte le biopsie dei tessuti modificati;

L'esame ecografico consente di identificare sigilli patologici e determinarne la struttura

  • esame citologico. Un pezzo di tessuto ghiandolare ottenuto mediante biopsia viene esaminato al microscopio. L'accuratezza del metodo è dell'80–96%. È necessario per la differenziazione delle neoplasie benigne e maligne, nonché per determinare il grado di malignità del cancro.

Diagnosi differenziale

Esistono numerose neoplasie benigne nelle ghiandole mammarie, dalle quali il carcinoma mammario deve essere differenziato. In ogni caso, la diagnosi finale può essere fatta usando una biopsia dell'educazione e il suo esame istologico..

  • mastopatia fibrotica. I fuochi si trovano simmetricamente in entrambe le ghiandole, al tatto sono densi, con contorni lisci, mobili. Sensazione di dolore, specialmente durante le mestruazioni;
  • lipogranuloma. Si verifica immediatamente o poco dopo una lesione al torace. Ha anche una consistenza densa e bordi lisci, pur sentendoti meno doloroso. La pelle sopra di essa acquisisce una tinta bluastra. Non c'è relazione con le mestruazioni;
  • galattoceli. Questa è una cisti nella ghiandola mammaria piena di latte. Sensazione di dolore, ma in assenza di trattamento, il dolore si verifica anche quando si toccano i vestiti. I sintomi sono caratterizzati da un aumento di 3-5 giorni prima dell'inizio delle mestruazioni. Di solito può comparire in una madre che allatta o non oltre 10 mesi dopo l'interruzione dell'allattamento al seno;

A causa del fatto che il latte con cui viene riempita la cisti diventa viscoso nel tempo, il galattocele viene anche chiamato cavità simile a un formaggio.

  • mastite acuta. Ci sono difficoltà nel differenziarsi da un tumore maligno, poiché la malattia ha molti sintomi simili con il cancro simile alla mastite. C'è un aumento della temperatura, dolore, arrossamento e gonfiore della ghiandola, un aumento del suo volume. La differenza tra il cancro simile alla mastite nello sviluppo graduale dei sintomi, un aumento della temperatura a numeri bassi e anche in assenza di miglioramenti dal trattamento anti-infiammatorio.

Nozioni di base sul trattamento

Sfortunatamente, senza l'intervento chirurgico nella terza fase, esiste una vera minaccia alla vita di una donna. Esistono due opzioni di trattamento:

  • massiccio attacco di cancro da parte di farmaci chimici e ormonali. Se il tumore si restringe o almeno smette di crescere, sarà necessario un intervento chirurgico;
  • mastectomia radicale palliativa per un ascesso.

Dopo l'intervento chirurgico, è indicato l'uso obbligatorio della chemioterapia o della radioterapia..

Nella maggior parte dei casi, il trattamento del carcinoma mammario di grado 3 viene effettuato individualmente, a seconda dello stato del corpo della donna e dello stadio del cancro.

Chemioterapia

I farmaci con il nome generale citostatici uccidono le cellule tumorali e ne impediscono l'ulteriore riproduzione. Questi medicinali sono molto tossici. Applicare nei seguenti casi:

  • prima dell'intervento chirurgico per ridurre le dimensioni del tumore, interrompere la sua crescita, distruggere piccole metastasi;
  • dopo l'intervento chirurgico per distruggere le restanti cellule tumorali;
  • invece di un intervento chirurgico. Ci sono casi inoperabili in cui è prescritta solo la chemioterapia per migliorare leggermente la qualità della vita del paziente.

Terapia ormonale

Il 60–70% delle cellule del carcinoma mammario cresce più rapidamente sotto l'influenza degli ormoni sessuali femminili estrogeno e progesterone. Pertanto, la terapia ormonale viene utilizzata abbastanza attivamente. Inoltre, riduce la probabilità di recidiva del tumore e, in un caso inoperabile, in combinazione con la chemioterapia, può ridurre la sua crescita.

I principali metodi di trattamento ormonale:

  • farmaci antiestrogeni (Tamoxifene, Tazlodex);
  • agenti per la "castrazione della droga" (Buserelin);
  • farmaci che sopprimono l'enzima aromatasi (Femara, Examestan);
  • gestagens (megestrol);
  • farmaci androgeni - ormoni sessuali maschili, la cui introduzione inibisce anche la produzione di estrogeni.

Come opzione radicale, viene utilizzata la rimozione delle ovaie..

Trattamento chirurgico (mastectomia)

È il trattamento principale per il carcinoma mammario in stadio 3. È integrato da metodi di radioterapia e terapia farmacologica.

Tipi di intervento chirurgico:

  • mastectomia radicale: la ghiandola mammaria viene rimossa insieme al tessuto adiposo sottocutaneo, ai linfonodi della ghiandola e dell'ascella, nonché, in alcuni casi, alla pettorale maggiore e minore;
  • resezione radicale: viene rimossa parte della ghiandola con tessuto sottocutaneo e linfonodi. Radiazione di follow-up o chemioterapia richiesta.

La rimozione dell'intera ghiandola mammaria e dei linfonodi sotto l'ascella provoca cicatrici evidenti

La rimozione parziale del seno o del tumore stesso è inaccettabile, poiché la probabilità di recidiva aumenta più volte.

Prima inizia il processo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico, prima verrà ripristinata la mobilità della mano e la salute migliorerà. Il sostegno di parenti e amici è molto importante per i pazienti, poiché la rimozione del seno è solo il primo passo nella lotta contro il cancro.

Lo specialista mostrerà una serie di esercizi per ripristinare la mobilità della mano. Devono iniziare a essere fatti gradualmente, aumentando il carico. Quando la cicatrice postoperatoria guarisce, puoi iniziare l'allenamento in piscina.

Accettare la perdita di organi non è facile, quindi sarà utile avere uno psicologo che ti aiuterà a prepararti per la fase successiva: la chirurgia plastica al seno.

Prevenzione linfostasi

Se c'è un danno ai linfonodi della regione ascellare, è possibile lo sviluppo del gonfiore della mano. Questa è una manifestazione di linfostasi - che blocca il deflusso della linfa dall'arto superiore.

Il braccio dal lato della ghiandola mammaria rimossa può aumentare di volume di 3-4 volte

Questo è un punto molto importante, poiché il gonfiore del braccio può apparire diversi anni dopo l'operazione. Questo non sta accadendo per tutte le donne, ma tutti dovrebbero saperlo e agire in tempo.

Ci sono gruppi speciali per il recupero dopo la mastectomia, sono anche coinvolti nella prevenzione dell'edema. Prima di tutto, è un complesso di esercizi fisici..

Se l'edema è già apparso, utilizzare una benda elastica. Alcuni centri di riabilitazione forniscono idroterapia e servizi di drenaggio linfatico hardware. Queste sono procedure abbastanza efficaci che riducono l'edema e la gravità del dolore, perché il gonfiore porta alla compressione delle terminazioni nervose e al dolore.

Altra fisioterapia: magnetoterapia, ozono terapia, impacco curativo e massaggio hanno anche un effetto benefico sulle condizioni fisiche delle donne dopo la mastectomia.

Video: esercizi per la prevenzione della linfostasi

Radioterapia

Per il carcinoma mammario in stadio 3, la radioterapia viene utilizzata prima e dopo l'intervento chirurgico. La ghiandola mammaria, i linfonodi ascellari, sopra e succlavi sono irradiati con radiazioni ionizzanti. Di norma, i pazienti vengono sottoposti a 30–40 sedute per 1–1,5 mesi.

Se ci sono metastasi ossee, le radiazioni vengono eseguite per ridurre il dolore, di solito non fermato dai farmaci.

La radioterapia indipendente viene eseguita in diversi casi:

  • quando il tumore non può essere operato;
  • se ci sono controindicazioni all'intervento chirurgico;
  • se il paziente rifiuta l'intervento chirurgico.

Possibili complicanze della radioterapia:

  • dolore cronico nei muscoli delle mani e delle mani a causa della degenerazione delle fibre nervose;
  • polmonite da radiazioni - polmonite, di solito si verifica 3-9 mesi dopo l'esposizione;
  • dermatite da radiazioni - edema, arrossamento, prurito, pelle secca nel sito di esposizione. Appare in 20-30 giorni. L'opzione peggiore è l'insorgenza di ulcere da radiazioni che devono essere trattate chirurgicamente.

Terapia mirata

Questo è uno degli ultimi trattamenti contro il cancro. I farmaci mirati colpiscono solo le cellule tumorali, con effetti collaterali minimi o nulli. Con il loro aiuto, puoi ridurre l'esposizione alle radiazioni e la dose di chemioterapia.

I principali meccanismi d'azione dei farmaci mirati sono la crescita microvascolare compromessa nel tessuto di un tumore maligno e la soppressione della sintesi di sostanze necessarie per la crescita e lo sviluppo del tumore.

Di recente, i farmaci mirati sono considerati i più efficaci per il carcinoma mammario in stadio 3:

Se usato in combinazione con la chemioterapia, il rischio di recidiva viene dimezzato.

Nutrizione appropriata

  • mangiare 5-6 volte al giorno in piccole porzioni;
  • bere acqua pura almeno 2 litri al giorno;
  • limitare l'assunzione di alimenti a base di carboidrati a 30-40 g / giorno. Il miele è preferito se non c'è allergia;
  • l'uso di proteine ​​in una quantità di 80 g / die sotto forma di carne di maiale magra, vitello, pesce di mare, ricotta e uova;
  • l'inclusione nella dieta di frutta e verdura, in particolare rosso e giallo, possono essere consumate senza restrizioni, poiché contengono bioflavonoidi che ripristinano le membrane cellulari, nonché fibre e pectine, necessarie per la normale funzione dell'apparato digerente;
  • aggiungendo alla dieta alghe, albicocche secche e uvetta, cereali, noci - riempiranno il corpo di utili oligoelementi;
  • l'uso di acqua minerale senza gas. "Truskavetskaya" è raccomandato per le persone con maggiore secrezione, "Mirgorodskaya" con ridotta.
  • carne grassa, brodi;
  • piatti fritti e affumicati;
  • latticini grassi;
  • pepe piccante;
  • succo in sacchetti;
  • prodotti con conservanti, OGM e aromi;
  • alcol;
  • pasticceria fresca;
  • funghi;
  • cetrioli sottaceto, cavoli;
  • piatti salati;
  • cioccolato e caffè.

Tabella: prodotti per la prevenzione dell'oncologia

Pesce di mareIl pesce dell'oceano rosso ha vitamine, aminoacidi essenziali, quasi tutti i macro e microelementi necessari, nonché acidi grassi unici che aiutano a rafforzare i vasi sanguigni, migliorare il sistema immunitario e combattere la depressione. Le specie più utili in termini di presenza di acidi grassi Omega-3 e Omega-6 sono considerate salmone.
aglio
Aiuta a combattere le cellule tumorali, rallenta la loro crescita e limita il flusso di sangue al tumore. Prima di aggiungere ai piatti, l'aglio deve essere tritato e lasciato per 10 minuti.Tè verdeContiene la componente L-tianina, che inibisce la crescita delle cellule tumorali, ha un potente effetto antiossidante.CruscaL'uso della crusca riduce il livello di estrogeni prodotti nel corpo.Oli vegetaliQueste sono sempre fonti di vitamine e oligoelementi che rallentano la crescita dei tumori. Gli oli di oliva, semi di lino e mais sono particolarmente preziosi..Succo di pomodoroGrazie al licopene, che determina il colore rosso dei pomodori, il succo ha proprietà antiossidanti e rallenta la crescita delle cellule tumorali..vino rossoSecondo alcuni rapporti, il vino rosso può distruggere le cellule tumorali dall'interno. Indispensabile per la chemioterapia e la radioterapia a causa delle elevate proprietà antiossidanti.

Galleria fotografica: prodotti utili e necessari

Prognosi del trattamento

Sfortunatamente, il recupero completo in questa fase del cancro non è possibile..

La sopravvivenza a cinque anni con carcinoma mammario a 3 stadi dopo il trattamento è, secondo diversi esperti, dal 10 al 50%. Una diffusione così ampia dipende da:

  • la sensibilità del tumore alla terapia farmacologica in corso;
  • aggressività della neoplasia (la capacità di dare metastasi, crescere rapidamente, ecc.);
  • età della donna;
  • la presenza di malattie concomitanti;
  • ecologia.

La sopravvivenza a dieci anni è già dallo 0 al 30%. Inoltre, nel caso del tumore invasivo, ancora meno - 0-10%.

Tutte le forme speciali di cancro (infiammatorie, papillari, triple negative, ecc.) Sono generalmente meno curabili..

La combinazione di questi fattori influenza la durata e la qualità della vita di una donna. Quindi, con un trattamento tempestivo e completo dello stadio 3A del carcinoma mammario, è possibile prolungare la vita di una donna di 10 anni nel 65-75% dei casi, lo stadio 3B nel 10-40% dei casi e il 3C solo nel 10%.

Complicanze e conseguenze

Un tumore non porta sempre alla morte. Se un terzo grado di carcinoma mammario viene rilevato in tempo, l'aspettativa di vita può essere significativamente aumentata..

Tabella: Gli effetti del carcinoma mammario con e senza trattamento

  • La neoplasia aumenta di dimensioni, si stringe o cresce nei tessuti vicini;
  • il tumore si infiamma e sanguina;
  • si verificano metastasi (nei linfonodi, fegato, polmoni, ossa, cervello).
  • Infiammazione e dolore postoperatorio della ferita;
  • deflusso prolungato di linfa da una ferita postoperatoria;
  • gonfiore del braccio;
  • ridotta mobilità dell'articolazione della spalla.
Le conseguenze del cancro senza trattamento
Complicanze dopo il trattamento chirurgico
Effetti collaterali di radiazioni e chemioterapia
  • Nausea;
  • la perdita di capelli;
  • debolezza significativa e malessere generale.

Misure preventive

Per rilevare la malattia in una fase precoce, ogni donna deve sondare autonomamente le ghiandole mammarie almeno 1 volta al mese. Inoltre, è necessario seguire alcune regole:

  • dare alla luce il primo bambino di età inferiore ai 30 anni, allattare al seno per almeno sei mesi, rifiutare l'aborto;
  • visitare regolarmente uno specialista per rilevare mastopatia, cisti al seno;
  • condurre l'autoesame: mensilmente, dopo le mestruazioni, sondare le ghiandole mammarie e le ascelle per le foche. In caso di sospetti, contattare uno specialista;
  • La mammografia deve essere eseguita una volta all'anno dopo 40 anni;
  • proteggere il torace dalla luce solare diretta;
  • Non indossare un reggiseno fortemente stretto, camminare per diverse ore al giorno senza di esso;
  • smettere di fumare, abuso di alcolici;
  • aderire a una dieta sana con un contenuto limitato di grassi animali, esercitare regolarmente;
  • evitare situazioni stressanti.

Il carcinoma mammario di grado 3 è una malattia grave. Il penultimo stadio ha manifestazioni da vari organi e sistemi del corpo, molto spesso si verificano metastasi. Prima sarà possibile identificare la malattia, più efficace sarà il trattamento - questa è un'opportunità per migliorare la qualità della vita ed estenderla per una dozzina di anni. È necessario essere attenti a se stessi, osservare le misure preventive e cercare tempestivamente assistenza medica qualificata.